Futuro sostenibile: Stefano Donnarumma, AD e DG di Terna, al convegno “L’economia di Francesco”

L’AD e DG Stefano Donnarumma interviene per Terna all’evento “L’economia di Francesco”, in un momento di riflessione ispirato alle parole di Papa Francesco sul cambiamento inclusivo e sostenibile.

Stefano Donnarumma

Terna, Stefano Donnarumma: il valore della sostenibilità per il cambiamento

Energia, ambiente, salute e soprattutto futuro sostenibile sono i temi al centro del dibattito “L’economia di Francesco – L’energia, l’ambiente, la salute, l’agricoltura”, evento a cui ha partecipato l’AD e DG di Terna Stefano Donnarumma insieme ad altri esponenti di numerose realtà pubbliche e private italiane. Il convegno è promosso dal Vice Presidente della Regione Lazio Daniele Leodori e si ispira alle riflessioni di Papa Francesco per un nuovo modo di intendere l’economia a misura d’uomo. “È dentro di noi la possibilità di invertire la marcia e scommettere su un mondo migliore e più sano”, ha dichiarato l’AD e DG di Terna, con l’obiettivo di costruire un futuro più sostenibile e lasciarlo così “in eredità alle generazioni future”. Ma, come evidenziato dall’AD e DG nell’intervento, “tutto dipende da noi se lo vogliamo davvero”. La sfida è dunque di quelle dalla grande portata e deve coinvolgere tutti i livelli della società. Istituzioni, mondo imprenditoriale e accademico, società civile: nessuno è escluso dal dibattito sulle scelte da compiere per “invertire la marcia”, come rimarcato da Stefano Donnarumma, e realizzare un’economia a misura d’uomo e più rispettosa verso il pianeta.

Stefano Donnarumma: “Accompagniamo la transizione energetica”

In questa prospettiva il ruolo ricoperto da Terna è cruciale per abilitare un sistema energetico nazionale che ponga la sostenibilità nel proprio baricentro: “Accompagniamo la transizione energetica con investimenti infrastrutturali e tecnologici”, ha dichiarato Stefano Donnarumma durante l’intervento, evidenziando inoltre come il Gruppo sia fortemente impegnato nel favorire una piena integrazione delle rinnovabili all’interno del sistema nazionale. “Nei prossimi 5 anni investiremo 9 miliardi di euro e accompagneremo il Paese al raggiungimento degli obiettivi importanti. I nostri investimenti prevedono di abilitare il sistema Paese allo sviluppo delle rinnovabili”, ha aggiunto. Il solco è quello tracciato dal processo di transizione energetica già in atto da diverso tempo, un fenomeno accelerato e reso ancora più impellente dal sopraggiungere della pandemia nel 2020. In tal senso, l’impegno della società guidata da Stefano Donnarumma è massimo per favorire il processo di decarbonizzazione energetica e, allo stesso tempo, superare la situazione di emergenza supportando la ripresa e il rilancio dell’economia.