Posts Tagged ‘Terna Elettrodotto Francia’

Flavio Cattaneo Terna accordo interconnessione Italia-Francia inizio lavori 2014

Scritto da DailyFocus il . Pubblicato in Economia

Al Ministero dello Sviluppo Economico, alla presenza del Ministro Flavio Zanonato, è stato firmato, un Memorandum of Understanding tra Terna, Confindustria e Associazioni imprenditoriali interessate alla realizzazione di nuove linee elettriche di collegamento con l’estero, in particolare al nuovo collegamento in corrente continua da 500 MW tra Italia e Francia, un impegno finanziario da 400 milioni di euro. L’AD di Terna Flavio Cattaneo: “I lavori sull’opera inizieranno nel 2014, l’infrastruttura entrerà in funzione agli inizi del 2018”.

Foto Cattaneo GIUGNO2013

Oggi, al ministero dello Sviluppo Economico, i finanziatori privati – per lo più grandi imprese energivore – e Terna hanno firmato il memorandum per il raddoppio dell’elettrodotto con la Francia con un finanziamento privato.

Lo ha annunciato il ministro Flavio Zanonato, prima di dare il via alla cerimonia della firma dell’intesa.

“Il finanziamento dell’interconnessione da parte dei privati è stato previsto da una legge che consentirà ai soggetti finanziatori di utilizzare la capacità per un ventennio. Oggi Terna e i rappresentanti delle associazioni di categoria dei grandi energivori firmeranno gli accordi per il finanziamento privato, circa 400 milioni, per il raddoppio dell’elettrodotto con la Francia”, ha spiegato Zanonato poco prima della successiva firma.

In un successivo comunicato del ministero si legge che “il Memorandum disciplina i rapporti tra Terna e i soggetti finanziatori per le attività di costruzione e l’esercizio degli interconnector ed in particolare le attività di realizzazione di un nuovo collegamento in corrente continua tra Italia e Francia da 500 MW”.

L’Ad Flavio Cattaneo ha detto che i lavori sull’opera inizieranno nel 2014, l’infrastruttura entrerà in funzione agli inizi del 2018. Il comunicato del ministero spiega che “le imprese che hanno aderito al sistema si sono impegnate a realizzare a proprie spese le nuove opere in cambio del diritto di beneficiare di energia a prezzi europei, dal 2010 e per 6 anni, e di poter godere dell’esenzione dal diritto di accesso dei terzi sulle nuove linee per un periodo di 20 anni, secondo le condizioni che saranno stabilite per ciascuna linea dal decreto del ministro dello Sviluppo Economico con il parere dell’Autorità.

In una nota successiva di Terna si aggiunge che “l’interconnessione sarà realizzata e gestita da Terna sulla base di specifici contratti di mandato. La realizzazione dell’Interconnessione si inquadra nell’ambito delle attività non tradizionali del Gruppo Terna, per le quali – come annunciato lo scorso 6 febbraio nella presentazione del Piano Strategico 2013-2017 – era stato previsto un ammontare potenziale di attività pari a 900 milioni”.

FONTE: Reuters

Flavio Cattaneo, Terna avvia i lavori del nuovo elettrodotto Piemonte-Savoia

Scritto da DailyFocus il . Pubblicato in Economia

Piossasco, Terna avvia i lavori per la costruzione del nuovo elettrodotto Piemonte-Savoia. L’opera rappresenterà la 23ma interconnessione con l’estero ma soprattutto il primo progetto al mondo per lunghezza del tracciato completamente interrato: 190 chilometri tra Piossasco e Grand’Ile. Flavio Cattaneo, AD di Terna: «Questa interconnessione con la Francia rappresenta un’eccellenza dell’ingegneria elettrica a livello mondiale e consentirà una riduzione importante dei costi e maggiore sicurezza ed efficienza nella trasmissione di energia con gli altri paesi».

Terna Elettrodotto Francia

L’ultima linea di interconnessione con la Francia risale al 1985 quando fu costruita la Rondissone-Albertville. Ma, una volta ultimato, il nuovo elettrodotto Piemonte-Savoia, il quinto tra la penisola e i cugini d’oltralpe e i cui lavori sono stati inaugurati dall’amministratore delegato di Terna, Flavio Cattaneo, rappresenterà la 23ma interconnessione con l’estero ma soprattutto il primo progetto al mondo per lunghezza del tracciato completamente interrato: 190 chilometri tra Piossasco (To) e Grand’Ile (Savoia), che saranno messi in servizio per il 2019 e che saranno realizzati in modo da integrarsi perfettamente con le infrastrutture stradali e autostradali esistenti.

L’opera, che richiederà un investimento complessivo di 1,4 miliardi di euro (800 milioni per il tratto italiano e 600 per quello francese) si inserisce nel quadro di una cooperazione bilaterale in ambito energetico sancita dagli accordi di Nizza e produrrà benefici evidenti per il sistema: 150 milioni di euro di risparmi l’anno. «Questa interconnessione con la Francia rappresenta un’eccellenza dell’ingegneria elettrica a livello mondiale – ha spiegato Cattaneo – e consentirà una riduzione importante dei costi e maggiore sicurezza ed efficienza nella trasmissione di energia con gli altri paesi». Il nuovo elettrodotto, ha evidenziato poi il ministro dello Sviluppo Economico, Flavio Zanonato, presente all’avvio del cantiere, «è una infrastruttura innovativa e di grande importanza comunitaria che permetterà di consolidare ulteriormente la collaborazione in campo industriale ed energetico tra i nostri due paesi».

In base agli accordi siglati nel 2007, oltre all’opera inaugurata, sono previsti anche il potenziamento della rete esistente, attualmente in corso, sulla linea “Cornier-Montagny-Albertville-LaPraz-Villarodin-Venaus-Piossasco” per ulteriori 600 megawatt. Complessivamente, quindi, la collaborazione tra Terna e Rte porterà la capacità di trasporto della rete tra i due paesi dagli attuali 2.650 a oltre 4.400 MW, con un incremento di oltre il 60%. In Italia, circa la metà dell’investimento per il nuovo elettrodotto sarà a carico di Terna e l’altra metà sarà sostenuta da Transenergia, società di scopo partecipata pariteticamente da Sitaf e Nemo, ciascuno con il 50 per cento.

FONTE: Il Sole 24 Ore