Posts Tagged ‘antonio cospito’

Antonio Cospito – Pubblica il libro Felicità di Marianna Calbi, lo porta a Sanremo 2020 e l’incasso sarà devoluto all’elemosineria Apostolica

Scritto da areastampa360 il . Pubblicato in Libri

Antonio Cospito famoso in tutto il mondo per aver scritto la prima canzone dedicata a Papa Francesco, pubblica il suo primo libro come editore. Abbiamo realizzato una intervista.

Antonio come nasce questo progetto?
Nasce tutto per caso un mese fa. Molti mi conoscono, conoscono la mia storia ed il mio mondo lavorativo e spirituale, un po’ meno il mio essere umano comune come tutti gli altri, con i suoi pregi ed i suoi difetti ma anche con quelle fragilità che ben si nascondono in una vita ricca di circostanze ed eventi duri da affrontare. Ebbene nel susseguirsi di diversi eventi e dopo una delusione lavorativa in cui avevo canalizzato tutte le mie energie per sostenere un talento emergente, ho avuto modo di conoscere meglio e parlare di più con Marianna Calbi. In pochissimo tempo abbiamo instaurato un rapporto di fiducia, ed è emersa la sua volontà negli anni di voler di pubblicare un libro, ma la cui idea era stata accantonata per una serie di priorità. Mi sono illuminato ed ho ripreso le mie energie e voglia di rimettermi in carreggiata per cui le chiesi se avesse già idea di cosa scrivere, e lei mi disse certo ho un testo il titolo Felicità. Da quel momento con il mio staff di Area Stampa 360, abbiamo iniziato a seguire il progetto di Marianna Calbi.

Come mai proprio a Sanremo la presentazione ufficiale del libro?
Da 3 anni io e Natale Maroglio in occasione del Festival di Sanremo, abbiamo sempre proposto un nuovo libro Quest’anno purtroppo per i miei problemi di salute non mi è possibile assolutamente redigere un libro, e allora punteremo tutto su Marianna Calbi con il suo libro Felicità.

Emozionato?
Si, perché per la prima volta vado al Festival di Sanremo come editore, e penso sarà una bellissima esperienza ricca di soddisfazioni. Spero in una buona ripresa dopo l’ultimo intervento chirurgico alla spalla.

Ci sarà anche Marianba Calbi?
Purtroppo no, a causa dei suoi impegni lavorativi e familiari. Deve accudire cinque figli ed un marito. Anche per questi motivi abbiamo dovuto rinunciare a diversi “Incontri con l’autore”, che avevo già predisposto in diversi Mondadori Book Store.

La copertina del libro?
Ormai da più di 10 anni collaboro con Don Mauro Manzoni, autore anche della copertina del CD Papa Francesco (la prima canzone dedicata al Santo Padre). Come sempre gli ho inviato degli spunti e la copia del libro, dopo qualche giorno manda un bozza che mi è piaciuta molto, perché il concetto è “uscire da se stessi per la felicità”. Usando quella sua immagine abbiamo portato a termine la copertina, che oggi trovate su tutti i book store.

L’incasso del libro?
Sarà devoluto all’elemosineria Apostolica, per le opere di carità di Papa Francesco, appena saranno pagate le royalty dai Book Store.

Antonio Cospito – Marianna Calbi ha un libro forte per Sanremo 2020, Papa Francesco e Amazon

Scritto da areastampa360 il . Pubblicato in Libri

In un mondo difficile pieno di problemi, tutti ricercano la felicità, ma mi domando: sappiamo cosa sia davvero la Felicità? Dove la cerchiamo, cosa facciamo per essere felici, cosa o chi ci rende felici? Il libro di Marianna Calbi aiuta a ritrovare la serenità, guarigione interiore e la Felicità.

Come nasce questo progetto?
Nasce tutto per caso un mese fa. Molti mi conoscono, conoscono la mia storia ed il mio mondo lavorativo e spirituale, un po’ meno il mio essere umano comune come tutti gli altri, con i suoi pregi ed i suoi difetti ma anche con quelle fragilità che ben si nascondono in una vita ricca di circostanze ed eventi duri da affrontare. Ebbene nel susseguirsi di diversi eventi e dopo una delusione lavorativa in cui avevo canalizzato tutte le mie energie per sostenere un talento emergente, ho avuto modo di conoscere meglio e parlare di più con Marianna Calbi. In pochissimo tempo abbiamo instaurato un rapporto di fiducia, ed è emersa la sua volontà negli anni di voler di pubblicare un libro, ma la cui idea era stata accantonata per una serie di priorità. Mi sono illuminato ed ho ripreso le mie energie e voglia di rimettermi in carreggiata per cui le chiesi se avesse già idea di cosa scrivere, e lei mi disse certo ho un testo il titolo Felicità. Da quel momento con il mio staff di Area Stampa 360, abbiamo iniziato a seguire il progetto di Marianna Calbi.

Come mai proprio a Sanremo la presentazione ufficiale del libro?
Da 3 anni io e Natale Maroglio in occasione del Festival di Sanremo, abbiamo sempre proposto un nuovo libro ( su Maria De Filippi, Michelle Hunziker, è l’ultimo anno scorso i Grandi della televisione). Quest’anno purtroppo per i miei problemi di salute e a causa dell’intervento alla spalla dx del 19 settembre 2019, non mi è possibile assolutamente redigere un nuovo libro per Sanremo 2020. Per questo motivo ho deciso di investire insieme a Natale Marogio ed tutto lo Staff di Area Stampa 360 nel libro Felicità, un’opera così completa come quella di Marianna, un libro in cui sin dalla prima lettura delle bozze ho trovato qualcosa di speciale, qualcosa che ti tocca dentro, qualcosa di unico.

Quali sono i progetti futuri?
Sicuramente un grande risultato inatteso è stato quello di un libro cartaceo Limited Edition su Amazon, e dal 12 ottobre 2019 il libro cartaceo uscirà nella versione completa nei book store e nelle librerie. Ci sarà una novità decisa proprio oggi, chi acquisterà il libro felicità il Marianna Calbi, riceverà in omaggio la prima canzone dedicata a Papa Francesco, scritta dal sottoscritto, cantata da Sonia De Castelli di Telecupole ed introdotta dal vescovo di Noto Monsignor Antonio Staglianò.

Come si lega il libro Felicita a Papa Francesco?
Come dicevo inizialmente sono una persona molto religiosa (Dehoniano Orante) e da profondi valori che mi legano in un rapporto filiale con Papa Francesco, e seguendo i suoi insegnamenti ne ricalco le orme. Il Santo Padre ci dice infatti : “ se un cattolico non è felice non è un vero Cattolico” quindi quale strada migliore di diffondere un messaggio importante per affinare gli strumenti per essere Felici!! Mi auguro che tutti colgano questa grande possibilità della vita, essere felici, riscoprire la propria felicità.

——————-

Libro Felicità di Marianna Calbi

Un Vademecum di strumenti e strategie per ottenere risultati efficaci e duraturi riconoscendo la nostra essenza e sprigionando il nostro potenziale. Molti identificano Marianna Calbi come mental coach o mental trainer, il che richiama subito alla mente il concetto di malattia mentale, problemi, di qualcosa che nessuno di noi vorrebbe avere. Vi assicuriamo che non è psicologa ma un professionista che ha seguito molti percorsi professionali riconosciuti a livello nazionale ed internazionale, che gli ha fornito conoscenze e competenze operative da applicare in ambito di crescita personale, aziendale e sportiva. Lavora con le persone per passione, per aiutarle a tirar fuori le risorse che già possiedono o insegna loro alcune tecniche per migliorare la propria autostima e conseguentemente accettazione totale migliorando di gran lunga i propri risultati in termini di performance, relazioni e soprattutto soddisfazione e felicità. Lavora con persone che hanno voglia di cambiare, di approcciarsi in modo differente alla vita, di riscoprirsi, migliorarsi e raggiungere i propri obiettivi. Non possiede bacchette magiche ne trucchi miracolosi in grado di cambiare le situazioni, ma fornisce semplici “attrezzi”, fogli di carta, matite per scrivere e programmare piani di allenamento da usare insieme agli strumenti che man mano emergono nelle diverse situazioni. In questo libro vuole raccontare in forma molto leggera alcune tecniche utili per poter raggiungere uno stato di consapevolezza, gratitudine ed equilibrio che generano Felicità! Un famoso psicoterapeuta del nord Italia afferma: ‘Puo’ aiutare… tutti gli approcci e le figure professionali possono aiutare e dare chiavi di lettura diversi…’.

Sito Web Ufficiale:
www.mariannacalbi.it

Antonio Cospito: Esce il nuovo libro sulla Felicità

Scritto da areastampa360 il . Pubblicato in Libri

La Felicità sotto il profilo psicologico, può essere la condizione conseguente la soluzione di un problema, fatto che produce appagamento e quindi gioia. In questo libro l’autore* affronta il superamento di vari problemi, allontanandosi dai luoghi di residenza per approdare alle Terme di Lurisia per cure, relax e buona cucina. Nel testo sono anche citati vari incontri culturali organizzati alle Terme di Lurisia, tra cui quello con Alessandro Invernizzi che parla in modo approfondito di come ricercare la felicità nella malattia.

* L’autore Antonio Cospito è già famoso in tutto il mondo per aver scritto la prima canzone dedicata a Papa Francesco, e per la pubblicazione di altre opere cattoliche.

Il libro sarà disponibile a partire dal 30 Luglio 2019 su tutti i book store.

Antonio Cospito: Non mi avete fatto niente

Scritto da areastampa360 il . Pubblicato in Libri

Sono passati 10 anni di ‘INUTILI PROCESSI’, discriminazioni, calunnie, diffamazione, cattiveria gratuita, ma tutto è finito con ASSOLUZIONE perché i fatti non costituivano reato penale. Adesso tocca a tutti voi. GIUSTIZIA SARÀ FATTA!

‘ Non mi avete fatto niente
Non mi avete tolto niente
Questa è la mia vita che va avanti
Oltre tutto, oltre la gente
Non mi avete fatto niente
Non avete avuto niente
Perché tutto va oltre le vostre inutili guerre
Le vostre inutili guerre ‘.

Presto uscirà il libro distribuito su tutti i book store.

——————————-

Antonio Cospito Press
www.facebook.com/areastampa360

Antonio Cospito assolto dopo 7 anni di calvario per colpa di un PM scellerato

Scritto da areastampa360 il . Pubblicato in Opinioni / Editoriale, Politica

Capita spesso, ma che capiti proprio a te non ci puoi credere. Condannato per Calunnia??

Qualcuno potrebbe dire, che se ti occupi di Ufficio Stampa può capitare, anzi devi metterlo in conto.

Però vi sembra normale che un Tribunale ti condanni a 2 (due) con risarcimento di Euro 5.000 e poi la Corte d’Appello ti ASSOLVE perché i fatti non costituisco reato? La giustizia italiana è malata?

Adesso però arriva il secondo step, denunciare tutti i fatti, per richiedere ogni danno patito e patendo.

Sperando che il PM scellerato dopo 7 (sette) anni di processo ingiusto, venga punito severamente.

—————

Antonio Cospito Press
– Ufficio Stampa –

Antonio Cospito Press una realtà in continua crescita

Scritto da areastampa360 il . Pubblicato in Opinioni / Editoriale

Comunicare non è mai stato così semplice. Raccontaci eventi, notizie, successi, fatti… noi ci occuperemo di consegnare il tuo messaggio a redazioni, giornalisti, portali, blogger, influencer e chiunque in Italia faccia opinione. Perché tutto può diventare una notizia. Basta sapere a chi comunicarlo.

Le tue news possono contare su un database aggiornato quotidianamente di oltre 48 mila giornalisti e blogger e più di 6 mila redazioni.

Nell’ottica di un servizio giornalistico professionale le notizie saranno inviate sempre e solo ai giornalisti, blogger e redazioni potenzialmente interessati.

————————-

~ Sito Web Ufficiale ~
www.areastampa360.com

~ Contatti ~
E-Mail: areastampa360@gmail.com
WhatsApp: 329 1837532

La prima canzone per Papa Francesco – Nuova versione per la Gmg 2019 di Panama

Scritto da Rete Cattolica il . Pubblicato in Musica, Religione

Esce in una versione completamente nuova «Papa Francesco», la prima canzone dedicata a Bergoglio. Composta e pubblicata dal dehoniano orante Antonio Cospito all’indomani della sua elezione, viene rilanciata a poco meno di un anno dalla Gmg 2019 di Panama.

A introdurre la canzone nel video che pubblichiamo è il vescovo di Noto, Antonio Staglianò, divenuto celebre per la sua «pop theology», cioè per l’evangelizzazione con la musica, in particolare attraverso i testi di alcune canzoni il cui linguaggio universale è capace di raggiungere tutti ed è conosciuto e apprezzato specialmente dai giovani.

«Il Papa è un modello di santità per tutti», afferma Staglianò evidenziando che «più che essere Santo Padre, è un padre, santo, il pastore in odore di pecora». Con lui, aggiunge, «le bellissime parole del cattolicesimo, come carità, umiltà, perdono, fraternità, amicizia e solidarietà diventano cristiane, cioè hanno carne, in gesti concreti di operosa carità verso gli altri».

Il brano è acquistabile dal 25 febbraio sulle principali piattaforme digitali e il ricavato sarà devoluto all’Elemosineria apostolica della Santa Sede, che ha il compito di esercitare la carità verso i poveri proprio a nome del Papa. Che, come sottolinea la canzone, «è un grande amico, il Papa dell’umiltà, il Papa che sta tra noi, un dono di Dio».

Il brano viene cantato da Don Giosy Cento (noto cantautore di musica cristiana) – Sonia De Castelli (noto personaggio televisivo) – Angelo Macrí (cantautore ligure impegnato nel sociale).

Link Video:

Antonio Cospito: Dio Parla nella Sofferenza

Scritto da Rete Cattolica il . Pubblicato in Libri, Religione

Prima il successo, il superlavoro, la televisione. Poi la malattia, la disabilità, lo scoraggiamento.

A fare da filo conduttore tra la prima e la seconda vita di Antonio Cospito (www.antoniocospito.eu), 46enne originario di Matera trapiantato in Piemonte, è la fede anche se sofferta, messa duramente alla prova da diverse patologie degenerative che lo ha colpito da qualche anno. Consacrato laico fra i dehoniani oranti dal 2009, vive insieme a Natale Maroglio, un altro consacrato 65enne che lo assiste instancabilmente durante ogni ricovero in ospedale e lo conforta.

«Il 22 Marzo 2017 ho ricevuto la visita del vescovo di Alba, monsignor Marco Brunetti, che mi ha invitato a vedere la mia stanza come una cella di fede, di preghiera. “Nella tua situazione stai vivendo la Passione”, mi ha detto, trasmettendomi una grande pace e consolazione. Mi sento rinato, pieno di speranza», riferisce Antonio, vulcanico anche se costretto a una mobilità limitata. Ha firmato decine libri di spiritualità (alcuni a quattro mani con il confratello Maroglio) e brani musicali, fra i quali il primo in assoluto dedicato a papa Francesco, poche ore dopo la fumata bianca del conclave di quattro anni fa.

Ma la sua passione per le note inizia fin da ragazzo, nella sua parrocchia: «A 14 anni ero responsabile della corale polifonica e del canto nel gruppo di preghiera del Rinnovamento nello Spirito Santo». Già da allora la sua famiglia di origine contrastava questo cammino di fede, nonostante l’appoggio del parroco. «Qualcuno mi disse che ho il carisma di citare la Parola per consolare le persone», ricorda. Dopo il diploma, fonda con alcuni compagni di scuola una band di musica leggera, che lo porta in tour per le piazze della Calabria, della Puglia e della Basilicata. In seguito apre un bar-pizzeria-ristorante con musica dal vivo, «in cui si sono esibiti anche cantanti famosi».

Nel 1995 si trasferisce a Milano e lavora in un bar. Poi a Cologno Monzese inizia la sua collaborazione per diverse società come direttore artistico e per alcuni programmi televisivi di Mediaset e Rai come organizzatore del pubblico. Si avverte nella voce un pizzico di nostalgia quando ripercorre gli anni trascorsi negli studi di “Scherzi a parte” con Teo Teocoli, “Super” con Laura Freddi e Gerry Scotti, “Jammin” con Federica Panicucci, “Ore 12” sempre con Scotti, “Ci vediamo in Tv” con Paolo Limiti, “Ok il prezzo è giusto!” con Iva Zanicchi. «Ho seguito pure per diversi anni casting, videoclip e le selezioni dell’Accademia di Sanremo, Sanremo Rock, collaborando con diversi big della canzone italiana e un grande maestro di orchestra come Vince Tempera».
Nel tempo libero Antonio si dedica al volontariato presso l’ospedale di Desio e all’animazione liturgica della Messa festiva in rito ambrosiano. «Guidavo anche la preghiera del rosario, intervallando i misteri con un canto; i pazienti mi ringraziavano prima di tornare nelle loro stanze». Finché, dopo un accurato discernimento, otto anni fa si trasferisce nella provincia di Cuneo e decide di professare il voto di castità diventando un dehoniano orante: «Conoscevo la loro spiritualità e ho scelto di dedicarmi a Dio, dopo aver compreso che il matrimonio non era la mia strada». Scelta condannata dai genitori, dalla sorella più grande, dal fratello minore e dai parenti, che hanno interrotto i rapporti con lui: «Hanno detto che mi considerano morto, un motivo di sofferenza ulteriore», confida.

Al dolore umano e psicologico si aggiunge quello fisico: prima un carcinoma alla prostata, poi altre patologie progressive alla colonna vertebrale e un deficit alla mano destra, che ne limitano i movimenti e lo obbligano a tenere durante il giorno un collare cervicale oltre a un’imbracatura al braccio. Ma Antonio, costretto ad abbandonare l’amato lavoro, non si arrende: «Subito dopo l’elezione di papa Francesco, la sera del 13 marzo 2013, ho scritto testo e musica di un pezzo dedicato a lui, sulla profezia dell’umiltà. Poi gli ho spedito il cd con una lettera e lui mi ha risposto inviandomi la benedizione apostolica».

Qualche mese dopo, il 5 giugno, all’udienza generale in Vaticano l’abbraccio con Bergoglio, che si ripete il 21 giugno 2015, durante la sua visita pastorale a Torino. Il 25 marzo avrebbe dovuto partecipare alla Messa presieduta dal Santo Padre al Parco di Monza, ma ha dovuto rinunciare per un malore. Nel suo ultimo volume, distribuito da Amazon, Cospito ha voluto raccogliere messaggi e discorsi del pontefice a quattro anni dalla sua elezione.

«A volte consolo gli altri e non riesco a consolare me stesso; mi sento abbandonato anche dalle istituzioni – conclude Antonio –. Ma il Signore agisce di continuo nella mia vita attraverso tanti piccoli segni e doni: una telefonata, una visita, una parola. Quando hai Cristo come amico, hai gioia e felicità, e Il Giubileo della misericordia ci ha ricordato che Lui ci aspetta a braccia aperte, come fa il padre con il figlio prodigo. Con questa consapevolezza ogni sofferenza fisica può essere alleggerita e vissuta con la serenità che ti può dare solo Dio».

—————————–

Area Stampa 360
Testo di Laura Badaracchi
www.areastampa360.com

Antonio Cospito: La Musica, La Fede e la Disabilità.

Scritto da Rete Cattolica il . Pubblicato in Opinioni / Editoriale, Religione

Antonio Cospito: La Musica, La Fede e la Disabilità.

Prima il successo, il superlavoro, la televisione. Poi la malattia, la disabilità, lo scoraggiamento. A fare da filo conduttore tra la prima e la seconda vita di Antonio Cospito (www.antoniocospito.eu), 46enne originario di Matera trapiantato in Piemonte, è la fede anche se sofferta, messa duramente alla prova da diverse patologie degenerative che lo ha colpito da qualche anno. Consacrato laico fra i dehoniani oranti dal 2009, vive insieme a Natale Maroglio, un altro consacrato 65enne che lo assiste instancabilmente durante ogni ricovero in ospedale e lo conforta.

«Il 22 Marzo 2017 ho ricevuto la visita del vescovo di Alba, monsignor Marco Brunetti, che mi ha invitato a vedere la mia stanza come una cella di fede, di preghiera. “Nella tua situazione stai vivendo la Passione”, mi ha detto, trasmettendomi una grande pace e consolazione. Mi sento rinato, pieno di speranza», riferisce Antonio, vulcanico anche se costretto a una mobilità limitata. Ha firmato decine libri di spiritualità (alcuni a quattro mani con il confratello Maroglio) e brani musicali, fra i quali il primo in assoluto dedicato a papa Francesco, poche ore dopo la fumata bianca del conclave di quattro anni fa.

Ma la sua passione per le note inizia fin da ragazzo, nella sua parrocchia: «A 14 anni ero responsabile della corale polifonica e del canto nel gruppo di preghiera del Rinnovamento nello Spirito Santo». Già da allora la sua famiglia di origine contrastava questo cammino di fede, nonostante l’appoggio del parroco. «Qualcuno mi disse che ho il carisma di citare la Parola per consolare le persone», ricorda. Dopo il diploma, fonda con alcuni compagni di scuola una band di musica leggera, che lo porta in tour per le piazze della Calabria, della Puglia e della Basilicata. In seguito apre un bar-pizzeria-ristorante con musica dal vivo, «in cui si sono esibiti anche cantanti famosi».

Nel 1995 si trasferisce a Milano e lavora in un bar. Poi a Cologno Monzese inizia la sua collaborazione per diverse società come direttore artistico e per alcuni programmi televisivi di Mediaset e Rai come organizzatore del pubblico. Si avverte nella voce un pizzico di nostalgia quando ripercorre gli anni trascorsi negli studi di “Scherzi a parte” con Teo Teocoli, “Super” con Laura Freddi e Gerry Scotti, “Jammin” con Federica Panicucci, “Ore 12” sempre con Scotti, “Ci vediamo in Tv” con Paolo Limiti, “Ok il prezzo è giusto!” con Iva Zanicchi. «Ho seguito pure per diversi anni casting, videoclip e le selezioni dell’Accademia di Sanremo, Sanremo Rock, collaborando con diversi big della canzone italiana e un grande maestro di orchestra come Vince Tempera».
Nel tempo libero Antonio si dedica al volontariato presso l’ospedale di Desio e all’animazione liturgica della Messa festiva in rito ambrosiano. «Guidavo anche la preghiera del rosario, intervallando i misteri con un canto; i pazienti mi ringraziavano prima di tornare nelle loro stanze». Finché, dopo un accurato discernimento, otto anni fa si trasferisce nella provincia di Cuneo e decide di professare il voto di castità diventando un dehoniano orante: «Conoscevo la loro spiritualità e ho scelto di dedicarmi a Dio, dopo aver compreso che il matrimonio non era la mia strada». Scelta condannata dai genitori, dalla sorella più grande, dal fratello minore e dai parenti, che hanno interrotto i rapporti con lui: «Hanno detto che mi considerano morto, un motivo di sofferenza ulteriore», confida.

Al dolore umano e psicologico si aggiunge quello fisico: prima un carcinoma alla prostata, poi altre patologie progressive alla colonna vertebrale e un deficit alla mano destra, che ne limitano i movimenti e lo obbligano a tenere durante il giorno un collare cervicale oltre a un’imbracatura al braccio. Ma Antonio, costretto ad abbandonare l’amato lavoro, non si arrende: «Subito dopo l’elezione di papa Francesco, la sera del 13 marzo 2013, ho scritto testo e musica di un pezzo dedicato a lui, sulla profezia dell’umiltà. Poi gli ho spedito il cd con una lettera e lui mi ha risposto inviandomi la benedizione apostolica».

Qualche mese dopo, il 5 giugno, all’udienza generale in Vaticano l’abbraccio con Bergoglio, che si ripete il 21 giugno 2015, durante la sua visita pastorale a Torino. Il 25 marzo avrebbe dovuto partecipare alla Messa presieduta dal Santo Padre al Parco di Monza, ma ha dovuto rinunciare per un malore. Nel suo ultimo volume, distribuito da Amazon, Cospito ha voluto raccogliere messaggi e discorsi del pontefice a quattro anni dalla sua elezione.

«A volte consolo gli altri e non riesco a consolare me stesso; mi sento abbandonato anche dalle istituzioni – conclude Antonio –. Ma il Signore agisce di continuo nella mia vita attraverso tanti piccoli segni e doni: una telefonata, una visita, una parola. Quando hai Cristo come amico, hai gioia e felicità, e Il Giubileo della misericordia ci ha ricordato che Lui ci aspetta a braccia aperte, come fa il padre con il figlio prodigo. Con questa consapevolezza ogni sofferenza fisica può essere alleggerita e vissuta con la serenità che ti può dare solo Dio».

————–

Area Stampa 360
www.areastampa360.com

Antonio Cospito incontrerà Papa Francesco a Monza il 25 Marzo 2017

Scritto da Rete Cattolica il . Pubblicato in Religione

Il dehoniano orante Antonio Cospito é famoso in tutto il mondo per aver scritto la prima canzone dedicata al Santo Padre, ed incontrerà Papa Francesco a Monza il 25 Marzo 2017, dopo averlo già abbracciato a Roma e Torino.

Antonio Cospito é un “disabile”, che ha scritto diversi libri cattolici e pubblicato canzoni importanti.

Il 15 Marzo 2013 pubblica sui digital store “Papa Francesco”, la prima canzone dedicata al Santo Padre.

Il 25 Aprile 2016 pubblica sui Digital Store “Preghiera Madonna dei Fiori”, venerata nel Santuario di Bra (Cuneo).

Il 21 Maggio 2016 pubblica sui Digital Store “La Disabilità”, la canzone che sottolinea quando le autorità danno poca attenzione a questo grave problema sociale.

Il 03 Marzo 2017 pubblica sui Digital Store “Libertà di Vivere”, brano musicale curato dal Maestro Vince Tempera.

Il 10 Marzo 2017 pubblica in esclusiva per Amazon “I Messaggi di Papa Francesco che aiutano a crescere nella Fede”, il libro esce in occasione del quarto anno di Pontificato del Santo Padre.

Il dehoniano orante Antonio Cospito afferma: “Vedersi recapitare i Pass a domicilio, é stata per me una grande gioia. Ma purtroppo, vivo con molta ansia l’attesa di questo incontro, perché non ho la certezza di poter effettuare il viaggio. Le mie patologie degenerative, creano sempre un’incognita in tutta la mia vita. Tra l’altro proprio in questi giorni, mi hanno diagnosticato una trombosi alla safena gamba destra, ed ho iniziato con le punture nella pancia di eparina. Deciderò all’ultimo momento, e dopo aver consultato i medici, se potrò recarmi a Monza per incontrare Papa Francesco”.

Sito Web Ufficiale:
 www.antoniocospito.eu