Una storia d’amore per il primo San Valentino in piena pandemia da covid19.

A due mesi dalla pubblicazione del libro, scritto con Carmine Schiavone Junior, “Un altro destino”, Paola Starace ripropone una storia d’amore per la “festa degli innamorati”.
Da circa un anno, a casa delle “chiusure” imposte dall’epidemia, il “web” (la ragnatela), è l’unico luogo in cui è ancora possibile incontrarsi, conoscersi e, perchè no, innamorarsi.
Cento birre sulla ragnatela l’amore ai tempi delle chat”, primo romanzo dalla scrittrice napoletana, pubblicato nel 2014, è considerato più attuale che mai, dato il periodo che stiamo vivendo.
Il libro, che apre una finestra sulla speranza, racconta la storia di due persone “mature” che, attraverso una chat, croce e delizia dei nostri giorni, riscoprono amore, passione, sessualità ed erotismo, non avendo paura di svelarsi.
La storia vera di due anime belle, un po’ monelle, perse nel vuoto cosmico della vita, che stabiliscono un contatto, che inizialmente è solo un gioco, un modo per passare qualche ora, poi…
Paola e Francesco, personaggi inconsapevolmente e inversamente speculari a quelli di dantesca memoria (Inferno, canto V°), si lasciano scoprire dal lettore come due che cercano a fatica di “tenere a bada l’anima” ma poi finiscono per arrendersi alla vita e a vivere la gioia.
Inaspettatamente, senza rendersene conto, ricostituiranno le loro esistenze, ridando un senso alla loro vita, scoprendo che il tempo per amare non finisce mai e la felicità è più a portata di mano di quanto la maggior parte della gente immagini, basta avere fiducia in se stessi e un po’ di coraggio.