Posts Tagged ‘Margherita Hack’

Agenzia Promoter: il commosso ricordo di Antonino Zichichi su Margherita Hack

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Cultura

Davvero significativo il commento pronunciato dall’illustre scienziato Antonino Zichichi nell’affettuoso ricordo della cara amica e collega Margherita Hack, sua “rivale simbolica” che ha definito una donna dotata di grande onestà intellettuale.

Anche in occasione della loro partecipazione in conferenza nel contesto del Festival Artistico Letterario “Cultura Milano.it” ideato e organizzato dal manager Salvo Nugnes Direttore diAgenzia Promoter, entrambi facendo riferimento l’uno all’altra hanno espresso elogi con sincera stima e ammirazione reciproche, dimostrando di essere in ottimi rapporti e di aver instaurato una solida amicizia.

Lui ha dichiarato, che attraverso la scienza si è convinto dell’esistenza di Dio, lei è rimasta tenacemente atea fino all’ultimo anelito di vita. Ma, seppur così diversi nel modus pensandi et operandi nell’ambito della ricerca scientifica, nonostante tutto si sono sempre profondamente rispettati.

Zichichi descrivendo un episodio di incontro avvenuto con la Hack nel 1998 ha raccontato “ho accettato l’invito dell’arcivescovo Botticelli a un convegno a Siena, in cui era previsto il mio intervento e successivamente quello della Hack. Ho espresso la mia teoria affermando, che se fosse possibile dimostrare l’esistenza di Dio per via di una serie di ricerche rigorosamente scientifiche, Dio sarebbe l’equivalente di una grande scoperta scientifica. La Hack ha commentato dicendo che se quella era la verità lei preferiva il nulla. Ritengo, che con queste parole abbia dimostrato di possedere una grossa onestà intellettuale. Non è affatto facile nel nostro ambiente trovare delle persone del genere“.

 

ALESSANDRA TUROLLI DEDICA UN’OPERA ALLA MITICA PROF.SSA MARGHERITA HACK SCOMPARSA DA POCO

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

29 Giugno 2013, l’Italia piange per la morte della Prof.ssa Margherita Hack, straordinaria astrofisica e divulgatrice scientifica, nonché donna dall’incredibile personalità. La stella più brillante dell’Universo, si è spenta improvvisamente dopo una settimana di ricovero all’Ospedale di Cattinara a Trieste. La cosiddetta “amica delle stelle” ci ha lasciati a poche settimane dal suo compleanno e la nota artista bergamasca Alessandra Turolli aveva da poco realizzato una speciale opera d’arte dedicata a lei, in esposizione, assieme a una vasta selezione di quadri della sua produzione artistica, presso la storica galleria “Milano Art Gallery” a Milano, dal 27 Giugno al 15 Luglio. La mostra personale è organizzata niente meno che dall’amico manager della Hack, Salvo Nugnes, Direttore di Agenzia Promoter, che aveva festeggiato con lei i suoi 91 anni presso la sua abitazione, assieme ai suoi cari.

Presentati i libri Sotto una cupola stellata e Sapori dal Mondo

Scritto da Daniele79 il . Pubblicato in Libri

La scienza e la religione, i suoi rapporti con gli altri saperi e, in un quadro ancora più ampio, la scienza e la società.

Se ne è parlato martedì 12 marzo, in una sala consiliare gremita, alla presentazione dei libri “Sotto una cupola stellata”, dell’astrofisica Margherita Hack e dell’esperto di comunicazione interdisciplinare Marco Santarelli, e “Sapori dal Mondo”, di Giovanna D’Angelo.

L’incontro è stato organizzato dall’IIS “Vincenzo Cardarelli”, in collaborazione con l’associazione Panta Rei e l’Assessorato alla Pubblica Istruzione del Comune di Tarquinia. A fare gli onori di casa il sindaco Mauro Mazzola, l’assessore Sandro Celli e il dirigente scolastico Laura Piroli che ha introdotto l’evento. «Per noi – ha affermato nel suo discorso iniziale – è un onore oggi avere questi importanti ospiti. Ringrazio vivamente il Comune, per la collaborazione e l’ospitalità, e soprattutto la professoressa Anna Maria Vinci che ha voluto e organizzato questo incontro».

Santarelli, in sala, e Hack, collegata in video-conferenza, hanno raccontato il loro libro, dialogando con gli studenti, con il professor Giordano Bruno, direttore dell’ISIA (Istituto Superiore per le Industrie Artistiche) di Roma, e con Pierluigi Pirandello, nipote dello scrittore Luigi e figlio di Fausto, pittore della Scuola Romana. «Questo libro, l’ultimo di quattro scritti con Hack, è nato per far comprendere che, oltre ogni tipo di potere, tutti noi siamo chiamati a un forte senso di responsabilità», ha spiegato Santarelli, per poi aggiungere che «è indispensabile introdurre l’insegnamento d’internet nelle scuole, perché la rete è un’opportunità ma anche un rischio».

Hack, in collegamento skype dal suo studio, ha risposto alle domande su scienza e fede, «nata quest’ultima proprio per rispondere agli interrogativi cui la prima non può dare spiegazioni», ma anche sul rapporto tra scienza e arte, «profondamente legate l’una all’altra», come ha anche sottolineato Pirandello che si è detto «profondamente emozionato di parlare nella città del poeta Cardarelli e dove ha vissuto il grande artista cileno Sebastian Matta».

Il professor Bruno, nel suo intervento, ha evidenziato che «nel mondo della scienza non esistono verità assolute e il sapere deva essere condiviso con fasce di popolazione sempre più ampie».

Santarelli, infine, ha posto l’accento sull’aspetto interdisciplinare che deve avere il sapere e sulla necessità del confronto tra tutte le branche della scienza, «per questo abbiamo voluto presentare oggi anche Sapori dal Mondo, una raccolta di ricette etniche nata da un progetto di recupero sociale dell’associazione “On The Road” per donne in difficoltà».

TREVISO – MARGHERITA HACK OSPITE IN CONFERENZA SUL TEMA “IO CREDO. RIFLESSIONI SU SCIENZA ED ETICA” CON L’ORGANIZZAZIONE DI AGENZIA PROMOTER

Scritto da AgenziaPromoter il . Pubblicato in Comunicati Stampa

Venerdì 15 Marzo 2013, alle ore 18.00, Margherita Hack sarà ospite, in conferenza, dal titolo “Io credo. Riflessioni su Scienza ed Etica” presso l’Auditorium Pio X, in Borgo Cavour 40, a Treviso. L’evento, ad ingresso libero, sarà coordinato da Salvo Nugnes, Direttore di Agenzia Promoter.

Durante l’incontro, la nota scienziata astrofisica, esprimerà le sue considerazioni, sui valori fondamentali che, orientano l’azione umana e sui temi, del vivere quotidiano: il senso della Fede, l’Etica, il significato del progresso, il futuro delle nuove generazioni, l’emancipazione femminile, le forme dell’amore, la vita, la morte, l’impegno civile, le questioni ambientali e sociali, il lavoro, la giustizia, il vegetarianismo, la campagna animalista. Inoltre, si parlerà, di argomenti di forte attualità e rilevanza, come il testamento biologico, l’eutanasia, la situazione politica, il potere della Chiesa e la nomina del nuovo Pontefice e verrà dato ampio spazio, anche ad un vivace dibattito, con il pubblico presente.

Per Hack afferma “Io credo, nella libertà e nella giustizia. La mia filosofia, si riassume nel non fare agli altri, ciò che, non vorresti fosse fatto a te e nell’amare il prossimo tuo, come te stesso che, è un principio che, vale per tutti, atei e credenti, perché l’Etica, nasce dalla coscienza, non dalla religione. Quindi, sento il dovere etico, di andare incontro, a chi è più debole, più povero, più sofferente. Bisogna muoversi, per la conoscenza, per l’Etica e per il rispetto del prossimo“.

E aggiunge “Sono sempre stata atea. Non credo, ci sia un aldilà. L’atomo di idrogeno è, praticamente, immortale e le molecole che, oggi sono Margherita Hack, si sparpaglieranno nell’atmosfera, serviranno a costruire altre persone o altri oggetti, chissà. Ma, io non ci sarò più. Vedo il cervello, come un hardware e l’anima, come un software che, non gli sopravvive. La morte, non mi fa paura, la perdita dell’autosufficienza e l’accanimento terapeutico, sì“.

Per la Professoressa, la Scienza deve lavorare, per la ricerca delle leggi che, regolano l’universo. Certamente, è l’applicazione della Scienza che, deve essere etica, cioè deve servire, al benessere dei viventi e non, alla loro distruzione. La Scienza in sé, va a scoprire le leggi che, regolano il nostro corpo e il mondo. Quando, si ha a che fare con le stelle, l’Etica c’entra poco, riguarda altre materie, medicina e scienze applicate.

GRANDE EVENTO A TREVISO: MARGHERITA HACK IN CONFERENZA PRESSO L’AUDITORIUM PIO X A TREVISO CON L’ORGANIZZAZIONE DI AGENZIA PROMOTER

Scritto da AgenziaPromoter il . Pubblicato in Comunicati Stampa

Venerdì 15 Marzo 2013, alle ore 18.00, la Professoressa Margherita Hack, terrà una conferenza sul tema “Io credo. Riflessioni su Scienza ed Etica” presso l’Auditorium Pio X, in Borgo Cavour 40, a Treviso, affiancato  da Salvo Nugnes, Direttore di Agenzia Promoter. L’evento è ad ingresso libero, fino a esaurimento posti. La grande scienziata, studiosa di stelle e di universo, è una saggia pensatrice, senza l’egocentrismo tipico degli intellettuali e un’attenta osservatrice dei tempi moderni e delle evoluzioni sociali.

In riferimento alla posizione dell’uomo nel cosmo, spiega “Diciamo che, l’uomo è il prodotto dell’evoluzione dell’universo. L’essere umano, come tutti i viventi, è il prodotto dell’evoluzione, della zuppa di particelle elementari. Da qui, tali particelle, gli elementi e le stelle, hanno prodotto le condizioni necessarie per costruire pianeti e tutto ciò che c’è sui pianeti. L’intelligenza è una cosa straordinaria, probabilmente, ci saranno altre specie nell’universo che hanno sviluppato questa capacità nostra o magari superiore. Certamente, per esempio, non si capisce bene come mai c’è questa grande differenza tra il cervello umano e quello della scimmia che hanno gran parte del DNA uguale“.

Sul vegetarianismo e sulla campagna animalista, da lei sempre sostenuta, dichiara “La carne è piena di agenti inquinanti. Il maggior inquinamento, viene proprio dagli allevamenti intensivi. Molti non sanno nemmeno le enormi sofferenze a cui sono sottoposti gli animali oggi, specie negli allevamenti intensivi e nei macelli. Se lo sapessero, molti rinuncerebbero o ridurrebbero l’alimentazione carnivora. Le tradizioni sono sempre dure a morire ma, certamente, si parla, comunque, di un’etica non rivolta ai soli uomini ma, anche, alle altre specie, a tutti gli esseri viventi“.

Da sempre atea convinta, la Hack ritiene che tanti credono perché ci sono molteplici cose che la Scienza non sa spiegare e, forse, non potrà mai farlo. La Scienza scopre il come, ma il perché rimane un mistero. Sia il credente, sia il non credente, non possono dimostrare, scientificamente, l’esistenza o la non esistenza di Dio e quindi non ci resta che un atteggiamento laico.