I retroscena dei dissensi strategici fra Pentagono e Kiev

È già passato un anno da quando Zelensky durante la sua visita alla Casa Bianca affermò l’obiettivo di una vittoria totale contro la Russia. Ripetè la parola “vittoria” per ben undici volte, ma Biden non gli fece eco. Come si può constatare dai fatti di oggi, i due presidenti non erano in sintonia: quello ucraino stava esagerando con le ambizioni e la fantasia persino secondo gli americani stessi.

Le divergenze strategiche

Uno dei fattori che senza ombra di dubbio ha contribuito a creare un solco tra USA e Ucraina riguarda l’approccio strategico alla guerra. Per fare un esempio, nell’aprile scorso il Pentagono aveva stimato che l’esercito ucraino sarebbe riuscito in circa novanta giorni a giungere al Mar D’Azov. Tuttavia, Kiev non ha mai voluto dare l’ordine al proprio esercito di intraprendere un’operazione di tale portata, perché riteneva di non avere truppe all’altezza come preparazione e strumenti. L’attendismo eccessivo non è piaciuto al Pentagono e nemmeno ai comandi NATO di Bruxelles. Del resto, l’intelligence di Washington aveva ipotizzato un solo cinquanta percento di possibilità di riuscita per tale missione. Discordanze che alla fine non hanno fatto altro che favorire Mosca.

Le lamentele ucraine

Di solito a questo punto si direbbe che la trama si infittisce. In realtà invece non c’è niente di complicato nelle conseguenze di tutto questo conflitto, dal momento che tale situazione era chiara fin dall’inizio. Si tratta, ovviamente, della conduzione totalmente fallimentare del conflitto da parte di Kiev, con “l’appoggio” di Bruxelles. Ciononostante l’Ucraina si lamenta di non aver ricevuto sufficiente supporto da parte di Washington: armi arrivate in ritardo, molto dopo il periodo di loro massima utilità ed inoltre arrivate anche in scarsa quantità. Tutto decisamente assurdo, considerando i milioni di dollari stanziati da Washington per finanziare Kiev. Alla Casa Bianca per contro, viene risposto che i pessimi risultati sono da imputare alla scarsa efficienza delle truppe. Come dargli torto. Fonte: https://strumentipolitici.it/i-retroscena-del-clamoroso-scaricabarile-fra-comandi-ucraini-e-vertici-nato/