Posts Tagged ‘chiusure motorizzate’

Portoni industriali e chiusure motorizzate: il Decreto Sanzioni e l’importanza della formazione

Scritto da Sara Mohamed il . Pubblicato in Aziende, Industria

Il quadro normativo di riferimento che gli operatori devono conoscere e rispettare per garantire la sicurezza e la qualità di prodotti industriali come portoni, chiusure motorizzate, cancelli e vetrate.

Produttori, rivenditori, installatori e manutentori di serramenti e chiusure industriali devono conoscere nel dettaglio le normative nazionali e comunitarie che regolano il settore, che si tratti di semplici tapparelle motorizzate o di pesanti portoni industriali.

Ai confini tra i mondi dell’edilizia, della meccanica e della logistica, le chiusure motorizzate sono sottoposte a direttive e regolamenti europei, leggi e decreti nazionali, normative CEN, CENELEC e RED. Il comparto comprende cancelli, porte e portoni industriali, finestre, serrande, tapparelle, tende da sole e schermi motorizzati. Da 20 anni tutti questi prodotti sono sottoposti alla Direttiva Macchine, dal 2010 al DM 37/2010 e, da qualche mese, anche al DL 106/2017, più conosciuto come Decreto Sanzioni.

La poca conoscenza di norme, regolamenti e decreti all’interno nel settore delle chiusure motorizzate sta spingendo molte aziende attive nei mondi dell’industria e della logistica a correre ai ripari con corsi rapidi di aggiornamento per i dipendenti. Percorsi formativi che esaminano, caso per caso, le implicazioni delle normative vigenti, evidenziando in base alle specifiche merceologie – attenzione particolare meritano le porte tagliafuoco e tagliafumo – i singoli profili di rischio per produttore, rivenditore, installatore e manutentore.

Il Decreto Sanzioni ha introdotto un nuovo quadro normativo per regolare il mercato di questi prodotti, allineando gli standard sui livelli dei migliori produttori di portoni industriali e chiusure motorizzate, in modo da garantire il più possibile la sicurezza e la qualità delle costruzioni, oltre a migliorare l’efficacia e la trasparenza delle misure già esistenti. In parole semplici, il Decreto fissa le condizioni per l’immissione dei prodotti sul mercato, le regole sulla sicurezza e le sanzioni per chi prescrive prodotti non conformi. Un quadro normativo che coinvolge l’intera filiera: dai costruttori ai rivenditori, passando per installatori, collaudatori e progettisti.