Posts Tagged ‘Giuseppe Oliva’

2019 da scintille per Giuseppe Oliva: Milano Art Gallery proroga la personale

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

Il 2019 per il pittore di origini ragusane Giuseppe Oliva è un anno ricco di soddisfazioni. Da dove cominciare? Solo negli ultimi mesi la sua arte è stata protagonista di una serie di eventi che hanno riportato l’attenzione sul suo personalissimo stile. La mostra personale Impressioni del tempo, inaugurata lo scorso giovedì 6 giugno nella storica Milano Art Gallery (in via Alessi 11, MI) con la presentazione del curatore di mostre e grandi eventi Salvo Nugnes, di Carlo Motta di Editoriale Giorgio Mondadori e del fotografo di fama internazionale Roberto Villa, ha riscontrato immediatamente il meritato successo di critica e pubblico. E cavalcando la scia, la sede espositiva prolungherà l’esposizione di altre due settimane, chiudendo così il prossimo 4 luglio.

Ma a breve si potranno osservare le creazioni del maestro a Spoleto (PG), presso il Palazzo Leti Sansi, in occasione della mostra internazionale Spoleto Arte presentata dal prof. Vittorio Sgarbi e dal prof. Francesco Alberoni, in concomitanza con il Festival dei Due Mondi. Presenti per l’inaugurazione l’organizzatore Salvo Nugnes, presidente di Spoleto Arte, la giornalista Silvana Giacobini, già direttrice di «Chi» e «Diva e Donna», l’artista José Dalì, figlio di Salvador Dalì, la scrittrice e psicoterapeuta Maria Rita Parsi e molti altri ospiti illustri. A partire da sabato 29 giugno dunque, in via Arco di Druso 37, i dipinti di Giuseppe Oliva porteranno l’anima blu della Sicilia nel cuore della città spoletina.

Proprio per il talento artistico dimostrato, inoltre, all’artista è stato conferito il Premio Caravaggio dall’associazione Spoleto Arte quale “prova della qualità del suo lavoro nel panorama artistico contemporaneo”. Inutile dire poi che i suoi quadri abbiano capacità comunicative superbe, in grado di affascinare chiunque. Il gusto raffinato con cui il pittore dipinge l’essenza delle stagioni, della terra in cui ha vissuto, della distesa marina che tanto ama rivela una sensibilità straordinaria. La ricerca dei toni e l’utilizzo di una stesura materica del colore aggiungono alla tela un universo di intense sensazioni, distribuite elegantemente sulla superficie attraverso delicate spatolate. Il carattere di queste “evocazioni” brilla di luce, di vissuto, è tanto scultoreo quanto in perenne movimento. Vedere per credere.

Fino al 4 luglio la Milano Art Gallery resterà aperta tutti i giorni dalle 14.30 alle 19, a eccezione della domenica. Dal 29 giugno invece per ammirare i lavori dell’artista sarà possibile recarsi a Palazzo Leti Sansi. Per ulteriori informazioni è possibile chiamare lo 0424 525190, scrivere a info@milanoartgallery.it o a org@spoletoarte.it.

Milano Art Gallery applaude Giuseppe Oliva: la sua personale è un successo

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

Ha lasciato senz’altro un’ottima impressione sul pubblico la personale dell’artista Giuseppe Oliva, inaugurata ieri, giovedì 6 giugno, nella storica Milano Art Gallery. In via Alessi 11, nel cuore di Milano, il pittore di origini ragusane ha aperto la rassegna presentata dal fotografo di fama internazionale Roberto Villa, amico di Pier Paolo Pasolini e di Dario Fo, da Carlo Motta responsabile editoriale di Editoriale Giorgio Mondadori e dal curatore di mostre e grandi eventi Salvo Nugnes, organizzatore della mostra. Impressioni del tempo ha suscitato nei presenti meraviglia e ammirazione nei confronti dell’autore, capace di raccontare finemente i più lievi mutamenti della natura.

I colori evocativi delle terre in cui ha vissuto, del mare che tanto ama, hanno affascinato gli ospiti giunti per il vernissage. Il blu intenso della sua Sicilia rivela la sensibilità dell’artista nel catturare il particolare quale parte del tutto attraverso dense spatolate. Oliva cerca di addentrarsi in modo sempre più forte e incisivo nella realtà circostante. Spiega infatti: «La sovrapposizione dei colori, senza confonderli e mischiarli, permette di ottenere una superficie omogenea su cui poi, scavando con dei passaggi di spatola, si possono ricavare delle sensazioni di movimento e di profondità e ciò mi attira in particolar modo in questa forma di pittura».

Ciò che Giuseppe Oliva cerca di fare è trasmettere al fruitore non solo le emozioni, ma anche dei riferimenti – e qui si potrebbe aggiungere sensoriali – del proprio vissuto. La dicotomia tra l’infimo e il tutto, la compenetrazione tra queste due esistenze fa sì che si possano apprezzare ancor più le tele per la loro fonte ispiratrice. I dipinti di Oliva fanno riferimento alla natura, a quanto ci circonda e, attraverso il gesto energico e la luce che si riverbera tra le infinite sfumature cromatiche, fanno comprendere che le nostre emozioni generano proprio dal contesto in cui siamo immersi. Passato, presente e futuro convergono così in un’unica irresistibile visione, quella delle Impressioni del tempo.

Milano Art Gallery: Giuseppe Oliva porta in mostra le sue Impressioni del tempo

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

Torna alla Milano Art Gallery Giuseppe Oliva, l’artista siciliano che riporta con raffinatezza sulla tela le influenze della propria terra d’origine. Alle 18 di giovedì 6 giugno inaugurerà in via Alessi 11, nel cuore di Milano, la sua personale intitolata Impressioni del tempo. Presentata dal curatore di eventi e grandi mostre Salvo Nugnes e dal fotografo di fama internazionale Roberto Villa, amico di Pier Paolo Pasolini e Dario Fo, l’esposizione mira a presentare il pittore ragusano al culmine della sua carriera creativa.

Il titolo stesso, Impressioni del tempo, indica le intenzioni della mostra e, al contempo, mette in evidenza una delle principali caratteristiche di Giuseppe Oliva. Con una sensibilità unica, l’artista riesce a includere sulla tela quelle particolari percezioni che accompagnano la ciclicità delle stagioni, esplicandole nei toni che rimandano alla sua Sicilia.

Nato a Vittoria, in provincia di Ragusa, nel 1949, Oliva intraprende giovanissimo la carriera dettata dall’estrosità, influenzato in particolar modo dal trasferimento a Trapani. L’ambiente è di forte impatto e le tracce di questo speciale incontro si ritrovano tuttora nelle sue tele, specie in quelle tonalità di blu che richiamano il mare. Spostatosi successivamente a Varese, il pittore unisce nei suoi lavori tanto il Mediterraneo quanto le colline lombarde, lasciando che la sua pittura prenda un carattere quasi scultoreo. Attraverso spatolate cangianti nelle molteplici sfumature, i dipinti di Giuseppe Oliva vibrano di luce, si muovono, portano in vita le emozioni che il paesaggio suscita.

Di lui scrive Salvo Nugnes, direttore delle Milano Art Gallery: «Se si desidera concentrare una stagione su una tela è sufficiente prendere a riferimento un’opera di Giuseppe Oliva. È come osservarla in una boule de neige al cui interno vanno a librarsi solamente le sensazioni e le caratteristiche migliori di quei mesi. Con generose spatolate di vivi colori l’artista intesse le trame pregiate del tempo e le fa respirare con vibranti riflessi di luce. I suoi lavori infatti si generano dalla natura e la portano con sé, facendoci inspirare la pienezza dello spazio».

La mostra rimarrà aperta fino al 20 giugno, tutti i giorni dalle 14.30 alle 19, a eccezione della domenica. Per ulteriori informazioni è possibile chiamare lo 02 7628 0638, scrivere a info@milanoartgallery.it oppure visitare il sito www.milanoartgallery.it.

Milano Art Gallery: in visita il famoso stilista Alviero Martini e Andrea Pinketts di Italia 1

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

Si è aperta con successo la mostra collettiva Riflessioni Contemporanee presentata da Vittorio Sgarbi, allestita presso lo storico spazio milanese della Milano Art Gallery in via Alessi 11 e organizzata dal manager della cultura Salvo Nugnes. Tra i personaggi noti, che stanno visitando l’interessante esposizione, lo scrittore noir Andrea Pinketts, conosciuto come popolare volto televisivo della trasmissione Mediaset “Mistero”, grande appassionato e intenditore d’arte e Alviero Martini, l’eclettico stilista e creativo di fama internazionale. Nell’occasione Pinketts ha espresso positivi apprezzamenti per le opere e ha commentato l’iniziativa in tono molto favorevole, congratulandosi per l’elevato livello qualitativo. Alviero Martini si è soffermato con interesse a visionare la selezione di opere, esprimendo valutazioni di generale consenso. La mostra, nel cuore di Milano, raccoglie una selezione di creazioni eterogenee e versatili nello stile, realizzate da artisti contemporanei di talento, italiani e stranieri e ha un’impronta cosmopolita. L’elenco nominativo degli espositori è: Giuseppe Oliva, Elettra Spalla Pizzorno, Franco Carletti, Maurilio Iembo, Luciana Palmerini, Piero Boni, Giacomo Frigo, Antonio Mazzetti, Michele Toniatti, Maurizio Saletti in arte Maus, Giusy Milone, Giacomo Premoli, Gabriella Di Natale, Silvana Mascioli, Caterina Loia, Maria Franca Grisolia, Roberto Bonetti, Ugo Mainetti, Luisella Abbondi, Luca Tridente, Ferdinando Valentini, Lia Caracciolo, Antonella Carraro, Lucio Palumbo, Rolando Rovati, Liana Bolaffio, Gianfranco Massimi, Rosangela Giusti, Anna Laura Raffa in arte Diane Bonjour, Parid Dule, Emanuela Corbellini, Gabriella Ventavoli, Gabriella Martino, Sergio Acerbi, Carla Monti.

Milano Art Gallery: grande successo per la mostra presentata da Vittorio Sgarbi

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

Si è svolto con successo, lo scorso 16 dicembre, il vernissage della prestigiosa mostra collettiva dal titolo Riflessioni Contemporanee allestita presso il rinomato spazio milanese della Milano Art Gallery, in via Alessi 11, a due passi dal centro cittadino e visitabile fino al 14 gennaio 2017 con ingresso libero. L’evento espositivo, è organizzato dal manager della cultura Salvo Nugnes. L’inaugurazione ha visto come presenza straordinaria Vittorio Sgarbi, che nell’occasione ha tenuto un’interessante conferenza e ha speso commenti e considerazioni autorevoli sulle opere in mostra, appartenenti ad un selezionato gruppo di talentuosi artisti contemporanei, italiani e stranieri. Una calorosa accoglienza è stata riservata al noto critico e storico d’arte, che con l’innato carisma e l’abile verve dialettica, ha intrattenuto il nutrito pubblico, attento e partecipe. In riferimento alla pregevole iniziativa, l’organizzatore Salvo Nugnes, ha spiegato: “Anche quest’anno abbiamo voluto concludere simbolicamente le attività artistico-culturali con una mostra presentata da Sgarbi nella nostra storica galleria nel cuore di Milano, per dare lustro all’evento e godere della sua indiscussa competenza in materia. Abbiamo inserito opere realizzate da artisti dalle versatili doti creative e dagli stili espressivi eterogenei, in nome dell’arte libera e della sua libera fruizione. Ci prepariamo già per il 2017, proponendo un ricco e denso calendario, con un programma diversificato di situazioni importanti, tra Italia ed estero, nell’intento di offrire al sempre crescente gruppo di artisti espositori, una serie di positive e stimolanti opportunità ,che siano qualificanti e funzionali per il loro percorso. Il nostro obiettivo primario, è continuare con impegno concreto a operare all’insegna del motore trainante di un messaggio sociale, che vuole promuovere e rendere l’arte e la cultura accessibile e alla portata di tutti i target di fruitori e ci vede sempre in prima linea come tenaci portavoce a sostegno. L’elenco nominativo degli artisti partecipanti è: Giuseppe Oliva, Elettra Spalla Pizzorno, Franco Carletti, Maurilio Iembo, Luciana Palmerini, Piero Boni, Giacomo Frigo, Antonio Mazzetti, Michele Toniatti, Maurizio Saletti alias Maus, Giusy Milone, Giacomo Premoli, Gabriella Di Natale, Silvana Mascioli, Caterina Loia, Maria Franca Grisolia, Roberto Bonetti, Ugo Mainetti, Luisella Abbondi, Luca Tridente, Ferdinando Valentini, Lia Caracciolo, Antonella Carraro, Lucio Palumbo, Rolando Rovati, Liana Bolaffio, Gianfranco Massimi, Rosangela Giusti, Anna Laura Raffa alias Diane Bonjour, Parid Dule, Emanuela Corbellini, Gabriella Ventavoli, Gabriella Martino, Sergio Acerbi, Carla Monti.

Le tele di Giuseppe Oliva: creazione e immaginazione a Spoleto Arte

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

È stata ufficialmente prolungata fino al 27 agosto 2015 la grande mostra di “Spoleto Arte” con la curatela di Vittorio Sgarbi; è visitabile ad ingresso libero a Palazzo Leti Sansi, a Spoleto, tra via Arco di Druso e Piazza del Mercato. La direzione organizzativa è del manager della cultura Salvo Nugnes, presidente di Spoleto Arte. Tra le presenze di spicco in esposizione c’è il pittore Giuseppe Oliva che propone una serie di tele improntate all’informalismo astratto e materico e realizzate utilizzando la spatola al posto del pennello.

Nell’individuare i caratteri salienti del suo stile, è stato scritto: “Lo spirito creativo e la vena immaginaria si ribellano alle costrizioni mentali che l’apparenza e la scorza esterna delle cose nel loro realismo tendono ad imporre. Oliva è stimolato ad astrarre dagli aspetti contingenti, a compiere una sorta di scandaglio analitico del reale alla ricerca di un ordine codificato, costituito da schemi e strutture essenziali che non hanno bisogno di impalcature e orchestrazioni figurative per sprigionare la loro coinvolgente essenza contenutistica e per attirare e conquistare la curiosità e l’attenzione da parte dello spettatore“.

Inoltre si evidenzia: “Chi guarda viene indotto e sollecitato ad una forma d’interpretazione svincolata e scevra da filtri e barriere e viene lasciato assolutamente libero di percepire e recepire, nel massimo risveglio sensoriale, con un’interazione compenetrante. Da autentico artista guidato dall’anima, cede al bisogno viscerale di mostrare la sua visione, la sua consapevolezza d’essere e d’esistere, per condividerle con il fruitore“.

“Milano Art Gallery”: opere in mostra di Amanda Lear e Giuseppe Oliva

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

È stata inaugurata con grande affluenza di pubblico la mostra intitolata “Passioni”, in cui sono radunate opere della carismatica Amanda Lear e di altri artisti dell’arte contemporanea. L’apertura si è svolta sabato scorso, 13 giugno 2015, presso la “Milano Art Gallery” di Venezia, in Calle dei Cerchieri, 1270, zona Dorsoduro, con la partecipazione straordinaria, in qualità di ospite ed artista espositrice, di Amanda Lear, conosciuta in tutto il mondo per la sua carriera di cantautrice, attrice, pittrice e presentatrice televisiva, nonché musa ispiratrice del pittore surrealista Salvador Dalì, suo mentore d’arte. L’organizzazione è del manager Salvo Nugnes. Le opere saranno visitabili, con ingresso gratuito, fino al 14 luglio.

Nel selezionato parterre di artisti presenti con le loro opere all’esclusiva mostra Giuseppe Oliva.

La Dott.ssa Elena Gollini, curatrice di testi d’arte e giornalista, scrive di lui: «Entrare in un suo quadro è come rivivere il momento saliente e cruciale dell’atto creativo, nel suo assoluto coinvolgimento e trasporto emotivo ed emozionale. Le creazioni sono delle vere e proprie rappresentazioni del moto dell’anima, che lo guida nel realizzare le immagini trasfigurate, riferite a paradisi naturali, incantevoli e incontaminati, che affiorano sedimentati nella memoria del ricordo, del vissuto e del percorso esistenziale. Si tratta di immagini complesse, sfaccettate e cariche di significati e simbologie, che si intrecciano e si sovrappongono tra loro nell’elaborazione di una ricca trama compositiva, fitta e variegata, che svela la volontà di approfondire un linguaggio narrativo intriso di elementi e componenti da interpretare e recepire con acuta e spiccata intuizione. Nei quadri non bisogna cercare richiami dogmatici tradizionali, strutture accademiche predefinite e sistemi modulari convenzionali e consueti. Bisogna, altresì, immergersi con approccio penetrante e permeante nella sensibilità dell’artista, espressa da pennellate vigorose, spatolate robuste, cromatismo acceso e marcato per capire e sentire ciò che vuole trasmettere del suo modo di percepire la realtà e le sue astrazioni interiori, il modo circostante e il rapporto con la natura e l’adorato mare della sua Sicilia, che vive e nutre i ricordi del cuore».

Giuseppe Oliva in mostra presso Palazzo Leti Sansi per “Spoleto Arte” a cura di Vittorio Sgarbi

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

Nel cuore di Spoleto, presso il Palazzo Seicentesco Leti Sansi, sarà allestita dal 27 giugno al 27 luglio 2015, in concomitanza del Festival dei 2 Mondi, manifestazione che ogni anno richiama migliaia di amanti della cultura e dell’arte, la mostra “Spoleto Arte”. Il vernissage si terrà alle ore 18.30 di sabato 27 giugno. L’iniziativa è organizzata dal manager della cultura Salvo Nugnes e curata dal rinomato Prof. Vittorio Sgarbi, il quale sarà presente all’evento inaugurale come ospite d’onore. Altra presenza speciale è quella della celebre Amanda Lear, pittrice, cantautrice, attrice e presentatrice televisiva, in qualità di ospite ma soprattutto di artista, in mostra con alcuni straordinari dipinti di sua produzione.

Tra gli artisti troviamo anche l’astrattista Giuseppe Oliva, di cui scrive la Dott.ssa Elena Gollini, curatrice di testi d’arte e giornalista: «Entrare in un suo quadro è come rivivere il momento saliente e cruciale dell’atto creativo, nel suo assoluto coinvolgimento e trasporto emotivo ed emozionale. Le creazioni sono delle vere e proprie rappresentazioni del moto dell’anima, che lo guida nel realizzare le immagini trasfigurate, riferite a paradisi naturali, incantevoli e incontaminati, che affiorano sedimentati nella memoria del ricordo, del vissuto e del percorso esistenziale. Si tratta di immagini complesse, sfaccettate e cariche di significati e simbologie, che si intrecciano e si sovrappongono tra loro nell’elaborazione di una ricca trama compositiva, fitta e variegata, che svela la volontà di approfondire un linguaggio narrativo intriso di elementi e componenti da interpretare e recepire con acuta e spiccata intuizione. Nei quadri non bisogna cercare richiami dogmatici tradizionali, strutture accademiche predefinite e sistemi modulari convenzionali e consueti. Bisogna, altresì, immergersi con approccio penetrante e permeante nella sensibilità dell’artista, espressa da pennellate vigorose, spatolate robuste, cromatismo acceso e marcato per capire e sentire ciò che vuole trasmettere del suo modo dii percepire la realtà e le sue astrazioni interiori, il modo circostante e il rapporto con la natura e l’adorato mare della sua Sicilia, che vive e nutre i ricordi del cuore».

Al Museo Canova di Possagno in esposizione l’astrattismo di Giuseppe Oliva in una mostra inaugurata da Vittorio Sgarbi

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

Ha ottenuto davvero ottimi consensi l’inaugurazione della mostra “Contemporary Art Expo”, avvenuta in data sabato 9 maggio 2015 presso il suggestivo ambiente del Museo Gipsoteca Canova di Possagno. L’evento è stato organizzato dal manager della cultura e presidente di “Spoleto Arte” Salvo Nugnes e ha visto la presenza, come ospite d’onore della serata, del rinomato critico d’arte Vittorio Sgarbi, che ha intrattenuto gli ospiti in maniera alquanto eccezionale guidandoli in una visita tra le opere settecentesche dell’artista neoclassico Antonio Canova.

Successivamente, gli ospiti si sono spostati verso l’area della mostra, dove sono presenti anche opere del pittore astrattista Giuseppe Oliva. Per descrivere le sue opere, lui stesso dice: “Le mie creazioni rispecchiano stati d’animo ed emozioni che ho provato in momenti particolari che vengono delucidati dal titolo”.
Anche la Dott.ssa Elena Gollini afferma che “Entrare in un suo quadro è come rivivere il momento saliente e cruciale dell’atto creativo, nel suo assoluto coinvolgimento e trasporto emotivo ed emozionale. Le creazioni sono delle vere e proprie rappresentazioni del moto dell’anima, che lo guida nel realizzare le immagini trasfigurate, riferite a paradisi naturali, incantevoli e incontaminati, che affiorano sedimentati nella memoria del ricordo, del vissuto e del percorso esistenziale”.

Al Museo Gipsoteca Canova il noto artista Giuseppe Oliva e altri artisti in mostra con ospite straordinario Vittorio Sgarbi

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

Il prestigioso Museo Gipsoteca Canova di Possagno si prepara ad accogliere tra le sontuose mura un importante appuntamento artistico di grande richiamo, la mostra collettiva a cui partecipano una selezionata serie di artisti contemporanei di alto livello, tra cui il poliedrico pittore Giuseppe Oliva, che è organizzata dal manager della cultura Salvo Nugnes, presidente dell’associazione “Spoleto Arte”. L’esposizione verrà allestita dal 9 maggio al 2 giugno 2015 e sarà inaugurata con la presenza d’eccezione del critico Vittorio Sgarbi in data 9 maggio alle ore 18.30.

Nei quadri di Oliva predominano i colori accesi, radiosi, lucenti, mescolati e amalgamati tra loro senza un ordine apparente. È una pittura di gesto, raffinata e dal forte impatto scenico, ispirata dall’espressionismo astratto. Nel commentarne le peculiari connotazioni distintive è stato evidenziato “All’effetto visivo l’insieme appare come una sorta di corposo e inarrestabile magma, che discende direttamente dal pathos emotivo e dalla sfera interiore dell’artista, guidato dal moto dell’anima. La miscela cromatica e alchemica delle sfumature è densa di poesia e suggestione emozionale, producendo una suadente sinfonia narrativa di contrappunti tonali e di tensioni vibranti, ritmate da una cadenza proveniente da un’armonia arcaica scaturita dalla memoria dei ricordi. Chi osserva le opere diventa parte integrante e attiva dell’opera stessa. Ne viene coinvolto grazie al dinamico flusso coloristico e alla forza propulsiva della trama strutturale, entra direttamente nella visione onirica e fantastica di un altro uomo”.

Per Oliva l’arte non è più soltanto una semplice rievocazione, ma una vera e propria formula comunicativa, la cui metafora diventa chiave di lettura della realtà e di un linguaggio codificato, da diffondere e condividere con il fruitore. La spatola, oppostamente al pennello, agisce rapida e incisiva e gli fornisce la proiezione immediata di ciò che vuole esternare ed imprimere sulle tele.