Posts Tagged ‘studio’

Assicurazioni vacanze studio: ricerche in aumento del 26% in 12 mesi

Scritto da Andrea Polo il . Pubblicato in Economia

Che si tratti di un corso di lingua di poche settimane o di uno stage all’estero, sono sempre di più i giovani italiani che trascorrono i mesi estivi lontani dai genitori i quali, però, cercano di tutelarsi e tutelarli tanto che, secondo un’analisi di Facile.it, in appena 12 mesi sono aumentate del 25,9% le ricerche di coperture assicurative dedicate alle vacanze studio.

Il comparatore ha messo a confronto i dati del periodo maggio – luglio 2018 con quelli dello stesso trimestre 2019, evidenziando come la domanda di informazioni e la visualizzazione dei preventivi di questo tipo di polizze abbiano avuto una vera e propria impennata.

«Oggi sul mercato si trovano molti prodotti assicurativi specifici per i giovani che intendono trascorrere un periodo di studio o lavoro all’estero.», spiega Lodovico Agnoli, Responsabile New Business di Facile.it «Queste coperture tutelano dagli imprevisti più comuni e i costi variano in funzione della destinazione, della durata del soggiorno e delle garanzie scelte. Per un pacchetto completo che include responsabilità civile, spese mediche e assistenza viaggio, il costo per assicurare due settimane in Europa parte da 35 euro, che diventano 55 se si viaggia fuori dal Vecchio Continente, 65 se si scelgono Stati Uniti o Canada».

Occhio a età, durata, destinazione e motivazione del viaggio

Prima di scegliere la compagnia assicurativa è bene sapere che non tutte le polizze vacanze studio sono uguali. Innanzitutto fate attenzione all’età di vostro figlio; se è vero che generalmente si tratta di assicurazioni rivolte ad un target con età massima pari a 25 anni (anche se determinate coperture sono attivabili già dai 6 anni), in alcuni casi le compagnie accettano di assicurare ragazzi fino a 30 anni (limite che sale a 35 anni per gli stage).

Importante tenere in considerazione anche la motivazione del viaggio; le coperture sono normalmente valide per le vacanze a scopo di studio, ma in alcuni casi sono tutelati più genericamente anche gli stage e le esperienze formative all’estero, purché non prevedano lo svolgimento di lavori pericolosi.

Anche rispetto alla durata massima della copertura le compagnie applicano politiche differenti, tanto che questo elemento può variare notevolmente: da 60 giorni fino a 12 mesi.

Nel preventivo della compagnia, la differenza è determinata anche dalla destinazione del soggiorno. Costi, franchigie e massimali cambiano in base al Paese e, per alcuni, la copertura potrebbe non essere valida; spesso questo accade in caso di viaggio studio in Italia.

Spese mediche, malattie, infortuni e gli altri imprevisti coperti

Il primo imprevisto che potrebbe compromettere l’umore in viaggio è quello di perdere i bagagli. La polizza vacanza studio tutela l’assicurato da questa evenienza, anche in caso di furto, rimborsando il contenuto della valigia e, in alcuni casi, anche le spese sostenute dal ragazzo per l’acquisto di beni di prima necessità.

Come sempre, è importante controllare i massimali previsti; il rimborso potrebbe essere forfettario ed è bene sapere che non sempre sono inclusi tutti i beni; per coprire smartphone, macchine fotografiche, computer e tablet, ad esempio, spesso viene richiesta una garanzia accessoria.

Un altro imprevisto piuttosto fastidioso è rappresentato dall’ammalarsi all’estero che se è una situazione poco piacevole e spesso complessa da gestire per gli adulti, figuriamoci quanto lo sia per un giovane. Le difficoltà possono trasformarsi in veri e propri ostacoli insuperabili, non solo pratici, ma anche linguistici ed economici; in caso di malattia, la polizza vacanza studio interviene assistendo il giovane a 360°; una centrale operativa 24 ore su 24 è a disposizione dell’assicurato non solo fornendo un primo consulto telefonico, ma anche, se necessario, indirizzando il ragazzo da uno specialista in loco o, altrimenti, inviando un medico a domicilio.

Se necessario, inoltre, la compagnia mette a disposizione un interprete e, nei casi più gravi o di ricovero, copre i costi del viaggio andata e ritorno di un familiare.

Sono a carico della compagnia, in forma diretta o indiretta a seconda dei contratti, anche i costi sostenuti per il trasporto presso la struttura medica e le cure ricevute. Se non disponibili nel Paese ospitante, l’assicurazione provvede a inviare i medicinali urgenti. In diversi casi, però, restano escluse patologie particolari e le cure odontoiatriche se non è stata sottoscritta una specifica garanzia aggiuntiva.

Alcool, droghe, risse e tutti gli imprevisti non coperti

Attenzione sempre alle esclusioni, perché non tutte le casistiche sono coperte; in caso di infortunio con invalidità permanente, a seconda della gravità del danno, la compagnia riconosce un indennizzo; in questo caso, però, sono spesso esclusi i danni derivanti dalla partecipazione a sport ad alto rischio.

Non danno diritto a rimborso anche gli infortuni derivanti dall’assunzione di alcool o droghe.

Se è vero che le polizze vacanze studio tutelano il giovane, e i suoi genitori, anche da eventuali richieste di risarcimento a seguito di danni causati a terzi, come sempre bisogna fare attenzione ai dettagli del contratto, perché ancora una volta non sempre la compagnia rimborsa, ad esempio, i danni causati dagli studenti stessi per risse o diverbi avvenuti tra loro o in caso di responsabilità diretta della famiglia ospitante o  danni arrecati a proprietà di terzi affidati temporaneamente allo studente.

Alexia Mell torna in Puglia, il 17 e il 18 luglio allo Showgirls di Fasano

Scritto da Press Management il . Pubblicato in Fotografia, Libri, Locale, Musica, Spettacolo, TV

La stupenda artista italo-rumena pronta ad estasiare i suoi numerosi ammiratori con la sua consueta classe e le sue forme mozzafiato. Un’ospitata da “Oscar”.

Due date da segnare come “speciali” sul calendario, perché diversamente non può essere. Alexia Mell torna in Puglia e lo fa nello storico ed inossidabile Showgirls di Fasano, venerdì 17 e sabato 18 luglio. La polivalente artista rumena torna ad infiammare i suoi estimatori, tanti, del tacco dello stivale con la sue curve mozzafiato che le hanno concesso la giusta cittadinanza nella hall of fame del rutilante mondo notturno italiano. Alexia è bella, carismatica e capace di fagocitare ogni sguardo dell’universo maschile che puntualmente è lì ad ammirarla. E ad assicurarsi la professionalità della Mell non poteva che essere lo Showgirls del deus ex machina Max. Due notti ad alta gradazione erotica desiderose di essere consegnate nel mito notturno pugliese.

CHI E’ ALEXIA MELL Fin da piccola inizia a sviluppare la sua passione verso tutto ciò che è arte: musica, ballo, bellezza. L’allora giovane promessa Alexia inizia presto la sua scalata al successo, tra le mura amiche della sua Romania: l’aiutano la sua bellezza e la sua voglia di emergere. La sua seppur giovane avvenenza inizia a sbocciare, partecipando a diversi concorsi di bellezza, tra i consensi sinceri del suo pubblico. La Mell è un’artista a tutto tondo, perché sa cantare e posare, come dimostrano la rivisitazione del brano di Serege Gaingsbourg e Jane Birkin, “Je t’aime, moi non plus”. Nello stesso anno partecipa come cantante al Festival Show condotto da Elenoire Casalegno, non dimostrando alcun timore reverenziale nel confronto con gente come Paola e Chiara, Dj Francesco e Franco Califano. Anche la televisione vuole Alexia. Ma la tv che conta, s’intende.  Diverse le sue ospitate sulle principali reti: dalla Rai alla rete ammiraglia, passando per Sky e Canale Italia. Nel suo curriculum prestigioso, la Mell annovera anche la partecipazione come interprete del serial televisivo “Rome”, prodotto da BBC, HBO e Rai Fiction; “Le cose che restano”, con la produzione di Bibi Film Tv e regia di Gianluca Maria Tavarelli su Rai Uno. Protagonista nel thriller “Only 4u”, sotto la regia di Vincenzo Esposito. Alexia però si cimenta pure nello scrivere, curando una sua personale rubrica, “in controluce”, sul periodico nazionale Radiocorriere Tv (giornale della Rai), riscuotendo successo. Ma è l’amore per la musica che Alexia non molla mai, anzi raddoppia: nel 2007 esce con il singolo “The other side”. È anche imprenditrice di se stessa, come dimostra il suo ruolo attivo nella Fantasy Studio Agency in compagnia di Davide Gambin.

LA CHICCA Ma è col film di Sorrentino “La grande bellezza” che la Mell raggiunge l’apice della sua carriera, visto che la pellicola italiana sbanca Hollywood portando a casa la preziosa statuetta che mancava all’appello da anni. Condivide il set con gente del calibro di Tony Servillo, Carlo Verdone, Sabrina Ferilli e tanti altri. Nel film compare dolce e sinuosa come al suo solito, lasciando ben poco all’immaginazione grazie al suo fisico perfetto in ogni dove. Quel fisico che adesso aspetta di essere ammirato in Puglia, precisamente allo Showgirls di Fasano. Basta attendere il 17 e il 18 luglio.

A Milano il nuovo Consolato di Etiopia

Scritto da Massimo Lucidi il . Pubblicato in Dal Mondo, Economia

Apre nel cuore di Milano, a due passi da Piazza Affari, il Consolato di Etiopia, Paese centrale nel delicato scacchiere del corno d’Africa con implicazioni in tutta l’Area centrafricana e penisola arabica.

Lontana dal luogo comune di colonia italiana, l’Etiopia è oggi un’economia in forte crescita, attenzionata da Banca Mondiale e Fondo Monetario Internazionale per la duratura stabilità politica e sociale ed il continuo impegno a realizzare assai significativi interventi infrastrutturali, premessa necessaria ad un costante e prossimo ulteriore sviluppo.

Queste ragioni hanno indotto numerosi imprenditori e professionisti a ritrovarsi a pranzo nella sede consolare, alla presenza di S.E. l’Ambasciatore Mulugeta Alemseged Gessese, su invito del Console Onorario, l’avvocato Nicola Spadafora che, con il sostegno dello Studio Legale Internazionale Tonucci & Partners, da sempre impegnato sui temi dell’internazionalizzazione, ha saputo catalizzare l’interesse di giornalisti, diplomatici, studiosi e, perfino, un diplomatico di carriera ed ex Ministro, S.E. Giulio Terzi di Sant’Agata.

Con la professionalità del giornalista economico Massimo Lucidi, che ha moderato gli autorevoli interventi, si é cosi prodotto un originale confronto, anticamera di quel Forum Italia Africa che é nelle corde del Console Spadafora sin dall’inizio di questo percorso umano e professionale: “ci si chiedeva cosa fare per supportare le ragioni delle imprese italiane di qualita’, dove guardare come studio legale e in genere come mondo delle professioni; – spiega Spadafora – non abbiamo avuto dubbi nel ritenere che internazionalizzare imprese e guardare all’Africa fosse la risposta strategica piu’ giusta. L’Etiopia e’ davvero un Paese ricco di giovani, risorse e opportunita’, non era giusto lasciarlo alle attenzioni incessanti di Cina e Usa. L’Italia e l’Europa devono giocare un ruolo da protagoniste”.

I rapporti bilaterali e le prospettive di crescita sono state al centro dell’intervento di S.E. Gessese che ha sottolineato “lo straordinario apprezzamento per il made in Italy che nutre l’Etiopia e le prospettive di sinergico sviluppo che possono derivare da investimenti italiani nel Paese, quale base di partenza per raggiungere mercati ancora inesplorati, costituiti da centinaia di milioni di individui, desiderosi di crescita“.

L’Ambasciatore Terzi ha, infine, voluto ricordare “un delicato passaggio dei rapporti bilaterali ma anche la necessità e l’opportunità per l’Italia, Europa Mediterranea, di porsi quale ponte naturale sull’Africa, superando quell’attenzione a senso unico che ha la Cina verso il Continente Africano, rispetto al quale l’Etiopia ha una centralità non solo geografica.”

 

Le scoperte del cervello umano nel libro “OscuraMente”.

Scritto da Tiziana Iaccarino il . Pubblicato in Cultura, Libri

Scoperte che possono rivelarsi come risolutive o forse anche portarci alla conoscenza di nuovi interessanti studi intorno al cervello umano.
Un’opera, “OscuraMente” (Errekappa Edizioni, 2013) che l’autore Gianluca Giusti introduce ponendosi e ponendo a tutti delle domande di cui in pochi sanno, ma che gli studiosi e gli specialisti in materia si interessano per offrire al mondo delle risposte chiare.
Anche perché le differenze del cervello e delle potenzialità che cambiano di persona in persona ha permesso di porre delle ulteriori domande in grado di far cercare ulteriori risposte.

Ma quali sono le prerogative in questo ambito?

Gianluca Giusti utilizza la sua esperienza in merito per parlare, quindi, di cervello umano, ma anche per informare le persone intorno tutta quell’attività insita in ciascuno di noi attraverso le capacità di ciascuno.

Si sente spesso dire che si utilizza solo il 10% delle potenzialità del nostro cervello, siamo davvero sicuri che questa sia la verità? Cosa dicono le neuroscienze in merito? In che modo e perché si conoscono queste informazioni?
Se alcune persone vengono considerate “geni”, un motivo ci sarà, anche a loro viene attribuito quell’unico 10%? Ma, domandiamoci se esistono davvero queste percentuali. Oppure se la differenza non sia tanto nei numeri quanto nella qualità con cui usiamo il nostro cervello.

Molte le aspettative, ma anche le domande che tutti potremmo porci e quest’opera indaga e racconta, informa e comunica.

Pronti alla scoperta individuale di questo affascinante studio?

Per saperne di più: http://www.errekappa.net/prodotto/oscuramente-versione-cartacea/ .

Tiziana Iaccarino.

Il chirurgo Bruno Bassetto commenta il rapporto tra vip, estetica e bellezza

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Aziende, Italia, Salute

Il rapporto tra vip, estetica e bellezza è davvero un argomento molto attuale, suscita grande curiosità e attenzione da parte dell’opinione pubblica e diventa subito una notizia allettante e un gossip accattivante da divulgare a tam tam.

Senza dubbio, una voce assai autorevole in materia è quella di Bruno Bassetto, chirurgo estetico e Direttore della Marostica Salus affermata struttura sanitaria di Marostica (VI).

Il rinomato chirurgo esercita da tanti anni in zona Veneto e Trentino e ha pubblicato interessanti editoriali sul tema. Bassetto dichiara con convinzione “Ci sono personaggi vip, che si affidano alla chirurgia estetica del fai da te, ma è assolutamente indispensabile, che certe operazioni vengano eseguite da veri professionisti del settore e mai improvvisate o compiute da medici incompetenti, perché le conseguenze negative sono difficilmente rimediabili. Un esempio tra tutti, le labbra ad effetto canotto, che purtroppo spesso vediamo sui popolari volti di donne appartenenti al mondo del cinema, della tv, della moda e dello spettacolo in generale“.

Alle nuove generazioni di chirurghi, Bassetto consiglia saggiamente di essere consapevoli e prima di intervenire su pazienti sani per motivi estetici, di prepararsi in modo adeguato con lunghi periodi di formazione e pratica chirurgica sotto la guida esperta di specialisti. E sottolinea con tono di raccomandazione “Nella branca specialistica della chirurgia plastica ed estetica sembra tutto facile, ma non c’è niente di semplice o di improvvisato“.

Bassetto è considerato un serio e apprezzato professionista nell’ambiente del jet set. Di recente insieme al manager Salvo Nugnes, Direttore di Agenzia Promoter, ha partecipato a una serata di gala in occasione del gran opening allo Splendid Venezia, a cui era presente anche il noto critico Vittorio Sgarbi e altre personalità illustri.