Posts Tagged ‘Festival Artistico Letterario’

Premio Cultura Milano: Elena Gollini, curatrice della Milano Art Gallery, consegna targa a Margaret Mazzantini

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Cultura, Libri

Durante uno degli appuntamenti del Festival Artistico Letterario “Cultura Milano“, tenutosi presso il carcere di Bollate a Milano, Elena Gollini, giornalista d’arte e curatrice di importanti mostre presso la storica “Milano Art Gallery“, ha conferito alla scrittrice di fama internazionale Margaret Mazzantini, l’importante Premio Cultura Milano ideato dal manager Salvo Nugnes “per il significativo contributo culturale della sua opera letteraria di profondo spessore umano”. L’autrice, nel contesto della struttura carceraria, ha presentato infatti la sua ultima opera di successo intitolata “Splendore”, dinanzi ai detenuti, che hanno partecipato attivamente con gran interesse e curiosità.

Il rinomato Premio Cultura Milano viene conferito ai più grandi ed illustri personaggi della cultura, della letteratura, del giornalismo, della scienza e dell’arte. Tra le personalità insignite ricordiamo l’indimenticabile Margherita Hack, Bruno Vespa, Francesco Alberoni, Gillo Dorfles e Silvana Giacobini.

Cultura Milano – Il manager Salvo Nugnes e la grande Margaret Mazzantini insieme per i detenuti di Bollate

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Cultura, Italia, Opinioni / Editoriale

Il contesto carcerario di Bollate a Milano ospita un appuntamento letterario di elevato spessore culturale con protagonista la nota scrittrice Margaret Mazzantini, che terrà una conferenza sul nuovo libro di successo dal titolo “Splendore” (Mondadori) dinanzi ai detenuti, affiancata dal manager produttore Salvo Nugnes in veste di relatore. L’evento con finalità a scopo benefico-solidale, è previsto in data Venerdì 28 Marzo alle ore 15.00 e rientra nel variegato programma del Festival Artistico Letterario “Cultura Milano” di cui è ideatore e organizzatore Salvo Nugnes. “Cultura Milano” coinvolge nomi di spicco del panorama odierno per diffondere un messaggio di cultura accessibile a tutti. Tra gli illustri personaggi intervenuti agli incontri Bruno Vespa, Francesco Alberoni, Paolo Crepet, Vittorio Sgarbi, Silvana Giacobini, Piero Chiambretti, Umberto Veronesi, l’indimenticabile Margherita Hack.

Avremo mai il coraggio di accettare ciò, che realmente siamo? E’ questa la domanda, che pone l’autrice all’inizio della travolgente e passionale vicenda narrata, una storia tra due uomini cresciuti tra le strade romane e londinesi, i ricordi e le emozioni di epoche diverse, lontane da oggi, ma simili e vicine ai nostri attuali tempi sociali. La Mazzantini pone i lettori davanti alla questione gay, all’amore verso un’altra persona dello stesso sesso, evidenziando le difficoltà di accettare la differenza, la diversità e la non accettazione come causa di grave dolore fisico e psichico.

Un romanzo, che rappresenta un trionfale omaggio simbolico all’amore omosessuale. Una superba emblematica prova di scrittura della Mazzantini, che ha saputo cogliere  al meglio le sfumature di questo sentimento. Il testo rompe il muro dell’ipocrisia e del silenzio omertoso, alla stregua dei famosi romanzi ottocenteschi, che da Dostoevskij in poi rivelano la vera essenza della natura umana.

Cultura Milano: Vittorio Brumotti di Striscia la Notizia con il manager Salvo Nugnes al carcere di Opera per un evento benefico

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Opinioni / Editoriale, Sport, TV

Vittorio Brumotti, re dei guinness sportivi e popolare personaggio inviato di Striscia la Notizia è stato protagonista di un evento a scopo di solidarietà benefica per i detenuti dell’Istituto penitenziario di Opera, a Milano. Durante l’incontro, che si è svolto presso la Sala Teatro della struttura di reclusione, Brumotti ha parlato della sua carriera e del suo mondo, affiancato dal manager Salvo Nugnes, relatore e organizzatore dell’evento, per poi regalare a tutti i presenti una delle sue incredibili performance con la fidata mountain bike.

Il vulcanico Vittorio, detto 100% Brumotti, pseudonimo assai azzeccato, è amatissimo da adulti e piccini, che lo seguono tifando per le sue intrepide sfide estreme. Svelando un suo prossimo obiettivo da record mitico dice “Nella primavera 2012 purtroppo è sfumato il mio sogno di scalare l’Everest per un’autorizzazione negata dal governo nepalese e a livello legislativo e burocratico su quel fronte è ancora tutto bloccato. Ma nella mia testa ora c’è il Monte Bianco con i suoi 4.810 metri d’altezza. Io e il mio staff stiamo aspettando le dovute autorizzazioni e poi con la mia bici da corsa mi sto allenando a compiere il giro della morte, faccio le prove in Liguria dove ho creato una piscina ricoperta di gommapiuma“.

Brumotti fornisce la sua importante presenza di testimonial nella campagna itinerante di comunicazione “Una vita da social” sul rapporto dei minori con il mondo informatico e internet contro i pericoli del web. Sull’argomento sottolinea “I minori devono seguire i consigli di mamma e papà. Lancio un appello anche ai produttori di telefoni cellulari, l’orco quello delle favole può aggirarsi su internet, ma non è per nulla virtuale, bisogna sensibilizzare e prevenire i rischi connessi all’uso di internet“.

L’iniziativa rientra nel corposo ed eterogeneo calendario del Festival Artistico Letterario “Cultura Milano” organizzato da Salvo Nugnes con il motto propulsore di rendere la cultura accessibile a tutti attraverso iniziative, che ospitano illustri personalità come Vittorio Sgarbi, Margaret Mazzantini, Claudio Brachino, Mogol, Patty Pravo, Corrado Augias, Bruno Vespa, Silvana Giacobini, Paolo Limiti, Mario Luzzatto Fegiz, Paolo Del Debbio e tanti altri.

Nel carcere di Opera per un evento a scopo benefico da Striscia la Notizia, Vittorio Brumotti insieme al manager Salvo Nugnes

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Ciclismo, Spettacolo, Sport

Vittorio Brumotti, re dei guinness sportivi e popolare personaggio inviato di Striscia la Notizia è stato protagonista di un evento a scopo di solidarietà benefica per i detenuti dell’Istituto penitenziario di Opera, a Milano. Durante l’incontro, che si è svolto lo scorso Venerdì 14 Marzo presso la Sala Teatro della struttura di reclusione, Brumotti ha parlato della sua carriera e del suo mondo, affiancato dal manager Salvo Nugnes, relatore e organizzatore dell’evento, per poi regalare a tutti i presenti una delle sue incredibili performance con la fidata mountain bike.

Il vulcanico Vittorio, detto 100% Brumotti, pseudonimo assai azzeccato, è amatissimo da adulti e piccini, che lo seguono tifando per le sue intrepide sfide estreme. Svelando un suo prossimo obiettivo da record mitico dice “Nella primavera 2012 purtroppo è sfumato il mio sogno di scalare l’Everest per un’autorizzazione negata dal governo nepalese e a livello legislativo e burocratico su quel fronte è ancora tutto bloccato. Ma nella mia testa ora c’è il Monte Bianco con i suoi 4.810 metri d’altezza. Io e il mio staff stiamo aspettando le dovute autorizzazioni e poi con la mia bici da corsa mi sto allenando a compiere il giro della morte, faccio le prove in Liguria dove ho creato una piscina ricoperta di gommapiuma“.

Brumotti fornisce la sua importante presenza di testimonial nella campagna itinerante di comunicazione “Una vita da social” sul rapporto dei minori con il mondo informatico e internet contro i pericoli del web. Sull’argomento sottolinea “I minori devono seguire i consigli di mamma e papà. Lancio un appello anche ai produttori di telefoni cellulari, l’orco quello delle favole può aggirarsi su internet, ma non è per nulla virtuale, bisogna sensibilizzare e prevenire i rischi connessi all’uso di internet“.

L’iniziativa rientra nel corposo ed eterogeneo calendario del Festival Artistico Letterario “Cultura Milano” organizzato da Salvo Nugnes con il motto propulsore di rendere la cultura accessibile a tutti attraverso iniziative, che ospitano illustri personalità come Vittorio Sgarbi, Margaret Mazzantini, Claudio Brachino, Mogol, Patty Pravo, Corrado Augias, Bruno Vespa, Silvana Giacobini, Paolo Limiti, Mario Luzzatto Fegiz, Paolo Del Debbio e tanti altri.

Il manager Salvo Nugnes in conferenza al carcere di Opera con Felicita e Piero Chiambretti

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Cultura, Opinioni / Editoriale

Felicita e Piero Chiambretti saranno protagonisti di un’interessante conferenza nel contesto carcerario di Opera a Milano, per parlare dinanzi ai detenuti, organizzata dal manager agente dei vip Salvo Nugnes, in qualità di relatore. L’iniziativa, a scopo benefico solidale, è prevista in data 27 febbraio 2014 alle ore 15.00 e rientra nel vasto e variegato calendario di incontri del Festival Artistico Letterario “Cultura Milano” ideato e organizzato da Salvo Nugnes per divulgare un messaggio di cultura universale e accessibile a tutti. Nel prestigioso elenco dei personaggi, spiccano ospiti del calibro di Bruno Vespa, Francesco Alberoni, Vittorio Sgarbi, Katia Ricciarelli, Corrado Augias, Roberto Vecchioni, Silvana Giacobini, Umberto Veronesi, Mogol, l’indimenticabile Margherita Hack e tanti altri.

Piero racconta “Mia mamma mi ha avuto a 18 anni e mi ha cresciuto da sola a Torino. A 10 anni ho iniziato a scrivere un romanzo giallo, a scuola però non mi applicavo. Scambiavo la scuola per un teatro, gli insegnanti e i compagni erano il mio pubblico. Avevo l’ossessione di strappare risate. Dalle elementari alle medie ho dovuto cambiare una trentina di scuole. Quando mi sbattevano fuori mi ripresentavo in classe accompagnato non da mia mamma, ma da Luisa, una ragazza, che mi dava ripetizioni e, che indossava strepitose minigonne“.

Nell’occasione Felicita Chiambretti presenterà il suo primo libro di poesie dal titolo “Farfalle di verso” i cui proventi della vendita sono interamente destinati all’istituto piemontese di Candiolo, per finanziare la ricerca e la cura oncologica. La signora Felicita, mamma del grande Piero spiega “La mia vena poetica nasce con me, è insita in me. L’approccio alla poesia è sempre come un nuovo amore inaspettato, che matura prima nella mia coscienza, o un’ispirazione della musa, o un’onda mentale dalla quale poi scaturiscono i mezzi per la stesura della poesia“.

In conferenza al carcere di S. Vittore lo psicoanalista Paolo Crepet con il manager Salvo Nugnes

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Celebrità, Cultura, Opinioni / Editoriale

Nella struttura carceraria milanese di S. Vittore il professor Paolo Crepet affiancato dal manager produttore di grandi eventi ha tenuto una conferenza dinanzi ai detenuti.

L’incontro, tenutosi giovedì 20 febbraio alle ore 14.15, è organizzato con finalità benefica e rientra nel corposo programma del Festival Artistico Letterario “Cultura Milano” ideato da Salvo Nugnes con il motto propulsore di rendere la cultura accessibile e alla portata di tutti. Importanti iniziative si sono svolte oltre che a S. Vittore, nelle strutture di reclusione di Opera e Bollate a Milano, con protagonisti di spicco del panorama attuale, tra cui Paolo Limiti, Mario Luzzatto Fegiz, Paolo Del Debbio, Stefano Zecchi, Silvana Giacobini, Alessandro Meluzzi.

Crepet ha affrontato il tema “Impara a essere felice” da cui prende il titolo il suo libro di recente pubblicazione edito da Einaudi. Il rinomato psichiatra e psicoanalista, popolare volto televisivo, asserisce, che essere felici può accadere molto più spesso di quanto immaginiamo, dobbiamo solo lasciare, che accada. Per molti lagnarsi è più che un vezzo, è una difesa: è ciò, che sanno fare meglio, perché lo hanno imparato fin dall’infanzia. Combattere questo atteggiamento vuol dire elaborare una nuova grammatica quotidiana, avviare una piccola rivoluzione. Crepet dimostra come educare alla felicità quella autentica, da non confondere con la gioia effimera di un momento, deve essere il compito primario di ogni adulto e di ogni insegnante, così i bambini cresceranno più forti e meno ricattabili e i ragazzi saranno più liberi. Crepet sostiene, che “La felicità è quel meraviglioso sentimento, che implica la positività, la forza e il coraggio per affrontare la vita in tutte le sue pieghe, compreso quelle più dolorose. I ragazzi non hanno bisogno di piumini Moncler, ma di piume sulle ali“.

E proseguendo dichiara “La felicità è una certezza posata su fondamenta invisibili. Per questo devi continuare a cercarla e appena penserai di averla raggiunta, già sarà sfumata e dovrai inseguire la prossima. Non arrenderti mai all’idea, che la felicità non possa esserci per te da qualche parte nel mondo. Non farlo neppure l’ultimo giorno della tua vita, perché ci sarà sempre vicino a te qualcuno, che avrà bisogno di intravederla nei tuoi occhi“.

Evento a scopo benefico solidale con Paolo Crepet insieme al manager agente dei vip Salvo Nugnes nel carcere di S. Vittore

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Cultura, Opinioni / Editoriale

Il noto psicoanalista Paolo Crepet insieme al manager agente dei vip Salvo Nugnes ha tenuto un’interessante conferenza dinanzi ai detenuti nel contesto penitenziario di S. Vittore a Milano in data giovedì 20 febbraio. L’iniziativa scopo benefico solidale è inserita nell’eterogeneo calendario del Festival Artistico Letterario “Cultura Milano” di cui Salvo Nugnes è promotore e organizzatore.

Crepet ispirandosi alle tematiche affrontate nel suo nuovo libro di successo “Impara a essere felice” ha analizzato il concetto di felicità nelle sue molteplici e variegate sfumature. In questo testo emerge una reale urgenza educativa, poiché la felicità può e deve essere il vero obiettivo della formazione di un giovane e il compito primario di ogni genitore e insegnante.

Crepet spiega come “Bisogna insegnare ai ragazzi, che la felicità richiede impegno, sforzo, fatica e grande cura, perché non voli via e, che la libertà contiene sempre una parte di sana sofferenza e di rabbia“.

E sottolinea “Spesso la felicità erroneamente viene percepita come qualcosa di enorme, strabordante. In realtà, la felicità è nelle sfumature e deve essere voluta, conquistata, protetta e coltivata“. E citando a modello di esempio l’amico poeta Tonino Guerra , che ha lasciato tante spore di felicità e insieme a lui altri grandi uomini i maestri di vita aggiunge “La felicità è anche in un’odorosa piantina di finocchio selvatico scelta e piantata da un amico prima di morire“.

Sulla presenza di una figura femminile nel ruolo di interlocutore nella conversazione all’interno del libro rivela “La mia è stata una scelta ben precisa, sono cresciuto in un vero e proprio matriarcato con una nonna -generale prussiano- e una mamma femminista ante litteram. Scrivo per le donne anche, perché le donne leggono di più“.

Arrivano a Genova con il Festival Artistico Letterario del manager Salvo Nugnes i big della tv Ricciarelli, Alberoni, Giacobini, Sgarbi e tanti altri

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

Sulla scia del consolidato e crescente successo di “Cultura Milano” e “Cultura Padova” sta per approdare anche nel pittoresco capoluogo ligure il Festival Artistico Letterario “Cultura Genova” ideato e organizzato dall’affermato manager e produttore di grandi eventi Salvo Nugnes. “Cultura Genova” manterrà intatta la formula vincente di alternare incontri a cadenza ciclica in stile conferenze e presentazioni editoriali, coinvolgendo esponenti di spicco del panorama attuali come Francesco Alberoni, Bruno Vespa, Katia Ricciarelli, Paolo Villaggio, Umberto Veronesi Silvana Giacobini, Paolo Limiti, Piero Chiambretti, Patty Pravo, Vittorio Sgarbi e tanti altri.

Nell’intento propulsore di rendere la cultura accessibile a tutti, gli eventi saranno ad ingresso libero. Sarà un’occasione imperdibile per la cittadinanza di assistere a iniziative di forte interesse culturale e poter creare anche un vivace dibattito interattivo con gli illustri ospiti.

“MENTORE DELL’INFORMAZIONE”: IL PRESTIGIOSO RICONOSCIMENTO A BRUNO VESPA CONFERITOGLI DAL NOTO MANAGER SALVO NUGNES

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Celebrità, Cultura, TV

Nel contesto della storica Milano Art Gallery, il rinomato conduttore di “Porta a Porta” Bruno Vespa ha ricevuto il prestigioso Premio Cultura Milano, consegnatogli dal manager Salvo Nugnes, durante uno dei celebri incontri del Festival Artistico Letterario “Cultura Milano”, ideato allo scopo di rendere la cultura accessibile a tutti. Questa straordinaria targa viene assegnata ai più grandi ed illustri personaggi del mondo della cultura, della scienza, dell’arte, della letteratura, del giornalismo e dell’imprenditoria, che si sono distinti a livello internazionale. Personalità del calibro dell’indimenticabile Margherita Hack, del sociologo di fama mondiale Francesco Alberoni e del decano della critica Gillo Dorfles, sono già stati insigniti del Premio Cultura Milano.

Bruno Vespa, che ha da sempre ricoperto un ruolo fondamentale all’interno dei palinsesti televisivi e delle testate, in ambito informativo e giornalistico, durante la conferenza ha commentato le più significative vicende socio politiche che, hanno influenzato il passato e si ripercuotono nel presente e nel futuro dell’Italia. Nella sala gremita, il pubblico è stato conquistato dall’innato carisma e la brillante dialettica di Vespa, che ha dimostrato ampia disponibilità nel rispondere ai numerosi ed interessanti quesiti rivolti dall’intera platea.

Milano Art Gallery e Promoter Arte di Salvo Nugnes invitano nella rinomata galleria scrittori e poeti, affermati o emergenti

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Celebrità, Cultura

La Promoter Arte, società che si occupa di mostre, editoria e comunicazione, si propone di creare nuovi e proficui rapporti di collaborazione, con autori e scrittori, affermati o emergenti, per supportarli efficacemente, dando loro l’opportunità di promuovere le loro pubblicazioni, con ottimi riscontri, di visibilità e di ritorno commerciale. Gli incontri letterari si svolgeranno presso la rinomata “Milano Art Gallery Spazio Culturale” situata in via G. Alessi n.11, nel cuore del capoluogo lombardo, in posizione centrale e ben fruibile, con i mezzi pubblici. La location, sarà predisposta al meglio e sarà possibile allestire anche un bookshop, destinato alla vendita dei libri, durante le presentazioni.

Il noto manager Salvo Nugnes, direttore di Promoter Arte e agente di illustri personaggi, organizza inoltre, con ampio consenso, di pubblico e di critica, il Festival Artistico Letterario “Cultura Milano” allo scopo di rendere la cultura accessibile a tutti, con eventi ad ingresso libero, che ospitano personalità di spicco, in ambito arte, letteratura, giornalismo, scienza, moda, musica. Tra gli illustri personaggi intervenuti: Margherita Hack, Vittorio Sgarbi, Corrado Augias, Umberto Veronesi, Francesco Alberoni, Patty Pravo, Antonino Zichichi, Silvana Giacobini, Mogol, Elio Fiorucci, Katia Ricciarelli, Vittorio Feltri.

Chi desidera ricevere ulteriori informazioni e ragguagli, sull’opportunità di presentare le proprie opere letterarie presso lo spazio culturale Milano Art Gallery, può contattare il numero 02-76280638 oppure inviare una mail, fornendo i dati di riferimento, a info@milanoartgallery.it.