A Villotta di Chions (PN) nasce “Il Bosco di Maarmo”

Piantumati i primi alberi all’interno del Parco del Cornia, piccola oasi della località pordenonese. Sono stati donati da Maarmo, azienda di termoarredi realizzati con gli scarti del marmo. Una cinquantina di alberi in tutto saranno piantati entro fine mese.

CHIONS (PN). Un nuovo bosco piantumato all’interno del Parco del Cornia. Si tratta di un progetto condotto da Maarmo srl (azienda di termoarredi realizzati con gli scarti del marmo) con il supporto del Comune di Chions. Maarmo rafforza dunque la propria missione di perseguire lo sviluppo di prodotti di design che garantiscano la sostenibilità con un “Impatto Zero” sul territorio grazie alla nascita del “Bosco di Maarmo”. Qualche giorno fa alla presenza del sindaco di Chions, Renato Santin, e di alcune classi della locale scuola elementare, è stato piantumato il primo lotto di 20 alberi nell’area verde del Parco del Cornia. Una piccola oasi naturale che si estende di fronte all’ingresso della nuova sede della Maarmo (via Cadore – Villotta di Chions). Un altro lotto di alberi sarà piantato nelle prossime settimane, arrivando ad una cinquantina di piantumazioni entro la fine di maggio.

Si concretizza così l’idea lanciata a fine 2021 al sindaco Santin durante l’inaugurazione della sede aziendale di Villotta. Dopo aver voluto collocare la nuova sede dell’atelier in un vecchio capannone dismesso da anni nella campagna di Villotta, l’azienda ha lavorato all’idea di valorizzare il Parco del Cornia come base per sviluppare localmente il progetto “Un Maarmo un Aalbero”. Il progetto da due anni vede infatti l’azienda impegnata nel piantare un albero per ogni termoarredo venduto.

Prima dell’inaugurazione lo staff Maarmo ha coinvolto alcune classi delle scuole elementari di Villotta in una serie di laboratori pratici finalizzati a stimolare la responsabilizzazione individuale verso un consumo sostenibile, allo sviluppo di una green economy e a un sistema educativo ispirato alle tematiche ambientali calate nel contesto locale. “La presenza di un esperto botanico ha permesso inoltre di approfondire la conoscenza della rigogliosa flora del “Parco del Cornia”, un vero e proprio serbatoio di ossigeno e di biodiversità – spiega Gianpaolo Pezzato, uno dei soci di Maarmo e Responsabile della Divulgazione – nei prossimi mesi saremo protagonisti di nuove iniziative di sensibilizzazione al valore della sostenibilità come linea guida nel progettare nuove attività d’impresa”. 

SCHEDA DI APPROFONDIMENTO: MAARMO

Maarmo nasce nel 2017 e realizza termoarredi e scaldasalviette con processi produttivi improntati a riciclo e sostenibilità. La sede produttiva dell’impresa da settembre 2021 si trova a Villotta di Chions (PN). Una divisione ricerca e sviluppo opera a Vittorio Veneto (TV). Il 2021 ha visto il rafforzamento della compagine societaria, con l’ingresso di nuovi imprenditori sia dell’area pordenonese (Alain Bottos, Stefano Mascarin e Andrea Del Ben), che dell’area trevigiana (Marco Caliandro e Gianpaolo Pezzato), per sostenere il progetto di crescita e sviluppo in Italia e nei mercati esteri. Ad oggi l’azienda impiega 7 persone, oltre ad alcuni fornitori artigiani esterni, ed ha avviato collaborazioni con architetti e designer di tutta la Penisola. Maarmo punta sulla sostenibilità come valore fondante dell’intera attività produttiva. La materia prima utilizzata per i radiatori è ricavata infatti dagli scarti di marmo. Tutti i termoarredi, sia la versione elettrica che idronica, a fine vita, una volta tolti gli elementi strutturali riscaldanti (ad esempio il rame o le resistenze elettriche) possono essere rimacinati per rientrare nel ciclo produttivo. In questo senso Maarmo agisce creando flussi circolari di materia, capaci di rigenerarsi. Inoltre, essendo tutti i processi produttivi eseguiti a basse temperature, le quantità di energia usate sono minime. Per chiudere il ciclo green, per ogni radiatore venduto l’azienda pianta un albero. Maarmo parteciperà a “Klimahouse 2022”, fiera delle ultime novità in campo delle tecnologie per la casa, prevista a dal 18 al 21 maggio a Bolzano. E’ stata selezionata tra le più innovative aziende a livello nazionale e sarà presente presso il Padiglione CD, Stand C18/56. Per maggior informazioni www.maarmo.com

SCHEDA di approfondimento: LA REALIZZAZIONE DEL TERMOARREDO IN MARMO RICICLATO 

Maarmo come materia prima riutilizza e ricicla gli scarti della lavorazione del marmo, recuperati grazie ad un certosino lavoro di selezione nelle cave dell’area veronese. La formula ha permesso di generare una linea di termoarredi di design, che non necessita di una fase di cottura, ma di una dolce fase di stagionatura, che dura dalle quarantotto alle settantadue ore. Si passa poi alla verniciatura, realizzata esclusivamente con vernici a base d’acqua. Il processo produttivo parte dalle polveri di marmo di scarto. Vengono lavorate come fossero farine di grano. All’interno di grandi impastatrici, vengono miscelate ad acqua e altri additivi naturali. Ne deriva un prodotto semiliquido somigliante a yogurt. Questo viene steso manualmente su dei pannelli e all’interno di esso vengono posate le canalette per il passaggio dell’acqua calda (termoarredo idronico) oppure le resistenze elettriche (termoarredo elettrico). Una volta composto, il termoarredo viene fatto stagionare per 2 o 3 giorni, per una completa solidificazione del materiale. Non avviene nessuna fase di cottura dunque, ma solo una lenta stagionatura in un’apposita stanza mantenuta a temperatura costante durante l’inverno. D’estate invece la stagionatura avviene all’aria aperta, senza alcun dispendio energetico. Una volta stagionato, il termoarredo viene poi verniciato utilizzando esclusivamente vernici a base d’acqua ed è così pronto per la consegna al cliente. Materia prima riciclata, basso utilizzo di energia e componenti naturali: sono questi gli elementi “green” che contraddistinguono la produzione di questi termoarredi.