Emergenza clima, Stefano Donnarumma (Terna): “Agire subito per mettere in sicurezza la rete”

L’AD e DG di Terna Stefano Donnarumma è stato intervistato dal “Corriere della Sera” in merito alla recente nomina come Presidente di GO15: “Eventi climatici, decarbonizzazione e transizione green rendono indispensabile investire su stabilità e sicurezza delle reti”.

Stefano Donnarumma

Stefano Donnarumma: necessario che le reti siano pronte a gestire eventi non più “eccezionali”

Non molti sono a conoscenza del fatto che lo scorso gennaio, per un guasto alla rete elettrica croata, l’Europa ha rischiato un serio blackout, complice anche l’impennata della domanda di energia registrata durante i primi giorni dell’anno. Un episodio che testimonia quanto la sicurezza delle reti sia fondamentale per gestire al meglio questi eventi. A ricordarlo in un’intervista al “Corriere della Sera” Stefano Donnarumma. Di pochi giorni fa la notizia che l’Amministratore Delegato e Direttore Generale di Terna sarà il primo italiano a ricoprire il ruolo di Presidente di GO15, l’associazione composta dai 17 principali operatori di rete di trasmissione elettrica a livello mondiale. A partire dal 2022 il manager, che oggi è Vice Presidente, subentrerà ad Ahmed Ali Al-Ebrahim, a capo della Gulf Cooperation Council Interconnection Authority. L’obiettivo del GO15, nato nel 2004 in seguito a vari episodi di blackout, è proprio quello di definire indirizzi strategici in materia di sicurezza, stabilità e sostenibilità delle reti: “Il cambiamento climatico in atto mette a dura prova le nostre infrastrutture – ha dichiarato Stefano DonnarummaPer questo dobbiamo agire subito, realizzando importanti investimenti grazie ai quali mettere in sicurezza la rete. Anche in Italia purtroppo tempeste, allagamenti, bombe d’acqua e tifoni non si possono più considerare eventi eccezionali”.

Stefano Donnarumma: infrastrutture di rete protagoniste della transizione

Per l’AD e DG di Terna è necessario che le infrastrutture di rete siano pronte ad affrontare al meglio gli effetti dell’emergenza climatica. Bisogna aumentare i sistemi di difesa e trovare soluzioni innovative per prevenire le problematiche future: “La condivisione è alla base del funzionamento di GO15 – ha detto al “Corriere della Sera” Stefano DonnarummaCi scambiamo informazioni, condividiamo soluzioni tecniche e tecnologiche. E questo lavoro continuo pone le basi per quello che sarà lo scenario energetico del futuro”. Una gestione sicura e sostenibile delle reti elettriche risulta centrale anche in vista della transizione energetica e del raggiungimento degli obiettivi di decarbonizzazione. Lo sviluppo delle rinnovabili, che per natura non sono programmabili, dipende infatti dalla capacità delle reti di ricevere l’energia, gestirla e immagazzinarla: “Dopo il superamento delle centrali a carbone nel 2025, per un certo periodo sarà il gas a garantire la stabilità della rete – spiega Stefano Donnarummaconsentendo di modulare il carico. Ma entro il 2050, anno della neutralità carbonica, dovremo avere sistemi di accumulo sufficienti”.