Posts Tagged ‘Tarquinia’

CARUSO INVESTIMENTI IMMOBILIARI MILANO

Scritto da fabio zinesi il . Pubblicato in Aziende, Casa e Giardino

CARUSO INVESTIMENTI IMMOBILIARI MILANO svolge attività di consulenza rivolta alla compravendita e locazione di beni immobili a uso residenziale e strumentale svolgendo quindi investimenti immobiliari a Milano, dalla singola unità fino a interi fabbricati e complessi immobiliari. Fornisce inoltre servizi di consulenza in materia creditizia relativamente a mutui e leasing immobiliari ma pure su eventuali investimenti immobiliari.

CARUSO INVESTIMENTI IMMOBILIARI MILANO nasce e si sviluppa a Milano su iniziativa di Dario Caruso, giovane e dinamico imprenditore da sempre attento osservatore delle evoluzioni del mercato immobiliare e sugli investimenti immobiliari a Milano li quale, sulla base dell’esperienza maturata in molti anni di attività con alcune tra le più importanti aziende immobiliari italiane e internazionali, è riuscito a cogliere e sintetizzare quanto di meglio offerto dai principali operatori di settore relativamente a know-how e servizi, eliminando al contempo tutte le criticità riscontrate.

CARUSO INVESTIMENTI IMMOBILIARI MILANO ha messo a punto una completa gamma di servizi grazie, tra cui investimenti immobiliari a Milano, a cui è in grado di rispondere in modo rapido, concreto ed efficace alle sempre maggiori esigenze e aspettative di chi si trova ad affrontare il mercato immobiliare con investimenti immobiliari a Milano, riuscendo a facilitare l’incontro tra “domanda” e “offerta” e garantendo una completa assistenza e tutto il supporto necessario, oltre che da un punto di vista commerciale, anche per quanto concerne gli aspetti normativi, tecnici, legali e fiscali.



L’organizzazione della struttura e l’approfondita conoscenza del mercato consentono di portare a termine con successo qualsiasi tipo di incarico e di offrire i propri servizi sull’intero territorio nazionale, anche grazie all’ausilio di un qualificato network di operatori immobiliari/investimeniti immobiliari a Milano.

Ogni singola pratica è costantemente gestita, dal contatto iniziale sino alla stesura dei protocolli contrattuali definitivi, con la massima trasparenza, secondo attenti e scrupolosi parametri deontologici e professionali.

Tutti i clienti possono quindi beneficiare di una reale consulenza basata sull’analisi delle specifiche esigenze e delle strategie da mettere in atto per cogliere le migliori opportunità offerte dal mercato. Possono dunque effettuare i peonie investimenti immobiliari a Milano eseguiti da esperiti del settore.

Il principale obiettivo di CARUSO INVESTIMENTI IMMOBILIARI MILANO è la soddisfazione del cliente, con la convinzione che questa rappresenti l’unica via per raggiungere il successo. Tale obiettivo viene perseguito rivestendo un ruolo realmente professionale e consulenziale soprattutto sugli investimenti immobiliari a Milano, ponendosi al fianco del cliente per consigliarlo, aiutarlo nella realizzazione dei propri desideri e tutelare i suoi interessi, anche quando ciò significhi dover rinunciare alla conclusione di un affare.

CARUSO INVESTIMENTI IMMOBILIARI MILANO, il Vostro consulente immobiliare di fiducia.

Il Quartetto Bernini in concerto

Scritto da Daniele79 il . Pubblicato in Musica

Graditissimo ritorno per l’ultimo concerto della rassegna “Il Quartetto d’Archi”, organizzata dalla Fondazione Etruria Mater. Nella loggia di Palazzo Vitelleschi a Tarquinia, domenica 13 aprile, alle ore 17.00, sarà in scena il Quartetto Bernini. L’ensemble proporrà Quartettsatz di Schubert, Concerto a 4 n. 2 in sol minore di Durante e Quartetto KV 387 in sol maggiore di Mozart. Formato da Marco Serino, violino, Yoko Ichihara, violino, Gianluca Saggini, viola, e Valeriano Taddeo, violoncello, il Quartetto Bernini nasce a Roma nel 1998 sulla scia dell’entusiastica spinta di Salvatore Accardo che definisce i suoi componenti “… eredi della grande tradizione cameristica italiana”.

Nominato quartetto in residenza presso l’Accademia Filarmonica Romana, nel 1999 ha l’opportunità di condividere il monumentale progetto dell’integrale Beethoveniano, per l’Accademia Filarmonica Romana. Nello stesso anno Ennio Morricone gli conferisce il Premio Michelangelo. È invitato nei più importanti festival e nelle più rinomate stagioni concertistiche. Importanti compositori hanno dedicato alla formazione i propri lavori. Numerose inoltre le collaborazioni con concertisti di fama mondiale. Il Quartetto Bernini ha svolto tour in Europa, Giappone, Cina, Nord e Sud America. Quest’anno è con Giovanni Sollima in un progetto speciale sul Quintetto D. 956 di Schubert, che prevede la registrazione di un CD (Sollima e Schubert) e la realizzazione di uno “short” film on the road girato tra Viterbo e Budapest.

Curata dal maestro Leandro Piccioni, la rassegna “Il Quartetto d’Archi” è organizzata dalla Fondazione Etruria Mater, in collaborazione con la Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Etruria Meridionale e con il Comune di Tarquinia. Per assistere ai concerti (ingresso gratuito) è obbligatoria la prenotazione all’ufficio informazioni turistiche (Barriera San Giusto), chiamando il numero di telefono 0766/849282 o inviando un’email a info@tarquiniaturismo.it.

Il Quartetto d’Archi di Torino in concerto a Tarquinia

Scritto da Daniele79 il . Pubblicato in Musica

Nuovo straordinario concerto della rassegna “Il Quartetto d’Archi”. Nella Loggia di Palazzo Vitelleschi (piazza Cavour) a Tarquinia, domenica 23 febbraio, alle ore 17.00, sarà di scena il Quartetto d’Archi di Torino, che si esibirà nel Quartetto in fa maggiore op. 135, di Ludwig van Beethoven, e in Quartetto in sol maggiore D. 887 op. post. 161, di Franz Schubert.

Sul Quartetto in fa maggiore op. 135 il critico musicale Arrigo Quattrocchi scrive che «dopo due affreschi smisurati e per certi versi “mostruosi” come la Grande Fuga e il Quartetto op. 131, Beethoven compie, …, un sorprendente ritorno a una composizione non solo di dimensioni piuttosto contenute, ma anche di articolazione apparentemente consueta: quattro movimenti (forma sonata, scherzo, tempo lento, finale) di contenuto “leggero”: insomma una sorta di ritorno al passato, quasi in funzione rassicurante dopo tanti impervi sperimentalismi. Eppure è proprio nel primo tempo dell’opera 135, “allegretto”, che possiamo cogliere la proliferazione e perdita di funzione degli elementi tematici che costituisce, di fatto, proprio la negazione di quel ritorno al passato».

Sul Quartetto in sol maggiore D. 887 op. post. 161 il critico Sergio Sablich sottolinea come «composto in un periodo di tempo incredibilmente breve – dal 20 al 30 giugno 1826 – …, l’ultimo dei Quindici Quartetti per archi di Schubert, è non solo il più lungo in assoluto …, ma anche il più straordinario e profetico: l’unico in grado di stare accanto al monumento per eccellenza dell’arte quartettistica, l’op. 131 di Beethoven, che non a caso Schubert considerava il vertice della musica del suo tempo».

Composto da Vittorio Marchese, primo violino, Umberto Fantini, secondo violino, Andrea Repetto, viola, e Manuel Zigante, violoncello, il Quartetto d’Archi di Torino è presente da più di venticinque anni sulla scena musicale. Ha ottenuto l’incarico di “Quartet in Residence” all’Istituto Universitario Europeo di Firenze e il diploma d’onore presso l’Accademia Musicale Chigiana di Siena. Ha avuto prestigiosi riconoscimenti tra cui il premio al “IV Concorso Internazionale per Quartetto d’archi di Cremona”; il secondo premio, il premio speciale per il quartetto meglio classificato e il premio del pubblico al “Concorso Internazionale Vittorio Gui” di Firenze. Si esibisce nelle stagioni concertistiche e nei festival internazionali più importanti e le sue interpretazioni sono trasmesse in Italia e all’estero. La notorietà presso il grande pubblico è arrivata grazie alla colonna sonora del film di Gabriele Salvatores, Io non ho paura, composta da Ezio Bosso.

Curata dal maestro Leandro Piccioni, la rassegna “Il Quartetto d’Archi” è organizzata dalla Fondazione Etruria Mater in collaborazione con la Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Etruria Meridionale e con il Comune di Tarquinia.

Per assistere ai concerti è obbligatoria la prenotazione all’ufficio informazioni turistiche (Barriera San Giusto) chiamando il numero di telefono 0766/849282 o inviando una email a info@tarquiniaturismo.it.

2ª rassegna “Il Quartetto d’Archi”

Scritto da Daniele79 il . Pubblicato in Musica

La Fondazione Etruria Mater presenta la 2ª rassegna “Il Quartetto d’Archi”. A Tarquinia, nella Loggia di Palazzo Vitelleschi, sede del Museo Archeologico Nazionale (Piazza Cavour), alcuni dei più importanti e conosciuti quartetti italiani daranno vita a straordinari concerti gratuiti. Si esibiranno il 26 gennaio, alle ore 17.00, il Quartetto di Cremona; il 23 febbraio, alle ore 17.00, il Quartetto di Torino; il 30 marzo, alle ore 17.00, il Quartetto Noûs; e il 13 aprile, alle ore 17.00, il Quartetto Bernini. Curata dal maestro Leandro Piccioni, la manifestazione è realizzata in collaborazione con la Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Etruria Meridionale e con il Comune di Tarquinia.

«Nella primavera del 2013 abbiamo dedicato a questa formazione una prima rassegna, cui hanno preso parte i Quartetti Prometeo, delle Marche, Bernini, Pessoa e Arquà. – dichiara la Fondazione Etruria Mater – L’intento era di offrire alla città un’esperienza di ascolto di straordinario valore tecnico e artistico, in un luogo di eccezionale fascino e valore: la Loggia di Palazzo Vitelleschi. Il felice esito di questa esperienza e la grande partecipazione di pubblico ci hanno indotto a proporre la 2ª edizione, sempre curata dal maestro Piccioni».

Nato nel 2000, all’Accademia Stauffer, il Quartetto di Cremona si afferma in breve come una delle realtà cameristiche più interessanti sulla scena nazionale ed estera. È invitato a esibirsi nei principali festival e rassegne in Europa, Sudamerica, Australia e Stati Uniti. La stampa specializzata internazionale lo considera l’erede del Quartetto Italiano, sottolineandone le qualità artistiche e interpretative. Le emittenti radiotelevisive di tutto il mondo ne trasmettono regolarmente i concerti.

Il Quartetto di Torino è presente da oltre venticinque anni nelle più importanti stagioni musicali. Si esibisce nei più rinomati eventi concertistici o festival internazionali. Le sue interpretazioni sono trasmesse in Italia e all’estero. La notorietà presso il grande pubblico è arrivata grazie all’esecuzione della colonna sonora del film di Gabriele Salvatores Io non ho paura, composta da Ezio Bosso.

Il Quartetto Noûs si forma nel 2011 al Conservatorio della Svizzera Italiana di Lugano. Dopo pochi mesi, vince il primo premio nella sezione di musica da camera del Concorso Internazionale “Luigi Nono” di Venaria Reale e viene invitato a suonare per la stagione “I Concerti del Quirinale” a Roma, in diretta radiofonica su Radio3. Si è esibito per importanti stagioni concertistiche italiane.

Fondato nel 1992, dopo molteplici esperienze maturate, dalla musica antica a quella contemporanea, il Quartetto Bernini ha sentito sempre più la necessità di concentrare la propria attività intorno al grande repertorio classico. Ha svolto tournée in Nord e Sud America, Europa, Medio ed Estremo Oriente, e si è esibito nelle più insigni stagioni concertistiche anche al fianco di musicisti di fama internazionale.

Per assistere ai concerti è obbligatoria la prenotazione all’Ufficio Informazioni Turistiche (Barriera San Giusto) chiamando il numero di telefono 0766/849282 o inviando una email a info@tarquiniaturismo.it.

Concerto “Aspettando… il Natale 2013”

Scritto da Daniele79 il . Pubblicato in Musica

Musica e solidarietà si fondono nel concerto benefico “Aspettando… il Natale 2013” organizzato dal Lions Club di Tarquinia, con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale. Giunto alla quinta edizione, il prestigioso evento si svolgerà domenica 1° dicembre, dalle ore 17.00, nella sala consiliare del municipio (piazza Giacomo Matteotti n. 6). Il concerto (ingresso libero), la cui direzione artistica è affidata alla professoressa Roberta Ranucci, ha l’obiettivo di raccogliere fondi da destinare a iniziative in favore dei bambini affetti da gravi malattie o che vivono in condizioni di disagio.

A esibirsi saranno il coro “Amici in musica” e l’Ensemble Strumentale “Orchestra Sinfonica Tiberina”, diretti rispettivamente dai maestri David Ciavarella e Sergio La Stella, con la partecipazione del soprano Yuri Takenaka. Oltre sessanta elementi, tra coristi e musicisti, proporranno musiche di G. F. Haendel, J. S. Bach, A. Vivaldi, W. A. Mozart, A. Scarlatti, P. Mascagni, G. Puccini, G. Verdi e I. Berlin.

Nel corso dell’evento, il presidente del Lions Club di Tarquinia, Piero Maria Nardi, presenterà “Futura Lions”, un concorso di idee rivolto ai giovani per coinvolgerli nel processo di sviluppo civile, culturale, produttivo e tecnologico della società, e illustrerà le attività umanitarie svolte dall’Istituzione, grazie al sostegno dei soci e di tanti benefattori tarquiniesi. «Siamo orgogliosi di proporre per il quinto anno consecutivo il concerto “Aspettando… Il Natale 2013”. – dichiara il presidente Nardi – Un appuntamento che, attraverso la musica di qualità, vuole portare un aiuto concreto a chi vive in condizioni difficili, in modo particolare ai bambini. Invito i cittadini a partecipare numerosi, per assistere a una manifestazione imperdibile e per sostenere la solidarietà».

Ripa e Cavaliere primi studenti dell’Accademia Tarquinia Musica a entrare al conservatorio

Scritto da Daniele79 il . Pubblicato in Istruzione, Musica

Gabriele Ripa e Sara Cavaliere sono i primi due allievi dell’Accademia Tarquinia Musica ammessi a prestigiosi conservatori italiani. I due giovani, studenti della classe di pianoforte, sono entrati, rispettivamente, al Conservatorio “Santa Cecilia” di Roma e al Conservatorio “Alfredo Casella” dell’Aquila. Soddisfazione viene espressa dal presidente Roberta Ranucci: «Per l’Accademia Tarquinia Musica vedere due ragazzi entrare al triennio del conservatorio è motivo di grande orgoglio. Soprattutto se si considera che la nostra Istituzione è nata nel dicembre 2012. A Gabriele e a Sara, vanno le nostre più vive congratulazioni e quelle del sindaco Mauro Mazzola, dell’assessore alla Pubblica Istruzione Sandro Celli e dell’Amministrazione Comunale, che fin dall’inizio ci sostiene». L’Accademia Tarquinia Musica si sta affermando come una delle realtà culturali più importanti di Tarquinia, per la qualità dell’offerta didattica proposta, con docenti provenienti da conservatori. «Ai nostri corsi possono iscriversi, dopo un esame d’ingresso, ragazzi con età minima di 14 anni, – conclude il presidente Ranucci – che acquisiscono una preparazione idonea per gli esami di ammissione ai cicli triennali e biennali dei conservatori di stato». Per avere ogni informazione sulle attività dell’Accademia Tarquinia Musica è possibile scrivere a info@accademiatarquiniamusica.it o chiamare il numero di telefono 327/3693492.

 

Partiti i corsi dell’Accademia Tarquinia Musica per l’anno 2013-2014

Scritto da Daniele79 il . Pubblicato in Musica

All’Accademia Tarquinia Musica sono iniziati i corsi superiori di formazione musicale del nuovo anno, le cui lezioni si svolgeranno presso l’I.C. “Ettore Sacconi” e l’I.I.S. “Vincenzo Cardarelli”. Dopo aver superato la prova di ammissione dello scorso 31 ottobre, gli studenti seguiranno un percorso didattico che si concluderà il 30 giugno 2014, con l’esame finale sulle discipline svolte. A valutarli, una commissione composta da docenti di conservatorio, che rilascerà la certificazione di livello conseguita, firmata dal maestro Riccardo Giovannini, direttore delegato del Conservatorio di Rieti (sede delocalizzata del Conservatorio “Santa Cecilia” di Roma). Per il 2013-2014, sono state attivate le classi di pianoforte, chitarra, flauto, clarinetto, tromba, composizione, storia della musica, armonia e analisi, teoria e solfeggio, esercitazioni orchestrali e lettura della partitura. Si aggiungono le classi di strumentazione per banda e orchestra, didattica della musica, informatica musicale e stage di perfezionamento e aggiornamento per docenti di ogni ordine e grado. «L’Accademia Tarquinia Musica vuole essere sia un qualificato centro d’insegnamento, dove dare la possibilità ai ragazzi di coltivare il talento e la passione per la musica, – dichiara il presidente Roberta Ranucci – sia un luogo di promozione della cultura nella nostra città, attraverso l’organizzazione di rassegne e festival musicali». Per avere ogni informazione sulle attività dell’Accademia Tarquinia Musica è possibile scrivere a info@accademiatarquiniamusica.it o chiamare il numero di telefono 327/3693492.

Carraro a “Incontri con l’autore”

Scritto da Daniele79 il . Pubblicato in Comunicati Stampa, Libri

Andrea Carraro secondo ospite di “Incontri con l’autore”. Sabato 16 novembre, la mattina alle ore 11.00, sarà con gli studenti nella sede dell’I.I.S. “Vincenzo Cardarelli”, a Tarquinia Lido; il pomeriggio, alle ore 17.00, presenterà alla biblioteca comunale “Vincenzo Cardarelli” (via Umberto I n. 34) il libro Come Fratelli (Barbera, 2013). Lo scrittore parlerà del romanzo con il critico Filippo La Porta e il direttore artistico del “Premio Tarquinia Cardarelli”, il critico Massimo Onofri. Il libro vede protagonisti Dario, un noto e discusso “santone televisivo”, e Andrea, uno scrittore. I due sono amici dai tempi dell’adolescenza, hanno condiviso libri, scoperte, viaggi, passioni e ragazze. Sono molto diversi tra loro. Andrea è un leader nato ma è timido e impacciato. Dario ha una personalità complessa ed esuberante. Eppure sono inseparabili, uno al fianco dell’altro, uno a sostegno dell’altro. La loro amicizia passa indenne attraverso gli anni, le incomprensioni, le difficili prove della vita, le profonde mutazioni sociali che attraversano il Paese. Carraro ha pubblicato  romanzi come A denti stretti (Gremese, 1990), Il branco (Theoria, 1994), diventato un film di Marco Risi, L’erba cattiva (Giunti, 1996), La ragione del più forte (Feltrinelli, 1999), Non c’è più tempo (Rizzoli, 2002, “Premio Mondello”), Il sorcio (Gaffi, 2007), le raccolte di racconti La lucertola (Rizzoli, 2001) e Il gioco della verità (Hacca, 2009), e il libro di reportage narrativi Da Roma a Roma (Ediesse, 2010). Collabora con il quotidiano Il Messaggero e con molte riviste letterarie tra cui Nuovi Argomenti, Lo straniero e Reset.

Il ciclo di appuntamenti letterari “Incontri con l’autore” è organizzato dall’assessorato alla Cultura del Comune di Tarquinia, nell’ambito del “Premio Tarquinia Cardarelli”, con l’alto patronato della Presidenza della Repubblica, il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del MIBACT (Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo), della Regione Lazio e della Provincia di Viterbo, il sostegno di Porti di Roma e del Lazio, Camera di Commercio di Viterbo, Unindustria, Fondazione Carivit, Cassa Edile di Viterbo e BCC Tuscia.

 

Semi di Pace International attiva un ambulatorio alla scuola “San Benito” a Santo Domingo

Scritto da Daniele79 il . Pubblicato in Comunicati Stampa, Dal Mondo, Istruzione, Salute

Un’equipe di infermieri di Semi di Pace International è a Santo Domingo, capitale della Repubblica Dominicana, dove ha attivato un ambulatorio nella scuola primaria “San Benito”, costruita grazie al contributo economico di Mediafriends, con la vendita del libro Tutti i colori del sorriso, nell’ambito del progetto Tainos, e inaugurata dal presidente prof. Luca Bondi, il 10 marzo 2011. Coordinato da Claudio Bondi, responsabile del settore Life di Semi di Pace International, il team composto da Eleonora Campetella (di Castelfidardo in provincia di Ancona), Cristian Boccato (di Adria ma residente a Taglio di Po in provincia di Rovigo) e Cristina Sbarra (di Orvieto in provincia di Terni ma residente a Bolsena) rimarrà sull’isola caraibica fino al 18 novembre. Il gruppo, in collaborazione con le missionarie della congregazione Figlie della Passione che gestiscono l’istituto, ha avviato un intenso programma di visite mediche. «Questa iniziativa costituisce la fase successiva del progetto Tainos. – afferma Semi di Pace International – La scuola “San Benito” ospita circa 400 bambini e si trova in un quartiere periferico della città, con molti problemi sociali. L’obiettivo è rendere l’ambulatorio permanente, per offrire assistenza adeguata sia agli studenti sia alla popolazione residente nella zona. Nei prossimi mesi, altre equipe partiranno dall’Italia per garantire il servizio». Semi di Pace International ricorda che l’impegno a favore dei bambini della Repubblica Dominicana passa anche attraverso il sostegno a distanza. Per ogni informazione, è possibile scrivere all’indirizzo progettisad@gmail.com.

Book&Wine: la drammatica vicenda di Stefano Cucchi raccontata da sua sorella Ilaria

Scritto da Daniele79 il . Pubblicato in Gastronomia e Cucina, Libri

“Vorrei dirti che non eri solo”: la straordinaria forza emotiva di un titolo per tentare di rendere l’idea della sensazione di ansia ed impotenza vissuti negli ultimi, drammatici giorni di vita di Stefano Cucchi dalla sua famiglia. Da quando – era la notte tra il 15 e il 16 ottobre 2009 – il giovane venne arrestato per possesso di stupefacenti a quando, una settimana dopo, un ufficiale giudiziario si reca dalla famiglia per notificare l’autorizzazione all’autopsia.

Book&Wine dedica il suo appuntamento di novembre a un argomento di forte rilievo emotivo e sociale e di grande attualità: sabato 9 novembre, presso la sala consiliare del palazzo comunale di Tarquinia, dalle ore 18.15, la protagonista sarà Ilaria Cucchi, sorella di Stefano e autrice del libro il cui titolo è proprio quello descritto in apertura.

“Un appuntamento cui teniamo molto, – spiega Alessandro Antonelli, presidente dell’Università Agraria di Tarquinia – che conferma come Book&Wine spazi dalla narrativa all’attualità, trattando temi anche forti con l’evidente intento di stimolare una riflessione anche a carattere sociale”.

“Siamo lieti di ospitare una così valida occasione di dibattito su una vicenda di cui molto si è discusso e discuterà. – le parole di Renato Bacciardi, vicesindaco del Comune di Tarquinia – È una serata alla quale sia l’Università Agraria che l’Amministrazione tengono molto”.

L’evento di sabato ricalca la tradizionale formula di Book&Wine, “costruita” dall’Università Agraria in collaborazione con l’Associazione Artistica Culturale La Lestra e con la FISAR – Federazione Italiana Sommelier Albergatori Ristoratori -, i cui competenti sommelier gestiranno la degustazione al termine dell’incontro. I presenti potranno quindi riflettere e condividere le proprie opinioni sorseggiando il vino rosso Pantaleone, prodotto dall’azienda vitivinicola tarquiniese Marco Muscari Tomajoli.