Eventi sul Territorio per sensibilizzare cittadini e turisti a uno stile migliore di consumo agroalimentare

Da un’idea di Antonio Dattoli, vicesindaco di Civitella di Romagna (FC), si svolgerà domenica 9 agosto 2020 nelle strade, nelle piazze e soprattutto nel Castello di Cusercoli (FC), Borgo “perla” della splendida vallata bidentina, l’evento “ARTE in STRADA”. Organizzato dal Comune di Civitella di R. con l’aiuto della Pro Loco cusercolese “Chiusa d’Ercole”, coinvolgerà l’intera Comunità raccordando al polo bidentino un’offerta in cui “gli incontri” diventano occasione di promozione dell’intero Territorio #VisitRomagna.

“Un’opportunità per far conoscere il nostro Territorio – rileva Antonio Dattoli, vicesindaco di Civitella di R. – animandolo con suggestive esibizioni nella cornice di grande ospitalità che le nostre Comunità sono in grado di offrire. Ci aspettiamo un grande riscontro da parte del pubblico, attirato dalla qualità degli spettacoli proposti e dalla bellezza del Castello che in parte li ospita.”

“Il nostro Castello – aggiunge Alberto Capacci, presidente Pro Loco Chiusa d’Ercole – sarà un palcoscenico di grande prestigio per la manifestazione “Arte in Strada” che ci permetterà di condividere preziose esperienze tra grandi e piccini. A sera, questi spazi si animeranno di colori e suoni, luci e magia, divertimento ed emozione: un evento da non perdere.”

“Il ruolo dell’agroalimentare Bio in questo periodo Covid-19 – continua Claudio Milandri, sindaco di Civitella di R. – assume una nuova centralità anche nella proposta enogastronomica degli eventi in calendario. Il programma “Arte in Strada” sarà ideale per godersi la formula “frutta box”, debitamente distanziati, con l’obiettivo di sensibilizzare e avvicinare cittadini e turisti a uno stile migliore di consumo agroalimentare.”

“Oggi – termina Fausto Faggioli, presidente di E.A.R.T.H. Academy (rete europea di scambio di buone prassi) – dobbiamo trasformare una sfida pressante in un’opportunità unica perché il valore del tempo subirà una trasformazione radicale e sarà uno degli indicatori di benessere sociale e culturale. È in questo frangente che l’impresa rurale, quella dei piccoli Borghi, deve inserirsi, essere più coraggiosa, puntando sull’autenticità e creando una nuova cultura green. Con attività outdoor, offrendo esperienze inclusive e coinvolgenti anche da un punto di vista emozionale.”

L’appuntamento con “frutta box” di Happy Bio, sarà anche occasione per far conoscere “BORGHI: Destinazioni turistiche per il commercio locale e i piccoli negozi”, un progetto di valorizzazione territoriale promosso da Soc. CAT srl di Confcommercio Forlì con il contributo della Regione Emilia-Romagna.