“Quarta Repubblica”: Cristina Scocchia, AD di KIKO Milano, intervistata da Nicola Porro

Dall’esperienza in Procter&Gamble e i successi in L’Oréal Italia, fino ai progetti attuali in KIKO Milano: Cristina Scocchia si racconta in un’intervista rilasciata a “Quarta Repubblica”.

Cristina Scocchia

Cristina Scocchia: la formazione e gli esordi in Procter&Gamble

La carriera di Cristina Scocchia si contraddistingue per importanti esperienze professionali intraprese già durante gli anni dell’università: un percorso in cui la manager ha avuto modo di confrontarsi con realtà aziendali di calibro internazionale, come raccontato nell’intervista rilasciata a “Quarta Repubblica”. Tutto ha inizio nella Facoltà di Economia e Commercio dell’Università Bocconi di Milano: nel corso di un career day, racconta, “andai alla presentazione di una grande azienda americana, Procter&Gamble, che mi colpì tantissimo perché parlavano di talento e di valorizzazione del merito”. L’incontro si rivela molto proficuo: le viene proposto infatti uno stage che, in seguito, conduce all’assunzione nella multinazionale. Parallelamente conclude gli studi in Economia e Commercio con il massimo dei voti e consegue un Dottorato di Ricerca in Economia Aziendale presso l’Università di Torino. Gli esordi richiedono un grande impegno in termini di dedizione: “Per 3 anni lavoravo dalle 9 del mattino alle 22. Poi studiavo dalle 22:30 fino alle 3 di notte”, racconta Cristina Scocchia nell’intervista. “La gavetta è dura”, aggiunge, “però io sentivo che era la mia opportunità”. I risultati per la manager non tardano ad arrivare: in Procter&Gamble giunge infatti al vertice dell’Area Cosmetics International Operations, un ruolo di responsabilità che la vede impegnata nella supervisione, nelle marche di sua competenza, di oltre 70 Paesi nel mondo.

Cristina Scocchia, il ruolo di AD in L’Oréal Italia e KIKO Milano

Il percorso internazionale di Cristina Scocchia si consolida ulteriormente nel 2013, anno in cui entra in L’Oréal Italia nel ruolo di Amministratore Delegato. Con una strategia orientata a rilanciare la filiale, la sua guida consente nel giro di 3 anni di riportare la società alla crescita, ridurre i costi, ampliare la gamma e puntare con forza nella trasformazione digitale. Un percorso di notevole successo riconosciuto anche dal titolo di “Cavaliere nell’Ordine della Legion d’Onore”, ricevuto nel 2019 dall’ambasciatore francese in Italia Christian Masset. Cristina Scocchia è oggi AD di KIKO Milano, azienda leader nel settore della cosmetica su scala internazionale: la manager ha guidato con successo un rapido percorso di trasformazione che, avviato nel 2017, ha portato l’azienda ad accrescere l’efficacia finanziaria e operativa, nonché a raddoppiare l’EBITDA in 2 anni. Non solo: forte della precedente esperienza di riorganizzazione, KIKO Milano è riuscita a gestire al meglio il difficile periodo della pandemia, continuando a investire e aprendo numerosi punti vendita all’estero. “Abbiamo deciso di accelerare nonostante la pandemia”, racconta l’AD a “Quarta Repubblica”, “innovazione di prodotto, trasformazione digitale, e-commerce sono tutti strumenti che ci hanno permesso di essere resilienti durante la pandemia”: nei momenti di difficoltà, conclude Cristina Scocchia, “devi trovare la determinazione per cercare di trasformare il problema in un’opportunità di rilancio”.