Posts Tagged ‘compro oro’

Quando Comprare Oro per Investimento ?

Scritto da comproorotoscana il . Pubblicato in Affari, Aziende, Mercati

L’investimento in oro è ancora oggi molto apprezzato nonostante il mondo della finanza sia pieno di strumenti finanziari e nuove possibilità di investimento, ultime fra tutte le famose criptovalute che devono essere considerate sia nei rialzi che nelle ricadute un tipo di investimento piuttosto anomalo.
L’appeal dell’ investimento in oro è costituito dalla forza che questo bene ha soprattutto come bene rifugio tanto da essere universalmente riconosciuto per essere il bene rifugio per eccellenza, nonostante ciò come per tutti gli altri investimenti bisogna comprendere quale è il momento più conveniente per acquistarlo.
Quando comprare oro per investimento ?
La risposta a questa domanda varierà a seconda della persona a cui ci rivolgiamo, se a rispondere sarà uno dei tanti compro oro Firenze o di qualsiasi altra città è probabile che la risposta sarà in qualsiasi momento in quanto i compro oro guadagnano una certa percentuale a prescindere rivendendo ai banche dei metalli che ritrasformano l’oro lavorato in oro puro da investimento.
Ma se a rispondere sarà un investitore la cosa cambia radicalmente, vediamo cosa ha risposto ne pensa in merito uno degli esperti mondiali della finanza, Premio Nobel per l’economia Paul Krugman ha offerto una interpretazione delle oscillazioni che interessano il metallo.
Per il premio nobel dell’economia la regola è quella di comprare oro quando gli altri investimenti non offrono molto, questo significa che l’asset aureo conviene soprattutto quando gli altri tipi di investimento saranno negativi.
Per esempio quando i tassi di interesse sono alti la convenienza nell’acquisto di oro è relativamente bassa, viceversa quando i tassi di interesse sono bassi l’oro si dimostra l’opzione migliore.
Dopo il 2000 complice una situazione finanziaria instabile ed i tassi di interesse di altri investimenti piuttosto bassi se si escludono le criptovalute, l’oro ha conosciuto un periodo piuttosto lungo in cui ha dato alti rendimenti a chi ha saputo ben interpretare i momenti di acquisto giusti.

Focus sui Compro Oro, Cosa Fanno e Chi Sono i loro Clienti ?

Scritto da comproorofirenze il . Pubblicato in Affari, Aziende

Cosa fanno e chi sono i clienti dei compro oro sono domande a cui sembra semplice rispondere, in realtà al di là delle risposte più ovvie il commercio dell’oro usato rappresenta una realtà molto articolata che solo gli addetti del settore conoscono fino in fondo. Analizzando il fenomeno in modo razionale si capisce che se in molti si sono dedicati a questa attività ci sia un certo numero di persone che si rivolgano ad essi ma spesso si tende a pensare erroneamente che chi vende il proprio oro siano persone in grave stato di bisogno, al contrario la clientela è formata da molte tipologie di persone con motivazioni diverse. Le attività che acquistano oro comprano ogni genere di oggetti; gioielli, orologi, ecc valutandoli per il prezzo attuale del prezioso metallo giallo meno una percentuale che coprirà le spese di trasformazione e comprenderà il compenso per la propria attività, l’oro acquistato infatti sarà mandato in blocco ad apposite fonderie che provvederanno alla fusione e ad una nuova trasformazione in oro nuovo e puro in lingotti che rientreranno sul mercato acquistati da industrie gioiellerie o di altro genere o saranno acquistati come oro per investimento e depositati in qualche caveau rimanendo sotto forma di lingotti. I compro oro sono attrezzati per pagare subito ed in contanti gli oggetti acquistati anche se con le nuove leggi sulla tracciabilità non possano essere pagati in contanti cifre superiori ai 500 euro, in tal caso l’importo sarà pagato per mezzo di assegno o bonifico, il compro oro richiederà anche un documento alla persona di cui farà una copia come richiesto dalle vigenti norme. La nuova legge del 2017, che regola le attività compro oro Firenze e di ogni altra città o località italiana, oltre al limite sui contanti ha introdotto nuovi obblighi per gli operatori, chiunque voglia svolgere tale attività dovrà essere iscritto ad uno speciale registro che è detenuto dall oam. L’oam è un’organizzazione indipendente che già si occupa di regolare attività finanziarie particolari come quelle dei mediatori e degli agenti finanziari, questa scelta è stata decisa del governo valutando le particolari competenze che questa organizzazione ha dimostrato di possedere. Un altro obbligo per i compro oro sarà quello di detenere un libro con le registrazioni di ogni operazione di acquisto effettuata, oltre ai dati del venditore e ai dettagli dell’operazione dovrà essere prodotto e mantenuto un archivio fotografico di qualsiasi gioiello ed oggetto in oro acquistato. Gli acquisti di oro dovranno essere pagati da un conto corrente ad hoc dedicato esclusivamente a questa funzione. Qualcuno potrebbe pensare che non conviene vendere i propri gioielli in questo modo ma in realtà a meno che non si tratti di oggetti di particolare valore o rarità, per i quali sarà necessario rivolgersi ad amatori o gallerie d’aste, gioielleria e oggettistica viene realizzata in lega con altri metalli, per questo il peso non è composto unicamente da oro e per ottenere nuovo oro puro saranno necessarie lavorazioni che non sono convenienti per piccole quantità, soltanto per mezzo di attività che accumulano il prezioso metallo giallo come i compro oro si possano raggiungere quantità ragguardevoli, per le quali sarà conveniente utilizzare le specifiche fonderie che sono solo il primo passaggio per la riconversione. Oltretutto negli ultimi anni il prezzo dell’oro ha aumentato ripetutamente il proprio valore portando la quotazione a livelli altissimi, questo ha spinto molti a cogliere l’occasione per monetizzare il valore di gioielli e oggetti acquistati anni prima che nonostante vengano rivenduti al prezzo di oro usato hanno garantito margini di guadagno importanti rispetto al valore originario. Certo chi decidesse di vendere il proprio oro è sempre meglio fare un giro presso più operatori in modo da poter scegliere la migliore valutazione proposta ed evitare offerte troppo basse rispetto alle valutazioni del momento.

l’Importanza dell’Oro nell’Economia Reale e nella Finanza Moderna

Scritto da comproorofirenze il . Pubblicato in Affari, Aziende

La finanza moderna è caratterizzata da un gran numero di prodotti finanziari evoluti e innovativi, nonostante anche in questo ambito di estrema volatilità esiste una costante antica che anche oggi si impone al di là del tempo e degli eventi.
Questa costante si chiama oro, fin dalla notte dei tempi questo metallo prezioso ha determinato scelte e destini di interi popoli ed oggi continua ad avere un ruolo importante se non decisivo anche nelle economie moderne.
L’oro ha la caratteristica che riesce ad essere importante sia nella finanza moderna fatta dai mercati azionari sia nell’economia reale fatta di compra vendita di beni quotidiani.
A testimonianza di quanto sia reale l’importanza dell’oro anche nell’economia reale ci sono molti esempi, uno di questi sono i compro oro pisa, roma, milano e di tutte le altre città e non solo italiane.
Questo bene può essere venduto e acquistato in modo molto semplice anche quando si tratta di semplici oggetti e gioielli, per questo motivo l’oro ha un valore così importante anche nell’economia reale nessun bene è così facilmente monetizzabile.
Praticamente avere oro equivale quasi ad avere denaro contante con il vantaggio che questo bene prezioso ha la capacità di mantenere il suo valore anche durante i periodi di crisi economica più gravi.
Ciò che rende universale l’importanza dell’oro è che il suo valore è uguale in tutto il pianeta ed è stabilito in modo credibile da un meccanismo di valutazione ufficiale denominato Fixing dell’Oro, questo sistema consiste in una riunione delle più importanti banche del mondo che in base all’andamento della compra vendita quotidiana dell’oro ne stabiliscono il prezzo.
La credibilità dell’oro come bene di investimento è indiscussa a tutti i livelli basti pensare che ad assicurare parte delle proprie riserve finanziarie con l’oro sono addirittura gli stati sovrano che per mezzo delle proprie banche accumulano riserve auree di ingente valore.
La forza dell’oro nel mantenere il proprio valore è stata capace di resistere non solo alla più profonde crisi finanziarie mondiali ma anche alla distruzione e alle difficoltà delle guerre mondiali più devastanti quando il commercio di materie prime tra i diversi stati avveniva per mezzo di pagamenti in oro, l’unico che anche in quel periodo riusciva a mantenere credibilità come forma di pagamento.

Attività Commerciali che hanno Segnato un’ Epoca: i Compro Oro

Scritto da comproorofirenze il . Pubblicato in Affari, Mercati

I compro oro sono attività commerciali che a volte sono state additate con accuse che solo in alcuni casi si sono rivelate veritiere, in realtà l’avvento di questo settore in italia come in altre parti del mondo è soltanto il frutto dei tempi.
I compro oro sono attività commerciali come qualsiasi altra e come le altre possano essere condotte in modo regolare o meno, è certo che la diffusione di queste in modo capillare su tutto il territorio nazionale è stato il sintomo di un economia che è cambiata.
Finita l’epoca degli acquisti facili e della forte propensione a spendere a causa delle restrizioni della crisi economica che non solo in italia ma in tutta europa ha costretto le persone a farsi i conti in tasca fino all’ultimo euro, era inevitabile che molte attività commerciali che fino ad allora avevano vissuto vendendo generi di lusso si dovessero riconvertire velocemente.
Il settore compro oro in questo ha segnato un’epoca, le molte gioiellerie presenti nelle città più ricche si sono dovute adattare al nuovo trend economico e così le strade delle nostre città principali hanno cominciato ad illuminarsi di insegne compro oro roma, compro oro firenze, compro oro milano e così via fino a raggiungere anche i più piccoli paesi.
L’input del nuovo settore cresceva sulla spinta delle richieste di persone bisognose di monetizzare ciò che avevano di valore per far fronte ai costi improvvisi di impegni economici presi in precedenza quando il lavoro e la liquidità non mancavano.
Oggi dopo anni in cui la situazione economica reale non è certo migliorata ma le persone sono più consapevoli nella gestione delle proprie risorse economiche e ben attente dallo spendere nel superfluo anche i compro oro hanno diminuito il loro giro di affari.
Solo gli operatori professionali che hanno fin dall’inizio puntato su questo settore in modo oculato sono riusciti a superare il calo degli acquisti avendo acquisito negli anni del boom del settore una propria clientela che ancora oggi si rivolge a loro con fiducia.
Alcuni dei compro oro oggi esistenti sono organizzati in franchising altri sono singoli imprenditori che spesso provengano dal settore della gioielleria e che grazie alla loro esperienza sono riusciti a trasformare in nuovo lavoro un’attività che prima per le gioiellerie era soltanto un modo di ritirare vecchi gioielli in cambio di uno sconto sui nuovi acquisti.
Certamente senza la profonda e strutturale crisi economica e sociale iniziata nei primi anni del nuovo millennio i compro oro non si sarebbero diffusi e le gioiellerie avrebbero continuato a vendere oro invece che comprarlo ma questo è solo il segno dei tempi, le cui cause hanno radici lontane e profonde che fanno parte di un’evoluzione economica ciclica che alterna i destini di interi continenti nel corso del tempo.

Come Investire in Oro senza Ricorrere ai Mercati Azionari

Scritto da comproorotoscana il . Pubblicato in Affari, Mercati

Quale è il miglior modo di fare un investimento che possa rendere al di là dei mercati azionari che offrano una quantità sempre maggiore di prodotti e soluzioni finanziarie che però necessitano di competenze specifiche nel settore finanziario per poterne comprendere fino in fondo i vantaggi.
Comprare oro fisico non è come fare un investimento sul mercato azionario, questo tipo di investimenti si basano sul bene reale che può essere acquistato e rivenduto sul mercato reale senza dover appoggiarsi su broker o istituzioni finanziarie.
Questa caratteristica fa dell’acquisto in oro fisico un metodo di investire diverso rispetto agli investimenti finanziari che necessitano di intermediazione di operatori finanziari, nonostante ciò il concetto rimane lo stesso: acquistare per poi rivendere ad un prezzo maggiore sufficiente a giustificare l’investimento.
Comprare oro fisico lo si può fare al di fuori del mercato azionario acquistando lingotti presso uno dei banchi dei metalli autorizzati, è possibile acquistare oro anche per mezzo di monete d’oro da investimento come i Krugerrand o le famose American Eagles.
Per monetizzare l’oro fisico acquistato potremo rivolgersi agli stessi fornitori da cui lo abbiamo acquistato che ci riconosceranno il valore dell’oro calcolando la valutazione oro del momento, in alternativa potremo venderlo ad uno dei molti compro oro presenti sul territorio nazionale.
Per ottenere la massima valutazione dai compro oro è bene richiedere valutazioni a vari operatori del settore, è importante anche recarsi in una città dove questi operatori autorizzati per la compravendita dell’oro sono numerosi in quanto la concorrenza è più numerosa nella zona.
Tra quelli che offrano le migliori valutazioni ci sono i compro oro firenze sia per il gran numero di operatori presenti in città sia per la posizione strategica di Firenze che la pone al centro del territorio nazionale e per questo più facilmente raggiungibile dalle altre zone di Italia.
In caso di lingotti dovremo rivendere per intero il loro valore in quanto non possano essere suddivisi a meno che non si ricorra al servizio autorizzato di un banco dei metalli che però comporterebbe costi aggiuntivi.
In caso di monete d’oro potremo monetizzare in modo più flessibile il nostro investimento vendendo solo la parte del valore che vogliamo incassare, le monete sono un tipo di investimento in oro fisico leggermente meno conveniente rispetto ai lingotti in quanto il costo della manodopera incide maggiormente rispetto ai lingotti.

compro oro la crisi dopo il boom

Scritto da David Gold il . Pubblicato in Affari, Aziende

Dopo il boom dei compro oro Firenze, Roma, Genova che ha portato ad una diffusione capillare su tutto il territorio nazionale di questo genere di attività commerciali oggi anche questo settore sta conoscendo un periodo di stagnazione con un calo del volume di affari che si aggira sul dieci per cento.
Fino a qualche anno fa questo settore, grazie anche all’elevato prezzo dell’oro che era arrivato a toccare quota 1900 dollari l’oncia, ha conosciuto un lungo periodo di crescita durante il quale il numero dei compro oro era cresciuto notevolmente, spinto dalle molte persone che si recavano presso queste attività per monetizzare il valore dei propri ori che venivano pagati in proporzione agli alti prezzi dell’oro di quel periodo.
Attualmente con il prezzo dell’oro rientrato su valori più normali il numero di persone che si recano presso i compro oro per vendere oro e gioielli è notevolmente diminuito, conseguentemente alla diminuzione dell’offerta di oro usato anche il numero di attività che si occupano dell’acquisto oro è diminuito.
La chiusura di alcuni compro oro, per lo più riferibili a quelle persone che erano entrate a far parte di questo settore speculando sul momento favorevole, sta conducendo tutto il settore verso un periodo di stabilizzazione dove vengano premiati i compro oro che hanno sempre operato in modo serio ed onesto conquistando così la fiducia della gente.
Oggi più che mai gli operatori del settore stanno cercando attraverso quotazioni oro sempre più alte di accaparrarsi la maggiore quantità di oro usato possibile, oltre al calo del prezzo aureo ci sono altri motivi che hanno contribuito alla riduzione del volume di affari dei compro oro, uno dei fattori che ha contribuito è anche il fatto che i privati possiedano sempre meno oro, non riuscendo più come prima a rinnovare il parco gioielli.
Questa evoluzione del settore compro oro se da una parte lo ha reso meno remunerativo dall’altra ha permesso a chi vende oro usato di ottenere prezzi di acquisto migliori sempre comunque calcolati sull’attuale prezzo d acquisto, che è ben al di sotto del prezzo aureo record di qualche anno fa, all’epoca del boom del prezzo dell’oro parallelo al crollo delle vendite delle gioiellerie non sono stati pochi i professionisti che possedendo una gioielleria hanno preso la decisione di trasformare i propri punti vendita in veri e propri compro oro.
In conclusione dopo anni nonostante la diminuzione del volume di affari questo genere di attività è entrata a far parte del tessuto commerciale moderno e offre una possibilità di vendere l’oro usato in modo immediato che risulta molto utile per chi avesse oro da vendere senza dover aspettare

La Custodia dell’ Oro

Scritto da David Gold il . Pubblicato in Affari, Mercati

Sempre più persone in tutto il mondo investano in oro fisico, questo trend in costante crescita pone il problema della custodia dell’oro fisico acquistato.
La strategia del compro oro fisico viene perpetrata dagli investitori che desiderano assicurarsi un futuro economico tranquillo senza scommettere in altre tipologie di investimento che anche se potrebbero in alcuni casi permettere guadagni consistenti al tempo stesso potrebbero anche portare a gravi perdite del capitale investito.
Questa tipologia di investitori che scelgano un investimento sicuro sono molto sensibili al tema della custodia sicura dell’oro fisico acquistato.
Alcuni investitori scelgano di affidare il proprio oro generalmente sotto forma di lingotti 24 carati ai caveau delle banche specializzate nella custodia di oro fisico.
Quando ci si affida alla custodia delle banche è bene informarsi sulle condizione di custodia dell’oro fisico, esistano due metodi principali con i quali gli istituti bancari conservano l’oro che li viene affidato.
Uno consiste nel richiedere un conto oro assegnato che ha un costo di custodia stabilito dalla banca stessa, questo metodo prevede l’assegnazione di una cassetta di sicurezza di proprietà del richiedente nel quale si potrà depositare il proprio oro con la garanzia che questo possa essere utilizzato dalla banca per operazioni finanziarie.
L’altro metodo consiste nello scegliere un conto oro non assegnato che non ha un costo di custodia, anche se ultimamente alcune banche prevedano l’assegnazione di parte delle spese di custodia.
Scegliendo di conservare oro fisico in un conto non assegnato si accetta la possibilità che il nostro oro possa essere utilizzato a discrezione della banca in operazioni finanziarie che seppur in casi estremi potrebbero portare alla perdita del vostro oro fisico.
Esiste un’alternativa per la custodia dell’oro fisico che è quella di provvedere a conservare i lingotti autonomamente, in questo caso il rischio è rappresentato dalla possibilità di un furto, rischio per il quale potremo provvedere stipulando un’assicurazione contro questa eventualità ma che comporterebbe comunque una spesa fissa aggiuntiva.
I metodi di custodia di oro fisico sono scelti dagli investitori in base anche alle proprie esigenze e preferenze personali ma è certo che se si decide di affidare i propri soldi ad un bene rifugio come l’oro per coerenza si dovrebbe pensare ad un metodo di custodia dell’oro fisico altrettanto sicuro anche se questo potrebbe comportare una spesa.

Storia dell’Oro nella Finanza Moderna

Scritto da David Gold il . Pubblicato in Affari, Economia, Mercati

L’oro è stato fin dalla sua scoperta sinonimo di ricchezza, il suo valore di metallo pregiato è riconosciuto universalmente fin dai tempi antichi, per questo motivo l’oro è stato considerato un sicuro mezzo di pagamento per millenni.
Si calcola che dalla sua scoperta ne siano stati estratte circa 135.000 tonnellate, attualmente con i moderni sistemi di estrazione ogni anno ne vengono estratte circa 2.400 tonnellate, quantità spesso non sufficiente a soddisfare le strategie compro oro dei grandi investitori privati e istituzionali internazionali.
L’oro cominciò ad essere usato in modo diffuso come moneta corrente nel 1816 in Inghilterra, paese che istituì il sistema del “Gold Standard” che prevedeva la perfetta convertibilità tra la sterlina e l’oro.
Anche altri importanti paesi tra cui la Germania e gli Stati Uniti utilizzarono l’oro per il proprio sistema monetario, questo porto alla libera coniazione di monete d’oro, questo prezioso metallo poteva essere commercializzato senza limitazioni.
Questo sistema che garantiva il denaro emesso con un contro valore in oro custodito dallo stato di emissione ha assicurato stabilità economica internazionale prevenendo la stabilità dei prezzi limitando l’inflazione.
Dopo un periodo molto difficile a cavallo tra le due guerre mondiali, nel 1944, per iniziativa degli Stati Uniti e dell’Inghilterra, i rappresentanti di 44 paesi si riunirono a Bretton Woods dove fu creato il Fondo Monetario Internazionale (F.M.I.). In tale occasione venne fissato il prezzo del metallo a 35 $ per oncia, prezzo a cui gli USA si impegnarono ad acquistarlo da chiunque ed a venderlo solo alle Banche Centrali. Il sistema basato sull’oro degli Inglesi, diventava un’istituzione che poggiava ora su due pilastri: il dollaro e l’oro. Ogni paese partecipante fu obbligato a versare al F.M.I. una quota di oro e di moneta nazionale e dichiarare la parità tra la propria valuta e l’oro: direttamente, oppure indirettamente attraverso il tasso di cambio con il dollaro.
Negli anni sessanta ci fu una rottura dell’equilibrio tra domanda ed offerta, in quanto la grave crisi del dollaro indusse diversi operatori a forti acquisti d’oro. Questa fu la prima volta che l’ oro assunse il ruolo di bene rifugio a fronte dell’instabilità del dollaro.
Il sistema aureo entrò in una crisi che culminò il 15 Agosto 1971, quando l’amministrazione Nixon soppresse la convertibilità tra dollaro e oro e svalutò due volte il biglietto verde facendo così crollare uno dei pilastri del sistema di Bretton Woods. Il doppio mercato dell’oro terminò nel 1976 quando i Paesi aderenti al FMI ufficialmente decisero l’abolizione del prezzo ufficiale.
Nonostante il crollo del sistema e la liberalizzazione del mercato, il metallo giallo continua a rivestire un ruolo fondamentale negli investimenti: offre all’investitore sicurezza e solidità, il suo valore è universale e facilmente realizzabile in qualsiasi momento ed è considerato il bene-rifugio per eccellenza per proteggersi dalle svalutazioni e da incertezze economico-politiche.
Come gli altri metalli preziosi, l’oro è quotato al grammo o all’oncia. Quando è in lega con altri metalli, la sua purezza è misurata in carati con una scala che fissa a 24 carati i lingotti d’oro puro.
Dal crollo del sistema di Bretton Woods, il prezzo dell’oro è fissato dai mercati, dal 1919 la borsa di Londra stabilisce due volte al giorno un prezzo di riferimento il cosiddetto fixing dell’oro.

Comprare Oro, Come e Perchè Conviene

Scritto da Max Gold il . Pubblicato in Lifestyle, Mercati

Comprare oro, da quando questo prezioso metallo è stato scoperto, è uno dei modi più sicuri per mantenere il valore del proprio denaro sia nel breve che nel lungo periodo. Questo metodo è stato utilizzato fin dall’antichità per la comodità con il quale questo bene può essere trasportato senza problemi di deterioramento e occupando uno spazio molto limitato.
Anche ai giorni nostri il compro oro è uno dei trend finanziari più ricorrenti nei mercati azionari mondiali, il trend dell’oro è stato spesso uno dei principali protagonisti dei mercati azionari a causa delle cicliche crisi economiche che soventi si abbattano sul sistema finanziario moderno.
Sono sempre di più gli investitori che assicurano il valore dei propri risparmi acquistando oro soprattutto quando pensano di essere prossimi nei momenti di crisi, essendo l’oro considerato da sempre il bene rifugio per eccellenza contro qualsiasi tipo di crisi non solo finanziaria ma anche politica e sociale, capace di mantenere il proprio valore anche durante i conflitti mondiali che si sono verificati nel secolo scorso.
Oltre a difendere il valore del denaro investito l’oro nei momenti di crisi ha dimostrato oltre alle sue uniche qualità di bene rifugio anche la tendenza a crescere di valore parallelamente alla perdita di valore degli altri beni di investimento tradizionali.
Nonostante le sue eccezionali caratteristiche di bene rifugio l’oro è qualcosa di diverso dal classico investimento finalizzato ad ottenere una rendita, questo perché la valutazione oro tende a scendere nelle fasi finanziarie positive quando altri beni aumentano di valore producendo guadagni.
Per chi vuole comprare oro in Italia, un aspetto da non sottovalutare è l’esenzione dal pagamento IVA. Infatti, l’oro è l’unico tipo di acquisto che non prevede il pagamento di questa imposta, che potrebbe rivelarsi particolarmente esosa per acquisti di beni di così alto valore.
Il mercato attuale offre varie possibilità per chi vuole comprare oro per investimento, la distinzione principale da fare è quella che riguarda l’acquisto di oro fisico da quello finanziario, quest’ultimo si può acquistare per mezzo di strumenti finanziari basati proprio sull’andamento della quotazione oro in borsa e permettere di investire qualsiasi cifra senza ritirare nemmeno un oncia di questo prezioso metallo.
Al contrario l’oro fisico si può acquistare sotto varie forme che dovranno essere scelte a seconda delle necessità e del tipo di investimento da effettuare, di seguito elenchiamo le varie forme di acquisto di oro fisico.
I lingotti d’oro sono preferibili per investimenti di grosse cifre di denaro e possano pesare fino kg. 12,5 kg secondo i classici standard dei mercati ufficiali.
Le monete d’oro rappresentano un metodo di investimento adatto per cifre inferiori, queste sono suddivisibili e ciò le rende estremamente pratiche sia nell’acquisto che nella vendita.
Tra gli oggetti in oro acquistabili non possiamo non menzionare i gioielli nei quali il valore dell’oro presente è minore in quanto sono realizzate con leghe auree, più resistenti all’usura dell’oro puro, in questo caso il valore del gioiello dipende anche dalla fattura e dal prestigio dell’oggetto e non esclusivamente dal peso dell’oro contenuto in essi.

Cerchi un compro oro a Milano? Affidati al marchio Compro Oro Ok

Scritto da stefano sacchi il . Pubblicato in Aziende, Italia

Se possiedi degli oggetti in oro di cui vuoi liberarti e non sai a chi rivolgerti per ottenere il massimo ricavo dalla loro vendita puoi recarti presso il negozio di Simply Gold che espone il marchio compro oro ok e avere una valutazione senza alcun impegno. Offriamo la più alta quotazione oro sul mercato e la nostra valutazione verrà fatta in totale trasparenza ed è proprio questo che fa del nome Simply Gold un marchio di affidabilità.

La nostra società è un banco metalli regolarmente autorizzato dalla Banca d’Italia alla compravendita di metalli preziosi. La nostra valutazione dei vostri oggetti in oro verrà fatta in base a 3 aspetti: quotazione giornaliera dell’oro (gold fixing), peso e titolo (quantità di oro puro contenuta) degli oggetti. Visitando il sito comprooromilanook.it potrete sapere in anticipo qual è la quotazione dell’oro che vi verrà offerta presso il nostro compro oro di Milano.

Qui troverete 3 quotazioni: 24, 18 e 14 carati. Generalmente si fa riferimento alla quotazione 18 carati in quanto la maggior parte dei gioielli ha proprio questo titolo, o un titolo inferiore. L’oro 24 carati (oro puro) si trova solamente in forma di lingotti o monete d’oro. Il metallo giallo è infatti molto malleabile, troppo per essere utilizzato in forma pura nella produzione di gioielli. Dunque per aumentare la resistenza e la durevolezza della bigiotteria l’oro viene legato ad altri metalli (rame, argento, nichel palladio) in percentuali diverse.

Tuttavia per sapere esattamente che titolo possiede un oggetto è necessario che questo venga analizzato dal nostro esperto il quale procederà ad effettuare dei test per determinare con esattezza il titolo dell’oggetto. Per sapere quanto quotiamo il vostro oro usato potete presentarvi in negozio nei seguenti orari: lunedi’/venerdì 11-18:30, sabato 11-16 (sempre orario continuato).  In alternativa potete telefonare al numero 02. 26.68.49.66

Come detto Simply Gold è un banco metalli, dunque oltre all’oro ritiriamo qualsiasi altro metallo prezioso ed effettuiamo una valutazione gratuita e senza alcun impegno di diamanti, monete e orologi.

Non sai a chi affidarti per vendere il tuo oro? Affidati al compro oro che espone il marchio Compro oro ok situato in Viale Gran Sasso 23 (MI) a pochi dalla fermata metropolitana di Piola.