Posts Tagged ‘Maria Rita Parsi’

La talentuosa fotografa Elisa Fossati ora a Roma per la sua personale al Piram Hotel

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura, Fotografia

Continua il suo tour in Italia l’esposizione itinerante di Elisa Fossati. Così, dopo il successo di Milano, Venezia, Spoleto e Bassano del Grappa, We Are the World, questo il titolo della personale, è stata inaugurata la scorsa settimana a Roma nel prestigioso Piram Hotel, in via Giovanni Amendola 7. La mostra rimarrà accessibile al pubblico fino al 15 dicembre e ha goduto fin da subito del contributo di numerose personalità illustri. Organizzata dal curatore di mostre e grandi eventi Salvo Nugnes, presidente di Spoleto Arte, la rassegna ha visto interessati diversi grandi ospiti come il prof. Vittorio Sgarbi, Pippo Franco, celebre conduttore del programma televisivo il Bagaglino, l’artista Josè Dalì, figlio di Salvador Dalì, la giornalista RAI Antonietta Di Vizia, il noto sociologo Francesco Alberoni, la già direttrice di «Chi» e «Diva e Donna» Silvana Giacobini, e poi Morgan, Carolyn Smith, Maria Rita Parsi, il direttore di Ansa Lombardia Vincenzo Di Vincenzo, il fotografo di fama internazionale Roberto Villa, il direttore della Triennale di Fotografia Luigi Gattinara e molti altri ancora.

Nei suoi scatti, la giovane fotografa milanese, laureata in Arte, Patrimoni e Mercati allo IULM, è riuscita a creare un mondo alternativo, in cui l’immagine e la parola sono l’uno lo specchio dell’altra. Ecco quindi che dagli abissi si risale tra le nuvole per immergersi poi nel fitto delle grandi metropoli, intrufolarsi in palazzi storici di inestimabile bellezza. Con uno sguardo attento alle piccole cose, facendosi piccoli sotto la volta celeste e liberi come le aquile sopra le nubi, i visitatori potranno godere di un panorama variopinto, popolato di umanità, al passo con questo tempo. In un vortice di città, di luoghi in cui i ricordi si accavallano e per fermarli occorre imprimerli in brevi versi di semplice verità, We Are the World adorna le pareti del Piram Hotel, a pochi passi dal Teatro dell’Opera e dalla Basilica Santa Maria degli Angeli.

Elisa Fossati offre, oltre alle vedute, anche la chiave di lettura con degli aforismi curati appositamente per ciascun istante. A supporto di questa tesi così si esprime Roberto Villa: “C’è, trasparente, un grande romanticismo sia nelle foto sia nelle poesie che, nel collage cercano, e trovano, un differente mezzo di comunicazione che travalichi gli schemi e che consenta una possibilità espressiva allargata, aperta alle emozioni che diventano immagini d’Arte”.

Per info: 0424 525190, org@spoletoarte.it.

Biennale Milano presentata da Sgarbi: tutti gli ospiti illustri e gli eventi speciali

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

È arrivato il momento di trarre le conclusioni anche per Biennale Milano, conclusasi ieri. L’International Art Meeting, presentato dal prof. Vittorio Sgarbi, si è tenuto presso il Brera Site (via delle Erbe 2, Milano) dal 10 al 14 ottobre e ha riscosso successo oltre ogni dire. Organizzato dal curatore di mostre e grandi eventi Salvo Nugnes, l’evento ha visto in esposizione ben 230 artisti italiani e stranieri con 502 opere.

Ma diamo ancora un po’ di numeri: con una media di oltre mille visitatori al giorno, la mostra ha registrato tutta una serie di eventi pensati ad hoc per le cinque giornate. Nel solo giorno dell’apertura, giovedì 10 ottobre, la conferenza stampa ha visto il picco d’interesse di pubblico e stampa. Presenti, tra gli ospiti illustri, il sociologo Francesco Alberoni, Morgan, il direttore di Tgcom 24 Paolo Liguori, la già direttrice di «Chi» e «Diva e Donna» Silvana Giacobini, Jo Squillo, Dalila Di Lazzaro, Massimo Giletti e lo stilista Alviero Martini. Ma l’interesse era elevato ancora prima: nei giorni precedenti l’inaugurazione, hanno infatti visitato l’esposizione l’ex calciatore Marco Borriello, la conduttrice Melba Ruffo e il critico d’arte Luca Beatrice, a cui è stato concesso un tour in anteprima.

Il secondo giorno, venerdì 11 ottobre, ha dimostrato una nuova ondata d’interesse per gli appuntamenti con Paolo Liguori ed Edoardo Bennato, presente all’interno della Biennale di Milano con la sua serie di opere intitolate “In cammino”.

Attesissima poi la giornata di sabato 12 ottobre, che, apertasi con un’incursione del giornalista Giuseppe Cruciani, noto conduttore del programma radiofonico “La Zanzara”, è culminata con un Vittorio Sgarbi attento alle necessità di un paese che ancora trascura il suo patrimonio culturale: «In Italia ci può essere la mafia a Milano o Palermo, ma sicuramente c’è la mafia nel mondo dell’arte che apre le Biennali e le Triennali solo a pochi artisti, quelli che hanno un rapporto con il mercato».

Domenica 13 ottobre, infine, l’atmosfera si è fatta più frizzante con gli interventi della psicologa e psicoterapeuta Maria Rita Parsi, Morgan, Katia Ricciarelli e Carolyn Smith.

A quella che è stata pensata come una biennale all’insegna di un’Ars democratica, hanno contribuito inoltre molti altri personaggi di spicco, tra cui il direttore della Triennale di Fotografia Luigi Gattinara, il fotografo Roberto Villa, amico di Pier Paolo Pasolini e Dario Fo, l’artista José Dalì, figlio di Salvador Dalì, la giornalista RAI Antonietta Di Vizia, il direttore dell’Ansa Vincenzo Di Vincenzo e la curatrice d’arte Nicoletta Rossotti. In visita anche i consoli di Albania, Tunisia, Egitto e Polonia. «In tutte le grandi città artistiche del mondo ‒ ha spiegato Nugnes ‒ c’è una biennale d’arte. Non ho mai capito perché solo Milano, con la sua storia e la sua tradizione legata all’arte, non avesse un appuntamento di questo tipo». La terza edizione di questa grandiosa kermesse rende onore all’impegno di portare arte e cultura a portata di tutti.

Biennale Milano, oltre 3.400 richieste per esporre alla grande mostra internazionale presentata da Sgarbi

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

Fervono i preparativi per l’edizione 2019 di Biennale Milano presentata da Vittorio Sgarbi. 3.400 artisti, pittori, fotografi e scultori partecipano alle selezioni, fino ad ora, per aggiudicarsi un posto all’interno della grande mostra internazionale che si terrà dal 10 al 14 ottobre 2019 presso Brera site, in via delle Erbe, 2 a Milano, a pochi passi dalla nota accademia di Brera.

L’ideatore della rassegna è il curatore di mostre e grandi eventi Salvo Nugnes che, da un ventennio, lavora con il Festival di Spoleto e con la Biennale di Venezia.

La conferenza stampa è fissata per giovedì 10 ottobre, alle 18, con un evento di forte impatto mediatico che presenterà le opere di artisti provenienti da più di 40 paesi. Numerosi gli ospiti illustri che saranno presenti agli eventi, il cantautore Morgan, il soprano Katia Ricciarelli, il sociologo di fama nazionale Francesco Alberoni, il direttore del TGCOM Paolo Liguori, la psicoterapeuta Maria Rita Parsi, la già direttrice di «Chi» e di «Diva e Donna» Silvana Giacobini, Josè Dalì artista e figlio di Salvador Dalì e molti altri; tutte personalità di riferimento che daranno anche il contributo al catalogo pubblicato da Editoriale Giorgio Mondadori.

Il professor Sgarbi spiega: «La Biennale Milano si propone di concorrere alla maggiore conoscenza del grande patrimonio artistico che l’Italia possiede, in modo da suscitare su di esso la giusta e meritata considerazione in ambito mondiale. Un patrimonio di cui andare fieri e orgogliosi, e perciò da tutelare e conservare con ogni cura».

Per informazioni sulle selezioni chiamare lo 0424 525190,  il 388 7338297 o scrivere a info@biennalemilano.it.

Biennale Milano di provincia in provincia: le selezioni degli artisti indette da Sgarbi

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

Sono finalmente aperte le selezioni per la terza edizione di Biennale Milano – International Art Meeting presentata da Vittorio Sgarbi. La rassegna avrà luogo dal 10 al 14 ottobre 2019 presso Brera Site, in via delle Erbe 2, nel cuore di Milano: cinque giornate interamente dedicate al mondo dell’arte e a tutto ciò che vi gravita attorno. Ideate e organizzate dal curatore di mostre e grandi eventi Salvo Nugnes, verranno arricchite dalla presenza di numerosi illustri ospiti, come il cantautore Morgan e il soprano Katia Ricciarelli, che porteranno, ciascuno a suo modo, la loro testimonianza. Tra le numerose personalità, spiccano inoltre il grande sociologo Francesco Alberoni, il giornalista e direttore di TgCom Paolo Liguori, il noto giornalista e conduttore Bruno Vespa, la psicoterapeuta Maria Rita Parsi, la giornalista Silvana Giacobini, già direttrice di «Chi» e di «Diva e Donna», il direttore del Vittoriale degli Italiani Giordano Bruno Guerri, il curatore del Padiglione Italia della Biennale di Venezia Milovan Farronato, l’artista Josè Dalì, figlio di Salvador Dalì, Carlo Motta di Editoriale Giorgio Mondadori, lo stilista Alviero Martini, il fotografo di fama internazionale Roberto Villa, amico di Pier Paolo Pasolini e di Dario Fo, la giornalista RAI Antonietta Di Vizia e la curatrice d’arte di Montecarlo Maria Lorena Franchi.

La manifestazione, che verrà ufficialmente aperta giovedì 10 ottobre, renderà visibili a un pubblico internazionale le creazioni di talentuosi artisti contemporanei italiani e non. A dirla con le parole del prof. Sgarbi, Biennale Milano è “un’occasione per vedere artisti nuovi e conosciuti, per vedere lo stato dell’arte fuori dai fasti veneziani e senza discriminazioni”. Per tale motivo è in atto un’accorta opera di selezione degli artisti di tutte le regioni d’Italia e di altri paesi, auspicata già durante il vernissage di Pro Biennale lo scorso maggio.

Per maggiori informazioni sulle selezioni scrivere a info@biennalemilano.it o telefonare allo 0424 525190 o al 388 7338297.

Spoleto: il Premio Margherita Hack per il giornalismo assegnato a Massimo Giletti

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

Si torna a parlare della mostra internazionale Spoleto Arte, inaugurata lo scorso 29 giugno alla presenza del critico d’arte Vittorio Sgarbi, del sociologo Francesco Alberoni, della giornalista e scrittrice Silvana Giacobini, già direttrice di «Chi» e di «Diva e Donna» e di molti altri personaggi di spicco. Si torna a parlare del Premio Margherita Hack, la cui cerimonia si è tenuta sempre a Spoleto domenica 30 giugno e ha visto riconosciuti personaggi come Anna Fendi, Stefano Boeri, Giordano Bruno Guerri, Milovan Farronato e Morgan. Questo perché alle 19 di lunedì 22 luglio, proprio a Palazzo Leti Sansi, sede dei due eventi, verrà conferito il prestigioso Premio Margherita Hack a Massimo Giletti, giornalista, autore e conduttore televisivo, per la sezione “Giornalismo”.

Ad assegnare il riconoscimento in memoria della nota astrofisica sarà il relatore e organizzatore Salvo Nugnes, agente e amico della famosa prof.ssa Margherita Hack. Il comitato, presieduto da Francesco Alberoni, e costituito da personalità del calibro del prof. Vittorio Sgarbi, dal grande fisico Antonino Zichichi, presidente della World Federation of Scientists, dell’artista José Dalì, figlio di Salvador Dalì, della psicoterapeuta Maria Rita Parsi, del direttore dell’Ansa Vincenzo Di Vincenzo, ha ritenuto giusto premiare il famoso autore “per aver unito giornalismo e conduzione televisiva creando un linguaggio moderno con cui racconta la storia e il pensiero del nostro paese”.

Entrato infatti nelle case degli italiani nel 1988 con Mixer e stabilitosi su Rai 2 con programmi popolari come Mattina in famiglia e Mezzogiorno in famiglia o come I fatti vostri, Giletti è divenuto presto uno dei volti più conosciuti di Rai 1 attraverso la conduzione di Casa Raiuno, Domenica in e L’arena. Oggi il suo successo continua su LA7, dove dal 2017 presenta Non è l’Arena.

Per l’occasione, verrà presentato al pubblico l’ultimo libro di Massimo Giletti, intitolato Le dannate, edito da Mondadori e dedicato alla storia delle sorelle Napoli che non si arrendono alla mafia.

Per maggiori informazioni è possibile chiamare lo 0424 525190, scrivere a segreteria@margheritahack.it oppure visitare il sito www.margheritahack.it.

Seguso, la vetreria artistica più rinomata di Murano, assegna le sue creazioni per il Premio Margherita Hack

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

È ormai consuetudine che al momento del conferimento del Premio Margherita Hack i preziosi vetri veneziani della famiglia Seguso vengano consegnati come ulteriore riconoscimento artistico ai personaggi che sono stati convocati a Spoleto per quest’importante evento culturale. Alle 11 di domenica 30 giugno, presso lo storico Palazzo Leti Sansi in via Arco di Druso 37, sono state infatti assegnate in ricordo della grande astrofisica, soprannominata affettuosamente la Signora delle Stelle, le prestigiose targhe al presidente del Vittoriale degli Italiani di Gabriele D’Annunzio Giordano Bruno Guerri per la cultura, all’architetto Stefano Boeri per l’architettura, al curatore del Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2019 Milovan Farronato per l’arte, al giornalista, autore e conduttore televisivo Massimo Giletti per il giornalismo, alla stilista e imprenditrice italiana, fondatrice del marchio FENDI Anna Fendi per la moda, al cantautore Morgan per la musica, al presidente dello storico pastificio Giovanni Rana per l’impresa e alla direttrice del CERN Fabiola Gianotti per la scienza.

Il comitato del Premio Margherita Hack, inoltre, presieduto dal sociologo Francesco Alberoni, è costituito dal grande fisico Antonino Zichichi, presidente della World Federation of Scientists, dallo storico e critico d’arte Vittorio Sgarbi, dall’artista José Dalí, figlio di Salvador Dalí e dalla psicologa e psicoterapeuta Maria Rita Parsi. Ideato e organizzato da Salvo Nugnes, curatore di mostre e grandi eventi, agente e amico della celebre astrofisica, il riconoscimento si è arricchito anche per questa edizione di un’atmosfera artistica. Si iscrive, infatti, all’interno della mostra internazionale Spoleto Arte curata dal prof. Vittorio Sgarbi, e ha visto una delle più antiche famiglie dell’isola di Murano, dedita all’arte del vetro veneziano, impegnata nell’attribuzione delle sue creazioni alle diverse personalità giunte per la premiazione.

Per maggiori informazioni è possibile telefonare al numero 0424 525190, scrivere a segreteria@margheritahack.it oppure visitare il sito www.margheritahack.it.

Premio Margherita Hack indimenticabile con Alberoni, Sgarbi, Fendi, Morgan e tanti altri ospiti illustri

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

Si è iscritta alla perfezione all’interno della rassegna Spoleto Arte, inaugurata il giorno precedente, la cerimonia di premiazione in memoria della celebre astrofisica Margherita Hack. Alle 11 di domenica 30 giugno, a Palazzo Leti Sansi, sede della mostra d’arte internazionale, il Premio Margherita Hack è stato conferito per la moda alla stilista Anna Fendi ‒ che l’ha dedicato alla sorella Carla, scomparsa due anni fa ‒ e al presidente del Vittoriale degli Italiani Giordano Bruno Guerri per la cultura, a Stefano Boeri per l’Architettura, a Morgan per la musica, a Milovan Farronato, curatore del Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2019, per l’arte, a Massimo Giletti per il giornalismo, a Giovanni Rana per l’impresa e alla direttrice del CERN Fabiola Gianotti per l’eccellenza femminile.

A moderare l’appuntamento in ricordo della Signora delle Stelle, il suo amico e agente Salvo Nugnes, curatore di mostre e grandi eventi, che, assieme all’autorevole comitato, presieduto dal sociologo Francesco Alberoni, ha conferito alle varie personalità la prestigiosa targa. Presenti poi il critico d’arte Vittorio Sgarbi, la giornalista e scrittrice Silvana Giacobini, già direttrice di «Chi» e di «Diva e Donna», la psicoterapeuta Maria Rita Parsi, l’artista José Dalí, figlio di Salvador Dalí e il direttore dell’Ansa Vincenzo Di Vincenzo.

Tra gli ospiti l’Assessore alla Cultura Ada Urbani, la cantante e attrice Serena Autieri e la pittrice Antonella Cappuccio Muccino. Nel ricordare Margherita Hack, Francesco Alberoni ha esordito: «Il nostro è un Paese che ama i miti, è intriso di poesia, non siamo mai usciti dal romanzo cavalleresco. Margherita invece seguiva una corrente illuminista molto rigorosa, più vicina a Voltaire, a Diderot, aveva la sola fantasia degli astrofisici, ma lontana dal nostro modo di pensare che è sempre rimasto intriso di quel mito cavalleresco».

«È vero che ci resta il mito cavalleresco, ma alla base delle nostre radici rimane la cultura greca innegabilmente misogina ‒ ha continuato Parsi ‒ che illumina ancora di più personaggi straordinari come Margherita Hack».

Per maggiori informazioni è possibile chiamare lo 0424 525190, scrivere a segreteria@margheritahack.it oppure visitare il sito www.margheritahack.it.

2019 da scintille per Giuseppe Oliva: Milano Art Gallery proroga la personale

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

Il 2019 per il pittore di origini ragusane Giuseppe Oliva è un anno ricco di soddisfazioni. Da dove cominciare? Solo negli ultimi mesi la sua arte è stata protagonista di una serie di eventi che hanno riportato l’attenzione sul suo personalissimo stile. La mostra personale Impressioni del tempo, inaugurata lo scorso giovedì 6 giugno nella storica Milano Art Gallery (in via Alessi 11, MI) con la presentazione del curatore di mostre e grandi eventi Salvo Nugnes, di Carlo Motta di Editoriale Giorgio Mondadori e del fotografo di fama internazionale Roberto Villa, ha riscontrato immediatamente il meritato successo di critica e pubblico. E cavalcando la scia, la sede espositiva prolungherà l’esposizione di altre due settimane, chiudendo così il prossimo 4 luglio.

Ma a breve si potranno osservare le creazioni del maestro a Spoleto (PG), presso il Palazzo Leti Sansi, in occasione della mostra internazionale Spoleto Arte presentata dal prof. Vittorio Sgarbi e dal prof. Francesco Alberoni, in concomitanza con il Festival dei Due Mondi. Presenti per l’inaugurazione l’organizzatore Salvo Nugnes, presidente di Spoleto Arte, la giornalista Silvana Giacobini, già direttrice di «Chi» e «Diva e Donna», l’artista José Dalì, figlio di Salvador Dalì, la scrittrice e psicoterapeuta Maria Rita Parsi e molti altri ospiti illustri. A partire da sabato 29 giugno dunque, in via Arco di Druso 37, i dipinti di Giuseppe Oliva porteranno l’anima blu della Sicilia nel cuore della città spoletina.

Proprio per il talento artistico dimostrato, inoltre, all’artista è stato conferito il Premio Caravaggio dall’associazione Spoleto Arte quale “prova della qualità del suo lavoro nel panorama artistico contemporaneo”. Inutile dire poi che i suoi quadri abbiano capacità comunicative superbe, in grado di affascinare chiunque. Il gusto raffinato con cui il pittore dipinge l’essenza delle stagioni, della terra in cui ha vissuto, della distesa marina che tanto ama rivela una sensibilità straordinaria. La ricerca dei toni e l’utilizzo di una stesura materica del colore aggiungono alla tela un universo di intense sensazioni, distribuite elegantemente sulla superficie attraverso delicate spatolate. Il carattere di queste “evocazioni” brilla di luce, di vissuto, è tanto scultoreo quanto in perenne movimento. Vedere per credere.

Fino al 4 luglio la Milano Art Gallery resterà aperta tutti i giorni dalle 14.30 alle 19, a eccezione della domenica. Dal 29 giugno invece per ammirare i lavori dell’artista sarà possibile recarsi a Palazzo Leti Sansi. Per ulteriori informazioni è possibile chiamare lo 0424 525190, scrivere a info@milanoartgallery.it o a org@spoletoarte.it.

Spoleto: torna il Premio Margherita Hack all’interno della mostra curata da Sgarbi

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

Evento nell’evento, il Premio Margherita Hack si rinnova anche quest’anno all’interno della mostra internazionale d’arte contemporanea Spoleto Arte. La cerimonia di premiazione, prevista per le 11 di domenica 30 giugno a Palazzo Leti Sansi (via Arco di Druso 37, Spoleto), vedrà insignite del prestigioso riconoscimento numerose personalità del mondo dello spettacolo e della cultura.

Il premio è stato istituito in memoria della Signora delle stelle, scomparsa il 29 giugno del 2013, dal suo agente, il curatore di mostre e grandi eventi Salvo Nugnes che la ricorda sempre con affetto. Margherita Hack, oltre a essere una famosa scienziata e astrofisica, era soprattutto una donna autoironica dai solidi principi, che ha lasciato in eredità studi, ricerche e un ricordo di grande disponibilità al mettere tutto in discussione. Impegnata a difendere le proprie posizioni, la celebre astrofisica non ha mai temuto critiche, che spesso provenivano dal mondo politico e religioso. Atea, vegetariana, sostenitrice delle coppie omosessuali e dell’eutanasia legale, Margherita Hack si è sempre battuta per difendere diritti civili e sociali. Per questo motivo il premio che porta il suo nome acquisisce un valore simbolico di incredibile levatura.

L’evento si iscrive nella mostra curata dal prof. Vittorio Sgarbi, che verrà inaugurata sabato 29 giugno alla presenza del sociologo di fama mondiale Francesco Alberoni, in concomitanza con il Festival dei 2 Mondi. Qui verranno consegnate le targhe agli illustri ospiti che si sono contraddistinti nell’ambito artistico, sportivo, scientifico, musicale e giornalistico. Un particolare premio verrà dedicato all’eccellenza femminile, l’anno scorso assegnato a Carolyn Smith, nota presidente di giuria del programma di Rai Uno Ballando con le Stelle. Oltre a Carolyn Smith, nell’edizione 2018 sono stati nominati anche il giurista e costituzionalista Michele Ainis per la cultura, il talentuoso pittore Roberto Ferri per l’arte, il fisico statunitense vincitore del premio Nobel Samuel Chao Chung Ting per la scienza, l’atleta paraolimpica, conduttrice televisiva e politica Giusy Versace per lo sport e l’inviato di Striscia La Notizia Edoardo Stoppa per l’impegno animalista.

Del comitato, composto da una giuria di esperti presieduta da Francesco Alberoni, fanno parte il grande fisico Antonino Zichichi, presidente della World Federation of Scientists, lo storico e critico d’arte Vittorio Sgarbi, l’artista José Dalí, figlio di Salvador Dalí, la psicologa e psicoterapeuta Maria Rita Parsi e molte altre celebri personalità.

Commenta così l’ideatore, organizzatore e moderatore del Premio Margherita Hack: «Questo premio vuole essere un simbolico ringraziamento a Margherita per tutto ciò che la sua sincera amicizia mi ha regalato, e per il tesoro inestimabile di sapere e di conoscenza che ha lasciato in eredità a tutti quanti noi e alle generazioni future».

Per ulteriori informazioni è possibile chiamare il numero 0424 525190 oppure scrivere una mail a segreteria@margheritahack.it o visitare il sito www.margheritahack.it.

Venezia: Maria Rita Parsi e l’arte terapia a Pro Biennale

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

Sul finire della mostra Pro Biennale si è tenuto il penultimo importante incontro che ha messo al centro l’arte, individuandone i benefici terapeutici. Si tratta dell’appuntamento con la famosa psicologa e psicoterapeuta Maria Rita Parsi, giunta alla Scuola Grande di San Teodoro in Campo San Salvador 4810 (VE) lo scorso venerdì 24 maggio. A partire dalle 16 la celebre docente e scrittrice ha intrattenuto il pubblico di presenti indagando il tema della terapia in campo artistico, ossia l’arte terapia. L’evento, pensato e organizzato dal curatore di mostre e grandi eventi Salvo Nugnes, presidente di Spoleto Arte, ha trovato un pubblico molto attento e partecipe.

Un particolare momento è stato riservato alle nuove generazioni, culminato con la presentazione del libro Generazione H di Maria Rita Parsi, parentesi in cui l’autrice ha trattato la relazione che i ragazzi, in particolare i Millennials, hanno con il mondo virtuale, di come interagiscono con esso e con l’esterno. La scrittrice è infatti membro del Comitato ONU per i diritti dei fanciulli e delle fanciulle, ha dato vita alla Fondazione Movimento Bambino ONLUS per la tutela giuridica e sociale dei minori, per la diffusione dei loro diritti, per la formazione degli educatori e per l’ascolto, l’aiuto e l’assistenza ai minori e alle loro famiglie, in Italia e all’estero.

Sulla scia delle sue argomentazioni, la celebre docente ha poi visitato entrambe le sedi espositive di Pro Biennale, la Scuola Grande di San Teodoro e lo Spoleto Pavilion, in Calle dei Cerchieri 1270, lasciando spazio agli autografi per i numerosi visitatori.

Per ulteriori informazioni è possibile contattare lo 0424 525190, scrivere a org@spoletoarte.it oppure visitare il sito www.spoletoarte.it.