Posts Tagged ‘Giorgio Forattini’

Cultura Milano: premio alla carriera per l’avvocato Michele Zantedeschi

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Cultura, Legale

Il rinomato avvocato veronese Michele Zantedeschi, è stato insignito di un importante premio alla carriera, durante un evento svoltosi lo scorso 15 gennaio, presso la storica Milano Art Gallery, in via Alessi 11 a Milano, con l’organizzazione del manager della cultura Salvo Nugnes. L’iniziativa, rientra nel festival artistico letterario Cultura Milano, che ha visto la premiazione di nomi di spicco del panorama attuale, come Margherita Hack, Vittorio Sgarbi, Bruno Vespa, Giorgio Forattini, Katia Ricciarelli e altri personaggi affermati.

Zantedeschi, esercita sia nel ramo del diritto penale che in quello civile e amministrativo ed è conosciuto e apprezzato, a livello nazionale e internazionale, per l’esperta competenza in materia giuridica e forense. La consolidata preparazione e l’appassionato slancio nella svolgere la professione, unitamente al forte senso di giustizia e alla radicata deontologia, gli hanno fatto conseguire dei meritati successi e dei traguardi positivi. Già, in passato Zantedeschi aveva ricevuto altri premi prestigiosi per meriti professionali.

Francesco Alberoni, Cristiano De André, Barbara De Rossi, Giorgio Forattini, Andrea Pinketts…Bovolato Timbri realizza targhe premio per importanti personaggi della cultura

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Aziende

Bovolato Timbri, azienda situata in via Col di Lana 48 a Belluno, nasce nel 1922 con la fabbricazione di timbri in gomma. Durante il corso degli anni, decide di ampliare la propria produzione ed inizia con la realizzazione di targhe, porta targhe, striscioni e grafiche in vinile per vetrine e automezzi. Diventata un vero e proprio punto di riferimento nella provincia di Belluno e non solo, la ditta si distingue per la pregiata qualità dei prodotti e dei materiali utilizzati, nonché l’ineccepibile servizio alla clientela.

Partner certificato Trodat dal 2007, Bovolato Timbri di Daniele Galligani, è da più di due anni entrata in collaborazione con alcune importanti realtà come Agenzia Promoter, azienda leader nel settore management, eventi e comunicazione, e Spoleto Arte, associazione che organizza grandi iniziative artistiche e culturali, per la realizzazione di prestigiose targhe di riconoscimento alla carriera consegnate ad illustri personalità del calibro di Francesco Alberoni, Cristiano De André, Barbara De Rossi, Giorgio Forattini, Andrea Pinketts e molti altri.

Ho avuto questa ottima opportunità attraverso il contatto e la collaborazione con il manager Salvo Nugnes, Direttore di Agenzia Promoter e Presidente dell’Associazione Spoleto Arte, che mi ha coinvolto nel positivo progetto delle targhe personalizzate destinate a personaggi importanti del panorama contemporaneo” afferma il titolare e prosegue “Sono davvero soddisfatto e compiaciuto di questa sinergia commerciale per il notevole ritorno d’immagine che ne ottiene la mia Azienda e poi queste targhe sono simbolicamente un segno tangibile di stima e ammirazione che posso dimostrare ai nomi prestigiosi premiati con esse, sapendo che le conserveranno nel tempo”.

Giorgio Forattini inaugura “International Art Expo” presso la Milano Art Gallery: Marzia Americo fra gli artisti che espongono

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

La pittrice Marzia Americo rientra nel gruppo selezionato dei talentuosi artisti contemporanei coinvolti nella mostra collettiva intitolata “International Art Expo” in corso dal 24 gennaio al 13 febbraio 2015 presso l’elegante galleria milanese “Milano Art Gallery” in via Alessi 11, sotto la direzione organizzativa del manager produttore Salvo Nugnes. Il vernissage esclusivo si è tenuto sabato 24 gennaio, con la presenza prestigiosa del re del fumetto Giorgio Forattini.

L’agrigentina Americo trae la fonte d’ispirazione dal mare, a cui è profondamente legata la sua terra e dalle atmosfere del Mediterraneo. La sua è una pittura di paesaggio, che trova forza nella percezione di una dimensione antropizzata e nella completa assenza di vita umana. Vedute marine di intensa proiezione emozionale, quadri dipinti a olio che raffigurano il soggetto più amato dall’autrice: il mare nelle sue varie personalità, orizzonti d’acqua che preannunciano serenità, attesa o tempesta sono il leitmotiv dominante della sua corposa produzione.

La pittrice spiega “Desidero rappresentare al meglio i colori della mia terra e del mio mare. Nelle mie tele c’è molta passione. Io sono un’intimista, mostrarsi è sempre emozionante, perché è come denudare una parte di se stessi. La pittura per me diventa sempre più importante, la sento mia perché mi dà emozioni, che spero di trasmettere. La Sicilia è ciò che vedo e il mare al quale sono molto legata. Il mare sempre, il mare non è mai uguale a se stesso, sempre in movimento, cambia forma e colore in ogni istante. Un po’ come la vita: è verde, è azzurro, è viola e anche rosa”. La sua è una vita dedicata non solo alla pittura, ma anche al lavoro e alla famiglia “Io sono un avvocato, ma soprattutto una mamma con i pennelli sempre in mano, che insegno ai miei figli a colorare la vita ogni giorno dei colori più belli”.

Il vivace eclettismo la porta anche oltre: dall’amore per l’arte e la cultura siciliana, Marzia Americo si cimenta con successo nella realizzazione di originali paralumi artigianali dipinti ad olio, che rievocano scene dei tradizionali carretti siciliani, attualmente esposti presso il museo di arte siciliana Biscari a Catania.

Festival Artistico Letterario “Cultura Milano” consegna la prestigiosa targa alla carriera al maestro Giorgio Forattini

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

Nello storico contesto dello Spazio Culturale “Milano Art Gallery” in via G. Alessi 11, nel cuore del capoluogo lombardo, il rinomato maestro Giorgio Forattini ha ricevuto una prestigiosa targa di riconoscimento alla carriera, consegnata dal comitato costitutivo del Festival Artistico Letterario Cultura Milano, che in passato ha già consegnato l’importante premio a illustri nomi di spicco, tra cui Bruno Vespa, Corrado Augias, Margaret Mazzantini, Vittorio Sgarbi, Roberto Gervaso, Margherita Hack, Antonino Zichichi, Umberto Veronesi, Francesco Alberoni, Vittorio Feltri. L’importante evento celebrativo, che ha visto anche la presenza del Maestro Cino Tortorella, il celebre conduttore e autore televisivo, il noto Mago Zurlì dello Zecchino d’Oro, si è svolto Sabato 24 Gennaio 2015, con l’organizzazione del manager produttore Salvo Nugnes.

Salvo Nugnes spiega “Abbiamo pensato di rendere omaggio all’esimio Maestro Forattini consegnandogli questa targa premio alla carriera, come simbolico riconoscimento che il Festival Artistico Letterario ‘Cultura Milano’ vuole offrirgli. Forattini con i suoi carismatici disegni intrattiene, diverte e stimola profonde riflessioni sul piano sociale. Nei tanti anni di successi professionali si è creato uno stile unico, inconfondibile e inimitabile, a cui tutti guardano con grande stima e ammirazione“.

E prosegue sottolineando “In occasione di recenti interviste rilasciate a Rai e Mediaset, si è prontamente schierato dalla parte dei colleghi giornalisti uccisi a Parigi e con coraggio ha espresso parole forti e incisive contro il terrorismo e a favore della libertà d’espressione e della libertà di stampa, mettendosi davanti in prima persona senza paura e senza condizionamenti“.

International Art Expo alla Milano Art Gallery: Presente l’artista Anna Maria Caboni

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

Nel rinomato contesto della Milano Art Gallery, in via Alessi 11 a Milano, sarà allestita dal 24 Gennaio al 13 Febbraio 2015 una mostra collettiva di portata internazionale dal titolo “International Art Expo” che vede coinvolti artisti di spicco del panorama attuale, tra i quali Anna Maria Caboni. L’evento è organizzato dal manager produttore Salvo Nugnes e sarà inaugurato Sabato 24 Gennaio alle ore 18.00 dal grande vignettista Giorgio Forattini, ospite speciale durante il vernissage della prestigiosa iniziativa.

Anna Maria Caboni nasce e vive a Roma, si laurea in architettura dedicandosi poi all’insegnamento e in seguito allo svolgimento della sua attività lavorativa occupandosi di Edilizia Scolastica. Autrice di due opere letterarie “FA-VO-LE-VO-FA” e “Dejà – Vu”, si è sempre occupata di arte promuovendo eventi artistici e mostre, dove ha esposto anche opere personali. In un mondo dove tutto è eccessivo e prepotente, i suoi dipinti sussurrano direttamente all’anima di chi li osserva, trasmettendo il vissuto autentico della pittrice che è stato impresso su tela.

Ci parla dei dipinti della Caboni, Massimo Cagnina, spiegando che “Subito risalta, nella varietà dei dipinti, il comune denominatore di uno sferzante contrasto tra i colori vividi e le screziate interferenze dei grigi e del nero, a evocare un intenso conflitto emotivo che è la base di ogni atto artistico che voglia definirsi tale. Colpiscono i tratti lineari di visi appena accennati come quelli dei disegni dell’infanzia e in questa sede inspessiti dalla consapevolezza della maturità del dolore che non ha però rinunciato allo slancio vitale verso la luce e la bellezza di tonalità luminose e sgargianti.”

Alla Milano Art Gallery Fabio Campari partecipa alla mostra collettiva con la presenza d’eccezione di Giorgio Forattini 

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

Il giovanissimo disegnatore Fabio Campari è nel gruppo selezionato dei partecipanti alla mostra collettiva “International Art Expo” che sta per aprire i battenti all’interno della rinomata “Milano Art Gallery” in via Alessi 11 a Milano, con l’organizzazione del manager produttore Salvo Nugnes. L’esposizione sarà inaugurata in data Sabato 24 Gennaio alle ore 18.00 con la presenza di un nome di prestigio, il genio della vignetta Giorgio Forattini e rimarrà allestita fino al 13 Febbraio 2015.

“Ma è davvero un disegno?” è la domanda alla quale Fabio Campari deve rispondere ogni qualvolta qualcuno osserva una sua opera. Autodidatta, disegna fin da bambino i soggetti più vari e, crescendo la sua arte matura con lui e con il tempo e la pratica riesce a raggiungere dei risultati spettacolari, donando ai suoi disegni una precisione iperrealistica. Egli ci parla dei suoi soggetti preferiti: “Adoro disegnare i volti delle persone, quelli che trasmettono più emozioni. Per ora mi sono dedicato maggiormente a questo genere. Mi piacciono molto anche i paesaggi, soprattutto quelli immortalati durante un tramonto o durante l’alba: i colori caldi del sole rendono l’atmosfera a mio parere unica”.

Disegnare per lui è un piacere e, nonostante alcuni disegni richiedano molte ore per essere realizzati, sono un “modo per esprimere il proprio pensiero, il proprio modo di vedere il mondo, le proprie emozioni, i propri tormenti e colpire chi riceve queste sensazioni”.

Milano: Con la presenza di Giorgio Forattini Milano Art Gallery inaugura la collettiva International Art Expo, tra gli artisti Dino Bonfante

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

La storica  “Milano Art Gallery” sita in via Alessi 11 sta per accogliere l’attesa collettiva “International Art Expo” , organizzata dal manager produttore Salvo Nugnes, che raduna un corposo gruppo di artisti di prestigio del panorama attuale tra cui il fotografo Dino Bonfante. L’esposizione verrà inaugurata Sabato 24 Gennaio 2015 alle ore 18.00 con un ospite illustre, il genio della vignetta Giorgio Forattini, e rimarrà allestita sino al 13 Febbraio.

Dino Bonfante è imprenditore, collezionista d’arte e fotografo, passione che inizia presto a coltivare e che lo porterà ad avere molte mostre sia personali che collettive e ad essere apprezzato da un pubblico molto ampio. Utilizza il mezzo fotografico per catturare le emozioni e fissarle istantaneamente inizialmente sulla carta fotografica e in un secondo momento sulle tele. I temi che predilige sono la natura e l’uomo, visto in tutti gli aspetti che il “cittadino del mondo” raccoglie: momenti di riflessione, abbandono e ricerca.

Mauro Milani afferma: “Dino Bonfante rappresenta nella sua essenza più profonda il senso etimologico del verbo “fotografare” che, letteralmente dal greco significa “scrivere con la luce”. Le opere di Dino Bonfante sono infatti più vicine alla poesia che alla pittura, sono in qualche modo immagini parlanti, o meglio sussurranti. Sono immagini da guardare ma anche da ascoltare”.

L’originale arte di Nadia Buroni in mostra nel rinomato contesto della Milano Art Gallery. Ospite al vernissage Giorgio Forattini

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

Nel rinomato contesto della Milano Art Gallery, in via Alessi 11 a Milano, sarà allestita dal 24 Gennaio al 13 Febbraio 2015 una mostra collettiva di portata internazionale dal titolo “International Art Expo” che vede coinvolti artisti di spicco del panorama attuale, come Nadia Buroni, che porterà alcune interessanti creazioni pittoriche. L’evento è organizzato dal manager produttore Salvo Nugnes e verrà inaugurato in data Sabato 24 Gennaio alle ore 18.00 dal grande maestro del fumetto Giorgio Forattini, ospite speciale durante il vernissage della prestigiosa iniziativa.

La pittura della Buroni è originale, poiché modifica lo sfondo in modo significativo. Il lavoro figurativo è la sua specialità. L’intento che la guida è quello di fermare la personalità di qualcuno tramite un approccio, che si fonda sulla rappresentazione della realtà e la sua comprensione. Nel commentarne lo stile caratterizzante è stato dichiarato “La sua arte è della percezione. Ci vuole un occhio allenato e la capacità di connettersi con il soggetto in modo tale da illuminarne la profondità dell’animo attraverso la sua iconica fotografia e attraverso una maggiore consapevolezza dell’energia, che si proietta e degli effetti che si possono avere sugli altri mediante il linguaggio del corpo e tramite le espressioni subliminali, come per riconoscere gli aspetti di noi stessi, riflessi in queste intense effigie. Le emozioni sono delineate in base al colore. Dipinti ad olio che illuminano, ispirano. Quando vediamo parti di noi stessi riflessi in queste opere cominciamo a realizzare e apprezzare l’esito, che i nostri stati d’animo e le sensazioni hanno sugli altri: si tratta di una formazione e di un’esperienza che abilita”.

Su di lei Paolo Levi ha scritto “Quello che emerge nelle opere è la tenerezza, la delicata istanza delle passioni, un’ebbrezza congelata nelle morbide velature, che sfumano in contorni: per questo le osserviamo con suggestione, perché sono il tributo ad un incanto ormai perduto. La perizia tecnica della Buroni è sicura e incisiva”.

“International Art Expo”: Giuseppe Persia fra gli artisti scelti per l’attesissima mostra collettiva della Milano Art Gallery

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

Aprirà i battenti Sabato 24 Gennaio alle ore 18.00, con la presenza del noto vignettista Giorgio Forattini, la mostra collettiva “International Art Expo” all’interno del rinomato ambiente della “Milano Art Gallery” in Via Alessi 11, nel cuore di Milano. La collettiva, che raduna nomi importanti dell’arte contemporanea, è organizzata dal manager produttore Salvo Nugnes e rimarrà allestita fino al 13 Febbraio 2015. Tra gli artisti selezionati sarà presente anche il fotografo Giuseppe Persia con la sua arte che attrae e cattura lo spettatore costringendolo a osservare attentamente perché, nelle sue opere, nulla è come sembra.

Il percorso artistico di Giuseppe Persia inizia a metà degli anni Settanta accompagnato dalla sua affezionata macchina formato 10x12cm. Egli si distingue per la peculiarità degli scatti realizzati che ci fanno riflettere su come la mente umana sia facilmente influenzabile da un semplice cambio di prospettiva o di luce. La scelta dei soggetti è legata alle caratteristiche che questi gli consentono di cogliere quando li fotografa da vicino, permettendogli poi di ingrandire a dismisura i particolari selezionati trasformandoli in “forme seducenti, misteriose e, a volte, inquietanti che sembrano partire da un centro ed espandersi dall’interno all’esterno per poi fermarsi sulla soglia di un audace equilibrismo”.

Giovanna Calvo Di Ronco, scrivendo di lui definisce il suo percorso come una “ricerca artistica di tipo informale che fa prevalere la dimensione speculativa, volta ad indagare il mondo surreale dell’inconscio, un inconscio germinante da cui affiorano sia delle entità verosimili che delle entità misteriose eppure emotivamente coinvolgenti. La sua fotografia è in grado alternativamente di trascinarci nel buio o di irradiare luce, di interrogarci o di dare risposte, di invitarci al sorriso oppure alla meditazione, di farci indispettire o anche tranquillizzare; di farci persino divertire quando veniamo a sapere che i protagonisti delle sue foto sono degli onesti peperoni”.

Milano Art Gallery: Il pittore Davide “Ratzo” Ratti espone alla collettiva internazionale con la presenza d’eccezione di Giorgio Forattini

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

È ormai imminente l’inizio della collettiva “International Art Expo” cui prende parte un selezionato gruppo di artisti contemporanei di prestigio, tra cui il pittore Davide “Ratzo” Ratti. L’evento, organizzato dal manager produttore Salvo Nugnes, si svolgerà dal 24 Gennaio al 13 Febbraio 2015 presso la “Milano Art Gallery“, rinomato spazio espositivo sito in via Alessi 11 a due passi dal centro di Milano. L’inaugurazione avrà luogo Sabato 24 gennaio alle ore 18.00 e vedrà la presenza del noto disegnatore Giorgio Forattini.

Classe 1980, Davide “Ratzo” Ratti, consegue con il massimo dei voti il diploma di laurea presso l’accademia di Belle Arti di Brera nel 2005. Dopo aver lavorato per 9 anni come responsabile d’equipe, apre, nel 2008 assieme a due collaboratori, l’Hamsters Studio, un laboratorio di arte ed artigianato. La sua produzione pittorica si divide in due filoni distinti, quella figurativa realizzata prevalentemente in bianco e nero e quella astratta.

Su di lui è stato detto: “Ratti realizza immagini di gesto figurativo rappresentanti la vita quotidiana in chiave critica. Non disdegna di giocare con il gesto del gettare colore sulla tela, bensì lo interpreta in chiave metaforica mostrando letteralmente uno ‘sputo’ di colore che poi prolifera ed esce dal confine della tela conquistando uno spazio più libero e imprevedibile, metafora dell’impulso creativo che trasforma la materia-colore in traccia.”