Posts Tagged ‘veneto’

Venezia: alla “Milano Art Gallery” si applaude Amanda Lear in mostra

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

L’esclusivo contesto veneziano del “Milano Art Gallery Pavillion” in Calle dei Cerchieri 1270, zona Dorsoduro, è la location ospitante dell’attesissima mostra personale di Amanda Lear dal titolo “Passioni”, inaugurata con grande successo il 13 giugno, che rimarrà allestita fino al 14 luglio, con la gestione organizzativa del manager della cultura Salvo Nugnes, presidente di “Spoleto Arte”. In esposizione una corposa carrellata di suggestivi dipinti appartenenti alla vulcanica Lear, personalità spumeggiante di fama internazionale, dallo spiccato talento e dal vivace spirito d’inventiva, che si ispira a tematiche eterogenee e molto stimolanti nella chiave interpretativa.

Vittorio Sgarbi di lei ha dichiarato: “È una figura interessante nel mondo dell’arte, direi che il suo stile si avvicina alla transavanguardia, ne è un’anticipazione. Potrei trovare delle similitudini con Sandro Chia. Anche il messaggio legato all’arteterapia e alla cromoterapia, sul quale lei rimarca, mi sembra interessante“.

Philippe Daverio, nel raccontare l’amicizia che lo lega da lunga data alla Lear, ha spiegato: “La cara Amanda è diventata veramente grande ed ha vissuto in modo particolare. La conosco molto bene, perché veniva da me in galleria ancora 30 anni fa e la sua arte, così originale e spiritosa, corrisponde appieno con la sua persona e la sua singolare e frenetica vita. È un personaggio molto creativo e molto alternativo“.

Giordano Bruno Guerri invece ha evidenziato: “L’influenza di un mentore e pigmalione eccelso come Salvador Dalì è indiscutibile. Per me sono stati una coppia esemplare, perfetti nel loro equilibrio di artisti creativi. Potrei dire, che sono stati una coppia a modello appartenente a quel filone di storie d’amore sempre speciali e mai banali. Immagino, che Dalì ovunque si trovi, sia pienamente soddisfatto e compiaciuto della sua musa e dell’importante percorso“.

Intervista a Gianni Covolo, certezza italiana nel settore dell’arredo bagno

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Aziende, Casa e Giardino

Gianni Covolo è un imprenditore di successo, che ha fondato da solo la sua azienda di arredo bagni nel 1987; l’azienda negli anni è cresciuta gradualmente ed è oggi una realtà consolidata e all’avanguardia, con molti collaboratori e un ricco portafoglio clienti. Interni Srl, con sede a Romano d’Ezzelino, nel vicentino, offre servizi e prodotti finiti di alta qualità e su misura, personalizza gli spazi interni con un tocco unico ed esclusivo, dando importanza ad ogni dettaglio, utilizzando materiali pregiati e fornendo un’impostazione sobria e minimale, ma al contempo ricercata e chic. Di seguito l’intervista:

1) Da quanto tempo ha intrapreso questa attività professionale?

Ho iniziato nel 1987, direi che mi posso considerare uno “storico” del mestiere.

2) Qual è il suo target di clienti principale e in quale zona lavora maggiormente?

Nella naturale evoluzione del lavoro, sono arrivato a conquistare un target di clienti alto e tendenzialmente fidelizzato nel tempo. La clientela si è formata soprattutto tramite rapporti interpersonali consolidati, referenze e passa parola fiduciari e negli anni si è incrementata gradualmente. Io svolgo il mio lavoro sia nel raggio di 50/100 km nel comprensorio territoriale del Veneto, dove ha sede la mia ditta, ma anche all’estero e in particolare in Transilvania, in cui ho stretto positivi contatti, che porto avanti con proficuo interesse.

3) Lavora da solo oppure con dei soci/collaboratori?

Premetto, che ho creato da solo l’azienda e sono arrivato ad avere fino a 25 collaboratori e a gestire il lavoro insieme ad un socio. Poi ho deciso di lasciare l’attività a mio fratello e mi sono concesso 1/2 anni di cosiddetta pausa sabbatica. Attualmente ho aperto un atelier show room e lo gestisco insieme ad una socia. Ci accomunano l’esperienza e la voglia di fare, mantenendo sempre un’elevata qualità nel servizio e nei prodotti forniti.

4) Quali sono i suoi prodotti di punta e quali caratteristiche peculiari e distintive hanno?

Non ho un vero e proprio elenco dettagliato riferito a prodotti di punta, ma in generale ciò che contraddistingue il mio lavoro è l’originale integrazione di materiali vari inseriti nei bagni e gli spazi, che vengono ricreati e personalizzati con un tocco unico ed esclusivo. Non usiamo situazioni standard, ma diamo importanza al dettaglio più particolare. Riusciamo a dare agli spazi un gusto sempre attuale e senza tempo, usando materiali pregiati, ma disposti con semplicità e con impostazione sobria, minimale e al contempo raffinata, ricercata e chic, senza esagerazioni e ridondanze superflue e senza esasperare il dettaglio. I clienti oggi fanno scelte più mirate e razionali, perché vogliono fare un investimento sicuro, scegliendo un oggetto di design bello, ma anche funzionale e pratico nell’utilizzo. Noi inseriamo meno profili possibili e meno fughe possibili e facciamo tutto su misura, come un “abito sartoriale”.

5) Un suo commento sull’attuale mercato dell’arredo e dei complementi arredo bagno in generale.

Nel mercato nazionale penso ci sia ancora tanto da fare, ma serve tanta passione e propensione, non si può assolutamente pensare a una vendita in forma automatica. Va evidenziato poi, che la crisi economica generale rallenta il mercato. Per riuscire a essere competitivi bisogna trovare il miglior compromesso di equilibrio tra il bello, che costa il giusto prezzo. Allora si vede davvero la vera e autentica professionalità e competenza del fornitore. I clienti affrontano le spese in modo più prudente, calibrato e ponderato. Io dico sempre, che i soldi vanno dove vanno le emozioni e purtroppo il “terrorismo psicologico” dilagante a livello sociale tende a bloccare e irretire, facendo da deterrente nelle spese.

6) Le capita di partecipare come espositore a delle fiere di settore? Quali e con quale cadenza annuale?

Mi capita periodicamente di visitare fiere ed esposizioni di settore e sono sempre interessato e curioso sulle novità, ma volutamente non vado come espositore, perché noi siamo più una “catena finale”, quella che posiziona e vende i prodotti e mette insieme la vendita finale con il servizio offerto.

7) Se dovesse dare dei consigli/suggerimenti a chi vuole iniziare a svolgere questa professione, cosa direbbe?

Mi sento di dire, che chiunque voglia iniziare a svolgere questo mestiere deve avere innanzitutto amore e passione verso tale lavoro. Poi ovviamente, non si può mai improvvisare, ma bisogna acquisire competenze e conoscenze specifiche in materia con una “gavetta” e una pratica fatte giorno dopo giorno nell’arco del tempo.

8) Offre anche l’opportunità di acquistare i suoi prodotti on line? Ha un sito di riferimento da poter visionare?

Non facciamo vendita on line, ma solo vendita su progetto personalizzato, con uno studio accurato e un’ideazione approfondita situazione per situazione, per soddisfare le esigenze più diversificate e peculiari. Abbiamo un sito di riferimento, a cui si può accedere e che prossimamente vogliamo aggiornare e integrare con nuove applicazioni, tipo i social network, per renderlo ancora più fruibile e interattivo.

Un affiliato dell’impresa di pompe funebri Illuxit in franchising racconta la sua esperienza imprenditoriale

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Aziende

Illuxit è una realtà imprenditoriale affermata, che opera da decenni nel settore delle onoranze funebri. Offre un servizio completo e professionale, innovativo e al passo coi tempi. Inoltre, grazie al volume di acquisti e alla fiducia guadagnatasi negli anni con i vari fornitori, riesce a proporre prezzi inferiori alla media di mercato e, a sua volta, permette agli affiliati di avere spesso la meglio sulla concorrenza. Tutto questo, unito al fatto che parliamo comunque di un settore che “non conosce crisi”, spinge molte persone ad aprire un’agenzia in franchising.

Di seguito l’intervista all’amministratore dell’agenzia “Il Crepuscolo”, agenzia affiliata di Illuxit a Riva del Garda, che ci racconta come e perché abbia intrapreso questo percorso all’interno della rinomata società di pompe funebri:

D: Da cosa è scaturito il desiderio di inserirsi in questo settore imprenditoriale?
R: La risposta a questa domanda non può che rifarsi al contesto socio-economico del momento; una situazione che non riguarda più solo il singolo individuo bensì l’intera collettività. Una contingenza nella quale l’unico spiraglio di un’opportunità di business riguarda un settore che “…non conosce crisi”, ed inoltre fornisce un contatto umano ormai perso nel tempo, dove la sensibilità e la professionalità potrebbero ancora determinare una differenza.

D: Ha dei soci o è proprietario individuale dell’agenzia?
R: Quest’attività non è un’esperienza individuale, ma una società in nome collettivo. Presenti come soci siamo io e mia moglie, inserendo poi dei collaboratori.

D: Come è avvenuto il contatto con la società direzionale di Illuxit?
R: Osservando con cura ed attenzione la situazione contingente del nostro Paese, analizzando molti aspetti da quelli culturali sociali ed economici, utilizzando come strumento di ricerca Internet, sono venuto a conoscenza di questo progetto di franchising. Interessante ed accattivante nel suo brand, mi ha incuriosito, rivolgendomi così al Responsabile Marketing Dott. Lorenzi. La professionalità, la disponibilità e l’attenzione mostrata nei miei confronti, mi ha spinto ad approfondire la conoscenza di questo progetto…perciò eccomi qui.

D: Che attività svolgeva prima di intraprendere questo lavoro?
R: Questo lavoro non sostituisce l’attuale, in quanto l’attività di investigazione privata e commerciale, nonché i servizi di gestione del credito, rimangono sempre attivi. Professione che ci consente di studiare con attenzione ogni minimo cambiamento sia a livello economico che sociale e che ci ha insegnato soprattutto a comprendere e valutare le persone che ci sono di fronte, solo ascoltando i loro problemi e le loro vicissitudini. Questo tipo di background sociologico certamente ci potrà aiutare a svolgere questa nuova attività, in maniera più efficace, sensibile ed attenta.

D: Dove si trova la Sua agenzia affiliata e com’è strutturata?
R: Il punto Illuxit si trova a Riva del Garda (Tn) in V.le Martiri XXVIII Giugno n° 11 ed ha un punto luce anche a Fiavè (Tn) in Via Martiri della Resistenza n°1.
La decisione di scegliere queste due ubicazioni nasce dal fatto che le esigenze territoriali della zona sono molto particolari, essendo comuni numerosissimi ma scarsamente popolati. I punti saranno ovviamente gestiti e condotti personalmente da me e mia moglie, utilizzando dei collaboratori per poter gestire nel migliore dei modi anche la realtà delle Valli Giudicarie, dove è sito il punto di Fiavè, sede legale della società.

D: Sono previsti degli appositi corsi di formazione e di aggiornamento?
R: Consideriamo la formazione ed i corsi di aggiornamento assolutamente necessari per poter svolgere un lavoro così delicato, ed al tempo stesso sempre in continua evoluzione, visto che si tratta di una professione che riveste anche un aspetto sociale. Ecco perché è nata le decisione di rivolgersi ad un progetto di franchising, che riesca a supportare questo tipo di esigenze.

D: Un commento sull’attuale mercato di settore a livello nazionale.
R: Ritengo di non poter esprimere giudizi nei confronti di un settore, di cui abbiamo ancora solo una conoscenza marginale. Senz’altro la nomea di alcune agenzie funebri ha contribuito ad accrescere nelle persone una naturale diffidenza ed avversione nei confronti degli imprenditori del settore. Mentre la professionalità di altre ha reso questa figura particolare, senz’altro più apprezzabile. E’ comunque un settore poco incline ai cambiamenti e ritengo quindi che la presenza di persone che provengono da esperienze lavorative diverse, possa favorire l’idea di novità e professionalità nella consapevolezza comune.

D: Una curiosità: se dovesse pensare di aprire un’altra agenzia Illuxit in franchising in un Paese estero, dove si orienterebbe e perché?
R: L’attuale realtà economica nazionale ed internazionale rende questa valutazione molto difficile. Sicuramente per il tipo di servizio offerto bisognerebbe valutare dei Paesi simili al nostro per tradizioni e cultura e sostanzialmente non troppo lontani; ovviamente la Spagna e la Grecia, sarebbero da considerarsi ideali candidati, ma la loro economia non favorisce alcun tipo di investimento. I Paesi dell’Est potrebbero essere un mercato appetibile, ma sostanzialmente povero e conflittuale. Quindi potrei suggerire realtà come la Germania, l’Austria, la Svizzera, la cui economia potrebbe avvantaggiare un possibile investimento ed i cui Governi riescono a garantire una certa stabilità, bene importante e introvabile in questo periodo.

Pieve di Cadore: annunciato l’evento imperdibile in onore del grande maestro Tiziano Vecellio con protagonista il Professor Vittorio Sgarbi

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

Si annuncia un evento imperdibile e di forte risonanza mediatica quello, che si svolgerà in data Sabato 25 Aprile 2015, dalle ore 17.00, con protagonista il Professor Vittorio Sgarbi, che nel pittoresco contesto di Pieve di Cadore (BL), presso la Chiesa Arcidiaconale di Santa Maria Nascente, terrà un incontro in stile Lectio Magistralis con guida alle opere dal titolo “Tiziano Vecellio e la sua scuola”. Sarà un modo per rendere un significativo omaggio simbolico celebrativo a Tiziano, esimio maestro originario del luogo e per ricordare uno dei principali esponenti della storia dell’arte di tutte le epoche. L’iniziativa è organizzata dal manager produttore Salvo Nugnes, presidente dell’Associazione “Spoleto Arte”.

Dopo un momento conviviale di aperitivo presso il Gran Caffè Tiziano, tutti i presenti avranno la possibilità di partecipare ad una speciale visita guidata alla Casa Natale di Tiziano, antica residenza familiare dove è nato, che all’epoca della costruzione rappresentava una tipica dimora di famiglia locale distinta, che annoverava tra i suoi componenti personaggi altolocati, tra cui notai, mercanti di legname, funzionari incaricati della gestione istituzionale e pubblica. L’edificio odierno, al pian terreno, ospita una raccolta di riproduzioni della collezione di disegni tizianeschi della galleria degli Uffizi di Firenze e dell’inedita documentazione relativa al celebre pittore. L’iniziativa si concluderà con un’esclusiva cena di gala presso l’Hotel Dolomié, situato in via Privata Dolomiti 18, in compagnia del Prof. Sgarbi e di altre personalità di spicco. Nell’occasione la rinomata struttura alberghiera ospiterà, fino al 25 Maggio 2015, una mostra collettiva di talentuosi artisti contemporanei, che inaugurerà proprio il giorno dell’evento.

Su Tiziano Sgarbi ha commentato “Tiziano sgombra pienamente la timidezza di Giorgione, come scrisse felicemente Longhi. Il principio fecondo del Classicismo cromatico di Tiziano consiste nell’elezione stessa del colore, lievitando di interna luminosità. Il che significa, che non soltanto le linee e i volumi informano le composizioni stesse, ma soprattutto il colore, inteso come elemento costitutivo dell’insieme armonico dell’opera, in una nuova orchestrazione dei suoi valori. In tutto Tiziano è veramente qualche cosa di fidiaco nel far rivivere una sognata classicità: il suo impasto stesso ha il tepore del marmo greco e la medesima sensualità sublimata, incolpevole, in confronto a quella troppo carica e fragrante del Giorgione”.

Pieve di Cadore: evento imperdibile dedicato a Tiziano Vecellio con protagonista Vittorio Sgarbi e come partner Estetica Essenza Del Benessere a Venas di Cadore

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

Attesissimo in data Sabato 25 Aprile 2015 l’evento di forte risonanza mediatica che vede protagonista il Professor Vittorio Sgarbi e che avrà luogo, dalle ore 17.00, nel contesto pittoresco della Chiesa Arcidiaconale di Santa Maria Nascente, a Pieve di Cadore (BL). In questa occasione il noto critico terrà un incontro in stile Lectio Magistralis con guida alle opere, dal titolo “Tiziano Vecellio e la sua scuola”, in omaggio simbolico celebrativo a Tiziano, maestro originario del luogo e uno dei principali esponenti della storia dell’arte di tutte le epoche.

L’evento organizzato dal manager produttore Salvo Nugnes, presidente dell’Associazione “Spoleto Arte”, vedrà come partner l’azienda Estetica Essenza del Benessere, in Via Roma, 4 a Venas di Valle di Cadore (BL).Chiara Mazzucco, titolare del centro estetico, accoglie i propri clienti mettendo a disposizione trattamenti mirati e personalizzati grazie ai 30 anni di esperienza nel settore del benessere del corpo, acquisita nelle strutture più prestigiose a 5 stelle.Il centro offre la possibilità ai clienti di ritrovare il piacere di un rapporto sereno con il proprio corpo alla ricerca di un benessere “essenziale”. Tra i servizi proposti si possono trovare tante soluzioni per ogni esigenza grazie a uno staff di professionisti, uniti con l’obiettivo di valorizzare la bellezza della persona con servizi dimanicure, pedicure, depilazione, massaggi, trattamenti viso e trattamenti corpo. La struttura inoltre dispone dei migliori cosmetici in circolazione, di macchinari di ultima generazione e di attrezzature apposite, dovutamente sterilizzate, per lo svolgimento di ogni seduta.

L’evento offre la possibilità di partecipare ad una speciale visita guidata alla Casa Natale di Tiziano, che all’epoca rappresentava la tipica dimora famigliare locale dove nacque e visse il pittore e che comprendeva tra i suoi componenti personaggi altolocati, tra cui notai, mercanti di legname, funzionari incaricati della gestione istituzionale e pubblica. Oggigiorno l’edificio presenta al pian terreno una raccolta di riproduzioni della collezione di disegni tizianeschi della galleria degli Uffizi di Firenze e l’inedita documentazione relativa al celebre pittore. L’iniziativa si concluderà con un’esclusiva cena di gala presso l’Hotel Dolomié, situato in via Privata Dolomiti 18, in compagnia del Prof. Sgarbi e di altre personalità di spicco. Nell’occasione la rinomata struttura alberghiera ospiterà, fino al 25 Maggio 2015, una mostra collettiva di talentuosi artisti contemporanei, che inaugurerà proprio il giorno dell’evento.

Pieve di Cadore: evento dedicato a Tiziano Vecellio con Vittorio Sgarbi e come partner di “Spoleto Arte” l’ottica Demenego

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

Attesissimo in data Sabato 25 Aprile 2015 l’evento di forte risonanza mediatica che vede protagonista il Professor Vittorio Sgarbi e che avrà luogo, dalle ore 17.00, nel contesto pittoresco della Chiesa Arcidiaconale di Santa Maria Nascente, a Pieve di Cadore (BL). In questa occasione il noto critico sosterrà un incontro in stile Lectio Magistralis con guida alle opere, dal titolo “Tiziano Vecellio e la sua scuola”, in omaggio simbolico celebrativo a Tiziano, maestro originario del luogo e uno dei principali esponenti della storia dell’arte di tutte le epoche.

L’evento organizzato dal manager produttore Salvo Nugnes, presidente dell’Associazione “Spoleto Arte”, vede come partner la società Ottica Demenego S.r.l, con sede in Via Nazionale n. 49, a Calalzo di Cadore, che da 50 anni si occupa del mondo dell’occhialeria. Dal 1960, data della sua apertura, la ditta ha registrato una continua crescita, che le ha permesso di entrare a far parte, oggi, delle imprese italiane più attive e intraprendenti del settore eyewear. L’affermazione è dovuta all’attenzione per il design, alla creatività e all’innovazione, ma anche all’equilibrio tra estetica e funzionalità che ha reso i loro prodotti unici e che ha permesso di sviluppare collaborazioni con noti marchi dello sport e della moda, creando così collezioni esclusive. Dieci sono i punti vendita dell’Ottica Demenego situati nelle città di Calalzo di Cadore, Trento, Desenzano, Padova, Portogruaro, Vandoies, Verona, Sacile, Mestre e Bolzano. Per l’azienda l’importante è la soddisfazione del cliente: dinamicità e flessibilità sono i punti cardine, che nel tempo gli hanno consentito di acquisire clienti in oltre 80 Paesi.

L’evento offre la possibilità di partecipare ad una speciale visita guidata alla Casa Natale di Tiziano, che all’epoca rappresentava la tipica dimora famigliare locale dove nacque e visse il pittore e che comprendeva tra i suoi componenti personaggi altolocati, tra cui notai, mercanti di legname, funzionari incaricati della gestione istituzionale e pubblica. Oggigiorno l’edificio presenta al pian terreno una raccolta di riproduzioni della collezione di disegni tizianeschi della galleria degli Uffizi di Firenze e l’inedita documentazione relativa al celebre pittore. L’iniziativa si concluderà con un’esclusiva cena di gala presso l’Hotel Dolomié, situato in via Privata Dolomiti 18, in compagnia del Prof. Sgarbi e di altre personalità di spicco. Nell’occasione la rinomata struttura alberghiera ospiterà, fino al 25 Maggio 2015, una mostra collettiva di talentuosi artisti contemporanei, che inaugurerà proprio il giorno dell’evento.

In mostra le opere del poliedrico pittore Sergio Giromel al Museo Gipsoteca Canova e con presenza d’eccezione di Vittorio Sgarbi

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

L’illustre struttura istituzionale del Museo Gipsoteca Canova a Possagno è la location designata per accogliere una mostra collettiva con artisti ad alto livello, che si terrà dal 9 maggio al 2 giugno 2015, con la direzione organizzativa del manager produttore di grandi eventi Salvo Nugnes, presidente dell’associazione “Spoleto Arte”. All’evento inaugurale, previsto in data sabato 9 maggio alle ore 18.30, è prevista la presenza d’eccezione del professor Vittorio Sgarbi, designato ambasciatore dell’Expo. L’affermato pittore Sergio Giromel rientra nell’esclusivo novero dei nomi di spicco selezionati per l’importante iniziativa espositiva.

Tra le significative riflessioni espresse per commentare lo stile caratteristico e distintivo, che lo contraddistingue è stato dichiarato “Giromel ha acquisito la piena coscienza dell’uomo moderno e dell’artista contemporaneo, di essere egli stesso artefice e portavoce di una nuova realtà linguistica, da divulgare. Emerge il desiderio di lasciare ai fruitori un segno concreto e tangibile del suo operato, fondendo il microcosmo dell’opera al macrocosmo universale del creato e offrendo una visione ideale e idealizzata, avvolta da una cornice senza tempo e custodita dentro un’atmosfera ovattata e protetta. I lavori possiedono un’identità precisa e definita nel segno unificante del paesaggio e in un confronto continuo e coinvolgente con la natura. Le raffigurazioni denotano il sapiente uso delle scansioni coloristiche, la consolidata capacità di strutturare l’insieme mediante giochi chiaroscurali e la piena padronanza del vibrato luminoso con la luce, che si innerva e compenetra la materia, ravvivandola e vivificandola”.

Sgarbi su di lui ha commentato “La pittura è lo strumento di conoscenza con cui Giromel converte la natura da lui percepita e meditata, troppo vasta e complicata per poter essere spiegata, nella prosa di un discorso verbale, nella sintesi dell’astratto lirico, il campione a cui intuitivamente riconosce la possibilità di poter rendere il senso del tutto, diventando il suo correlativo estetico. È un cezanniano viscerale, talmente interiorizzato da non distinguere più l’esempio del maestro da se stesso. Ma, accanto al Post-Impressionismo, accanto a un Naturalismo francese a cui Nicolas De Staël fornisce il punto di massimo avvicinamento all’astrazione, accanto dunque a una pittura interpretata come visione dell’apparente, mantiene il saldo rapporto anche con una tradizione italiana, che riconosce al disegno la facoltà di estraniare l’oggetto dalla realtà che dovrebbe rappresentare. Per Giromel il Piave corrisponde a un preciso luogo geografico dai sapori intensi, eterni, familiari, per chiunque abbia avuto a che fare con quell’habitat, di cui avverti l’aria umida e frizzante anche quando non lo vedi, i rumori acquatici intervallati da profondi silenzi, anche quando non lo senti”.

Nuovo sito della S.C.A. Montaggi SNC – Azienda specializzata nel montaggio di ponteggi per l’edilizia, la cantieristica navale ed il pubblico spettacolo.

Scritto da Fabrizio webmaster il . Pubblicato in Aziende, Nuovo Sito Web

La S.C.A. MONTAGGI S.N.C. è un’azienda specializzata nel montaggio di ponteggi per l’edilizia, la cantieristica navale ed il pubblico spettacolo.

Nasce come azienda a conduzione familiare nel 2009 per poi svilupparsi rapidamente fino a raggiungere le attuali dimensioni grazie anche all’esperienza maturata nei vari settori dai due titolari che hanno iniziato ad operare nel campo sin dal 1998.

L’esperienza pluriennale maturata nel settore fa si che la S.C.A. MONTAGGI S.N.C. è in grado di offrire alla propria clientela le soluzioni di ponteggio più adatte ad ogni tipologia di intervento garantendo professionalità e competenza.
Siamo in grado di operare, oltre che sul territorio del Friuli Venezia Giulia e nel Triveneto, anche su tutto il Nord Italia.

Per quanto riguarda il settore navale e meccanico siamo in grado di operare su tutto il territorio nazionale con alcune esperienze anche nei paesi della Comunità Europea.

La S.C.A. MONTAGGI S.N.C. dispone di un magazzino in provincia di Gorizia a servizio del territorio Gorizia – Trieste e di un deposito a Villa Santina (in provincia di Udine) a servizio delle province di Udine e Pordenone.

La S.C.A. MONTAGGI S.N.C. non utilizza mai personale di squadre esterne per il montaggio dei ponteggi ma esegue i montaggi con il proprio personale.

Bozzato Trasporti Lagunari trasporta bombole di ossigeno

Scritto da Linkness Web Agency il . Pubblicato in Aziende

Bozzato Trasporti Lagunari: l'ossigeno a domicilio senza preoccupazioni

Dato che l’ossigeno è un gas comburente pericoloso, occorrono mezzi idonei per il suo trasporto: anche per questo tutti i mezzi di Bozzato Trasporti Lagunari sono coibentati. Ciò significa che ogni barca ha una cella di carico isolata termicamente e con un rivestimento che annulla tutte le vibrazioni: in questo modo i trasporti possono avvenire sempre nella massima sicurezza e nel pieno rispetto delle legislazioni vigenti.

Data la pericolosità dei contenitori di gas ad alta pressione, è bene che a trasportarlo e manipolarlo sia solo personale altamente qualificato e specializzato, come appunto l’organico di Bozzato Trasporti Lagunari. L’azienda, inoltre, provvede anche al ritiro ed alla sostituzione della vecchia bombola e all’installazione della nuova.

Bozzato Trasporti Lagunari

Bozzato Trasporti Lagunari è dal 1971 leader per i trasporti e partner logistico ideale nella laguna veneziana. Da sempre garantisce professionalità e puntualità sia nei trasporti che nello smistamento e raccolta materiale nel magazzino.

Grazie ad una flotta di 8 imbarcazioni a motore, tutte dotate dei più moderni sistemi di navigazione GPS di derivazione militare e di radar potenti, offre una vasta gamma di servizi tra cui si annoverano il trasporto e la sostituzione delle bombole di ossigeno.

Per maggiori informazioni su Bozzato Trasporti Lagunari: www.trasportivenezia.com

Un progetto intersettoriale per una nuova economia

Scritto da Fausto Faggioli il . Pubblicato in Economia, Gastronomia e Cucina, Italia, Viaggi

Un innovativo progetto di Turismo Rurale sarà sviluppato nel Territorio del Veneto Orientale, attraverso 5 diversi Temi che abbracceranno le principali aree di interesse turistico e culturale. Promosso dal GAL VeGAL, il Progetto  rientra nel Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Mis. 313 (Incentivazione delle attività turistiche ) ed è frutto della collaborazione fra 16 Comuni del Veneto Orientale.

“Attraverso un brand territoriale unico – asseriscono unitariamente i cinque esperti tematici Giuseppe Pessa, Catia Furlanis, Fausto Faggioli, Carlo Moretti, Marco Oss – il Progetto, coordinato da Bertilla Pavan e Sandro Montagner di Midastudio, garantirà uniformità di linguaggio, di immagine e sarà un contenitore comune all’interno del quale il Territorio si riconoscerà appieno, condividendo finalità ed obiettivi, in un’idea priva di campanilismi locali.”

“ I 5 temi di cui si compone il progetto – sottolinea Pasqualino Codognotto, sindaco di San Michele al Tagliamento – sono le diverse facce di una stessa medaglia geografica, economica e turistica, con fortissime interconnessioni tra loro e possono essere considerati un unico tema, quello dello Slow Tourism.”

“Per promuovere con successo un Territorio – continua Codognotto –  e posizionarlo come meta di destinazione non possiamo prescindere dal “tema agroalimentare”, quello che svilupperemo come Comune di San Michele al Tagliamento. Non si tratta di prendere in considerazione la gastronomia come piatto o ricetta, ma i valori o tratti caratteristici che porta in sé il Prodotto Tipico e quali potrebbero essere gli sbocchi di marketing attraverso la forte integrazione fra i cinque temi del progetto.”

“Le sfide e le opportunità in questo campo – aggiunge Fausto Faggioli, territorial marketing manager e responsabile dell’area tematica Enogastronomica – possono essere trovati in sinergia fra i 5 Temi, finora non associati con le emozioni cercate. Sentire ciò che mangiamo, è il motivo per cui i consumatori si rivolgono a prodotti e ingredienti che ci danno benefici emotivi, non solo nutrizionali. La nuova tendenza è rappresentata dall’emergere di nuovi valori e motivi di richiamo: è il “Territorio dell’esperienza”. Questo è “la strada” di un futuro  in cui il Territorio, grazie alle sinergie fra i nostri 5 Temi, diventerà una grande opportunità di economia territoriale.”

Il cibo e l’alimentazione quindi risultano essere legati anzitutto al gusto e al piacere e il consumo come affermazione della persona si conferma uno dei più importanti aspetti della vita contemporanea che si realizza attraverso dinamiche che si instaurano tra chi progetta e chi ne fruisce. La conoscenza dei Prodotti e del loro uso diventa eccitante e l’esperienza di ciascuno diventa conoscenza attraverso la propria unicità.

“Quello che contraddistingue questo Progetto – specifica Giancarlo Pegoraro, direttore del VeGAL – è la costituzione di un team di lavoro che permetterà, attraverso un coordinamento e unitarietà d’azione, di incidere realmente sullo sviluppo del Territorio, centro di questo progetto. L’obiettivo del GAL è promuovere e sostenere azioni intersettoriali per qualificare l’offerta locale, integrare i settori economici trainanti per il territorio e rafforzare l’identità culturale locale. E questo Progetto ha tutte le caratteristiche per diventare un progetto pilota, trasferibile in molti Territori.”

“Sarà strategico studiare iniziative ad hoc. – termina Codognotto – Strategie di promozione, di commercializzazione che coglieranno le sfumature più significative dell’offerta territoriale e contribuiranno a creare un rapporto indissolubile fra i 5 Temi, affiancando agli strumenti di comunicazione esperienze da vivere in prima persona. Emozioni che porteranno quel valore aggiunto che solo il vissuto può dare, instaurando così un rapporto di fiducia reciproca che permetta di schierare le risorse migliori. Il futuro sarà di chi è riuscito ad entrare nella rete delle sinergie fra mestieri diversi e questo comporta per le imprese affrontare il web con tutti gli annessi e connessi. E’ tempo anche questo, ma anche questo fa parte del futuro. Noi abbiamo il compito di non perdere le tracce del nostro passato rurale ma anche il dovere di portarlo……..…nel futuro.”