Posts Tagged ‘manager’

Il manager produttore Salvo Nugnes riceve un importante riconoscimento istituzionale: le chiavi della città di Colle Val D’Elsa

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Cultura, Italia

Il manager produttore Salvo Nugnes è stato ufficialmente insignito di una pregiata onorificenza simbolica, ricevendo le chiavi della città da parte del Comune di Colle Val d’Elsa e diventando così cittadino onorario a tutti gli effetti. L’importante riconoscimento istituzionale è stato consegnato in segno di stima e ammirazione verso il rinomato professionista.

Nell’occasione Nugnes ha dichiarato “Ringrazio le istituzioni per la speciale onorificenza, che mi onora e mi lusinga. Colle è uno dei centri di maggior rilievo della Val d’Elsa, con le preziose bellezze architettoniche di colle alta e la rinomata industria del cristallo. Vanta un’antica tradizione che lo lega allo scenario della guerra tra Guelfi e Ghibellini e già nel 1500 si era affermato per la lavorazione industriale del ferro e del vetro. È certamente un vanto per l’eccellenza del Made in Italy la produzione legata al cristallo. Nel 1800 era denominata la Boemia d’Italia e oggi è conosciuta a livello internazionale come la città del cristallo, con all’attivo 15% dell’intera produzione mondiale di cristallo e oltre il 95% di quella nazionale”.

Una vita accanto ai vip, il manager Salvo Nugnes lascia il suo commento sulla morte del cantautore Pino Daniele

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura, Musica

Sta facendo un ampio giro di diffusione mediatica la notizia sull’improvvisa scomparsa di Pino Daniele, una delle voci internazionali testimonial dell’eccellenza musicale del Made in Italy nel mondo, che lascia un intenso ricordo indelebile.

Il manager produttore Salvo Nugnes ha dichiarato “Considero Pino un autentico poeta della musica e della canzone d’autore, una personalità artistica d’innato carisma, con una voce davvero unica e inconfondibile. Un cantautore e un musicista a tutto tondo, che ha attivato e stimolato un’importante trasformazione, riuscendo a coniugare la tradizione napoletana in commistione con altri generi musicali e vanta nel suo vasto curriculum delle collaborazioni internazionali di forte prestigio. I suoi brani sono delle autentiche pietre miliari. Stando accanto a lui si percepiva la passione viscerale per la musica. Ha vissuto l’intera vita con la chitarra accanto, uno strumento che era per lui simbolicamente come una compagna sempre fedele e immancabile. Il suo contributo ha fatto e farà scuola per le nuove generazioni di musicisti e cantanti. Ha segnato un prima e un dopo modernizzando e contaminando le sonorità napoletane, ma restando però sempre fedele ad esse con l’amore di un legame inscindibile. È stato il musicista del dialogo aperto, attento e proiettato verso una visione cosmopolita di incontro e aggregazione, soprattutto con il Sud del Mondo, l’Africa e le altre culture in generale e ha generato dei coinvolgenti e innovativi intrecci musicali, che resteranno nella storia della musica di tutti i tempi”.

Arte Padova 2014: Tutti in fiera ad ammirare l’arte scultorea di Luigi Galligani esposta nello stand della Milano Art Gallery

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

In occasione della prestigiosa Fiera Arte Padova edizione 2014, che si svolge dal 14 al 17 Novembre, nello stand n. 74 della nota galleria milanese “Milano Art Gallery” (situata in via Alessi 11, in zona centro storico) collocato nel contesto del Padiglione 7, sarà possibile ammirare l’arte scultorea dell’artista senese Luigi Galligani. L’esposizione è organizzata dal manager produttore Salvo Nugnes.

Nel commentarne il talento creativo il professor Vittorio Sgarbi ha dichiarato “Inquadrando Galligani nell’ambito dell’arte contemporanea bisogna soffermarsi sul concetto di contemporaneità, intesa come qualcosa che accade e può accadere nella logica di un avanzamento e pensare, che nell’arte contemporanea non si deve per forza vedere il superamento di una barriera. Nelle sue opere si delinea un’allure barocca e seicentesca, con un disegno creativo dotato di eleganza e una progettualità raffinata e ricercata”.

Su Galligani è stato scritto “L’abile mano dell’uomo artista e sognatore, spinge a pensare e a riflettere mediante i segni e i simbolismi trasportati dalla storia passata e trasferiti nel tempo alla realtà contemporanea come in un gioco concettuale assai intrigante e avvincente, ispirato dal mitologismo simbolista ed esercitato con una personalissima chiave interpretativa di rielaborazione. Si delinea un meccanismo di ritrovamento, di ricerca, di rimando cronologico di un processo ricognitivo e ricostruttivo d’intensa suggestione. Galligani ci apre un universo strabordante di vivace estro e fervida fantasia e ce lo insegna come struttura poetica e iconografica, nella quale i prodigi e i misteri delle epoche pregresse sono in sinergico contatto con la nostra storia presente in una fusione di continuità senza confini”.

 

Arte Padova 2014: grande successo per Silvana Giacobini col manager Salvo Nugnes con la presentazione dell’ultimo libro “Il leone di terracotta”

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Cultura, Libri

In occasione della fiera Arte Padova edizione 2014, svoltasi dal 14 al 17 Novembre, la nota giornalista scrittrice Silvana Giacobini è stata ospite d’eccezione nel prestigioso contesto fieristico, per presentare il suo ultimo romanzo di successo intitolato “Il leone di terracotta” (Cairo) insieme al manager produttore Salvo Nugnes, che ha fatto da relatore durante il dibattito. L’evento, tenutosi in data Domenica 16 Novembre, ha coinvolto una corposa affluenza di pubblico attento e partecipe, piacevolmente intrattenuto dall’avvincente racconto sulla vicenda narrata nel libro e sull’interessante percorso professionale della Giacobini, documentato attraverso la proiezione di immagini da lei vivacemente commentate.

La Giacobini ha spiegato “Ho scelto come ambientazione per la storia la splendida zona territoriale delle langhe piemontesi, che reputo un contesto di intenso fascino e preziosa bellezza, da sempre avvolta da intricati misteri occulti. Le protagoniste principali sono due giovani amiche, Margot e Beatrice. Lo scenario, che funge da cornice è l’antica villa padronale di proprietà dell’illustre famiglia blasonata dei Tornero D’Albrizzi, a cui appartiene Beatrice. Margot, famosa scrittrice giallista viene chiamata dall’amica per indagare sulla scomparsa del fratello James, risalente a molti anni addietro. Nella sua ricerca della verità Margot si addentra pericolosamente anche nella Torino esoterica rischiando la vita, ma poi si innamora con travolgente passione e c’è un epilogo finale pieno di romanticismo“.

E proseguendo ha evidenziato “Mi ha stimolato la fantasia scrivere un giallo, che avesse l’apparente andamento di un viaggio nella normalità. La villa è un collage di fantasia, mentre molti dei luoghi menzionati esistono davvero nella realtà, come il Divin Caffè che si trova a Barolo e il Castello Falletti con il Museo del Vino. Il caso di James scomparso giovanissimo da casa lasciando dietro di sé  tracce diverse e contrastanti, si ispira volutamente ai numerosi casi di cronaca nera. Le sparizioni improvvise dei minori e dei giovani adulti possono nascondere molte verità più difficili da individuare, con il forte sospetto che non tutto nasca da una intenzionalità spontanea di sparire“.

Appuntamento a scopo benefico solidale a Roma presso il Carcere di Rebibbia con Padre Enzo Fortunato e il manager Salvo Nugnes

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Cultura, Italia, Umorismo

Importante appuntamento culturale a scopo benefico solidale presso l’Istituto Penitenziario Femminile di Rebibbia a Roma, all’interno del Liceo Artistico E. Rossi, con protagonista Padre Enzo Fortunato, responsabile della sala stampa del Sacro Convento di Assisi e noto volto televisivo, che in data Venerdì 7 Novembre 2014, presenterà il suo libro di recente pubblicazione intitolato “Vado da Francesco” (Mondadori). Ad affiancarlo per l’occasione in qualità di relatore sarà il manager produttore Salvo Nugnes.

Sulle tematiche affrontate Padre Enzo spiega: “Il testo contiene dei racconti sulla ricerca di Dio. Si narra di uomini e donne, poveri e potenti, che visitano Assisi attratti dalla sua bellezza artistica e dalla corposa tradizione culturale, ma che poi in quel frangente riscoprono la spiritualità, che talvolta è rimasta sepolta dalle vicende dell’esistenza quotidiana“.

E prosegue sottolineando: “Questo libro nasce dalla consapevolezza di fare emergere la tensione spirituale presente in ogni uomo. Ci siamo accorti, accogliendo diversi pellegrini, non solo i vip e i personaggi famosi, ma anche gli uomini attratti dalla cultura, dall’arte e coloro che sono attratti dalla figura di San Francesco, che in tutti c’è questo grande desiderio di spiritualità. La cosa più bella è vedere quando arrivano i pellegrini ad Assisi, prima ancora dei pellegrini i turisti, che vengono solo per il patrimonio artistico culturale. Il mio intento è stato quello di -verbalizzare- quasi come un amanuense, questa tensione spirituale in modo che l’uomo di oggi potesse soffermarsi, riflettere e anche meditare su questo grande tesoro, che a volte è sepolto da tante cose e non emerge“.

Padre Enzo, che è anche Direttore degli editoriali della rivista “San Francesco Patrono D’Italia” dice: “Non esiste strada più solenne della vita di tutti i giorni per ridare bellezza alla nostra umanità, attraverso sani pensieri, nobili gesti e soprattutto una fede colorata di amabilità francescana. La vera rivoluzione antropologica non avviene fuori di noi, ma dentro di noi attraverso un percorso, che ci permette di essere uomini fraterni o come direbbe San Francesco uomini amabili. Un volto riverso verso Dio è necessariamente un volto rivolto verso un fratello“.

Genova: Cristiano De André, il manager Salvo Nugnes e Francesco Baccini insieme ad altri personaggi di spicco guidano la manifestazione #Orabasta

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Cultura, Musica

Grande affluenza alla manifestazione #Orabasta, svoltasi a Genova Martedì 21 Ottobre organizzata dal movimento apolitico omonimo formatosi tramite Facebook tra i cittadini genovesi, a seguito della grave alluvione cittadina e regionale dei giorni scorsi. Schierati in prima fila nell’occasione anche tante personalità note, tra cui Cristiano De André, il manager Salvo Nugnes, Francesco Baccini e altri rinomati cantanti ed esponenti del panorama attuale, che hanno voluto offrire il loro simbolico contributo in supporto alla pregevole iniziativa popolare. Durante l’evento pubblico è stata organizzata una marcia, che partendo da sotto il Palazzo della Regione, in Piazza Ferrari, si è diretta verso Palazzo Doria-Tursi sede ospitante del consiglio comunale, per consegnare un documento ufficiale elaborato appositamente e contenente i significativi commenti e le interessanti idee emerse tramite le numerose iscrizioni pervenute alla pagina del social network www.facebook/orabastagenova.

De André ha commentato: “Trovo bellissimo, che questo movimento sia nato spontaneamente dall’iniziativa della gente e grazie ai social network. Serve la presenza di tutti per Genova la mia città, per i genovesi e per tutto il nostro paese”.

Salvo Nugnes ha sottolineato: “Ho accolto con particolare entusiasmo questa iniziativa, che vuole essere un segno concreto e tangibile di come l’unione popolare pacifica e apolitica possa veramente essere uno strumento efficace di mobilitazione pubblica generale. È importante fare qualcosa di concreto e risolutivo, perché questi cataclismi ambientali non debbano più deturpare e danneggiare il nostro territorio e le nostre zone urbane così preziose, rovinando la vita di tanta gente innocente e imponente davanti al dramma”.

 

Gli affascinanti colori di Alessandra Turolli in mostra nella suggestiva struttura della Green House della Versiliana di Marina di Pietrasanta

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

Il professor Francesco Alberoni, con l’agente Salvo Nugnes, è convenuto in visita alla mostra personale “Vibrazioni dei colori” di Alessandra Turolli, durante l’esclusivo vernissage inaugurale svoltosi Mercoledì 13 Agosto, nella rinomata struttura della Green House della Versiliana di Marina di Pietrasanta. L’esposizione è restata in loco fino al 24 Agosto 2014.

La ricca produzione della Turolli è attualmente incentrata sull’avvincente ricerca in ambito cromatico, per dare risalto alle molteplici vibrazioni generate dalle tonalità e dall’energia contenuta in esse, che racchiudono un linguaggio comunicativo esoterico dal fascino misterioso e avvolgente. Lo spettatore viene permeato, conquistato e catturato dal fluire armonioso dei colori e delle sfumature, che acquisiscono un ammaliante potere seduttivo e stimolano riflessioni davvero coinvolgenti, tra il reale e il fantastico. Nella casualità non casuale della rappresentazione di matrice materica informale, sono inseriti importanti spunti interpretativi, che compongono come preziosi tasselli di un mosaico una dimensione assai più elevata, rispetto alla pura e semplice visione estetica e arrivano a toccare le corde del cuore, trasmettendo al meglio l’appassionata e accorata propensione creativa dell’artista, che la guida nell’ispirazione.

Parlando del suo percorso nel mondo dell’arte rivela “Essendo uno spirito libero, la mia pittura è totalmente di fantasia e inventiva. Ho lasciato l’accademia dopo 2 anni per poter fare ciò, che il mio animo esigeva. Non sopportavo di dover fare nature morte, nudi e paesaggi dal vero. Seguo da sempre l’istinto, che viene dal mio interno più profondo e utilizzo tecniche miste, che invento e spesso cambio o modifico sul momento”.

Dal 27 Settembre al 24 Ottobre, sarà possibile ammirare quadri della Turolli alla grande mostra di “Spoleto incontra Venezia” curata da Vittorio Sgarbi e organizzata dal manager produttore Salvo Nugnes, accanto a opere di esponenti illustri, quali Dario Fo, Renato Guttuso, Mario Schifano, Eugenio Carmi e altri nomi di rilievo.

Expo 2015: Intervista al manager Salvo Nugnes sui grandi eventi

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Aziende, Cultura

Dall’1 maggio al 31 ottobre 2015, la città di Milano ospiterà l’Expo 2015. Intervistato in merito ai progetti dell’Esposizione Universale che coinvolgerà più di 147 Stati del mondo, il manager dell’arte Salvo Nugnes, molto attivo nell’organizzazione di eventi nel milanese e in Italia, dalla forte valenza culturale e artistica.

1) Cosa pensa dell’intesa stipulata tra Lombardia e Piemonte per la creazione di un’apposita “Carta unica museale” che permetterà l’accesso a Musei e luoghi di cultura durante l’Expo e anche per un periodo successivo?
Mi sembra un ottimo compromesso d’accordo raggiunto tra le due Regioni confinanti, perché diventa un ulteriore stimolo ad approfondire le numerose iniziative e manifestazioni, correlate all’Expo, che si svolgeranno anche fuori dal comprensorio lombardo. Rappresenta dunque un sinergico ponte di collegamento per unire realtà culturali e territoriali diverse, in nome di un messaggio universale a favore della diffusione dell’arte e della cultura. Inoltre, questa carta fungendo da speciale strumento “anti crisi” avrà un’efficace funzionalità, in virtù dei vantaggi economici permessi tramite il suo utilizzo, favorendo delle categorie sociali più deboli, gli studenti, gli anziani e le persone non abbienti in generale.

2) Pensa di proporre iniziative di tipo artistico culturale connesse all’Expo durante il suo svolgimento?
Certamente, occupandomi a largo raggio di eventi e manifestazioni artistico culturali ad alto livello, sia in ambito nazionale sia in ambito internazionale, intendo convogliare diversi appuntamenti prestigiosi nel contesto dell’Expo, organizzando appuntamenti con personalità illustri e ospiti di spicco del panorama attuale. Verranno utilizzate varie location esclusive, tra cui lo storico Spazio Culturale “Milano Art Gallery” che si trova in via G. Alessi 11, in posizione centrale, nel cuore di Milano, che già è sede del Festival Artistico Letterario “Cultura Milano” da me ideato, e di numerose mostre espositive di forte risonanza.

3) Come vede il programma “Made of italians” riservato agli italiani nel mondo, che diventerà operativo nel periodo dell’Expo?
Considero un’idea davvero significativa, dal sapore patriottico, questo programma offerto ai nostri connazionali residenti all’estero. Il poter rientrare in Italia e visitare per la prima volta la loro terra d’origine ha una valenza, che va ben oltre il semplice supporto logistico e organizzativo, perché tocca quella sfera intima dei ricordi e delle memorie più care, che esprime forte calore d’umanità. È un programma di stampo etico-sociale molto valido e lodevole.

4) Una riflessione sul progetto “Expo in città”;
Assolutamente favorevole a questo progetto e tutto quanto possa agevolare al meglio l’intreccio interattivo all’azione svolta da enti, associazioni, fondazioni e imprese private, che si muovono durante l’Expo. C’è bisogno di sostegno attivo e concreto e di instaurare solidi rapporti collaborativi. È necessario rafforzare il lavoro in squadra, proiettato all’obiettivo comune della miglior riuscita dell’Expo e di ciò che ruota attorno e dentro questo prezioso “contenitore” multiforme.

5) Expo 2015, non solo a Milano. Quali sono gli altri fulcri nevralgici in cui poter sviluppare un rilancio turistico positivo, sulla scia del grande evento?
Oltre a Torino, che già si è si congiunta al programma Expo con la “Carta museale” direi, che c’è quasi l’imbarazzo della scelta. L’Italia ha un potenziale enorme da investire per rivalutare e rivalorizzare a livello turistico l’inestimabile patrimonio, che possiede e che ha conquistato il mondo intero. Però se devo fare un elenco più specifico penserei a Roma, Firenze, Venezia, come a tre poli doc e poi Genova, Spoleto, Padova, Napoli, Bologna dove hanno tantissime risorse da sfruttare e ottimizzare, nel modo più adeguato e congeniale.

6) Come concepisce i risultati contenuti nel rapporto 2014 “Io sono cultura- L’Italia della qualità e della bellezza sfida la crisi”? Quanto il peso della cultura influisce positivamente sull’incremento turistico?
Sono decisamente rassicurato da quanto emerso da questi autorevoli studi di settore, che evidenziano una buona tenuta in generale del sistema produttivo culturale italiano, che nonostante la crisi galoppante, continua a rimanere uno dei pilastri primari di fondamento del “Made in Italy”. Questi dati sono la prova tangibile, di quanto ancora la cultura riveste una portata consistente nel nostro “Bagaglio” formativo. È palese, che l’elemento culturale incida anche nella crescita turistica, poiché l’Italia racchiude contesti unici di straordinario interesse, che i turisti amano visitare e rivedere addirittura più volte, con vivace propensione e coinvolgimento.

Alla “Milano Art Gallery” appuntamento imperdibile in memoria della famosa scienziata Margherita Hack voluto dall’amico Salvo Nugnes

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

Si preannuncia un appuntamento di forte risonanza quello organizzato da Salvo Nugnes in onore commemorativo della Professoressa Margherita Hack, sua cara amica, per ricordarla a un anno dalla scomparsa. L’evento si terrà nella rinomata “Milano Art Gallery” in via Alessi 11 a Milano, in fondo a Corso Genova, in data Giovedì 31 Luglio dalle ore 18.30. E’ previsto l’intervento di vip e noti personaggi, che nell’occasione porteranno il loro messaggio in omaggio all’indimenticabile scienziata astrofisica, la mitica “amica delle stelle”.

Salvo Nugnes spiega “In concomitanza si festeggia anche il simbolico compleanno della storica galleria milanese, che la Hack ha frequentato spesso, lasciando un segno indelebile della sua intensa esperienza esistenziale e intrattenendo la sala gremita con eccelse lectio magistralis. Per lei la Milano Art Gallery era un ambiente dall’atmosfera familiare, dove veniva sempre con grande piacere”.

Tra le significative frasi celebri da lei pronunciate amava ripetere “Sono felice, perché non desidero quello, che non posso avere. La felicità è essere contenti di ciò che si ha. Ed io non posso proprio lamentarmi. Ho avuto tanto, senza mai scendere a compromessi. Ho battagliato certo, ma fa parte del gioco”. E proseguendo con caparbia tenacia ribadiva “Non mi tengo fuori dai giochi, ma preferisco giocare nel rispetto delle mie regole. E il mio codice non prevede pillole dorate, finti inchini e baciamani”.

L’intraprendente imprenditrice del Lido Nettuno di Capri, Laura Trezza, intervistata per il suo successo

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Aziende, Italia, Viaggi

Intervistata Laura Trezza, la vulcanica manager imprenditrice, titolare del Lido Nettuno, prestigiosa struttura vacanziera situata ad Anacapri, proprio sopra alla Grotta Azzurra, meraviglioso capolavoro della natura ammirata in tutto il mondo.

1) Sappiamo dei suoi vari successi in campo imprenditoriale e manageriale. Da quanto tempo si occupa di aziende?

Dal 1973 ho cominciato ad occuparmi di aziende fornendo consulenza in materia di organizzazione e ristrutturazione nonché di predisposizione di piani di sviluppo industriale e commerciale. Nel tempo ho accresciuto questo tipo di specializzazione attraverso vari studi e, soprattutto, attraverso esperienze gestionali dirette di grandi gruppi industriali in diversi settori sia in Italia che all’estero, con particolare riguardo agli Stati Uniti, dove abbiamo avuto aziende hi-tech (unitamente ad altri soci) nella Silicon Valley, ditte che abbiamo quotato al Nasdaq e poi vendute. L’esperienza ultradecennale nel settore finanziario mi ha inoltre permesso di conoscere compiutamente i complessi meccanismi del credito e della finanza sia pubblica che privata.

2) Gestisce ad Anacapri una meravigliosa struttura balneare, il Lido Nettuno. Dov’è situato?

Il Lido Nettuno è una grande struttura ubicata sulla Grotta Azzurra, una della più belle attrazioni naturali del mondo. Le sue terrazze digradanti forniscono un’attrattiva straordinaria per quanti desiderino godere della veduta dell’intero Golfo di Napoli in serenità e con discrezione. Alle spalle della struttura, la macchia mediterranea si abbandona dolcemente verso il Lido fornendo un ambiente ecologicamente straordinario per i profumi e per la purezza dell’aria.

3) In quale periodo dell’anno è aperto e com’è strutturato il Lido?

Quest’anno, insieme con due amici, Federico Moccia ed Alessandro Papa, ci siamo decisi a prendere in gestione il Lido solo all’inizio di giugno per cui siamo stati obbligati, dal poco tempo a disposizione per l’organizzazione, ad aprire dal 29 giugno in poi. Ci auguriamo che l’iniziativa sia gradita soprattutto ai Capresi e che la gestione possa durare fino a Settembre.

4) Quali sono i principali servizi offerti alla clientela? Avete anche dei pacchetti speciali all-inclusive?

La nostra attenzione è stata rivolta soprattutto all’offerta di servizi per aumentare il confort mantenendo i prezzi contenuti. Più in particolare abbiamo messo a disposizione della Clientela teli di spugna nuovi di dimensione notevole, massaggi, manicure, pedicure, make-up, personal trainer, aquagym, a richiesta. La piscina dei bambini è dotata di piccoli giochi acquatici ed un bagnino oltre ad una dipendente, sorveglieranno i piccoli ospiti. La struttura prevede un lunch-buffet particolarmente ricco che tiene conto anche di quanti siano celiaci, diabetici, vegetariani o che vogliano consumare un pasto dietetico. Centrifughe, succhi di frutta, tisane ed infusi saranno disponibili per gli ospiti. Tutti i giorni, dalle 20.30 alle 24.00 sarà possibile bere un aperitivo godendo di un piano-bar. I fine settimana il ristorante offrirà menù studiati per far conoscere alla Clientela sapori mediterranei variegati, studiati da chef e da Accademici della Cucina Italiana specializzati nell’alimentazione sana e, soprattutto, naturale. Sarà a disposizione della nostra clientela un servizio navetta per gli spostamenti da e verso il Lido.

5) A quale target di fruitori vi rivolgete? C’è una prevalenza di frequentatori stranieri o italiani?

L’obiettivo è stato quello di creare soprattutto una struttura… per i Capresi! Infatti, proprio gli abitanti dell’isola sono quelli penalizzati durante il periodo estivo dal lievitare dei prezzi a causa della presenza di ospiti occasionali italiani o stranieri. Si è persa la bellezza di luoghi eleganti, riservati, tranquilli, dove trascorrere una giornata o una serata in compagnia di amici godendo del buon cibo, di un buon bicchiere di vino, di una buona musica ad un prezzo ragionevole e, soprattutto, accessibile. Spero che il nostro sforzo di rispondere a questa esigenza sia premiato dalla presenza dei nostri Amici Capresi e dagli ospiti stranieri.

6) Quali iniziative state predisponendo per la stagione estiva 2014? Abbiamo avuto notizia degli eventi speciali programmati per l’inaugurazione…

Il 28 Giugno, abbiamo offerto un aperitivo renforcée ad alcuni Amici che abbiamo invitato per condividere il nostro entusiasmo e la nostra “ avventura”! Non si è trattata di un’inaugurazione formale, ma di un’occasione d’incontro, un momento di condivisione e di allegria. Un eclettico artista, Agostino Pella, ha allietato la serata insieme con altri musicisti facendoci conoscere un po’ del suo vasto repertorio di canzoni, imitazioni, sketch ed altro. Tra gli ospiti che ci sono venuti a trovare c’erano Valeria Marini, Belen Rodriguez, Pamela Prati, Gianfranco Vissani e molti altri.

7) Pensate di organizzare anche importanti eventi e manifestazioni d’intrattenimento, all’interno del Lido?

Certamente. Specifici eventi saranno organizzati durante il periodo estivo, compatibilmente con i ridotti tempi che abbiamo avuto a disposizione: presentazione di libri, casting, performance di grandi artisti, sfilate e vari intrattenimenti. Speriamo di offrire alla nostra Clientela delle serate speciali dedicate a quanti vogliano godere di momenti magici… sotto le stelle, sul mare!