Posts Tagged ‘mostra fotografica’

Record di visitatori alla Milano Art Gallery per la mostra di Sambucco, ed è proroga

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

Viste la grande affluenza di pubblico e la quantità di articoli di stampa usciti sull’esposizione, la Milano Art Gallery di via Alessi 11 è orgogliosa di annunciare la proroga della mostra personale del fotografo friulano Gino Maria Sambucco. Le porte della storica galleria milanese resteranno aperte al pubblico fino a mercoledì 17 aprile 2019 e, al loro interno, si potranno continuare ad ammirare le cime delle Dolomiti e le ultime sperimentazioni del Sambucco, da lui definite “pittografie”.

Oltre alla realtà, la fantasia, è stata presentata lo scorso 27 marzo dal direttore delle Milano Art Gallery Salvo Nugnes e dal noto fotografo Roberto Villa, amico di Pier Paolo Pasolini e di Dario Fo. Tenendo a mente lo scopo principale, quello di divertire il visitatore stimolandone la fantasia, l’esposizione che ha denotato un grande successo di stampa e pubblico, mira a portare alla nostra attenzione sul modo con cui osserviamo il mondo che ci circonda.

Lo sa bene Vanni De Conti, artista amico di Gino Maria Sambucco, che ha rilevato una particolarità degli scatti del maestro, quelli che evidenziano la presenza di volti sui profili e sulle vette delle montagne. Si tratta di pareidolia, un fenomeno che ci fa ricondurre nel nostro subconscio delle forme casuali a un disegno familiare, come ad esempio il volto di una persona. Ecco dunque che le Dolomiti si popolano di visi, di animali, di esseri fantastici nelle foto di Sambucco.

E commenta così Conti: «Alcune sono sulle cime, quindi basta rovesciare a destra o sinistra la foto, altre si trovano verticalmente sulla roccia viva e sembrano scolpite con martello e scalpello, altre ancora si formano tra neve e vegetazione: queste sono le più effimere e durano il tempo della neve. Altre sono derivate dalle luci e dalle ombre a certe ore del giorno, e per questo sono le più incerte e instabili. A curare questa scoperta, forma d’arte o altro ancora, è Gino Maria Sambucco, un appassionato di fotografie e di montagne che qualche anno fa si è accorto di questo fenomeno e ha cominciato a documentarlo. Sono foto catturate sulle montagne dolomitiche bellunesi, trevigiane e friulane».

Dario Fo, la mostra curata da Vittorio Sgarbi e Salvo Nugnes alla Milano Art Gallery

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura, Fotografia

Da Venezia a Milano, la presentazione del 50° dell’opera più famosa di Dario Fo, Mistero Buffo, si sposterà alla Milano Art Gallery, in via Alessi 11 a partire da giovedì 18 aprile. Alle 18 la mostra Dario Fo a cura del prof. Vittorio Sgarbi e Salvo Nugnes, manager di noti vip, verrà inaugurata qui al cospetto di un nutrito pubblico di interessati. Il direttore delle Milano Art Gallery Nugnes e il famoso fotografo Roberto Villa, amico del Premio Nobel e artefice degli scatti esclusivi riguardanti il giullare più rivoluzionario d’Italia, ne ripercorreranno vita e opere. Assieme all’assessore alla Partecipazione, Cittadinanza Attiva e Open Data Lorenzo Lipparini, l’esposizione darà spazio anche a un ristretto gruppo di artisti fino a giovedì 9 maggio. Presenti al taglio del nastro anche il console dell’Ecuador e quello di Panama.

L’esposizione dedicata al celebre attore e artista intende celebrare nell’anniversario di una delle sue più famose opere teatrali, il Mistero Buffo, la vita e la creatività di un uomo dalla mente brillante e anticonformista. E lo farà nella storica galleria milanese che da oltre cinquant’anni ospita esposizioni e incontri culturali dei più grandi artisti del panorama italiano ed europeo, tra cui proprio lo stesso Dario Fo, Gino De Dominicis, Renato Guttuso, Giorgio De Chirico, Mario Schifano, Amanda Lear, Gillo Dorfles e molti altri. Qui si materializzeranno i ricordi legati all’ideatore del modello di teatro di narrazione e del grammelot, si brinderà a chi è riuscito a riempire gli stadi con uno dei suoi cavalli di battaglia, il Mistero Buffo per l’appunto, e a replicare migliaia di volte i suoi spettacoli.

Alla mostra Dario Fo si respirerà quella stessa energia che il Premio Nobel trasmetteva con le sue parole, aiutati anche dalle opere di artisti del panorama contemporaneo.

Per maggiori informazioni è possibile contattare lo 0424 525190, il 388 7338297, scrivere a org@spoletoarte oppure visitare il sito www.spoletoarte.it.

Milano Art Gallery inaugura la personale fotografica di Elisa Fossati

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura, Fotografia

Inaugura il prossimo venerdì 29 marzo alla Milano Art Gallery la mostra fotografica della giovane e intraprendente Elisa Fossati. Alle 18 in via Ampère 102 (MI), in zona Piazzale Loreto, sarà tagliato il nastro della personale dal titolo We Are The World. L’esposizione verrà presentata dal grande sociologo Francesco Alberoni, dal fotografo di fama internazionale Roberto Villa, amico di Pier Paolo Pasolini e Dario Fo, dal direttore della Triennale di fotografia Luigi Gattinara e dal manager di noti vip Salvo Nugnes. Tra gli altri ospiti illustri si leggono anche i nomi di Stefano Renga, manager di Francesco Renga, Patrick di Striscia La Notizia e del Grande Fratello e la communication manager Daniela Testori.

Scatti provenienti dai quattro angoli del mondo, ricordi di città e paesaggi incontrati nel corso dei viaggi di svago e di lavoro: nelle fotografie di Elisa Fossati si ha una visione di quanto vasto e vario sia il nostro pianeta. L’insieme dei più disparati punti di vista, con visuali dall’alto, dal basso, di scorcio o prese tradizionalmente, mettendo a fuoco l’oggetto al centro della composizione, ci permette di sentirci parte di un tutto in continuo cambiamento. Sentirsi piccoli, scoprirsi per un attimo padroni di un istante sono solo due delle tante sensazioni che queste foto faranno provare. E se ciò è possibile, c’è un perché.

Elisa Fossati è riuscita infatti a conciliare nella fotografia due sue grandi passioni, quella del viaggio e quella per l’arte. L’unione delle due ha portato alla realizzazione di We Are The World, una mostra che mette nuovamente uomo e spazio in contatto in tempo reale. I frammenti di memoria vengono così convogliati in cornici paesaggistiche, in skyline, in architetture signorili, lasciando la possibilità di trovarci per un istante a provare la meraviglia di chi vede tutto per la prima volta.

Con un trascorso alla Triennale di Milano, Elisa Fossati collabora già da qualche anno con Spoleto Arte a cura di Sgarbi, organizzando e allestendo mostre di livello internazionale sia in Italia che all’estero. Ora è finalmente giunto il momento per lei di inaugurare la prima personale, e lo farà in una galleria d’arte il cui nome vanta oltre cinquant’anni di storia di illustri dibattiti culturali ed esposizioni artistiche.

We Are The World resterà accessibile gratuitamente al pubblico fino al 12 aprile, visitabile tutti i giorni, ad eccezione della domenica, dalle 14.30 alle 19. Per maggiori informazioni è possibile chiamare lo 0424 525190, scrivere a info@milanoartgallery.it oppure visitare il sito www.milanoartgallery.it.

Salvo Nugnes visita la mostra dedicata al FAI: “Prezioso il lavoro svolto dal Fondo Ambiente Italiano in 40 anni d’intensa attività”

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Ambiente, Arte, Cultura, Fotografia

Nel rinomato contesto di “La Cavallerizza” di Milano presso la sede operativa del FAI (Fondo Ambiente Italiano) si è aperta l’importante mostra fotografica intitolata “Conoscere e amare l’Italia: Le trasformazioni del paese attraverso le fotografie di Renato Bazzoni” un’esposizione realizzata in occasione dell’anniversario celebrativo dei 40 anni del Fai.

Interpellato per un’intervista, a seguito della recente visita alla mostra, il manager produttore di grandi eventi Salvo Nugnes ha espresso le sue considerazioni in merito spiegando “Questa mostra, composta da circa 300 immagini, porta sulla scena gli scatti dell’architetto milanese Bazzoni, padre simbolico e fondatore dell’organizzazione e ripercorre le tappe principali del suo fervido impegno civile per la tutela dell’inestimabile patrimonio culturale italiano a partire dagli anni Cinquanta. Bazzoni ha progettato edifici industriali e alberghieri, abitazioni e ospedali, ma la sua passione più forte è stata da sempre orientata verso l’architettura rurale, che lo ha portato in viaggio in giro per l’Italia, alla ricerca di testimonianze di un mondo che andava scomparendo. In questo percorso ‘Nell’Italia minore’ Bazzoni si è affidato alla sua macchina fotografica per registrare, descrivere e interpretare le grandi trasformazioni del paese, quando da agricolo è diventato industriale e postindustriale”.

E aggiunge “A completamento integrativo della mostra è interessante anche visionare i due dossier di documenti riguardanti l’attività professionale svolta da Bazzoni e l’impegno nelle associazioni da lui presiedute, delle quali è stato fondatore e dirigente, Italia Nostra e FAI. La mostra si presta ad essere visitata da un target molto vasto ed eterogeneo di pubblico e rappresenta l’Italia che emoziona, l’Italia che gli italiani amano, che piace, ma anche l’Italia che rattrista perché’ dimenticata e umiliata. La mostra si fa portavoce di un messaggio sociale simbolico di stimolo a combattere contro il degrado e a riconoscere l’importanza della bellezza e del suo valore da salvaguardare al meglio”.

Al Museo Casa Natale Gabriele D’Annunzio esibita la mostra fotografica di grande successo “Da Pier Paolo Pasolini a Maria Pia Severi” a cura del prof. Vittorio Sgarbi

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura, Fotografia

Si è svolto in data Venerdì 6 Febbraio dinanzi ad un nutrito pubblico, attento e partecipe, il vernissage della mostra fotografica intitolata “Da Pier Paolo Pasolini a Maria Pia Severi” curata dal critico Vittorio Sgarbi e allestita presso il pregiato contesto museale del Museo Casa Natale di Gabriele D’Annunzio a Pescara, che resterà in loco fino al 4 marzo 2015 con l’organizzazione del manager produttore Salvo Nugnes, presidente dell’Associazione Spoleto Arte.

La doppia personale vede l’esposizione dei magnifici scatti inediti realizzati dal maestro fotografo Roberto Villa al celebre regista Pasolini sul set cinematografico delle riprese del famoso film “Il fiore delle mille e una notte”, nonché le suggestive immagini d’autore create dalla Severi, sperimentando una tecnica innovativa, molto originale e di sorprendente effetto coreografico d’impatto visivo.

La casa dove nacque D’Annunzio è stata proclamata monumento nazionale nel 1927, per tutelarla come edificio di notevole interesse storico e per commemorare la madre del poeta, Lucia De Benedictis, che visse lì fino al 1917. D’Annunzio ha mantenuto sempre un legame radicato e inscindibile per la sua abitazione e la concepiva come un “santuario”. Attualmente la struttura, d’impianto settecentesco, ospita al primo piano, che fu di proprietà della famiglia D’Annunzio, uno splendido museo, mentre al secondo piano si trovano gli uffici della Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici dell’Abruzzo, presieduti dalla Soprintendente Lucia Arbace. Il contesto istituzionale è spesso sede di importanti iniziative artistiche, visite guidate, mostre d’arte, conferenze ed eventi culturali di forte risonanza mediatica.

Sgarbi nel commentare l’illustre figura di D’Annunzio dice “D’Annunzio rappresenta un punto di riferimento fondamentale per la cultura italiana e non solo. Ha vissuto buona parte del secolo più vivo, ha influenzato persone distantissime da lui, come Eugenio Montale e persino Claude Debussy, ha abbracciato il comportamentismo, l’estetica e il teatro fondendoli in una vita sola. Insomma un grande, come tutti i grandi non adeguatamente celebrato dal suo Paese”.

I ganci in plastica e come vengono usati nei negozi

Scritto da fabio zinesi il . Pubblicato in Aziende, Casa e Giardino

Negli ultimi anni si è sviluppata molto l’idea di espositori. Con la crescita dei centro commerciali, dei negozi e di luoghi in cui vi è l’esposizione di articoli. Per tali motivi, con il passare degli anni si sono sviluppati anche i modi di esporre gli oggetti, ovvero sono diventati di vitale importanza i ganci in plastica grazie ai quali è possibile mostrare i vari prodotti.

Tale impostazione di esposizione ha creato un mercato sempre più evoluto e tecnologico nell’ideazione di ganci in plastica. Essi possono essere usati per esporre prodotti, sostenere oggetti o rendere più ordinati scaffali o ripiani di lavoro. Molte aziende che producono oggetti in plastica hanno sviluppato diversi tipi di ganci in plastica per facilitare i clienti nella scelta, ciò ha comportato la nascita di innumerevoli tipi di ganci in plastica.

La crescita esponenziale dei tipi di ganci in plastica ha fatto si che i clienti possano essere sempre più accontentati in quanto trovano sempre il prodotto più idoneo per le loro esigenze. Le tipologie di ganci in plastica principali sono le seguenti:

Ganci in plastica con adesivo:
I ganci in plastica con adesivo sono i più utilizzati in quanto facilitano i commercianti. Questo perché i titolari dei negozi, una volta acquistati i vari prodotti possono scegliere autonomamente quali siano gli oggetti da appendere nei vari espositori e quali lasciare adagiati sugli scaffali. In tal modo i commercianti, utilizzando i ganci in plastica con adesivo, possono pubblicizzare al meglio il proprio negozio, esponendo ad una maggiore attenzione i prodotti più importanti dei loro negozi.

Ganci in plastica per calze:
Altri ganci in plastica molto utilizzati sono i ganci in plastica per calze ovvero un mini appendono in plastica su misura per le calze. Grazie a questi ganci in plastica è possibile sistemare più paia di calzini su un unico espositore postando la vasta gamma che è presente nel negozio. Oltre a promuovere i prodotti dei commercianti questi particolari ganci in plastica permettono una conservazione ottimale del prodotto in quanto l’elastico del calzino non è sottoposto a tensioni che potrebbero rovinarlo. In oltre evita che il tessuto dei calzini si stropicci rendendo poco gradevole la vista del prodotto al cliente

Ganci in plastica a maniglia:
Sono dei ganci in plastica utilizzati per favorire il trasporto di oggetti. Chiunque può acquistare ganci in plastica a maniglia per realizzare borse, rendere più pratica una cartelletta, ottimizzare la visione di oggetti in vetrina oppure riparare oggetti rotti. Il mercato dei ganci in plastica a maniglia sta continuando ad aumentare in quanto la creazione di oggetti fai-da-te è sempre più in crescita ecco come è spiegato il suo maggiore utilizzo.

Ganci in plastica da saldare:
L’ultima categoria di ganci in plastica è quella da saldare. Tali ganci in plastica sono dotati di una parte in metallo la quale è possibile saldarla con un altro elemento. Tali ganci in plastica sono utilizzati maggiormente da aziende che ideano lampadari, cornici per quadri o foto, tende e molti altri oggetti. Essendo un materiale molto economico e leggero, i ganci in plastica da saldare sono elementi in continuo evoluzione poiché sempre più aziende cercano di creare prodotti economici ma di alta qualità.

Come abbiamo visto esistono molti ganci in plastica e tutte queste categorie son nate grazie allo sviluppo di negozi e centri commerciale. Quindi essi non solo hanno portato nuovo lavoro agli italiani ma contribuiscono alla crescita del paese permettendo lo sviluppo di un nuovo dio di mercato.

Il rinomato manager Salvo Nugnes parla dell’arte fotografica di Max Laudadio esposta alla Milano Art Gallery

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura, Fotografia

Continua il grande successo per l’arte fotografica di Max Laudadio, popolare inviato di “Striscia la Notizia” in mostra nello storico contesto della “Milano Art Gallery” in via Alessi 11 a Milano, con la curatela di Vittorio Sgarbi e l’organizzazione del manager produttore Salvo Nugnes. L’esposizione personale intitolata “Quattr’occhi sul Mondo” sta ricevendo ottimi riscontri di consenso ed è protagonista di un significativo percorso legato al sociale, poiché è stata indetta un’asta benefica on line, nella quale dieci tra le più suggestive opere sono poste in vendita e il ricavato verrà devoluto all’Ai.Bi., l’associazione “Amici dei bambini” e ad Exodus, la comunità fondata da Don Antonio Mazzi.

Il carismatico artista è intervenuto come ospite di importanti trasmissioni televisive, da “Pomeriggio Cinque” a “Mattino Cinque” al TgCom. Inoltre, gli sono stati dedicati numerosi articoli e servizi su importanti riviste e media nazionali. Nell’occasione, ha descritto il suo esordio nel mondo della fotografia d’autore, svelando anche simpatici e curiosi aneddoti.

Laudadio spiega “Ho l’indole dell’inguaribile sognatore. Durante un safari africano ho fotografato per la prima volta con un paio di occhiali posti davanti all’obiettivo, un battello in movimento su un fiume del Botswana. Da quel momento gli occhiali, di cui sono appassionato collezionista, sono diventati i miei compagni di viaggio indispensabili. Ho cercato un punto di vista diverso per immortalare il mondo, che mi circondava, raccontandolo alla -Laudadio maniera- talvolta pop e talvolta romantico“.

L’organizzatore Salvo Nugnes dichiara “È lodevole l’intento solidale di Max, che mette al servizio il suo talento artistico per finalità benefiche di elevata portata. Mi piace molto il suo modo originale di rivisitare e reinterpretare le immagini fotografiche, che accompagna l’osservatore in un viaggio entusiasmante, coinvolgente e ricco di emozioni“.

Max Laudadio, inviato di Striscia la Notizia, ospite ai programmi televisivi importanti come “Pomeriggio Cinque”, “Mattino Cinque”, TgCom, dove parla della sua fotografica d’autore

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Fotografia, TV

Continua il grande successo per l’arte fotografica di Max Laudadio, popolare inviato di “Striscia la Notizia” in mostra nello storico contesto della “Milano Art Gallery” in via Alessi 11 a Milano, con la curatela di Vittorio Sgarbi e l’organizzazione del manager produttore Salvo Nugnes. L’esposizione personale intitolata “Quattr’occhi sul Mondo” sta ricevendo ottimi riscontri di consenso ed è protagonista di un significativo percorso legato al sociale, poiché è stata indetta un’asta benefica on line, nella quale dieci tra le più suggestive opere sono poste in vendita e il ricavato verrà devoluto all’Ai.Bi., l’associazione “Amici dei bambini” e ad Exodus, la comunità fondata da Don Antonio Mazzi. 

Il carismatico artista è intervenuto come ospite di importanti trasmissioni televisive, da “Pomeriggio Cinque” a “Mattino Cinque” al TgCom. Inoltre, gli sono stati dedicati numerosi articoli e servizi su importanti riviste e media nazionali. Nell’occasione, ha descritto il suo esordio nel mondo della fotografia d’autore, svelando anche simpatici e curiosi aneddoti.

Laudadio spiega “Ho l’indole dell’inguaribile sognatore. Durante un safari africano ho fotografato per la prima volta con un paio di occhiali posti davanti all’obiettivo, un battello in movimento su un fiume del Botswana. Da quel momento gli occhiali, di cui sono appassionato collezionista, sono diventati i miei compagni di viaggio indispensabili. Ho cercato un punto di vista diverso per immortalare il mondo, che mi circondava, raccontandolo alla -Laudadio maniera- talvolta pop e talvolta romantico“.

L’organizzatore Salvo Nugnes dichiara “È lodevole l’intento solidale di Max, che mette al servizio il suo talento artistico per finalità benefiche di elevata portata. Mi piace molto il suo modo originale di rivisitare e reinterpretare le immagini fotografiche, che accompagna l’osservatore in un viaggio entusiasmante, coinvolgente e ricco di emozioni“.

Alla Milano Art Gallery, il patron di Striscia Antonio Ricci approva l’arte fotografica dell’inviato Max Laudadio

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Fotografia, Opinioni / Editoriale

Sta riscuotendo notevole successo, la mostra dell’inviato di Striscia la Notizia Max Laudadio “Quattr’occhi sul Mondo” curata da Vittorio Sgarbi e organizzata dal manager Salvo Nugnes, presso la storica Milano Art Gallery, situata in via G. Alessi 11, a Milano. L’esposizione, che resterà aperta al pubblico fino al 10 Maggio, è stata inaugurata Martedì 22 Aprile, alla presenza del curatore, di illustri personalità del mondo dell’arte e dello spettacolo, di numerosi media e dell’immancabile Antonio Ricci, ideatore e autore del noto Tg satirico di Canale 5.

Aggiungere un’ottica ad un’altra forse non serve a vedere meglio, ma a vedere altro” dichiara Ricci e prosegue “Max, che già nel nome oltre alla congiunzione avversativa ha pure l’incognita, continua la sua strada, il suo tao, con nuovi punti di vista. Prendere di mira e miraggi, raggio e coraggio, caccia alle Fate Morgane e gibigianne che spaesano. Viva le visioni, a morte le cataratte!”. Descrive così Ricci l’arte fotografica di Laudadio, che presenta una tecnica innovativa ed originale: ogni scatto è stato realizzato ponendo davanti all’obiettivo un paio di occhiali. Attraverso la cromaticità, la forma e la diversità delle lenti, l’artista permette infatti all’osservatore di guardare il mondo circostante con inesauribile curiosità e vivace stupore.

Da sottolineare inoltre lo scopo benefico solidale di “Quattr’occhi sul Mondo”. Alcune delle più suggestive opere esposte in mostra sono protagoniste di un’asta online, il cui ricavato sarà devoluto all’Associazione Ai.Bi. “Amici dei Bambini” e alla Fondazione Exodus di Don Mazzi.

Alla “Milano Art Gallery” Max Laudadio in visita guidata alla sua mostra accolto da tanti fan e amici vip come Don Mazzi, Andrea Pinketts e Paolo Limiti

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Fotografia

Il rinomato inviato di “Striscia la Notizia” Max Laudadio ha tenuto una speciale visita guidata alla sua mostra fotografica dal titolo “Quattr’occhi sul Mondo” allestita all’interno della storica “Milano Art Gallery” in via Alessi 11 a Milano, ricevendo una calorosa accoglienza da parte di una nutrita schiera di fans ed estimatori. Tanti, inoltre, gli amici vip intervenuti per l’occasione, tra cui Don Antonio Mazzi, Andrea Pinketts (Mistero) e Paolo Limiti. L’esposizione è curata dal Prof. Vittorio Sgarbi e organizzata dal manager produttore di grandi eventi Salvo Nugnes. Resterà in loco fino al 10 Maggio ed è visitabile ad ingresso libero. 

Laudadio ha descritto e spiegato il variegato percorso delle affascinanti immagini, che rievocano gli incantevoli luoghi visti durante gli avventurosi viaggi fatti in giro per il mondo, rielaborate attraverso le lenti colorate di occhiali collocate davanti all’obiettivo. Una tecnica di sorprendente e innovativa realizzazione, con la quale ha ottenuto suggestivi effetti cromatici.

Il popolare artista nel raccontare questa coinvolgente esperienza, che gli ha permesso di comprendere che “Due soli occhi a volte non bastano a cogliere la meraviglia del mondo” ha evidenziato anche la finalità sociale dell’iniziativa. Infatti, ha scelto di mettere in asta benefica online dieci opere, devolvendo il ricavato della vendita all’Ai.Bi., l’associazione “Amici dei bambini” e ad Exodus, la comunità fondata da Don Mazzi.

Per partecipare all’asta di solidarietà consultare il sito http://www.milanoartgallery.it/art_ML_asta.php .

Sgarbi, commentando gli interessanti scatti d’autore, ha dichiarato, che Laudadio “Da questa esperienza esce come interprete molto sensibile alle variazioni cromatiche, come furono alcuni impressionisti, in particolare Monet nelle cattedrali di Rouen“.