Posts Tagged ‘mostra’

Graziano Ciacchini tra i protagonisti del prestigioso Tuscania Festival 2018

Scritto da Elena Gollini Art Blogger il . Pubblicato in Arte, Cultura

Il pittore Graziano Ciacchini è tra i protagonisti dello storico Tuscania Festival, che si svolge nel weekend di Sabato 26 e Domenica 27 Maggio 2018 a Peccioli sulle colline di Pisa. L’artista sarà presente in mostra espositiva con le sue intense proiezioni pittoriche, all’interno della sezione “Art” curata dall’organizzatrice Alessandra Ioalè. In questa interessante cornice, Graziano darà il suo pregevole contributo artistico per valorizzare questo evento, che celebra e stimola il connubio tra arte e musica, concepiti come linguaggi universali di condivisione a tutto tondo.

Ciacchini si dimostra ancora una volta artista di versatile pensiero, scegliendo di partecipare a iniziative che rivestono un’importante e incisiva funzione di aggregazione collettiva, supportando il valore sostanziale del fare arte, coniugato al lodevole intento sociale di evidenziarne la forza del prezioso potenziale comunicativo.

La fotografia d’autore di Alessio Di Franco in mostra ad “Arte in Bottega78”

Scritto da Elena Gollini Art Blogger il . Pubblicato in Arte, Fotografia

Il fotografo Alessio Di Franco sarà in mostra con le sue pregevoli fotografie d’autore presso lo spazio artistico culturale di “Arte in Bottega78” situato in Via Nazario Sauro 78 a Gualtieri, in provincia di Reggio Emilia. L’esposizione verrà inaugurata in data Sabato 26 Maggio, alle ore 18.00 e rimarrà allestita in loco fino al 17 giugno 2018, in concomitanza con lo svolgimento dell’evento internazionale di Fotografia Europea organizzato dalla storica Fondazione Magnani. Il finissage è previsto in data Sabato 16 Giugno, sempre alle ore 18.00, insieme al festeggiamento del simbolico compleanno di “Arte in Bottega78”.

La mostra, visitabile ad ingresso libero, raccoglie una parte eterogenea di produzione che contiene scatti di particolare suggestione, realizzati in modo molto diretto e naturale senza l’utilizzo di alcuna trasformazione artificiale. Per Di Franco la fotografia artistica non ha una semplice valenza estetica fine a se stessa, ma è sinonimo di strumento comunicativo prediletto, che funge da tramite per condividere e comunicare a livello sociale e collettivo importanti messaggi. Di Franco progetta con grande attenzione e sceglie soggetti e ambientazioni sempre mirati per avere il giusto impatto scenico e per riuscire ad esprimere al meglio i contenuti sostanziali di cui si rende portavoce, con intenso slancio e forte convinzione.

Uno sguardo sull’arte di Graziano Ciacchini: intervista al pittore poeta

Scritto da Elena Gollini Art Blogger il . Pubblicato in Arte

Dopo la mostra personale “In un niente ch’è tutto” tenutasi a Lucca, abbiamo intervistato il poeta e pittore Graziano Ciacchini, per scoprire un po’ di più sulla sua visione artistica e poetica.

D: Hai iniziato il tuo percorso nel variegato mondo della poesia: come vedi il parallelismo tra poesia e arte?

R: Come ho già avuto modo di dire, il mio punto di osservazione è quello di un pittore e di un poeta che non ha mai sperimentato circuiti importanti. Il primo parallelismo, purtroppo negativo, che appare nitido, almeno al mio livello, è quello di un mondo semi sommerso dove per gli addetti ai lavori, spesso improvvisati, le priorità sono quelle di proporre iniziative a pagamento, per lo più fini a se stesse. Conservo decine di lettere di pseudo editori che avendo scoperto in me il nuovo D’Annunzio, mi proponevano pubblicazioni a pagamento, senza nessuna forma di promozione, senza nessuna forma di distribuzione. Nel campo della pittura, la musica non cambia. Il parallelismo che più mi piace raccontare, è invece quello legato al grande fermento che c’è, specialmente tra i giovani, aiutati spesso da spazi che magari non avranno i crismi della galleria o del circolo letterario, ma che permettono di esporre o di esprimersi. Poesia, pittura, l’arte in generale sono cosa viva ed in salute.

D: Quanto ha influito nel percorso pittorico l’essere anche poeta;

R: Nel mio caso la pittura e la poesia sono due manifestazioni diverse dello stessa ispirazione, dello stesso pensiero, della stessa istanza di dover comunicare quello che ho dentro, per riuscire, se non altro, a placare domande altrimenti prive di risposta. Molte delle tele potrebbero essere raccontate in versi e viceversa. È solo una questione di diversa espressione formale. Ho in cantiere un progetto di contaminazione in tal senso, un progetto che unisca versi ed immagini.

D: Se dovessi definire la tua vena poetica, come ti valuti e come valuti in generale il comparto poetico attuale?

R: Ho pensato un attimo se inserire i miei versi dentro qualche schema, magari facendo riferimento, indegnamente, a grandi poeti. In realtà mi sento un randagio dei pensieri, pensieri che spesso manifestano mondi possibili o mondi reali, pensieri che aiutano a liberarsi, ad aprire varchi nei quali sia possibile scorgere l’essenza od almeno illudersi di farlo. Quanto al momento attuale, credo che la poesia sia un po’ come il cinema italiano. La si dà per morta da decenni mentre in realtà, secondo me, vive e gode di buona salute. Le librerie continuano a proporla, segno di un mercato che sicuramente non di massa, continua comunque ad esistere. Si parla e si fa poesia in molte sedi, si moltiplicano le contaminazioni con altre forme d’espressione artistica, Il tanto bistrattato web ed i tanto bistrattati social hanno fatto incontrare persone le quali, sia come fruitori che come scrittori, vivacchiavano solitari e questo ha fatto nascere molte iniziative: incontri, dibattiti, reading ed anche riviste letterarie. In sintesi dire che (per fortuna) le cose belle non muoiono mai!

La fotografia d’autore di Alessio Di Franco in mostra ad “Arte in Bottega78”

Scritto da Elena Gollini Art Blogger il . Pubblicato in Cultura, Fotografia

Il fotografo Alessio Di Franco sarà in mostra con le sue pregevoli fotografie d’autore presso lo spazio artistico culturale di “Arte in Bottega78” situato in Via Nazario Sauro 78 a Gualtieri, in provincia di Reggio Emilia. L’esposizione verrà inaugurata in data Sabato 26 Maggio, alle ore 18.00 e rimarrà allestita in loco fino al 17 giugno 2018, in concomitanza con lo svolgimento dell’evento internazionale di Fotografia Europea organizzato dalla storica Fondazione Magnani. Il finissage è previsto in data Sabato 16 Giugno, sempre alle ore 18.00, insieme al festeggiamento del simbolico compleanno di “Arte in Bottega78”.

La mostra, visitabile ad ingresso libero, raccoglie una parte eterogenea di produzione che contiene scatti di particolare suggestione, realizzati in modo molto diretto e naturale senza l’utilizzo di alcuna trasformazione artificiale. Per Di Franco la fotografia artistica non ha una semplice valenza estetica fine a se stessa, ma è sinonimo di strumento comunicativo prediletto, che funge da tramite per condividere e comunicare a livello sociale e collettivo importanti messaggi. Di Franco progetta con grande attenzione e sceglie soggetti e ambientazioni sempre mirati per avere il giusto impatto scenico e per riuscire ad esprimere al meglio i contenuti sostanziali di cui si rende portavoce, con intenso slancio e forte convinzione.

INTERVISTA A GRAZIANO CIACCHINI: LE SUE OPERE IN MOSTRA A LUCCA

Scritto da Elena Gollini Art Blogger il . Pubblicato in Arte

Dal 31 Marzo, a Lucca, presso il Bar Caffetteria Millennium è in allestimento la personale “In un niente ch’è tutto” di Graziano Ciacchini. Di seguito l’intervista realizzata all’artista, in occasione di questa suggestiva mostra, che sarà visitabile fino al 28 Aprile 2018.

D: Come nasce l’occasione di questa tua mostra a Lucca? Perché la scelta di questa location?

R: La scelta della location, la devo all’amico Andrea Lazzerini, persona appassionata d’arte e molto competente in materia che conosce a fondo, oltre che la realtà artistica, tutta quella locale. Andrea mi ha proposto di esporre in questo luogo nel centro di Lucca, luogo con il quale mi sono sentito immediatamente in sintonia. Sono molto contento di esporre in una città così bella ed importante, nella quale non avevo mai esposto. La sala è molto carina ed ha un’ottima visibilità anche dall’esterno.

D: Il titolo della mostra, da cosa è stato ispirato?

R: Il titolo della mostra è ispirato al verso di una mia poesia, dal titolo “Pensiero” scritta tanti anni fa e pubblicata in una mia raccolta di poesie e lavori pittorici, dal titolo “In ombra” (Pacini editore 2003):

“Onde

come fossi voce.

Oltre il cielo

oltre il buio

Aldilà.

Fuori dal tempo

In un niente ch’è tutto

Piccolo io

T’intuisco.”

Il tema, e lo dico da non esperto ma da appassionato attratto da tale filosofia, è quello del rapportarsi, dal punto di vista personale, al concetto di inconscio collettivo coniato da Jung.

D: Quante e quali opere hai esposto? Seguono una o più tematiche di riferimento?

R: Al Millennium espongo dodici opere, realizzate tra il 2013 ed il 2017. Non c’è un argomento specifico, un tema del momento a legare le opere, se non la tematica ampia, addirittura universale, dell’inconscio collettivo, ricordata nella risposta precedente, tematica alla quale negli ultimi anni, o forse da sempre, attingo. La dinamica del fare è quella di sentire o di vedere immagini che richiamano concetti vissuti, forse sogni o forse dimensioni comuni senza tempo o collocazione che poi, quale immeritevole recettore, trasformo in immagini o in versi. Per questo i miei lavori, quelli esposti, ma anche gli altri, sono, secondo me legati da un sottile, forse misterioso a volte, anche a me stesso, filo conduttore.

A Bologna la rivisitazione artistica del concetto di “muro”, patrocinata da G DATA

Scritto da Andrea Bianchi il . Pubblicato in Arte, Cultura, Spettacolo

Bologna- Con la mostra “The WALL” Bologna si fregia dal 24 novembre p.v. di un evento culturale particolarmente innovativo e ricco di spunti di riflessione. G DATA è onorata di patrocinare la mostra.  

Palazzo Belloni di Bologna dal 24.11. p.v. ospite di una mostra d’eccezione. “The WALL” interpretazioni dei molteplici significati del concetto di muro, analizzato nel quadro di contesti storici, politici e artistici diversi tramite installazioni interattive, realizzate da artisti di diverse epoche, da Piranesi ad Arnaldo Pomodoro, da Fontana a Christo, dai Pink Floyd alla giovane artista giapponese Hitomi Sato.

Patrocinare la mostra “The WALL” è solo la più recente delle attività culturali sostenute da G DATA, uno tra i più noti produttori di soluzioni per la tutela di dati e privacy, da tempo consapevole del ruolo fondamentale delle aziende private nella promozione della cultura. “Questo impegno ha dato origine tempo fa alla partnership tra G DATA Italia e il Teatro Comunale di Bologna”, dichiara Giulio VADA Country Manager di G DATA Italia. “Siamo onorati di promuovere anche una mostra particolarmente ricca di significati e spunti di riflessione come The WALL, a partire dal prossimo 24 novembre”.

La partnership con il Teatro di Bologna, come il patrocinio della mostra “The WALL” rappresentano per una realtà come G DATA l’opportunità di declinare al meglio il proprio desiderio di ottemperare alla propria responsabilità sociale, integrandolo nelle proprie attività di interazione con la clientela.

“L’arte è linguaggio, comunicazione e d’altronde fare impresa vuol dire fare anche cultura”, aggiunge VADA, che conferma l’intento dell’azienda di continuare a sostenere anche in futuro attività di inclusione sociale e di promozione dell’arte. Investire in cultura, e in questa mostra in particolare, supporta la strategia G DATA di radicamento e di sviluppo delle sinergie dell’azienda con il territorio, con le sue istituzioni e le sue più peculiari espressioni, uscendo dalla comfort zone rappresentata dall’area di competenza del vendor: “siamo tedeschi d’origine ma bolognesi nel cuore”, conclude VADA.

Informazioni su G DATA

La sicurezza IT è nata in Germania: G DATA Software AG viene considerata a pieno titolo l’inventore dei software antivirus. L’azienda, fondata nel 1985 a Bochum, più di 28 anni fa sviluppò il primo programma contro la diffusione dei virus informatici. Oggi, G DATA è uno dei principali fornitori al mondo di soluzioni per la sicurezza IT.

Numerosi test mirati condotti sia in Germania sia da organizzazioni rinomate a livello internazionale oltre che test comparativi condotti da riviste specialistiche indipendenti hanno dimostrato che la IT security “Made in Germany” offre agli utenti di Internet la miglior protezione possibile.

In Italia la soluzione G DATA Internet Security è stata insignita nel 2016 per il quarto anno consecutivo del bollino “Miglior Acquisto” di Altroconsumo. Inoltre, per il secondo anno consecutivo, G DATA è partner tecnico di Ducati Corse per la MotoGP ed ha il compito di proteggere i sistemi IT di pista del team Ducati.

Il portafoglio prodotti G DATA comprende soluzioni di sicurezza sia per privati, sia per le aziende, dalle PMI alle grandi imprese. Le soluzioni di sicurezza di G DATA sono disponibili in oltre 90 Paesi di tutto il mondo.

Ulteriori informazioni su G DATA e sulle soluzioni di sicurezza sono consultabili sul sito www.gdata.it

Informazioni su The WALL

Dal 24 novembre al 6 maggio, Palazzo Belloni ospita la mostra “the WALL”. Un percorso espositivo che racconta il concetto di muro: da simbolo di incomunicabilità ed esclusione a protagonista di un’operazione culturale che apre a molteplici prospettive.

La mostra è un invito a scoprire il muro psicologico, il muro pubblico, il muro funzionale, il muro sociale, il muro politico, il muro espressivo e il muro della memoria.

Ognuna di queste dimensioni è esplorata attraverso installazioni interattive, realizzate appositamente per la mostra, e con opere d’arte a tema realizzate da artisti di diverse epoche, da Piranesi ad Arnaldo Pomodoro, da Fontana a Christo, dai Pink Floyd alla giovane artista giapponese Hitomi Sato.
Un viaggio attorno e dentro al muro, in un percorso storico che va dalle mura di Gerico al muro di Berlino, fino ai muri della contemporaneità che la mostra permette di scoprire.

Alessandro Galanti e le sue meravigliose opere alla “Biennale Milano” presentata da Sgarbi

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

Alessandro Galanti, eccellenza nel panorama artistico, parteciperà alla prossima edizione di “Biennale Milano – International Art Meeting”, rinomata mostra internazionale d’arte contemporanea presentata da Vittorio Sgarbi e ideata dal manager di noti personaggi Salvo Nugnes, che si svolgerà dall’11 al 15 ottobre presso Brera Site, un innovativo spazio dedicato a eventi culturali, collocato nel cuore del capoluogo lombardo, e in altre prestigiose sedi milanesi della MAG- Milano Art Gallery.
Artista originario di Monza, dopo la laurea in Economia e Commercio all’Università Cattolica di Milano, ha iniziato a lavorare nell’azienda di famiglia operante nel settore della meccanica di precisione. Successivamente si è dedicato alla sua carriera artistica, partendo da una nuova fase di studio e di sperimentazione della materia, riprendendo le tecniche della tradizione orafa. Le sue creazioni prendono spunto dall’osservazione della natura per poi dare vita a opere dal design unico e contemporaneo. Le sue sfere dorate, realizzate a partire dal metallo con placcatura in oro, effondono una luce diffusa e si combinano con altri materiali plasmandosi in un’emozione pura che riesce a sorprendere ogni volta che le si osservano.
A “Biennale Milano” sono previste conferenze e presentazioni ad ingresso gratuito con la partecipazione di numerosi artisti italiani ma anche stranieri e di illustri personaggi del mondo della cultura e dello spettacolo che interverranno in occasione degli incontri: dal noto sociologo di fama mondiale Francesco Alberoni al direttore di TGcom Paolo Liguori, dal soprano e attrice Katia Ricciarelli alla scrittrice e conduttrice Silvana Giacobini, dal volto noto di Canale 5 Alessandro Meluzzi al conduttore de Il Bagaglino Pippo Franco, e tanti altri ancora. Pittura, scultura, fotografia e video-arte saranno accolte in una meravigliosa esposizione collettiva in cui ogni artista avrà un proprio spazio per mostrare il suo talento e le sue creazioni.
Alessandro Galanti sarà sicuramente uno degli artisti che spiccherà con le sue opere, segnando così un altro grande successo nella sua carriera artistica.

Per informazioni: 0424.525190, info@biennalemilano.it, www.biennalemilano.it

Arles e Figueres: Salvo Nugnes porta Spoleto Arte a casa di Dalì e Van Gogh

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

Spoleto Arte porta più di cento artisti e duecento opere ad Arles e Figueres, per due mostre internazionali. Salvo Nugnes, manager della cultura e agente di noti personaggi, ha scelto questi luoghi profondamente simbolici per le esposizioni di “Spoleto Arte incontra Dalì e Van Gogh”, con l’obiettivo di rendere omaggio agli illustri Salvador Dalì e Vincent Van Gogh, colonne portanti per la storia dell’arte del secolo breve. Le due mostre collettive raccoglieranno l’esperienza di artisti contemporanei, rendendo ancora più significative le esperienze emozionali dei visitatori.

Tutto è pronto alla Placa Gala Salvador Dalì, attigua al Museo Dalì, a Figueres in Spagna, per l’apertura di giovedì 28 aprile. Il giorno seguente, la prestigiosa sede espositiva dell’Hotel Saint Trophime, ad Arles in Francia, ospiterà il vernissage accompagnato da tanti ospiti. Entrambi gli eventi sono attesi con grande trepidazione e sono sottolineati da una forte risonanza a livello mediatico.

Marco Appicciafuoco, Corrado Avanzi, Patrizia Biagini, Liana Bolaffio, Mariangela Bombardieri, Paola Bradamante, Federica Paola Bucalo, Pietro Burzi, Valentino Camiletti, Franco Carletti, Antonella Carraro, Alessia Casellato, Mauro Cesarini, Lorenzo Chinnici, Emanuela Corbellini, Renato Cortesi, Natalia De Paolis, Gianni Depaoli, Gabriella Di Natale, Angelica Flores, Daniele Fratini, Giacomo Frigo, Martina Garofali, Alfonso Mangone, Grazia Massa, Barbara Melcarne, Susanna Nagy, Luciana Palmerini, Damisela Pastors Lugo, Silvano Persoglia, Rudik Petrosyan, Luca Pinelli, Valentina Roma e Valerio Forcellino, Caterina Ruggeri, Federico Tamburri, Alessandro Testa, Luciano Tonello, Michele Toniatti, Emel Vardar, Joseph Virgone, Rita Vitaloni, Fiamma Zagara, Massimo Zavoli e altri ancora, fanno parte della speciale selezione di artisti che, tramite le loro creazioni, daranno mostra di forme espressive eterogenee. Il loro nome e le loro opere saranno simbolicamente abbinate alle forme espressive dei due famosi maestri.

Spoleto Arte prosegue nella sua mission di creazione di legami e sinergie speciali con un territorio sempre più ampio e con le istituzioni europee, per continuare a diffondere e a promuovere l’arte e la cultura, mettendole a disposizione di un ampio pubblico.

cartoon and comics

Scritto da elena patrizia il . Pubblicato in Arte, Lifestyle

In questi giorni si tiene a Milano una delle più prestigiose fiere del settore comics, Cartoons, fumetti.

Per gli appassionati sarà di interesse partecipare dato che ogni anno aumenta il numero degli espositori e di eventi durante questa manifestazione.

Dopo 21 anni di crescita costante questo appuntamento è diventato il più importante del nord Italia ed il secondo a livello nazionale. Facilmente raggiungibile da qualsiasi luogo è perfettamente servito con mezzi pubblici, accomodation, aree di ristoro.

 

Mostre: che fine ha fatto Peter Pan? All’EXMA di Cagliari le fiabe pittoriche di Fontanini

Scritto da Andrea Polo il . Pubblicato in Arte, Cultura

C’era una volta…e poi. Le fiabe viste con gli occhi di un artista. Questo il titolo dell’esposizione del pittore milanese Massimo Fontanini che, dal 17 febbraio al 19 marzo sarà ospitata in uno dei più interessanti musei italiani di arte contemporanea; l’EXMA di Cagliari (http://www.exmacagliari.com/2017/cera-una-volta-e-poi-le-fiabe-pittoriche-di-massimo-fontanini/).

Le tele di Massimo Fontanini, artista giovane ma dal lungo curriculum, costituiscono un ciclo dedicato ai protagonisti di alcune delle più famose favole per bambini visti, però, nella loro età matura e con i segni che la vita ha lasciato su loro e sulle loro storie. Il debutto di queste opere avvenne nel gennaio 2015 in Trentino nella personale dedicata all’artista, raro esempio di piccola mostra dal grande successo, ottenuto principalmente grazie al passaparola dei visitatori.

Fra le opere della mostra di Cagliari alcune sono esposte al pubblico per la prima volta e racconteranno ai visitatori cosa sia accaduto ai protagonisti di alcune delle fiabe più famose dopo il fatidico E vissero tutti felici e contenti, non sempre rispettato dallo scorrere della vita.

Si potrà ammirare la grande tela (160×140 cm) dedicata a Cappuccetto Rosso che, ritratta di spalle in un vestito ancora di colore vermiglio, guarda con nostalgia al bosco dove si è svolta la sua vicenda; o quella di dimensioni più piccole (50×70 cm) dedicata ad Hansel e Gretel che, finalmente grandi, si ricongiungono al padre in uno stretto abbraccio al contempo liberatorio e pacificatore. Altri protagonisti rappresentati nel ciclo ospitato nella mostra all’EXMA di Cagliari, sono Peter Pan, Alice nel Paese delle meraviglie, Cenerentola, La Sirenetta, La bella addormentata nel bosco, la piccola fiammiferaia, Biancaneve, il brutto anatroccolo.

La mostra sarà aperta al pubblico dal martedì alla domenica dalle ore 9 alle 13 e dalle ore 16 alle 20.  Prezzi d’ingresso: 3 euro interi, 2 euro ridotti.