Posts Tagged ‘agenzia’

Ottenere il massimo dalle campagne pubblicitarie di FaceBook ADS

Scritto da Monica il . Pubblicato in Aziende, Informatica, Internet

FaceBook ADS è fra gli strumenti più innovativi introdotti recentemente dal famoso social network fondato da Zuckerberg.

FaceBook ADS consente agli inserzionisti non solo di promuovere post sponsorizzati relativi ai propri prodotti o servizi, ma di raccogliere all’interno della propria piattaforma le risposte degli utenti interessati proponendo, di default, la raccolta dati del profilo di ogni utente.

Questo strumento riesce così ad accorciare notevolmente i passaggi fra la campagna promozionale e il “database” dell’inserzionista.

Grazie ad una brillante intuizione del fondatore Roberto Pagano,  lo Staff di WRP srl è riuscita ad implementare una soluzione in grado di sincronizzare i dati degli utenti raccolti su FaceBook con il CRM, il database messo a disposizione degli utenti, disponibile all’interno della piattaforma IperTop.

Come descritto dagli esperti marketing di WRP srl, il cliente deve semplicemente esprimere il target di riferimento, penserà poi lo Staff di IperTop  ad impostare la campagna su FaceBook, configurare i testi e le immagini più performanti.

Grazie al Social Funnel sopra descritto i dati degli utenti interessati saranno poi disponibili all’interno dell’area riservata IperTop in cui è possibile utilizzare tutte le funzioni del CRM, quindi dalla gestione dello storico delle relazioni fino alla trasmissione periodica di newsletter.

A poche settimane dal lancio il grado di soddisfazione dei clienti è superiore alle aspettative, i clienti hanno ottenuto dalle campagne pubblicitarie FaceBook un ROI superiore alle più rosee aspettative.

Il futuro è promettente per WRP srl, il cui impegno si rivolge alla diffusione di questa innovazione tecnologica non ancora conosciuta dalle PMI Italiane.

Ristorante La casa di Belle: grande successo per la serata con Alessandro Meluzzi

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

E’ stata davvero una presenza molto gradita quella del Professor Alessandro Meluzzi, noto psichiatra e personaggio televisivo popolare con le trasmissioni televisive “Quarto Grado”, “Matrix”, “Porta a Porta”, arrivato come ospite vip al ristorante La casa di Belle, che si trova in via Montegrappa, 123 a Fonte, in provincia di Treviso.
Meluzzi, accompagnato dal manager della cultura Salvo Nugnes, organizzatore dell’ evento, ha intrattenuto il nutrito pubblico arrivato in loco, con la presentazione del suo ultimo libro di successo dal titolo “Dei Delitti e delle pene 2.0” scritto a quattro mani con la figlia Maria Araceli. La tematica del libro è molto interessante e riguarda il comparto delle leggi e delle normative vigenti in materia di diritto penale, alla luce dei delitti e delle vicende criminali, che stanno destando più attenzione da parte dell’opinione pubblica. Si ispira anche al famoso saggio giuridico scritto da Cesare Beccaria “Dei delitti e delle pene”. All’evento erano presenti diversi sindaci del comprensorio.
Il ristorante è gestito da Isabel Casella, proprietaria del locale, nonché solare e talentuosa artista e ha come specialità principale la pizza, gustosa e preparata con ingredienti e materie prime di ottima qualità. L’atmosfera confidenziale e l’ambiente caldo e accogliente, contribuiscono a dare un tocco unico e speciale al locale. La clientela è eterogenea, anche tanti turisti lo frequentano con positivi apprezzamenti.

Franchising Onoranze Funebri Illuxit: innovazione e tradizione in perfetto connubio

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Aziende

Nel settore delle onoranze funebri, l’Azienza Illuxit di storica formazione, si pone come punto di riferimento sul mercato di settore nazionale e internazionale con una consistente rete di agenzie affiliate attraverso la moderna formula del franchising, adattato e modulato per rispondere alle specifiche e peculiare esigenze del comparto imprenditoriale.

Dalle parole del titolare e amministratore Gaetano Carbonara si può individuare le connotazioni distintive inserite in questa vantaggiosa opportunità collaborativa: “Abbiamo sviluppato il progetto franchising in un settore di grande interesse e da sempre immune da ogni crisi. Questo progetto innovativo si propone con una particolare apertura imprenditoriale verso il nuovo e il moderno”. E proseguendo spiega: “È previsto un apposito corso di formazione mediante il quale viene trasmessa all’affiliato la formula commerciale collaudata e vincente, con un metodo di lavoro standard, finalizzato a ridurre errori e contrattempi nelle pratiche con il cliente, a semplificare l’attività dell’affiliato, il tutto redatto su un manuale operativo. Il corso di formazione prevede un periodo full immersion presso il centro pilota, dove si potrà valutare operativamente tutto quanto descritto nel manuale. In particolar modo tutto ciò che riguarda il rapporto con il cliente ed il supporto ad egli offerto. Il corso consentirà di acquisire familiarità con il software gestionale importante strumento operativo, che consente di elaborare preventivi, caricare le pratiche e disbrigarle, fare gli ordini al centro servizi, compiere la fatturazione e la gestione del magazzino”.

L’affiliato potrà sempre contare anche in successivi aggiornamenti del settore. Infatti periodicamente sono organizzati degli incontri per discutere su eventuali variazioni legislative in materia, su nuovi prodotti e metodologie adottate. Questi momenti aggregativi offrono anche ai partecipanti l’occasione per confrontarsi e raccontarsi, in modo che le esperienze del singolo possano diventare un costruttivo stimolo di riflessione per la crescita comune.

Illuxit: Oggi vanta una consolidata operatività presente su tutto il territorio nazionale

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Aziende

L’agenzia Illuxit Onoranze Funebri in franchising si pone come consolidata realtà di settore presente sul mercato dal 1979, in grado di fornire alla vasta ed eterogenea clientela le massime garanzie di esperta competenza ed efficiente capacità assistenziale. La sede principale si trova a Busto Arsizio e i numerosi affiliati sono presenti in modo capillare nel resto della Lombardia e in Veneto, con una consolidata operatività estesa a tutto il territorio nazionale, incluso le isole.

Sull’idea ispiratrice del fiorente progetto in franchising il titolare, nonché amministratore Gaetano Carbonara sottolinea “L’idea nasce dal fatto che non ne esistevano prima in questo settore di soluzioni aziendali in franchising. Dunque, si tratta di un’innovazione esclusiva. Riteniamo, che ci fosse un bisogno emergente e concreto di individuare una nuova figura nel ruolo d’impresario funebre, con un’immagine totalmente rivisitata, più giovane, moderna e al passo con le trasformazioni avvenute in questo comparto commerciale, così articolato e delicato da gestire”. E aggiunge “A fronte del grande interesse suscitato con il nostro progetto di franchising stiamo lavorando da tempo per avviare una fitta rete aziendale anche in Europa e attualmente la Spagna ci sembra un paese adatto per estenderlo in modo mirato e sistematico”.

Commentando l’attuale situazione di mercato spiega “La crisi economica generale ha colpito e sta colpendo tutte le attività imprenditoriali e le categorie professionali. È risaputo che le banche concedono finanziamenti con molta cautela. Proprio per supportare i nostri clienti nell’affrontare questa fase di scarsa liquidità abbiamo adottato un sistema di pagamento agevolato suddiviso in 12 comode rate mensili”. 

Le grucce e la loro utilità

Scritto da fabio zinesi il . Pubblicato in Aziende, Casa e Giardino

La storia delle grucce risale al XIX secolo, infatti gli studiosi pensano che fu Thomas Jefferson presidente degli Stati Uniti d’America e inventore ad inventare il prototipo delle grucce di legno per i vestiti.
Quelle a filo son state ispirate da un appendiabiti che sono state inventate nel 1869 da O. A. dello stato del Connecticut. L’invenzione è stata poi attribuita ad un dipendente della Wire Timberlake e Novelty Company, Albert J. Parkhouse di Jackson.

Che utilizzo si fa delle grucce?
Nel 1906 Meyer May, un commerciante di Grand Rapids, Michigan, divenne il primo rivenditore di tali articoli.
Nel 1932 Schuyler C. Hulett brevettò tipi di grucce migliori che evitava la formazione delle pieghe, e infine nel 1935 Elmer D. Rogers aggiunse la barra inferiore alle grucce.

Le grucce esistenti.
Esistono due tipi di grucce a seconda degli abiti che si intende appendervi e dell’utilizzo che si vuol fare:

  • Spalle, per appendere facilmente i vestiti senza stropicciarli, viene utilizzata per vestir quali cappotto, giacca, maglione, camicia, ovvero quegli indumenti dalle parti superiori del corpo. Poi è possibile aggiungere una barra inferiore per appenderci pantaloni o gonne.
  • Morsetto a clip, barra inferiore o scorsoio, per appendere pantaloni, gonne o kilt, ovvero quelli adibiti alle parti inferiori del corpo.

Materiali.
Le grucce possono essere realizzati con diversi materiali, i quali possono vincolarne la forma. In tal senso il materiale più decisivo è il filo di ferro, che se realizzato tramite filo sottile permette alle grucce di aver le classiche forme triangolari, ma se viene utilizzato uno spessore maggiore può essere realizzato in varie forme, mentre il legno e la plastica le grucce vengono realizzate in diverse forme e varianti.

GRUCCE IN PLASTICA
Le grucce in plastica vanno dalle più basilari come le grucce in plastica nera o colorata alle più particolari come le grucce perlate, le grucce fluorescenti,  trasparenti speciali e le grucce laccati antigraffio. Una fase importante per le grucce in plastica è la cromatura ottenibile con oro e argento lucido.
Tutte le grucce in plastica si possono arricchire di finiture particolari, quali la vellutazione parziale o totale, conferendo alle grucce un tocco di classe. Il soft touch  darà un effetto satinato agli appendini su base trasparente mentre renderanno i colori più caldi e morbidi al tatto gli appendini in plastica colorata.

GRUCCE IN PLEXIGLASS.
Le nuove tecnologie hanno permesso la realizzazione di nuovi tipi di materiali con i quali realizzare le grucce, un dei quali il PLEXIGLASS. Lo stampaggio ad iniezione e l’assemblaggio delle grucce avvengono all’interno dell’azienda.

GRUCCE IN LEGNO
Grucce invece di particolare eleganza e classe sono quelle realizzare in legno. Esso sono innovative e di alta qualità; personalizzabili secondo le specifiche esigenze di coloro che vogliono rendere unico il proprio guardaroba con grucce personalizzate. La particolarità di queste grucce la possibilità di personalizzarle. Chiunque può chiedere di realizzare le proprie grucce contando su una vasta gamma di esperti del settore in grado di soddisfare qualsiasi tipo di richiesta. Le finiture vanno dalle più basilari quali: il legno naturale non trattato, le tinture trasparenti, per dare risulato alle venature del legno, le laccature dalle più opache alle più lucide.

GRUCCE IN METALLO
Le più comuni grucce son quelle realizzate in metallo. Albert J. Parkhouse di Jackson utilizzando un filo di metallo ha realizzato una delle prime grucce. Al giorno d’oggi le grucce di metallo possono essere non solo di semplice filo bensì più decorate e particolari per soddisfare tutti i gusti delle persone. Servendosi sempre di materiali di alta qualità, le finiture possono essere cromate, in acciaio ed in alluminio. Inoltre su molte grucce è possibile il rivestimento in pelle o con passamanerie  in tessuto.

CARUSO INVESTIMENTI IMMOBILIARI MILANO

Scritto da fabio zinesi il . Pubblicato in Aziende, Casa e Giardino

CARUSO INVESTIMENTI IMMOBILIARI MILANO svolge attività di consulenza rivolta alla compravendita e locazione di beni immobili a uso residenziale e strumentale svolgendo quindi investimenti immobiliari a Milano, dalla singola unità fino a interi fabbricati e complessi immobiliari. Fornisce inoltre servizi di consulenza in materia creditizia relativamente a mutui e leasing immobiliari ma pure su eventuali investimenti immobiliari.

CARUSO INVESTIMENTI IMMOBILIARI MILANO nasce e si sviluppa a Milano su iniziativa di Dario Caruso, giovane e dinamico imprenditore da sempre attento osservatore delle evoluzioni del mercato immobiliare e sugli investimenti immobiliari a Milano li quale, sulla base dell’esperienza maturata in molti anni di attività con alcune tra le più importanti aziende immobiliari italiane e internazionali, è riuscito a cogliere e sintetizzare quanto di meglio offerto dai principali operatori di settore relativamente a know-how e servizi, eliminando al contempo tutte le criticità riscontrate.

CARUSO INVESTIMENTI IMMOBILIARI MILANO ha messo a punto una completa gamma di servizi grazie, tra cui investimenti immobiliari a Milano, a cui è in grado di rispondere in modo rapido, concreto ed efficace alle sempre maggiori esigenze e aspettative di chi si trova ad affrontare il mercato immobiliare con investimenti immobiliari a Milano, riuscendo a facilitare l’incontro tra “domanda” e “offerta” e garantendo una completa assistenza e tutto il supporto necessario, oltre che da un punto di vista commerciale, anche per quanto concerne gli aspetti normativi, tecnici, legali e fiscali.



L’organizzazione della struttura e l’approfondita conoscenza del mercato consentono di portare a termine con successo qualsiasi tipo di incarico e di offrire i propri servizi sull’intero territorio nazionale, anche grazie all’ausilio di un qualificato network di operatori immobiliari/investimeniti immobiliari a Milano.

Ogni singola pratica è costantemente gestita, dal contatto iniziale sino alla stesura dei protocolli contrattuali definitivi, con la massima trasparenza, secondo attenti e scrupolosi parametri deontologici e professionali.

Tutti i clienti possono quindi beneficiare di una reale consulenza basata sull’analisi delle specifiche esigenze e delle strategie da mettere in atto per cogliere le migliori opportunità offerte dal mercato. Possono dunque effettuare i peonie investimenti immobiliari a Milano eseguiti da esperiti del settore.

Il principale obiettivo di CARUSO INVESTIMENTI IMMOBILIARI MILANO è la soddisfazione del cliente, con la convinzione che questa rappresenti l’unica via per raggiungere il successo. Tale obiettivo viene perseguito rivestendo un ruolo realmente professionale e consulenziale soprattutto sugli investimenti immobiliari a Milano, ponendosi al fianco del cliente per consigliarlo, aiutarlo nella realizzazione dei propri desideri e tutelare i suoi interessi, anche quando ciò significhi dover rinunciare alla conclusione di un affare.

CARUSO INVESTIMENTI IMMOBILIARI MILANO, il Vostro consulente immobiliare di fiducia.

Appartamenti Bergamo

Scritto da fabio zinesi il . Pubblicato in Aziende, Casa e Giardino

Appartamenti Bergamo – Il comune di Bergamo mette in vendita 600 appartamenti a Bergamo per provare a rimettere in sesto il disastrato bilancio della città. Da queste dismissioni si vogliono ricavare circa 280 milioni di euro dalla vendita di appartamenti a Bergamo.

Il sindaco di Bergamo, ha già incontrato diverse tra le più importanti società immobiliari attive sul mercato per trattare la vendita degli appartamenti a Bergamo più interessanti. Tra questi l’ex sede della Atalanta: interi appartamenti a Bergamo nel cuore delle vie dello shopping capitolino, in via XX settembre.

Già occupati lo scorso ottobre dai movimenti per il diritto all’abitare, dalla vendita di questi stabili, fanno sapere fonti de L’Eco di Bergamo, il Comune si aspetta di ricavare, dalla vendita degli appartamenti in Bergamo, almeno 10 milioni di euro, “ma si punta ad ottenere di più. E’ una occasione da non lasciarsi sfuggire, siamo sicuri ci sarà la coda per acquistarlo”.

Trattandosi comunque di cubature importanti, i possibili acquirenti hanno un identikit ben preciso: imprenditori, privati che desiderano acquisire appartamenti in Bergamo, agenzie immobiliari che desiderano avere appartamenti in centro Bergamo da poter vendere o affittare così da avere innumerevoli profitti.

Ormai il Comune di Bergamo ha già censito circa l’80 per cento del patrimonio di appartamenti in Bergamo e questi 600 appartamenti di Bergamo sono tutti pronti per essere messi sul mercato. Di questi, circa la metà sarebbe ad uso residenziale di cui un terzo si trova in zone di pregio della città, in pieno centro storico.

Della vendita degli appartamenti in Bergamo se ne sta occupando una delibera che modifica la precedente deliberazione dell’Assemblea n.43 del 2012 che si proponeva di alienare una grande quantità di appartamenti di Bergamo, ma che non ha avuto alcun seguito non avendo prodotto la vendita neanche di una unità.

Dall’Assessorato al patrimonio del comune Bergamasco si prevede di chiudere tutta l’operazione di dismissione degli appartamenti in Bergamo entro la fine di aprile.

Gli attici a Bergamo

Scritto da fabio zinesi il . Pubblicato in Aziende, Casa e Giardino

Gli attici in Bergamo erano molto diffusi in epoca romana e soprattutto nei centri abitati dove vi erano degli edifici molto alti, infatti era possibile realizzare un’ulteriore alloggio sfruttando la parte sottostante al tetto. Tale tecnica è stata molto utilizzare per realizzare attici in Bergamo. In seguito venne posto anche in edifici del periodo rinascimentale e neo-classico per dare agli stessi edifici quel senso di “bellezza” e quindi per fungere da abbellimento ma anche per renderli imponenti su tutta la città. Negli attici di Bergamo era possibile scrutare tutta la città e i luoghi circostanti.

In parole semplici gli attici in Bergamo sono particolari alloggi situati sotto i tetti di edifici e al di sopra del cornicione. Un esempio famoso è la Basilica di San Giovanni in Laterano che ha un attico costituito da statue e da una sorta di terrazza. Difatti il più delle volte la bellezza di un palazzo e la sua distinzione dagli altri dipendeva proprio dall’utilizzo di statue sul cornicione ma anche dall’utilizzo di terrazzi. Gli attici in Bergamo erano sintomi di nobiltà e eleganza che rendeva imponete e dava importanza alla famiglia che vi abitava.

In architettura gli attici in Bergamo vengono definiti come muri decorativi posti sopra le cornici di palazzi alti e spesso son costituiti da statue che mettono in risalto l’imponenza degli edifici stessi mettendo in risalto anche i terrazzi. Viceversa nell’edilizia di Bergamo gli attici in Bergamo vengono definiti come alloggi abitabili situati all’ultimo piano di palazzi e quindi costituiti da finestre e luci.

In questo caso non ci sono statue in quanto gli attici in Bergamo sono sì situati in palazzi alti ma si trovano più all’interno dei palazzi stessi a differenza della sua intera facciata. Quindi ci sono diverse definizioni per definire attici a Bergamo:

Bisogna innanzitutto distinguere gli attico in Bergamo dalle mansarde e dai super-attici in Bergamo. Oggi gli attici a Bergamo son quindi un appartamento vivibile ma più piccolo rispetto a quelli sottostanti situato sotto il tetto e costituito il più delle volte da un terrazzo mentre le mansarde son alloggi molto ristretti i cui soffitti assumono la forma del tetto e composte da finestre che seguono il più delle volte la forma del tetto stesso.

In passato gli attici in Bergamo ma anche in tutta Italia erano quindi esclusivamente posti sugli edifici più lussuosi dei centri storici. Nel corso degli anni settanta del secolo scorso il mercato immobiliare crebbe molto in quanto furono venduti molti palazzi lussuosi nelle più importanti città italiane a costi altissimi.

Il successo fu tale che sul finire degli anni settanta e per i successivi anni ottanta le stesse agenzie immobiliari si attivarono per aggiungere un ulteriore alloggio vivibile ai palazzi. Questo soprattutto nei centri delle città, per esempio a Bergamo vennero ideati gli attici in Bergamo centro come in via XX Settembre. Difatti i nuovi palazzi furono costruiti aggiungendo al di sopra degli attici a Bergamo i super-attici in quanto questa “novità” avrebbe fatto ulteriormente crescere il mercato immobiliare.

Con l’aggiunta del super-attico i palazzi a Bergamo diventarono molto alti e tra l’altro contribuirono ad un grande successo delle stesse agenzie immobiliari in quanto se già prima con l’attico i palazzi a Bergamo si imponevano nei centri storici al contrario ora con il super-attico i palazzi di Bergamo si imponevano su tutta la città permettendo così a chi viveva in questo alloggio di poter godere di una visione completa di tutta la città.

Ovviamente vennero poi costruite delle scale e vennero anche installati degli ascensori. Vivere in un super-attico in Bergamo da tra l’altro la sensazione di vivere lontano da tutto e da tutti ed è l’appartamento ideale per chi ama la pace e la tranquillità.

Agenzia Promoter – Al Pala Banco di Brescia l’ultimo strepitoso spettacolo di Teo Teocoli “Restyling faccio tutto”

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Satira, Spettacolo, Teatro

Il celebre Pala Banco di Brescia si prepara ad accogliere, Sabato 5 Aprile, l’ultimo strepitoso spettacolo del noto comico ed attore Teo Teocoli, “Restyling Faccio Tutto”.

Iniziato ad ottobre dello scorso anno il tour del nuovo show celebra la sua brillante carriera dedita al teatro e alla comicità, con una raccolta di monologhi, gag e parodie che da anni lo portano ad essere tra i protagonisti più amati e popolari della televisione italiana.

Immancabili le sue famose imitazioni, da sempre segno distintivo della sua comicità e del suo talento artistico, Teocoli intrattiene il pubblico nel puro divertimento delle sue improvvisazioni, senza tralasciare il canto e il ballo, rendendo questo spettacolo un repertorio variegato sintesi di cabaret e varietà.

Tradizione e innovazione, lo show man riunisce i classici che lo hanno reso famoso a pezzi e personaggi nuovi, ricercando tutte le forme dello spettacolo leggero, accompagnato dalla sua storica band, la Doctor Beat Band.

Finora le tappe del tour di Restyling hanno riempito i teatri con un trionfo di apprezzamenti e soprattutto di risate, parti integranti dello spettacolo, costruito in una costante interrelazione tra il pubblico e le gag improvvisate.

Anche questa volta a Brescia assisteremo sicuramente ad una serata all’insegna del divertimento e dell’intrattenimento comico all’italiana.

I biglietti dello spettacolo sono acquistabili sul sito www.ticketone.it .

Agenzia Promoter- Milano: Padre Enzo Fortunato presenta il nuovo libro “Vado da Francesco” presso la Libreria Mondadori.

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Libri, Opinioni / Editoriale, Religione

Il prestigioso contesto della libreria Mondadori Multicenter Duomo, in piazza Duomo 1 a Milano, ospita l’anteprima di presentazione del nuovo libro di Padre Enzo Fortunato “Vado da Francesco” (Mondadori) che si svolgerà in data Lunedì 31 Marzo alle ore 18.30.

Sulla scelta del Pontefice di chiamarsi Francesco Padre Enzo evidenzia come “chiamarsi Francesco è un segnale molto forte. Mezzo secolo fa Giovanni XXIII venne a pregare sulla tomba del Santo e spiegò, che nel nome di Francesco è riassunta in una sola parola -il ben vivere-, l’insegnamento di come dobbiamo metterci in comunicazione con Dio e con gli uomini. Nel 1978 Papa Wojtyla disse, che il Papa a motivo della sua missione deve avere dinanzi agli occhi tutta la Chiesa universale nelle varie parti del globo e ha bisogno in modo particolare dell’aiuto del patrono d’Italia e dell’intercessione di San Francesco“.

Padre Enzo è responsabile della sala stampa del Sacro Convento di Assisi e direttore degli editoriali di San Francesco patrono d’Italia. Tra le recenti interviste da lui fatte e pubblicate all’interno della rivista dei frati di Assisi, c’è quella al popolare cantante Adriano Celentano, che ha parlando di Papa Francesco ha dichiarato che “i fedeli sono attratti da questo Papa e le chiese si riempiono da quando c’è lui. Quando sento il Papa parlare di Gesù mi emoziono. E’ il papa della svolta. La cosa, che più di tutte apprezzo è la forte concentrazione sulla figura di Gesù. E’ questa la vera svolta epocale, che il mondo aspettava“.

Padre Enzo afferma “non esiste strada più solenne della vita di tutti i giorni per ridare bellezza alla nostra umanità, attraverso sani pensieri, nobili gesti e soprattutto una fede, che si sforza di essere coerente, una fede colorata di amabilità francescana. La vera rivoluzione antropologica non avviene fuori di noi, ma dentro di noi attraverso un percorso, che ci permette di essere uomini fraterni o come direbbe San Francesco uomini amabili. Un volto rivolto verso Dio è necessariamente un volto rivolto verso un fratello“.