Posts Tagged ‘conferenza’

Arte, guarigione e spiritualità sul Lago Maggiore con il Festival “Arte Benessere Creatività” – 8° Edizione

Scritto da G. M. Artmakers il . Pubblicato in Arte

A Verbania e Laveno l’Ottava Edizione del Festival “Arte Benessere Creatività” – Educazione al Terzo Millennio. “Il dono dell’anima: uniti per cambiare”

14 – 15 settembre 2019 Teatro ” IL MAGGIORE ” Verbania ( Lago Maggiore ),
28 – 29 settembre presso la prestigiosa Villa Frascoli – Fumagalli a Laveno

Ritorna il Festival “Arte Benessere Creatività” nella sua ottava edizione tra le due sponde piemontese e lombarda del Lago Maggiore.

La guarigione, la pace, l’arte saranno ancora il filo conduttore del Festival  con workshop,  presentazione libri, incontri, sciamanesimo, conferenze, happening, teatro terapia, mostre, performance, reading di poesia, installazioni e molto altro.  A completare il Programma si terrà la Terza edizione del CONCORSO “Artisti in passerella live “.

Un insieme di incontri speciali con l’Arte, la Creatività, la Medicina, la Spiritualità,  rivolti a tutti e per tutti coloro che desiderano scandagliare i “doni della propria anima” in una condivisione di intenti e di talenti, “uniti per cambiare” verso una “educazione al Terzo Millennio”. Come negli anni precedenti  con questo evento si intende ribadire il concetto  per cui  “Arte, spiritualità, scienze umane, creatività, olistica sono le componenti indispensabili per una nuova efficace medicina e per ritrovare un migliore rapporto con se stessi.”

Con il patrocinio dei Comuni di Verbania e Laveno.
Presentato da : Movimento Coscienzionismo  nell’Arte , Associazione AEDO -Arte, Espressività, Discipline Olistiche e Torino Art Gallery .

Ingresso Libero – INFORMAZIONI : info@coscienzionismonellarte.nethttps://www.coscienzionismonellarte.net/

Pagina dell’ottava edizione : https://www.coscienzionismonellarte.net/festival-arte-benessere-creativita-8-edizione.html

 

Intervista alla voce preferita di Sgarbi, Silvia Pietrantonio

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

Sabato 3 febbraio, alla Scuola Grande di San Teodoro (Campo San Salvador, Venezia), alle 17.00 si è tenuta la conferenza in occasione del “Carnevale dell’Arte a Venezia”, mostra organizzata da Spoleto Arte, a cura del noto critico Vittorio Sgarbi. Nella prestigiosa location erano presenti, oltre all’organizzatore e manager della cultura Salvo Nugnes, presidente di Spoleto Arte, anche Alberto D’Atanasio, direttore del museo Modigliani, Veronica Ferretti del museo Buonarroti, la nota stilista Roberta Camerino e l’ex direttore dell’Accademia di Belle Arti Luigino Rossi. All’incontro inoltre ha partecipato, offrendo il suo prezioso contributo e incantando il pubblico presente, il soprano Silvia Pietrantonio.
Qui di seguito si riporta una breve intervista rilasciataci dalla meravigliosa voce lirica.

Sabato 3 febbraio si è esibita durante l’evento “Carnevale dell’Arte a Venezia”, organizzato dal manager Salvo Nugnes e il pubblico ha molto apprezzato. Quando è nata la sua passione per la musica e qual è la sua formazione?

Sono certa che ho amato follemente la musica sin da quando la ascoltavo nel grembo materno, poiché la mia famiglia l’ha sempre praticata e ascoltata. Mio padre era un tenore e mia madre un soprano, e si conobbero a un concorso. Inoltre ho studiato al Conservatorio di S. Cecilia e all’Accademia Mozarteum a Salisburgo.

Cosa si prova a essere “una delle voci preferite del prof. Vittorio Sgarbi”?

È un motivo di orgoglio essendo Sgarbi un intenditore in tutti i campi artistici, compresa la lirica.

Lei ha partecipato al programma televisivo Sgarbi quotidiani. Ci racconta questa esperienza?

Sgarbi, avendomi casualmente vista e sentita cantare nella trasmissione televisiva Processi somari di Gianni Ippoliti, ha deciso di invitarmi nella sua trasmissione Sgarbi quotidiani, dove ho cantato un inno scritto dallo stesso Ippoliti il cui testo ironizzava sulle maggiori personalità politiche prima delle elezioni del 1994.

Chi è il suo soprano preferito?

In primis Maria Callas, poi la mia insegnante Antonietta Stella, Katia Ricciarelli e Mariella Devia.

Tra le sue esperienze e partecipazioni, quali ricorda con soddisfazione?

Aver potuto comporre due brani musicali per due commedie teatrali: Gente di facili costumi di Nino Manfredi e Nino Marino e Viva gli sposi di Nino Manfredi. Inoltre ricordo con piacere, tra le numerose manifestazioni alle quali ho partecipato, il prestigioso Premio Sciacca all’Università pontificia, il Premio Pianeta Azzurro “I Protagonisti” a Fregene, e per la fondazione Grace Kelly a Montecarli nello Stadium secondo.

Con chi le piacerebbe duettare?

Con mio padre, il tenore Giuseppe Pietrantonio, e con il grande Pavarotti.

Cosa consiglierebbe a uno studente che desidera diventare un soprano?

Di studiare con continuità e serietà e di non forzare mai la voce.

Ha un particolare sogno nel cassetto?

Due sono i miei sogni: poter condividere lungamente la gioia del canto e vedere eseguite le mie musiche.

Biennale Milano: il cantautore Luca Maris assiste alla conferenza di Francesco Alberoni

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

Il rinomato Spazio Tadini a Milano ha accolto la conferenza di Francesco Alberoni, dal titolo “Movimento e Istituzione” svoltasi all’interno della simbolica cornice artistica della grande mostra di Biennale Milano, presentata da Vittorio Sgarbi e organizzata dal manager Salvo Nugnes. Tra il nutrito pubblico presente, il cantautore campano Luca Maris ha assistito con interesse all’incontro culturale.

Nell’occasione Maris ha dichiarato: “Alberoni è un grande oratore e riesce a coinvolgere con argomenti di spessore e di forte attualità. Sono un ammiratore da lunga data e leggo i suoi testi con particolare propensione”.

E ha poi aggiunto: “In questa delicata fase a livello sociale e civile, le lectio magistralis di Alberoni fanno riflettere e pensare e sono un ottimo supporto di conoscenza per entrare nel merito di tematiche, che coinvolgono tutti quanti noi, in modo diretto o indiretto. I suoi approfondimenti sono sempre completi e analitici e forniscono l’occasione per un dibattito collettivo a largo raggio molto arricchente”.

Il Prof. Francesco Alberoni terrà una conferenza “Movimento e Istituzione” presso lo Spazio Tadini a Milano

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

Lo storico Spazio Tadini a Milano, in via Niccolò Jommelli 24, ospita il Prof. Francesco Alberoni, per la conferenza dal titolo “Movimento e Istituzione”, titolo anche di un suo libro, fissata in data domenica 6 settembre 2015 alle ore 11.00. L’evento è organizzato dal manager della cultura Salvo Nugnes, che farà anche da relatore alla conferenza. A fare da simbolica cornice artistica all’iniziativa, sarà la grande mostra della “Biennale Milano” presentata dal Prof. Vittorio Sgarbi, allestita nel rinomato contesto espositivo.

Il libro, si presenta come un classico della sociologia, un saggio che spiega come sorgono e come si evolvono i movimenti collettivi, che sconvolgono, rinnovano e spesso devastano la società. Per Alberoni, i movimenti sono vere e proprie esplosioni sociali, che sull’onda di speranze, passioni, utopie, travolgono l’ordine costituito, senza che i politici e gli amministratori sappiano come fronteggiarli.

Il testo nasce dallo studio di centinaia di movimenti, sorti in paesi ed epoche diverse, fino ad arrivare a oggi. Insegna come identificarli, analizzarli ed evitare, che producano effetti catastrofici, neutralizzando gli elementi fanatici e violenti, per indirizzare gli altri verso mete più costruttive. Inoltre, esamina il processo, attraverso il quale emergono i capi carismatici e discute, come sia possibile frenarli.

Alberoni considera i movimenti come la piena di un fiume, che può travolgere ogni cosa, ma anche venire incanalata per l’irrigazione o deviata per produrre energia elettrica. Per ottenere questi risultati occorre un sapere, che nasce dallo studio, dall’esperienza. Questo trattato mostra come affrontare e indirizzare le più violente e pericolose passioni collettive, trasformandole in forze costruttive, capaci di generare solide e pacifiche istituzioni democratiche.

To Be Verona, al via i lavori per la brandizzazione della città di Verona

Scritto da Elisa Andreatta il . Pubblicato in Economia, Italia

Verona, Giugno 2015 – Si è svolta ieri presso la Sala Arazzi del Comune di Verona la conferenza stampa di presentazione del progetto di marketing territoriale “To Be Verona, tasting the Italian lifestyle”, grande e ambiziosa idea per far conoscere alle persone l’aspetto fondamentale dell’innovazione territoriale e far nascere la coscienza di smart land volta al ben-essere.

“Noi vogliamo che con questo progetto, Verona entri nella mente non solo di chi si approccia alla città come turista, ma soprattutto di chi cerca nuove prospettive di business innovativo” ha affermato l’art director Elisabetta de Strobel “l’economia delle Nazioni si sta spostando sempre più sulle città e Verona deve cogliere quest’opportunità come territorio appetibile da scegliere”. L’obiettivo è quello di coordinare Verona come una smart land dove i territori possono progettare un futuro consapevole, condiviso e glocalizzato dove il locale diventa globale.

Tre sono i principali ambiti in cui vuole muoversi To Be Verona: l’ambito dei cittadini, per aumentare la consapevolezza e la conoscenza di Verona e del suo territorio; l’ambito imprenditoriale, per imparare a conoscere case history importanti, ma soprattutto approfondire le nuove iniziative imprenditoriali per un futuro pieno di apertura all’innovazione e ai legami internazionali e l’ambito del turismo, un unico messaggio declinato in molte offerte per concentrare l’attenzione sulla Città e territorio.

“Vogliamo avviare un processo che permetta alla città di diventare attrattiva anche dal punto di vista economico, creando attorno ad uno stesso tavolo una coordinata strategia di business innovativo” ha dichiarato Mauro Galbusera, presidente di Assimp Verona, che è promotrice del progetto. Attorno a questa rivoluzionaria idea, che è anche un Joint Project con l’Università di Verona, si sono già raccolti molti diversi organismi come il Comune stesso, la Provincia  e Confcommercio e a sostegno si sono proposti la Banca Popolare di Verona, Cattolica Assicurazioni, Agsm e la Camera di Commercio di Verona.

To Be Verona è un’idea che dovrà coinvolgere tutte le istituzioni e gli organi veronesi “così ci viene chiesto anche dalla legge regionale sul turismo, che affida alle province la promozione del proprio territorio” ha sottolineato il Sindaco Flavio Tosi “ragion per cui, tutte le iniziative di questo genere sono accolte con positivo entusiasmo e sono indispensabili per garantire un continuo studio sulla qualità dei sevizi della città”.

Il progetto vedrà ampio spazio nella Conferenza Internazionale che si terrà nella giornata di sabato 24 Ottobre 2015 a Verona presso il Palazzo della Gran Guardia. Sarà un evento aperto al pubblico dove tutti potranno vedere e capire qual è la percezione della città nel mondo attraverso gli occhi e le voci di esperti di comunicazione e del mondo dell’innovazione internazionale.

PROJECT:     ASS.IM.P, Università degli Studi di Verona, Terzomillennium, Studio Poletto
SPONSORS:     Camera di Commercio di Verona, Università degli Studi di Verona, Banca Popolare di Verona, Cattolica Assicurazioni, Agsm
PARTNERS:     AirDolomiti – Lufthansa, Tocatì, AB Aeterno, Valemour, Progetto di Vita – CATTOLICA per i GIOVANI, Ristorante Rubiani, Pescheria I Masenini Trattoria, Trattoria I Masenini
PATRONAGES:     Comune di Verona, Provincia di Verona, Confcommercio Verona, Camera di Commercio di Verona

To Be Verona
Via Pancaldo 32
37138 Verona
info@tobeverona.it

Press office Terzomillennium
elisa@terzomillennium.net
pressoffice@terzomillennium.net
T. 045 6050601

Conferenza stampa “Special Eleven Cup”

Scritto da Stefano Rizzo il . Pubblicato in Calcio

La conferenza stampa di presentazione della “Special Eleven Cup”, prima edizione del derby Roma-Lazio tra le scuole, organizzata da Stefano Rizzo, Editore e Direttore Responsabile di Passione del Calcio.it e Erika Eramo, Direttore Editoriale e Responsabile Eventi del portale (www.passionedelcalcio.it), in collaborazione con l’Associazione Petali di Rosa Onlus, si terrà giovedì 21 maggio dalle ore 11,00 a Roma nella Sala della Piccola Protomoteca in Campidoglio.

L’obiettivo principale della partita di beneficenza, dedicata a Stefano Borgonovo, è coniugare il calcio alla solidarietà e all’insegnamento delle regole base del vivere insieme. Questo progetto abbraccia idealisticamente le parole che Roberto Baggio ha rivolto ai giovani: senza “passione, gioia, coraggio, sacrificio” non si otterrà mai il successo, dentro e fuori il rettangolo di gioco. Viene coinvolto il target adolescenziale, in quanto è quello più a rischio perché manca di punti fermi. Finalità principale di questo evento è raccogliere fondi che verranno destinati a quattro organizzazioni in ambito sociale: la Fondazione Stefano Borgonovo Onlus, l’Airc, l’Equo Evento e Progetto Itaca Roma. Il calcio d’inizio della partita sarà il 5 giugno 2015 alle 21 presso il centro sportivo “S.S.D. Tre Fontane Srl” in via Costantino 5” dichiarano i due direttori.

Saranno presenti oltre agli organizzatori e al Presidente dell’Associazione Petali di Rosa Onlus dei rappresentanti delle associazioni beneficiarie. Presiederà la conferenza Svetlana Celli, Presidente della Commissione Personale, Statuto e Sport del Comune di Roma.

Per accrediti, info, interviste, acquisto biglietti:
stopaseguire@passionedelcalcio.it
349.5319075    349.8641600

Milano Art Gallery presenta la prestigiosa mostra collettiva “Impressioni d’arte” e ospita un’interessante conferenza tenuta dalla nota artista e scrittrice Dalila Di Lazzaro

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura, Dal Mondo

Si preannuncia un appuntamento artistico di ampia portata e forte risonanza mediatica, la grande mostra collettiva dal titolo “Impressioni d’arte” ambientata tra le storiche mura della “Milano Art Gallery” in via Alessi 11 a Milano, dal 7 al 20 Marzo 2015. L’evento, organizzato dal manager produttore Salvo Nugnes, verrà inaugurato in data Sabato 7 Marzo alle ore 18.00 e vedrà la presenza della nota artista e scrittrice Dalila Di Lazzaro che nell’occasione terrà un’interessante conferenza.

In esposizione si potrà visionare una ricca carrellata di opere appartenenti a un esclusivo novero di artisti contemporanei, affermati e dal vivace talento espressivo, che presenteranno le loro eclettiche e poliedriche creazioni all’interno della rinomata location milanese per avvalorare l’importante messaggio dell’arte, concepita come ponte virtuale di connessione e aggregazione collettiva, come simbolico strumento universale di trait d’union, fornendo un concreto moto di stimolo divulgativo attraverso la partecipazione a questa pregevole iniziativa e offrendo il loro personale contributo artistico, anche in previsione dell’imminente Expo.

L’organizzatore Salvo Nugnes commenta “Abbiamo individuato un periodo ben mirato e strategico per lo svolgimento di questa collettiva, che si avvicina alla fase cruciale di inizio dell’Expo, proprio per veicolare in modo ancora più forte e diretto un messaggio universale di slancio propulsivo a favore della diffusione dell’arte e della cultura in generale, tramite gli artisti espositori e le loro originali creazioni“.

“Milano Art Gallery”: In conferenza a “Cultura Milano” arriva Dalila Di Lazzaro con i Prof. Alberto D’Atanasio e Furio Zucco

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

La prestigiosa galleria milanese “Milano Art Gallery” in via Alessi 11, si prepara ad ospitare la conferenza a tema “Il dolore e la speranza” con la partecipazione straordinaria della rinomata attrice e scrittrice Dalila Di Lazzaro, prevista in data Sabato 7 Marzo 2015 alle ore 18.00. In qualità di relatori, parteciperanno il Prof. Alberto D’Atanasio, docente di Storia dell’Arte e di Estetica dei Linguaggi Visivi presso l’Accademia di Belle Arti di Brescia “Santa Giulia” e il Prof. Furio Zucco, uno tra i più esperti specialisti in Terapia del Dolore e Cure Palliative. L’evento, organizzato dal manager produttore Salvo Nugnes, rientra nel corposo programma di importanti iniziative del festival artistico letterario “Cultura Milano” che annovera incontri ad ingresso libero con personaggi affermati, del calibro di Corrado Augias, Roberto Gervaso, Bruno Vespa, Antonino Zichichi, Margaret Mazzantini, Flavio Caroli, Giorgio Forattini, Vittorio Sgarbi, Stefano Zecchi, Vittorio Feltri, Mogol, Patty Pravo, Toni Capuozzo, Paolo Del Debbio, l’indimenticabile Margherita Hack.

La Di Lazzaro dichiara “Da dieci anni devo fronteggiare una sofferenza, che mi impedisce di stare a lungo in piedi e trasforma in torture i miei tragitti in auto. Ho speso tutti i miei soldi, visto decine di medici e conosciuto storie incredibili, come quella di una mia amica, che dopo anni di sofferenza non ce la fa più e sta pensando all’eutanasia. Perché il dolore cronico cambia la vita. E in Italia si fa ancora troppo poco per chi ne soffre. Vorrei aiutare la ricerca magari istituendo una ‘Giornata per il dolore’ e raccogliendo fondi attraverso una maratona televisiva”.

E aggiunge rimarcando sul discorso “Mancano la sensibilità e l’attenzione sul grave problema. Lo dimostra anche il fatto, che oltre ad essere veramente in pochi i reparti e i centri che si occupano esclusivamente del dolore, mancano percorsi accademici e formativi, che garantiscano la nascita di una nuova categoria di specialisti con valide competenze su questo campo. Altro tasto dolente è l’assistenza domiciliare. Infatti, chi è solo non sa a chi rivolgersi nella fase acuta, ma anche in quella cronica. Siamo abbandonati. Per questo voglio continuare a usare la mia immagine, la mia voce e a scrivere per chiedere di fare di più contro la sofferenza cronica. Ho ricevuto e ricevo migliaia di lettere da parte di persone, che soffrono di dolore cronico per emicrania, artrosi, diabete, disturbi neuropatici, traumi di varia natura. Vivere con il dolore è devastante. L’uomo non ha paura della morte, ma della sofferenza. Per questo credo che anche da noi come in altri paesi dovrebbero nascere appositi centri specializzati per la terapia del dolore cronico”. 

Assemblea pubblica Asmef sabato 17 gennaio ore 18

Scritto da Massimo Lucidi il . Pubblicato in Cultura, Opinioni / Editoriale, Politica

Giornate dell’Emigrazione 2015, X Edizione

Asmef l’associazione Mezzogiorno e Futuro presieduta dall’opinionista Salvo Iavarone si prepara alla decima edizione delle Giornate dell’Emigrazione con un impegno che la vedra’ presente per tutto il 2015 in numerosi incontri in Italia e all’estero. E lo fa convocando un’assemblea pubblica sabato 17 alle 18 nella suggestiva location di Palazzo De Vargas a Vatolla nel Cilento, sede della Fondazione Giambattista Vico, partner strategico di Asmef.

Due i progetti innovativi che legheranno una nuova stagione di seminari, incontri e conferenze sull’immigrazione, coinvolgendo le rappresentanze delle comunita’ italiane all’estero: Capitan Cooking coordinato dall’imprenditrice Cordelia Vitiello e il Premio Eccellenza Italiana ideato dal giornalista Massimo Lucidi e presieduto da Santo Versace.

Al direttivo, che vedra la partecipazione tra gli altri di Diego Di Fusco nella qualita di coordinatore del fund raising di Asmef, seguira’ l’assemblea pubblica nella quale sara’ annunciato il calendario eventi 2015: tra tutti, emerge il 25 febbraio occasione per presentare alle Istituzionali e al Governo, a Roma nella prestigiosa Sala Nassirya della Camera dei Deputati, la Decima edizione delle Giornate dell’Emigrazione.

Edizioni Altravista, Occasional Papers in free download

Scritto da Marco il . Pubblicato in Comunicati Stampa, Dal Mondo

Da oggi sarà possibile scaricare gratuitamente dal sito di Edizioni Altravista il PDF gratuito Occasional Papers 001, pubblicazione Open Access riguardante la Conferenza ASAI tenutasi a Pavia nel settembre 2012.

Anche Edizioni Altravista apre al mondo dell’Open Access e lo fa con Occasional Papers 001, un progetto digitale che illustra il dibattito aperto tenutosi in occasione della Conferenza ASAI svoltasi a Pavia nel mese di settembre 2012, dal tema “Riflessioni sullo stato degli studi africani in Italia”. Autori del volume sono Iginio Gagliardone, Emanuela Paoletti e Giulia Paoletti.

ASAI, Associazione per gli Studi Africani in Italia, promuove l’interazione fra gli studiosi e si costituisce come luogo di incontro e scambio a livello nazionale e internazionale tra quanti si dedicano a studi e ricerche disciplinari ed interdisciplinari sull’Africa e le sue popolazioni dentro e fuori dal continente.

Nel volume viene tratteggiata la complessa relazione tra Italia e Africa, che emerge spesso attraverso il dibattito sul razzismo. Questa relazione conserva le tracce, ed in alcuni casi riflette la rimozione, della passata esperienza coloniale ma al tempo stesso è al centro di alcune delle trasformazioni più recenti della storia d’Italia, che riguardano immigrazione, integrazione e cittadinanza. L’evoluzione e lo stato attuale dell’africanistica denotano queste numerose fault-lines.

La ricerca presentata in questo testo propone una riflessione sullo stato dell’arte degli studi africani in Italia. I motivi che la rendono necessaria sono principalmente due: l’incrementale ruolo politico ed economico dell’Africa a livello internazionale e nella politica interna italiana e, ciò nonostante, il persistente divario tra ricerca, dibattito pubblico e mondo politico.

Il PDF di Occasional Papers 001 è scaricabile sul sito di Edizioni Altravista e di ASAI.