Posts Tagged ‘sport invernali’

Assicurazioni sport invernali: un mercato da oltre 94 milioni di euro

Scritto da Andrea Polo il . Pubblicato in Economia, Turismo

I primi impianti hanno già inaugurato la stagione sciistica e sono molti gli italiani che, pensando alle imminenti vacanze, hanno intenzione di trascorrere uno o più giorni in montagna; secondo un’indagine realizzata per Facile.it da mUp Research insieme a Norstat*, quest’anno almeno 1 italiano su 3 farà una gita in vetta e più di 10 milioni hanno in programma di praticare uno sport invernale.

Con un bacino di soggetti assicurabili così ampio, non sorprende che sempre più compagnie assicurative propongano prodotti specifici e Facile.it ha analizzato questo mercato calcolando come già oggi, secondo le stime del comparatore, abbia un valore potenziale da capogiro: oltre 94 milioni di euro.

Secondo l’indagine la durata media delle vacanze in montagna sarà di 6 giorni, mentre la media del costo giornaliero di un’assicurazione per chi pratica sport invernali è pari a 9 euro. Considerando che, ancora una volta tramite i dati del sondaggio condotto da mUp Research e Norstat, il numero dei turisti della montagna che dichiarano di sottoscrivere questo tipo di polizza è pari a 1,8 milioni di individui, il calcolo è presto fatto ed è addirittura conservativo dal momento che se si considerasse anche l’universo di chi oggi non acquista alcuna assicurazione per questo genere di attività, ma pratica sport invernali, si arriverebbe a 5,7 milioni di individui e, in potenza, ad un valore di mercato stimato pari ad oltre 291 milioni di euro.

«Quelli legati agli sport invernali sono prodotti assicurativi proposti, in alcuni casi, all’interno delle cosiddette polizze viaggio, in altri, come coperture ad hoc per chi va in montagna e pratica sport sulla neve», spiega Lodovico Agnoli, responsabile new business di Facile.it. «Queste assicurazioni normalmente includono non solo la responsabilità civile verso terzi, ma anche gli infortuni personali e il rimborso dello skipass o delle lezioni di sci non godute.».

Sono ancora molti però, almeno 3,8 milioni secondo i dati dell’indagine, coloro che pur praticando attività sportiva sulla neve partono senza alcuna copertura assicurativa. I meno prudenti sembrano essere gli italiani con età compresa tra i 25 e i 34 anni; tra loro quasi 1 su 2 non si assicura da eventuali imprevisti ad alta quota. Dal punto di vista geografico, invece, non sorprende che si tratti di coperture assicurative più diffuse, percentualmente, nelle regioni del Nord Ovest e del Nord Est.

Ma quali tutele offrono queste polizze? Le coperture base, oltre alla responsabilità civile in caso di danni causati a terzi durante la pratica di sport, garantiscono l’assicurato anche da eventuali infortuni personali subiti durante l’attività sportiva (ad esclusione di quelli avvenuti in ambito agonistico). Sono coperte le principali discipline sulla neve come sci, sci di fondo, snowboard, slittino, slitta con cani, racchette da neve, motoslitta, ma anche altre come il pattinaggio su ghiaccio. Alcune polizze arrivano a includere anche sport estremi o attività come l’eli-sci o lo snow-kiting; attenti, però, perché la lista può variare da società a società e alcuni sport potrebbero richiedere un’estensione di garanzia.

In caso di infortunio, la compagnia rimborserà le spese sostenute dall’assicurato per le prestazioni sanitarie urgenti; rientrano tra queste, ad esempio, gli interventi medici, il ricovero e i farmaci che, se non disponibili in loco, verranno recuperati e spediti dall’assicurazione. E ancora, i costi per il trasferimento in strutture ospedaliere idonee e, se ci si trova all’estero, il rimpatrio anticipato dell’assicurato e di un accompagnatore.

In caso di incidente, inoltre, alcune assicurazioni arrivano a rimborsare anche gli eventuali costi sostenuti per la ricerca dell’assicurato qualora disperso e quelli relativi al suo salvataggio; se necessario, copre anche i costi d’intervento di mezzi speciali come slitte o elisoccorso.

Molto utile se si va in settimana bianca è la copertura che interviene qualora l’impianto sciistico restasse chiuso causa troppa, o troppo poca neve; non potrà far nulla contro le condizioni metereologiche sfavorevoli, ma almeno rimborserà i costi legati al mancato utilizzo delle strutture e le eventuali spese di trasferimento verso un luogo alternativo più idoneo.

E se ci si fa male sulle piste, tanto da compromettere la vacanza, la compagnia potrebbe addirittura rimborsare il costo dello skipass e delle lezioni di sci non godute. Se invece fosse l’attrezzatura a rompersi, in tal caso l’assicurazione andrebbe a rimborsare i costi sostenuti per noleggiare una strumentazione sostitutiva.

* Metodologia: n. 1.015 interviste CAWI con un campione rappresentativo della popolazione adulta, in età 18-74 anni, sull’intero territorio nazionale. Indagine condotta tra il 15 e il 18 novembre 2019.

Acrobazie sulla neve in sicurezza

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende, Sport

Una linea di ginocchiere di prima qualità realizzata per snowboarder, freestyler e freerider, che amano fare acrobazie sulle piste o negli snowpark e vivere la tavola da neve in assoluta libertà

Sport popolarissimo, soprattutto tra i giovani, lo snowboard, specialmente nelle declinazioni del freeride e del freestyle, comporta rischi non indifferenti per gli arti inferiori. Se ad essere maggiormente colpiti sono soprattutto le nuove generazioni che si approcciano a questa disciplina spesso in maniera temeraria ed imprudente, anche per gli sportivi più esperti il rischio di incidenti resta elevato.

First Line, azienda leader nella distribuzione di una serie di prodotti legati alla salvaguardia del proprio corpo, commercializza una linea di ginocchiere in grado di ridurre l’incidenza di infortuni su neve e di prevenire la possibilità di traumi da caduta. Sono infatti soprattutto le acrobazie, le manovre, le evoluzioni e gli atterraggi, a provocare lesioni, poiché i piedi sono vincolati alla tavola, dunque i rischi di lesioni (come torsioni o distorsioni) al ginocchio sono molto frequenti. Gli infortuni più comuni, per un salto finito male, un brutto atterraggio o una caduta durante la salita con lo skilift – momento delicato in quanto una gamba non è agganciata alla tavola, possono comportare lesioni ai legamenti del ginocchio, fratture e distorsioni. Per questo motivo è importante indossare le adeguate protezioni per le ginocchia: i tutori Cti, performanti e realizzati con materiali di prima qualità, garantiscono la massima protezione declinandosi in due diversi modelli: per i professionisti amanti della neve fresca First Line consiglia la linea CTi Custom Made, ossia il modello realizzato su misura, in fibra di carbonio, in grado di proteggere il ginocchio e l’area rotulea dagli urti violenti, garantendo stabilità e protezione. Una linea pensata per quegli sportivi che non vogliono rinunciare alla pratica della tavola su neve anche a seguito di un infortunio.

First Line non si rivolge solo ai professionisti ma anche a tutti coloro che vogliono iniziare a cimentarsi con lo snowboard, negli snowpark o nelle piste da sci. Ai principianti raccomanda l’utilizzo di CTi OTS, un tutore che mantiene pressoché intatte le prestazioni di CTi Custom Made garantendo un ottimo rapporto qualità/prezzo.

Sicurezza, prevenzione e qualità sono le parole chiave che riassumono la mission di First Line, azienda da sempre impegnata nella diffusione di soluzione tecnologiche all’avanguardia pensate e realizzate per proteggere il proprio corpo da traumi e infortuni sulla neve e in tutte le discipline a forte impatto fisico.

First Line  www.ginocchiere.com  – 3357012767  info@first-line.itUfficio stampa: Borderline – Via Parisio 16 – 40137 Bologna Tel. 051 4450204 Fax 051 6237200Communication Manager & P.R Matteo Barboni – 349 6172546 m.barboni@borderlineagency.com

Fonte: Agenzia di comunicazione

CORIANDOLI E MASCHERE PER IL CARNEVALE DI LA THUILE

Scritto da PMPROMOTION il . Pubblicato in Comunicati Stampa, Italia, Spettacolo, Sport, Viaggi

Torna puntuale il doppio appuntamento con il Carnevale di La Thuile, dove piccoli e “meno piccoli” daranno sfogo alla fantasia.
Lunedì 11 febbraio ore 15.00 nella Piazzetta Corrado Gex in Capoluogo trucca bimbi ed animatori coinvolgeranno il pubblico in giochi, scherzi e risate. Da qui partirà il lungo serpentone di maschere, coriandoli e stelle filanti, per una simpatica sfilata che porterà colori ed allegria lungo le vie del paese. Il corteo si concluderà alla Sala Manifestazioni Arly, dove si terrà una strabiliante esibizione di “Close-up magic”, ossia la magia compiuta proprio sotto il naso, in cui ognuno dei presenti diventerà parte dello spettacolo!
Si proseguirà con i festeggiamenti martedì 12 febbraio ore 16.00 in Piazza Cavalieri di Vittorio Veneto dove ad attendere turisti e residenti ci sarà un’ottima polenta e trippa, accompagnate da casse-croûte valdostano e vin brûlé. Ad accompagnare la festa, le frizzanti note della Seven Dixie Band. Letteralmente “Dixieland” vuol dire “terra del dixie”, ma musicalmente si traduce in “jazz”, quello accattivante, allegro, suonato nel sud degli Stati Uniti da musicisti bianchi in contrapposizione a quello dei jazzisti di colore. La Seven Dixie Band è composta da sette elementi e si esibisce in stile “marching band”, ossia in performances musicali itineranti.
Si consiglia di partecipare mascherati per dare alla festa un’ulteriore tocco di colore e allegria!

Calendario e brochure scaricabili sono disponibili su www.lathuileinverno.com oppure www.lathuile.it. In caso di variazioni queste saranno immediatamente comunicate tramite il sito.

I PROSSIMI APPUNTAMENTI A LA THUILE: CONCERTO GOSPEL, LA THUILE CUP E L’ARRIVO DELLA BEFANA

Scritto da PMPROMOTION il . Pubblicato in Comunicati Stampa, Cultura, Musica, Spettacolo, Sport, Viaggi

Proseguono gli appuntamenti della stagione invernale di La Thuile.

Torna in Valle d’Aosta il Free Voices Gospel Choir che si esibirà venerdì 4 gennaio ore 21.00 presso la chiesa di San Nicola. “Fare Gospel” per loro è molto più che musica: è un messaggio di vita, solidarietà e aggregazione. La formazione nasce nel 1997 a Beinasco (TO) e vede attualmente impegnati settanta coristi e una live band di sei musicisti. All’attivo, oltre quattrocento esibizioni e più di trenta brani che spaziano dai cosiddetti “Traditional” come “Amen” e “Oh happy day”, fino a “He reigns” e “Lord I lift” di recente composizione e dal forte impatto ritmico. La musica, le voci, e persino gli abiti e le luci, si mescolano in un canto di gioia dove coro, musicisti e platea diventano un tutt’uno con lo spettacolo stesso. Uno show dalle calde ed avvolgenti note che solo il gospel sa dare!
Due gli eventi invece in programma per sabato 5 gennaio. Sulla pista n°16 a partire dalle ore 10.00 si disputerà La Thuile Cup, gara di sci aperta a tutti, realizzata a favore dell’Aspert, organizzazione di volontariato senza scopo di lucro che promuove la crescita equilibrata dell’individuo attraverso la funzione formativa ed educativa della pratica sportiva, a beneficio di delle persone svantaggiate in ragione di condizioni fisiche, psichiche, economiche, sociali o famigliari, con preferenza per quelle in età giovanile.
Anticipato di un giorno, l’attesissimo appuntamento con La Befana vien di notte…ma non solo! A partire dalle ore 17.30 nella Piazzetta Corrado Gex, l’intrepida vecchietta arriverà nella sua casetta allestita in un modo un po’ inconsueto: su una carrozza trainata da due bellissimi cavalli! Qui accoglierà i suoi piccoli amici con favole e calzette colme di goloserie…ma anche piccole ramanzine per chi fa i capricci! Ed ancora tanta animazione con befane ballerine, un mangiafuoco acrobata con le sue torce infuocate e distribuzione di palloncini, caramelle, cioccolata calda e vin brûlé. Inoltre, dalle 17.30 alle 19.30 la carrozza della Befana sarà a disposizione per brevi passeggiate gratuite!
Calendario e brochure scaricabili sono disponibili su www.lathuileinverno.com oppure www.lathuile.it. In caso di variazioni queste saranno immediatamente comunicate tramite il sito.