Posts Tagged ‘pasta fresca’

Gli italiani a tavola scelgono l’innovazione della tradizione

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Alimentari e Bevande, Aziende, Gastronomia e Cucina

Come dimostra l’indagine compiuta dall’istituto DOXA i consumatori premiano i tortellini dell’Antica Ricetta1912 di Fini e con loro la semplicità e la velocità di portare in tavola un prodotto della tradizione emiliana.

Stando a quanto emerso dalla ricerca DOXA, fra numerose innovazioni del settore pasta, i consumatori continuano a scegliere la tradizione associandola spontaneamente a valori come qualità, ingredienti e territorio. L’indagine, è stata condotta a inizio 2019 nell’ambito della 5° edizione del premio PRODOTTO FOOD 2019. I risultati hanno evidenziato anche che i Tortellini al prosciutto crudo e Parmigiano Reggiano dell’Antica Ricetta 1912 di Fini sono capaci di mantenere il proprio posizionamento sul mercato grazie alla possibilità che offrono alle persone di gustare un piatto della cucina tipica italiana, ma che si prepara in pochi minuti. Questo prodotto di pasta fresca Fini si dimostra innovativo pur restando nella tradizione perché consente ai consumatori in tutta Italia di portare in tavola i piccoli tortellini da brodo annodati, come quelli delle “sfogline” di Modena.

Il Premio Speciale Consumer, istituito dalla rivista Food per valorizzare e dare visibilità all’innovazione nel settore Food&Beverage, viene assegnato ai tortellini Fini che risultano conosciuti da 2 intervistati su 3. Nella classifica generale dei 61 prodotti ottengono la miglior valutazione complessiva pari a 75.7 (su scala 0-10) rispetto ad una media di 67.5. Eccellenti valutazioni anche rispetto alla relevance (l’interesse del consumatore) con una valutazione media di 70.7 rispetto ad una media di 57.5. Tra coloro che hanno provato il prodotto viene apprezzata in particolar modo la qualità del classico tortellino modenese con chiusura annodata e con pasta ruvida trafilata al bronzo, che tiene perfettamente la cottura.

Da Doxa sono state condotte 1.500 interviste realizzate con metodo CAWI (Computer Assisted Web Interviewing) su un campione rappresentativo di responsabili acquisti. Gli intervistati sono stati suddivisi in 10 sottogruppi composti da 150 individui che rispecchiassero la stessa composizione sociodemografica. La prima fase di selezione prevedeva il giudizio del retailer, dell’industria e l’analisi delle performance di vendita tratte dal panel Nielsen e ha visto emergere 61 prodotti su 150 candidati. Per quanto riguarda la successiva valutazione del premio è stato scelto l’indicatore sintetico del gradimento overall. Tra le aree di indagine prese in considerazione dalla ricerca: la conoscenza del prodotto, l’indice di gradimento, la relevance, il packaging, il gusto, la qualità, il contenuto innovativo, la praticità, la comodità e l’attenzione all’ambiente.

www.nonsolobuono.it

Eletto Prodotto dell’Anno a “I Granripieni” di Fini

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Alimentari e Bevande, Aziende

Un ulteriore riconoscimento a garanzia dell’altissima qualità di questa gamma di tortellini e ravioli dalla tradizione modenese della pasta fresca.

“I Granripieni” di Fini si aggiudicano Eletto Prodotto dell’Anno, il premio all’Innovazione basato esclusivamente sul voto dei consumatori. La linea premium, che raccoglie i formati e i ripieni più gustosi della storica azienda modenese nata nel 1912, è stata oggetto nel 2018 di un riposizionamento nel mercato della pasta fresca puntando sull’eccellenza. Tortellini e ravioli de “I Granripieni Fini” sono preparati con una sfoglia gialla e ruvida trafilata al bronzo e fatta con farine 100% italiane e ripieni di ingredienti selezionati della migliore qualità. Le ricette presenti nei ripieni di questa linea sono ricche di sapore e abbracciano la tradizione della cucina italiana. A partire dai più classici tortellini Antica Ricetta 1912 fatti con prosciutto crudo e parmigiano Reggiano, sono protagonisti di questo riconoscimento anche tutti gli altri prodotti della gamma “I Granripieni” come: i Ravioli Patate e Rosmarino e quelli di Salsiccia e Funghi, i Cappelletti Bolognesi con Mortadella e i Tortelloni Radicchio e Speck, i Ravioli Ricotta Erbette, i Ravioli Funghi e Provolone e quelli alla Carne.

Eletto Prodotto dell’Anno è un marchio che evidenzia eccellenza e innovazione, la ricerca coinvolge 12.000 consumatori italiani chiamati a votare i loro prodotti preferiti partecipando ad una indagine di mercato online condotta da IRI, importante istituto di ricerca del settore largo consumo. Si tratta di uno dei premi più conosciuti dai clienti in GDO e diffuso in 40 paesi del mondo. Le parole d’ordine che guidano la scelta di Eletto Prodotto dell’Anno sono innovazione e soddisfazione: il riconoscimento è infatti dedicato alle aziende del mercato italiano che propongono prodotti nuovi e che appagano maggiormente i consumatori. Per ogni categoria merceologica viene selezionato un solo prodotto o gamma – nel caso di Fini “I Granripieni” – che diventa immediatamente individuabile sullo scaffale del supermercato grazie al logo Eletto Prodotto dell’Anno rosso e bianco che i vincitori hanno diritto di apporre per un intero anno sul fronte del packaging. Per questo essere Eletto Prodotto dell’Anno garantisce una grande visibilità, genera atti di acquisto e riacquisto e rafforza la relazione con i consumatori fornendo al prodotto rilevanza e differenziazione dai competitor su scaffali sempre più affollati.

www.nonsolobuono.it

Gruppo Fini: Il rinnovo del look incrementa le vendite, ora tocca alla linea “Gli Autentici”

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Alimentari e Bevande, Aziende

A completamento della strategia di riposizionamento della marca iniziata lo scorso anno con la linea premium “I Granripieni”, nel secondo semestre 2018, Fini rinnova anche la sua linea più classica “Gli Autentici”

Un incremento del 7,9% dei volumi venduti nei primi 9 mesi del 2018, con rotazioni medie a +6%. Sono questi i numeri del Gruppo FINI, la celebre azienda emiliana specializzata nella pasta fresca ripiena con oltre 100 anni di storia alle spalle, che attestano stabilmente FINI al secondo posto del mercato della pasta fresca ripiena a volume e a valore, trend calcolati rispetto a valori della quota di mercato già molto positivi del 2017 e comunque in incremento di +0,7 punti rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Sono stati proprio i risultati incoraggianti del restyling sulla linea premium “I Granripieni” che hanno spinto l’azienda a completare il lavoro anche sulla gamma “Autentici”, che da settembre 2018 è sugli scaffali della GDO con un’immagine totalmente rinnovata e in linea con il nuovo posizionamento della marca.

Il Gruppo quindi, con il restyling della linea base di referenze classiche “Gli Autentici”, porta a compimento il percorso di innovazione iniziato nel 2017 con il rinnovo della linea premium “I Granripieni”, che raccoglie i formati più tradizionali e i ripieni più gustosi di tortellini, tortelloni e ravioli. A seguito di questa scelta, alla fine del 2017 tutti gli indicatori di performance della linea “I Granripieni” avevano segnato una crescita a doppia cifra: +25% di distribuzione numerica e +18% di ponderata a dicembre 2017, era aumentato il referenziamento medio della categoria a scaffale e cresciuta la rotazione di base dei prodotti (+13%). Tali trend si sono quindi confermati anche nel primo semestre del 2018, nonostante, negli ultimi tempi, il mercato stia mostrando qualche segnale d’affanno, in particolar modo nelle aree del Nord Italia.

Le attuali confezioni della gamma “Autentici” sono caratterizzate dalla presenza centrale del logo circolare FINI, che rende immediatamente riconoscibile l’azienda a scaffale, ma anche ben evidente il “Modena 1912” a riconferma del legame con la tradizione e il territorio. Il blu, colore caratteristico di Fini, è la sfumatura dominante anche nelle nuove confezioni de “Gli Autentici” e fa eco all’aspetto della linea premium “I Granripieni”, seppur con una gradazione differente a sottolineare la distinzione tra le due gamme. Su ogni confezione, oltre alla visibilità del prodotto attraverso una trasparenza sulla pellicola, vengono ben esplicitati anche i gusti del ripieno. Gli ingredienti del ripieno – racconta Roberta Morini, product manager Fini – sono stati riprodotti in foto a grandezza naturale, posati delicatamente su un piatto da portata, come fossero davvero pronti da assaporare”. Che aggiunge:” Le novità per Gli Autentici non si fermano all’estetica, ma riguardano anche le ricettazioni: non cambia la riconoscibile sfoglia ruvida, porosa e trafilata al bronzo tipica di Fini, ma le ricette di alcuni ripieni sono state rivisitati per offrire un gusto più pieno, ancora più morbido ed avvolgente in bocca”.

Anche questa fase rientra nella grande strategia di valorizzazione dell’identità dell’azienda modenese e delle caratteristiche che la differenziano nettamente dagli altri player del segmento, guidata dal Marketing di Gruppo Fini a partire dal 2016.

Fini è l’unica grande realtà alimentare specializzata in pasta fresca ripiena della tradizione emiliana ad avere sede proprio in Emilia, a Modena, a pochi chilometri dal luogo in cui, secondo la leggenda, fu inventato il primo tortellino della storia.

Da questo stretto vincolo con la terra d’origine nasce la grande passione che da oltre 100 anni porta Fini a rappresentare il buono di Modena in tutta Italia e nel mondo. Questo stesso legame è ciò che da sempre permette al brand italiano di continuare a portare innovazione per rispondere sempre meglio alle richieste di gusto e qualità dei consumatori.

Questo posizionamento, già correttamente declinato anche in comunicazione dall’Azienda, continuerà ad essere presente nella campagna invernale di Fini che sarà online a novembre e dicembre suoi social network del brand.

http://gruppofini.it/

CHI SI AGGIUDICHERÀ LA RICETTA CHE SARÀ STAMPATA SULLO SPECIAL PACK DI FINI? LO SCOPRIREMO IL 19 OTTOBRE A FICO!

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Alimentari e Bevande, Aziende

Il 19 ottobre, dalle ore 10 alle ore 12.30, nella sede di Fico Bologna si sfideranno le tre blogger finaliste del contest “Il Pranzo della Domenica” lanciato da Fini pasta fresca.

Sono tre le finaliste del contest “Il Pranzo della Domenica” che Fini ha lanciato da Aprile coinvolgendo 20 food blogger che anno interpretato un piatto originale con i tortellini o i ravioli della nota azienda modenese e un condimento fatto da un ingrediente tipico della loro regione d’origine.

Le finaliste si esibiranno, accompagnate ciascuna ad un follower da loro selezionato, in un cooking show il 19 ottobre, nel luogo d’elezione del cibo a Bologna, ovvero la sede di Fico Eataly World.

Una giuria popolare composta dai dipendenti dell’azienda Fini valuterà la loro dimestichezza con i fornelli e la realizzazione della ricetta, oltre alle doti di presentazione di ciascuna food blogger, mentre una giuria qualitativa assaggerà i tre piatti e alla fine entrambe decreteranno la vincitrice.

Il premio sarà la possibilità per questa food blogger di vedere stampata la propria ricetta su uno special pack di tortellini o ravioli FINI che sarà poi messa in commercio.

Da Aprile a Settembre, ogni venerdì le food blogger hanno pubblicato a turno una ricetta sul proprio blog e account social, ma anche sulla pagina Facebook di FINI, con l’invito ai follower a replicare la ricetta per il pranzo della domenica. Due gli hashtag che hanno accompagnato la campagna sui social network: #conFini e #ilpranzodelladomenica.

L’Azienda ha scelto, fra le 20 ricette presentate, 3 finaliste che hanno abbinato al meglio la pasta fresca ripiena Fini con altri ingredienti e presentato un piatto che ha riscosso un grande numero di “like” tra il pubblico dei social network.

Ecco chi sono le tre food blogger finaliste del contest “Il Pranzo della Domenica” e le ricette che hanno presentato e che riprodurranno live nel corso della finale:

Miria Onesta – 2 amiche in Cucina – Tortellini al prosciutto crudo con cicerchia e guanciale: https://www.dueamicheincucina.it/2018/09/tortellini-al-prosciutto-crudo-con-cicerchie-e-guanciale.html

Fedora D’Orazio – Cappuccino e cornetto – Ravioli di ricotta con pesto di fave, pecorino e pancetta: https://www.cappuccinoecornetto.com/2018/06/ravioli-di-ricotta-con-pesto-di-fave-pecorino-e-pancetta.html

Adele Gilardo – Fornelli fuori Sede – Ravioli In Panatura Di Nocciole Con Fonduta Di Raschera https://fornellifuorisede.com/2018/09/ravioli-in-panatura-di-nocciole-con-fonduta-di-raschera.html

http://gruppofini.it/

Gruppo Fini: una lunga storia a lieto fine

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Alimentari e Bevande, Aziende, Economia, Industria

Un’azienda secolare che ha vissuto alterne vicende, ma che ha saputo confermare la propria identità e progettare il proprio sviluppo a Modena, lo stesso luogo che le ha dato origine nel 1912.

La storia del Gruppo Fini comincia nel lontano 1912 in corso Canalchiaro, nel cuore di Modena, quando Telesforo Fini inaugura il proprio negozio di alimentari, una tradizionale bottega di specialità emiliane. Era ancora presto per parlare di azienda, ma proprio da quella piccola attività cittadina è nato il marchio Fini, che in pochi decenni è riuscito a diventare sinonimo di pasta fresca ripiena di qualità, dando vita nel tempo ad una grande produzione alimentare italiana.

Ma arrivano i momenti difficili e nel 1989 gli eredi della famiglia Fini vendono  dalla multinazionale americana Kraft(oggi The Kraft Heinz Co.), colosso mondiale del settore alimentare, e lo storico marchio modenese cade in mani straniere.

Nel 1998 un nuovo cambio di proprietà: il brand viene acquistato dal gruppo imprenditoriale Malgara Chiari & Forti, Poi negli anni successivi intervengono fondi d’investimento stranieri e differenti società che si passano di mano lo storico marchio Fini.

A fine del 2006, Fini Modena Spa viene fusa in Nuova Conserve Spa e trasformata nell’attuale Gruppo Fini Spa,società proprietaria dei marchi Fini e Le Conserve della Nonna.

Nel 2008 il gruppo italiano Paladin Capital Partners diventa socio di maggioranza e alla guida di Gruppo Fini entra Andrea Ghia, ancora oggi amministratore delegato della società. Da quel momento, tutti gli sforzi del management sono rivolti a risollevare le sorti della grande azienda alimentare modenese, valorizzando il suo potenziale e riportandola ad essere una solida realtà italiana.

Nel 2015, in seguito a un investimento di 6,5 milioni di euro, il Gruppo ha rinnovato e ampliato lo stabilimento di Ravarino, storica sede di Le Conserve della Nonna a pochi chilometri da Modena, trasferendo in quel luogo anche la produzione della pasta fresca a marchio Fini, centralizzando così in un unico polo produttivo le attività dei due marchi.

Infine, nel 2016 Paladin Capital Partners ha definitivamente saldato il debito della società con BPER e il Gruppo Fini Spa è diventato una società a socio unico 100% italiana.

Ancora oggi il Gruppo Fini ha sede a Modena, nel territorio in cui questa lunga storia è iniziata, e sceglie di continuare a puntare sullo sviluppo locale, garantendo un lavoro a quasi 100 dipendenti e dando lustro a livello nazionale e internazionale alle specialità gastronomiche che hanno reso l’Emilia famosa in tutto il mondo.

L’attenzione al territorio si manifesta anche attraverso le attività di comunicazione del marchio Fini, come la recente campagna online “Noi di Modena”, che mettono in luce gli elementi caratteristici dell’emilianità, della cultura del vivere bene e del gusto genuino e casalingo, della convivialità familiare tipica della tradizione locale.

Così, a differenza di numerose realtà dell’alimentare italiane, sempre più spesso rilevate da investitori stranieri, il Gruppo Fini scrive una storia a lieto fine grazie alla lungimiranza e all’impegno di una gestione imprenditoriale italiana che vede nell’italianità un valore imprescindibile per il mantenimento della qualità della tradizione e per lo sviluppo futuro.

“Il marchio Fini si conferma di anno in anno sempre tra i primi tre player leader a volume e a valore nel mercato della pasta ripiena. – commenta Andrea Ghiaamministratore delegato del Gruppo – InoltreFini è oggi l’unico grande marchio di pasta ripiena a livello nazionale a produrre proprio nella regione dove la tradizione della pasta fresca ripiena ha avuto le sue origini. Questo forte legame con la territorialità è per tutto il Gruppo Fini la spinta che guida la nostra vocazione allo sviluppo, anche oltre confine, è uno stimolo per continuare a crescere e guardare avanti. Il nostro lavoro è quello di trovare modi sempre nuovi per offrire al mercato e ai consumatori un gusto in grado di rappresentare la vera industria alimentare italiana”.

 

Gruppo Fini SpA Sede sociale: Via Confine, 1583 41017 Ravarino (MO); Amministrazione: Via Albareto, 211 41122 Modena info@nonsolobuono.it – www.nonsolobuono.it
Borderline – Via Parisio 16 – 40137 Bologna Tel. 051 4450204 Fax 051 6237200 – Communication Manager & P.R Matteo Barboni – 349 6172546 m.barboni@borderlineagency.com

I tortellini da oggi si cuociono in padella

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende, Gastronomia e Cucina

Lo storica azienda Fini, eccellenza modenese nella pasta fresca ripiena, presenta a CIBUS un metodo di cottura innovativo e adatto a destagionalizzare il consumo di tortellini e ravioli.

L’evoluzione della tradizione è da sempre la cifra stilistica di Fini, la più grande realtà produttrice di pasta fresca ripiena in Emilia, là dove ha avuto origine il tortellino e dove l’azienda è nata nel 1912.

L’impresa modenese di proprietà del Gruppo Fini, società 100% italiana, sulla base della sua grande esperienza, del forte legame con il territorio e con il mercato, continua a studiare soluzioni innovative per rispondere alle esigenze del consumatore moderno.

La ricerca di mercato, condotta all’inizio del 2016 dall’azienda emiliana insieme all’autorevole istituto di ricerca IPSOS, ha messo in luce vissuto, abitudini e aspettative del consumatore italiano e ha permesso di tracciare un’interessante fotografia di come la pasta fresca ripiena, categoria tradizionale per eccellenza, possa trasformarsi da prodotto a servizio e rappresentare una valida risposta all’evoluzione dei trend di consumo.

In occasione di CIBUS, Salone internazionale dell’alimentazione, Fini presenta al pubblico una originale modalità di preparazione per la pasta fresca ripiena che la rende più appetibile anche nella stagione estiva, periodo in cui di solito si assiste ad un fisiologico calo dei consumi di questa categoria. Presso lo stand G14 del Padiglione 3 a CIBUS, dalle 12 alle 14.30 del 9 e del 10 maggio, si terrà un cooking show in cui verrà spiegato il metodo Fini per la creazione di gustosi primi piatti di pasta ripiena direttamente in padella conditi con sughi freschi: una nuova esperienza di consumo per la categoria.

È sufficiente versare tortellini, tortelloni o ravioli in una padella antiaderente, aggiungere un bicchiere d’acqua per ogni confezione da 250g e lasciare cuocere per pochi minuti la pasta. Il risultato è un primo piatto molto gustoso, anche senza l’aggiunta di sale o ulteriori condimenti, perché questo metodo esalta i sapori del ripieno. Con il metodo Fini, ogni giorno è possibile portare in tavola un piatto di pasta ripiena diverso, pronto in pochi minuti, senza bisogno di preparare il brodo o fare bollire l’acqua in pentola con evidente risparmio di tempo e di fatica, soprattutto in estate. La cottura in padella permette di utilizzare meno acqua, anche perché evita di sporcare le stoviglie per la preparazione dei condimenti, con il conseguente utilizzo di meno detersivi e quindi di un minore impatto ambientale. Il metodo di cottura in padella della pasta fresca ripiena Fini sarà anche protagonista di un progetto di comunicazione con il nome “SpadellAmi l’Estate”, presentato sui social network e con piccoli leaflet informativi affissi su tutte le confezioni di pasta a marchio Fini da giugno a settembre. L’iniziativa sarà anche presentata attraverso un ironico video dal titolo “È nato un amore”, quello fra il tortellino e la padella, e con la realizzazione delle creative videoricette della food blogger Giorgia Di Sabatino di CooktheLook, che proporrà tante alternative per gustare la pasta ripiena Fini anche nei mesi più caldi dell’anno.

Il Gruppo Fini SpA, società a socio unico di proprietà del fondo 100% italiano Paladin Capital Partners, è una grande realtà alimentare italiana. La società è titolare dei marchi Fini, nato nel 1912 nel cuore dell’Emilia e Le Conserve della Nonna, storica realtà situata da sempre a Ravarino (MO). FINI è un marchio di pasta fresca ripiena che rappresenta in Italia e nel mondo tutto il gusto della tradizione emiliana in cucina. Le Conserve della Nonna, nell’ampia gamma di referenze tipiche di tutte le regioni italiane, offre pomodoro, sughi, condimenti e confetture preparate secondo ricette semplici e metodi tradizionali, con la sicurezza di un grande gruppo alimentare.

FINI SpA   Sede sociale: Via Confine, 1583 41017 Ravarino (MO); Amministrazione: Via Albareto, 211 41122 Modenainfo@nonsolobuono.it – www.nonsolobuono.it
Borderline
 – Via Parisio 16 – 40137 Bologna Tel. 051 4450204 Fax 051 6237200 – Communication Manager & P.R Matteo Barboni – 349 6172546 m.barboni@borderlineagency.com

L’evoluzione della tradizione secondo Fini

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Alimentari e Bevande, Aziende

La storica azienda emiliana Fini, specializzata nella produzione di pasta fresca ripiena, comunica il lancio dell’innovativa linea “Gusto & Benessere” e per trasmettere i valori del progetto “Non solo buono”: un’evoluzione del modo di vivere e assaporare l’alimentazione

Un 2015 di grandi novità, quello vissuto dalla storica azienda modenese Fini, marchio della tradizione emiliana con oltre 100 anni di esperienza, che, dopo la messa online del portale nonsolobuono.it e il rinnovamento della sede produttiva, annuncia la linea “Gusto e Benessere” con un’importante campagna pubblicitaria, sul web e in televisione a partire da novembre.

A breve, infatti, sarà possibile vedere un nuovo spot di 15’’: si tratta di un ritorno in grande stile del marchio Fini, da qualche anno assente sul piccolo schermo, ma deciso a rilanciare la propria brand awarness. Sul web l’investimento riguarderà soprattutto social e native ADV e avrà l’obiettivo primario di promuovere anche sui canali online la forte identità dello storico brand.

La campagna di comunicazione, fortemente orientata al contenuto, si baserà su un concept caro al mondo Fini, secondo il quale la vera innovazione in cucina non sta tanto nella rivoluzione, bensì nell’evoluzione, cioè nella capacità di unire il meglio del passato al meglio del presente, conservando tutto il buono della tradizione, ma in un’ottica moderna.

Fini, azienda sempre attenta al mercato e alle esigenze dei consumatori moderni, vuole trasmettere i valori legati alla vision “Non solo buono”, filosofia che nasce dalla convinzione che oggi parlare di cibo buono non è più abbastanza. Di ogni alimento è giusto conoscere da dove proviene, quali processi di produzione ha subito, se è sano e nutrizionalmente sicuro. Per questo “Non solo buono” è anche l’impegno preso dal Gruppo Fini per lo sviluppo dei propri prodotti: significa qualità delle materie prime, rispetto delle stagionalità, attenzione nella scelta degli ingredienti e nuove ricette che uniscano insieme l’eccellenza del gusto all’equilibrio nutrizionale, garantito da solide basi scientifiche.

Proprio queste sono le peculiarità della filosofia “Non solo buono” e della nuova linea di ricette perfettamente bilanciate dal punto di vista nutrizionale “Gusto & Benessere” Fini che, in particolare, ne rappresenta la realizzazione concreta.

Con questo nuovo approccio all’alimentazione, l’azienda rinnova il proprio impegno a valorizzare la tradizione della pasta fresca ripiena attraverso un’attenta ricerca di innovazione, per proporre ai consumatori, sempre più esigenti, un nuovo e salutare modo di godersi la tavola: non si tratta di un distacco dalla tradizione, ma di una evoluzione verso l’unione di gusto ed equilibrio nutrizionale. Il meglio del passato e il meglio del presente convivono nella nuova linea “Gusto & benessere”: le proposte tradizionali della grande tradizione emiliana vengono reinterpretate alla luce della scienza della nutrizione senza rinunciare al gusto.

La comunicazione dei valori fondanti di “Non solo buono” passa attraverso tutti gli strumenti e le attività dell’azienda: a partire dal portale nonsolobuono.it, nato all’inizio dell’anno come punto di riferimento per il brand e il mondo che ruota attorno al nuovo modo di vivere la buona tavola, e dai canali social “Non Solo Buono”, “Fini” e “Le Conserve della Nonna”, altro marchio del Gruppo.

Valore fondante dell’azienda è il legame con il territorio, da cui sono nate tantissime eccellenze alimentari famose in tutto il mondo. Questo legame si esplicita anche nel rispetto dell’ambiente, grazie a un grande impianto fotovoltaico sui tetti dello stabilimento, che fornisce energia pulita per il 50% delle attività produttive.

“Non solo buono” è quindi la nuova vision di una storica azienda come Fini, che sa rinnovarsi per rispondere alle esigenze del presente senza tralasciare il rispetto per la tradizione.

FINI è un marchio del Gruppo Fini SpA, di proprietà del fondo 100% italiano Paladin Capital Partners. Nata nel 1912 ad opera di Telesforo Fini nel cuore dell’Emilia, oggi l’azienda ha sede a Ravarino, in provincia di Modena, dove è localizzato anche lo stabilimento produttivo de “Le Conserve della Nonna”, altro brand del Gruppo Fini. FINI è attiva nella produzione di pasta ripiena e sughi freschi e rappresenta in Italia e nel mondo tutto il gusto della tradizione emiliana in cucina.

FINI SpA   Sede sociale: Via Confine, 1583 41017 Ravarino (MO); Amministrazione: Via Albareto, 211 41122 Modena
info@nonsolobuono.itwww.nonsolobuono.it

Borderline – Via Parisio 16 – 40137 Bologna Tel. 051 4450204 Fax 051 6237200
Communication Manager & P.R Matteo Barboni – 349 6172546 m.barboni@borderlineagency.com

INNOVAZIONE E SVILUPPO NELLE TERRE DELLA TRADIZIONE – IL RINNOVATO STABILIMENTO FINI

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Alimentari e Bevande, Aziende, Industria

La storica azienda Fini, specializzata nella produzione di pasta fresca ripiena della tradizione emiliana, inaugura il rinnovato stabilimento produttivo di Ravarino (MO) nel cuore del territorio di origine del tortellino

In seguito a importanti lavori di miglioramento e ampliamento, Fini, nota azienda emiliana di pasta ripiena, annuncia l’inizio delle attività del rinnovato stabilimento di produzione a Ravarino (MO). L’impresa, di proprietà del Gruppo Fini, italiano al 100%, è la più grande realtà industriale italiana a produrre pasta fresca ripiena della tradizione emiliana proprio in Emilia. Secondo un’antica leggenda, infatti, il tortellino ha avuto origine presso una locanda di Castelfranco Emilia, cittadina a pochi chilometri dalla nuova sede. Nata nel 1912 a Modena, Fini conferma il proprio legame con il territorio e ancora oggi propone referenze di pasta fresca ripiena prodotte nel cuore delle terre della tradizione.

Il progetto, in seguito a un investimento di 6,5 milioni di euro, ha permesso l’ampliamento della storica sede di Le Conserve della Nonna, altro marchio del Gruppo Fini specializzato in condimenti e conserve, e il trasferimento totale della produzione di pasta fresca ripiena nella medesima struttura.
I lavori di edificazione sono iniziati ad ottobre 2014 e sono terminati a gennaio 2015. Dopo alcuni mesi di affinamento dei lavori, prove tecniche e la costituzione dei team di lavoro più qualificati, a settembre 2015 la produzione è stata avviata a pieno regime.
Queste le caratteristiche del nuovo impianto: 20 mila metri quadrati, dei quali 11 mila coperti e 5 mila adibiti a nuovo pastificio, tre linee di produzione che permettono di preparare tre tipologie di referenze contemporaneamente con elevate performance, a copertura dell’intera produzione di pasta fresca ripiena a marchio Fini. Inoltre è stata realizzata una linea di produzione pilota, utilizzata come laboratorio ricerca e sviluppo per nuove referenze di prova, anticipando le esigenze del mercato e interpretando l’evoluzione del gusto.
Lo stabilimento ha le certificazioni BRC e IFS, riconoscimenti internazionali per la qualità della filiera di fornitura di prodotti alla Grande Distribuzione Organizzata che attestano il rispetto di buone prassi nella gestione dell’ambiente di lavoro, nei controlli sui processi e nella qualità dei prodotti in conformità al protocollo HACCP.

In linea con la filosofia “Non solo buono”, l’azienda si impegna anche nella riduzione dell’impatto ambientale, attraverso il corretto smaltimento dei rifiuti, l’uso responsabile delle risorse, mediante appropriati trattamenti delle acque, l’attenzione verso il riciclo e l’utilizzo di energia pulita. Sullo stabilimento è stato infatti installato un grande impianto fotovoltaico di 5 mila metri quadrati certificato SEU, che permette di produrre fino a 700 Kilowatt all’anno, in grado di coprire il 50% dell’intero fabbisogno energetico dell’azienda.

Il rinnovamento dello stabilimento produttivo di Ravarino rappresenta la conferma del fatto che, per un’azienda come Fini, investire sullo sviluppo del territorio è la chiave dell’innovazione, valorizzando la qualità del prodotto locale proprio là dove la grande tradizione è nata.

FINI è un marchio del Gruppo Fini SpA, di proprietà del fondo 100% italiano Paladin Capital Partners. Nata nel 1912 ad opera di Telesforo Fini nel cuore dell’Emilia, oggi l’azienda ha sede a Ravarino, in provincia di Modena, dove è localizzato anche lo stabilimento produttivo de “Le Conserve della Nonna”, altro brand del Gruppo Fini. FINI è attiva nella produzione di pasta ripiena e sughi freschi e rappresenta in Italia e nel mondo tutto il gusto della tradizione emiliana in cucina.

FINI SpA Sede sociale: Via Confine, 1583 41017 Ravarino (MO); Amministrazione: Via Albareto, 211 41122 Modena
info@nonsolobuono.it
www.nonsolobuono.it

Borderline – Via Parisio 16 – 40137 Bologna Tel. 051 4450204 Fax 051 6237200
Communication Manager & P.R Matteo Barboni – 349 6172546 m.barboni@borderlineagency.com