Giustificare l’inserimento dell’ integrazione EDI as a service in azienda

Se c’è una cosa cui i responsabili IT sono particolarmente attenti, è il cambiamento.

I cambiamenti di business sono un dato di fatto, e oggi quasi nessuno sta lavorando con lo stesso set di tecnologie che utilizzava cinque anni fa, né tanto meno dieci o quindici anni fa. Gestire il cambiamento è una competenza di base nell’ambito IT.

C’è da precisare però, che anche le modifiche essenziali per le operazioni di business devono rientrare nel budget aziendale, e la stragrande maggioranza della spesa IT serve a mantenere i sistemi esistenti.
Ciò significa che spesso gli investimenti in nuovi servizi e infrastrutture IT devono competere per una piccola fetta del budget, e destinare denaro ad un settore significa non destinarne ad un altro.

Nell’assegnazione di quella piccola fetta di budget, gli IT manager tendono a investire in nuovi sistemi a scapito del miglioramento di quelli esistenti. Come risultato, le nostre imprese tendono a soffrire più a lungo del dovuto continuando ad utilizzare soluzioni non ottimali.

L’ampia necessità di modernizzazione dell’EDI ne è un esempio. I moderni processi EDI si fondano su documenti e processi applicativi che 10 anni fa erano poco presenti, quali il Just-in-sequence, il kanban, la fattura elettronica. Eppure molte aziende subiscono il “lock in” della tecnologia EDI che hanno acquistato molti anni addietro. Giunti a questo punto è interessante valutare l’inserimento dell’ integrazione EDI as a service.

Quando un’impresa esternalizza l’EDI ad un fornitore di servizi, è relativamente facile misurare i costi diretti, le richieste di modifica, la gestione delle eccezioni, gli aggiornamenti, le chiamate di assistenza, e le altre attività connesse al servizio. Ma quando l’EDI è gestito in-house, ottenere una panoramica completa sui costi e del ritorno degli investimenti non è così facile.

In molti casi la soluzione EDI as a service risulta la strada più adatta da percorrere per le aziende maggiormente focalizzate sulla competizione di mercato. Il provider di servizi di integrazione sfrutta economia di scala e di apprendimento per essere sempre aggiornato e fornire un servizio innovativo ed affidabile.