Pierroberto Folgiero: MSC Seascape, la consegna della “nave più grande mai costruita in Italia”

Pierroberto Folgiero, AD e DG di Fincantieri: “Siamo rimasti l’unica vera industria pesante italiana grazie alla nostra capacità di comprendere e governare i macro-trend industriali e manageriali, distinguendoci in termini di competenze industriali nell’ingegnerizzazione di tutti i sistemi a bordo, sviluppando negli anni forti attitudini manageriali nella gestione della altissima complessità”.

Pierroberto Folgiero AD e DG Fincantieri

Pierroberto Folgiero: Smart Ships sempre più efficienti, tecnologiche e verdi nel futuro di Fincantieri

La nave più grande mai costruita in Italia: lo sottolinea con orgoglio Pierroberto Folgiero, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Fincantieri, parlando su LinkedIn della MSC Seascape all’indomani della cerimonia di consegna avvenuta nello stabilimento di Monfalcone al Gruppo MSC. “Momenti come questo mi fanno pensare al privilegio che rappresenta guidare questa azienda”, si legge nel post che l’AD e DG di Fincantieri ha dedicato all’evento dello scorso 16 novembre che “ha creato un sentimento di orgoglio condiviso con tutte le persone che fanno parte di questo Gruppo”. Pierroberto Folgiero ne è certo: “Siamo rimasti l’unica vera industria pesante italiana grazie alla nostra capacità di comprendere e governare i macro-trend industriali e manageriali, distinguendoci in termini di competenze industriali nell’ingegnerizzazione di tutti i sistemi a bordo, sviluppando negli anni forti attitudini manageriali nella gestione della altissima complessità”. MSC Seascape è la nave da crociera più grande e tecnologicamente avanzata mai costruita in Italia e presenta innovazioni importanti anche sotto il profilo ambientale.

Pierroberto Folgiero: la vision sul “Made in Italy” nei progetti di Fincantieri

Il “Made in Italy” secondo Pierroberto Folgiero si traduce nella capacità “di coniugare competenza e attitudine, ingegno e visione attraverso la creatività e l’imprenditorialità che si appoggia sulla cultura generale del nostro Paese”. L’AD di Fincantieri ne parla non a caso come di “una sorta di ingegneria umanistica dove le persone sono al centro e giocano il ruolo fondamentale”. Sulla capacità di coniugare funzionalità e bellezza Fincantieri ha improntato la propria crescita, distinguendosi anche per la “ricerca continua dell’eccellenza nella gestione della complessità che tiene alta la nostra reputazione in tutto il mondo”. La grande sfida adesso, come ha scritto su LinkedIn l’AD e DG Pierroberto Folgiero, è “mantenere tale distintività rimanendo trainanti per l’intero settore delle PMI che fanno parte della nostra filiera, e lo possiamo fare trasformando la nave in un asset digitale ed un driver di una reale transizione energetica”. Per riuscirci serve anche coraggio manageriale: “Si deve cambiare quando le cose vanno bene, mantenendo sempre la barra dritta sulla disciplina operativa e sulla responsabilità sociale”. La parola d’ordine dunque è evolvere: “Cavalcare il cambiamento del “darwinismo industriale” a cui stiamo assistendo, difendendo le nostre competenze industriali storiche con l’investimento nelle competenze innovative nella realizzazione di Smart Ships sempre più efficienti, tecnologiche e verdi”.