Posts Tagged ‘Margherita Hack’

Omaggio a Margherita Hack: il Manager Salvo Nugnes instituisce il “Premio Margherita Hack” in ricordo della grande scienziata e astrofisica

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

È stato recentemente istituito il “Premio Margherita Hack”, ideato dal manager Salvo Nugnes, in ricordo della straordinaria amica scienziata e astrofisica, che ha lasciato un segno indelebile nella storia italiana.

Il prestigioso riconoscimento è diviso più categorie e verrà assegnato a chi si è particolarmente distinto nel campo della scienza, dei diritti civili, della cultura, del sociale, dell’impegno animalista e dell’arte. I vincitori saranno premiati da un comitato di esperti e intellettuali italiani, presieduto dal sociologo Prof. Francesco Alberoni, durante una cerimonia di consegna d’eccezione, prevista per Domenica 28 Settembre 2014, alle ore 11.00 circa, presso lo storico e monumentale Palazzo Falier, a Venezia. Sono già stati svelati i primi due giurati illustri: il noto critico d’arte Prof. Vittorio Sgarbi e il fondatore della Comunità Exodus Don Mazzi.

“Vogliamo mantenere sempre viva la memoria su quanto ha fatto per noi Margherita, nei tanti anni di studi e ricerche. Con esperta conoscenza in materia ci ha offerto il frutto dei suoi sacrifici” afferma l’organizzatore e prosegue “Ha speso l’intera vita, dimostrando un’autentica propensione e ha sempre conservato una spontanea modestia, un’umiltà profonda, una semplicità radicata, che le hanno permesso di rimanere una persona schietta e verace, di non scendere mai a compromessi e di guadagnarsi la stima e il rispetto di tutti”.

In occasione del primo anniversario dalla scomparsa della stimata professoressa, Alberoni, Sgarbi, Don Mazzi e Nugnes hanno da poco tenuto un incontro in sua memoria, nel contesto del rinomato Spazio Culturale “Milano Art Gallery”, evento inserito nel Festival Artistico Letterario “Cultura Milano”.

Al premio Margherita Hack Francesco Alberoni presidente di giuria. Con lui noti personaggi come il Prof. Vittorio Sgarbi e Don Mazzi

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

È stato recentemente istituito il “Premio Margherita Hack”, ideato dal manager Salvo Nugnes, in ricordo della straordinaria amica scienziata e astrofisica, che ha lasciato un segno indelebile nella storia italiana.

Il prestigioso riconoscimento è diviso più categorie e verrà assegnato a chi si è particolarmente distinto nel campo della scienza, dei diritti civili, della cultura, del sociale, dell’impegno animalista e dell’arte. I vincitori saranno premiati da un comitato di esperti e intellettuali italiani, presieduto dal sociologo Prof. Francesco Alberoni, durante una cerimonia di consegna d’eccezione, prevista per Domenica 28 Settembre 2014, alle ore 11.00 circa, presso lo storico e monumentale Palazzo Falier, a Venezia. Sono già stati svelati i primi due giurati illustri: il noto critico d’arte Prof. Vittorio Sgarbi e il fondatore della Comunità Exodus Don Mazzi.

“Vogliamo mantenere sempre viva la memoria su quanto ha fatto per noi Margherita, nei tanti anni di studi e ricerche. Con esperta conoscenza in materia ci ha offerto il frutto dei suoi sacrifici” afferma l’organizzatore e prosegue “Ha speso l’intera vita, dimostrando un’autentica propensione e ha sempre conservato una spontanea modestia, un’umiltà profonda, una semplicità radicata, che le hanno permesso di rimanere una persona schietta e verace, di non scendere mai a compromessi e di guadagnarsi la stima e il rispetto di tutti”.

In occasione del primo anniversario dalla scomparsa della stimata professoressa, Alberoni, Sgarbi, Don Mazzi e Nugnes hanno da poco tenuto un incontro in sua memoria, nel contesto del rinomato Spazio Culturale “Milano Art Gallery”, evento inserito nel Festival Artistico Letterario “Cultura Milano”.

Alla Milano Art Gallery si terrà una mostra di Giuseppe Santonocito che farà da cornice in occasione dell’incontro in ricordo di Margherita Hack con Alberoni, Don Mazzi, Sgarbi e Salvo Nugnes

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

Lo storico Spazio Culturale “Milano Art Gallery” sito in via G. Alessi 11, a Milano (fine Corso Genova), fino al 9 Agosto 2014, ospita la mostra personale “Ispirazione onirica” dell’eclettico pittore Giuseppe Santonocito.
Inaugurata, lo scorso 9 Luglio, con un’interessante conferenza dell’Assessore alla Cultura di Milano Filippo Del Corno e del noto psichiatra Alessandro Meluzzi, in data Giovedì 31 Luglio ha fatto da suggestiva cornice ad un altro grande evento: un incontro commemorativo in ricordo della straordinaria scienziata e astrofisica Margherita Hack. Ospiti dello speciale appuntamento, il sociologo di fama mondiale Francesco Alberoni e il fondatore della Comunità Exodus Don Mazzi, che assieme al relatore e organizzatore Salvo Nugnes, hanno parlato del prezioso contributo dell’“amica delle stelle” nella storia della scienza e della cultura italiana.

Tutti i presenti hanno potuto ammirare le oniriche opere di Santonocito e complimentarsi direttamente con il talentuoso artista, sotto i riflettori dei media anche per la sua recente partecipazione alle mostre di “Spoleto Arte” curate da Vittorio Sgarbi. “Curiosa la visione cosmica di Giuseppe Santonocito, che impone macchine e sistemi geometrici in uno spazio cosmico stellato, sottratto. Ma quanto gioco c’è in queste invenzioni come -Ring- per contenere le energie della natura?” dichiara il professore e prosegue “L’arte contemporanea può ripetersi all’infinto, mantenendo una coincidenza tra immagine e stile e da questo punto di vista, Santonocito è perfettamente contemporaneo”.

Incontro in onore di Margherita Hack alla Milano Art Gallery con la presenza d’eccezione di Sgarbi, Alberoni, Don Mazzi e altri illustri ospiti

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

Giovedì 31 Luglio 2014, il prestigioso Spazio Culturale “Milano Art Gallery” (via G. Alessi 11, fine Corso Genova) a Milano, è stata la cornice di un emozionante incontro in memoria della famosa “amica delle stelle” Margherita Hack. A ricordarla nel simbolico anniversario del primo anno dalla morte, due personalità illustri: il sociologo di fama mondiale Francesco Alberoni e il fondatore della Comunità Exodus, Don Mazzi, che assieme all’organizzatore e relatore Salvo Nugnes, amico affezionato della Hack, hanno parlato della straordinaria vita per la scienza condotta questa donna così speciale e singolare.

La conferenza era inserita nel ricco calendario di “Cultura Milano” il Festival Artistico Letterario, al quale ha partecipato diverse volte la rinomata scienziata e astrofisica, ideato con l’obiettivo di rendere la cultura accessibile a tutti. Gli incontri ospitano personaggi noti del mondo dell’arte, della cultura e dello spettacolo, del calibro di Bruno Vespa, Umberto Veronesi, Vittorio Sgarbi, Corrado Augias, Margaret Mazzantini, Mogol, Piero Chiambretti, Antonino Zichichi, Katia Ricciarelli, Patty Pravo e molti altri.

Tra le numerose significative riflessioni della professoressa, ricordiamo come “L’astronomia ci ha insegnato che non siamo il centro dell’Universo, come si è pensato a lungo e come qualcuno ci vuol far pensare anche oggi. Siamo solo un minuscolo pianeta attorno a una stella molto comune. Noi stessi, esseri intelligenti, siamo il risultato dell’evoluzione stellare, siamo fatti della materia degli astri”.

L’organizzatore spiega “Vogliamo mantenere sempre viva la memoria su quanto ha fatto per noi Margherita, nei tanti anni di studi e ricerche. Con esperta conoscenza in materia ci ha offerto il frutto dei suoi sacrifici. Ha speso l’intera vita, dimostrando un’autentica propensione e ha sempre conservato una spontanea modestia, un’umiltà profonda, una semplicità radicata, che le hanno permesso di rimanere una persona schietta e verace, di non scendere mai a compromessi e di guadagnarsi la stima e il rispetto di tutti, oltre ad un’ammirazione fortissima per l’innata genialità”. E prosegue aggiungendo “È un vero modello ad esempio anche per le generazioni più giovani, che la adorano e non hanno mai perso l’occasione di venire a sentire la sue coinvolgenti lectio magistralis quando è stata ospite più volte presso la -Milano Art Gallery- e in altre location, in cui l’abbiamo convogliata in conferenza”.

Alberoni, Sgarbi e Don Mazzi in conferenza per onorare l’amica delle stelle Margherita Hack alla Milano Art Gallery con l’organizzazione di Salvo Nugnes

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

La storica galleria milanese “Milano Art Gallery” in via G. Alessi 11 (alla fine di Corso Genova, a sinistra), si prepara ad ospitare un evento celebrativo in omaggio simbolico alla grande scienziata Margherita Hack, nell’anniversario del primo anno dalla sua scomparsa.

L’iniziativa si terrà in data Giovedì 31 Luglio, dalle ore 18.30, e vedrà la presenza del sociologo di fama mondiale Francesco Alberoni, di Don Mazzi, fondatore della Comunità Exodus, e di altri personaggi. A fare da relatore, l’amico e organizzatore Salvo Nugnes, che tiene con particolare e affettuosa premura a questo appuntamento in memoria dell’esimia professoressa, più volte intervenuta nel contesto della “Milano Art Gallery” per parlare in conferenza, accolta dal caloroso entusiasmo del nutrito pubblico.

Durante l’incontro, inserito nel ricco calendario del Festival Artistico Letterario “Cultura Milano”, ci sarà anche occasione per intavolare un vivace dibattito aperto, dove poter esprimere liberamente le riflessioni e i pensieri su questa straordinaria donna dall’incredibile genialità.

Nel ricordarla Nugnes sottolinea “Margherita ha lasciato un segno ben tangibile e radicato del consistente contributo dato alla scienza e all’astrofisica a livello mondiale. E’ stata una scienziata e una studiosa di altissima risonanza, ma anche un modello di donna davvero speciale, con un carattere pieno di vitalità, una simpatia accattivante e un innato carisma, capace di conquistare tutti indistintamente, di qualunque età e status sociale e culturale”.

Milano Art Gallery: evento in onore di Margherita Hack con Francesco Alberoni, Don Antonio Mazzi e con l’organizzata dal manager Salvo Nugnes

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

La storica “Milano Art Gallery” in via Alessi 11, fine di Corso Genova, a Milano, sarà la cornice ospitante di un grande evento commemorativo dedicato alla famosa scienziata Margherita Hack, per ricordarla nel simbolico anniversario del primo anno dalla morte. L’iniziativa, organizzata dal relatore Salvo Nugnes, amico affezionato della straordinaria “amica delle stelle” si svolgerà in data Giovedì 31 Luglio, alle ore 18.30, con un parterre di interventi di personalità illustri, a testimonianza del ricordo indelebile lasciato da questa donna così speciale. In particolare, daranno il loro prezioso contributo durante il dibattito aperto in stile conferenza, il sociologo di fama mondiale Francesco Alberoni e il fondatore della Comunità Exodus Don Antonio Mazzi.

Nello spiegare la finalità primaria dell’incontro, l’organizzatore sottolinea “Vogliamo mantenere sempre viva la memoria su quanto ha fatto per noi Margherita, nei tanti anni di studi e ricerche. Con esperta conoscenza in materia ci ha offerto il frutto dei suoi sacrifici. Ha speso l’intera vita, dimostrando un’autentica propensione e ha sempre conservato una spontanea modestia, un’umiltà profonda, una semplicità radicata, che le hanno permesso di rimanere una persona schietta e verace, di non scendere mai a compromessi e di guadagnarsi la stima e il rispetto di tutti, oltre ad un’ammirazione fortissima per l’innata genialità”. E prosegue aggiungendo “È un vero modello ad esempio anche per le generazioni più giovani, che la adorano e non hanno mai perso l’occasione di venire a sentire la sue coinvolgenti lectio magistralis quando è stata ospite più volte presso la -Milano Art Gallery- e in altre location, in cui l’abbiamo convogliata in conferenza”.

Tra le tante frasi incisive da lei pronunciate con la tipica cadenza toscana, che la rendeva molto carismatica e accattivante e che ancora oggi riecheggiano con vigorosa energia, spicca quella con cui rimarcava, quasi come volesse fare un testamento spirituale “Penso alla ciclicità delle mie molecole, pronte a sopravvivermi, a ritornare in circolo girovagando per l’atmosfera e non provo tristezza. Ci sono stata, qualcuno si ricorderà di me e se così non fosse, non importa”.

Milano Art Gallery: evento in onore di Margherita Hack con Francesco Alberoni e Don Antonio Mazzi

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

La storica “Milano Art Gallery” in via Alessi 11, fine di Corso Genova, a Milano, sarà la cornice ospitante di un grande evento commemorativo dedicato alla famosa scienziata Margherita Hack, per ricordarla nel simbolico anniversario del primo anno dalla morte. L’iniziativa, organizzata dal relatore Salvo Nugnes, amico affezionato della straordinaria “amica delle stelle” si svolgerà in data Giovedì 31 Luglio, alle ore 18.30, con un parterre di interventi di personalità illustri, a testimonianza del ricordo indelebile lasciato da questa donna così speciale. In particolare, daranno il loro prezioso contributo durante il dibattito aperto in stile conferenza, il sociologo di fama mondiale Francesco Alberoni e il fondatore della Comunità Exodus Don Antonio Mazzi.

Nello spiegare la finalità primaria dell’incontro, l’organizzatore sottolinea “Vogliamo mantenere sempre viva la memoria su quanto ha fatto per noi Margherita, nei tanti anni di studi e ricerche. Con esperta conoscenza in materia ci ha offerto il frutto dei suoi sacrifici. Ha speso l’intera vita, dimostrando un’autentica propensione e ha sempre conservato una spontanea modestia, un’umiltà profonda, una semplicità radicata, che le hanno permesso di rimanere una persona schietta e verace, di non scendere mai a compromessi e di guadagnarsi la stima e il rispetto di tutti, oltre ad un’ammirazione fortissima per l’innata genialità”. E prosegue aggiungendo “È un vero modello ad esempio anche per le generazioni più giovani, che la adorano e non hanno mai perso l’occasione di venire a sentire la sue coinvolgenti lectio magistralis quando è stata ospite più volte presso la -Milano Art Gallery- e in altre location, in cui l’abbiamo convogliata in conferenza”.

Tra le tante frasi incisive da lei pronunciate con la tipica cadenza toscana, che la rendeva molto carismatica e accattivante e che ancora oggi riecheggiano con vigorosa energia, spicca quella con cui rimarcava, quasi come volesse fare un testamento spirituale “Penso alla ciclicità delle mie molecole, pronte a sopravvivermi, a ritornare in circolo girovagando per l’atmosfera e non provo tristezza. Ci sono stata, qualcuno si ricorderà di me e se così non fosse, non importa”.

“Milano Art Gallery”: Margherita Hack ricordata in un evento straordinario da Francesco Alberoni, Don Mazzi, Salvo Nugnes e altre personalità

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

La storica galleria milanese “Milano Art Gallery”, in via G. Alessi 11 (alla fine di Corso Genova), si prepara ad ospitare un evento celebrativo in omaggio simbolico alla grande scienziata Margherita Hack, nell’anniversario del primo anno dalla sua scomparsa.

L’iniziativa si terrà in data Giovedì 31 Luglio, dalle ore 18.30, e vedrà la presenza del sociologo di fama mondiale Francesco Alberoni, di Don Mazzi, fondatore della Comunità Exodus, e di altri personaggi. A fare da relatore, l’amico e organizzatore Salvo Nugnes, che tiene con particolare e affettuosa premura a quest’appuntamento in memoria dell’esimia professoressa, più volte intervenuta nel contesto della “Milano Art Gallery” per parlare in conferenza, accolta dal caloroso entusiasmo del nutrito pubblico.

Durante l’incontro, inserito nel ricco calendario del Festival Artistico Letterario “Cultura Milano”, ci sarà anche occasione per intavolare un vivace dibattito aperto, dove poter esprimere liberamente le riflessioni e i pensieri su questa straordinaria donna dall’incredibile genialità.

Nel ricordarla Nugnes sottolinea “Margherita ha lasciato un segno ben tangibile e radicato del consistente contributo dato alla scienza e all’astrofisica a livello mondiale. E’ stata una scienziata e una studiosa di altissima risonanza, ma anche un modello di donna davvero speciale, con un carattere pieno di vitalità, una simpatia accattivante e un innato carisma, capace di conquistare tutti indistintamente, di qualunque età e status sociale e culturale”.

Milano Art Gallery: La mostra di Giuseppe Santonocito straordinaria cornice dell’evento in ricordo di Margherita Hack organizzato dall’amico Salvo Nugnes

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

In virtù degli ottimi riscontri a favore ottenuti, la mostra “Ispirazione onirica” del noto pittore Giuseppe Santonocito, organizzata dal manager Salvo Nugnes, sarà prolungata fino al 9 Agosto, all’interno della storica “Milano Art Gallery” in via Alessi 11, fine Corso Genova, Milano. L’originale personale, che presenta tutti dipinti ispirati all’Universo cosmico e al mondo onirico, farà da splendida cornice artistica all’evento commemorativo in ricordo della straordinaria professoressa Margherita Hack, che si terrà in data giovedì 31 luglio 2014, alle ore 18.30. Durante l’incontro, che coincide con il compleanno simbolico del prestigioso spazio culturale milanese, l’amico Nugnes e alcuni noti personaggi del mondo della cultura, porteranno il loro messaggio in omaggio dell’indimenticabile astrofisica e scienziata.

Per Santonocito l’arte è considerata come una forma di servizio, uno strumento prezioso di conoscenza, che può manifestarsi soltanto acquisendo vera e autentica conoscenza di sé, da poter condividere nel confronto con gli altri. In quest’accorata volontà di condivisione, le opere sono orientate a testimoniare l’intento filosofico e rigenerativo del loro contenuto sostanziale, in forza del quale la loro essenza è trasformata in opportunità d’innalzamento ed elevazione interiore.

Dalle riflessioni dell’organizzatore trapela la sincera stima e ammirazione per l’artista, sul quale scrive nel catalogo appositamente predisposto in occasione dell’esposizione “L’arte oltrepassa i limiti nei quali il tempo vorrebbe comprimerla ed indica il contenuto del futuro. Con questa formula si può sintetizzare la chiave dell’ispirazione onirica di radice futurista, che caratterizza la ricerca stilistica di Santonocito, accompagnandolo e guidandolo come fondamento base nei tanti anni d’illustre carriera”. E proseguendo evidenzia “Nelle composizioni la struttura si modula e si dilata in una prospettiva di universo cosmico. Un infinito sconfinato composto da scenari variopinti di suggestiva raffigurazione”.

Alla “Milano Art Gallery” appuntamento imperdibile in memoria della famosa scienziata Margherita Hack voluto dall’amico Salvo Nugnes

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

Si preannuncia un appuntamento di forte risonanza quello organizzato da Salvo Nugnes in onore commemorativo della Professoressa Margherita Hack, sua cara amica, per ricordarla a un anno dalla scomparsa. L’evento si terrà nella rinomata “Milano Art Gallery” in via Alessi 11 a Milano, in fondo a Corso Genova, in data Giovedì 31 Luglio dalle ore 18.30. E’ previsto l’intervento di vip e noti personaggi, che nell’occasione porteranno il loro messaggio in omaggio all’indimenticabile scienziata astrofisica, la mitica “amica delle stelle”.

Salvo Nugnes spiega “In concomitanza si festeggia anche il simbolico compleanno della storica galleria milanese, che la Hack ha frequentato spesso, lasciando un segno indelebile della sua intensa esperienza esistenziale e intrattenendo la sala gremita con eccelse lectio magistralis. Per lei la Milano Art Gallery era un ambiente dall’atmosfera familiare, dove veniva sempre con grande piacere”.

Tra le significative frasi celebri da lei pronunciate amava ripetere “Sono felice, perché non desidero quello, che non posso avere. La felicità è essere contenti di ciò che si ha. Ed io non posso proprio lamentarmi. Ho avuto tanto, senza mai scendere a compromessi. Ho battagliato certo, ma fa parte del gioco”. E proseguendo con caparbia tenacia ribadiva “Non mi tengo fuori dai giochi, ma preferisco giocare nel rispetto delle mie regole. E il mio codice non prevede pillole dorate, finti inchini e baciamani”.