Conformità stoviglie monouso

La conformità delle posate usa e getta è una procedura obbligatoria per la conformità alla Direttiva 2001/95/CE. Prevede la redazione delle dichiarazioni di conformità e dei documenti tecnici in conformità alla normativa comunitaria.

La conformità deve essere effettuata dal fabbricante o importatore del prodotto che è responsabile della predisposizione della documentazione tecnica completa di tutto quanto previsto dalla normativa cogente.

Qualsiasi documentazione di un produttore non europeo può e talvolta deve essere inclusa nella documentazione tecnica, ma non è sufficiente.

Infatti, il soggetto che deve dichiarare, attraverso una dichiarazione di conformità, che il proprio prodotto è conforme ai requisiti di sicurezza e salute previsti dalle direttive e dalle norme deve essere sempre un ente europeo.

CEC.group Ti spiega passo dopo passo di cosa hai bisogno e come farlo.

Di che tipo di prodotto si tratta?

In un uso intenso, le stoviglie usa e getta sono diventate parte della nostra vita quotidiana dopo essere state rifiutate al primo momento di essere appena lanciate sul mercato mondiale.

A parte un aspetto un po’ minimalista e una funzionalità tutt’altro che stellare, svolgono ancora un ruolo importante, soprattutto in occasione di eventi informali.

Hanno dei difetti come non sono abbastanza robusti, meno isolanti, non esattamente eleganti e belli, ma… sono comodi perché vengono buttati via dopo l’uso.

Niente pulizia, lavaggio e conservazione per il futuro utilizzo, sono una delle rappresentazioni più efficaci dell’usa e getta.

Proprio il “getta” rappresenta un altro degli aspetti negativi di questi prodotti, forse il più grave.

Come viene gestito lo smaltimento di questi prodotti?

Lo smaltimento è prima di tutto una questione di civiltà, e quando non viene smaltito correttamente non è certo necessario andare troppo lontano per comprenderne l’impatto sull’ambiente terrestre, atmosferico e marino.

Se le posate sono di plastica, creano un inquinamento secondario sgradito, quasi onnipresente e permanente.

Certo, la colpa dell’inquinamento non è certamente il piatto o la plastica stessa, ma il modo stupido in cui noi umani decidiamo di sbarazzarcene, pensando stupidamente che la soluzione sia buttarlo fuori dalle nostre case.

Come sempre la soluzione è “non nel mio giardino”, infatti per chi inquina i sistemi di smaltimento e riciclaggio dovrebbero essere sempre installati in casa di qualcun altro.

Dopo anni di discussioni e lotte da parte di ambientalisti e non solo, abbiamo iniziato a vietare la maggior parte di questi prodotti, che nel giro di pochi anni dovranno essere sostituiti da soluzioni eco-compatibili, come quelle a base di carta e altre sostanze. Inquinamento riciclabile e non riciclabile.

Certo, dovremmo accettare i piccoli aspetti negativi, come le cannucce di carta che diventano morbide dopo un po’, ma puoi anche bere senza cannuccia.

Quali leggi disciplinano la conformità delle stoviglie monouso?

Dal punto di vista normativo, non esiste una direttiva specifica che disciplini le stoviglie usa e getta, quindi rientra nella Direttiva 2001/95/CE “Sicurezza generale dei prodotti” (link al sito ufficiale della CE).

Richiedono sempre un fascicolo tecnico per certificare la loro idoneità all’immissione sul mercato UE e devono recare il simbolo previsto dalla legge per i prodotti a contatto con gli alimenti (MOCA – Regolamento (UE) 1935/2004 e relative leggi.)

CEC.group può assistere gli operatori del settore nell’espletamento di tutte le procedure di conformità per le stoviglie monouso previste dalla legge al fine di garantire la sicurezza del prodotto.

Ti serve aiuto per la conformità delle stoviglie monouso?

Devi redigere o adeguare il fascicolo tecnico e noi sai come fare?

CEC.group è al fianco degli operatori che immettono sul mercato un prodotto e mette a disposizione le proprie professionalità.

Sei produttore o importatore? Hai bisogno di maggiori informazioni per la conformità delle stoviglie monouso?

Chiedere informazioni e ricevere risposte e preventivi è gratuito.

Se decidi di lavorare con noi, ti guideremo passo passo nella procedura necessaria ad immettere i tuoi prodotti nel mercato comunitario corredati della documentazione prevista dalla legge. Siamo Consulenti per centinaia di aziende che si affidano a noi.

NOTA IMPORTANTE:

Tutte le leggi indicano la necessità di verificare, monitorare ed aggiornare con periodicità il fascicolo tecnico per poter sempre gestire il rischio e la conformità del prodotto.

La CEC.group possiede le competenze richieste ed offre anche il servizio di gestione del fascicolo tecnico ai clienti che lo richiedono.  Rimaniamo a disposizione per tutte le informazioni necessarie.

Puoi contattarci scrivendo una mail o telefonando, utilizza i nostri seguenti contatti:

Mail: squizzato@marchioce.net

Tel: +39 347 3233851