Posts Tagged ‘TIM’

Call Center fasulli spillano un “si” e prosciugano i portafogli delle proprie vittime

Scritto da Andrea Bianchi il . Pubblicato in Aziende, Italia, Tecnologia

Nel nostro Paese le chiamate dei call center sono un tormentone ormai insopportabile ma noto. Il fatto che gli utenti si aspettino chiamate da chiunque fa gioco ai criminali, che seguendo lo stesso modello adottato da call center legittimi, propongono ai consumatori offerte e sconti fasulli: un caso sempre più frequente ai danni della clientela di operatori di telefonia mobile come Vodafone, Tim, Wind e Tre oltre che di operatori energetici o istituti bancari.

G DATA, azienda tedesca nel settore della sicurezza informatica, mette in guardia contro l’attualissima campagna di phishing indirizzata agli utenti smartphone. Dotati di sistemi che creano numeri di cellulare automaticamente, li compongono e stabiliscono una connessione qualora il numero sia esistente, i criminali si spacciano per presunti call center Vodafone, Tim o di altri operatori, anche banche e fornitori di energia, che tentano di truffare i consumatori. Gli addetti fasulli pongono quesiti secondo i più moderni canoni della programmazione neurolinguistica, manipolando gli interlocutori affinché rispondano “si” o “no”, ad esempio alla domanda “beneficia già dello sconto esclusivo a Lei riservato?”.

Domande insidiose, alle quali sorge istintivo replicare con un si o un no. Eppure, in questi casi, non si dovrebbero mai pronunciare tali parole. Il motivo? Molto semplice: la registrazione di un chiaro «si» o «no» detto dall’utente viene tagliata e inserita in una conversazione fasulla riguardante la vendita di servizi, ad esempio come risposta alla domanda “Lei è d’accordo di pagare tale somma per il piano tariffario mensile scelto?”.

Varie le strategie di truffa, pesanti le conseguenze per gli utenti

Utilizzata per legittimare la sottrazione di somme di denaro sia concordate con il consumatore sia decise in autonomia dai criminali, questa abile strategia di montaggio audio è ovviamente illegale e difficilmente l’organizzazione criminale presenterà ricorso a fronte di una denuncia. Motivo per cui se dovessero verificarsi danni contingenti a discapito dell’utente, questo potrà difendersi con successo.

Ma i call center fasulli non si avvalgono solo di queste tattiche. Un altro esempio è il tentativo di carpire telefonicamente password e dati personali per garantirsi l’accesso all’area clienti online dell’operatore in questione e stipulare nuovi piani tariffari o un prolungamento del contratto a nome del consumatore traendone però personalmente i benefici correlati come il recapito di un nuovo smartphone a un altro indirizzo. Alquanto inquietante in questo frangente lo scenario che vede il finto addetto del call center impossessarsi dei dati di accesso all’online banking del povero consumatore, i cui risparmi vengono prosciugati con pochi click.

Come riconoscere i truffatori e non cadere nell’inganno

E’ assolutamente necessario prestare attenzione ogni qual volta si ricevono chiamate da numeri sconosciuti, in modo particolare se con i prefissi 02 o 06. Inoltre, è auspicabile dare risposte che esulino dal “si” e dal “no” evitando di fornire qualsiasi informazione personale nonché dati sensibili.

Tim Berghoff, Security Evangelist di G DATA Software AG sollecita: “Occhio alle chiamate da parte di numeri privati o sconosciuti: se, come prima cosa, l’operatore vi chiede se riuscite a sentirlo, non rispondete di si, anche se è difficile resistere. Piuttosto cercate altre formule come “riesco a sentirla” oppure “giusto”. Quando proprio non sapete come fare, terminate la chiamata e contattate il vostro (vero) operatore, chiedendo di farvi sapere se è in corso un’attività promozionale.”

Un aiuto in più

Ulteriori armi di difesa sono le applicazioni per smartphone Telefono (Android) e TrueCaller (Android, iOS e Windows Phone). La prima monitora le chiamate ricevute rilevando se queste provengono da fonti credibili, bloccandole in caso contrario. TrueCaller, oltre alle funzionalità analoghe a Telefono per la sezione chiamate, offre simili prestazioni per gli sms.

Sarebbe importante condividere con le aziende, il cui marchio viene sfruttato indebitamente dai criminali, i tentativi di truffa per consentire loro di bloccare la ricezione di chiamate da parte dei call center fasulli. Una soluzione tecnicamente applicabile e decisamente utile, sebbene di breve durata: ai criminali basta davvero poco per dotarsi di un nuovo numero attraverso cui truffare i consumatori.

Ecco perché assumere un atteggiamento critico nei confronti di richieste telefoniche formulate da parte di call center non meglio identificati e riguardanti dati personali è essenziale. Munirsi delle giuste armi per difendersi, siano queste strategie di risposta piuttosto che applicazioni per smartphone, è oggi più necessario che mai.

Fonte immagine: iStock


 GDATA
Fondata nel 1985 a Bochum, G DATA vanta una storia di oltre trent’anni nella lotta e prevenzione contro le minacce informatiche ed è uno dei principali fornitori al mondo di soluzioni per la sicurezza IT, insignite di numerosi riconoscimenti per la qualità della protezione fornita e l’intuitività d’uso.
G DATA produce e commercializza soluzioni di sicurezza totalmente aderenti alle normative europee sulla protezione dei dati. Il portafoglio prodotti G DATA comprende soluzioni di sicurezza per le imprese, dalle micro alle grandi aziende, e applicazioni rivolte all’utenza consumer.
L’azienda patrocina altresì il Teatro Comunale di Bologna e diversi eventi volti all’accrescimento culturale e all’aggregazione sociale tra cui mostre e corsi presso istituti scolastici per favorire un uso consapevole del web e dei social media come l’iniziativa Cyberbullismo 0 in condotta e Cyber boh.
Ulteriori informazioni su G DATA e sulle soluzioni di sicurezza sono consultabili sul sito www.gdata.it

Tim tra governance e 5G: “Affari & Finanza” intervista l’AD Amos Genish

Scritto da comunicazionewebag il . Pubblicato in Affari, Aziende

Amos Genish si prepara a gestire il passaggio al 5G: in un’intervista rilasciata ad “Affari & Finanza” l’AD di TIM illustra la “rivoluzione che ci porta nel futuro”.

Amos Genish

TIM verso il 5G: la soddisfazione dell’AD Amos Genish

In un’intervista pubblicata lo scorso 8 ottobre su “Affari &Finanza”, l’AD di TIM Amos Genish manifesta grande entusiasmo per la recente aggiudicazione delle frequenze 5G, che definisce “una rivoluzione che ci porta nel futuro“. Un investimento ingente per il gruppo, ma “siamo certi che il 5G genererà un ritorno economico soddisfacente, perché ora avremo un’offerta fortissima” garantisce l’AD: i primi telefonini arriveranno entro giugno prossimo e TIM guarda alla creazione di nuove joint venture per i contenuti. I cambiamenti più rilevanti sono attesi “in Italia già a partire da aprile giugno 2019 e sicuramente entro il 2020 vedremo le differenze” ha aggiunto Amos Genish, prima di soffermarsi ad analizzare il triplice effetto del 5G: “Il primo è creare una smart nation con delle smart city, il secondo è uno smart business, ovvero automazione delle fabbriche, più produttività, auto a guida autonoma, droni per l’agricoltura. Il terzo è quello dell’intrattenimento e della cultura”.

Amos Genish: “Affari & Finanza” intervista l’AD di TIM

“Il 5G richiederà molte nuove antenne e auspichiamo che il Governo voglia adeguare l’Italia agli standard europei nel campo dei limiti elettromagnetici” afferma Amos Genish nell’intervista al settimanale economico di Repubblica. Secondo l’AD il Paese deve fare sistema con le regioni e le amministrazioni locali: “Tutti dovranno lavorare assieme in partnership, chi produce sistemi, i fornitori servizi e coloro che sviluppano piattaforme abilitate al 5G”. Parlando di TIM, Amos Genish si è detto “concentrato sul mio lavoro, sui nostri clienti, sui nostri lavoratori, su tutti gli azionisti”. L’AD ha aggiunto che nei prossimi mesi si discuterà del nuovo Piano strategico 2019-2021: “E questo confronto sarà cruciale per assicurarsi che ci sia allineamento tra il Consiglio, il management e i principali azionisti”.

Semestrale TIM: il punto dell’AD Amos Genish

Scritto da comunicazionewebag il . Pubblicato in Aziende

Le prossime strategie di TIM alla luce dei risultati del semestre: l’AD Amos Genish le illustra nella conference call con gli analisti.

Amos Genish

Amos Genish: TIM presenta i conti del primo semestre

Ricavi e EBITDA al livello del 2017, ma indicatori in flessione: TIM chiude il primo semestre senza deludere il mercato. I risultati sono in linea con le attese degli analisti, confermando la leadership del gruppo guidato da Amos Genish in un mercato altamente competitivo e sfidante: al 30 giugno l’utile è di 554 milioni con ricavi per 9,44 miliardi (-2,7%) anche grazie al “positivo andamento della Business Unit Domestic (+24 milioni di euro), a cui si è contrapposta la riduzione della Business Unit Brasile (-286 milioni di euro) interamente correlata alla svalutazione del real brasiliano, superiore al 20% rispetto al primo semestre 2017”. L’EBITDA ammonta a 3,9 miliardi: come si rileva in una nota diffusa dal gruppo, sul dato incide “l’effetto negativo della componente Domestic (-4,8%) per elementi non ricorrenti, tra cui l’accordo sulla Solidarietà rinnovato solo a fine giugno 2018, l’impatto del ritorno alla fatturazione mensile, la nuova regolamentazione europea sul roaming e altri aspetti regolatori“. Nel secondo trimestre la generazione di cassa netta arriva a 396 milioni di euro: conseguentemente il debito di gruppo si è ridotto di ulteriori 167 milioni al 30 giugno. Si procede anche nell’attuazione del Piano DigiTIM, sostenuto fortemente dall’AD Amos Genish per migliorare la customer & employee experience e l’efficienza tramite una revisione strutturale dei principali processi e degli strumenti dell’azienda.

TIM: le dichiarazioni dell’AD Amos Genish sulla semestrale

Nella conference call con gli analisti sui risultati della semestrale, l’AD di TIM Amos Genish ha evidenziato come i dati denotino a livello di gruppo una costante crescita del fatturato: “Siamo riusciti a dimostrare disciplina a livello di Capex (CAPital EXpenditure): le spese si sono ridotte in misura significativa rispetto all’anno scorso, mentre l’operating free cash flow e il working capital crescono a doppia cifra“. L’AD si è poi soffermato sui prossimi obiettivi: “Il più importante è tornare all’investment grade e a una politica dei dividendi”. Per farlo non si esclude la cessione di quegli asset classificati no core, anche se al momento l’unica procedura in atto riguarda Persidera: “Al momento non ce ne sono altri“. Amos Genish si è espresso anche su una possibile collaborazione con Open Fiber: “Saremmo molto felici di cooperare per aumentare la penetrazione nel segmento broadband, ma al momento non si è verificato nulla“. Ribadendo che per ora “non c’è alcuna iniziativa concreta sul tavolo“, l’AD ha rimarcato come ogni forma di collaborazione sia comunque positiva perché consente di combinare gli sforzi e costruire insieme senza correre il rischio di sovrapporsi.