Campionato diritti TV: Codici ha presentato una segnalazione all’Antitrust

Scritto da DailyFocus il . Pubblicato in Sport, TV

Codici: ad andarci di mezzo è sempre il consumatore, presentata segnalazione all’Antitrust

diritti-tv-campionato-serie-a-tim

Codici ha presentato una segnalazione all’Antitrust per segnalare il messaggio pubblicitario potenzialmente ingannevole di cui è autrice la società Sky Italia S.r.l

La società infatti, pubblicizza nel proprio sito internet, una proposta di abbonamento della durata di due anni, grazie alla quale gli abbonati potrebbero assistere, a prezzi vantaggiosissimi, a tutte le partite della Serie A TIM, nonché della Serie B TIM.

Sennonché, come è noto, ad essersi aggiudicata i diritti audiovisivi del Campionato di Serie A TIM, non è stata Sky Italia, bensì altra Società, ovverosia Mediapro Italia S.r.l.

Tali “Diritti” sono attualmente oggetto della procedura competitiva avviata da Mediapro Italia S.r.l con la pubblicazione dell’Invito per Operatori della Comunicazione lo scorso 6 aprile 2018.

Il messaggio pubblicitario di Sky sembra essere, pertanto, palesemente ingannevole, in quanto idoneo ad indurre i consumatori a ritenere gli stessi già stati acquisiti da Sky, mentre la procedura di assegnazione dei diritti in questione è appena iniziata, quindi Sky millanta di avere già in tasca qualcosa che ancora non possiede.

Codici non ha potuto far altro che segnalare all’Antitrust, per evitare che come al solito ci vada di mezzo il consumatore.

FONTEspazioconsumatori.tv

Presidenza Apt Emilia Romagna: Il Gal L’altra Romagna sostiene la candidatura di Davide Cassani

Scritto da Gal L Altra Romagna il . Pubblicato in Politica, Sport, Turismo

Il Gal L’Altra Romagna, nella persona del Presidente Bruno Biserni, sostiene la candidatura avanzata dalla Regione Emilia Romagna per la nuova presidenza di Apt Emilia Romagna, l’Azienda di promozione del turismo regionale, il cui rinnovo degli organismi e delle cariche societarie è previsto per il prossimo 8 maggio 2018.

Davide Cassani rappresenta il candidato ideale per la successione di Liviana Zanetti, presidente uscente a cui vanno i più sentiti ringraziamenti professionali e personali per l’impegno profuso e gli obiettivi raggiunti in questi anni.

Nato a Faenza, ex ciclista professionista (vincitore, tra le altre cose, di 2 tappe del Giro d’Italia), noto e apprezzato commentatore televisivo delle gare ciclistiche per Rai Sport, Davide Cassani attualmente ricopre importanti ruoli dirigenziali in ambito sportivo, in quanto dal 2014 è Commissario tecnico della nazionale italiana maschile di ciclismo su strada e coordinatore di tutte le squadre nazionali.

La sua figura è strategica per trascinare la Regione Emilia Romagna (è proprio il caso di dirlo) verso nuovi traguardi, ancora da tagliare e perseguire, grazie a doti, capacità e competenze maturate durante la carriera dirigenziale e dimostrate in sedici anni di competizioni, nei grandi Giri e nelle classiche così come nei circuiti meno noti.

A Davide Cassani vanno riconosciuti i meriti per il ritorno del Giro d’Italia Under 23 in Emilia-Romagna l’anno scorso, nel giugno 2017, quando qui si disputarono tre tappe, con la regione protagonista della 40esima edizione insieme a Marche e Abruzzo, per un tracciato che volle essere anche un segno di vicinanza e solidarietà ai territori colpiti negli ultimi anni da drammatici terremoti.

Inoltre, molto conosciuta e frequentata è la Gran Fondo da lui organizzata che porta il suo nome che si svolge nel suo paese natale Faenza, che è considerata a tutti gli effetti,  la classicissima d’apertura della stagione del ciclismo amatoriale, giunta quest’anno alla 24esima edizione e con una grande attenzione al ciclismo giovanile finalizzata anche alla diffusione di una buona educazione alla salute e alla sicurezza sulla strada.

“L’individuazione di Davide Cassani come nuovo Presidente di Apt Servizi, avanzata dal Presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini e dall’assessore regionale al turismo Andrea Corsini è la giusta investitura- afferma il Presidente Bruno Biserni – e la giusta scelta.

“Davide Cassani possiede requisiti professionali e umani straordinari”

“La sua candidatura è una scelta “fuori dagli schemi”, che porta con sé allo stesso tempo un bagaglio di innovazione, visione, tenacia, carisma, competenza, passione, elementi indispensabili non solo per confermare quanto di buono Apt Emilia Romagna stia già facendo nel comparto turistico, ma rafforzarne ulteriormente il trend positivo”

“In quanto Presidente del Gruppo di Azione Locale dell’Appennino romagnolo, ritengo che la figura e il curriculum di Davide Cassani centralizzerebbero l’attenzione sulle tematiche legate allo sviluppo turistico e sportivo peculiari delle aree rurali gestite all’interno del Piano di Sviluppo Rurale della Regione Emilia Romagna”.

“Il nostro Appennino –prosegue Biserni – è caratterizzato da un movimento sempre più crescente di attività legate all’escursionismo, cicloturismo, al turismo sostenibile che vanno senza dubbio valorizzate e amplificate rappresentando un traino collaterale ma di forte valenza per la promozione turistica dell’intero territorio.

“ Mi auguro che il prossimo 8 maggio 2018, giorno del rinnovo organi e cariche di Apt– conclude Biserni – la candidatura di Davide Cassani divenga ufficialmente elezione, riconoscendo che tale elezione costituirebbe un fortissimo elemento propulsore di promozione e sviluppo del comparto turistico del nostro Appennino, della nostra Regione, della nostra terra”.

L’ufficio stampa

GAL L’ALTRA ROMAGNA

Verona Women: l’impegno di Antonio Franchi per il Club

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Aziende, Calcio

Da Verona Calcio Femminile a Verona Women: dietro il rinnovamento del club di calcio femminile c’è Antonio Franchi , Vicepresidente e Consigliere Delegato del club dall’estate 2017.

Antonio Franchi

Antonio Franchi: il rebranding del Verona Calcio Femminile, oggi Verona Women

È il club di calcio femminile più titolato d’Italia il Verona Women e merita un’immagine degna del suo prestigio. Ne è convinto Antonio Franchi, dall’estate 2017 Vicepresidente e Consigliere Delegato della società. Forte di questa consapevolezza, il manager ha promosso un’operazione totale di rinnovamento che nei mesi scorsi ha riguardato non solo il brand ma anche le strutture dell’AGSM Olivieri Stadium, dove il team si allena e gioca. Già vincitore di 5 Scudetti Nazionali, 3 Coppe Italia, 4 Coppe delle Coppe e protagonista di una Semifinale di Champions League, l’ex Verona Calcio Femminile è ora conosciuto come Verona Women. Ad accompagnare la ridefinizione del nome e del logo anche il restyling del sito e di tutti i canali di comunicazione del club, modernizzati nella forma e nei contenuti: il portale dedicato al team, ad esempio, è stato ridisegnato e reso ulteriormente “a misura di tifoso” grazie anche all’introduzione di una nuova area per l’e-commerce. In questa prospettiva è stato riprogettato anche il profilo Youtube del Verona Women: l’obiettivo è informare in modo sempre più preciso e puntuale i tifosi documentando in diretta allenamenti, partite e iniziative che coinvolgono le calciatrici per continuare a scrivere in questo modo la già importante storia del team, come ha confermato Antonio Franchi.

Antonio Franchi: i lavori di ammodernamento dell’AGSM Olivieri Stadium

Con l’inaugurazione del nuovo spogliatoio della prima squadra, lo scorso 12 marzo ha segnato un’ulteriore tappa nel percorso generale di rinnovamento intrapreso dal Verona Women. Al taglio del nastro, oltre al Vicepresidente e Consigliere Delegato Antonio Franchi, erano presenti le autorità locali e importanti personaggi del settore, dalla FIGC alla INFRONT. Il manager ha definito “avveniristica e davvero spettacolare” la nuova dressing-room: basti pensare che la porta è ad apertura biometrica, con impronta digitale, mentre all’interno l’arredo in boiserie in rovere impreziosisce le venti postazioni personalizzate coi grandi numeri in acciaio delle maglie delle atlete. L’illuminazione è a led giallo e blu, i colori della squadra, gli armadietti sono dotati di casseforti e prese USB, ci sono doppi frigoriferi: alla parete l’immagine del team. Come ha sottolineato il Vicepresidente, lo spogliatoio è stato dedicato a Mister Longega. Ma l’AGSM Olivieri Stadium è stato interessato anche da altri interventi che hanno interessato l’area living e gli uffici: sono state create la zona hospitality con vista sul campo, arredata lussuosamente e impreziosita dal maxi-schermo per la proiezione e l’intrattenimento, la media-room e la press-meeting room. L’idea era di renderlo ulteriormente “a misura di calciatrice”: lo “impone”, secondo Antonio Franchi, l’imponente crescita di tutto il movimento del calcio femminile a livello nazionale.Altrettanto importanti gli spogliatori, che come ha ricordato il professionista sono tra i più belli d’Europa, anche in riferimento a quelli dei grandi club di calcio maschili.

Pedalare in Valmarecchia: la ciclabile che collega Rimini a Novafeltria

Scritto da valerio il . Pubblicato in Ciclismo, Turismo

La bicicletta può essere uno strumento per vivere con intensità le bellezze di un territorio sconosciuto e regalare alla propria vacanza un giornata a stretto contatto con la natura e la storia. In Romagna questa possibilità è concreta e da prendere in considerazione; alle spalle del litorale più famoso d’Italia, si estende un territorio ricco di fascino e di bellezza. Stiamo parlando della Valmarecchia e della possibilità di scoprirla attraverso un piacevole giro in mountain bike. Dal ponte di Tiberio (località Rimini) ha inizio una pista ciclabile che in un graduale mutamento di vegetazione e paesaggi conduce fino a Novafeltria attraversando splendidi borghi medievali come Santarcangelo di Romagna, Villa Verucchio, Torriana, Montebello, Pietracuta e Talamello.

Si tratta di un percorso che non presenta particolari difficoltà, accessibile a chiunque non si rifiuti di pedalare per la modesta distanza di 37 km. L’unica accortezza da prendere riguarda l’utilizzo di una mountain bike, a causa della superficie ghiaiosa che interessa tutta il tragitto, e ovviamente una piccola scorta di bevande e di cibo per non rimanere a secco di energie. Ma adesso conosciamo meglio il percorso che da Rimini conduce a Novafeltria.

Il primo tratto, il più turistico, si snoda dal Ponte di Tiberio fino a Villa Verucchio. Si tratta di 15 km lungo i quali le acque del fiume scorrono lente e con regolarità. Inoltre, man mano che ci si allontana dalla costa il paesaggio si fa più rurale, la vegetazione si infittisce ed in alcuni punti il fiume crea piccoli e suggestivi canyon. Chi decide di concludere la propria escursione può approfittarne per rinfocillarsi con un gustoso e abbondante pranzo in uno delle tante osterie che si trovano a Villa Verucchio.

Invece, per chi non volesse fermarsi la ciclabile prosegue per altri 22 km incontrando frequenti salite e tratti più insidiosi. Ma la fatica è davvero relativa se confrontata con le bellezze del paesaggio circostante: vedute e scorci memorabili come le torri di Toriana abbarbicate su uno sperone di roccia che si affaccia direttamente sul litorale.

La ciclabile della ValMarecchia è percorribile tutto l’anno, anche se il periodo più ottimale, sia in termine di sicurezza che di godibilità, è quello primaverile-estivo.

L’Hotel Columbia(www.hcolumbia.com) ed il Villa Saba Hotel(www.villasaba.it) sono due ottime strutture alberghiere a poca distanza da Rimini. Il personale dell’albergo potrà fornire indicazioni e consigli per organizzare al meglio un escursione lungo la ciclabile. Per maggiori informazioni su entrambi gli hotel visitate il sito www.hotelfamily.it

5 aprile 2018 “Il rumore della vittoria” proiezione film di Ilaria Galbusera e Antonino Guzzardi

Scritto da Muni CYTRON il . Pubblicato in Cultura, Film, Società, Sport

il giovedì… DOCUDÌ cinema documentario al museo Colonna sino al 10 maggio 2018

Giovedì 5 aprile 2018, ore 18.00
Il rumore della vittoria di Ilaria Galbusera, Antonino Guzzardi

Alla proiezione interverranno Claudio Boccacci, atleta sordo che è uno dei protagonisti del documentario, Federica Bruni, abruzzese, componente la Nazionale volley sorde di pallavolo – recente vincitrice della medaglia argento alle deaflympics 2017 – e con lei il padre, Rocco Bruni, nuovo allenatore nazionale under 21 volley sordi.
Al termine, dibattito con la partecipazione di Massimiliano Di Liborio, Psicologo dello Sport

Sarà garantito il servizio di interpretazione italiano-lingua dei segni italiana (LIS)

Il rumore della vittoria: sei azzurri raccontano la loro sordità
Il rumore della vittoria è un documentario che nasce da un’idea di Ilaria Galbusera e Antonino Guzzardi, due giovani ragazzi sordi appassionati di sport e arti visive.
Un viaggio attraverso l’Italia, durato più di due anni, seguendo il percorso umano e sportivo di sei giovani atleti sordi che indossano la maglia azzurra.

Alice, Anna, Claudio, Loris, Mauro e Pasquale raccontano le loro vite spesso segnate da pregiudizi e stereotipi legati alla loro disabilità e di come si ritrovano ad essere invisibili in una società che viaggia di corsa e non presta loro la giusta attenzione. I ragazzi davanti alla cinepresa raccontano di come lo sport ha permesso loro di superare queste barriere e degli enormi sacrifici fatti per arrivare a indossare la maglia azzurra, l’ambizione più grande per ogni atleta italiano, accomunati dal desiderio di rivalsa contro la convinzione comune che non ce l’avrebbero mai potuta fare.

Il film è stato realizzato con la partecipazione di Augustea S.P.A. / Pio Istituto dei Sordi
con la collaborazione di G.S. ENS Varese ASD e con il patrocinio della F.S.S.I. – Federazione Sport Sordi Italia

L’Assessorato alla Cultura del comune di Pescara e l’associazione A.C.M.A. (Associazione Cinematografica Multimediale Abruzzese), vi invitano giovedì 5 aprile all’ottavo appuntamento della rassegna “il giovedì… DOCUDÌ cinema documentario al museo Colonna” alle ore 18.00 presso il museo d’arte moderna Vittoria Colonna in via Gramsci 1 a Pescara, alla proiezione di ”Il rumore della vittoria” di Ilaria Galbusera e Antonino Guzzardi

INFO, sinossi, schede, trailer alla pagina http://www.webacma.it/docudi-2017 e sulla pagina Facebook http://www.facebook.com/AssociazioneACMA

Evento su Fb https://www.facebook.com/events/180237115938727/

La proiezione è inserita nella rassegna “il giovedì… DOCUDÌ cinema documentario al museo Colonna”
28 dicembre 2017 – 10 maggio 2018 presso il Museo d’arte moderna Colonna in via Gramsci a Pescara
Rassegna in svolgimento a Pescara sino al 10 maggio 2018 che offre la possibilità di avere presenti in sala registi e autori delle opere. Le proiezioni sono gratuite e aperte al pubblico.
I documentari sono stati selezionati tenendo conto non solo del tema affrontato ma anche delle loro caratteristiche strettamente cinematografiche. Sono state scelte opere di qualità, rivolgendo un’attenzione particolare di volta in volta alle tematiche diverse che spaziano dall’arte al sociale, dalle problematiche ambientali alla multicultura, al documentario d’inchiesta.

Prossimi appuntamenti della rassegna:
– 19 aprile 2018 ore 18.00 THE HARVEST – IL RACCOLTO di Andrea Paco Mariani sarà presente il regista
– 10 maggio 2018 ore 18.00 LET’S GO di Antonietta De Lillo sarà presente l’autore-protagonista Luca Musella

INFO http://www.webacma.it/docudi-2017 / Facebook http://www.facebook.com/AssociazioneACMA
_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

Sito ufficiale del film https://www.facebook.com/ilrumoredellavittoria/
Trailer https://www.youtube.com/watch?v=rQuo8fTqTkY
Press-book http://www.webacma.it/wp-content/uploads/2017/03/PressBook_Ilrumoredellavittoria.pdf
Evento su Fb https://www.facebook.com/events/180237115938727
Locandina http://www.webacma.it/wp-content/uploads/2017/03/Il-rumore-della-vittoria_2018_04_05.jpg
Manifesto http://www.webacma.it/wp-content/uploads/2017/03/Manifesto-il-rumore-della-vittoria-a-Pescara.jpg
Banner http://www.webacma.it/wp-content/uploads/2017/03/solo-per-News.jpg
Comunicato stampa http://www.webacma.it/wp-content/uploads/2017/03/2018_03_27_ComStampa_docudì_8.pdf
News su sito web webacma.it http://www.webacma.it/il-rumore-della-vittoria-giovedi-5-aprile-2018/
Da www.cinemaitaliano.info scheda film https://www.cinemaitaliano.info/ilrumoredellavittoria

Intervista a Ilaria Galbusera e Antonino Guzzardi https://www.youtube.com/watch?v=Vosy1nSjyOo

ACMA –
Associazione Cinematografica Multimediale Abruzzese
Via Firenze 99 – 65122 Pescara
Telefono: +39 085 4210031
email: info@webacma.it
ACMA in internet: www.webacma.it
ACMA su Facebook: www.facebook.com/AssociazioneACMA

Il kayak appassiona gli italiani ma come praticarlo in sicurezza?

Scritto da ictadmin il . Pubblicato in Sport

In Italia si diffonde come un febbre la passione per il kayak. Questa disciplina sportiva, sempre stata di nicchia, negli ultimi anni si sta diffondendo a macchia d’olio sia a livello agonistico che amatoriale conquistando nuovi appassionati.

Sport, agonismo e immersione nella natura

Sempre più spesso il kayak viene usato da chi, di tanto in tanto, vuole staccare completamente la spina e ricaricare spirito e mente, immergendosi in ambienti bellissimi dominati dalla natura e dalla tranquillità, proprio questo è uno degli ingredienti principali che spingono ad avvicinarsi a questi disciplina: la comunione fra uomo e natura attraverso l’esplorazione di corsi d’acqua o tratti di mare.

Il kayak è uno sport davvero completo e adatto a ogni tipo di appassionato. Uomini, donne, bambini o anziani, gli unici requisiti indispensabili sono la buona salute e saper nuotare. Essendo uno sport a 360 gradi. Ovviamente è consigliabile iniziare rivolgendosi a una scuola così da imparare la corretta tecnica e non incorrere in problemi legati a strappi per una postura non corretta o a movimenti scorretti nella pagaiata.

Lo sforzo fisico richiesto è molto intenso per tutti i muscoli del tronco ma anche delle gambe, di conseguenza tutto il fisico è stimolato allo sviluppo di massa muscolare e all’irrobustimento delle ossa e, trattandosi di uno sport aerobico, cuore e sistema cardiocircolatorio traggono grandi benefici.

La disciplina sportiva del kayak però non è solo benefica per il corpo, ma anche per lo spirito: gli effetti positivi delle endorfine prodotte durante l’attività fisica vengono potenziati dal piacere del contatto diretto con luoghi naturali incontaminati.

Avvertenze per gli sportivi

Ovviamente, come tutte le attività sportive, il kayak non va preso sottogamba: bisogna avvicinarsi e praticare la disciplina con umiltà, rivolgendosi a chi ha maggiore esperienza.

L’attrezzatura deve essere sempre controllata e all’altezza del compito: infatti, in caso scegliate un percorso più rischioso come una discesa su un fiume con rocce e rapide, un’attrezzatura adeguata può salvarvi ed evitarvi una brutta avventura.

Un altro fattore da non trascurare è legato all’ambiente: come abbiamo già detto i percorsi per il kayak possono variare da una tranquilla navigazione su un lago ad un’emozionante discesa di un fiume o torrente, con rapide e ostacoli a scoglio o restringimenti del letto, ovviamente, in questo caso, consigliamo il cimento solo ad atleti estremamente preparati.

Infine, come ultimo accorgimento, non dimentichiamo mentre esploriamo specchi d’acqua con il nostro kayak bisogna sempre avere rispetto della natura che ci circonda, imparando a conoscerla e rispettarla senza sfidarla oltre alle proprie capacità e possibilità.

Differenze fra Kayak e Canoa

Parlando di sport viene spesso fatta confusione fra canoa e kayak. Pur avendo dei punti in comune, si tratta in effetti di discipline differenti: tra le due specialità variano innanzitutto la struttura dell’imbarcazione, la stessa pagaia e la posizione del canoista.

In kayak si sta seduti con le gambe su un poggiapiedi e le mani impugnano una pagaia a due palette, la pagaiata è alternata, nella canoa invece ci si trova in ginocchio e si rema da un solo lato con una pagaia a pala singola.

A Bellaria Igea Marina, un’estate all’insegna del beach volley

Scritto da valerio il . Pubblicato in Sport

Al Beky Bay Village di Bellaria Igea Marina in maggio cominciano i week end più esplosivi di inizio estate: giornate all’insegna del beach volley ma anche di tanta musica e divertimento.

Dal 18 al 20 maggio si terrà la 25° edizione del Kiklos San Volley che vedrà la partecipazione di 72 coppie maschili e 72 coppie femminili che si sfideranno nella formula del 2×2. Inoltre ci sarà anche l’XtraFriday, torneo a squadre miste 4×4, della durata di un solo giorno. E questo è soltanto l’inizio.

Dal 31 maggio al 3 giugno avrà luogo la 19° edizione del Kiklos San Volley che per questa volta si svilupperà in tre tornei: 2×2 mix, 3×3 m/f, e 4×4 mix.

Poi, tempo qualche giorno per riposare e rilassare i muscoli e si ricomincia di nuovo. Il 9 e 10 giugno, infatti, si terrà la 6° edizione della Kiklos Summer Cup, un torneo di beach volley giovanile che vedrà la partecipazione di categorie under 12 mista, under 13-16-19 maschile e femminile e accompagnatori.

Infine, per concludere degnamente l’estate e salutare definitivamente la spiaggia non può mancare l’evento di settembre (8°edizione del Kiklos San Volley) che si terrà dal 7 al 9 e comprenderà tre distinti tornei: 2×2 m/f, 3×3 m/f, e 4×4 mix.

Con questo ricco calendario di competizioni Bellaria Igea Marina si candida senza troppo imbarazzo, a ricoprire il ruolo di capitale italiana del beach volley. E non ci sono dubbi che durante tutti questi week end se ne vedranno delle belle, sia dentro che fuori dal campo.

Al termine di ogni giornata, infatti, sono previsti fantastici Happy Hour, emozionanti cene sotto le stelle e frizzanti party all night long. Che altro dire, giornate immerse nello sport, e notti bagnate dal divertimento!

A Bellaria Igea Marina sono tanti gli alberghi che si preparano ad ospitare squadre, atleti e amanti del beach volley più o meni giovani. Tra questi c’è anche l’Hotel Columbia, un tre stelle specializzato nell’accoglienza di giovani e famiglie, una struttura moderna e confortevole in grado di coccolare i propri ospiti dalla colazione alla cena con una sana e gustosa cucina mediterranea.

Per maggiori informazioni sugli eventi di beach volley che si terranno a Bellaria Igea Marina, visitate il sito www.sandvolley.it; mentre per conoscere nel dettaglio le offerte e i servizi dell’Hotel Columbia potere cliccare sul seguente link:www.hcolumbia.com

Nasce “Calcio Meravigliao – Il Processo del Martedì”

Scritto da Stefano Rizzo il . Pubblicato in Calcio, Sport, TV

Una nuova trasmissione calcistica nel segno della nostra tradizione

Vi ricordate Il Processo di Biscardi, in onda ogni lunedì? E Indietro Tutta! con Renzo Arbore e Nino Frassica che ha da poco compiuto 30 anni? Ora fate un mix tra questi format tv rivoluzionari che hanno in comune l’ironia e lo stravolgimento dei canoni precedenti.

Nel rispetto di chi ha scritto la storia del calcio e dello spettacolo nasce “Calcio meravigliao – Il Processo del Martedì”, trasmissione ideata e condotta da Erika Eramo, Direttore di Passione del Calcio. La giornalista sarà affiancata ogni puntata da Fabio Petruzzi, ex calciatore della Roma. Andrà in onda su Start 818 del digitale terrestre, visibile in tutto il Centro Italia e in streaming, ogni martedì dalle 21,00 alle 22,30 a partire dal 27 febbraio, con repliche durante tutta la settimana. I dibattiti col pubblico in studio verteranno sulla serie A, sulla Liga spagnola e sulle Coppe Europee.

Previsti collegamenti con ospiti importanti. Ad affiancare i due conduttori in studio martedì 27 febbraio sarà presente l’editore di Passione del calcio Stefano Rizzo.

Per info:

349.5319075 stampaesponsors@gmail.com

Palestra è utile l’attività cardio per la massa muscolare

Scritto da palestraempoli il . Pubblicato in Sport

Allenarsi in palestra per fare massa muscolare è una tipologia di allenamento che necessita di esercizi con i pesi da eseguire seguendo alcune regole.
Fino a pochi anni fa era consuetudine per chi si allenasse in palestra per fare massa muscolare di non fare alcun genere di attività cardio, questa regola aveva trovato fondamenti in alcuni studi effettuati in passato che confermavano un calo di forza muscolare in relazione ad allenamenti cardio costanti.
Oggi alcuni studi più recenti effettuati negli Stati Uniti, la patria del body building, hanno portato alla luce risultati diversi anche se non del tutto contraddittori rispetto al passato.
Le teorie emerse dagli studi più recenti sembra che una controllata e non intensiva attività cardio possa portare dei vantaggi anche per quanto riguarda l’aumento della massa muscolare.
I vantaggi di combinare allenamenti in palestra finalizzati alla massa muscolare con una leggera attività cardio possa stimolare il metabolismo che a sua volta porta ad un aumento della forza muscolare.
Combinare in palestra esercizi per la massa muscolare con attività cardio è un programma di allenamento che porta sicuri vantaggi anche alla salute, il muscolo è un cuore al pari di qualsiasi altro e l’allenamento cardio è utile a preservarlo in buone condizioni al pari degli altri muscoli del corpo.
Allenare il fisico con attività cardio aiuta ad ossigenare meglio il sangue e conseguentemente ad aver prestazioni migliori anche durante attività muscolari che prevedano l’utilizzo della forza, che saremo in grado di migliorare avendo un cuore più allenato.
Anche andare in palestra ad allenare i muscoli è un’abitudine che migliora la salute in quanto l’esecuzione di esercizi di forza miglioralo stato di salute non solo dei muscoli ma anche delle ossa che sono stimolate a rimanere forti e a non indebolirsi.

Gravina FIGC, dobbiamo lanciare una grande candidatura per Euro2028

Scritto da DailyFocus il . Pubblicato in Calcio

L’appuntamento del 29 gennaio (presso l’Hilton di Fiumicino) si avvicina a grandi passi e il clima elettorale, tra i tre candidati (Gabriele Gravina, Damiano Tommasi e Cosimo Sibilia) per la presidenza della FIGC, si fa sempre più incandescente.

elezioni-figc-2018

Siamo (probabilmente) ad un passo da un cambiamento radicale, dopo le dimissioni di Carlo Tavecchio (presidente federale uscente).
Serve una svolta, una scossa in termini di idee/progetti, ma anche uomini capaci di guidare un processo di cambiamento, che, da tempo, tutti chiedono, ma che nessuno, al momento, ha avuto il coraggio di attivare, a torto o a ragione. Ne abbiamo parlato, in esclusiva, con Gabriele Gravina (presidente Lega Pro), candidato ufficiale per la presidenza della FIGC.

D: Presidente, qual è la tematica che le sta più a cuore in questa difficile campagna elettorale?
R: Il mio programma tocca diversi temi e tutte le aree che compongono il movimento del calcio italiano. Pur tuttavia, dovendo scegliere, mi soffermerei sulla “sostenibilità”, un concetto che va oltre l’aspetto economico, seppure di grande attualità nel nostro Paese. Parlo, soprattutto, di sostenibilità di sistema, quindi il mio sguardo si rivolge inevitabilmente ai progetti, ai giovani, alla passione per questo sport, il tutto collegato ad un senso fortissimo di identità, che dobbiamo recuperare. Mi riferisco, quindi, non solo alla gestione aziendale delle imprese calcio, ma anche al management tecnico, alla qualità dei calciatori (da far crescere all’interno dei vivai), ecc.. E’ una equazione fondamentale da rilanciare nel sistema. Il mio impegno, una volta eletto, sarà in questa direzione.
Più in generale, dobbiamo riscoprire l’orgoglio di appartenenza ad un movimento sportivo, il più importante su scala nazionale. Percepisco, tra l’altro, muovendomi per la penisola, una “depressione” cronicizzata tra i nostri dirigenti. E questo mi fa molto male.

D: Di questa campagna, fatta di incontri, di comunicati (talvolta in fotocopia) e di accordi più o meno annunciati (spesso al rialzo), qual è l’aspetto in cui non si riconosce?
R: Se guardo, in generale a quello che sto vedendo, nessuno sta accarezzando l’anima degli stakeholders. Si parla solo di numeri in chiave elettorale. Tutti sono concentrati sulla mera somma delle percentuali (all’interno delle sette diverse componenti), in un visione troppo muscolare della campagna in esame. E’ un sistema, il nostro, che si sta inaridendo. E’ tempo di reagire.

D: La Lega spagnola di Javier Tebas sta utilizzando come ambassador all’estero personaggi del calibro di Gianluca Zambrotta (ex Barcellona, ma, soprattutto, campione del mondo con gli azzurri in occasione Germania 2006). Non le sembra quantomeno singolare? Nostri campioni all’estero che lavorano per la concorrenza.
R: E’ vero. E’ assolutamente incredibile. Nella mia idea futura di “Club Italia” c’è la partecipazione di molti campioni del recente passato. Campioni del 1982, così come del 2006. Non dei veri e propri testimonial, nel senso pubblicitario del termine, ma degli “accumulatori di entusiasmo”, da mettere al servizio delle Nazionali. Dobbiamo diffondere entusiasmo, capacità professionali, il tutto collegato a nuovi concetti di qualità. In Spagna, bisogna essere sinceri, possono contare su campioni del calibro di Messi o Cristiano Ronaldo. Top player che aumentano il tasso di spettacolarità del campionato. Il mercato italiano deve, però, tornare ad investire, a partire dalla progettualità.

D: Nei primi 100 giorni da presidente (in caso di elezione) cosa succederà?
R: Mi muoverò su tre direttrici: riforma statuti, riforma campionati (entro il mese di luglio) e successivamente, dopo le politiche nazionali (si voterà il prossimo 4 marzo), chiederemo al nuovo Parlamento, di intervenire su due temi centrali: la modifica della legge 91 e un disegno legislativo sul tema dell’apprendistato.

D: In cosa il suo programma è diverso rispetto a quello di Tommasi o Sibilia?
R: La mia è sicuramente una proposta più trasversale rispetto a quella degli altri candidati. Per gestire una federazione come la FIGC servono competenze multidisciplinari. Credo di poter essere di supporto, una volta eletto, a tutte le diverse componenti del mondo del calcio. Questa è una caratteristica distintiva per chiunque sarà chiamato a gestire,nei prossimi mesi, la “nuova” FIGC.

D: Molti addetti ai lavori ritengono Cosimo Sibilia (LND) il suo principale avversario. Cosa ne pensa?
R: La proposta di Sibilia è schiacciata sull’accentuazione del suo 34% (tanto pesa, sotto il profilo elettorale, la LND). Lo vedo molto arroccato su un’idea di maggioranza relativa. Come se questa percentuale possa risolvere tutti i problemi del calcio. E’ l’esercizio tipico di chi è votato al puro esercizio del potere. Personalmente preferisco il dialogo, il confronto, l’accentuazione delle identità e dei valori.

D: Tommasi, invece?
R: Con Damiano vi è un rapporto costruito nel tempo. Dobbiamo rafforzarlo proprio in vista di questa tornata elettorale. Siamo stati al fianco in tante battaglie, portate avanti già nella precedente campagna elettorale (quella che ha portato, il 6 marzo 2017, alla vittoria di Carlo Tavecchio su Andrea Abodi, per pochi punti percentuali). C’è un dialogo aperto da sempre. Mi meraviglierei del contrario.

D: Gravina, è pronto a fare una promessa agli italiani?
R: Quale, nello specifico?

D: In Qatar, nel 2022, ci saremo? Non è che assisteremo ad una nuova Apocalisse, parafrasando Tavecchio?
R: Assolutamente. L’Apocalisse (battuta di Tavecchio prima dell’eliminazione per mano degli svedesi, nda) si concretizza, per definizione, una volta soltanto. L’eliminazione l’abbiamo già vissuta, pagando, come movimento, un prezzo altissimo. Adesso dobbiamo puntare a realizzare i progetti migliori e a ripartire con entusiasmo. Ci saremo sicuramente in Qatar, per la Fifa World Cup 2022. Promessa garantita. Prima, tra l’altro, dobbiamo lanciare una grande candidatura tricolore per l’organizzazione di Euro2028.

D: Come si pone rispetto al CONI e alla figura di Malagò?*
R: Per natura ho massimo rispetto delle istituzioni. Certamente non ho alcun interesse ad entrare in conflitto con il Coni. Sarebbe, tra l’altro, un inutile dispendio di energie e, poi, il CONI è la casa dello sport italiano. Non avrebbe alcun senso. Il nostro mondo, nel futuro, deve tornare ad essere centrale, puntando ad una maggiore dignità rispetto al panorama variegato delle FSN (Federazioni Sportive Nazionali).

* per la cronaca, la domanda è stata posta al presidente della Lega Pro prima dell’incontro di ieri al Palazzo “H”. Malagò ha chiesto ufficialmente, ai tre candidati per la presidenza FIGC, di identificare una nuova data per l’assemblea. Gli stessi, al momento, non hanno acconsentito alla proposta del n.1 dello sport italiano, anche se è prevista una decisione finale nella giornata di sabato 27. Secondo molti addetti ai lavori Malagò, dopo l’ultimatum alla Lega serie A (per definire AD e Presidente entro i prossimi 30 giorni), si preparerebbe a chiedere un commissariamento della FIGC.

FONTEsporteconomy.it