Intesa Open Fiber – Linkem: Elisabetta Ripa illustra i dettagli del progetto

5G, Open Fiber e Linkem avviano la sperimentazione su FWA: la collaborazione secondo l’AD Elisabetta Ripa sarà “di reciproca soddisfazione e aprirà la strada a nuove opportunità per il nostro mercato”.

Elisabetta Ripa

L’AD Elisabetta Ripa: 5G, Open Fiber affianca Linkem nella sperimentazione sulla tecnologia FWA

“La nostra rete in fibra è fondamentale per supportare lo sviluppo dei servizi FWA e 5G”: è l’AD Elisabetta Ripa a sottolineare il ruolo di Open Fiber nell’accordo siglato di recente con Linkem. La collaborazione è finalizzata a realizzare il progetto di sperimentazione sulla tecnologia FWA (Fixed Wireless Access) nella banda di frequenze 3,5 GHz, di cui Linkem è assegnataria e che a livello internazionale è riconosciuta tra le bande pioniere per lo sviluppo del 5G. Le due realtà quindi effettueranno congiuntamente dei test sulla soluzione tecnologica FWA di Linkem anche in ottica 5G con lo scopo di poter garantire una connettività migliore, rispetto a soluzioni FWA tradizionali, in aree a bassa densità abitativa. La soluzione che sarà testata è 5G Ready e rispetta lo standard 3GPP, ossia è in grado di supportare pienamente e in continuità tutte le potenzialità del 5G già a partire dal 2021. Secondo quanto evidenziato da Elisabetta Ripa, la rete in fibra di Open Fiber si configura quindi in questa prospettiva come “asset fondamentale per l’abilitazione di tutte le applicazioni innovative, come la telemedicina, il telelavoro o la guida assistita, che possano aver bisogno di integrare anche la mobilità e la pervasività oltre alla larghezza di banda e alla bassa latenza”.

Open Fiber, l’AD Elisabetta Ripa: la nostra rete in fibra fondamentale per supportare lo sviluppo dei servizi Fwa e 5G

Nel commentare l’accordo con Linkem, l’AD di Open Fiber Elisabetta Ripa spiega come l’innovazione tecnologica permetta di garantire un ampio ventaglio di servizi per i cittadini, le imprese e le istituzioni anche nei piccoli comuni e nelle aree più isolate del Paese: “Per usufruire dei suoi benefici è necessario colmare il digital divide grazie alla disponibilità di una rete in fibra ottica in grado di far raggiungere e superare all’utente finale, il Gigabit/s”. Non a caso la sperimentazione sarà avviata proprio in zone isolate e a bassa densità di popolazione, dove Open Fiber sta portando la connettività ultraveloce nell’ambito dei tre bandi Infratel di cui è risultata aggiudicataria. “Siamo sicuri che la collaborazione con Linkem, operatore che si è distinto da sempre per la sua capacità di innovazione, sarà di reciproca soddisfazione e aprirà la strada a nuove opportunità per il nostro mercato” conclude in merito Elisabetta Ripa.