Posts Tagged ‘internazionale’

La fotografia d’autore di Alessio Di Franco in mostra ad “Arte in Bottega78”

Scritto da Elena Gollini Art Blogger il . Pubblicato in Arte, Fotografia

Il fotografo Alessio Di Franco sarà in mostra con le sue pregevoli fotografie d’autore presso lo spazio artistico culturale di “Arte in Bottega78” situato in Via Nazario Sauro 78 a Gualtieri, in provincia di Reggio Emilia. L’esposizione verrà inaugurata in data Sabato 26 Maggio, alle ore 18.00 e rimarrà allestita in loco fino al 17 giugno 2018, in concomitanza con lo svolgimento dell’evento internazionale di Fotografia Europea organizzato dalla storica Fondazione Magnani. Il finissage è previsto in data Sabato 16 Giugno, sempre alle ore 18.00, insieme al festeggiamento del simbolico compleanno di “Arte in Bottega78”.

La mostra, visitabile ad ingresso libero, raccoglie una parte eterogenea di produzione che contiene scatti di particolare suggestione, realizzati in modo molto diretto e naturale senza l’utilizzo di alcuna trasformazione artificiale. Per Di Franco la fotografia artistica non ha una semplice valenza estetica fine a se stessa, ma è sinonimo di strumento comunicativo prediletto, che funge da tramite per condividere e comunicare a livello sociale e collettivo importanti messaggi. Di Franco progetta con grande attenzione e sceglie soggetti e ambientazioni sempre mirati per avere il giusto impatto scenico e per riuscire ad esprimere al meglio i contenuti sostanziali di cui si rende portavoce, con intenso slancio e forte convinzione.

Caffo a Milano per Tutto Food 2015 “Una vetrina globale per affermare il nostro gusto”

Scritto da Massimo Lucidi il . Pubblicato in Alimentari e Bevande

Alla Fiera di Milano Rho dopo appena due giorni dall’apertura di EXPO inizia il 3 maggio e si protrae fino al 6 TUTTO FOOD l’evento business to business dedicato all’alimentazione e Caffo ha un suo spazio espositivo ricco di prodotti ma anche di contenuti e novità. Di prodotto, non solo commerciali.

La Distilleria Caffo presenta il “Capo’s Drink” un prodotto testato e apprezzato sul piano locale, che ha tutti i numeri per puntare al successo globale forte di un gusto unico e piacevole che incontra i favori dei giovani alla ricerca di un’esperienza di qualità, di freschezza, leggermente alcolica. La sua esclusiva formulazione deriva dall’antica ricetta del famoso liquore d’erbe di Calabria Vecchio Amaro del Capo. Capo’s Drink è una bevanda innovativa ottenuta dall’infusione di tante benefiche erbe aromatiche ed agrumi di Calabria, sapientemente dosati per ottenere un gusto unico ed inimitabile. La bassa gradazione alcolica, ed il sapore aromatico e rinfrescante, rendono Capo’s il drink giusto per dissetarsi in modo naturale da soli…o in buona compagnia! Suggerisce lo stesso sito www.caffo.com.

Con Capo’s Drink si conferma l’attenzione del gruppo Caffo per i target giovani e internazionali, proponendo una originalissima bevanda che più di qualche chef propone anche come alternativa alla classica “birretta” da accompagnare alla tradizionale pizza. Tuttofood sarà dunque il luogo dell’originale confronto sui temi della tradizione e innovazione alimentare con protagonisti cuochi e operatori professionali della ristorazione e appassionati clienti della Distilleria Caffo che compie 100 anni quest’anno. Il mondo degli amari e dei distillati, da tradizione è un mondo antico fatto di passioni e di sapori che nell’ultimo decennio ha fortemente risentito della crisi, ma non per il gruppo Caffo che si è invece proposto in modo vincente tanto da avere un aumento di fatturato e di volumi che non solo non conosce la crisi, ma cresce. Ad oggi a quota quasi 4 milioni di bottiglie prodotte che rappresentano in volume una quota di mercato 2014 del 15,9% con un trend di crescita del +26,1% rispetto al 2013.

Segno manifesto delle capacità manageriali della proprietà, affiancata dai dirigenti, di stare sui mercati italiani e stranieri, di nicchia come quelli del passato, pensiamo alla caccia, ma nel contempo attenti a cogliere ogni prospettiva dei mercati futuri: incontrando il gusto dei giovani e sollecitando nuove abitudini di consumo. A tale riguardo, è ricco il programma all’interno dello stand targato Caffo con la presentazione del libro “Storie di caccia e cucina” di Michele Milani, e le degustazioni della nuovissima bevanda Capo’s Drink.

Illuxit Onoranze Funebri: testimonianza di una storica realtà nazionale proiettata sulla formula in franchising e in espansione verso il mercato estero

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Aziende

L’azienda di onoranze funebri Illuxit può essere a buon conto annoverata tra le storiche realtà nazionale leader del settore, che attualmente sta procedendo con ottimi riscontri nella sua diffusione con la formula dell’affiliazione in franchising e sta progettando un’importante proiezione anche sui mercati esteri, con una distribuzione crescente e capillare sul territorio.

L’amministratore delegato, il Dottor Gaetano Carbonara, nell’illustrare l’origine della struttura in franchising spiega “L’idea è nata dal fatto che molte imprese del periodo assoldavano procacciatori per recuperare servizi, a mio avviso non sempre agendo in modo trasparente e adeguato al particolare ambito operativo. Così, ho pensato che per poter incrementare i fatturati era necessario intervenire creando un’apposita rete commerciale qualificata di venditori professionisti. Da qui è scaturita la prima idea delle rete di onoranze funebri, che si sviluppa e si evolve in un vero e proprio moderno progetto in franchising. Negli ultimi 10 anni abbiamo realizzato i centri servizi Illuxit su tutto il territorio nazionale. Abbiamo avvicinato i potenziali investitori eliminando i pregiudizi. Importante evidenziare, che grazie al nostro progetto non è indispensabile entrare in contatto con la salma. Successivamente abbiamo anche abbattuto i costi, fornendo direttamente i servizi funebri all’affiliato, così che non debba affrontare la spesa ingente per l’acquisto del carro funebre o assumere del personale preposto al servizio, lasciandogli soltanto il discorso relativo alla gestione della parte di tipo commerciale”.

In riferimento alla prossima fase di espansione, che toccherà paesi esteri, Carbonara dice “La Spagna è un paese, che riteniamo di particolare interesse per lo sviluppo di piccole-medie imprese e rientra nei nostri progetti di espansione da attuare nel 2015. Poi ci rivolgeremo anche ad altri paesi, sempre valutando e ponderando attentamente le migliori prospettive. Offerte per strutturare al meglio il comparto di gestione aziendale”.

Il colore diventa vibrazione ed energia nella concezione dell’artista Silvia Tuccimei

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

Silvia Tuccimei, intraprendente artista contemporanea, scultrice e pittrice a tutto tondo, di recente ha partecipato con successo alla grande mostra di “Spoleto incontra Venezia” curata dal professor Vittorio Sgarbi, che si è svolta nella magica cornice di Venezia dal 27 Settembre al 24 Ottobre scorsi. Il vivace e camaleontico estro creativo l’ha portata a cimentarsi anche fuori dall’Italia, conseguendo una fama internazionale. In particolare, in Francia e in Australia ha condotto delle interessanti e stimolanti ricerche di sperimentazioni con un percorso progettuale multiforme.

Nel commentare il forte imprinting dell’elemento cromatico all’interno del suo stile espressivo la Tuccimei sottolinea come “L’importanza dei colori e della luce nella vita è tale, che da sempre l’uomo se ne è occupato, i colori ci circondano ovunque e ci inebriano con la loro forza energetica. Per me il colore è vibrazione, è energia in movimento. Gli studi compiuti sulla luce e sul colore hanno occupato l’uomo fin dai tempi più remoti. Ad esempio l’illustre letterato tedesco Goethe ha individuato la ‘teoria dei colori’ che considerai colori nel loro insieme, secondo la legge dell’armonia universale e la luce come un valore indivisibile. Fin dall’antichità è assai diffusa la cromoterapia, metodo curativo applicato attraverso l’effetto positivo dei colori”. E prosegue sottolineando “Nella scultura ‘Orgasmo cosmico critica della società edonistica’ e nel quadro ‘Fuoco sacro’ spiccano appieno queste mie riflessioni, con il filo conduttore portante, che funge da Trait d’union simbolico dell’uso di tonalità e sfumature cromatiche a me molto care e che assumono un particolare significato sotteso all’interno delle due composizioni strutturali. A ciò si aggiunge la forma peculiare distintiva e connotativa di entrambe le creazioni, che avvolge lo spettatore coinvolgendolo a livello emozionale e creando un’immaginaria compenetrazione dell’opera stessa, che gli permette di interagire attivamente con essa ed intraprendere quasi una sorta di viaggio iniziatico di immersione alla scoperta dei profondi messaggi subliminali racchiusi e celati. Lo spettatore deve saperli cogliere con pronta sensibilità e condividerne l’interpretazione soggettiva”.

Sulla Tuccimei è stato scritto “Pur essendosi formata nella tradizione scultorea e pittorica tendenzialmente classica, ha intrapreso una sorprendente evoluzione di ‘affrancamento dogmatico’ creandosi un proprio linguaggio comunicativo davvero moderno, innovativo e sui generis. Si cala nella contemporaneità scegliendo di fondere insieme tematiche di impronta sociale, come la ricerca dell’uomo per il recupero di un’identità, con la componente di ispirazione surrealista e onirica, a favore della liberazione delle potenzialità immaginative per il raggiungimento di uno status conoscitivo ‘al di là’ della realtà in una dimensione in cui razionalità e inconscio sono al contempo presenti e si conciliano, in maniera armonica e radicata”.

I corpi senza veli di Barbara Missana esposti a “Spoleto incontra Venezia”

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

Il sontuoso Palazzo Falier, che si affaccia sul coreografico Canal Grande veneziano, si prepara ad accogliere un appuntamento di portata internazionale, le grandi mostre di “Spoleto incontra Venezia” curate dal critico Vittorio Sgarbi, con la direzione del manager produttore Salvo Nugnes. L’evento di forte risonanza mediatica si terrà dal 28 settembre al 24 ottobre 2014.

Nel ricco parterre di artisti selezionato, sarà presente anche Barbara Missana, autodidatta, che all’età di 17 anni ha iniziato a dipingere su tela le prime raffigurazioni di nudi femminili, per esternare la sua indagine sulla peculiare simbologia del linguaggio del corpo, nel rapporto stretto con la carnalità e per compiere un’analisi accurata a livello introspettivo, della postura e della gestualità generata dalle loro pose ad intreccio.

Spiegando il suo particolare e variegato percorso di ricerca dice “Il frutto dell’attenzione verso la simbologia del corpo è questo insieme di figure -metafisiche- che rappresentano i desideri irraggiungibili e nascosti, le passioni amorose e i dubbi esistenziali di ogni giovane donna. La mancanza del volto rafforza il potenziale comunicativo dei corpi, che con le loro pose esprimono una rappresentazione magica, ma allo stesso tempo concreta della realtà, costernata da illusioni, dubbi, enigmi, mistero”. E aggiunge sottolineando “Le mie figure sono pertanto il ritratto di un’espressione dietro cui si cela la percezione, che io ho del mio corpo e del mio stato interiore, che prendono vita grazie alle fluenti pennellate, che -sento- come miei colori: il viola, il rosso, il giallo, il nero, il bianco”.

Uno tra i protagonisti dell’Expo 2015 sarà il noto volto televisivo Max Laudadio dopo la mostra di successo alla Milano Art Gallery

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Fotografia

Da Striscia la Notizia all’Expo 2015. Stiamo parlando di Max Laudadio, storico inviato del celebre Tg satirico di Canale 5, che ha da pochissimo inaugurato la sua personale fotografica “Quattr’occhi sul Mondo” presso la prestigiosa galleria milanese Milano Art Gallery, con la curatela del Prof. Vittorio Sgarbi e organizzata dal manager Salvo Nugnes. La mostra, che sarà in allestimento fino al 10 maggio, con ingresso libero, espone le numerose fotografie scattate durante i suoi viaggi Laudadio in giro per il Mondo, presentati un’innovativa tecnica tutta da scoprire, molto apprezzata da illustri personaggi come Bob Krieger, Mauro Corona e Ugo Nespolo.

L’autore sarà uno degli artisti di punta dell’Esposizione Internazionale Expo 2015, manifestazione che permetterà di creare ottime sinergie e una fitta rete di scambio culturale tra gli esponenti più in voga del panorama artistico mondiale. A questo proposito, in un’intervista rilasciata afferma “Oggi non è più accettabile limitarsi ad offrire un prodotto indirizzato al piccolo Paese-Italia, non esistono confini per l’arte e la cultura e non devono esistere confini nella loro diffusione“.

 

Dalla chirurgia al cinema, il Dott. Bruno Bassetto presente alla 70° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica a Venezia ospite del manager Salvo Nugnes – Agenzia Promoter

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Aziende, Comunicati Stampa, Film, Salute

C’è grande attesa per l’inaugurazione della 70° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, organizzata dalla Biennale di Venezia, che si terrà Mercoledì 28 Agosto presso il lido della Città. Tra le personalità del panorama attuale sarà presente anche il Dott. Bruno Bassetto, luminare della chirurgia estetica e plastica, in quanto appassionato al cinema e all’arte e, in particolare, sostenitore del regista statunitense Quentin Tarantino, e non nuovo a queste manifestazioni.

Bassetto infatti si dichiara molto vicino a queste arti ed è pienamente d’accordo con lo scopo principale del Festival, cioè quello di favorire la conoscenza e la diffusione del cinema internazionale in tutte le sue forme d’arte, di spettacolo e di industria, in uno spirito di libertà e di dialogo. Il noto chirurgo afferma “La chirurgia estetica, come il cinema, vuole far emergere l’anima interiore presente in ognuno di noi e rimodellata a seconda di canoni precisi da noi stabiliti.”

Il Dott. Bassetto è un punto di riferimento autorevole in campo medico e ha consolidato la sua posizione attraverso anni di intensa formazione pratica e teorica in Italia e all’estero. Finora, vanta più di 5000 pazienti e opera principalmente tra Veneto e Trentino. La sua perla è la Clinica sanitaria Marostica Salus da lui fondata e diretta, con sede a Marostica (VI), dove ha creato una rete assistenziale specialistica modernizzata e di assoluta affidabilità.

La celebre artista genovese Milena De Martino, presente quest’anno alla Biennale di Venezia, incontra personaggi vip di spicco

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Comunicati Stampa, Cultura

Con l’organizzazione del manager Salvo Nugnes Direttore di Promoter Arte, Milena De Martino porta un’opera astratta e materica al Padiglione Tibet a Venezia, che mostra la sua evoluzione artistica, recentemente concentrata su una pittura che lei definisce “Astratto materico informale” e che vede come protagonisti oggetti spaziali come galassie, comete e stelle.

 Della sua opera l’artista dice: “Io espongo un quadro materico, che chiamo Astratto Materico informale, che è il frutto del mio percorso, mi sono liberata dal sistema raffigurativo della pittura e adesso faccio rilievi, pitto-scultura e così via. Questo perché secondo me la trasformazione della materia ci porta sullo spazio. In particolare l’opera che espongo rappresenta galassie e pianeti, quello che secondo me è molto lontano da noi.”

La celebre artista genovese, laureata in Lettere e Filosofia presso l’Università di Genova, ha conseguito un master in filosofia orientale, detto Reiki, iniziando in seguito ad occuparsi sempre più di “Poesia visiva” esponendo in varie gallerie d’Italia.

Nella foto di repertorio qui riportata possiamo vedere la De Martino in compagnia del celebre attore, registra e produttore cinematografico statunitense Denzel Washington; infatti l’artista nel corso della sua carriera ha avuto la possibilità di conoscere molte celebrità del mondo dello spettacolo, della cultura e dell’arte.

Intervista all’artista Milena De Martino in occasione dell’esposizione della sua opera presso il Padiglione Tibet a Venezia

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Comunicati Stampa, Cultura

Sabato 1 Giugno 2013 è stato inaugurato il Padiglione Tibet, a Venezia, evento parallelo alla 55° Esposizione Internazionale d’Arte. In occasione dell’esposizione della sua opera “Espansione” Milena De Martino rilascia un’intervista.

SIAMO A CONOSCENZA DELLA SUA PRESTIGIOSA PARTECIPAZIONE AL PADIGLIONE TIBET PRESSO LA CHIESA DI SANTA MARTA A VENEZIA, CHE INAUGURERÀ DOMANI, COMPLIMENTI! È LA PRIMA VOLTA CHE ESPONE A VENEZIA?

Si, è la prima volta che espongo qui, ma conosco bene questa splendida città che è Venezia. Sono andata in visita molte volte in questi anni e ho avuto il piacere più volte di visitare la Biennale.

COME VEDE LA BIENNALE D’ARTE?

È un’esibizione artistica molto importante, credo la più grande del mondo. La localizzazione stessa della Biennale è incredibile: Venezia, la culla dell’arte da secoli, che ha ispirato e attirato artisti da tutto il mondo.

CHE OPERA ESPONE?

Io espongo un quadro materico, che io chiamo “Astratto Materico informale”, che è il frutto del mio percorso, mi sono liberata dal sistema raffigurativo della pittura e adesso faccio rilievi, pitto-scultura e così via. Questo perché secondo me la trasformazione della materia ci porta sullo spazio. In particolare l’opera che espongo rappresenta galassie e pianeti, quello che secondo me è molto lontano da noi.

CHE SIGNIFICATO DÀ A QUEST’OPERA?

Il titolo della mia opera è “Espansione”, e con questo voglio andare oltre ciò che noi vediamo della materia, oltre quello che è il nostro concetto di materia, e attraverso il colore trovare un’energia che va oltre noi stessi.

QUAL È LA SUA FORMAZIONE?

La mia formazione è artistico-filosofica, ho fatto la scuola d’arte e poi l’accademia, in seguito mi sono laureata in filosofia.

COME HA CONOSCIUTO IL DOTT. SALVO NUGNES?

L’ho conosciuto durante un’asta con un gallerista che mi ha preso sotto l’ala un paio d’anni fa, il signor Merighi, che è un mercante d’arte contemporanea e appunto durante quest’occasione ho avuto appunto l’opportunità di conoscere il dott. Salvo Nugnes, Direttore di Agenzia Promoter e Promoter Arte.

QUALI SONO I SUOI PROGETTI ARTISTICI FUTURI?

Io ho il progetto di fare un tour, di esporre in varie piazze importanti che sono Monaco, Milano, Lugano, Venezia e Roma. Arrivo già da un percorso molto lungo dove ho esposto varie volte e continuo con questo tour in queste bellissime piazze italiane e non per far conoscere la mia arte.

Milena De Martino in mostra con la sua arte materica al Padiglione Tibet di Venezia – Agenzia Promoter

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Comunicati Stampa, Cultura

Originale manifestazione quella a cui partecipa la celebre artista genovese Milena De Martino, che vedrà una delle sue significative opere in esposizione al “Padiglione Tibet” all’interno dello spazio di Santa Maria dei Congressi a Venezia, in contemporanea e parallelamente alla 55° Biennale d’Arte.

La De Martino, laureata in Lettere e Filosofia presso l’Università di Genova, ha conseguito un master in filosofia orientale, detto Reiki, iniziando in seguito ad occuparsi sempre più di “Poesia visiva” esponendo in varie gallerie d’Italia. Con l’organizzazione di Promoter Arte di Salvo Nugnes, Milena porta “Espansione” opera astratta e materica, che mostra l’evoluzione artistica di Milena, recentemente concentrata su una pittura più informale, che vede come protagonisti oggetti spaziali come galassie, comete e stelle. La De Martino afferma «L’amore per il lontano, come diceva Nietzsche, mi sta convincendo e cerco di trasmetterlo attraverso la mia creatività».

Il “Padiglione Tibet” a cura di Ruggero Maggi, inaugurerà domani, Sabato 1 Giugno 2013, alle ore 18.00 e sarà allestito fino al 7 Settembre 2013.