Posts Tagged ‘sgarbi’

Amanda Lear a Monte Carlo supportata da Sgarbi, Daverio, Bonito Oliva

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

Un’occasione particolare quella che vede la tanto amata Amanda Lear regina della Tv e della canzone, questa volta protagonista di una grande mostra dove espone cinquanta dei suoi lavori attraversando gli ultimi trent’anni della sua pittura. L’esposizione, organizzata dal manager della cultura Salvo Nugnes, verrà allestita dal 2 al 4 settembre 2016, presso l’esclusivo Hotel Metropole, nel centro di Monte Carlo, adiacente alla famosa Piazza del Casinò. Il vernissage inaugurale, è fissato per venerdì 2 settembre, alle ore 18.00.
Vittorio Sgarbi commenta: “È una figura interessante nel mondo dell’arte, direi che il suo stile si avvicina alla transavanguardia, ne è un’anticipazione”.
Achille Bonito Oliva: “La sua arte appare liberatoria e disinibita, in un’alchimia che attira”.
Philippe Daverio: “I suoi dipinti corrispondono appieno alla sua singolare ed intensa vita”.
Nello spiegare le principali fonti d’ispirazione della sua pittura, la Lear ha dichiarato “Prendo sempre spunto dalla mitologia e dalle creature mitologiche come Pegaso, il leggendario cavallo alato. Altri riferimenti importanti sono la Provenza e la natura. Non mi cimento in forme di pittura triste e neanche in quella pittura realista, che trasmette un senso di malinconia alle gente, perché io penso sia molto importante avere appeso sul muro della propria casa un’opera allegra, che ci tira su il morale, piuttosto che fare piangere. Dunque, io dipingo sempre cose colorate”.

E ancora ha proseguito rimarcando “Per me la pittura è colore. Io vado matta per Bonnard, per Gauguin, per i Nabis e per tutti quegli artisti di inizio Novecento, che hanno scoperto il colore puro, addirittura distribuito direttamente dal tubetto. Il mio approccio al mondo dell’arte, è avvenuto fin da bambina, perché volevo sempre dipingere. Per me, la pittura è come un bisogno incalzante, una necessità. Io torno a casa, mi metto tranquilla con i miei gatti a dipingere ed è una cosa, che mi fa veramente bene. Un quadro e questo ti apre un’ po’ la mente. Penso, che l’opera d’arte deve fare qualcosa, provocare un emozione, un sentimento semplicemente. Dire -Ah è bella- non è abbastanza, non è importante, bisogna stimolare e dare un qualcosa alla gente”.

Intervista al Brand Manager di Reevèr, Alessandro Carillo, della Angelo Carillo & C, in occasione della partnership per la mostra di Spoleto Arte incontra Napoli a cura di Vittorio Sgarbi presso il Museo Pan di Napoli dal 27 maggio al 4 luglio 2016

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Aziende, Cultura

1) Sig. Alessandro Carillo, come nasce l’occasione del positivo sodalizio con la mostra di “Spoleto Arte incontra Napoli” curata da Sgarbi e allestita presso il rinomato Museo Pan di Napoli?

La collaborazione con la mostra “Spoleto arte incontra Napoli” nasce da un profondo rapporto di stima e di fiducia reciproca costruito nel tempo sia con Salvo Nugnes, organizzatore dell’evento, che con Alviero Martini, un punto di riferimento e di ispirazione nel mondo della moda, ideatore di opere uniche e oggetto della mostra.

2) Con quale prodotto avete creato la partnership collaborativa con questo prestigioso evento artistico-culturale?

Abbiamo deciso di utilizzare come sponsor dell’evento “Spoleto arte incontra Napoli” l’ultimo brand nato in casa Carillo, Reevèr.

3) Ci racconta le origini dell’azienda Angelo Carillo & C Spa?

La Angelo Carillo & C. è stata fondata nel 1952 dall’omonimo imprenditore Angelo Carillo. Nata come piccola attività di commercio all’ingrosso di tessuti e biancheria per la casa, l’azienda si è nel corso degli anni ampliata, espandendo il proprio mercato oltre che in Italia anche all’estero e diversificando il proprio portafoglio prodotti in funzione dei target di clienti serviti. La Angelo Carillo & C. si presenta oggi sul mercato come un’eccellenza del settore tessile casa in Campania, i cui fattori critici di successo sono l’innovazione di prodotto, di stile e design, la varietà di gamma, la segmentazione degli stili di arredamento-casa, l’immagine di marca e il rapporto qualità/prezzo. La progettazione delle collezioni viene effettuata interamente nel centro stilistico del Headquarters, situato presso il distretto tessile di Nola (vicino Napoli), mentre la fase produttiva viene affidata a selezionati produttori tessili.

4) Quali sono i vostri prodotti di punta e in quale campo operate?

Le collezioni Reevèr si compongono di una molteplicità di articoli per l’arredo casa, come biancheria, tendaggi, tessuti, coperture letto, accessori divano, accessori sedie, tappeti e lumi.

5) Ci spiega come si caratterizza il Brand Reevèr?

Reevèr è un brand che unisce innovazione di product concept, alta qualità dei materiali, designed & made in Italy. Il valore, l’end benefit che Reevèr intende creare al suo target di clienti si basa sui seguenti punti di differenza: personalizzazione, innovazione, combinabilità, auto-realizzazione, eclettismo, vivacità delle combinazioni di color, high-design, Italianità.

6) Da cosa deriva il termine “Reevèr” e perché è stato scelto?

La combinabilità dei prodotti, unita all’alto contenuto di design e alla varietà dei colori, permette di costruire una visione personale della casa. Gli articoli delle diverse collezioni possono essere uniti e separati in modo semplice e intuitivo, secondo combinazioni uniche, sofisticate, piacevoli e innovative, sperimentando e cambiando lo stile della propria casa senza mai rischiare di ottenere accostamenti sbagliati.
Da questa idea di fondo nasce il nome Reevèr, ovvero, “Riprogettare il verso della tua casa, invertendolo”.

7) Quale mission aziendale si identifica con il brand Reevèr?

La brand mission di Reevèr è di trasformare l’arredamento della casa in un ambiente sensoriale, creativo, unico, affascinante, non convenzionale

8) Un suo commento sul mercato attuale del tessile e dell’arredo casa, in ambito nazionale ed estero;

Il business del tessile-casa-arredamento negli ultimi anni è diventato molto competitivo e richiede competenze e organizzazione sempre più professionali per seguire e anticipare le nuove tendenze di mercato, con product concept innovativi, non convenzionali, divergenti e in grado di generare valore per i clienti, finali e intermediari.
In questo contesto nasce Reevèr, brand che unisce innovazione di product concept, alta qualità dei materiali, designed & made in Italy. Nei pochi mesi trascorsi dalla presentazione ufficiale sul mercato (settembre 2015), le collezioni Reevèr hanno riscontrato un notevole successo, superando gli obiettivi di vendita stabiliti dal management.

9) A quale target di fruitori vi rivolgete?

Il target di clienti a cui si rivolge Reevèr si caratterizza per uno stile di arredamento innovativo, sperimentale, non convenzionale, che enfatizza uno spirito di protagonismo nella scelta dei prodotti, che rompe gli schemi e le regole del gioco consolidate nel settore. La costruzione e decostruzione degli spazi arredativi secondo linee ed esigenze fortemente divergenti è la brand essence di Reevèr.

10) Avete anche delle sedi/filiali all’estero oppure avete in previsione di aprirne?

Oggi, la Angelo Carillo & C. S.p.A. vende i propri prodotti ad oltre 5.000 operatori commerciali (aziende dettaglianti, aziende grossiste), di piccole, medie e grandi dimensioni, collocati sia in Italia che all’estero. Inoltre, l’azienda cura direttamente la distribuzione dei propri prodotti attraverso una rete di agenti e tre punti vendita diretti così dislocati:
• Nola (NA)- CIS Lotto 102/105
• San Giuseppe Vesuviano (NA) – Via Mattiuli, 15
• Napoli – Via san Giovanni a Mare, 38/39

London Calling: conferiti premi di prestigio a Maria Pia Severi, Luciano Tonello e Alfonso Mangone

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura, Fotografia

In occasione della mostra internazionale “London Calling”, svoltasi a Londra presso la rinomata The Crypt Gallery dal 31 maggio al 6 giugno 2016, sono stati assegnati dei prestigiosi riconoscimenti ad un selezionato numero di artisti partecipanti. La selezione per il conferimento dei premi è stata fatta da un’autorevole ed esperta giuria di qualità. L’organizzatore dell’evento, che ha riscosso grandi consensi d’apprezzamento e forte risonanza mediatica, è il manager della cultura Salvo Nugnes.

I nomi tre dei vincitori sono: la fotografa Maria Pia Severi, e i pittori Luciano Tonello e Alfonso Mangone. Accanto alle opere di questi talentuosi artisti, è stata allestita un’interessante esposizione in omaggio all’illustre maestro Gino De Dominicis, dal titolo “D’Io” a cura di Vittorio Sgarbi, che ha dato ulteriore risalto all’iniziativa. La Severi, Tonello e Mangone si sono distinti per lo stile di originale espressione e per una serie di componenti esclusive e fattori particolari, che caratterizzano le loro creazioni e hanno suscitato positivi riscontri da parte dei giurati.

Sorry Isis, la provocazione atomica di Sgarbi e Gigante

Scritto da Massimo Lucidi il . Pubblicato in Arte, Opinioni / Editoriale

Vittorio Sgarbi e Danilo Gigante affrontano il tema delle radici occidentali: il critico d’arte italiano tra i più conosciuti e apprezzati con Danilo Gigante il consulente d’arte ideatore di molti progetti internazionali e di valorizzazione dell’arte contemporanea. Su un tema di grande attualità, il terrorismo islamico e la sfida all’Occidente, adesso Vittorio Sgarbi spiega la forza invicibile, “atomica” potremmo dire, della Cultura che l’Occidente deve mettere in campo. In una video intervista realizzata dallo stesso Danilo Gigante nell’appartamento romano di Vittorio Sgarbi, con la solita calorosa e simpatica verve presentano un progetto culturale forte per identità e metodo: “Sorry Isis” perché alle violenze del califfato l’Occidente risponda facendo cultura, rispettando la propria storia e onorando la propria identità che fa la differenza. Ma che si fa pure metodo. I consulenti d’arte, la rete commerciale, devono, secondo l’ennesima provocazione di Sgarbi, prendere il posto dei preti e diffondere i valori cristiani. Non un principio solo religioso ma di civiltà.

E in questo modo così originale viene presentato “Santo Padre” la preziosa pubblicazione di Giuliano Grittini e l’originalissima opera di Ugo Nespolo che in intarsi di colore realizza mosaici di simboli occidentali che prima di essere monumenti, sono Valori. Colosseo, Statua della Libertà, Porta di Brandeburgo, Partenone, Ponte sul Tamigi e la Torre Eiffel sono opere emblema di libertà e democrazia occidentale.

 

Le tele di Gabriella Cocco: l’amore come ingrediente primario a Spoleto Arte

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

È ufficiale l’annuncio del prolungamento della grande mostra di “Spoleto Arte” che resterà allestita fino al 27 agosto 2015 presso il Palazzo Leti Sansi a Spoleto, tra via Arco di Druso e Piazza del Mercato. L’esposizione è curata dal critico Vittorio Sgarbi, mentre l’organizzazione è del manager della cultura Salvo Nugnes, presidente di Spoleto Arte. All’iniziativa partecipano nomi importanti dell’arte contemporanea. Tra essi anche la pittrice Gabriella Cocco, che nasce e vive a Roma. I suoi insegnanti sono stati Renato Guttuso e Giancarlo Isola.

La Cocco disegna dall’età di 3 anni. Per esigenze di vita ha lavorato per quarant’anni nell’ambito della contabilità, trascorrendo gli ultimi 32 anni nel settore dell’amministrazione alla Rai. Non ha mai smesso di dipingere, ispirandosi soprattutto alla realtà e al contesto circostante. È sempre stata molto stimolata anche dall'”uomo” e dal figurativo. Ha frequentato lezioni di nudo. Questa esperienza le ha fatto comprendere quanto l’uomo, con un solo gesto del corpo, l’espressione del viso, oppure con uno sguardo, possa far capire la sua capacità d’amare, la sua indifferenza o la sua paura.

L’artista dichiara: “Molti anni trascorsi in una società a mio avviso terribile, mi hanno portata a dipingere e a fermare le immagini nei gesti, anche banali, ma che vogliono trasferire nei cuori di chi guarda la concezione per cui la vita appartiene all’uomo solo se si accorge che non è mai solo e che le cose, anche quelle più semplici, sono molto importanti. Il mio motto simbolico trainante è -se ci rendiamo conto, che l’amore in senso lato è l’ingrediente primario, allora sappiamo vivere-“.

Lolita Rinforzi presenta il suo nuovo libro in occasione della grande mostra di “Spoleto Arte”

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura, Libri

La magnifica cornice del sontuoso Palazzo Leti Sansi, nel centro storico spoletino, farà da contesto ospitante alla presentazione del suggestivo libro di poesie di Lolita Rinforzi, dal titolo “Un cuore in trasparenza” (Futura Edizioni). L’evento è fissato per domenica 12 luglio 2015 alle ore 17.00, con l’organizzazione del manager della cultura Salvo Nugnes. La grande mostra collettiva di “Spoleto Arte” curata dal Prof. Vittorio Sgarbi, fungerà da prezioso contorno artistico all’interessante iniziativa culturale.

Il testo è corredato da un apposito cd in versione audio, attraverso cui è possibile non soltanto leggere, ma anche ascoltare le poesie, interpretate magistralmente dall’attore Claudio Carini e accompagnate dalla coinvolgente musica del pianista Maurizio Maestrini, il tutto riunito in un’armoniosa commistione. Al riguardo la poetessa racconta: “Ho conosciuto il maestro Maestrini durante un concerto ad Assisi e mi sono subito innamorata della sua musica, che con grande semplicità rappresenta una speciale congiunzione tra classico e contemporaneo. Grazie all’ispirazione portata dalle sue note coinvolgenti è nato questo lavoro“.

La Rinforzi è nativa di Perugia e risiede ad Assisi. Con orgoglio e fierezza è entrata ufficialmente a fare parte della Confederazione dei Cavalieri Crociati, è una dama dei Cavalieri Malta. Questo riconoscimento prestigioso le è stato conferito grazie alla poesia. È tra le poche donne e l’unica poetessa ad avere ricevuto tale onorificenza. Da sempre è appassionata di poesia e scrivere in versi le permette di manifestare ed esprimere la sua innata vena creativa. La Rinforzi spiega: “Mi affascina tutto ciò che arricchisce la mia persona e ho l’entusiasmo di un adolescente nell’apprendere le cose“.

Durante l’imperdibile Spoleto Arte a cura di Vittorio Sgarbi Lolita Rinforzi presenta Lolita Rinforzi presenta il suo nuovo libro “Un cuore in trasparenza”

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

La rinomata poetessa umbra Lolita Rinforzi sarà protagonista dell’evento di presentazione del suo ultimo libro di successo, dal titolo “Un cuore in trasparenza”, che si terrà presso il sontuoso edificio nobiliare di Palazzo Leti Sansi, nel cuore dell’incantevole Spoleto, in data domenica 12 luglio 2015 alle ore 17.00, con la gestione organizzativa del manager della cultura Salvo Nugnes, direttore di “Spoleto Arte”. L’importante appuntamento culturale si svolgerà in concomitanza con l’allestimento della mostra di “Spoleto Arte” che raccoglie in esposizione un parterre di grandi nomi di spicco del panorama odierno, tra i quali la carismatica Amanda Lear, sotto l’autorevole ed esperta curatela di Vittorio Sgarbi.

Questo testo è il suo primo audio-libro, dopo una serie fortunata di scritti in versi, che hanno riscosso ampio consenso. La scelta di superare il classico e tradizionale formato del libro di poesie, spiega l’autrice, “deriva dalla volontà di creare qualcosa di vivo ed emozionante. La musica e le parole si fondono insieme, creando un’atmosfera speciale, un magico insieme di poesia, musica e interpretazione. Non può tuttavia mancare un testo scritto, che consenta al lettore-ascoltatore di seguire con gli occhi lo scorrere dei versi“. Si tratta di un’opera “tutta umbra” nata dai memorabili incontri, che la poesia le ha reso possibile, prima con un musicista di fama internazionale, come il maestro Maestrini e poi con un affermato attore del calibro di Claudio Carini.

Il libro si apre con la significativa prefazione del Prof. Alberto D’Atanasio, docente di Arte e di Linguaggio visivo e caro amico della Rinforzi, il quale scrive: “La potenza di una poesia si vede nella capacità di dare vita ai sentimenti, alle sensazioni, alle emozioni. Nelle poesie di Lolita le parole risvegliano l’anima ed evocano immagini. Quando i versi riescono a muovere la persona senza età, che abbiamo dentro di noi, ci rendiamo conto di essere davanti a un vero poeta”. E prosegue rimarcando: “Le poesie di Lolita sono brani da leggere, sussurrando le parole per poi socchiudere gli occhi, così da immaginare l’inimmaginabile, il sublime, il fantastico“.

La Rinforzi è l’unica donna poetessa ad aver ricevuto la pregevole nomina di Dama dei Cavalieri di Malta appartenenti alla Confederazione dei Cavalieri Crociati, attribuitale proprio per i suoi elevati meriti alla poesia.

Venezia: alla “Milano Art Gallery” si applaude Amanda Lear in mostra

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

L’esclusivo contesto veneziano del “Milano Art Gallery Pavillion” in Calle dei Cerchieri 1270, zona Dorsoduro, è la location ospitante dell’attesissima mostra personale di Amanda Lear dal titolo “Passioni”, inaugurata con grande successo il 13 giugno, che rimarrà allestita fino al 14 luglio, con la gestione organizzativa del manager della cultura Salvo Nugnes, presidente di “Spoleto Arte”. In esposizione una corposa carrellata di suggestivi dipinti appartenenti alla vulcanica Lear, personalità spumeggiante di fama internazionale, dallo spiccato talento e dal vivace spirito d’inventiva, che si ispira a tematiche eterogenee e molto stimolanti nella chiave interpretativa.

Vittorio Sgarbi di lei ha dichiarato: “È una figura interessante nel mondo dell’arte, direi che il suo stile si avvicina alla transavanguardia, ne è un’anticipazione. Potrei trovare delle similitudini con Sandro Chia. Anche il messaggio legato all’arteterapia e alla cromoterapia, sul quale lei rimarca, mi sembra interessante“.

Philippe Daverio, nel raccontare l’amicizia che lo lega da lunga data alla Lear, ha spiegato: “La cara Amanda è diventata veramente grande ed ha vissuto in modo particolare. La conosco molto bene, perché veniva da me in galleria ancora 30 anni fa e la sua arte, così originale e spiritosa, corrisponde appieno con la sua persona e la sua singolare e frenetica vita. È un personaggio molto creativo e molto alternativo“.

Giordano Bruno Guerri invece ha evidenziato: “L’influenza di un mentore e pigmalione eccelso come Salvador Dalì è indiscutibile. Per me sono stati una coppia esemplare, perfetti nel loro equilibrio di artisti creativi. Potrei dire, che sono stati una coppia a modello appartenente a quel filone di storie d’amore sempre speciali e mai banali. Immagino, che Dalì ovunque si trovi, sia pienamente soddisfatto e compiaciuto della sua musa e dell’importante percorso“.

Sound Store partner del “Premio Margherita Hack” a Spoleto

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

In concomitanza con il “Festival dei Due Mondi” e con la mostra “Spoleto Arte”, la città umbra di Spoleto ospiterà a breve, precisamente in data domenica 28 giugno 2015, dalle ore 11.00, la seconda edizione del prestigioso “Premio Margherita Hack”, che si svolgerà presso l’incantevole Palazzo Leti Sansi, situato nel cuore di Spoleto. L’evento è organizzato dal manager Salvo Nugnes e premia coloro che si sono particolarmente distinti nei campi della cultura, dell’arte, delle scienze, del sociale, dell’impegno animalista e dell’eccellenza femminile. La premiazione verrà effettuata da un comitato di esperti e intellettuali italiani del calibro del sociologo Francesco Alberoni, il fisico Antonino Zichichi, lo storico e critico d’arte Vittorio Sgarbi, il direttore del quotidiano “La Repubblica” Ezio Mauro e la poliedrica artista Amanda Lear.

Nel contesto della prestigiosa premiazione collabora come partner l’azienda Sound Store di Luca Starpi. Sound Store, con sede proprio nella città di Spoleto, opera nel mondo della comunicazione culturale, teatrale, congressuale e musicale dal 1995 ed è specializzato nel settore dell’audio renting e dell’audio service. Offre servizi efficaci e innovativi, in grado di rispondere alla esigenze di chiunque voglia comunicare usando i più diversi sistemi di gestione e riproduzione audio, il tutto realizzato con un ottimo rapporto qualità prezzo.

 

La Rinforzi presenterà “Un cuore in trasparenza” con la prestigiosa cornice di “Spoleto Arte”

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

La magnifica cornice del sontuoso Palazzo Leti Sansi, nel centro storico spoletino, farà da contesto ospitante alla presentazione del suggestivo libro di poesie di Lolita Rinforzi, dal titolo “Un cuore in trasparenza” (Futura Edizioni). L’evento è fissato per domenica 12 luglio 2015 alle ore 17.00, con l’organizzazione del manager della cultura Salvo Nugnes. La grande mostra collettiva di “Spoleto Arte” curata dal Prof. Vittorio Sgarbi, fungerà da prezioso contorno artistico all’interessante iniziativa culturale.

Il testo è corredato da un apposito cd in versione audio, attraverso cui è possibile non soltanto leggere, ma anche ascoltare le poesie, interpretate magistralmente dall’attore Claudio Carini e accompagnate dalla coinvolgente musica del pianista Maurizio Mastrini, il tutto riunito in un’armoniosa commistione. Al riguardo la poetessa racconta: “Ho conosciuto il maestro Mastrini durante un concerto ad Assisi e mi sono subito innamorata della sua musica, che con grande semplicità rappresenta una speciale congiunzione tra classico e contemporaneo. Grazie all’ispirazione portata dalle sue note coinvolgenti è nato questo lavoro“.

La Rinforzi è nativa di Perugia e risiede ad Assisi. Con orgoglio e fierezza è entrata ufficialmente a fare parte della Confederazione dei Cavalieri Crociati, è una dama dei Cavalieri Malta. Questo riconoscimento prestigioso le è stato conferito grazie alla poesia. È tra le poche donne e l’unica poetessa ad avere ricevuto tale onorificenza. Da sempre è appassionata di poesia e scrivere in versi le permette di manifestare ed esprimere la sua innata vena creativa. La Rinforzi spiega: “Mi affascina tutto ciò che arricchisce la mia persona e ho l’entusiasmo di un adolescente nell’apprendere le cose“.