Posts Tagged ‘Maria Elisabetta Alberti Casellati’

Senato: gli auguri di Maria Elisabetta Alberti Casellati alla Stampa parlamentare

Scritto da ecnewsoffice il . Pubblicato in Politica

Denatalità, sostenibilità ambientale, fake news: il Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati incontra la Stampa parlamentare per i tradizionali auguri natalizi.

Maria Elisabetta Alberti Casellati

Maria Elisabetta Alberti Casellati: realizzare un nuovo patto generazionale per combattere la denatalità

“Molti sono i temi con cui dobbiamo necessariamente confrontarci nel prossimo futuro”: così il Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati ha salutato la Stampa parlamentare in occasione del tradizionale incontro per lo scambio degli auguri natalizi. “Penso alle politiche per contrastare la denatalità e realizzare un nuovo patto generazionale; penso a una maggiore determinazione sul fronte della sostenibilità ambientale, per ridurre le emissioni inquinanti e fronteggiare i cambiamenti climatici; penso a uno sviluppo realmente sostenibile, anche nelle dinamiche produttive e nei rapporti di lavoro” ha sottolineato il Presidente del Senato parlando anche della necessità di “misure che possano valorizzare le nostre eccellenze, dal mondo dell’impresa a quello dell’arte e della cultura”. E “al supporto che non deve mai mancare all’università, alla ricerca, ai nostri giovani talenti” ha aggiunto Maria Elisabetta Alberti Casellati.

Il valore della dialettica politica e dell’informazione: Maria Elisabetta Alberti Casellati ricorda Antonio Megalizzi

La dialettica politica non deve degenerare in una “eccessiva e improduttiva conflittualità”. È il monito lanciato da Maria Elisabetta Alberti Casellati nel corso dell’incontro natalizio con la Stampa parlamentare: “Altrimenti, con quale autorevolezza potremmo contrapporre i valori della democrazia, della tolleranza e del rispetto per ogni forma di diversità ai sempre più frequenti casi di incitamento all’odio o di intolleranza che si registrano nella società reale e in quella digitale”. In merito, il Presidente del Senato è tornato a esprimersi anche su fake news e deep fake, definendoli “patologie che rischiano di trasformare l’ecosistema digitale in un mondo nel quale riuscire a distinguere ciò che è vero da ciò che è falso risulterà sempre più arduo”. “Intendo promuovere nei prossimi mesi un momento di riflessione sull’impatto delle fake news su società e democrazia, anche attraverso il coinvolgimento di tutti gli attori interessati, a cominciare dalle rappresentanze di giornalisti ed editori” ha quindi annunciato Maria Elisabetta Alberti Casellati che nel suo intervento ha voluto anche ricordare Antonio Megalizzi, “ragazzo che ha perso la vita mentre inseguiva il suo sogno”. “Ho incontrato la sua famiglia e con loro ho preso l’impegno di promuoveresempre in Senatoun’iniziativa a lui intitolata e dedicata al giornalismo di qualità” ha detto il Presidente: “Quello che va difeso e tutelato, quello che privilegia i contenuti alla facile polemica, l’approfondimento alla congettura, e insegue la verità e non il sensazionalismo”.

Giornalismo baluardo di democrazia: le riflessioni di Maria Elisabetta Alberti Casellati

Scritto da ecnewsoffice il . Pubblicato in Opinioni / Editoriale

Nella Giornata Mondiale che l’Onu ha istituito per mettere fine alle impunità per crimini contro il giornalismo, Maria Elisabetta Alberti Casellati torna a riflettere sull’importanza della libertà di informazione, irrinunciabile presidio di democrazia.

Maria Elisabetta Alberti Casellati, Presidente del Senato

“Querele intimidatorie, minacce e intimidazioni”: il messaggio di Maria Elisabetta Alberti Casellati al convegno

“Quando è svolto con rigore e con coraggio, il giornalismo costituisce un presidio irrinunciabile della democrazia stessa e un incredibile strumento di tutela della legalità e di lotta al degrado sociale, politico ed economico”: il Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati lo ha ribadito lo scorso 25 ottobre nel messaggio di saluto indirizzato ai partecipanti al convegno ‘Querele intimidatorie, minacce e intimidazioni’, organizzato da Ossigeno per l’Informazione e Ordine dei Giornalisti in occasione della giornata mondiale Onu per mettere fine alle impunità per i crimini contro il giornalismo. “Un prezioso momento di condivisione e di confronto su tematiche di sempre più allarmante attualità” lo ha definito il Presidente del Senato che già più volte, nel corso del suo mandato, si è espressa sul valore della libertà di informazione, anche in contrapposizione a ciò che oggi ne rappresenta una minaccia. Non a caso Maria Elisabetta Alberti Casellati ha sottolineato come anche le Istituzioni abbiano il dovere di “prestare attenzione nell’interesse di un diritto fondamentale quale è quello ad un’informazione libera da ogni forma di condizionamento o di violenza”. Perché “se è dovere del giornalista perseguire con scrupolo e responsabilità la ricerca della verità, è altrettanto sua prerogativa poter svolgere la propria professione in modo pieno e senza limitazione o pregiudizio alcuno”.

Tutelare l’informazione da fake news e altre minacce: l’intervento di Maria Elisabetta Alberti Casellati

Già lo scorso luglio, durante la tradizionale cerimonia del Ventaglio a Palazzo Giustiniani, il Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati aveva sottolineato come sia necessario sostenere e supportare l’informazione libera, indispensabile per la democrazia. Un’informazione professionale e di qualità che, per configurarsi come libera, deve essere “plurale, accogliere e dare voce a tutte le sensibilità e a tutte le culture”. E “se i social hanno di fatto creato una piazza virtuale in cui tutti possono avere voce”, mai come oggi l’intermediazione giornalistica rappresenta “l’unico vero strumento dei cittadini per avere la certezza di un contenuto reale, verificato, credibile”. Contro il proliferare di fake news e di video fake, per il Presidente del Senato “tendenze che creano un’autentica preoccupazione”, Maria Elisabetta Alberti Casellati ha evidenziato l’importanza di un intervento delle Istituzioni, che devono impegnarsi nel “dare un contributo, anche di carattere culturale”. E il Senato, in questa prospettiva, è pronto a fare la propria parte, anche attraverso l’organizzazione di “momenti di confronto tra tutti i soggetti coinvolti”.

Scuola e famiglia: le riflessioni di Maria Elisabetta Alberti Casellati al Meeting di Rimini

Scritto da ecnewsoffice il . Pubblicato in Politica

Intervenendo all’inaugurazione della quarantesima edizione del Meeting di Rimini, il Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati auspica un impegno sempre più importante da parte del mondo istituzionale e politico nel sostenere la famiglia e garantire una piena attuazione del diritto all’istruzione.

Maria Elisabetta Alberti Casellati

Politica e istituzioni sostengano la famiglia: l’invito di Maria Elisabetta Alberti Casellati

Investire su famiglia e scuola per fronteggiare “un inverno demografico che è una tragica realtà”. Ne ha parlato il Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati lo scorso 18 agosto aprendo i lavori della quarantesima edizione del Meeting per l’amicizia fra i popoli, in programma a Rimini. Invitando a riflettere sul ruolo della famiglia e della scuola nella società di oggi, il Presidente ha auspicato che possano diventare “protagoniste di una nuova centralità” e rispondere quindi ai “preoccupanti segnali di un’emergenza educativa sempre più diffusa”. L’inverno demografico che contraddistingue l’epoca in cui oggi viviamo è “un vero e proprio dramma epocale”: è necessario “un cambiamento culturale che sottolinei con forza il valore sociale della scelta genitoriale”. In questa prospettiva “le istituzioni e la politica devono sostenere la famiglia con interventi di varia natura che siano strutturali e di lungo periodo”. Maria Elisabetta Alberti Casellati ha sottolineato come fare figli sia sì “un investimento a carico delle famiglie ma con effetti benefici a favore dell’intera collettività”: occorrono quindi “misure economiche e fiscali, ma anche di ordine organizzativo, per rendere concretamente compatibile il ruolo di genitore e quello di lavoratore”. E secondo il Presidente del Senato “all’Italia serve un intervento legislativo capace di trovare un equilibrio moderno e virtuoso tra la vita privata e professionale delle donne”.

Meeting di Rimini: il valore dell’istruzione nelle parole di Maria Elisabetta Alberti Casellati

“Un Paese che non genera figli è un Paese che non sa aprirsi al futuro di crescita e prosperità ma resta incollato al presente” ha ribadito Maria Elisabetta Alberti Casellati intervenendo al Meeting di Rimini. Ma il Presidente del Senato ha approfondito anche il tema dell’emergenza educativa, perché “sostenere la famiglia significa inoltre riconoscere e valorizzare il suo ruolo imprescindibile nel percorso educativo della persona al fianco degli istituti scolastici di ogni ordine e grado”. Secondo il Presidente, sarebbe opportuno “realizzare una effettiva parità scolastica in armonia con il dettato costituzionale, perché non c’è vera libertà senza libertà di educare, senza un diritto all’istruzione che sia inteso come un diritto alla libertà dell’insegnamento e alla libertà dell’apprendimento, riconoscendo il valore del pluralismo scolastico fra la scuola pubblica e la scuola paritaria”. Scuole e Università devono potersi qualificare come “luoghi di libero sapere, di libero insegnamento e di libero apprendimento”: un impegno che Maria Elisabetta Alberti Casellati continua a portare avanti in qualità di Presidente del Senato.

“Gemello Digitale”: ad aprire i lavori del convegno Maria Elisabetta Alberti Casellati

Scritto da ecnewsoffice il . Pubblicato in Opinioni / Editoriale, Politica

Il Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati parla di innovazione e Intelligenza Artificiale aprendo i lavori del convegno “Gemello Digitale – L’altro me”.

Maria Elisabetta Alberti Casellati

Maria Elisabetta Alberti Casellati apre con un indirizzo di saluto il convegno “Gemello Digitale – L’altro me”.

L’innovazione tecnologica e lo sviluppo digitale, l’impatto in ambito politico ed informativo, le connotazioni di natura etica ed educativa: temi rilevanti, su cui si è espressa in più occasioni anche il Presidente del Senato. Non a caso Maria Elisabetta Alberti Casellati è stata invitata ad aprire i lavori del convegno “Gemello Digitale – L’altro me”, in programma il 25 settembre preso la Sala Zuccari. L’evento accompagna la cerimonia di consegna del Premio “Nostalgia di Futuro” 2019: nato in ricordo di Giovanni Giovannini, storico presidente FIEG, viene assegnato annualmente a ricercatori, imprese e studenti che si sono distinti per la creazione di start up progetti di informazione innovativi. In occasione dell’evento, gli studenti del liceo Pitagora-Croce di Torre Annunziata (Napoli) hanno donato al Presidente del Senato un’agenda per sensibilizzare i giovani verso tematiche sociali come la violenza su donne e minori. Nel suo intervento, Maria Elisabetta Alberti Casellati ha sottolineato come le applicazioni pratiche dell’intelligenza artificiale, per quanto essa possa portare benefici all’intera società e all’economia, stiano comunque sollevando problematiche giuridiche ed etiche e lo faranno sempre più in futuro: “Questioni che non possono essere affrontate in un ambito esclusivamente nazionale, con riguardo solo al rafforzamento del quadro normativo interno. Presuppongono invece una visione più ampia, di ordine sovranazionale, che si caratterizzi per un approccio alla materia, tale da rafforzare la fiducia dei cittadini nello sviluppo digitale”.

Intelligenza Artificiale: Maria Elisabetta Alberti Casellati evidenzia la necessità di norme e principi etici

Secondo Maria Elisabetta Alberti Casellati quindi solo se saprà essere ‘antropocentrica’ l’Intelligenza Artificiale potrà avere un futuro sostenibile e godere della fiducia dei cittadini: “Lo sviluppo digitale non è fine a se stesso ma è uno strumento a servizio delle persone ed ha come obiettivo ultimo quello di migliorare il benessere degli individui. Per queste ragioni non basta che le applicazioni dell’Intelligenza Artificiale rispettino la legge. Occorre invece che osservino principi etici e che le loro attuazioni pratiche non comportino danni indesiderati”. La Commissione, come ricordato dal Presidente del Senato, individua sette requisiti fondamentali dell’affidabilità delle applicazioni della AI. “A questo proposito vorrei soffermarmi su uno di questi in particolare: quello riferito all’intervento e alla sorveglianza dell’uomo, affinché i sistemi di Intelligenza Artificiale non ne riducano o limitino l’autonomia” ha sottolineato Maria Elisabetta Alberti Casellati, spiegando come “dovranno soprattutto essere sempre garantiti meccanismi di sorveglianza e di controllo gestiti dall’uomo, per prevenire danni o effetti negativi dei sistemi”.

Maria Elisabetta Alberti Casellati: il Presidente del Senato in visita in Trentino

Scritto da ecnewsoffice il . Pubblicato in Politica, Società

La visita istituzionale del Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati in Trentino: tra i diversi incontri istituzionali, anche un momento di raccoglimento alla Campana dei Caduti e il saluto ai genitori di Antonio Megalizzi.

Maria Elisabetta Alberti Casellati, Presidente del Senato

Bolzano accoglie Maria Elisabetta Alberti Casellati

In Trentino per una serie di impegni istituzionali, il Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati ha avuto modo anche di incontrare i genitori di Antonio Megalizzi, il giovane giornalista rimasto ucciso in un attentato a Strasburgo lo scorso 11 dicembre. Un fuori programma riportato da diverse testate: l’incontro infatti non era in agenda, ma il Presidente ha comunque voluto salutare i genitori del ragazzo e la sera del 25 luglio è andato a casa loro per manifestare la propria vicinanza. Durante la visita istituzionale, Maria Elisabetta Alberti Casellati ha fatto tappa a Bolzano, Trento e Rovereto. Il 25 luglio ha prima preso parte a un convegno organizzato dalla Camera di Commercio di Trento e di Bolzano con i rappresentanti delle categorie produttive ed economiche. Ha poi portato il proprio saluto ai rappresentanti della Federazione Trentina e Altoatesina della Cooperazione, sottolineando come la politica abbia il dovere di ascoltarne la voce, perché “è quella di chi ogni giorno si rimbocca le maniche per creare ricchezza e lavoro a beneficio di tutta la comunità“.

Maria Elisabetta Alberti Casellati a Trento e Rovereto

Il 26 luglio, il Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati era a Trento, dove ha preso parte alla cerimonia di intitolazione della sala “Giudice Rosario Livatino” presso il Palazzo di Giustizia di Trento. È inoltre intervenuta alle celebrazioni per il ventesimo anniversario istitutivo delle Sezioni Giurisdizionali della Corte dei Conti per il Trentino-Alto Adige che si è tenuta presso il Castello del Buonconsiglio. In questa occasione è stata insignita dell’Aquila di San Venceslao, la più alta onorificenza dell’autonomia trentina. Prima di salutare il Trentino, Maria Elisabetta Alberti Casellati ha inoltre voluto fare tappa a Rovereto per un momento di raccoglimento alla Campana dei caduti, sul colle di Miravalle. Un luogo altamente simbolico che “rappresenta la volontà e l’intelligenza nel costruire l’incentivo della Pace, della solidarietà e dei diritti umani“. Il Presidente ha inoltre voluto lasciare un lungo messaggio nel Libro d’onore della Campana.

I giovani a scuola di sostenibilità: Maria Elisabetta Alberti Casellati lancia il progetto

Scritto da ecnewsoffice il . Pubblicato in Istruzione, Politica

“Senato&Ambiente”: il Presidente Maria Elisabetta Alberti Casellati lancia una nuova iniziativa nelle scuole per sensibilizzare i giovani su ambiente e sostenibilità.

Maria Elisabetta Alberti Casellati

Senato&Ambiente: Maria Elisabetta Alberti Casellati promuove un progetto nelle scuole

“La sostenibilità è l’unica strada per preservare il futuro dei nostri giovani”: l’impegno del Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati in favore della tutela e della salvaguardia dei territori è evidente anche in queste parole, pronunciate lo scorso 5 giugno in occasione della Giornata Mondiale dell’Ambiente istituita dalle Nazioni Unite. Fin dall’inizio della sua Presidenza, Maria Elisabetta Alberti Casellati ha dato vita e promosso iniziative con lo scopo di sensibilizzare l’opinione su queste tematiche, anche rispetto al rischio del dissesto idrogeologico. Guarda in questa direzione anche il progetto realizzato con il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca, che il Presidente del Senato ha lanciato lo scorso 19 luglio: “Come avevo promesso pubblicamente in occasione del convegno con Greta Thunberg sui cambiamenti climatici, ho deciso di avviare “Senato&Ambiente”, un concorso rivolto alle scuole che punta a stimolare i ragazzi all’esercizio di una cittadinanza consapevole”. Le migliori idee e i migliori progetti a difesa dell’ambiente presentati dagli studenti delle scuole secondarie di secondo grado saranno premiati alla fine del prossimo anno scolastico 2019-2020. Alle classi vincitrici verrà inoltre chiesto di redigere una risoluzione da presentare in Senato.

Maria Elisabetta Alberti Casellati: il valore della sostenibilità e l’impegno per la tutela dell’ambiente

Di ambiente e sostenibilità il Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati aveva parlato anche lo scorso 5 giugno, in occasione della Giornata Mondiale dell’Ambiente voluta dalle Nazioni Unite: “Le istituzioni di tutto il mondo hanno una sola via percorribile: ispirare le politiche pubbliche ad una totale sostenibilità. Il tema è semplice: dobbiamo fare in modo che le future generazioni possano ricevere le stesse opportunità e le stesse risorse di quante ne abbiamo a disposizione oggi”. Il Presidente ha quindi sottolineato come “i tanti giovani scesi in piazza in tutto il mondo per difendere il pianeta, il loro futuro e quello di tutti noi costituiscano una grande speranza e una bellissima realtà”. Maria Elisabetta Alberti Casellati ha infine citato qualche dato, a sottolineare l’urgenza di interventi in ottica sostenibile: “L’ultimo allarme dell’Onu sullo stato dell’ambiente è molto chiaro: l’inquinamento atmosferico è la principale causa di malattie e provoca tra i 6 e i 7 milioni di morti premature all’anno, con perdite economiche stimate in 5 mila milioni di dollari”.

Senato: attività e iniziative promosse dal Presidente Maria Elisabetta Alberti Casellati

Scritto da ecnewsoffice il . Pubblicato in Politica

Il primo anno di Presidenza al Senato di Maria Elisabetta Alberti Casellati: l’impegno nel valorizzare ruolo e competenze del Senato, l’introduzione dei “sabati della Cultura”, le iniziative per sensibilizzare su ambiente, emergenza climatica e contrastare femminicidi e violenze domestiche.

Maria Elisabetta Alberti Casellati

Senato: l’elezione di Maria Elisabetta Alberti Casellati alla Presidenza e il primo anno di mandato

Dal 24 marzo 2018, eletta con 242 voti, ricopre la seconda carica dello Stato. Maria Elisabetta Alberti Casellati, prima donna nella storia del Paese alla Presidenza del Senato, si impegna per valorizzarne le competenze e il ruolo, anche nell’ottica di garantire la terzietà e la centralità del Parlamento nel nostro sistema costituzionale. La denatalità, il contrasto alla violenza di genere, la tutela delle fragilità sociali, gli effetti del dissesto idrogeologico e la diffusione della conoscenza del patrimonio artistico culturale italiano sono alcune delle tematiche su cui Maria Elisabetta Alberti Casellati si sta concentrando durante il suo mandato. Rilevante anche l’attività internazionale: in questi mesi il Presidente del Senato si è recato in visita in Kosovo, USA, Inghilterra, Libano, Russia e Francia.

Senato: l’impegno di Maria Elisabetta Alberti Casellati, Presidente dal 24 marzo 2018

Diverse le iniziative promosse da Maria Elisabetta Alberti Casellati in qualità di Presidente del Senato. Il suo interesse si è manifestato su più fronti: in ambito ambientale e sociale si è spesa per sensibilizzare l’opinione pubblica contro il climate change e i suoi effetti devastanti per il pianeta. I suoi numerosi viaggi in territori pesantemente afflitti da maltempo e disastri naturali l’hanno portata a richiedere l’istituzione di una Commissione Parlamentare d’inchiesta sul fenomeno del dissesto idrogeologico in modo da avere un quadro più preciso dei luoghi che necessitano di interventi in maniera più urgente al Parlamento. La consapevolezza è che un approccio emergenziale non basta: occorre prevenire. Sua poi l’idea di introdurre al Senato i “sabati della Cultura”, frutto di un protocollo d’intesa stipulato con la Rai che mira a valorizzare le “eccellenze italiane” di diversi settori attraverso eventi culturali. In prima linea contro femminicidi, violenze domestiche e di genere, Maria Elisabetta Alberti Casellati invoca una rivoluzione culturale fondata sul rispetto per la donna, perché “le leggi non bastano se le menti non cambiano”. E per contrastare la denatalità, il Presidente si è più volte espresso sulla necessità di varare un piano straordinario per il rilancio demografico, finalizzato a invertire la rotta.

Maria Elisabetta Alberti Casellati: l’incontro in Senato con la Nazionale di calcio femminile

Scritto da ecnewsoffice il . Pubblicato in Calcio, Italia

Maria Elisabetta Alberti Casellati incontra nel Cortile d’Onore di Palazzo Madama la Nazionale di calcio femminile, in partenza per i Mondiali di Francia.

Maria Elisabetta Alberti Casellati

La Nazionale di calcio femminile in Senato: l’augurio di Maria Elisabetta Alberti Casellati alle “azzurre”

“Il calcio italiano rinascerà attraverso le donne”: il Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati lo aveva sottolineato lo scorso 15 maggio, annunciando durante la Finale di Coppa Italia che avrebbe ricevuto in Senato la Nazionale di calcio femminile prima della partenza per i Mondiali di Francia, al via il 7 giugno. E lo scorso 1° giugno le “azzurre”, insieme al Presidente della Figc Gabriele Gravina, al commissario tecnico Milena Bertolini, alla Vicepresidente della Lega Pro Cristiana Capotondi e agli altri componenti dello staff, sono state accolte dal Presidente nel Cortile d’Onore di Palazzo Madama. “Per troppo tempo questo sport è stato considerato prerogativa degli uomini – ha fatto notare Maria Elisabetta Alberti CasellatiOggi invece è stato superato uno degli ultimi pregiudizi che segna un ulteriore passaggio nel cammino di emancipazione della donna. Attorno al movimento calcistico femminile c’è grande fermento, grandi aspettative”.

Senato: al Presidente Maria Elisabetta Alberti Casellati la maglia numero 10 della Nazionale di calcio

“L’augurio che esprimo è che questa partecipazione ai Mondiali rappresenti un punto di partenza e non di arrivo per il movimento calcistico femminile”: rivolgendosi alle ragazze della Nazionale di calcio, Maria Elisabetta Alberti Casellati ha definito il calcio “uno sport meraviglioso e ispirato a valori come altruismo, lealtà, rispetto delle regole”. Il Presidente del Senato ha quindi evidenziato come, nel nostro Paese, oltre a rappresentare “un’importante industria”, il calcio sia “uno straordinario protagonista sociale capace di accendere i cuori e il senso di appartenenza”. “Restituiamogli questa dimensione e avremo già vinto” ha detto Maria Elisabetta Alberti Casellati alle “azzurre”, che hanno donato al Presidente una maglia personalizzata con il numero 10, autografata da loro.

Maria Elisabetta Alberti Casellati: il giornalismo è baluardo della democrazia

Scritto da ecnewsoffice il . Pubblicato in Opinioni / Editoriale, Politica

“Il giornalismo svolto con rigore e coraggio è baluardo della democrazia”: nelle parole del Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati si riflette l’importanza della Giornata Mondiale della Libertà di Stampa, istituita dalle Nazioni Unite nel 1993.

Maria Elisabetta Alberti Casellati

Giornata Mondiale della Libertà di Stampa: il pensiero di Maria Elisabetta Alberti Casellati

In occasione della XXVI Giornata Mondiale della Libertà di Stampa, il Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati ne ha sottolineato il valore: “Il giornalismo, quando è svolto con rigore e con coraggio, rappresenta un baluardo di democrazia, di legalità, di resistenza alle mafie, alla corruzione e, di conseguenza, al degrado sociale, politico ed economico”. Oltre a proporsi come monito per i governi sull’importanza di sostenere e fare rispettare la libertà di parola, la Giornata Mondiale della libertà dell’informazione è stata indetta nel 1993 dalle Nazioni Unite anche per ricordare i giornalisti che hanno perso la vita e quanti vengono minacciati da chi invece tenta di ostacolare la ricerca della verità, come ha sottolineato in una nota il Presidente Maria Elisabetta Alberti Casellati lo scorso 3 maggio.

Il Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati: il valore della libertà di stampa

“Il mio pensiero, in questa giornata, non può che andare a tutti quei cronisti che nella ricerca della verità dei fatti hanno subito e subiscono ogni giorno i soprusi e le ritorsioni fisiche e morali di chi vorrebbe limitare la libertà di stampa e il diritto di cronaca”: così il Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati nel corso della XXVI Giornata Mondiale della Libertà di Stampa. “A tutti loro, e a tutti i giornalisti che quotidianamente fanno da “sentinelle della verità” dando un grande contributo al Paese – ha aggiunto il Presidente del Senato – va il mio sostegno e l’impegno a supportare tutte le voci dell’informazione con gli strumenti istituzionali a disposizione”: l’auspicio di Maria Elisabetta Alberti Casellati è che “questa professione possa continuare ad essere esercitata in libertà e in condizioni di lavoro ottimali”.

25 aprile: l’intervento del Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati

Scritto da ecnewsoffice il . Pubblicato in Opinioni / Editoriale, Politica

“La Festa della speranza, della civiltà”: il Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati, a Padova per celebrare il settantaquattresimo anniversario della Liberazione, ne sottolinea il valore.

Maria Elisabetta Alberti Casellati

Senato: il Presidente Maria Elisabetta Alberti Casellati a Padova per le celebrazioni del 25 aprile

“Il 25 aprile è e deve essere, soprattutto, una Festa. La Festa della speranza, della civiltà. La Festa di tutti coloro che credono nei principi del nostro Stato di diritto e che si riconoscono nella comunità internazionale e nei valori che li ispirano”: il Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati lo ha sottolineato intervenendo a Palazzo Moroni, a Padova, per le celebrazioni della Liberazione. “È la Festa di chi ha creduto nella rinascita del nostro Paese e nell’Europa come fulcro di pace tra i popoli e di benessere sociale” ha aggiunto il Presidente focalizzandosi sul valore di “Festa e Liberazione, due parole bellissime che insieme assumono per tutti noi il valore insopprimibile della libertà, dei diritti umani, sociali, politici”. Nel suo intervento Maria Elisabetta Alberti Casellati ha parlato anche dell’insegnamento del padre: “Appartenente alla Polizia di Stato, fu condannato a morte dal regime e liberato proprio il 25 aprile del 1945. Non ebbe mai dubbio alcuno. La sua fedeltà allo Stato, all’Italia, non gli permise di piegarsi e accettare disposizioni che andassero contro i cittadini. Il suo ricordo, il suo esempio, fu per me e per i miei fratelli la migliore educazione alla tolleranza, alla libertà, al rispetto degli altri, alla pace”.

Maria Elisabetta Alberti Casellati dedica ai giovani la Festa della Liberazione

Nel suo discorso a Palazzo Moroni, Maria Elisabetta Alberti Casellati ha dedicato la Festa della Liberazione ai giovani, ricordando l’impegno dell’Università di Padova, “insignita per la sua indomita lotta della Medaglia d’oro al valore militare”. E “con il pensiero rivolto a quella gioventù universitaria”, il Presidente del Senato ha precisato l’intenzione di “dedicare la ricorrenza che celebriamo oggi ai giovani, a coloro che rappresentano il presente ed il futuro di questa città e dell’intera Nazione”. Maria Elisabetta Alberti Casellati ha spiegato come quella della Liberazione debba essere “innanzitutto la loro Festa, perché i valori che ispirarono i giovani in quelle drammatiche fasi sono gli stessi valori posti a fondamento della nostra Costituzione e della vita dell’intera comunità nazionale”. “Tramandare la storia alle future generazioni è doveroso affinché le tragedie vissute non possano più ripetersi” ha concluso il Presidente del Senato.