Acciaio green, accordo tra Gruppo Danieli e Bashundhara Group per un nuovo impianto in Bangladesh

La nuova commessa rappresenta un ulteriore tassello di crescita per Gruppo Danieli nel mercato asiatico.

Gruppo Danieli

Gruppo Danieli: i dettagli dell’accordo

L’acciaio green diventa sempre più una realtà consolidata. Il trend va a inserirsi a pieno titolo nel processo di transizione energetica avviato negli ultimi anni, con la maggioranza dei Paesi alla ricerca di soluzioni ecosostenibili da applicare a comparti complessi come quello siderurgico. Gruppo Danieli oggi è all’avanguardia nella realizzazione delle cosiddette acciaierie verdi: ne è una prova l’ultima commessa che si è aggiudicato in Bangladesh. L’azienda di Buttrio ha recentemente siglato un accordo con il Bashundhara Group, la compagnia privata più grande del Paese. L’ordine riguarda la realizzazione di un nuovo impianto green, che vedrà la luce all’interno del parco industriale di Bashundhara a Mirsarai. Sebbene le specifiche del contratto non siano state ancora rese note, l’acciaieria di Gruppo Danieli, che secondo le stime produrrà un milione di tonnellate l’anno, sarà uno degli impianti green più produttivi al mondo nel settore dei prodotti lunghi.

Gruppo Danieli: la nuova tecnologia dell’impianto bangladese

A supporto della produzione a basso impatto ambientale della futura acciaieria, Gruppo Danieli utilizzerà infatti una tecnologia innovativa. L’impianto sarà ad una sola colata, il che consentirà la realizzazione di prodotti finiti praticamente 24 ore su 24. Una competitività che si riflette anche sul lato green con la diminuzione delle emissioni di CO2 per tonnellata di acciaio prodotto, possibile grazie al know-how messo in campo da Danieli. Dopo le commesse da parte del colosso cinese HBIS e della Korea Steel Shapes Co, si rafforza dunque la presenza internazionale del leader degli impianti chiavi in mano. Recentemente l’azienda ha anche terminato la realizzazione, in India, dell’altoforno numero 3 nell’impianto integrato di Cherepovets per conto della Severstal. Ma i rapporti con quest’ultima non sono terminati: lo scorso dicembre il produttore russo ha infatti incaricato Gruppo Danieli della costruzione di un laminatoio per acciaio da installare a Cerepovec, nella Russia nordoccidentale.