Che cos’è il Betting Exchange?

betting-exchange

C’è spesso una certa confusione con le persone che non conoscono le scommesse – e in particolare le scommesse abbinate – su quale sia la differenza tra un normale bookmaker, come Paddy Power, Coral o Bet365, e un betting exchange, come Betfair, Smarkets o Matchbook.

Mentre in superficie i betting exchange offrono le stesse opportunità di scommesse di un bookmaker, ci sono alcune differenze chiave.

In primo luogo, gli exchange fanno soldi in un modo diverso rispetto ai bookmaker.

I bookmaker consentono ai clienti di scommettere su qualsiasi risultato di un evento, quindi scommettono da soli offrendo i propri soldi nel caso in cui la scommessa del cliente vinca.

Le piattaforme di Betting Exchange, tuttavia, non piazzano scommesse da soli, ma si affidano invece agli altri clienti per sostenere e scommettere l’uno contro l’altro. Gli scambi di scommesse addebitano una piccola commissione su ogni scommessa piazzata per fare soldi. Questa commissione è semplicemente una percentuale delle vincite stimate.

In secondo luogo, i Betting Exchange non sono così flessibili quando si tratta di accumulatori. Il cliente non può determinare gli esiti contenuti negli accumulatori stessi. Tendono anche a limitare le probabilità, in modo che in caso di una grande vincita, ci saranno meno soldi.

Infine, gli scambi di scommesse hanno spesso quote migliori rispetto ai bookmaker. Questo perché il loro mercato è libero e le loro quote sono controllate dagli scommettitori, mentre i bookmaker stabiliscono le proprie quote. Ciò consente ai clienti di trovare un valore migliore ed è un grande motivo per cui gli exchange sono così popolari.

Storia del Betting Exchange

Molti dei più grandi exchange sono stati fondati all’inizio del millennio, ma con pochi attori chiave sono apparsi solo negli ultimi anni. È una testimonianza del fatto che alcuni scommettitori apprezzano come i betting exchange siano più equi e trasparenti e spesso presentino migliori opportunità di vincita.

Betfair

Betfair è stata fondata nel 2000 da Andrew Black e Edward Wray. Le sue entrate nel 2014 erano di 393 milioni di sterline. È stata il primo Betting exchange a fluttuare alla Borsa di Londra, fino alla sua fusione con Paddy Power nel 2016.

Dal suo lancio, è diventata la più grande società di scommesse nel Regno Unito e la più grande borsa di scommesse del mondo, con oltre 4 milioni di clienti e 1.800 dipendenti.

Betfair è il nostro exchange consigliato per la loro stabilità, facilità d’uso, ampia gamma di mercati e volume impressionante.

Il sito web per il mercato italiano è betfair.it

Smarkets

Con sede a Londra, Smarkets è uno dei big del mondo delle scommesse. Smarkets si propone come una piattaforma di trading più avanzata rispetto ai suoi rivali. Una startup high-tech che sta andando sempre più forte, diventando sempre più popolare tra gli scommettitori grazie al loro tasso di commissioni competitivo.

Matchbook

Non proprio una forza globale come Betfair, ma sta comunque andando bene. Hanno sede a Cork, in Irlanda, e offrono una vasta gamma di mercati sportivi americani, oltre a commissioni competitive.

Altri

Ci sono altri betting exchange che operano. Sebbene abbiamo elencato i primi 3 in termini di popolarità, alcuni dei restanti hanno ancora un seguito. Mi viene in mente BETDAQ, anch’esso fondato nel 2000 in un periodo simile a Betfair. Non sono decollati nello stesso modo di Betfair, ma hanno comunque ottenuto un buon profitto lungo la strada.

Questo dovrebbe chiarire…

In conclusione, i betting exchange sono molto simili ai tradizionali bookmaker. Ma le loro differenze chiave sono un grande vantaggio in particolare per gli scommettitori di matched betting e svolgono un ruolo fondamentale nel trarre profitto dalle scommesse in matched betting.