Posts Tagged ‘viaggi’

Viaggi all’Estero un Settore in Costante Crescita

Scritto da agenziavistifirenze il . Pubblicato in Dal Mondo, Turismo, Viaggi

I Viaggi all’ Estero sono in costante aumento grazie alle sempre più numerose linee aeree e ad i mass media che hanno negli anni sollevato un interesse crescente per i viaggi verso destinazioni più o meno conosciute.
Nel 2018 sono stati realizzati 1,4 miliardi di viaggi in crescita del 6% rispetto all’anno precedente, questi numeri testimoniano l’importanza del turismo nell’economia mondiale.
Un settore che è considerato prioritario da un numero sempre maggiore di paesi compresi quelli economicamente avanzati e ricchi come la Cina e la Russia.
Paesi come la Cina che fino a poco tempo fa non era facile da visitare oggi è facilmente visitabile grazie alle aperture che il governo cinese ha fatto verso i turisti favorendo e semplificando la richiesta dei visti di entrata sia presso i propri consolati sia attraverso agenzie visto Cina Firenze o di altre città italiane e non.
Nell’ultimo anno il settore turistico ha generato un giro di affari di circa 17mila miliardi di dollari, un numero che cresce ad un ritmo che risulta complesso anche da monitorare in modo preciso..
L’avvento delle compagnie aeree low cost ha dato un forte impulso ai viaggi turistici permettendo ai passeggeri di viaggiare a costi che in alcuni casi sono inferiori anche d altri mezzi di trasporto come i treni ed i pulman.
Anche Internet ha svolto un ruolo importante diffondendo informazioni sempre più dettagliate sulle destinazioni turistiche e mettendo a disposizione piattaforme dove è semplice organizzare viaggi all’estero in modo autonomo senza la necessità di rivolgersi ad un’agenzia.
Tra i viaggi all’estero i paesi di destinazione cha attraggono il maggior numero di turisti ci sono paesi come Francia, Spagna, Stati Uniti, Cina, Italia e Regno Unito ma anche zone come l’Africa ed il Medio Oriente stanno ottenendo aumenti significativi e costante per quanto riguarda i flussi turistici.
I paesi che forniscono il maggior numero di turisti è la Cina che grazie alla forte crescita economica di cui si è resa protagonista ha fornito i mezzi economici ad un numero crescente di cittadini che negli ultimi anni hanno raggiunto quasi 150 milioni di cinesi in viaggio all’estero.

Prestiti per le vacanze: erogati oltre 72 milioni di euro in 5 mesi

Scritto da Andrea Polo il . Pubblicato in Economia, Viaggi

A breve scatteranno le vacanze estive per milioni di italiani; un appuntamento a cui pochi sembrano voler rinunciare e sono sempre di più coloro che, per far fronte ai costi di un viaggio, scelgono di ricorrere ad una società di credito. Secondo le stime di Facile.it e Prestiti.it, nei soli primi 5 mesi del 2019 sono stati erogati oltre 72 milioni di euro in prestiti personali destinati a coprire le spese legate alle vacanze.

L’analisi, compiuta su un campione di oltre 95.000 domande di finanziamento presentate dal 1° gennaio al 31 maggio attraverso i due portali, da un lato ha definito in 5.291 euro l’importo medio della richiesta di prestito e dall’altro nel 30% l’aumento del peso di queste domande sul totale dei prestiti personali che si è cercato di ottenere.

Se è vero che è aumentato il numero di richiedenti – si legge nell’analisi – è altrettanto vero che si è ridotto il taglio medio e si ricorre al prestito non necessariamente per la vacanza della vita, quella dal costo proibitivo, ma anche per viaggi di valore notevolmente inferiore rispetto al passato; rispetto al totale delle domande, il peso percentuale di coloro che hanno cercato di ottenere più di 10.000 euro per pagare le vacanze è passato dal 22% al 17% del totale. Di contro, i richiedenti che si sono orientati su importi più contenuti, compresi tra i 2.000 euro e i 5.000 euro, nei primi 5 mesi del 2019 hanno rappresentato il 70% del campione totale; erano il 60% nel 2018.

Un altro dato è significativo; nonostante il calo degli importi medi richiesti, i piani di ammortamento si sono allungati, passando da 45 a 51 rate (vale a dire poco più di 4 anni). Ma non è una cattiva notizia.

«Analizzando le migliori offerte presenti sul canale online emerge che i tassi di interesse (taeg) medi* per un prestito personale chiesto per pagare le spese legate ad un viaggio variano tra il 6,64% e il 7,15%», spiega Andrea Bordigone, responsabile prestiti di Facile.it. «Valori che permettono a chi presenta domanda di puntare ad un piano di ammortamento più lungo – che si traduce in una rata più leggera – senza che questo abbia un impatto eccessivo dal punto di vista degli interessi da pagare».

Dall’analisi del profilo di chi ha presentato domanda di prestito personale per pagare un viaggio emerge come questa tipologia di finanziamento sia particolarmente diffusa tra i giovani. Se, in generale, chi si rivolge ad una società di credito in Italia ha, in media, più di 43 anni, quando si tratta di prestiti per le vacanze l’età media dei richiedenti scende al di sotto dei 39 anni. Un valore su cui hanno un ruolo determinante gli under 30, ai quali fa capo quasi una domanda di prestito vacanze su tre.

A presentar domanda di prestito è stato nel 76% dei casi un uomo, mentre lo stipendio medio dichiarato in fase di richiesta è pari a 1.750 euro, anche se permangono le differenze tra il campione maschile, che in media dichiara uno stipendio di 1.862 euro e quello femminile, con un reddito mensile di 1.361 euro.

Per quanto riguarda la posizione lavorativa dei richiedenti, il 61% è un dipendente privato a tempo indeterminato, il 10% un lavoratore autonomo o libero professionista.

 

*Simulazione realizzata su Facile.it in data 19 giugno 2019 considerando una richiesta di prestito personale per vacanza di 5.000 euro da restituire in 48 rate

Sicurezza in auto: ecco le cattive abitudini di cui abbiamo nostalgia

Scritto da Andrea Polo il . Pubblicato in Automobili, Internet, Turismo, Viaggi

Oggi, anche grazie a normative legali stringenti e maggiore senso civico, quasi tutti gli italiani sono a conoscenza dei rischi enormi che si corrono nel mettere in atto comportamenti scorretti quando si viaggia in auto o in moto ma, inutile negarlo, la stessa consapevolezza non esisteva negli anni ‘70 e ’80. Facile.it, il principale sito italiano di comparazione del settore assicurativo, ha voluto scoprire non solo quali erano i comportamenti sbagliati di allora e quali sono quelli ancora messi in atto ma, anche, quelli che in tutta onestà…un pochino ci mancano. Ecco i risultati del sondaggio condotto a ottobre 2017.

Le cinture di sicurezza, dopo anni ahinoi…

Partendo dal passato, forse non sorprende più di tanto scoprire che il 70% dei rispondenti dichiara che fra gli anni 70 ed 80 nei viaggi in auto con la famiglia nessuno usava le cinture di sicurezza. La legge italiana ne rese obbligatori gli attacchi nel 1976, ma solo nel 1988 anche l’uso effettivo. Da allora, per fortuna, di strada se ne è fatta tanta ed oggi solo il 7% di chi ha risposto al sondaggio afferma di continuare a non allacciare la cintura di sicurezza. La situazione, purtroppo, cambia notevolmente se dai sedili anteriori ci spostiamo a quelli posteriori; in questo caso viaggiano senza cintura addirittura l’86% dei rispondenti.

Quando i bambini viaggiavano in braccio

Papà, mi fai guidare? Mamma posso sedermi davanti con te? Quanti bambini dicevano così negli anni 80? Tanti a giudicare dalle risposte date al questionario di Facile.it. Secondo i dati il 26% dei bambini di allora ha viaggiato in braccio al genitore sul sedile del passeggero ed il seggiolino cui oggi ancoriamo i nostri figli era poco meno di un miraggio, lo usavano meno del 45% dei genitori. Abitudini sbagliate, senza se e senza ma che, però, a molti mancano.

Tre intervistati su quattro dichiarano di rimpiangere i viaggi fatti sdraiati sul sedile posteriore senza curarsi delle cinture, poco meno di uno su 3 (37%) quelli in cui, addirittura, ci si sdraiava sulla cappelliera o si giocava con le spalle al finestrino o, nel 12% dei casi ci si faceva trasportare nel bagagliaio e, magari (9%) durante il viaggio si passava con assoluta disinvoltura da lì ai sedili e viceversa.

Il capitolo due ruote

Le cattive abitudini stradali viaggiavano, e tuttora viaggiano, anche su due ruote. Oltre un intervistato su cinque (21%) dichiara che, da bambino, andava in moto tranquillamente con uno dei genitori anche prima di aver compiuto i 5 anni, nel 26% dei casi non usava il casco e, quando era in sella allo scooter con mamma e papà…viaggiava schiacciato fra di loro! (20% del campione). La consapevolezza del pericolo, però, a quanto pare su due ruote viaggia meglio e, fra tutti i comportamenti elencati, l’unico ancora praticato (appena dal 5% dei rispondenti) è quello di portare sullo scooter anche bambini con meno di 5 anni di età.

Costa Rica, quando andare per passare una bella vacanza

Scritto da RemigioLordi il . Pubblicato in Dal Mondo, Viaggi

Se si sta organizzando un viaggio in Costa Rica, quando andare è una delle prime cose da stabilire: per poter godere al massimo delle proprie vacanze nello splendido stato centroamericano è bene dare uno sguardo alle sue caratteristiche climatiche; solo così sarà possibile individuare il miglior periodo dell’anno per partire.

La Costa Rica si trova vicina all’Equatore, quindi dal punto di vista delle temperature non ci sono dei grandi sbalzi durante l’anno: nel periodo più freddo ci sono 14/17 gradi, mentre le massime difficilmente vanno oltre i 24/27 gradi; naturalmente il caldo si farà sentire di più nelle zone di pianura e vicino alle coste, mentre nelle zone montuose il clima è più mite.

Quando andare in Costa Rica: i mesi migliori per godersi una bella vacanza

Buona parte del territorio per via del clima tropicale è caratterizzato dalla presenza di piogge abbondanti durante tutto l’anno, ma in alcune zone, in special modo l’altopiano interno e le coste che si affacciano sul Pacifico la stagione delle piogge è limitata ai mesi che vanno da maggio a novembre.

Per chi vuole visitare queste zone, il periodo migliore dell’anno è quello della stagione secca tra dicembre e aprile, con giornate calde e notti fresche: una situazione ideale per godersi una bella vacanza. Quindi quando andare in Costa Rica? Vediamo ora in quali mesi conviene organizzare il viaggio in base alla regione del Paese che si intende conoscere.

Nella zona dell‘altopiano interno, dove si trova anche la capitale San Josè, tra dicembre e aprile le precipitazioni sono ridotte al minimo, il clima è quasi sempre secco, anche se rimane leggermente più fresco se paragonato a quello delle zone delle coste sul Pacifico. Queste rappresentano la meta ideale per chi cerca una vacanza al caldo durante l’inverno: tra ottobre e aprile su questo versante le temperature sono più alte rispetto a quelle che si trovano sulla costa caraibica.

Sul lato caraibico infatti non c’è una vera e propria stagione secca: in questa zona si registrano circa 3.000 millimetri di pioggia durante l’anno. Le precipitazioni sono presenti anche nei mesi di febbraio e marzo, ma i picchi si registrano a dicembre e luglio. A Nord Ovest c’è la zona della savana, ovvero quella meno piovosa.

Informazioni sul clima in Costa Rica

Scritto da RemigioLordi il . Pubblicato in Dal Mondo, Viaggi

Quando si pensa a questo caldo paese dell’America Centrale, a volte si è portati a credere che la bella stagione duri per tutto l’anno. Non è sempre così: per organizzare adeguatamente il nostro viaggio scopriamo tutto quello che c’è da sapere sul clima in Costa Rica.

Il clima in Costa Rica: non tutte le stagioni offrono le stesse cose

Anche se il clima in Costa Rica è sempre caldo, non per questo tutte le stagioni sono adatte ad un viaggio.

Il periodo di alta stagione, quello con il clima caldo e assolato che ci si può aspettare, è quello che offre il clima migliore in costa Rica e va dalla fine di dicembre fino, all’incirca, alla metà del mese di aprile.

Tuttavia ci sono altri periodi dell’anno che possono essere piacevolissimi per un viaggio in queste zone.

Occorre ricordare che, a metà aprile circa, inizia la stagione delle piogge: se il nostro viaggio prevede escursioni e visite ai diversi siti di interesse storico o naturalistico, è bene evitare il periodo che va da maggio a ottobre, perché spesso molte strade risultano poco praticabili e, in alcuni casi, del tutto impraticabili.

Se invece desideriamo godere del sole, dell’oceano, del calore e delle spiagge, anche il periodo compreso fra la metà di aprile e maggio può offrirci un clima adeguato, pur evitando di rientrare nella alta stagione. In questo periodo avremo giornate in cui inizia a piovere, ma le piogge saranno ancora scarse.

Un altro periodo, in cui le giornate di pioggia si alternano alle sempre più frequenti giornate di sole, è quello che va dalla metà di ottobre sino alla fine di dicembre: poco prima, insomma, della stagione più gettonata, il clima in Costa Rica ci regala benessere e relax, senza per questo dover fare i conti con una grande folla di turisti.

Parlando di clima in Costa Rica, ci si riferisce più di frequente al clima che si trova sulle spiagge: nelle regioni interne, spesso molto montagnose, il clima è ovviamente assai diverso, con temperature che in alcune zone possono essere alquanto rigide rispetto al clima costiero.

Se abbiamo in mente di effettuare escursioni in qualcuno dei diversi parchi naturali, mettiamo in valigia anche qualche leggero giubbotto per ripararci dal fresco.

Tour operator per Costa Rica: il servizio giusto per la destinazione giusta

Scritto da Davide Ruggeri il . Pubblicato in Dal Mondo, Viaggi

Conosciamo tutti quali sono in vantaggi e le meraviglie che può offrirci una destinazione incantevole come Costa Rica, ma quali sono i vantaggi per chi viaggia nello scegliere di organizzare la propria vacanza con un tour operator?

Perché scegliere un tour operator per Costa Rica

Le informazioni su costa Rica, destinazione ricca di interesse specialmente negli ultimi anni, si trovano un poco ovunque, anche in Internet, magari sui siti istituzionali del paese di destinazione.

Perché allora scegliere un tour operator per Costa Rica, dal momento che non è più una meta talmente rara da poter risultare problematica?

Le ragioni per scegliere di utilizzare i servizi di un Tour Operator per Costa Rica sono diverse.

Innanzitutto la sicurezza delle prenotazioni: un operatore turistico, infatti, vi assicura che le vostre prenotazioni non saranno per voi fonte di sorprese.

Secondariamente, in caso di annullamento della prenotazione per motivi di forza maggiore, un operatore del settore potrà agevolarvi sostituendo la prenotazione od offrendovi uno sconto sulla prenotazione successiva. Ovviamente dovrete prima verificare quali siano le possibilità offerte da quella specifica agenzia, ma molto spesso non vi sarà, oltre alla perdita della vacanza, anche la totale perdita della somma da voi investita per il vostro viaggio.

Terza e non ultima ragione per cui scegliere un Tour Operator per le vostre vacanze in Costa Rica, è il risparmio, molte volte abbastanza significativo, sia per il viaggio che per il soggiorno.

Ultimo, ma non per questo meno importante motivo, è il fatto che, organizzando le vacanze od i viaggi tramite un operatore del settore, potrete avere sempre, in ogni momento, un supporto in caso di problemi di diversa natura che potrebbero, se partite da soli senza alcun servizio, rendere le vacanze un vero e proprio tour de force. Pensiamo ad esempio alla banale ipotesi di problemi nel trasporto bagagli od alla sfortunata eventualità di un furto, che ci potrebbe lasciare non semplicemente senza denaro, ma soprattutto senza documenti. Appoggiandoci ad un operatore del settore, sarà più facile rimediare anche a questa eventualità.

Racconto di un Turista durante il viaggio in Costa Rica

Scritto da RemigioLordi il . Pubblicato in Viaggi

Il Costa Rica è una terra che offre ben 1.300 km di coste e spiagge naturali ma non solo, perché un viaggio in Costa Rica offre anche bellezze naturali davvero uniche e una cultura ed un folklore senza eguali

In un viaggio in Costa Rica le occasioni di vivere la classica vacanza balneare certo non mancano con ben 1.300 km di coste e spiagge, dalla sabbia nei colori dal bianco al nero assoluto, affacciate per circa 1.000 km sull’oceano Pacifico e per il restante sul Mare dei Caraibi.

Spiagge che sono per lo più deserte o poco frequentate, tra le quali assolutamente da menzionare le spiagge del Guanacaste, nel nord della penisola di Nicoya, ideali per un soggiorno di mare in quanto vantano un clima secco molto piacevole, e ancora, Playa del Coco, Playa Flamingo, Playa Tamarindo, Playa Junquilla, Playa Conchal e molte altre.

Ma le bellezze del Costa Rica non sono finite qui, perché questa terra vanta davvero innumerevoli bellezze naturali, con parchi naturali dalla rigogliosissima e selvaggia vegetazione, con una fauna particolarmente varia, da visitare lungo un itinerario alla scoperta della natura e degli animali.

Ma questa terra offre ancora molto, molto di più, tanto che è possibile riscoprirla ad esempio con un viaggio in Costa Rica all’insegna del folklore e delle numerose festività, che la animano tutto l’anno

Gli Eventi e i Posti da non Perdere in Costa Rica

Il Costa Rica infatti è un paese gioioso, la cui popolazione cattolica, è volta al rispetto dei valori della patria e della famiglia, che ricorda durante l’anno con tipiche feste e celebrazioni religiose. Festività che durante la settimana di Pasqua vedono praticamente tutto chiuso e che nella settimana tra Natale e Capodanno, vede tutti coinvolti da un vero e proprio periodo festivo – anche se non ufficiale – in particolare a San José. E proprio la festa del Santo patrono, così come le altre ricorrenze importanti sono celebrate con tanto di fuochi d’artificio, gioiose sfilate multicolori, balli e tanta musica.

Non mancano poi in diverse aree del Paese sagre, fiere agricole, concerti e Festival come quello della musica in agosto a livello nazionale, ed ovviamente il pittoresco Carnevale di Limón che si tiene a ottobre. Ma non solo.

Particolarmente ricco infatti il calendario delle feste in Cosa Rica, ove esclusi le classiche festività del Capodanno, della Pasqua e del Natale, si festeggiano: il 19/03, la Festa di San Giuseppe; l’11/04, la Festa di Juana Santamaria e Battaglia di Rivas; il 22/04, la Giornata della terra; il 25/07, l’Annessione di Nicoya al Costa Rica; il 1/5, la Festa del lavoro; il 29/6, la Festa per i Santi Pietro e Paolo; il 2/8, la Festa della Vergine degli Angeli; il 15/8, la Festa di Maria Assunta; il 24/8, la Festa dei Parchi nazionali; il 4/9, la Festa del bambino; il 15/9, la Festa dell’Indipendenza; il 12/10, la Festa della scoperta dell’America; il 17/10, la Giornata della lotta alla povertà; il 24/10, la Festa delle Nazioni Unite; il 2 Novembre, Ognissanti; il 20/11, la Giornata dell’infanzia e il 10/12, la Giornata dei diritti umani.

WinCoge2 gestisce in maniera semplice e veloce gli split payment

Scritto da wincoge2 il . Pubblicato in Aziende, Informatica

WinCoge2 gestisce in maniera semplice e veloce gli split payment

Dal 1° gennaio 2015 saranno le amministrazioni pubbliche a versare l’iva dovuta ai propri fornitori. Per intenderci fronte di una fattura lorda di 122€ riceveremo solo i 100€ della base imponibile e i 22€ dell’iva a debito saranno da stornare in contabilità.

WinCoge2 è predisposto con:

  • Un conto nel piano dei conti 170.001P: descrizione “Iva su vendite Pubblica Amministrazione”
  • Un registro iva sezionale 1P: descrizione “Vendite Pubblica Amministrazione”, tipo “01”, conto iva “170.001P”, spuntare la casella ‘riservato allo split payment’
  • Un codice ritenuta PA22: descrizione “Storno IVA split payment, %ritenuta 22 (oppure 10 o 4 corrisponde all’aliquota iva), conto “170.001P”
  • Un tipo documento PA: descrizione “fattura Pubblica Amm.ne”, registro iva “1P”, varie3 “L’imposta non verrà incassata ai sensi dell’art.17ter DPR633/1972 (split payment)”

Per maggiori informazioni visita il sito www.WinCoge2.it

WinCoge2 e Agenzie Viaggi

Scritto da wincoge2 il . Pubblicato in Economia, Informatica, Tecnologia, Tecnologia Personale

Dalla versione *.14 WinCoge2 possiede un automatismo che semplifica le registrazioni iva delle agenzie viaggi.

La legislazione vigente permette alle agenzie viaggio di utilizzare un metodo chiamato “da base a base” per cui l’iva è scorporata dalla differenza tra i costi e i ricavi lordi invece che essere calcolata sulla differenza tra iva credito ed a debito.

Il tutto è già predisposto sulla “DittaEsempio” da cui si parte con WinCoge2.

Nel caso stiate già utilizzando WinCoge2 è possibile predisporre:

– un apposito codice iva 74T “74TER agenzie viaggi”

– una apposita causale S74 “Scorporo iva 74Ter agenzie viaggi”

– un apposito registro iva AV “Conteggio iva 74 Ter agenzie viaggi”.

In fase di stampa registri iva e calcolo liquidazione, apparirà un prospetto con il conteggio dell’iva per agenzie di viaggi (da base a base) con totale operazioni di vendita 74ter, totale acquisti 74ter, differenza vendite-acquisti, imponibile risultante dallo scorporo e l’imposta.

Per saperne di più visita il sito www.WinCoge2.it il software per la contabilità.

Se invece vuoi informazioni sul gestionale completo visita www.WinCoge.it.

Coupon

Scritto da Andrea costa il . Pubblicato in Aziende, Internet, Nuovo Sito Web

Offerte Coupon

Il 18 dicembre dell’anno 2013 in Sicilia, alcuni giovani decisero di dar vita a questa splendida idea innovativa  PrenotaOra, non immaginavano nemmeno il benessere che avrebbero portato ai Italiani, partendo da tre semplici parole: risparmio, qualità e massima sicurezza negli acquisti, ma anche benessere e felicità.
L’obiettivo del team è dare massima visibilità ad aziende che non possono permettersi costi pubblicitari esorbitanti, creare una realtà lavorativa che faccia la differenza.

Link utili

Offerte

B&B

Offerte Ristoranti

Offerte Pizzerie

Offerte Viaggi

Offerte voli

Preventivo assicurazione

PrenotaOra.com è meritevole di attenzione, sta nel fatto che, la Alexa Traffic Rank (uno dei autorevoli fonti del settore statistico), colloca la realtà del gruppo d’acquisto di Prenotaora.com, nelle prime posizioni tra i migliori network nazionali del coupon per visualizzazioni giornaliere.

La piattaforma di prenotaora conta oggi oltre 5.000 aziende Italiane convenzionate, 350.000 utenti registrati e iscritti alla newsletter e 7 nuove offerte giornaliere di diverse categorie commerciali.

PrenotaOra.com nasce per distribuire felicità alla gente intese sia come consumatori sia come aziende. Gli utenti di PrenotaOra, riacquistano il sorriso perché possono permettersi tanti piaceri alla quale,  visto il momento poco brillante dell’economia, avrebbero rinunciato.

Le attività grazie a PrenotaOra.com hanno ritorni economici esponenziali:
  • Aumentano soprattutto i volumi di vendita
  • Moltiplicano le loro recensioni sul web
  • Accrescono esponenzialmente il passaparola
  • Favoriscono extra da parte del cittadino, che arrivando a prezzo scontato si sente in debito
  • Riempiono le fasce orarie vuote, capitalizzando l’invenduto certo.Stimolano la domanda d’acquisto
  • Stampa, Radio, TV, affissioni… Nulla ti potrà aiutare ad ottenere nuovi utenti con la stessa potenza di una campagna PrentoaOra.com. Non ci sono costi iniziali e i risultati sono garantiti nel tempo.
  • Stimolano la domanda
Punti di forza PrenotaOra:
  • Località, con uffici in tutta l’Italia, aperti al pubblico dal lunedì al sabato.
  • Last Minute della ristorazione, del tempo libero e dei centri bellezza e benessere
  • Prenotaora investe tantissimo nella relazione con esercente e consumatore siamo sempre al loro servizio.  Puoi contare sul nostro supporto dalla consulenza iniziale alla gestione dei coupon finale, troverai sempre un team al tuo servizio 24 ore su 24.