WESTVLETEREN 12 – Birra artigianale trappista

Scritto da Birraspeciale il . Pubblicato in Alimentari e Bevande, Comunicati Stampa

La fabbrica di birra  Westvleteren (Brouwerij Westvleteren) è di origine belga, birrificio fondato nel 1838 all’interno  dell’Abbazia di San Sisto di Westvleteren nel comune belga di Vleteren.  La fabbrica di birra e le sue birre sono solitamente indicate come Westvleteren.  Le tre birre prodotte hanno acquisito una reputazione internazionale per il loro gusto e la qualità, così come la limitata disponibilità delle birre che non sono preparate secondo normali esigenze commerciali.

Come per tutti gli altri produttori di birra trappisti, la birra viene venduta al solo al fine di sostenere finanziariamente il monastero e altre cause filantropiche.  Il monastero, a differenza di altre fabbriche di birra non vuole fare del profitto con la birra non e non pubblicizza la propria birra fatta eccezione per un piccolo segno al di fuori l’abbazia che indica la disponibilità quotidiana di ogni birra.  I monaci hanno ripetutamente dichiarato che viene prodotta solo la birra sufficiente per il mantenimento  del  monastero, e sarà venduta non più di cui hanno bisogno, a prescindere dalla domanda. .  Questi metodi vanno tutti contro metodi commerciali moderni, tuttavia, come affermato dal Padre Priore all’apertura della nuova fabbrica di birra, “Noi non siamo produttori di birra. Siamo monaci. Abbiamo produrre birra di essere in grado di permettersi di essere monaci

La fabbrica di birra fermenta attualmente tre birre:
Westvleteren Blonde (tappo verde), 5,8% vol , presentato il 10 giugno 1999.
Westvleteren 8 (tappo blu) (ex Extra), 8% ABV.
Westvleteren 12 (tappo giallo) (ex Abt), un 10,2% ABV, introdotto nel 1940.

Fino al 1999, la fabbrica di birra ha anche prodotto una birra scura da 6.2° e una  più leggero di  4 ° che ha costituito la birra destinata solamente ai monaci , ma questi sono stati sostituiti dalla Blonde.  L’8 e la  12 sono rifermentate in bottiglia ed hanno  una lunga durata di conservazione, i maggiori esperti di birra consigliano di berla dopo diversi anni dalla scadenza stessa. Gli ingredienti della birra artigianale dell’abbazia sono lievito, luppolo, malto, zucchero, caramello e acqua.

Le bottiglie sono state vendute senza etichette dal 1945.  Tutte le informazioni necessarie ed obbligatorie per legge sono stampate sulla parte superiore della corona.  A causa di questa mancanza di spazio, le birre Westvleteren sono le uniche birre trappiste che non hanno il  logo trappista visualizzato sulla bottiglia.  Il logo viene stampato solo sulle distintive casse di legno .  Le eventuali etichette che ritroviamo nelle Westvleteren sono aggiunte successivamente dagli importatori per adempiere agli obblighi di legge a riguardo dell’etichettatura.

Molti bevitori di birra Westvleteren hanno la 12 fra loro birre preferite, a riprova nel giugno 2005, quando Westvleteren 12 è stato nuovamente sottolineata come “Miglior Birra nel Mondo“, gli organi di informazione e di stampa hanno cominciato a diffondere le notizie a riguardo di questa particolare birra, rendendola ancora maggiormente famosa.

A seguito di questi eventi, l’interesse per la Westvleteren è aumentata e le scorte  dell’abbazia si sono fortemente diminuite, costringendo i monaci a ridurre la quantità di birra trappista venduta a ciascun cliente.  In un’intervista, il monaco Marco Bode ha spiegato che l’abbazia non aveva alcuna intenzione di aumentare la sua produzione, nonostante la domanda: “. Facciamo la birra per vivere, ma non viviamo per la birra”.

Nonostante la popolarità, i monaci di San Sisto hanno continuato a rifiutare quasi tutte le  interviste e richieste di visita e non hanno goduto di tutta l’attenzione che hanno ricevuto.

link: www.birraspeciale.it

Tags: