Posts Tagged ‘iPhone’

Utilizzabile ovunque e con qualsiasi strumento: 3CX introduce nuovi standard di fruibilità per le UC

Scritto da Andrea Bianchi il . Pubblicato in Aziende, Informatica, Internet, Tecnologia

Nuovo web client e soluzione UC fruibile con qualsiasi piattaforma on-premise, in cloud, o addirittura su MiniPC: la versione 15.5 di 3CX Phone System offre un’esperienza utente senza paragoni

LONDRA  – 3CX, produttore della soluzione di nuova generazione e software-based per le Unified Communications, rilascia oggi 3CX Phone System Versione 15.5, che assicura una fruibilità dei servizi UC ancor più rapida, sicura e affidabile. Tra le novità spiccano l’introduzione di un nuovo client per la telefonia tramite browser web, il perfezionamento della funzionalità “clicca e chiama” e nuove funzionalità per la gestione dei telefoni da tavolo e delle app gratuite per smartphone. Con la nuova versione gli utenti gestiscono chiamate in arrivo, trasferimenti di chiamata o il passaggio da una regolare chiamata ad una videoconferenza con un solo clic. Il nuovo client web vanta un’interfaccia utente particolarmente moderna ed è ottimizzato per browser basati su standard aperti come Chrome e Firefox.

La versione 15.5 assicura continuità alla strategia “Deploy Anywhere” di 3CX volta a garantire l’utilizzabilità delle Unified Communications con qualsiasi piattaforma e strumento. La soluzione 3CX può essere facilmente implementata su MiniPC di marchi leader come Intel, Zotac, Shuttle e Gigabyte. Consentendo l’impiego di appliance disponibili in tutto il mondo, con un servizio di assistenza tecnica locale ed acquistabili ad un prezzo molto inferiore rispetto a centralini tradizionali, la versione 15.5 si rivela ideale per uffici di piccole dimensioni che non dispongono di propri server. La versione cloud della piattaforma UC di 3CX supporta un numero ancora maggiore di operatori di servizi voce in hosting, tra cui 1&1, e può essere implementata in pochi minuti con avvalendosi del noto strumento “PBX Express” di 3CX. Da subito quindi le organizzazioni possono ospitare un sistema completo per le Unified Communications con il minimo sforzo.

Nick Galea, CEO 3CX, afferma:

“La nostra versione 15.5 rappresenta un ulteriore sviluppo della nostra strategia “Deploy Anywhere” – può essere implementata on premise, in cloud o persino su dispositivi terzi, lasciando a partner e clienti il pieno controllo dell’installazione”.

La versione 15.5 include numerose nuove funzioni e perfezionamenti, tra cui:

Videoconferenza web integrata

Il nuovo client web integra la videoconferenza. Gli utenti possono facilmente avviare una conferenza web direttamente dal client in modo trasparente e agevole, senza dover scaricare altre applicazioni o plugin, cosa non necessaria neanche per i partecipanti a distanza. 3CX è il primo fornitore di piattaforme per la telefonia IP che include il web conferencing gratuitamente nella soluzione per un massimo di 100 partecipanti contemporanei, senza alcun costo per licenze aggiuntive o impatto sullo staff IT.

Gestione delle chiamate semplificata per Deskphone o Smartphone

Il controllo del telefono da remoto è stato notevolmente perfezionato grazie allo standard uaCSTA per i telefoni da tavolo, che ora possono essere gestiti in modo affidabile indipendentemente dalla sede in cui sono impiegati o dal tipo di installazione del centralino (in cloud o presso il cliente). Anche le app 3CX per la fonia su smarphone possono essere controllate da remoto – un grande vantaggio per chi opera in mobilità.

“Click2Call” da qualsiasi CRM

L’estensione 3CX Click to Call per Google Chrome consente di effettuare una chiamata con un semplice clic dalle soluzioni CRM più popolari o applicazioni Office 365 senza installare alcun plugin. L’estensione consente anche agli utenti di comporre facilmente un numero da qualsiasi pagina web.

Ma non è tutto…

  • La nuova versione integra il modulo sviluppato per gli alberghi. Non è quindi più necessario scaricare e installare alcun componente aggiuntivo. Il modulo funziona con qualsiasi tipo di impiego del centralino (cloud o on-premise) per Windows e Linux.
  • Supporto della funzione PUSH Google Firebase, necessaria per tutti gli smartphone android di nuova generazione.
  • Conformità PCI in ambito finanziario – qualora durante la registrazione di una telefonata con il cliente vengano condivise informazioni sulle carte di credito, è possibile mettere in pausa la registrazione senza spezzarne il file.

Link & Documentazione

Manuale Amministratore

Manuale Utente

Windows

Linux

Click2Call Extension

A proposito di 3CX (www.3cx.it)

3CX sviluppa un centralino telefonico IP software e open standard in grado di rinnovare le telecomunicazioni e di rimpiazzare i centralini proprietari. 3CX taglia i costi telefonici ed aumenta la produttività e la mobilità aziendale. Le soluzioni 3CX sono commercializzate esclusivamente attraverso il canale.

Grazie alla webconference basata su WebRTC integrata nella soluzione, ai client per Mac e Windows ed alle app per Android, iOS e Windows phone, 3CX offre alle aziende una piattaforma completa per le Unified Communications pronta all’uso.

Oltre 50.000 clienti nel mondo hanno scelto 3CX, compresi, Boeing, McDonalds, Hugo Boss, Ramada Plaza Antwerp, Harley Davidson, Wilson Sporting Goods e Pepsi. Presente su scala globale tramite la sua rete di partner certificati, 3CX ha sedi in U.S.A., Inghilterra, Germania, Hong Kong, Italia, Sud Africa, Russia e Australia.

Scopri di più su 3CX su FacebookTwitter e Google+.

Contatti per la stampa

SAB Communications snc
PR and Media Relations for 3CX
(e) press@sab-mcs.com
(t) +41 (91) 2342 397

Il sondaggio estivo di G DATA: l’80% non rinuncia a internet in ferie

Scritto da Andrea Bianchi il . Pubblicato in Informatica, Internet, Tecnologia

Logo-Claim-2015-3c-highresI dispositivi mobili sono i compagni di viaggio più popolari – la sicurezza, invece, rimane al palo.

Bochum (Germania) | Estate, sole e sicurezza – in spiaggia o in montagna, i vacanzieri non rinunciano ad essere online, neanche in viaggio. Per questo motivo il 74% porta con sé lo smartphone. Il 31% invece preferisce il tablet. Solo uno su cinque mette in valigia un notebook. Questi i risultati di un’indagine estiva condotta su un campione di 1000 utenti internet. Ma in che modo si accede a internet in vacanza? Il 69% dei viaggiatori si avvale di hotspot wifi aperti in hotel, negli aeroporti o al ristorante. Il 21% si avvale di internet café e di terminali a disposizione di chiunque. Tutti inviti al furto dei dati personali, non solo le mere credenziali di accesso ai diversi servizi online. G DATA raccomanda di proteggere i propri compagni digitali in modo adeguato prima di partire e fornisce ulteriori consigli utili per godersi le ferie.

Condividere selfie scattati in spiaggia o foto dell’appetitoso piatto servito al ristorante, o controllare rapidamente il meteo locale é praticamente impossibile se non si é online durante il periodo più bello dell’anno. Il wifi è ormai disponibile quasi ovunque, che si tratti di hotel, ostelli o altre strutture di ospitalità estiva. Nelle località di villeggiatura, molti caffè, bar e ristoranti offrono hotspot gratuiti per attirare più clienti. In questo modo i vacanzieri possono restare in contatto con amici e familiari anche in viaggio. Tuttavia molti dispositivi mobili non sono affatto protetti e i cybercriminali hanno davvero gioco facile.

GDATA Infographic Summer Survey 2016 EN RGB

“Gli obiettivi più popolari sono gli hotspot aperti negli aeroporti e negli hotel. Questi punti d’accesso dispongono generalmente di una scarsa protezione, i cybercriminali possono facilmente spiare tutto il traffico e carpire informazioni su carte di credito, password, email e altri dati personali. Tutti dettagli che vengono trasformati in denaro sonante attraverso forum del dark web o di cui è possibile abusare per altre attività criminali. Per questo motivo i turisti dovrebbero evitare ad ogni costo di condurre transazioni bancarie o di fare acquisti online durante le ferie” consiglia Tim Berghoff, G DATA Security Evangelist. L’esperto elargisce un ulteriore consiglio per i social network. “Le foto delle vacanze non dovrebbero essere postate pubblicamente su facebook o altri social, ma condivise eventualmente a posteriori, per non far sapere ai cybercriminali che che proprio in quel momento a casa vostra non c’è nessuno”.

Buone norme da osservare prima di partire:

  • Prenotazioni: E’ raccomandabile fare attenzione anche in fase di pianificazione delle ferie. I portali con strabilianti offerte per l’estate sono spesso strumenti di phishing. Consigliamo di prenotare solo attraverso portali di viaggio globalmente riconosciuti e di impiegare una soluzione di sicurezza che protegga la stessa navigazione.
  • Software: Disporre di un’applicazione di sicurezza é una buona opzione per mettere i bastoni tra le ruote ai cybercriminali. In vacanza tali app aiutano anche a localizzare I dispositivi persi o rubati e forniscono in alcuni casi indizi sulle attività dei ladri. I dati sensibili possono essere facilmente cancellati remotamente tramite smartphone, tablet o notebook dotati di soluzioni di sicurezza specifiche.
  • Aggiornamenti: Aggiornare il software del dispositivo prima di partire é importante: chiudere potenziali falle con gli aggiornamenti è la cura di bellezza pre-vacanze ideale per il vostro compagno digitale.
  • Backup: Idealmente nessuno dovrebbe portare con sé in vacanza dati o informazioni riservate. Qualora non si abbiano alternative, un backup regolare risulta essenziale, che sia salvato su un disco di archiviazione esterno (USB o similari) o sul cloud tramite la soluzione di sicurezza installata.

Cosa considerare una volta raggiunto il luogo di villeggiatura:

  • Hotspot wifi: Ormai quasi tutti gli hotel e i caffé dispongono del wifi. Molto utile ma anche molto rischioso. I criminali possono spiare facilmente le email scambiate tramite tali punti di accesso o carpire dati critici come i dettagli della carta di credito, le password e similari. Consiglio importante: E’ opportuno effettuare transazioni bancarie o d’acquisto prima o dopo le ferie.
  • Internet café: Impossibile farsi un’idea concreta del livello di sicurezza offerto o sapere se il PC messo a disposizione non sia infettato da malware. Non é opportuno loggarsi su account sensibili tramite i PC di questi café o delle lobby in albergo, idealmente bisognerebbe navigare in modalità “incognito” per evitare che eventuali dati immessi vengano archiviati dal sistema. Al termine della sessione, bisogna scollegarsi da qualunque account su cui ci si è loggati e cancellare la cronologia di navigazione.
  • Social network: Occorre stare attenti a ciò che si posta pubblicamente sui social network durante le ferie. I criminali utilizzano tali dati per creare vere e proprie mappe su cui evidenziare le proprietà non occupate in un dato momento. Per questa reagione, i ricordi più belli delle ferie dovrebbero essere inviati privatamente ad amici o parenti e condivisi su facebook o altri social solo una volta rientrati.
  • Disabilitare le reti wireless: Le funzioni bluetooth e wireless dovrebbero essere disattivate quando non sono impiegate, esse rappresentano infatti un possibile punto d’accesso per attaccare il dispositivo.

G DATA

La sicurezza IT è nata in Germania: G DATA Software AG viene considerata a pieno titolo l’inventore dei software antivirus. L’azienda, fondata nel 1985 a Bochum, più di 28 anni fa sviluppò il primo programma contro la diffusione dei virus informatici. Oggi, G DATA è uno dei principali fornitori al mondo di soluzioni per la sicurezza IT.

Numerosi test mirati hanno dimostrato che la IT security “Made in Germany” offre agli utenti di Internet la miglior protezione possibile.

Dal 2005 la fondazione Stiftung Warentest si occupa di testare i prodotti di sicurezza informatica. In tutti e sette i test, condotti dal 2005 al 2014, G DATA ha sempre ottenuto il miglior punteggio per il rilevamento virus. Nei test comparativi di AV-TEST, G DATA ottiene regolarmente i migliori risultati in termini di individuazione di malware.

Anche a livello internazionale InternetSecurity di G DATA è stato eletto miglior pacchetto di sicurezza per Internet da riviste specialistiche indipendenti in diversi Paesi, tra cui Australia, Austria, Belgio, Francia, Italia, Paesi Bassi, Spagna e Stati Uniti.

In Italia la soluzione G DATA Internet Security è stata insignita per il quarto anno consecutivo del bollino “Miglior Acquisto” di Altroconsumo. L’azienda ha collaborato altresì con Assintel all’elaborazione del notissimo Report, giunto, nel 2015, alla sua decima edizione e alla stesura del Security Report 2015 del Clusit. G DATA è altresì partner tecnico di Ducati Corse per la MotoGP ed ha il compito di proteggere i sistemi IT di pista del team Ducati ed è partner esclusivo di Microsoft per la messa in sicurezza del Microsoft Cloud tedesco.

Il portafoglio prodotti G DATA comprende soluzioni di sicurezza sia per privati, sia per le aziende, dalle PMI alle grandi imprese. Le soluzioni di sicurezza di G DATA sono disponibili in oltre 90 Paesi di tutto il mondo.

Ulteriori informazioni su G DATA e sulle soluzioni di sicurezza sono consultabili sul sito www.gdata.it

Arriva il poker mobile del gioco on line del Casinò di Venezia

Scritto da Clickandplay.it il . Pubblicato in Giochi, Italia, Videogame

Sulla piattaforma di gioco on line del Casinò di Venezia è disponibile la nuova app “VENEZIA POKER” realizzata per Android e iPhone per un’esperienza di poker unica e sempre divertente da smartphone e tablet.

Ogni giorno in palio negli esclusivi freeroll e nei tornei serali del lunedì e del giovedì, in esclusiva per i clienti di clickandplay.it, tanti real bonus caricati direttamente sui conti gioco dei clienti e subito disponibili per giocare.

Grazie al circuito ONGAME il Casinò di Venezia offre davvero a tutti la possibilità di giocare in maniera affidabile e sicura con un software intuitivo e funzionale utilizzando la chat, le statistiche dei tornei, dei sit&go o del tavolo cash su cui si gioca.

Per info: tel. 0415297375 – e-mail: infogiocoadistanza@casinovenezia.it

MWC 2016: G DATA presenta app per la sicurezza di smartphone e tablet della mela

Scritto da Andrea Bianchi il . Pubblicato in Aziende, Informatica, Internet, Tecnologia

Il produttore di soluzioni per la sicurezza IT presenta a Barcellona la sua applicazione intelligente per la protezione di iPhone e iPad.

Logo-Claim-2015-3c-highresBochum (Germania) – Oltre 290 milioni gli smartphone e i tablet venduti da Apple in tutto il mondo nel 2015. Il produttore di soluzioni per la sicurezza informatica G DATA amplia il suo portafoglio prodotti per dispositivi mobili. Con la nuova suite Mobile Internet Security, G DATA presenta in anteprima una soluzione di sicurezza completa per smartphone e tablet dotati di sistema operativo iOS. La soluzione protegge in modo affidabile gli utenti contro phishing e siti fraudolenti, tutelando i dati contro i cybercriminali e assicurando agli utenti una navigazione mobile sicura. Dal 22 al 25 febbraio 2016 G DATA espone al Mobile World Congress di Barcellona, Padiglione 6, stand 6B40.

ISfiOS_MWC2016

Il browser integrato nella suite G DATA Mobile Internet Security consente agli utenti di iOS di navigare in internet in tutta sicurezza e serenità. Grazie al collegamento cloud, gli utenti fruiscono di una protezione sempre aggiornata contro le più recenti minacce derivanti da phishing e siti illegittimi. La funzione di black e whitelisting per il controllo genitoriale sulla navigazione dei minori, favorisce altresì una serena fruizione dei contenuti web da parte dei più piccoli.

Protezione contro la perdita del dispositivo
Un ulteriore highlight della App è la protezione in caso di perdita del dispositivo. Con pochi click gli utenti possono localizzare il loro dispositivo iOS via web nel loro G DATA Action Center. Il ritrovamento è facilitato da un segnale acustico, che viene lanciato anche qualora il dispositivo sia impostato in modalità silenziosa. Infine, se l’iPhone o iPad dovessero cadere nelle mani sbagliate, i padroni legittimi ricevono un messaggio qualora venga sostituita la SIM.

Panoramica delle funzioni salienti

  • Sicurezza anti-phishing e protezione contro siti fraudolenti con riconoscimento cloud-based
  • Browser web sicuro con funzione di black e whitelisting
  • Analisi del sistema e riconoscimento di manipolazioni (Jailbreak)
  • Notifica su sostituzione della SIM
  • Protezione contro la perdita o il furto del dispositivo
  • Integrazione nel G DATA Action Center per la gestione di tutti i dispositivi mobili privati
  • Interfaccia utente moderna e intuitiva

Prezzi e disponibilità
G DATA Mobile Internet Security per iOS sarà disponibile gratuitamente nel corso del primo trimestre 2016 sull’Apple App Store. Per poter fruire di tutte le funzioni, gli utenti potranno acquistare la versione completa in qualsiasi momento al prezzo di € 15,95 annui. In occasione del lancio gli utenti potranno avvalersi della versione completa gratuitamente per 30 giorni senza obbligo d’acquisto.

G DATA
La sicurezza IT è nata in Germania: G DATA Software AG viene considerata a pieno titolo l’inventore dei software antivirus. L’azienda, fondata nel 1985 a Bochum, più di 28 anni fa sviluppò il primo programma contro la diffusione dei virus informatici. Oggi, G DATA è uno dei principali fornitori al mondo di soluzioni per la sicurezza IT.
Numerosi test mirati hanno dimostrato che la IT security “Made in Germany” offre agli utenti di Internet la miglior protezione possibile.

Dal 2005 la fondazione Stiftung Warentest si occupa di testare i prodotti di sicurezza informatica. In tutti e sette i test, condotti dal 2005 al 2014, G DATA ha sempre ottenuto il miglior punteggio per il rilevamento virus. Nei test comparativi di AV-TEST, G DATA ottiene regolarmente i migliori risultati in termini di individuazione di malware. Anche a livello internazionale InternetSecurity di G DATA è stato eletto miglior pacchetto di sicurezza per Internet da riviste specialistiche indipendenti in diversi Paesi, tra cui Australia, Austria, Belgio, Francia, Italia, Paesi Bassi, Spagna e Stati Uniti.

In Italia la soluzione G DATA Internet Security è stata insignita per il terzo anno consecutivo del bollino “Miglior Acquisto” di Altroconsumo. L’azienda ha collaborato altresì con Assintel all’elaborazione del notissimo Report, giunto, nel 2015, alla sua decima edizione e alla stesura del Security Report 2016 del Clusit.

Il portafoglio prodotti G DATA comprende soluzioni di sicurezza sia per privati, sia per le aziende, dalle PMI alle grandi imprese. Le soluzioni di sicurezza di G DATA sono disponibili in oltre 90 Paesi di tutto il mondo.

Ulteriori informazioni su G DATA e sulle soluzioni di sicurezza sono consultabili sul sito www.gdata.it

La nuova applicazione per smartphone Candy Crush Soda

Scritto da emmeseo il . Pubblicato in Giochi

Candy Crush Soda sembra essere l’ultimo gioco appartenente alla serie di Candy Crush, giunto sullo scenario delle applicazioniper telefonino al termine 2014. Il gioco si pone come obiettivo la prosecuzione del 1° gioco dove tutti i possesori di smartphone ovunque hanno facilmente giocato perlomeno una volta.

Anche in questo caso la gradevolezza è sostenuta per via della abilità dei tecnici, dei disegnatori e dei creativi della King: una scenografia colorata, vivace e stuzzicante fa da contorno agli schemi I quali sono formati da un agglomerato di caramelle posizionate in una esplicita maniera, le quali obbediscono ad alcune regole della matematica e a certe leggi del gioco. Mettere vicine forme e colori di chicche identiche o simili consente di convertire in una caramella più forte e dai poteri migliori in grado di favorirci nella strada che dobbiamo compiere.

In che modo si suddividono I livelli nel recente candy crush soda?

Il nuovo candy crush soda rifà la tendenza del vecchio gioco aggiungendo alcune nuove caratteristiche:

  • Il galleggiamento delle caramelle: se nel 1° capitolo le chicche davano ascolto esclusivamente alla forza di gravità, adesso mentre sono inondate dalla soda, galleggiano e si muovono in su nello schema
  • Nuove combinazioni di pastiglie: pare quasi che nel precedente capitolo i tecnici non avessero pensato ad certe unioni di pastiglie facili, come ad esempio il quadro fatto da 4 pasticche. In questa circostanza la summenzionata ma pure diverse unioni possibili, anche più articolate, hanno un significato.

Possiamo pertanto sostenere con certezza che il nuovo Candy Crush Soda mantiene molto di ciò che di buono c’era nel passato gioco e introduce dei miglioramenti rendendolo indubbiamente il gioco candidato al trono di gioco da telefonini di ultima generazione più giocato nel 2016

Riuscirà Candy Crush Soda a vincere sull’agguerrita concorrenza delle app per telefono nel 2016?

Va effettivamente verificato che la concorrenza nei giochi per telefonino è moltissima, principalmente perchè i denari che roteano in questo campo sono molti. E’ ugualmente vero che per adesso, ormai a Febbraio, non esistono veri e propri contendenti in grado di frenare la via di Candy Crush Soda a miglior passatempo per Smartphone per il 2016. Il vecchio Candy Crush Saga ormai ha pochi player anche perchè i più accaniti sono approdati tutti al nuovo gioco e su altri fronti probabilmente, il solo passatempo in grado di tenere testa a Candy Crush è Clash of Clans. Comunque dobbiamo riscontrare che quest’ultimo c’è a questo punto da abbastanza tempo e probabilmente il Duemilasedici sarà il momento in cui inizierà ad accusare l’iniziale decadenza della sua vita.

Fonte http://www.candycrushsoda.it

Le migliori app del 2015 per medici e studenti

Scritto da MedMedicine il . Pubblicato in Informatica, Salute, Tecnologia

Lo staff di MedMedicine ha stilato una classifica (aggiornata al 2015) delle migliori app per medici e studenti (testate dallo staff stesso). Una classifica utile ed indispensabile per orientarsi nell’universo delle app per medici e studenti. La tecnologia è indispensabile oramai anche per professionisti di settore e studenti che non possono più ignorarne il significativo supporto nello studio e nella diagnosi. Le app sono compatibili con iOS, il  sistema operativo è il più utilizzato nel settore sanitario. 

La pagina è disponibile a questo indirizzo: http://medmedicine.it/migliori-app-medici-ios

Clash of Clans

Scritto da emmeseo il . Pubblicato in Giochi, Videogame

Clash of clans è indubbiamente il gioco del 2014 sia grazie al coinvolgimento che sta generando, sia grazie al business che ci sta girando intorno. Sono infatti 500.000$ ad essere generati ogni giorno grazie a questo gioco: cifre da capogiro!

Il modello di business di Clash of Clans è basato sulla scarsità delle gemme, un bene che è scarsamente disponibile nel gioco al contrario di oro e Elisir. Per questo motivo sono nati molti trucchi Clash of Clans che permettono di avere addirittura le gemme infinite.

Le gemme possono essere acquistate in pacchetti anche del costo di 89€ ed è facile intuire quindi come fanno gli sviluppatori a dare vita a un giro di soldi così enorme. Le gemme servono sia per velocizzare il gioco, sia per far progredire il clan dal punto di vista civile e militare. Le gemme servono anche per costruire infrastrutture ed edifici in grado di difendere il villaggio dagli attacchi oltre che per costruire un esercito ed attaccare gli altri con una forza bellica adeguatamente forte.

Il gioco non ha inventato nulla di nuovo dato che giochi simili ne esistono da anni. Un fattore premiante di questo è tuttavia il fatto che lo scenario del gioco, cioè il villaggio, va avanti anche mentre non ci giochiamo e quando ci colleghiamo è possibile trovare il villaggio che è andato avanti… oppure trovarlo tristemente distrutto e saccheggiato da qualcun altro. Infatti mentre non stiamo giocando possiamo essere attaccati dagli altri.

Le leve che hanno permesso a Clash of Clans di essere così diffuso sono molte e un grande contributo l’ha indubbiamente dato la grafica estremamente curata nei dettagli e la giocabilità.

Oltre ad essere quindi un grande business per gli sviluppatori, Clash of Clans merita tutto il successo che ha ottenuto.

Quant’è il business intorno a Clash of Clans?

Scritto da emmeseo il . Pubblicato in Giochi, Videogame

Clash of Clans è il gioco che quest’anno ha permesso di guadagnare maggiormente rispetto a tutti i giochi che sono usciti. E’ approssimativamente 500.000$ il bottino quotidiano per gli sviluppatori di questo gioco il quale è scaricabile gratis all’interno dei negozi e che fonda il suo giro di soldi sulle gemme.
Le gemme sono appunto un una risorsa magramente a disposizione nel gioco che funge da leva di marketing per generare guadagni.

Neanche gli sviluppatori di Clash of Clans avevano chiara la grandezza del business che sarebbero andati a generare nel momento in cui stavano creando il gioco. Eppure va pure detto che Clash of Clans è un gioco proprio spassoso che basa le sue radici in un tipo di gioco esistente da numerosi anni.

La creazione di un business tanto ricco ha portato alla nascita di trucchi clash of clans sin dai primi mesi nei quali il gioco ha iniziato a spargersi.

Come si gioca a Clash of Clans

Il gioco è ambientato in un territorio in cui sono disponibili delle materie prime e un modesto gruzzolo iniziale che consente di principiare a erigere il borgo. Appena messe la basi e gli edifici fondamentali occorre popolare il villaggio e farlo evolvere in maniera tale da far procedere la tecnologia e conseguentemente sviluppare nuove strutture e educare nuove persone.

Clash of Clans è un gioco di strategia come ne sono esistiti molti in passato e che è stato abilmente trasferito dagli sviluppatori in una variante giocabile sul personale smartphone.

Quali sono le ricchezze a Clash of Clans?

Nel gioco il terreno da 2 varianti di risorsa: l’oro e l’elisir. Entrambi permettono di accrescere l’avanzamento tecnologico del villaggio. Con l’oro e l’elisir si possono ergere o allargare gli edifici e allenare personale civico e armato. L’aspetto di guerra del gioco appunto è notevole da analizzare poichè se per un lato uno dei modi per espandere l’oro e l’elisir è quello di estrarlo dal terreno, dall’altro è possibile ampliare le proprie ricchezze anche attaccando e saccheggiando gli altri villaggi.

Per ultimo si può sostenere che Clash of Clans è un gioco gradevole e destinato a seguitare ancora molto tempo.

iNature è partner della Fondazione Umberto Veronesi per la raccolta fondi Pink is Good

Scritto da iNature il . Pubblicato in Aziende

iNature, noto Brand Fermano produttore di custodie Biodegradabili e Made in Italy per cellulari, ha scelto di collaborare con la Fondazione Umberto Veronesi nel progetto di raccolta fondi Pink is Good destinato alla ricerca di tumori al seno. Sono moltissime le aziende che come iNature hanno aderito all’iniziativa e tra le tante spicca il nome di Rosato Gioielli, altra azienda d’eccellenza del territorio Fermano.

Per questa occasione è stata creata una linea di custodie personalizzate con il marchio Pink is Good di colore Rosa e Nero con conseguente donazione di 1,00 € per ogni pezzo venduto. L’obiettivo della Fondazione Umberto Veronesi è di finanziare dieci borse di studio per ricercatori specializzati nel cancro alla mammella.

La chiara visione di tutela ambientale, Mission del Brand,  ha proferito l’azienda a non dimenticare importanti problematiche sociali, scegliendo così di far parte del progetto e di iniziare una lunga collaborazione con la Fondazione Umberto Veronesi.

Ad oggi i nostri partner ufficiali sono H3G, le Profumerie Douglas, Amazon, MED STORE e tutti i negozi autorizzati iNature, ma molti altri se ne aggiungeranno successivamente.

Le custodie personalizzate Pink is Good, in commercio dal 1 di Ottobre e per tutto il 2013, sono disponibili per  iPhone 4/4s, iPhone 5/5S, iPhone 5C e Samsung Galaxy s4. Una vasta gamma per raggiungere tutto l’universo femminile e non solo.

Il prezzo di vendita sarà di 14,90 € iva inclusa.

Ulteriori informazioni su www.iNature.it/pinkisgood

 

Le differenze tra Blackberry e iPhone

Scritto da emmeseo il . Pubblicato in Tecnologia

Entrambi i telefoni hanno somiglianze e differenze e anche se le similitudini si rintracciano nelle funzionalità del telefono, il design è indubbiamente un punto di differenza. La facilità d’uso è in entrambi i casi una caratteristica significativa. Alcuni hanno trovato che lo schermo più grande dell’iPhone sia meglio e non importa avere una tastiera fisica. Altri hanno adorato la tastiera BlackBerry QWERTY, perché sostengono che si riesce a scrivere semplicemente anche senza guardare lo schermo.

Per quanto riguarda le applicazioni ce ne sono migliaia disponibili e nel complesso le applicazioni per iPhone sono di gran lunga migliori di quelli del Blackberry.

Progettato per chi tratta gli oggetti con praticità, il Blackberry è di gran lunga più resistente dell’iPhone. La sensibilità del movimento e il touchscreen dell’iPhone rimane tuttavia ineguagliabile. Il touchscreen rende l’iPhone un telefono molto sensibile anche se finché non si fa cadere a faccia in giù, di solito sopravvive alla caduta. L’iPhone dispone tuttavia di innumerevoli gadget atti a proteggere lo schermo o il dispositivo intero, alcuni dei quali veri e propri gusci.

Il vantaggio del touchscreen dell’iPhone e del suo movimento e della sua sensibilità diventa evidente con il gioco. Il confronto tra iPhone e Blackberry in termini di gioco è come paragonare una bicicletta con un jet supersonico. Giocare giochi su iPhone è quanto di meglio si può trovare su un telefono cellulare. Ci sono dei giochi talmente sviluppati che nascono parallelamente delle applicazioni che svelano i trucchi per il gioco stesso, come è accaduto per i trucchi candy crush. Per l’iPhone esistono una varietà di giochi con una grafica semplicemente incredibile. Il blackberry è molto indietro in questo frangente.

Le prestazioni di entrambi i dispositivi sono eccezionali. Entrambi i dispositivi navigano sul web e permettono di accedere ai social network con buona velocità. Tuttavia, in nelle applicazioni di business il Blackberry è il chiaro vincitore grazie alla sua capacità di collegamento con Microsoft Exchange. Anche se i nuovi iPhone stanno migliorando, ci vorrà del tempo prima di avere un dispositivo Apple al livello del Blackberry. Un’altra area in cui si batte l’iPhone è la facilità di utilizzo dell’e-mail.

Conclusione
L’iPhone è più veloce del Blackberry ed è dotato di più spazio di archiviazione. E ‘la scelta migliore per chi desidera un ambiente di intrattenimento forte come le opzioni di gioco e le caratteristiche multimediali sono di gran lunga superiori al Blackberry. Sulle applicazioni di connettività, sicurezza e affari però l’iPhone si inchina al Blackberry. Il Blackberry è senza speranza al gioco. Tuttavia si rifa con la sua capacità di collegamento con il server Microsoft Exchange. Blackberry è un forte dispositivo per il business affidabile, mentre l’iPhone è una moda.