La quotidianità di Casa Sissy, tra balli, musica e faccende di casa

Giancarla e Paolo si sono conosciuti ormai quasi dieci anni fa e si sono sposati nel 2018, entrambi in seconde nozze, coronando il loro sogno d’amore. La coppia fa parte della grande famiglia di SpiedLife con il canale Casa Sissy da agosto 2021, ma a detta loro “sembra di averne fatto parte da sempre vista la naturalezza con cui viviamo l’esperienza”. I due vivono in Veneto con la loro cagnolina Sissy di quasi otto anni, che loro definiscono “la regina della casa, amata e coccolata e indubbia protagonista del nostro canale di SpiedLife che ha questo nome proprio in suo onore”. “Sissy ha avuto un’infanzia difficile e piena di cattiveria: è stata maltrattata dai loro precedenti padroni. È stata salvata da un’associazione di animali e poi mia figlia Silvia l’ha adottata e dopo varie vicissitudini è entrata in pianta stabile nella nostra famiglia” ha raccontato Giancarla.

Sia Giancarla che Paolo hanno due storie personali molto interessanti. Giancarla, mamma di 2 figlie e nonna di 6 nipoti, prima di sposarsi con Paolo, ha lavorato per 13 anni nel confezionamento moda a Milano, poi ha deciso di dedicarsi alla sua più grande passione, il ballo, e dopo aver studiato molto ed ottenuto diversi diplomi, ha iniziato ad insegnare questa disciplina. Paolo invece ha vissuto tra Londra, Roma e Milano, poi si è stabilito definitivamente nel padovano, dove lavora come tour operator nazionale. “Abbiamo deciso di partecipare a SpiedLife per condividere la nostra quotidianità con altre persone” hanno raccontato i due, aggiungendo che importante nella loro decisione è stata la redazione del format “che fin dal primo momento ci ha comunicato un senso di fiducia”. Inoltre, i due hanno affermato che sapere di essere guardati da altre persone “ci fa sentire in compagnia e parte di una comunità e ci permette anche di fare conoscere la nostra Italia, i nostri usi e costumi anche dall’altra parte del mondo”.

“Viviamo la nostra vita davanti alle telecamere molto serenamente” hanno raccontato i due “continuiamo a fare quello che facevamo prima con le stesse modalità”. “L’unica differenza è che adesso che so di essere osservato evito di girare nudo per casa” ha detto Paolo, aggiungendo che per il resto è tutto invariato “perché lo scopo è far vedere la vita reale e non un programma televisivo costruito ad hoc”. Per questo la coppia ha detto che non si aspetta nulla dal programma, ma i due sono determinati a mostrarsi per quello che sono rendendo il pubblico partecipe della loro vita. “Il nostro quotidiano è fatto di balli, musica, cucina, lavori domestici e momenti di relax e ci teniamo a mostrare sia i momenti dentro casa nostra, ma anche le uscite con l’utilizzo delle camere mobili per rendere protagonisti anche tutti i nostri amici” hanno detto Giancarla e Paolo, il quale ha ammesso di essere quello che si imbarazza di più davanti alle telecamere. “Stiamo vivendo la nostra vita con molta positività e cerchiamo di essere aperti a tutte le opportunità, per questo ci siamo messi in gioco con SpiedLife”.