L’equiseto e le sue proprietà

I benefici dell’equiseto

L’equiseto, chiamato anche coda cavalllina, è una pianta appartenente alla famiglia delle equisetacee, molto diffusa allo stato spontaneo, in particolare lungo i fossi e le scarpate.

Esistono molto specie di equiseto, ma in questo articolo ci occuperemo dell’equiseto arvense (Equisetum arvense) che presenta notevoli proprietà medicinali, oltre a poter essere usato in cucina in alcune ricette regionali della tradizione contadina.

E’ bene però ricordare che altre specie di equiseto possono essere anche molto tossiche, quindi è consigliato acquistare in erboristeria i preparati già pronti.

Se abbiamo un orto o un giardino possiamo però usarlo per preparare il macerato di equiseto, un composto molto utile per combattere gli insetti che attaccano le coltivazioni.

Proprietà medicinali dell’equiseto

Ma veniamo ora ai benefici che l’equiseto può apportare alla nostra salute, ovviamente se assunto nei modi e nelle dosi indicate dal medico o dal farmacista.

Le proprietà principali sono antibatteriche, antiossidanti e antiinfiammatorie. E’ stato infatti usato nella medicina popolare per curare infiammazioni della bocca e della gola, dolori reumatici e infezioni della pelle. Ma vediamo nel dettaglio i principali benefici di questa interessante pianta.

Apparato scheletrico: grazie alla presenza di minerali, è utile per combattere l’osteoporosi, in quanto ha un’azione rimineralizzante sulle ossa. Aiuta quindi ad avere delle ossa più forti, importante in particolare per le donne in menopausa e per le persone anziane o che hanno problemi frequenti di fratture.

Apparato urinario: è utile per curare i disturbi dei reni e della vescica, aiutando ad evitare la formazione di calcoli, la cui espulsione uò essere molto dolorosa.

Unghie e capelli: sempre per via delle proprietà rimineralizzanti è indicato per chi ha unghie fragili e capelli che si spezzano facilmente, o in caso di caduta causata da stati di affaticamento e stress.

Infiammazioni alla gola: preparando un infuso con il quale fare dei gargarismi, l’equiseto aiuta la guarigione della gola arrossata e irritata, in particolare nel caso di malanni di stagioni come raffreddore e influenza.

Con tutti questi aspetti positivi, l’equiseto si rivela veramente una pianta utile per il nostro benessere. Ricordiamo ancora di seguire sempre le indicazioni dei professionisti della salute per evitare conseguenze dannose e spiacevoli effetti collaterali.