Terna, via libera dell’Authority alla certificazione come gestore di rete

Scritto da TheEnergyNews il . Pubblicato in Economia

La via l’ha indicata il Terzo Pacchetto Energia che ha chiesto agli Stati membri di designare e certificare, con il coinvolgimento di Bruxelles e dei regolatori nazionali, i gestori dei sistemi di trasmissione. Un iter lungo e complesso che è appena arrivato a traguardo per Terna. L’Autorità per l’Energia ha infatti pubblicato la delibera che assegna alla spa dell’alta tensione la “patente” richiesta dall’Europa, ma chiede anche al gruppo guidato da Flavio Cattaneo una serie di impegni, alcuni dei quali già messi in cantiere.

Lo statuto andrà adeguato alla direttiva europea
Il grosso riguarderà le modifiche da apportare allo statuto della società. L’Autorità per l’Energia sollecita un adeguamento rispetto al modello della separazione proprietaria, mentre gli altri soggetti che detengono porzioni di rete di trasmissione sono considerati meri proprietari (la rete di questi soggetti di fatto viene gestita da Terna) e pertanto non devono essere certificati ma garantire il rispetto di alcune condizioni minime. In sostanza, il gruppo sarà chiamato a fissare norme più stringenti sui compiti del gestore (per assicurare l’allineamento con le prescrizioni fissate dall’articolo 12 della direttiva comunitaria) nonché in materia di controllo societario e di indipendenza degli amministratori.

Gli uffici legali al lavoro per definire l’iter
Una indicazione volutamente generica perché, come spiega il regolatore nelle dodici pagine della delibera, la scelta di «non indicare con esattezza il testo da inserire nello statuto è coerente con l’esigenza di limitare gli interventi compressivi dell’autonomia di impresa allo stretto indispensabile al fine di raggiungere lo scopo». Tradotto: sarà l’azienda a decidere come modificare le norme statutarie per recepire lo spirito del Terzo Pacchetto Energia e dovrà farlo entro quindici mesi dalla pubblicazione della delibera. Terna ha inizialmente obiettato all’Authority che il combinato disposto tra l’attuale statuto e la disciplina delle società quotate rendesse superflua qualsiasi correzione, ma alla fine, dopo un lungo confronto con l’Aeeg, si è resa disponibile a cambiare lo statuto. Gli uffici legali del gruppo sono già al lavoro. Di norma, per le quotate, le modifiche statutarie devono essere sottoposte all’assemblea degli azionisti, ma i vertici della spa dell’alta tensione stanno cercando di capire, con il supporto degli avvocati, se invece sia sufficiente un passaggio in cda visto che la correzione è messa in campo per dare seguito a una direttiva europea. Se dunque il responso fosse positivo, i tempi per le modifiche potrebbero essere brevi e l’adeguamento potrebbe arrivare già sul tavolo del primo board utile.

Lo “schermo” tra l’azionista di maggioranza e la spa dell’alta tensione
Quanto alle altre richieste, manca solo la formalizzazione all’Authority, ma la società ha già raccolto la documentazione necessaria. L’Aeeg ha infatti chiesto a Terna e ai suoi azionisti (Cdp e Romano Minozzi, il principale socio privato con il 5,4% del capitale sociale) di attestare l’inesistenza di qualsiasi conflitto di interesse nonché la presenza di uno “schermo” tra l’azionista di maggioranza e la stessa società. In particolare, Cdp, che possiede il 29.9% della società, è stata chiamata a dimostrare che non può influenzare in alcun modo il processo decisionale del gruppo – al di là, ovviamente, del legittimo esercizio connesso alla propria quota azionaria – né ha incentivi di tipo finanziario connessi alle partecipazioni attribuite alla gestione separata nelle imprese che operano nella produzione e nella vendita di elettricità e gas.

Nessun conflitto di interesse in capo ai soci privati
Gli azionisti privati, invece, hanno dovuto attestare l’assenza di conflitti di interesse. Così prima Assicurazioni Generali – che da febbraio, però, è sceso sotto la quota di rilevanza, passando dal 2,002% all’1,926% – ha escluso il possesso di partecipazioni di controllo in imprese attive nella produzione o vendita di elettricità e gas. Poi, anche Romano Minozzi – attualmente al 5,4% – è stato chiamato a documentare che non esercita poteri di nomina di consiglieri di società attive negli stessi settori. L’ultima prescrizione riguarda infine il consigliere di Terna, Fabio Buscarini, ad e direttore generale di Ina Assitalia e consigliere di Burgo Group. Proprio quest’ultima carica ha attirato l’attenzione perché l’azienda possiede un parco generazione e dunque si potrebbe creare un potenziale conflitto. Buscarini dovrà quindi decidere a stretto giro tra i due ruoli. Ed è molto probabile che, alla fine, dica addio al board della società creata nel lontano 1905 da Luigi Burgo.

FONTE: ilsole24ore.com

Tags: , ,

TheEnergyNews

The Energy News è un blog di professionisti che fa parte di un network specializzato sui temi dell’energia e delle fonti rinnovabili. La redazione, attenta e aggiornata, è in stretto contatto con gli uffici stampa delle aziende di questo settore e si prefigge come obiettivo la diffusione delle notizie legate alle tematiche energetiche sul web 1.0 e 2.0.