Posts Tagged ‘Torino’

“Il colore dell’inganno”, il nuovo thriller dello scrittore Alessandro Sola

Scritto da blob agency il . Pubblicato in Libri

Il Taccuino Ufficio Stampa

Presenta

Il colore dell’inganno di Alessandro Sola

Lo scrittore torinese Alessandro Sola presenta “Il colore dell’inganno”, un thriller avvincente, ambientato in una Torino misteriosa e oscura. Quando viene rinvenuto il cadavere di un giovane appartenente a una ricca famiglia torinese, il commissario Tommaso Fuoco si trova invischiato in un omicidio che si rivelerà essere solo il primo atto di una tragedia sanguinaria e controversa. Un thriller ben concepito abitato da personaggi ambigui, una storia inquietante in cui è difficile comprendere il confine tra vittima e carnefice.

Titolo: Il colore dell’inganno

Autore: Alessandro Sola

Genere: Thriller

Casa Editrice: Pathos Edizioni

Pagine: 387

Prezzo: 18,00 €

Codice ISBN: 978-88-855-29-472

«Il suo respiro si fece sempre più lento fino a fermarsi, gli occhi si spalancarono colmi di paura e fu buio per sempre. La bocca spalancata in un grido senza voce. L’oscurità della notte e il caldo silenzio che permeava Torino aiutarono l’ombra scura a scomparire […]».

Il colore dell’inganno di Alessandro Sola è un thriller dalle tinte fosche e dall’interessante approfondimento psicologico. È infatti messa in primo piano l’ambiguità della natura umana, il suo oscillare tra luce e oscurità, e la sua capacità camaleontica di nascondersi dietro spesse maschere. Ambientato nel mondo della Torino “bene”, il romanzo racconta di un efferato omicidio ai danni di un giovane, Dawide Broun, appartenente a una famiglia molto in vista. Le dinamiche dell’uccisione e i misteriosi fatti che accadono a seguito di questo omicidio coinvolgono il commissario Tommaso Fuoco e i suoi agenti in un gioco pericoloso e mortale, in cui niente è come appare e in cui tutti sembrano nascondere qualcosa. E il lettore viene trascinato nello stesso gorgo sanguinario, spettatore inerme di violenze commesse da un’ombra inquietante e ghignante. A unire gli omicidi è un particolare che spesso le vittime notano prima di morire: delle scarpe da ginnastica rosse. Scarpe che diventano onnipresenti nel corso della storia, indossate anche da personaggi insospettabili, a rimarcare l’intento dell’autore di riflettere sulla natura chiaroscurale dell’essere umano. Nessuno è innocente, tutti possono essere colpevoli, e il rosso diventa sinonimo di sangue così come di passione, quindi un colore ambiguo, a metà strada tra il negativo e il positivo così come lo è l’anima di ognuno dei personaggi. La stessa vittima, Dawide, nasconde troppi segreti, e anche sulla polizia cade la pesante ombra dell’inganno e della violenza. E in una Torino macchiata dal rosso del sangue non stupisce che il commissario si chiami Fuoco: ancora il colore scarlatto che torna a stuzzicare l’attenzione del lettore. Alessandro Sola costruisce un thriller solido e appassionante, frutto di molte ricerche e di approfondimenti effettuati con l’aiuto di un agente di polizia e di un’anatomopatologa. Una storia di inganni, sospetti e manipolazioni, in cui il male e l’oscurità si possono annidare ovunque, anche in piena luce. Come recita una delle citazioni presenti in apertura di ogni capitolo del romanzo: “La luce pensa di viaggiare più veloce di qualsiasi altra cosa, ma si sbaglia. Per quanto veloce viaggi, la luce scopre che l’oscurità arriva sempre prima, ed è lì che l’aspetta” (Terry Pratchett).

TRAMA. Una guida turistica in viaggio a Torino scopre un cadavere nei pressi del centro, vicino alla stazione di Porta Nuova, cuore pulsante della città. Il commissario Tommaso Fuoco viene immediatamente incaricato delle indagini. Il suo lavoro e quello della sua squadra si rivela da subito complicato, aggravato anche dall’affiancamento di un detective siciliano dal passato oscuro. Al primo cadavere si aggiungono altre morti che sconvolgono l’opinione pubblica e la Torino “bene”, alla quale apparteneva la prima vittima. Il commissario si insinua nella vita privata del giovane e scopre delle verità inquietanti. Prosegue cocciuto e determinato per scoprire chi si cela dietro quelle morti violente.

L’AUTORE È DISPONIBILE A RILASCIARE INTERVISTE

Per richiedere e/o prenotare intervista

iltaccuinoufficiostampa@gmail.com

BIOGRAFIA. Alessandro Sola ha pubblicato nel 2017 per Pathos Edizioni il fantasy per ragazzi “Il regno di Nunar -Il ciondolo reale”. Il suo secondo romanzo, il thriller “Il colore dell’inganno” (Pathos edizioni, 2019) è stato presentato alla XXXII edizione del Salone internazionale del libro di Torino 2019.

LA CASA EDITRICE. Pathos Edizioni è una giovane realtà editoriale di Torino che ha esordito nel mondo della saggistica universitaria nel 2016, per poi spaziare negli anni seguenti dal romanzo storico alla narrativa contemporanea, dal fantasy per adulti all’erotico, passando per una nuova visione della poesia classica e moderna. Un occhio di riguardo è riservato ai testi animalisti e alla difesa dei loro diritti, per cui spiccano nel catalogo numerosi titoli che raccontano delle azioni di liberazione e delle lotte giuridiche per l’approvazione di leggi a loro tutela. Fedele alle categorie degli indifesi e dei più fragili, devolve annualmente parte dei ricavati alle associazioni onlus con cui collabora.

Contatti

https://www.facebook.com/Alessandro-Sola-autore-285456159014058/

https://www.instagram.com/alessandrosola_autore/

https://www.pathosedizioni.it/

Booktrailer del romanzo Il colore dell’inganno

https://www.youtube.com/watch?v=A3XUPa-tGck

Link di vendita

https://www.pathosedizioni.it/catalogo/il-colore-dellinganno/

https://www.amazon.it/colore-dellinganno-Alessandro-Sola/dp/8885529615

IL TACCUINO UFFICIO STAMPA

Via Silvagni 29 – 401387 Bologna – Phone: +393396038451

Sito: iltaccuinoufficiostampablog.wordpress.com

Facebook: www.facebook.com/iltaccuino.ufficiostampa/

Mail: iltaccuinoufficiostampa@gmail.com

Facile.it: ecco quanto spendono le famiglie a Torino

Scritto da Andrea Polo il . Pubblicato in Economia

Quanto costa vivere a Torino e provincia e quanto spendono le famiglie per i conti di casa? In occasione dell’apertura del primo Facile.it Store nella città di Torino (https://www.facile.it/store/torino.html) la web company ha analizzato nel dettaglio i costi che si devono sostenere in città e provincia per pagare mutui, prestiti, RC auto e moto, ADSL, luce e gas. Ecco cosa è emerso.

Assicurazioni auto e moto

I primi costi presi in considerazione dal comparatore sono quelli assicurativi e, nello specifico, le coperture RC auto e moto*. Secondo i dati dell’Osservatorio di Facile.it, a settembre 2019 il premio medio RC auto nella città di Torino era pari a 602,00 euro, valore in calo del 9% rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Tariffe più basse, invece, se si guarda all’intera provincia di Torino; in questo caso, il premio medio rilevato a settembre 2019 era pari a 538,81 euro, ovvero l’8% in meno rispetto a settembre 2018. Nonostante i cali, numeri alla mano, per assicurare un’auto nella provincia torinese occorre ancora l’8,3% in più rispetto alla media regionale.

Una riduzione arriva anche dal fronte dell’RC moto; negli ultimi dodici mesi le tariffe sono diminuite e, a settembre 2019, per assicurare una due ruote a Torino e provincia servivano, in media, 334,89 euro, vale a dire il 7,45% in meno rispetto allo stesso mese dell’anno precedente.

Telefonia

La telefonia fissa (voce e ADSL) è un’altra delle voci esaminate da Facile.it. Nei primi sei mesi del 2019 la spesa media mensile sostenuta dalle famiglie torinesi è stata pari a circa 27,7 euro, per un costo complessivo annuale stimato pari a 332,20 euro, valore in linea con quanto pagato nel 2018.

Energia e gas

Tra i costi che incidono maggiormente sulle tasche dei cittadini ci sono quelli legati alla luce e al gas. Per quanto riguarda i consumi energetici, prendendo in considerazione il consumo medio annuo di una famiglia residente a Torino e provincia (1.862 kWh), la spesa mensile rilevata nei primi 9 mesi del 2019 è stata pari a circa 33,86 euro; il peso totale delle bollette energetiche, a fine anno, sarà pari a circa 406,30 euro, importo in linea con quanto speso nel 2018.

Dall’analisi della bolletta del gas, considerando i consumi medi annuali di una famiglia torinese (900 smc), emerge che la spesa media mensile nei primi 9 mesi dell’anno è stata pari a 62,62 euro; in questo caso, il costo complessivo annuale risulterà pari a 751,42 euro, ovvero il 7,5% in meno rispetto allo scorso anno.

Mutui casa

Altra voce di spesa finita sotto la lente di Facile.it è quella relativa al mutuo. Analizzando le richieste di finanziamento per l’acquisto della casa presentate tramite Mutui.it e Facile.it* è emerso che, nei primi 6 mesi del 2019, gli aspiranti mutuatari residenti in provincia di Torino hanno chiesto, mediamente, 119.733 euro, importo in linea con quanto rilevato nel primo semestre 2018, da restituire in poco meno di 22 anni.

Analizzando l’identikit del richiedente torinese emerge che, in media, chi ha presentato domanda di mutuo aveva, all’atto della firma, quasi 42 anni e ha cercato di ottenere un finanziamento di importo pari al 68% del valore dell’immobile da acquistare.

Dati interessanti emergono analizzando la tipologia di tasso scelto: l’86% dei richiedenti torinesi ha optato per quello fisso, mentre solo il 13% ha cercato di ottenere il variabile.

Limitando l’analisi ai soli mutui per l’acquisto della prima casa, invece, l’importo medio richiesto sale a 121.551 euro; al contrario, l’età media dei richiedenti scende a 40 anni e mezzo.

Prestiti personali

Altro elemento monitorato nell’analisi è stato il ricorso al credito al consumo. Esaminando le domande di prestito personale* presentate tramite Facile.it e Prestiti.it è emerso che, nel corso del terzo trimestre 2019 (luglio-settembre), l’importo medio richiesto in provincia di Torino è stato pari a 12.088 euro, vale a dire il 4,6% in meno rispetto allo stesso periodo del 2018; il calo dell’importo si è tradotto nell’accorciamento dei piani di ammortamento, passati da una media di 67 rate a 64 (pari a poco più 5 anni). In calo anche l’età media dei richiedenti, scesa da 43 anni a 41 anni.

Guardando alle domande di finanziamento per le quali i richiedenti hanno esplicitato la finalità, emerge che la prima ragione che ha spinto i torinesi a rivolgersi ad una società di credito è stata l’ottenimento di liquidità (23%), seguita dalla ristrutturazione della casa (19%) e dal consolidamento debiti (17%).

Facile.it apre il suo primo store in Piemonte

Dopo il successo dei negozi aperti a Varese, Bergamo, Cremona, Roma, Milano, Monza, Parma, Genova, Reggio Emilia, Piacenza, Savona, Udine, Treviso e Padova, il comparatore leader nel confronto di prodotti di finanza personale e utenze domestiche apre il suo primo store in Piemonte, nel cuore della città di Torino (Via Carlo Felice, 45). All’interno del nuovo Store i cittadini troveranno consulenti dedicati che li guideranno nell’utilizzo del comparatore e nell’identificazione delle migliori offerte su prodotti assicurativi, finanziari e utenze domestiche.

«Continua il nostro percorso di espansione territoriale e, per l’apertura del primo store in Piemonte, il 15֯ in Italia, abbiamo scelto la città di Torino; i torinesi sono molto attenti al risparmio e sappiamo di poter offrire loro concrete opportunità per ridurre le principali voci di spesa con cui le famiglie devono fare i conti ogni mese», ha spiegato Mauro Giacobbe, Amministratore delegato di Facile.it. «Obiettivo dei Facile.it Store è di comprendere meglio le esigenze dei clienti e dare la possibilità di risparmiare, anche a un pubblico non ancora abituato a usare gli strumenti di comparazione online».

(*)

Per i premi RC: l’osservatorio calcola il premio di assicurazione RC auto medio e le sue variazioni negli ultimi 12 mesi. Questa ricerca è basata su 347.036 preventivi auto e 43.882 preventivi moto effettuati a Torino e provincia su Facile.it dai suoi utenti tra l’1 settembre 2018 e il 30 settembre 2019 e i relativi risultati di quotazione prodotti. I dati si riferiscono ai premi forniti dalle compagnie confrontate da Facile.it, disponibili su questa pagina: https://www.facile.it/come-funziona.html#compagnie_confrontate

Per i valori sui mutui, è stato analizzato un campione di oltre 3.600 richieste di mutuo presentate da gennaio a giugno 2018 e da gennaio a giugno 2019 tramite i portali Facile.it e Mutui.it da utenti residenti in provincia di Torino.

Per i valori sul credito al consumo è stato analizzato un campione di oltre 5.800 richieste di prestito personale presentate da luglio a settembre 2018 e da luglio a settembre 2019 tramite i portali Facile.it e Prestiti.it da utenti residenti in provincia di Torino.

Per il calcolo della bolletta elettrica è stata considerata una famiglia media composta da 2,5 individui, con un consumo annuo di 1.862 KWh in fascia monoraria e in mercato tutelato, potenza 3kW. Per la bolletta del gas, stessa famiglia media con un consumo annuo di 900 Smc in regime tutelato.

Torino fantastica: un ordine di dèi oscuri sconvolge il destino della città

Scritto da Fabiola Marchet il . Pubblicato in Cultura, Libri

Il cantante e scrittore ligure Federico Carro torna in libreria con un avvincente fantasy ambientato a Torino

Dopo il successo del libro Il segreto del verziere, il cantante e scrittore ligure Federico Carro torna in libreria con Il re della luce: l’ordine degli dèi oscuri, una storia fantasy romantica e avventurosa ambientata durante la Prima Crociata per conquistare Gerusalemme, il cui protagonista è un crociato di nome Fedrick.

Raggiunto in segreto il Santo Sepolcro, egli trova una misteriosa pietra che si rompe cadendo a terra, e libera una malvagia entità dai poteri demoniaci. Fedrick finisce così in un mondo parallelo, e decide di abbandonare la battaglia per raggiungere Eleonor, la ragazza di cui è innamorato, nella città di Torino. Non sa ancora che questa è la capitale di un impero proibito, fulcro di tutto il male che si cela nel mondo, e a nessuno, nemmeno agli dèi, è concesso entrarvi senza l’autorizzazione di chi la governa. Ma soprattutto, una volta dentro non è più possibile uscire.

Interessante e originale la scelta dell’autore di ambientare la storia nel capoluogo piemontese, invece della solita foresta del terrore o landa dei draghi. Si dice infatti che Torino sia uno dei vertici del triangolo della magia bianca, assieme a Praga e Lione, ma anche Londra e San Francisco. Per questo è considerata una città magica, misteriosa ed esoterica fin dalla notte dei tempi. Il luogo perfetto dove trasformare l’energia malvagia delle oscure divinità nel vero amore che lega le anime di Fedrick ed Eleonor.

Avvisato dei pericoli dell’impresa, Fedrick decide comunque di tentarla, assieme ad altri personaggi, inoltrandosi in luoghi pieni di insidie ed esseri maligni, paludi senza vita, boschi incantati, muri di rovi, tempeste, nebbie e incantesimi.

Riuscirà il cavaliere, in nome del suo potente amore, a sfidare l’ordine degli dèi oscuri che governa il mondo e a entrare nell’impero proibito per riunirsi a Eleonor? Che cosa vogliono gli dèi oscuri dagli uomini? Chi è la creatura rinchiusa nella pietra del Santo Sepolcro?

Questo è il primo romanzo di una trilogia fantasy che catapulta il lettore in un mondo dominato dal male e dall’odio, dove un eroe è pronto a rischiare la vita per riabbracciare la sua amata, nella più pura tradizione cavalleresca. Con lo stile aulico e raffinato che lo caratterizza, a tratti venato di ironia, Federico Carro dedica l’opera «a tutti coloro che non vogliono rinunciare all’amore con un pizzico di fantasia».

Il libro è disponibile su www.amazon.com, www.youcanprint.it, www.federicocarro.com e nelle migliori librerie.

Ufficio stampa Giro di Parole
media@girodiparole.it

Tutti i corsi di yoga torino

Scritto da RemigioLordi il . Pubblicato in Beauty & Wellness, Lifestyle

Avete mai pensato di iscrivermi a un corso di yoga? Lo yoga è una disciplina che ha come scopo quello di rilassare il vostro corpo, e la vostra mente, così da trovare un modo tale da poterti garantire un approccio differente, a tutti i problemi della vostra vita e soprattutto vi garantirà il raggiungimento di un benessere psicofisico, necessario per ristabilire l’equilibrio tra mente e corpo.

L’importanza di un corso yoga nella vostra vita

Seguire un corso yoga sicuramente, cambierà la vostra vita in quanto lo yoga, vi cambierà vita e la possibilità di raggiungere degli obiettivi e di solito, un corso yoga si propone determinate mission da intraprendere in modo tale, da rispondere alle vostre esigenze.

Infatti lo yoga è una tradizione evolutiva esistente, che riesce a far raggiungere le persone che lo praticano, il benessere respiratorio emozionale, spirituale e mentale. È possibile seguire dei corsi di yoga a Torino che vi permetteranno di trovare l’equilibrio, è necessaria nell’arco della vostra giornata insegnandomi tutte le posizioni di base, e soprattutto, le tecniche respiratorie che bisogna utilizzare, quando si pratica questa disciplina. Lo yoga, infatti, deve essere letto come un momento di integrazione in cui riuscirete a neutralizzare, tutti i disagi in malesseri quotidiani, soprattutto poi riuscendo a sciogliere i nervi del vostro corpo, tutta una serie di posizioni che saranno in grado di liberare eventuali punti strategici delle vostre articolazioni, dei vostri nervi, che risultano intricati da numerose rigidità. È importante inoltre, che un corso di yoga sia fatto in maniera continuativa, perché ogni lezione sarà un passo verso il raggiungimento della meta, e soprattutto, vi darà la possibilità di scoprire e superare i vostri limiti fisiologici e psicologici, mettendo in moto tutti i tipi di meccanismi necessari per ristabilire l’equilibrio di cui avete bisogno, necessario a superare dei momenti di crisi e di profondo stress nell’arco dei vostri momenti peggiori.

Spectre: esce il nuovo album 1984 movies, fra 80’s nostalgia e percorsi futuristici

Scritto da blob agency il . Pubblicato in Musica

Dopo la synthwave di “Miami”, uscito nel 2016, il produttore elettronico torinese torna a stupirci con un disco le cui sonorità virano decisamente verso la tech house pur mantenendo il legame con la musica anni ’80 divenuta ormai il suo marchio di fabbrica.

Genere: electro pop, tech house, synthwave

Label: Indastria Records

Distribuzione digitale: Indastria Records

Release Date: 11/04/2017

Streaming https://soundcloud.com/spectremusicproduction/sets/1984-movies

Dopo la synthwave di Miami, out nel 2016, Spectre torna a stupirci con 1984 movies, un disco rilasciato sotto l’indipendente Indastria Records, le cui sonorità virano decisamente verso la tech house pur mantenendo il legame con la musica anni ’80 divenuta ormai il suo marchio di fabbrica.

Disponibile su tutte le piattaforme online, incluso il suo Bandcamp personale www.spectremusicproduction.bandcamp.com, 1984 movies è un disco electro pop pronto a far ballare chiunque lo ascolti e ad essere amato da chiunque ami questo genere e non solo, grazie all’approccio del produttore e DJ torinese, che viene arricchito da suoni e sfumature sempre diverse. Il suono dell’album si erge tra synth e approcci nostalgici ma freschi, pronti a ridefinire un percorso che si incanala verso un sentiero ricco di sfumature, passando dalla leggerezza di Electro (Remix) ai torni più cupi ed ipnotici della dark Lust (Remix). Spectre si conferma un produttore discografico che ha molto da dire e di cui avremo il piacere di ascoltare e ballare i prossimi lavori.

L’album è stato interamente registrato in camera da letto, così da permettere al produttore sabaudo di “addormentarmi con il minimo sforzo tra un brano e l’altro. Scrivere, registrare, mixare e masterizzare 1984 movies è stata per me un’esperienza immersiva, a cui pensavo in ogni minuto della giornata”.

Il singolo/videoclip di lancio è Electro (Remix), un brano synthwave house che secondo il suo autore “unisce le sonorità dei Daft Punk agli anni ’80”.

Tracklist

1. Electro (Remix)

2. Overdrive (Remix)

3. 1984 movies (Remix)

4. Lust (Remix)

5. Oh! Eh! (Remastered)

Biografia Spectre, il cui vero nome è Aldo Sulotto, è un DJ e produttore di musica elettronica nato a Torino nel 1976. La sua musica affonda le radici nella TV e nei videogiochi degli anni ’80, alle cui sigle erano ispirate le sue prime esperienze creative, avvenute alle scuole elementari collegando un giradischi ed alcuni mangiacassette alla suoneria di un vecchio orologio digitale. L’amore per il demodè e il lo-fi caratterizzerà tutta la sua crescita, tra band punk che utilizzano campionatori e collaborazioni con realtà dark della scena torinese.

I padri spirituali del percorso musicale di Spectre sono molteplici e molto differenti tra loro: da The Cure ai Daft Punk, da Nick Drake ai Propellerheads e Fatboy Slim. Questa continua presenza di ispirazioni di diversa natura impregna il suo stile compositivo con una continua ricerca della sperimentazione, tra synth analogici e digitali, audio workstation, console da DJ, strumenti tradizionali e campioni di vecchie registrazioni.

Nel 2015 decide di dedicarsi completamente alla musica e comincia ad esibirsi nell’unico modo che ritiene possibile: i DJ set. Da questa svolta nasce Miami, il suo primo EP sotto l’etichetta indipendente Indastria Records, che uscirà nel 2016 ed otterrà un ottimo riscontro di vendite e critica, a tal punto da far diventare Spectre l’artista di punta della label. Con Miami, Spectre sfrutta tutto l’easy listening mai creato e le suggestioni sonore di telefilm e film come Supercar, Tron ed A-Team, per poi unire il tutto ad un personale concetto di techno house e synthwave.

Per aprile 2017 è prevista l’uscita del nuovo album 1984 movies, che vedrà questo accostamento tra retrò ed electronic dance music ancora più protagonista. È un disco molto atteso dalla sua fanbase, che porrà la massima attenzione alla tensione tra le sonorità minimali dei synth ad 8-bit e l’ipnosi elegante delle progressioni techno.

Spectre suona anche in The Basement, un duo synth pop torinese con all’attivo due dischi (Beautiful Terrible del 2015 e Prelude del 2016) e un nuovo disco in uscita a giugno 2017: Renaissance. The Basement cominciano la loro carriera nel 2016 con l’apertura torinese ai francesi Derniere Volontè, per poi dedicarsi alla ricerca di una sonorità sempre in cambiamento, ma fortemente legata alla musica elettronica e al post-punk. The Basement sono Aldo Sulotto ed Alberto Appiano. www.facebook.com/ilikethebasement

Contatti

www.facebook.com/spectremusicproduction

http://www.iamspectre.com/#about

https://spectremusicproduction.bandcamp.com

Press Media Office

www.facebook.com/BlobAgency

Frank Lavorino 3396038451

antipop.project@gmail.com

Il fan club torinese blaugrana accoglie Juventus-Barcellona

Scritto da Stefano Rizzo il . Pubblicato in Calcio, Sport

Il Barcellona, a distanza di soli due anni dalla finalissima di Berlino, si trova di nuovo la Juventus sul proprio cammino in Champions. Per questo quarto di finale i tifosi blaugrana di Torino si stanno già preparando a vivere due giorni eccezionali nella loro città.

Il fan club torinese blaugrana si è formato nel maggio del 2010 grazie all’amore che Vittorio Pegone (fondatore e tuttora presidente) nutre per il Barça.

Nel corso degli anni il fan club è cresciuto molto diventando un punto di riferimento per i tifosi del Barcellona residenti a Torino, in Piemonte e non solo. Infatti il club è in sinergia con altri gruppi di italiani amanti del Barça. L’obiettivo è quello di espandere ulteriormente la rete di sostenitori del Barcellona in tutta Italia.

Da ormai quasi cinque anni la penya di Torino ha un proprio sito web (www.torinoblaugrana.eu). Questo portale dedicato al F.C. Barcelona è il più completo tra quelli in lingua italiana.

Ogni anno il club crea per i propri iscritti materiale originale ed esclusivo.

Il Gruppo Milano Art Gallery presentato da Vittorio Sgarbi al Salone del Franchising

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Aziende, Cultura

Il Gruppo Milano Art Gallery partecipa al Salone del Franchising di Milano edizione 2016, presentando l’innovativo progetto della formula in franchising, che sta riscuotendo ampio consenso, a livello nazionale e internazionale ed in crescente espansione. Attualmente, le sedi della Milano Art Gallery in franchising sono a Milano, Venezia, Roma, Spoleto, Siena, Bassano del Grappa e sono previste imminenti nuove aperture a Belluno, Vicenza, Padova, Bologna, Torino e anche in ambito estero, a Londra, Monte Carlo, Miami, Amsterdam e New York. La storica manifestazione fieristica, che festeggia con successo il suo 31° compleanno, si svolgerà dal 3 al 5 novembre 2016.

L’ideatore del prestigioso progetto, nonché direttore della Milano Art Gallery, è Salvo Nugnes, conosciuto come Manager della Cultura e agente di nomi di spicco. Intervistato sull’argomento, spiega “il Gruppo MAG, vuole proporre un innovativo concetto di -galleria-. Non si tratta di uno spazio nel quale esporre e vendere solo opere d’arte, ma bensì di un vero e proprio -emporio- concepito come un -contenitore- di opportunità, che nascono e si sviluppano per la promozione dell’arte e della cultura in generale e per il supporto a tutto tondo degli artisti”.

E ancora proseguendo rimarca “Milano Art Gallery, è Art Business, è un luogo dove l’arte e la cultura camminano di pari passo con il mondo dell’imprenditoria. Essa si rinnova diventando vetrina: dalle opere esposte alla mobilia, dai libri al brand merchandise, fino ad arrivare ad un’ampia gamma di servizi per artisti, professionisti, imprenditori e aziende. Nella situazione economica odierna, così instabile e incostante, grazie ad una nuova visione dell’art shop nata con il gruppo MAG, vengono ampliati gli orizzonti d’investimento e vengono offerte concrete possibilità di guadagno. Il nostro scopo, è quello di appoggiare e supportare chiunque sia interessato a fare della propria passione un’attività all’avanguardia e in continua evoluzione positiva, fonte di grande rinnovamento personale e professionale”.

In data 3 novembre, Milano Art Gallery organizza la conferenza del professor Francesco Alberoni, noto sociologo ed esperto di movimenti sociali e collettivi di fama mondiale, che parlerà del tema, coinvolgendo il pubblico in interessanti riflessioni e stimolando un dibattito di vasta portata e forte attualità.

Il Premio Eccellenza Italiana verrà presentato a Torino

Scritto da Massimo Lucidi il . Pubblicato in Aziende, Cultura, Economia, Italia

Martedi 16 settembre alle ore 15.30 nella sede di Confimprese in Corso Trapani 25 a Torino sarà presentato il Premio Eccellenza Italiana, che si svolgerà a Washington il prossimo 25 ottobre per premiare aziende, prodotti, servizi, imprenditori e professionisti italiani che si distinguono per l’eccellenza.

Il Premio Eccellenza Italiana è ideato dal giornalista economico Massimo Lucidi che interverrà a Torino con il Presidente di Confimprese Nordovest Carmine Gelli per siglare il patrocinio. A presiedere il Comitato Americano del Premio, l’imprenditore italo americano Franco Nuschese patron tra l’altro del Cafe Milano prestigioso ristorante a Georgetown che ospiterà la cerimonia che quest’anno premierà tra gli altri l’industriale dei formaggi Ambrosi, il detective Luciano Ponzi.

“La scelta di chiedere di patrocinare il Premio Eccellenza Italiana a Confimprese Nordovest – spiega Massimo Lucidi – è proprio dettato dall’impegno a fare rete sul tema dell’eccellenza italiana: Confimprese e il suo presidente Gelli sono particolarmente attivi con “Il parco delle eccellenze italiane”, multiprogetto avviato a Qianjiang, l’area del massimo sviluppo economico della città di Hanghzou, una delle sette famose antiche capitali della Cina. Fare rete internazionale è d’obbligo se vogliamo dare un efficace contributo alla crescita del sistema Italia.

Agenzia Promoter: Il manager Salvo Nugnes alla mostra di Renoir asserisce “Dai dipinti riecheggia l’intensa vibrazione pittorica nella ricerca di un gesto nuovo e spontaneo”

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

Lunghe attese con code di oltre due ore alla prestigiosa galleria d’arte moderna di Torino per visitare la mostra monografica dedicata al famoso maestro dell’impressionismo Pierre Auguste Renoir.

Il manager Salvo Nugnes affermato agente di vip e produttore di grandi eventi definisce l’esposizione come una suggestiva proiezione virtuale dentro un passato artistico intramontabile per celebrare un movimento da sempre acclamato nella figura del suo mentore portavoce.

Nugnes da esperto d’arte, nello spiegare le caratteristiche delle opere esposte asserisce “Dai dipinti riecheggia l’intensa vibrazione pittorica nella ricerca di un gesto nuovo e spontaneo, proteso a quella formula di modernità tanto perseguita e bramata da Renoir insieme al gruppo di pittori emarginati, giudicati scandalosi e trasgressivi per la loro epoca, che hanno ideato e inventato il sistema progettuale dell’arte contemporanea. Infatti, proprio dagli impressionisti, liberi da imposizioni accademiche e dai ferrei vincoli dogmatici del tempo danno l’avvio a quella forma di mercato dell’arte, che si conserva ancora oggi, fondata sull’operoso scambio tra artista, gallerista, critico e collezionista“.

Sullo strabiliante talento creativo di Renoir sottolinea come “Il percorso pittorico tracciato da Renoir è di evidente rilevanza storica culturale e offre anche un affascinante e intrigante scorcio sui costumi e le scenografie di un periodo così rigoglioso e opulento come quello della belle epoche. Le pennellate dell’artista talvolta morbide e soffuse, talvolta nette e materiche si intrecciano ai giochi di luci e ombre e dimostrano impeccabile abilità e maestria unità all’originalità del segno davvero sorprendente“.

La tradizione delle porcellane a Vinovo: se ne parla alla St John University.

Scritto da Massimo Lucidi il . Pubblicato in Cultura, Istruzione

La St John University apre nuovamente le porte con un interessante incontro sulla manifattura piemontese.
“Le porcellane in Piemonte e le manifatture di Vinovo”, è questo il titolo del seminario promosso e curato dall’università americana di Torino in collaborazione con l’associazione “Amici del Castello”.

L’incontro, penultimo appuntamento de “I mercoledì della cultura glocale”, un valorizzante ciclo di conferenze multiculturali dedite a promuovere la storia, l’arte e l’ambiente locale, verrà tenuto da Cristina Maritano, conservatore per le Arti Decorative presso il Museo di Palazzo Madama di Torino.

Il tema della produzione manifatturiera di porcellane, caro al Piemonte e in particolar modo a Vinovo, sede per mezzo secolo della Real Fabbrica di porcellane che contribuì efficacemente allo sviluppo dell’economia locale, richiama al successo e alla fama del piccolo paesino piemontese che della ceramica ha fatto un’ arte.

L’appuntamento è dunque per tutti a Vinovo , mercoledì 27 Novembre alle ore 21 presso la presso la Sala degli affreschi del Castello Della Rovere, sede della St John University. La conferenza sarà completamente in lingua italiana.