Posts Tagged ‘presentazione’

Girardi Vini sponsor ufficiale della presentazione de “il leone di terracotta” di Silvana Giacobini ad Arte Padova

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Cultura, Libri

La scrittrice e giornalista Silvana Giacobini è stata ospite d’eccezione nel contesto fieristico di Arte Padova 2014, la scorsa Domenica 16 Novembre 2014, col manager Salvo Nugnes, in qualità di relatore. La nota direttrice di settimanali, ha presentato il suo nuovo avvincente romanzo giallo dal titolo “Il leone di terracotta” (Cairo), riscuotendo notevole successo tra un pubblico attento e piacevolmente intrattenuto dall’intrigante trama del libro.

Partner ufficiale, Girardi Vini, antica azienda vinicola ubicata in provincia di Treviso, nella Regione Veneto. Per Girardi è una lunga tradizione che nasce nel lontano 1925 quando Martino Girardi, forte della passione che lo lega alla terra, acquista il primo appezzamento e inizia a produrre vino pregiato nella zona di Valdobbiadene. La costante ricerca di perfezione per questo “nettare degli dei” è espressione di dolcezza, amore, eleganza e raffinatezza contribuiscono ad elevare ai massimi livelli la qualità del prodotto. Attraverso l’esperienza, l’azienda ricava dalla composizione fisico-chimica del terreno e dall’escursione termica una maturazione naturale che trasmette alle uve profumi, sapori e caratteristiche tali da rendere il Valdobbiadene Prosecco, lo spumante italiano più richiesto del mondo.

“Principalmente i nostri spumanti si trovano nelle migliori bottiglierie, enoteche e ristoranti” afferma l’enologo Luca Girardi e prosegue “La nostra esportazione e le richieste più particolari arrivano molto spesso dall’estero, proprio da paesi in cui l’italianità è molto presente e da chi vuole risentire nel calice un pezzo di territorio, dove spesso la sinergia di emozioni e ricordi ritornano presenti grazie ai nostri spumanti”.

Arte Padova 2014: grande successo per Silvana Giacobini col manager Salvo Nugnes con la presentazione dell’ultimo libro “Il leone di terracotta”

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Cultura, Libri

In occasione della fiera Arte Padova edizione 2014, svoltasi dal 14 al 17 Novembre, la nota giornalista scrittrice Silvana Giacobini è stata ospite d’eccezione nel prestigioso contesto fieristico, per presentare il suo ultimo romanzo di successo intitolato “Il leone di terracotta” (Cairo) insieme al manager produttore Salvo Nugnes, che ha fatto da relatore durante il dibattito. L’evento, tenutosi in data Domenica 16 Novembre, ha coinvolto una corposa affluenza di pubblico attento e partecipe, piacevolmente intrattenuto dall’avvincente racconto sulla vicenda narrata nel libro e sull’interessante percorso professionale della Giacobini, documentato attraverso la proiezione di immagini da lei vivacemente commentate.

La Giacobini ha spiegato “Ho scelto come ambientazione per la storia la splendida zona territoriale delle langhe piemontesi, che reputo un contesto di intenso fascino e preziosa bellezza, da sempre avvolta da intricati misteri occulti. Le protagoniste principali sono due giovani amiche, Margot e Beatrice. Lo scenario, che funge da cornice è l’antica villa padronale di proprietà dell’illustre famiglia blasonata dei Tornero D’Albrizzi, a cui appartiene Beatrice. Margot, famosa scrittrice giallista viene chiamata dall’amica per indagare sulla scomparsa del fratello James, risalente a molti anni addietro. Nella sua ricerca della verità Margot si addentra pericolosamente anche nella Torino esoterica rischiando la vita, ma poi si innamora con travolgente passione e c’è un epilogo finale pieno di romanticismo“.

E proseguendo ha evidenziato “Mi ha stimolato la fantasia scrivere un giallo, che avesse l’apparente andamento di un viaggio nella normalità. La villa è un collage di fantasia, mentre molti dei luoghi menzionati esistono davvero nella realtà, come il Divin Caffè che si trova a Barolo e il Castello Falletti con il Museo del Vino. Il caso di James scomparso giovanissimo da casa lasciando dietro di sé  tracce diverse e contrastanti, si ispira volutamente ai numerosi casi di cronaca nera. Le sparizioni improvvise dei minori e dei giovani adulti possono nascondere molte verità più difficili da individuare, con il forte sospetto che non tutto nasca da una intenzionalità spontanea di sparire“.

Silvana Giacobini insieme al manager Salvo Nugnes ospite speciale alla Fiera Arte Padova con il libro “Il leone di terracotta”

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura, Libri

Appuntamento culturale di grande interesse all’interno della Fiera Arte Padova 2014, con la presentazione dell’ultimo avvincente romanzo giallo della giornalista scrittrice Silvana Giacobini, dal titolo “Il leone di terracotta” (Cairo). L’evento è previsto in data Domenica 16 Novembre alle ore 17.30, presso la sala conferenze (Padiglione 8). Ad affiancarla come relatore durante l’incontro sarà il manager Salvo Nugnes e verrà dato anche ampio spazio per un vivace dibattito con il pubblico presente in loco.

La coinvolgente narrazione ha come protagonista Margot Amati, scrittrice di successo, che inizia quella che crede essere una tranquilla vacanza ospite dall’amica Maria Beatrice Tornero D’Albrizzi, ex compagna di collegio, che le chiede di fare luce sulla misteriosa scomparsa del fratellastro James, avvenuta circa vent’anni prima, che Beatrice non ha mai smesso di attendere. I Tornero D’Albrizzi sembrano davvero una famiglia da romanzo quasi fiabesco. Nobili di antichissimo lignaggio vivono nella loro villa da sogno e sono immensamente ricchi. Ma non è tutto come appare. Infatti, in un crescendo di episodi ad intreccio e colpi di scena ad effetto, Margot si addentra per indagare e scavare, imparando a muoversi in un ambiente formalmente ineccepibile, ma che in realtà si rivela assai crudele e spietato. Nella sua ricerca della verità rischia la vita, ma poi trova l’amore appassionato, travolgente e inatteso, proprio come racconta nei suoi scritti.

Sul contesto scelto come cornice territoriale la Giacobini precisa “Ho individuato come ambientazione più congeniale la zona piemontese delle langhe, che considero una terra di rara bellezza e prezioso fascino, che è da sempre avvolta da misteri occulti. Mi ha incuriosito pensare, che dietro questa immagine così paradisiaca si possa nascondere il veleno del male, rappresentato metaforicamente dalle masche ossia le streghe, qualcosa che dunque non corrisponde ad un’immagine in apparenza così perfetta e mi ha stimolato la fantasia di scrivere un giallo, che avesse l’apparente andamento di un viaggio nella normalità. La villa è un collage di fantasia, ma molti dei luoghi sono reali. Il Divin Caffè esiste davvero a Barolo, come anche il Castello Falletti con il Museo del Vino”.

“Latte&Limoni”, la nuova raccolta di liriche di Anna Maria Dall’Olio.

Scritto da Tiziana Iaccarino il . Pubblicato in Arte, Cultura, Libri

Si intitola “Latte&Limoni” (ed. La Vita Felice, 2014) ed è la nuova attesissima raccolta di liriche della poetessa toscana Anna Maria Dall’Olio.

Una avventura letteraria nella quale l’artista si cimenterà con sicuro impegno promozionale in un settore complesso come quello editoriale. Ma il pubblico ha già dimostrato di gradire gli interventi pubblici dell’artista che ha all’attivo moltissime partecipazioni a eventi e fiere ed è protagonista di presentazioni letterarie in scenari diversi e affascinanti, in occasione delle quali è stata seguita, apprezzata, applaudita.

Le sue opere sono amate perché l’artista sa presentarle a dovere, ne recita le liriche, ne parla con grande trasporto e soprattutto tratta argomenti interessanti che stanno a cuore a tutti: dalle discriminazioni alla fame, dalla sopraffazione sociale alle difficoltà che incontrano i giovani nella vita, fino ad argomenti più delicati inerenti i sentimenti. Nella nuova raccolta, infatti, si parlerà anche di amore.

Una nuova interessante e piacevole opera che, certamente, spingerà le persone a rivalutare la lirica in generale e ad apprezzarne i contenuti. Dopotutto, i riscontri ottenuti dall’artista finora, anche dalla sua precedente raccolta intitolata “Solo 10 Poesie. L’angoscia del pane” (Lietocolle, 2010) le ha portato un riscontro notevole e una buona risposta da parte del pubblico.

Ma cosa aspettarsi dalle nuove presentazioni dell’artista? Vi invitiamo a scoprirlo nel suo sito ufficiale: http://annamariadallolio.it/ e sulla sua pagina social che è già molto seguita: https://www.facebook.com/pages/Anna-Maria-DallOlio/523319041016383 .

Infine, per ogni info su “Latte & Limoni” (ed. La Vita Felice, 2014) dal sito della casa editrice, potete cliccare sul seguente link:  http://www.lavitafelice.it/scheda-libro/anna-maria-dallolio/latte-limoni-9788877995940-170444.html .

Tiziana Iaccarino.

Presentazione di “Quando gli uomini non avevano le ali” dell’artista Cristiano Quagliozzi

Scritto da Edizioni Polimata il . Pubblicato in Arte, Libri

Sabato 21 dicembre, ore 18, è prevista la presentazione del volume di Cristiano Quagliozzi, Quando gli uomini non avevano le ali (Edizioni Polìmata), presso la Libreria Caffè Letterario di Roma “Mangiaparole” (via Manlio Capitolino, 9).
Oltre a Cristiano Quagliozzi, saranno presenti Massimiliano Matarazzo (Edizioni Polìmata), l’artista Marco Fioramanti e la scrittrice Ilaria Palomba.

Quando gli uomini non avevano le ali di Cristiano Quagliozzi è un’opera artistica capace di creare una dimensione onirica e suggerire nuove visioni. L’intenzione dell’artista, per mezzo delle sue azioni performative e delle sue opere, è quella di liberare forze primarie e scardina le regole della razionalità. Quagliozzi si inventa un mondo e, tramite la propria sensibilità, si ritrova a volare. Eppure, come egli stesso ci dice, “nessuno vede mai un uomo volare”, proprio perché “il volo è personale e nessuno può vederlo.”

Classe Roma ’83, Cristiano Quagliozzi, è dall’età di quattro anni che riempie continuamente fogli e fogli di disegni. Conseguiti gli studi presso il liceo artistico, si laurea nel 2007 all’Accademia delle Belle Arti di Roma. Dopo la tesi parte per Parigi, dove rimane un anno; li può dedicarsi allo studio dell’arte archeologica, dei Maestri del passato e dell’arte moderna e contemporanea, passando tutti i giorni dentro musei e generando dentro se una confusione positiva.
Partecipa a numerose mostre collettive e nel 2008 presenta la sua prima mostra personale Concetti Astrali, presso la galleria l’Aquario di Roma, con un ottimo riscontro dalla critica.
È del Giugno 2012 la sua prima performance Parabola del ricco, ideata e realizzata con la performer Fabiola Prato all’interno dell’evento Casa Mostra, la Corte del Contemporaneo.
Negli ultimi anni, sia attraverso azioni performative che attraverso le sue opere, si rivolge alla dimensione del sogno: l’opera diventa un’esperienza da leggere ed interpretare esclusivamente attraverso i suoi elementi, spesso nati da associazioni libere.

Roberto Vecchioni, Giuliano dei Negramaro e il manager Salvo Nugnes a Padova presso il Teatro MPX per il nuovo cd “Io non appartengo più”

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura, Musica

Grande evento quello che, domenica 13 ottobre 2013, ha visto presso il teatro Pio X di Padova la presenza del cantautore candidato al Nobel Roberto Vecchioni e del frontman e autore dei Negramaro Giuliano Sangiorgi come protagonisti di una grande serata tra musica e parole. All’incontro erano presenti anche il noto critico musicale e giornalista Mario Luzzatto Fegiz e il manager di vip e personaggi della cultura Salvo Nugnes, direttore di Agenzia Promoter.

Durante l’incontro Vecchioni ha presentato il nuovo CD “Io non appartengo più” affiancato da Giuliano.  L’evento è stato un’ottima occasione per mettere vicino un autore amato da tante generazioni e uno dei più celebrati e stimati autori di oggi: due artisti che si presentano insieme per la prima volta al pubblico padovano per raccontare l’avventura vissuta ogni giorno da chi parla attraverso la musica e per parlare dell’ultimo lavoro di Vecchioni, “Io non appartengo più”, che segna l’eccezionale e inedita collaborazione con Sangiorgi, autore di uno dei brani contenuti nell’album.

Molto atteso anche l’evento che venerdì 18 ottobre vedrà il critico Mario Luzzato Fegiz ospite del manager Salvo Nugnes a “Cultura Milano” presso la Milano Art Gallery per una conferenza autobiografica dal titolo “I segreti di 50 anni di musica”. Durante la conferenza il Maestro della critica Fegiz parlerà della storia della musica italiana e straniera in modo molto speciale attraverso interessanti dettagli e squarci su cose, persone, fatti ma anche attraverso giudizi rapidi, taglienti e sintetici.

 

Agenzia Promoter: “Cultura Milano.it” ospita Luciano Maria Teodori alla “Milano Art Gallery” che presenta il suo nuovo libro

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Comunicati Stampa, Cultura

Il professor Luciano Teodori sarà ospite al festival artistico letterario “Cultura Milano.it” che si svolge nello storico contesto della “Milano Art Gallery Spazio Culturale” in via Alessi 11 a Milano, per presentare il suo libro di recente pubblicazione dal titolo “L’impossibilità di essere paranormale” (Datanews). L’evento a ingresso libero si terrà giovedì 27 giugno 2013 alle ore 18.00. “Cultura Milano.it” ideato e organizzato dal manager Salvo Nugnes, Direttore di Agenzia Promoter e Promoter Arte, si propone di rendere la cultura accessibile a tutti e annovera presenze altisonanti come Francesco Alberoni, Bruno Vespa, Margherita Hack, Paolo Limiti, Vittorio Sgarbi, Corrado Augias. Inoltre l’evento si terrà nel contesto artistico della mostra della rinomata artista Alessandra Turolli, che sarà in esposizione dal 27 Giugno al 15 Luglio.

Teodori insegna storia e geopolitica alla sapienza di Roma ed è autore di rinomati programmi giornalistici, da quelli culturali agli speciali del tg1, da tam-tam alle grandi inchieste sulle socialdemocrazie del nord Europa e ai viaggi nella Russia post-sovietica. Vive tra Roma e Boston ed è sposato con la famosa cantante Gigliola Cinquetti.

All’evento è annunciata la partecipazione straordinaria del cantautore Roberto Vecchioni, del Dirigente Rai e presidente del Touring Club italiano Franco Iseppi e del giornalista scrittore Fulvio Palmieri.

Teodori parla del seducente quanto brillante e anticonformista Max-Max considerato un Ulisse moderno. Dietro le vicende esistenziali del protagonista si nasconde lo specchio del nostro paese con tutti i suoi difetti e con tutte le sue problematiche politiche, sociali, economiche. Leggendo le sue avventure tra donne, paure, sogni, emozioni, antichi valori e speranze emerge il malessere profondo, che da tanti anni domina il nostro paese, in cui anche il mestiere di giornalista è in forte crisi. Questo mondo, complicato quanto affascinante ci viene descritto dall’autore attraverso Max-Max che inizia a collaborare con un importante giornale napoletano proprio in seguito ad una raccomandazione del suo insegnante di filosofia. È un libro da leggere tutto d’un fiato.

Agenzia Promoter: intervista al manager Salvo Nugnes sulla presentazione del libro “Un fatto umano” dedicato a Falcone e Borsellino alla “Milano Art Gallery”

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Comunicati Stampa, Cultura

1) COME NASCE L’IDEA DI ORGANIZZARE LA PRESENTAZIONE DI QUESTO LIBRO?

Mi hanno contattato i tre talentuosi autori e ho pensato di supportarli per organizzare la presentazione di questo libro, che reputo una testimonianza utile per sensibilizzare l’opinione pubblica e mantenere sempre vivo e indelebile il ricordo di Falcone e Borsellino, affinché il loro impavido eroismo da gladiatori difensori della giustizia non venga mai offuscato dal trascorrere del tempo.

2) QUANDO E DOVE SI SVOLGE L’EVENTO?

La presentazione di “Un fatto umano” (Einaudi) si terrà Mercoledì 12 Giugno 2013, alle ore 18.00, nella storica “Milano Art Gallery Spazio Culturale” di cui sono Direttore, che si trova a Milano, in via Alessi 11, a due passi dal Duomo. L’ingresso al pubblico è libero, poiché’ desideriamo offrire a tutti la positiva opportunità di partecipare a questa iniziativa culturale con risvolti etico morali così significativi.

3) QUALI SONO LE CARATTERISTICHE DEL LIBRO CHE PIÙ L’HANNO COLPITA?

Il libro è una narrazione in chiave assolutamente originale! Accattivante nello stile, poiché’ il formato fumetto con le tavole acquerellate così ben strutturate funge da cornice perfetta di poetico e delicato lirismo. La rappresentazione dei personaggi protagonisti con sembianze di animali fornisce un’interessante connotazione interpretativa simbolico allegorica e rievoca i racconti di tradizione fiabesca avvolti da una visione onirica. Molto congeniale la scelta del carismatico Mimmo Cuticchio, puparo e cuntista palermitano. La sua presenza come voce narrante è un valore aggiunto al racconto. Poi ho apprezzato la capacità degli autori di compiere un’accurata e analitica ricerca documentale bibliografica, per descrivere con precisa dovizia ogni episodio.

4) IN CHE MODO IL LIBRO PUÒ SUPPORTARE A RICORDARE FALCONE E BORSELLINO?

Penso che raccontare la storia di Cosa Nostra, della Mafia siciliana e della lotta di Falcone e Borsellino per debellarla attraverso una narrazione così fluida, semplice e di facile comprensione sia uno strumento di efficace divulgazione sociale ad un target ampio di fruitori. Infatti, nonostante le tematiche spinose e la scomode verità affrontate nel libro, risulta comunque di piacevole lettura e offre un’interpretazione stimolante e costruttiva alla portata di tutti.

5) PENSA CHE IL TESTO POTREBBE AVERE ANCHE UN UTILIZZO IN AMBITO SCOLASTICO?

Certamente il libro potrebbe essere sfruttato come testo integrativo di compendio nel programma scolastico, proprio per la sua dimensione funzionale e al contempo informale. È sui generis rispetto agli altri libri che trattano certi argomenti, ma senza dubbio sarebbe di immediata comprensione per giovani studenti e scolari.

6) VUOLE CITARE DELLE FRASI SIMBOLICHE DI FALCONE E BORSELLINO CHE RICORDA?

In riferimento a Falcone menziono la frase ispiratrice del titolo del libro “La Mafia non è un fatto invincibile, è un fatto umano e come tutti i fatti umani ha un inizio e avrà anche una fine” e aggiungo questa ulteriore citazione “Chi tace e chi piega la testa muore ogni volta che lo fa, chi parla e chi cammina a testa alta muore una volta sola“. Di Borsellino ricordo le frasi ” è normale che esista la paura in ogni uomo, l’importante è che sia accompagnata dal coraggio” e “se la gioventù negherà il consenso, anche l’onnipotente e misteriosa mafia svanirà come un incubo“.

Agenzia Promoter: la “Milano Art Gallery” ospita la presentazione del libro in ricordo di Falcone e Borsellino

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Comunicati Stampa, Cultura

Il desiderio del manager Salvo Nugnes, Direttore di Agenzia Promoter e Promoter Arte, di rendere omaggio all’illustre memoria di due valorosi combattenti per la giustizia come Giovanni Falcone e Paolo Borsellino uccisi nei tremendi attentati mafiosi di Capaci e di Via d’Amelio, si concretizza organizzando la presentazione del libro “un fatto umano” (Einaudi) dedicato a mantenere indelebile il loro ricordo.

L’evento si terrà presso la rinomata “Milano Art Gallery Spazio Culturale” in via Alessi 11 a Milano, in data mercoledì 12 giugno alle ore 18.00 con ingresso libero.

L’opera è scritta da tre giovani talenti, Manfredi Giffone sceneggiatore, Fabrizio Longo e Alessandro Parodi fumettisti. Lo spunto per il titolo proviene dalla celebre frase di Falcone “La mafia non è invincibile, è un fatto umano e come tutti i fatti umani ha avuto un inizio e avrà anche una fine“. I tre scrittori hanno voluto raccontare la storia di chi, mentre cosa nostra dalla fine degli anni settanta all’inizio degli anni novanta accumulava potere diventando l’organizzazione criminale più influente al mondo e dichiarando guerra allo stato, è morto con onore per combattere in nome della giustizia.

L’originalità della narrazione risiede nella delicatezza, nella poesia e nelle sorprendenti invenzioni. Lo stile è in formato fumetto e il racconto è affidato a Mimmo Cuticchio, il famoso puparo e cuntista palermitano.

Ma, i pupi messi in scena da Cuticchio sono piuttosto eccentrici, poiché’ recuperando una tradizione che va da Fedro a Orwell a Spiegelman, i protagonisti della vicenda assumono le sembianze di animali. Gli autori spiegano “Abbiamo scelto gli accostamenti volta per volta cercando di coniugare il carattere e i tratti fisici. Così Falcone è diventato un gatto e Borsellino un fox terrier, Riina e Provenzano dei cinghiali, Cossiga è un ariete, Andreotti un pipistrello, Dalla Chiesa un bulldog, Vito Ciancimino un lupo“.

Altra connotazione peculiare distintiva che emerge è l’accuratezza della ricerca, come testimoniato dall’approfondita bibliografia poiché ognuna delle splendide vignette acquerellate poggia su solide basi documentali, ognuna è riconducibile a episodi precisi corredati da testi, immagini, registrazioni.

La Milano Art Gallery presenta il libro “Un fatto umano” dedicato a Falcone e Borsellino – Agenzia Promoter

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Comunicati Stampa, Cultura

Ricorre il triste anniversario della strage di Capaci, dove ventuno anni fa sono morti, brutalmente uccisi durante un attentato mafioso Giovanni Falcone, la moglie e i tre agenti della scorta di sicurezza.

E proprio nel ricordo di questa tremenda strage e della spietata uccisione di Paolo Borsellino, avvenuta nell’attentato di Via d’Amelio, il Manager Salvo Nugnes Direttore di Agenzia Promoter e Promoter Arte ha pensato di rendere omaggio a questi due eroi moderni, organizzando nei prossimi giorni di Giugno la presentazione del libro “Un fatto umano” (Einaudi) antimafia a fumetti per ricordarli, come esempio a modello di martiri della giustizia, uomini d’onore veri e autentici nel loro agire fino all’ultimo istante di vita.

L’evento si svolgerà nella storica “Milano Art Gallery Spazio Culturale” in Via Alessi 11 a Milano con ingresso libero al pubblico.