Sicuro è sicuro

Scritto da Andrea Bianchi il . Pubblicato in Aziende, Informatica, Internet, Tecnologia

Ovvero: come la Germania sta mettendo a rischio la propria reputazione di Paese con le più severe leggi sulla tutela della privacy.

Bochum – Nelle scorse settimane si sono susseguite discussioni su sorveglianza, trojan di Stato e backdoor obbligatorie. Alcune iniziative spalleggiate da membri del Governo tedesco sono state fortemente criticate. Queste discussioni mettono a rischio il ruolo della Germania come suolo fertile per lo sviluppo di soluzioni di sicurezza, quando invece la Germania dovrebbe fare il possibile per rimanere la nazione con il più alto standard di tutela della privacy e di protezione dei dati al mondo.

Poco prima di una conferenza tra i Ministri dell’Interno dei singoli Land tedeschi tenutasi a Lipsia, il network RND (articolo in tedesco) ha riferito che il ministro Thomas de Maizière intendeva fare pressione affinchè lo “spionaggio di Stato su veicoli privati, computer e TV intelligenti” fosse concesso, con riferimento ad un’iniziativa del Dipartimento di Giustizia con cui è stato ampliato lo spettro delle misure di sorveglianza a disposizione delle forze dell’ordine come stabilito il 22 giugno scorso. Tra le misure figura anche la sorveglianza dei “sistemi IT” di chi è sospettato di crimini conclamati. Quest’appendice, nota con il nome di “sorveglianza delle telecomunicazioni alla fonte”, è stata al centro di accese discussioni in Germania. Il modo in cui le disposizioni sono state convertite in legge dal Parlamento tedesco ha suscitato forti critiche da parte di alcuni funzionari federali tra cui l’ex commissario federale per la protezione dei dati (cfr. il nostro Garante) Peter Schaar. Oltre alle rimostranze su misure potenzialmente dimensionate per una sorveglianza di massa è emerso anche il dubbio in merito alla costituzionalità del provvedimento.

Tornando al reportage su RND, l’unica interpretazione possibile del testo lascia pensare che tali misure obblighino i produttori ad implementare delle backdoor nei propri prodotti per consentire alle forze dell’ordine di accedere a certe informazioni. In realtà, durante la conferenza si è discusso solo di come assicurare alle forze dell’ordine i mezzi tecnici per eseguire un mandato una volta emesso dal giudice, poiché spesso i mandati non possono essere attuati a causa dei sistemi di sicurezza, presenti sia nei veicoli sia negli edifici residenziali.

Da tutto ciò traspare tuttavia l’enorme conflitto tra il desiderio di garantire alle autorità efficacia e capacità di agire e la questione sulle circostanze in cui tali misure sconfinano in una invasione della privacy.

Un conflitto con conseguenze

Di fronte agli effetti di una discussione sulla sorveglianza e sui “trojan di Stato” la posizione del singolo perde di rilevanza. La preoccupazione principale è che vengano implementate leggi che indeboliscano eventuali misure di sicurezza efficaci, un dubbio sollevato dal reportage di RND in Germania come all’estero. I dibattiti riguardanti l’accesso a dati criptati, l’estensione dell’uso di tecnologie per la videosorveglianza e per il riconoscimento facciale sono infatti attentamente seguiti anche negli altri Paesi. Ne è un esempio Edward Snowden che ha affermato che stiamo affrontando “un’ondata di pensiero illiberale” se anche nazioni come la Germania vogliono imporre backdoor per abilitare una sorveglianza occulta. Anche Norbert Pohlmann dell’associazione tedesca dell’industria Internet “eco” conferma che anche solo la mera discussione di nuove misure di sorveglianza indebolisce la fiducia degli utenti nelle tecnologie che fanno uso di Internet e danneggia gravemente gli e-tailer.

Clienti preoccupati e media internazionali ci hanno chiesto di commentare l’argomento. Sembra che l’immagine di una Germania quale Paese con le più rigide leggi e i più severi standard sulla protezione dei dati e della privacy inizi a vacillare, con conseguenze non solo per il mondo della sicurezza IT ma anche per l’intera industria tecnologica e il suo indotto: chi desidera acquistare una nuova smart TV, temendo che si possa trasformare in un teleschermo orwelliano, o viaggiare in un’automobile “connessa” temendo che i propri dati vengano trasmessi a terzi?

Dalle rivelazioni di Snowden ai documenti Vault7, è ormai evidente fino a che punto in alcuni Paesi le autorità sono autorizzate a spiare e ad intercettare le conversazioni di qualsivoglia individuo, senza alcun serio controllo esterno. Da Vault7 peraltro è scaturito l’exploit Eternalblue, reso noto e subito adattato dai cybercriminali che l’hanno implementato nel ransomware Wannacry, un esempio che sottolinea la pericolosità dei malware di Stato: è difficile tenere segreti strumenti di questo tipo indefinitamente. Se poi cadono nelle mani sbagliate, offrono ai cybercriminali i nostri dati più riservati e sensibili su un piatto d’argento. Ecco perché da sempre G DATA si impegna nella sua “no backdoor policy”, non abbiamo nessuna intenzione di cambiare posizione al riguardo e di dibattiti sull’utilizzo di backdoor da parte dello Stato ne abbiamo visti tanti.

Ad oggi le iniziative del Dipartimento di Giustizia tedesco così come lo stesso Ministero dell’Interno non hanno ancora fornito argomentazioni conclusive sulle modalità di applicazione di ipotetiche misure senza che queste compromettano l’intero ecosistema della sicurezza IT e la privacy: troppo sproporzionati a nostro avviso gli effetti collaterali negativi rispetto ai potenziali benefici (anche di misure utili).

G DATA confida e si augura che il nuovo governo si impegnerà a chiarire qualsiasi malinteso e a sostenere la reputazione della Germania quale Paese con la legislazione più rigida a livello mondiale in termini di privacy e protezione dei dati, oltre che a respingere ogni tentativo di indebolimento degli attuali standard di sicurezza.

G DATA

Fondata nel 1985 a Bochum, G DATA vanta una storia di oltre trent’anni nella lotta e prevenzione contro le minacce informatiche ed è uno dei principali fornitori al mondo di soluzioni per la sicurezza IT, insignite di numerosi riconoscimenti per la qualità della protezione fornita e l’intuitività d’uso.

G DATA produce e commercializza soluzioni di sicurezza totalmente aderenti alle normative europee sulla protezione dei dati. Il portafoglio prodotti G DATA comprende soluzioni di sicurezza per le imprese, dalle micro alle grandi aziende, e applicazioni rivolte all’utenza consumer.

Partner tecnico di Ducati Corse per la MotoGP, G DATA ha il compito di proteggere i sistemi IT di pista del team Ducati. L’azienda patrocina altresì il Teatro Comunale di Bologna e diversi eventi volti all’accrescimento culturale e all’aggregazione sociale tra cui mostre e corsi presso istituti scolastici per favorire un uso consapevole del web e dei social media.

Ulteriori informazioni su G DATA e sulle soluzioni di sicurezza sono consultabili sul sito www.gdata.it

Fiducia nella sicurezza – una delle preoccupazioni più pressanti dell’universo Internet

Scritto da Andrea Bianchi il . Pubblicato in Informatica, Internet, Tecnologia

Come possiamo generare fiducia nelle tecnologie che offriamo in qualità di produttore? Questa domanda è indubbiamente una delle preoccupazioni chiave che meritano attenzione e tuttavia se ne discute ben poco tra le aziende che sviluppano e producono soluzioni per la cybersecurity. E’ necesario analizzare in dettaglio l’argomento per comprenderne le sue implicazioni strategiche.

Comprendere il contesto generale

Gli eventi recenti hanno mostrato che non appena sorge il minimo dubbio sull’efficacia e l’affidabilità delle soluzioni di sicurezza queste vengono messe immediatamente in discussione. Ad esempio, il caso Snowden ha rivelato al mondo l’esistenza del catalogo ANT della NSA e quindi l’utilizzo di backdoor o altri strumenti inseriti nelle soluzioni per la sicurezza perimetrale al fine di proteggere e tutelare gli interessi degli Stati Uniti. Pur non sorprendendo nessuno, questa informazione è stata resa di pubblico dominio.

Matthieu Bonenfant, Chief Marketing Officer – ‎Stormshield

Ovviamente queste backdoor potrebbero essere state implementate goffamente per ragioni tecniche o in relazione a vulnerabilità 0-day. Molti dei produttori coinvolti hanno più volte ribadito che non hanno indebolito le proprie soluzioni deliberatamente. “Non mi permetto di giudicare questa affermazione, non è il mio lavoro”, commenta Matthieu BONENFANT, Chief Marketing Officer di Stormshield, “tuttavia, al di là del potenziale impatto sulla sovranità dei Paesi terzi che adottano queste soluzioni, le backdoor possono avere altre conseguenze drammatiche”. Basti pensare agli effetti disastrosi del leak svelato da Shadow Brokers, che segnalava numerose vulnerabilità di MS Windows utilizzate dalla NSA come backdoor. Wannacry, NotPetya, e – più recentemente – il ransomware Bad Rabbit si sono diffusi con estrema rapidità proprio grazie a questo tipo di falle.

“A mio avviso questa situazione mette in luce una delle maggiori sfide con cui i vendor di sicurezza devono confrontarsi”, chiosa Bonenfant. “Le nostre tecnologie manipolano e ispezionano file riservati, processano e archiviano dati personali, cifrano informazioni sensibili, accedono a risorse il cui uso è regolato, gestiscono identità digitali, analizzano il traffico ed il suo comportamento e molto altro”. Come garantire quindi ai clienti e all’ecosistema che queste attività sono affidabili? Come rispettare la sovranità sul dato alla luce di tutte le tensioni geopolitiche? Il fatto che la digital economy fiorisca esclusivamente in un clima di fiducia è risaputo, ma molte di queste domande ad oggi non trovano risposta.

Per i produttori di soluzioni per la sicurezza perimetrale, questa domanda è vitale considerando che la cifratura del traffico è una delle colonne portanti di un account digitale affidabile. Secondo Gartner, entro il 2019 l’80% del traffico generato dalle aziende sul web sarà cifrato, una buona notizia. Questo significa però che un numero crescente di attacchi e applicazioni malevole (ransomware incluso) si celeranno dietro al traffico HTTPS per nascondere l’infezione iniziale e prendere il controllo delle comunicazioni. Alla luce di ciò, Gartner raccomanda che le aziende e le organizzazioni formalizzino un piano pluriennale per l’implementazione di soluzioni e programmi per la decodifica e l’ispezione del flusso di dati HTTPS. La tecnica di ispezione di SSL si basa per lo più sul metodo “man-in-the-middle”, che inevitabilmente crea una falla nello scambio di comunicazioni cifrate. Una debolezza nel prodotto che conduce la decodifica e l’ispezione del traffico SSL può quindi far collassare l’intera catena di fiducia.

Potenziali soluzioni

Prima di tutto, possiamo fare affidamento sui test condotti da aziende esterne specializzate nella valutazione delle tecnologie di sicurezza, decisamente in grado di giudicare l’efficacia dei meccanismi di protezione. Tuttavia questi test, che tra l’altro non sono particolarmente a buon mercato, non si focalizzano in realtà sul design della soluzione di sicurezza in sè.

E’ altrettanto possibile fare affidamento sulle linee guida dettate dai Common Criteria, adottate da 26 Paesi. In questo caso però il produttore di soluzioni di sicurezza è colui che definisce lo spettro di valutazione, chiamato “obiettivo di sicurezza”, che può quindi essere limitato ad una piccola parte del software analizzato. Sfortunatamente solo in alcuni Paesi si misura l’importanza e si valuta la rilevanza dell’obiettivo prefissato. Per farla breve, i clienti fanno fatica a seguire il numero crescente di livelli certificazione (EAL) di Common Criteria.

Ci sono anche numerosi programmi che incentivano la ricerca di “bug”, software di analisi del codice statico o audit indipendenti volti a rilevare e correggere eventuali vulnerabilità. Queste iniziative migliorano effettivamente la sicurezza della tecnologia, a volte anche già in fase di design, tuttavia è difficile presentarle agli utenti come garanzia di affidabilità.

Infine, le certificazioni ufficiali svolgono un ruolo importante. Ad esempio in Francia, la ANSSI (l’agenzia nazionale per la sicurezza informatica) valuta il livello di affidabilità dei prodotti di sicurezza utilizzando un framework di qualificazione specifico, che è un’estensione dei principi Common Criteria. Questo framework definisce tre livelli di qualificazione basati su obiettivi di sicurezza predefiniti. Di conseguenza sono più facili da comprendere. A seconda del livello di qualificazione, si conduce una revisione indipendente del codice sulle componenti ritenute essenziali per la sicurezza, come la cifratura. Vengono analizzate anche le potenziali vulnerabilità, insieme all’ambiente fisico di sviluppo. Questo metodo fornisce la prova che i prodotti siano robusti e che non vi siano vulnerabilità sfruttabili come backdoor.

E’ necessario un framework ominivalente

Il fatto che questo framework di qualificazione sia riconosciuto esclusivamente in Francia rappresenta un problema. Ad esempio Germania e Regno Unito dispongono di un proprio framework, creato rispettivamente dal BSI (ufficio federale per la sicurezza informatica) e dal NCSC (centro nazionale per la cybersicurezza). La situazione attuale, sic stantibus, non è nè scalabile né economicamente accettabile per la maggior parte dei produttori, dato che dovrebbero far certificare i prodotti in ogni Paese. Per poter dar vita ad un unico mercato digitale in Europa, che alimenti la fiducia e assicuri la sovranità dei Paesi europei, è necessario implementare certificazioni riconosciute in tutti gli Stati membri. La commissione europea sembra aver compreso il messaggio, ha difatti lanciato di recente un’iniziativa atta a creare un framework europeo di certificazione. Questa misura costituirà un enorme passo avanti, sempre che il nuovo framework si basi sull’esperienza e sui criteri di valutazione dei Paesi che già sanno esattamente cosa fare e non indebolisca i criteri di qualificazione per far posto a chi è rimasto indietro.

La luce alla fine del tunnel

Alla fine un framework che instilli fiducia nelle tecnologie di sicurezza si svilupperà inevitabilmente attraverso una miglior collaborazione e cooperazione di tutti gli interessati nell’ecosistema cyber. Uno scambio costante tra il settore pubblico e privato, la costituzione di alleanze tra i produttori di soluzioni di cybersecurity, il coinvolgimento dei clienti nel processo di sviluppo (p.es. design collaborativo) aumenteranno senza dubbio l’affidabilità e l’efficacia dei dispositivi di sicurezza.

Chi è Stormshield – www.stormshield.com

Stormshield sviluppa soluzioni di sicurezza punto-punto innovative per la protezione delle reti aziendali (Stormshield Network Security), delle postazioni di lavoro (Stormshield Endpoint Security), e dei dati (Stormshield Data Security). Certificate ai massimi livelli in Europa (EU RESTRICTED, NATO, e ANSSI EAL4+), queste soluzioni affidabili di nuova generazione garantiscono protezione delle informazioni strategiche. Le soluzioni sono commercializzate e installate su scala globale presso aziende di qualsiasi dimensione, istituzioni governative e organizzazioni che si occupano di difesa, attraverso una rete di distributori, integratori di sistema e operatori.

Una partnership d’eccellenza corona il 2017 di G DATA

Scritto da Andrea Bianchi il . Pubblicato in Aziende, Informatica, Internet, Tecnologia

Siglata la partnership con ICOS S.p.a.: Il noto distributore IT a valore aggiunto commercializza da subito le soluzioni di sicurezza G DATA Business sul territorio nazionale.

Bologna / Ferrara – Una clientela business di classe enterprise, quella servita dagli operatori di canale che si rivolgono a ICOS S.p.a per fruire di soluzioni tecnologiche allo stato dell’arte e avvalersi di competenze volte a generare valore. Rivenditori, VAR e System Integrators che da subito possono beneficiare delle pluripremiate soluzioni G DATA Business, garantendosi i vantaggi di un programma partner studiato attorno alla creazione di nuove opportunità di business e l’alta marginalità assicurata da un vendor che basa la propria intera strategia commerciale sulla soddisfazione dei propri partner.

L’accordo tra ICOS S.p.a e G DATA prevede la commercializzazione dell’intero portafoglio di soluzioni business firmate dal vendor teutonico, tra cui G DATA TOTAL CONTROL BUSINESS, piattaforma completa che consente agli amministratori di sistema di riprendere il controllo della propria infrastruttura IT grazie a strumenti altamente integrati che forniscono informazioni intelligibili in tempo reale sullo stato di qualsivoglia client nella rete e sulle misure preventive da adottare (patching, gestione e implementazione delle policy di sicurezza e molto altro), in piena conformità con il GDPR. I rivenditori ICOS potranno avvalersi altresì delle opportunità fornite dal modello commerciale “G DATA Switch & Profit” e dalla proposta di acquisto “a consumo” delle soluzioni di sicurezza del vendor grazie all’offerta G DATA Managed Endpoint Security.

Giulio Vada, Country Manager, G DATA Italia

“Siamo estremamente lieti di aver trovato in ICOS S.p.a. un partner con cui condividiamo moltissimi aspetti, a partire dall’esperienza ultratrentennale fino al desiderio di fornire agli operatori di canale soluzioni di IT Security che li aiutino a costruire valore attorno alla mera proposta di prodotti. Una comunione di intenti che i clienti ICOS potranno sperimentare già in occasione dell’evento congiunto di domani presso Ducati”, ha dichiarato Giulio Vada, Country Manager di G DATA per l’Italia.

Riccardo Maiarelli, CEO, ICOS S.p.a.

Riccardo Maiarelli – CEO, ICOS S.p.A. commenta: “Nell’era della cosiddetta ‘Digital Transformation’, si moltiplicano esponenzialmente i dati ma anche i potenziali rischi a cui essi sono soggetti, basti pensare all’esplosione del mobile computing o al fenomeno IoT. In questo contesto per un distributore come ICOS è necessario attribuire una forte attenzione a un aspetto così critico per gli ambienti IT come quello della security. Per questo abbiamo scelto di avviare una stretta partnership con G DATA, azienda che offre a noi e agli operatori di canale tutte le garanzie di un partner solido e affidabile, oltre a un prodotto di livello enterprise estremamente completo e performante, sicuramente ai vertici della categoria. Sono certo che attraverso la nostra azione congiunta saremo in grado di rispondere con successo alla crescente domanda di soluzioni in grado di contrastare efficacemente le minacce sempre nuove a cui sono soggetti i dati digitali delle imprese”.

G DATA

Fondata nel 1985 a Bochum, G DATA vanta una storia di oltre trent’anni nella lotta e prevenzione contro le minacce informatiche ed è uno dei principali fornitori al mondo di soluzioni per la sicurezza IT, insignite di numerosi riconoscimenti per la qualità della protezione fornita e l’intuitività d’uso.

G DATA produce e commercializza soluzioni di sicurezza totalmente aderenti alle normative europee sulla protezione dei dati. Il portafoglio prodotti G DATA comprende soluzioni di sicurezza per le imprese, dalle micro alle grandi aziende, e applicazioni rivolte all’utenza consumer.

Partner tecnico di Ducati Corse per la MotoGP, G DATA ha il compito di proteggere i sistemi IT di pista del team Ducati. L’azienda patrocina altresì il Teatro Comunale di Bologna e diversi eventi volti all’accrescimento culturale e all’aggregazione sociale tra cui mostre e corsi presso istituti scolastici per favorire un uso consapevole del web e dei social media.

Ulteriori informazioni su G DATA e sulle soluzioni di sicurezza sono consultabili sul sito www.gdata.it

ICOS S.p.a.

ICOS S.p.A. (www.icos.it) è da trent’anni un distributore a valore aggiunto che propone al canale soluzioni e servizi IT indirizzati al mondo enterprise. Dal punto di vista tecnologico l’attenzione è rivolta alle più attuali soluzioni e architetture di elaborazione destinate ad abilitare la Digital Transformation delle imprese. ICOS è in grado di offrire un insieme completo di soluzioni di computing, data management, networking e security leader di mercato, integrandole con servizi tecnici, marketing e formativi forniti attraverso uno staff altamente qualificato. Con sede principale a Ferrara, ICOS si rivolge all’intero territorio nazionale attraverso la presenza di uffici commerciali a Milano e Roma.

Per ulteriori informazioni pregasi consultare www.icos.it

G DATA estende le funzioni di sicurezza ai portafogli Bitcoin

Scritto da Andrea Bianchi il . Pubblicato in Aziende, Informatica, Internet, Tecnologia, Tecnologia Personale

Tecnologie di protezione proattive disponibili da ora in tutte le soluzioni di sicurezza G DATA Business e Consumer.

Bochum – Le criptovalute sono uno dei temi caldi del momento. Bitcoin, Ethereum e similari hanno infranto record su record. In due anni le transazioni in Bitcoin sono esplose su scala mondiale attestandosi a circa 370.000 al giorno (fonte: Blockchain – settimana dal 27.11. al 4.12.2017) grazie ad un numero di fruitori in rapidissima ascesa. I cybercriminali vogliono sfruttarne la popolarità e trovare nuovi metodi per raggirare gli utenti. Per mettere al sicuro anche i portafogli digitali, i cosiddetti “wallet”, G DATA ha perfezionato le proprie tecnologie di difesa proattive al fine di garantire ai propri utenti, privati come aziende, una protezione completa. Le funzioni di protezione estese sono disponibili da subito con tutte le soluzioni di sicurezza G DATA.

Sono oltre 19 milioni i wallet di criptovalute sulla sola piattaforma Blockchain a livello mondiale (dati del 30 novembre 2017). Ovunque ci sia una forte richiesta e la prospettiva di ricchi guadagni, i criminali non sono lontani. Negli ultimi mesi gli esperti di sicurezza G DATA hanno rilevato un numero crescente di malware che non mirano esclusivamente ai tradizionali servizi bancari online ma integrano anche funzioni atte a carpire i dati di accesso al wallet di criptovaluta. Contrariamente al classico online-banking infatti, per accedere al portafoglio digitale in molti casi è sufficiente procurarsi la password. G DATA reagisce a questa minaccia ai danni di chi utilizza Bitcoin ed estende la propria protezione anche ai più comuni portafogli di criptovaluta PC-based, tutelandoli contro l’accesso non autorizzato attraverso malware e contro transazioni indesiderate.

Aggiornamento gratuito per i clienti G DATA

I clienti G DATA con una licenza in corso di validità beneficeranno automaticamente delle funzioni aggiuntive attraverso il regolare aggiornamento delle signature.

Chi è G DATA

La sicurezza IT è nata in Germania: G DATA Software AG viene considerata a pieno titolo l’inventore dei software antivirus. L’azienda, fondata nel 1985 a Bochum, più di 28 anni fa sviluppò il primo programma contro la diffusione dei virus informatici. Oggi, G DATA è uno dei principali fornitori al mondo di soluzioni per la sicurezza IT.

Numerosi test mirati condotti sia in Germania sia da organizzazioni rinomate a livello internazionale oltre che test comparativi condotti da riviste specialistiche indipendenti hanno dimostrato che la IT security “Made in Germany” offre agli utenti di Internet la miglior protezione possibile.

In Italia la soluzione G DATA Internet Security è stata insignita nel 2016 per il quarto anno consecutivo del bollino “Miglior Acquisto” di Altroconsumo. Inoltre, per il secondo anno consecutivo, G DATA è partner tecnico di Ducati Corse per la MotoGP ed ha il compito di proteggere i sistemi IT di pista del team Ducati

Il portafoglio prodotti G DATA comprende soluzioni di sicurezza sia per privati, sia per le aziende, dalle PMI alle grandi imprese. Le soluzioni di sicurezza di G DATA sono disponibili in oltre 90 Paesi di tutto il mondo.

Ulteriori informazioni su G DATA e sulle soluzioni di sicurezza sono consultabili sul sito www.gdata.it

ICT e aziende: a chi ci rivolgiamo quando siamo nei guai

Scritto da ictadmin il . Pubblicato in Aziende, Informatica

Il consulente ICT (information comunication technology) è un consulente tecnico che gestisce temi e implementazioni riguardanti la modifica delle infrastrutture ict interne a strutture organizzate aziendali e non, quando una struttura vuole dotarsi di una struttura informatica organizzata e non sempre ha le competenze al suo interno per valutare le reali esigenze.

Sarà dunque necessario rivolgerci all’esterno, a strutture di consulenza specializzate, che effettuino un’analisi tecnica dettagliata di necessità e soluzioni oltre che della scalabilità nel tempo della soluzione proposta per il sistema ICT.

L’ICT è, in questo caso, una sorta di figura di riferimento che ci aiuterà consigliandoci sulle soluzioni più efficaci per le esigenze aziendali e dirigerà le risorse a disposizione per le soluzioni migliori, ma scopriamo più nel dettaglio di cosa si occuperà questa figura.

Un servizio di consulenza ICT Monza e Brianza richiede un’ottima preparazione sia a livello tecnico, vista la necessità di conoscere le piattaforme, i diversi sistemi, le risorse hardware e le possibilità legate a sinergie e coesistenze, oltre che un buon livello di comprensione delle strategie aziendali, un buon ICT quindi saprà valutare le offerte del mercato e individuare le soluzioni più efficaci per la nostra azienda.

Momenti delicati sono le selezioni del file system e le tecniche di partizionamento o l’eventuale clustering, lo studio dell’architettura di virtualizzazione e l’utilizzo di una piattaforma piuttosto che l’altra.

Nella fase di analisi invece è necessario valutare le esigenze aziendali in termini di continuità di servizio e della gestione dati, la disponibilità del sistema e la modellazione del datacenter in funzione della quantità di dati e del disaster recovery suggerendo le soluzioni più adeguate.

Un altro aspetto fondamentale riguarda la destinazione delle risorse dedicate allo storage e il relativo management dello stesso selezionando le tecnologie più adatte e sicure per la nostra azienda.

Ultimo aspetto da affrontare sarà il system management, quindi la gestione delle applicazioni intesa come configurazione e aggiornamento la sincronizzazione e la gestione delle licenze software, la manutenzione dei server e la gestione ottimizzata delle risorse, le policy di distribuzione e installazione dei software nuovi e infine la sicurezza.

Moltissime frasi tecniche e questioni complesse in cui spesso ci perdiamo, solo personale adeguatamente formato e preparato potrà gestire tutte queste problematiche senza cadere nella trappola del sovradimensionamento ma allo stesso tempo implementando soluzioni informatiche facilmente scalabili per affrontare eventuali sfide più impegnative che si potranno proporre nel tempo come ad esempio il problema dell’obsolescenza di sistemi e apparati.

L’IT non è sicurezza IT

Scritto da Andrea Bianchi il . Pubblicato in Aziende, Informatica, Internet, Tecnologia

Bochum- Molte piccole e medie imprese stanno perdendo il treno in termini di sicurezza IT. In un settore che esige una conoscenza tecnica specifica sono impiegati molti generalisti dell’IT, un approccio tutto da rivedere. Sebbene si registri un iniziale cambiamento, sono molti i reparti IT che si trovano di fronte ad una dura battaglia. 

Cercasi prodigio dell’IT

Osservando la composizione generale dello staff, in effetti tutti fanno un buon lavoro.  A fronte di un organico e di un budget notoriamente ridotti, il reparto IT cerca di svolgere le operazioni quotidiane e contemporaneamente di porre rimedio ad occasionali disservizi dei sistemi. Qual è l’ambito specifico in cui ci si aspettano performance ottimali? In pratica tutti! Dalla creazione di un account utente, alla gestione, installazione e manutenzione del software, dalla pianificazione di reti e sottoreti, alla configurazione dei router e alla manutenzione dell’hardware. Chi lavora nel reparto IT di un’azienda sa che è spesso necessario fare acrobazie per tenere in piedi il business.

IT = sicurezza?

Guardando alla sicurezza IT in modo specifico il quadro si fa più confuso. Chi lavora nell’IT sa che sarebbe necessario cifrare le comunicazioni ove possibile, sa dell’importanza di predisporre diversi diritti di accesso per gli utenti e sa che la sicurezza implica ben più che proteggere dati e risorse con una password. Tuttavia spesso la conoscenza non si spinge al di là di quanto appreso nel corso di laurea.

Il problema è proprio questo: un grande numero di addetti all’IT non sono esperti di sicurezza. Questo non per colpa loro in realtà: nei primi giorni della digitalizzazione dell’ambiente lavorativo, la sicurezza non era una preoccupazione. Ciò che si richiedeva e si richiede ancora sono persone in grado di realizzare e implementare progetti sostenibili e di provvedere alla loro manutenzione. Hanno fatto un ottimo lavoro e lo fanno ancora, tuttavia tutelare una rete in modo efficace richiede maggior impegno. Qualsiasi piano dovrebbe essere concepito in previsione del manifestarsi di un’emergenza. In un mondo ideale, ogni rete è ideata tenendo ben presente la sicurezza. Sfortunatamente la realtà consta prevalentemente di reti cresciute nel tempo che ora vanno protette. Pianificare una rete ex-novo è l’eccezione piuttosto che la regola.

Responsabilità

Se si chiede ad un manager di cos’è responsabile il reparto IT, la risposta più usuale è che il reparto è ovviamente responsabile dei sistemi informatici. Ma che cosa significa esattamente? Di che cosa si ritengono responsabili i tecnici nel reparto IT? Un’altra risposta più esaustiva ma sulla falsa riga della precedente è che il reparto IT si assicura che tutti i PC e i server così come i processi aziendali che ne richiedono l’utilizzo funzionino correttamente. Così l’incarico primario dei tecnici IT risulta essere evidentemente quello di garantire la continuità operativa e di aggiungere e/o sostituire i componenti di quando in quando. Prima che si verificassero problemi di sicurezza a cadenza settimanale, questo era perfettamente appropriato. Ma quando i problemi di sicurezza hanno iniziato ad essere al centro dell’attenzione, è stato chiaro che tali problemi riguardavano componenti IT, di competenza del reparto IT.

La sicurezza IT quale dominio regolato da proprie leggi ha spesso condotto una vita nell’ombra. Nel migliore dei casi tale pratica si traduce in un alto livello di stress per i reparti IT. Nel peggiore dei casi ciò può rappresentare l’origine di incidenti di sicurezza di ingenti dimensioni. In ogni caso, non è più appropriato pensare che il reparto IT debba essere responsabile anche della sicurezza IT.  Gradualmente si sta affermando la consapevolezza del ruolo sempre più importante della sicurezza nel campo del business moderno e connesso. Tutti sanno che un blackout nell’IT causato da un malfunzionamento dell’hardware o un’infezione da malware è un problema- quando non si genera fatturato o non è possibile assemblare i beni richiesti, la società perde denaro. Lo stesso dicasi quando informazioni confidenziali o segreti industriali vengono sottratti o resi di pubblico dominio. Ma le vecchie abitudini sono dure a morire.

Lavoro di squadra

Ecco il nocciolo del problema. La sicurezza necessita di collaborazione e soprattutto di tempo. Nelle organizzazioni tuttavia, in cui il reparto IT è prossimo al punto di rottura a causa delle mansioni accettate, non sorprende che i primi provvedimenti attuati siano quelli dediti a ridurre le attività che necessitano di più tempo e che meno influenzano la manutenzione delle operazioni quotidiane. In tale ambiente, misure di sicurezza approfondite e efficaci non hanno possibilità di ottenere la dovuta attenzione, in particolar modo se gli impiegati o gli alti dirigenti le percepiscono come un intralcio al loro lavoro.

È un dato di fatto che le responsabilità del reparto IT atte al mantenimento delle attività aziendali quotidiane rimarranno le stesse, mentre la richiesta di sicurezza è in costante aumento. La sicurezza IT è diventata molto più di un semplice aspetto secondario dell’IT, perciò non può più essere trattata come tale.  Questo settore richiede una profonda conoscenza e competenza, la sfida per la corretta gestione è rappresentata dal fatto che il management deve saper rendere disponibili tali conoscenze alla propria azienda. Ciò può avvenire attraverso nuove assunzioni, formando lo staff IT esistente o facendo affidamento su fornitori di servizi esterni. Quest’ultimo aspetto può rivelarsi molto sensato per le società che non hanno la capacità di creare una posizione dedicata per un esperto di sicurezza.

Quando tutto ciò che riguarda la sicurezza viene promosso e sostenuto dal management, ottiene una valenza superiore rispetto a quella che avrebbe se un amministratore IT tentasse di proporre o promuovere lo stesso progetto.

La sicurezza IT non è fine a se stessa

Da un lato, si tratta di un argomento che non si dovrebbe sottovalutare in nessuna circostanza. Dall’altra parte, dobbiamo ammettere che il focus della maggior parte delle aziende non è la sicurezza IT, ed è proprio per queste organizzazioni che vale la pena riflettere sulla possibilità di esternalizzare l’aspetto sicurezza dell’IT ad un fornitore dedicato. A lungo termine, non esiste altra soluzione se non questa: le aziende e i fornitori di servizi IT dovranno considerare l’assunzione di specialisti di sicurezza IT oltre ai loro dipendenti IT generalisti. Questo sarà l’unico modo di ottenere un progetto di sicurezza economicamente sostenibile e conveniente.

Chi è G DATA

La sicurezza IT è nata in Germania: G DATA Software AG viene considerata a pieno titolo l’inventore dei software antivirus. L’azienda, fondata nel 1985 a Bochum, più di 28 anni fa sviluppò il primo programma contro la diffusione dei virus informatici. Oggi, G DATA è uno dei principali fornitori al mondo di soluzioni per la sicurezza IT.

Numerosi test mirati condotti sia in Germania sia da organizzazioni rinomate a livello internazionale oltre che test comparativi condotti da riviste specialistiche indipendenti hanno dimostrato che la IT security “Made in Germany” offre agli utenti di Internet la miglior protezione possibile.

In Italia la soluzione G DATA Internet Security è stata insignita nel 2016 per il quarto anno consecutivo del bollino “Miglior Acquisto” di Altroconsumo. Inoltre, per il secondo anno consecutivo, G DATA è partner tecnico di Ducati Corse per la MotoGP ed ha il compito di proteggere i sistemi IT di pista del team Ducati

Il portafoglio prodotti G DATA comprende soluzioni di sicurezza sia per privati, sia per le aziende, dalle PMI alle grandi imprese. Le soluzioni di sicurezza di G DATA sono disponibili in oltre 90 Paesi di tutto il mondo.

Ulteriori informazioni su G DATA e sulle soluzioni di sicurezza sono consultabili sul sito www.gdata.it

Cyberbullismo – 0 in condotta, seconda edizione

Scritto da Andrea Bianchi il . Pubblicato in Informatica, Internet, Istruzione, Italia, Tecnologia

A fronte della forte richiesta di proseguire con le attività di sensibilizzazione condotte nella prima metà dell’anno 2017, G DATA ripropone da febbraio a maggio 2018 l’iniziativa “Cyberbullismo – 0 in condotta” insieme al noto specialista Mauro Ozenda, al fine di educare all’uso corretto del web e dei social network un numero sempre più elevato di allievi e insegnanti. 

Bologna -Trasmettere ai minori una sufficiente competenza nell’uso della Rete e assicurare loro maggior tutela possibile dei propri diritti sui social sono temi che entrano sempre più prepotentemente nel quotidiano delle famiglie italiane, tanto da indurre il legislatore a ben specificare con la legge Legge n. 71 del 29 maggio 2017 “disposizioni a tutela dei minori per la prevenzione ed il contrasto del fenomeno del cyberbullismo”. Un tema che, anche alla luce dei dati emersi dalla prima iniziativa “Cyberbullismo – 0 in condotta” condotta da G DATA insieme allo specialista Mauro Ozenda, spinge entrambi a riproporre nel periodo tra febbraio e maggio 2018 l’attività di sensibilizzazione a dieci nuovi istituti scolastici, ben integrando gli eventuali quesiti che emergono in merito all’attuazione pratica della nuova legge.

Gli incontri rivolti ai bambini, alle famiglie e ai docenti tratteranno i rischi e pericoli della Rete e le misure preventive. Sarà aperto un capitolo dedicato specificamente al cyberbullismo, come oggi identificato dal legislatore, al cyberstalking e all’adescamento online e sarà trattato il tema fake news, al fine di dotare tutti gli interessati di informazioni che consentano loro un uso legale, responsabile e tutelato dei nuovi media.

“Anche per l’anno scolastico 2017/18 la nostra attenzione va ai ragazzi”, commenta Giulio Vada, Country Manager di G DATA Italia, “con l’intento di favorire la presa di coscienza dei pericoli e l’instaurarsi del ruolo attivo di allievi, studenti e personale scolastico contro qualsiasi episodio di cyberbullismo nelle scuole, auspicato dal Ministero dell’Istruzione”.

“Dopo anni di attività svolta nelle scuole mi rendo conto che, oggi più che mai, diventa imprescindibile educare le nuove generazioni ad un utilizzo corretto di Internet e dei Social Media” – afferma il nostro consulente e formatore Mauro Ozenda – “Sono previsti anche incontri con i genitori che, in questo momento, per la maggior parte, si preoccupano ancora troppo poco delle modalità di impiego di smartphone e computer dei propri figli. Consiglio loro sin d’ora di partecipare, per apprendere le giuste nozioni finalizzate a salvaguardare i loro ragazzi, educandoli ad un uso corretto e responsabile e proteggendoli, anche grazie agli strumenti messi a disposizione dalla tecnologia stessa”.

G DATA

La sicurezza IT è nata in Germania: G DATA Software AG viene considerata a pieno titolo l’inventore dei software antivirus. L’azienda, fondata nel 1985 a Bochum, più di 28 anni fa sviluppò il primo programma contro la diffusione dei virus informatici. Oggi, G DATA è uno dei principali fornitori al mondo di soluzioni per la sicurezza IT.

Numerosi test mirati condotti sia in Germania sia da organizzazioni rinomate a livello internazionale oltre che test comparativi condotti da riviste specialistiche indipendenti hanno dimostrato che la IT security “Made in Germany” offre agli utenti di Internet la miglior protezione possibile.

In Italia la soluzione G DATA Internet Security è stata insignita nel 2016 per il quarto anno consecutivo del bollino “Miglior Acquisto” di Altroconsumo. Inoltre, per il secondo anno consecutivo, G DATA è partner tecnico di Ducati Corse per la MotoGP ed ha il compito di proteggere i sistemi IT di pista del team Ducati.

Il portafoglio prodotti G DATA comprende soluzioni di sicurezza sia per privati, sia per le aziende, dalle PMI alle grandi imprese. Le soluzioni di sicurezza di G DATA sono disponibili in oltre 90 Paesi di tutto il mondo.

Ulteriori informazioni su G DATA e sulle soluzioni di sicurezza sono consultabili sul sito www.gdata.it

Android nel mirino anche nel terzo trimestre 2017

Scritto da Andrea Bianchi il . Pubblicato in Aziende, Informatica, Internet, Tecnologia

G DATA pubblica la nuova statistica sui malware prodotti ai danni di Android registrati nel terzo trimestre 

Bochum- Con 810.965 nuovi malware per Android registrati nei tre mesi estivi (Giugno/Settembre 2017) e un aumento del 17% rispetto a quanto rilevato nel secondo trimestre, i rischi per gli utenti del noto sistema operativo mobile non accennano a diminuire e rappresentano una minaccia particolarmente accentuata in Italia dove circa il 66% degli utenti di smartphone usa Android (fonte: Statcounter), ma solo un utente su tre dispone di un sistema operativo aggiornato.

Rilevato un nuovo malware per Android ogni 9 secondi

Da Gennaio a Settembre gli analisti G DATA hanno identificato un totale di 2.258.387 nuovi ceppi di malware per Android, di cui 810.965 solo nel trimestre estivo, con una media di 8.815 nuovi rilevamenti al giorno, circa uno ogni nove secondi.

Gli attuali incidenti di sicurezza richiedono un ripensamento da parte dei produttori

Gli attacchi informatici come KRACK, Blueborne e Gooligan o trojan come Xafecopy continuano a fare notizia. Google solitamente reagisce velocemente e pubblica aggiornamenti di sicurezza, tuttavia questi sono frequentemente implementati solo sui suoi stessi dispositivi. In base alle più recenti statistiche di Google, su scala globale solo il 18% degli utenti Android beneficia della versione 7.0 del sistema operativo, che ha già un anno – ancor meno utenti dispongono già della versione successiva. Le falle di sicurezza sono e restano semplicemente aperte. Per molti dispositivi qualsiasi aggiornamento deve essere adattato al sistema operativo modificato del produttore di device mobili. Non è sempre chiaro se l’aggiornamento per un particolare dispositivo sarà mai disponibile.

I dispositivi mobili sono una parte indispensabile della routine digitale, sono compagni sempre presenti e sono utilizzati con crescente frequenza per lo shopping, per le transazioni bancarie oltre che per le attività professionali. Sarebbe opportuno quindi prendere precauzioni, con l’auspicio che i produttori comprendano in via definitiva l’importanza di fornire aggiornamenti o che un’adeguata legislazione imponga ai produttori l’aggiornamento tempestivo del proprio OS come vincolo per la commercializzazione del dispositivo.

Facciamo chiarezza

Indubbiamente gli utenti di tablet e smartphone Android ad oggi percepiscono poco quanto i propri dati (contatti / foto), la navigazione (phishing, infezioni drive-by, dirottamento delle sessioni) e le proprie transazioni bancarie o gli acquisti compiuti tramite device mobili siano a rischio. E’ tuttavia un dato di fatto che la situazione sia ben più allarmante di quanto a volte ipotizzato da alcuni quotidiani o testate generaliste e, di recente, da Altroconsumo, che in un recente articolo (copertina novembre 2017) sminuisce purtroppo l’oggettiva vulnerabilità di Android infondendo nei lettori un’imprudenza ingiustificata nei confronti di un livello di rischio tanto più serio quanto più obsoleto il sistema operativo utilizzato. Ricordiamo che in Italia solo poco più del 30% degli utenti di smartphone e tablet Android si avvale di Nougat (Fonte: Statcounter).

Il 70% degli utenti Android in Italia usa un sistema operativo obsoleto. Fonte: Statcounter

L’articolo di Altroconsumo conclude peraltro che l’allarmismo sull’attuale diffusione dei malware sia generato dai vendor per avvantaggiarsene e che, senza purtroppo illustrare minimamente come siano stati condotti i test, le soluzioni dei più noti produttori comunque non sarebbero in grado di proteggere gli utenti. Ciò, nonostante organizzazioni indipendenti di fama mondiale, come AV-Test, verifichino e certifichino ininterrottamente la capacità di numerosissime applicazioni di prevenire e/o bloccare anche le minacce più complesse.

Dati alla mano, oltre che per coscienza verso gli utenti Android, non possiamo che distanziarci pubblicamente da contenuti di siffatta natura.

G DATA Software AG

Fondata nel 1985 a Bochum, G DATA vanta una storia di oltre trent’anni nella lotta e prevenzione contro le minacce informatiche ed è uno dei principali fornitori al mondo di soluzioni per la sicurezza IT, insignite a livello internazionale di numerosi riconoscimenti per la qualità della protezione fornita e l’intuitività d’uso.

G DATA produce e commercializza soluzioni di sicurezza totalmente aderenti alle normative europee sulla protezione dei dati. Il portafoglio prodotti G DATA comprende soluzioni di sicurezza per le imprese, dalle micro alle grandi aziende, e applicazioni rivolte all’utenza consumer. Le soluzioni di sicurezza di G DATA sono disponibili in oltre 90 Paesi di tutto il mondo.

Partner tecnico di Ducati Corse per la MotoGP, G DATA ha il compito di proteggere i sistemi IT di pista del team Ducati.

Ulteriori informazioni su G DATA e sulle soluzioni di sicurezza sono consultabili sul sito www.gdata.it

Repetita “non” iuvant: WAP-billing in malware Android di nuova generazione

Scritto da Andrea Bianchi il . Pubblicato in Aziende, Informatica, Internet, Tecnologia

Xafecopy si maschera da app per migliorare le prestazioni della batteria

Bochum- Chi è stato indotto ad acquistare un servizio in abbonamento tramite il proprio dispositivo mobile sa quanto sia frustrante, costoso e tedioso liberarsene. Un malware scoperto di recente è in grado di sottoscrivere dozzine di abbonamenti senza che l’utente lo sappia o dia il proprio consenso. Ben amara la sorpresa, quando arriva la bolletta mensile. 

Il WAP-billing non è una novità

Questo modello di abbonamento è stato per decenni un business diffuso e lucrativo, a volte anche pubblicizzato in modo molto aggressivo su canali televisivi musicali. Inviando un messaggio contenente una parola specifica ad un numero telefonico, si ricevevano suonerie telefoniche, wallpaper oroscopi e similari ad un canone settimanale addebitato in fattura. Ciò ha causato forti critiche da parte delle associazioni dei consumatori, dato che non era sempre chiaro ai fruitori che così facendo, avrebbero sottoscritto un abbonamento.

Questo metodo chiamato “WAP-billing” è ancora in uso al giorno d’oggi come forma di pagamento per servizi o donazioni. È possibile sia inviare un messaggio con una parola chiave ad un numero preciso sia inserire il proprio numero su un sito web.

Che cosa significa esattamente WAP?

WAP è l’acronimo di Wireless Access Protocol (protocollo di accesso senza fili) e indica una categoria di tecnologie che sono la base di partenza dell’odierno Internet mobile. Nei tardi anni novanta erano disponibili dispositivi mobili che potevano accedere ad Internet via WAP, anche l’invio di MMS aveva luogo tramite WAP. Il traffico dati era addebitato ad ogni click. Inoltre WAP poteva essere utilizzato per servizi a pagamento spesso con gran dispiacere degli interessati. Nel frattempo gli operatori si sono evoluti, qualora l’utente acceda ad un servizio WAP a pagamento, dirottano dapprima la pagina per informarlo che il servizio non è gratuito.

Abusi attraverso il malware

Entrambe le modalità di fatturazione sono sfruttate da un nuovo malware Android nascosto in una app che dovrebbe “ottimizzare” la batteria del dispositivo. In realtà la app accede in background a vari siti web attivando automaticamente abbonamenti di cui l’utente sarà a conoscenza solo una volta ricevuta la fattura. Ovviamente i fornitori di servizi a pagamento sono obbligati ad implementare misure di sicurezza per evitare tali illeciti.

Infatti solitamente all’attivazione di servizi simili, l’utente deve a risolvere un CAPTCHA o inserire un codice di conferma ricevuto via SMS. Si tratta di misure che il malware Xafecopy elude simulando la pressione sui tasti e trasmettendola in background. In questo modo la app malevola può sottoscrivere un numero potenzialmente illimitato di abbonamenti.

Chiari indizi indicano l’Asia come fonte del malware.

Come proteggersi

  1. Controllare i diritti di accesso richiesti dalla app e domandarsi se siano coerenti con il compito che deve svolgere la app. Perché una app di ottimizzazione della batteria dovrebbe poter inviare messaggi a numeri a pagamento? Sebbene nelle più recenti versioni di Android sia possibile revocare determinate autorizzazioni anche dopo l’installazione, sarebbe più sicuro porsi delle domande installare l’applicazione.
  2. Chiedere al proprio operatore di bloccare l’accesso ai servizi premium. In questo modo è impossibile effettuare sottoscrizioni a servizi tramite WAP, impedendo quindi al malware di prosciugare il conto bancario della vittima mediante abbonamenti indesiderati.
  3. Installare una protezione anti-malware efficace sul proprio smartphone.

Ulteriori informazioni

Per disporre di tutti i dettagli tecnici su Xafecopy basta consultare l’analisi completa del ricercatore G DATA Nathan Stern, disponibile QUI (testo in inglese).

G DATA Software AG

Fondata nel 1985 a Bochum, G DATA vanta una storia di oltre trent’anni nella lotta e prevenzione contro le minacce informatiche ed è uno dei principali fornitori al mondo di soluzioni per la sicurezza IT, insignite di numerosi riconoscimenti per la qualità della protezione fornita e l’intuitività d’uso.

G DATA produce e commercializza soluzioni di sicurezza totalmente aderenti alle normative europee sulla protezione dei dati. Il portafoglio prodotti G DATA comprende soluzioni di sicurezza per le imprese, dalle micro alle grandi aziende, e applicazioni rivolte all’utenza consumer. Le soluzioni di sicurezza di G DATA sono disponibili in oltre 90 Paesi di tutto il mondo.

Partner tecnico di Ducati Corse per la MotoGP, G DATA ha il compito di proteggere i sistemi IT di pista del team Ducati.

Ulteriori informazioni su G DATA e sulle soluzioni di sicurezza sono consultabili sul sito www.gdata.it

Tutti parlano di «exploit», ma di cosa si tratta esattamente?

Scritto da Andrea Bianchi il . Pubblicato in Aziende, Informatica, Internet

Immaginate che il recinto del vostro giardino sia danneggiato. Forse vi è noto che la recinzione presenti delle brecce o forse non ancora. Una cosa è certa: qualsiasi malintenzionato può avvalersene per fare irruzione nel vostro giardino e farsi strada verso casa vostra utilizzando i vostri attrezzi da giardino. Analogamente ciò accade con le falle di sicurezza sul vostro computer: i cybercriminali mirano a scovarne il più possibile per condurre i propri attacchi.

Come funziona un attacco con exploit?

Gli exploit sono piccoli programmi che individuano e sfruttano falle nella sicurezza. Il malware, come per esempio un ransomware, viene caricato solo in un secondo momento (“Payload”). Ecco come avviene un attacco.

1. Identificare le vulnerabilità
Gli exploit possono essere nascosti in un documento Word o essere scaricati automaticamente semplicemente visitando una pagina web. Cercano quindi punti attaccabili nell’applicazione con
cui sono stati scaricati (lettori di documenti, browser web ecc.).

2. Depositare un codice malevolo
Quando gli exploit trovano una vulnerabilità adatta, collocano un codice malevolo da qualche parte nella memoria del vostro computer.

3. Manipolazione dei processi delle applicazioni
Un’applicazione funziona compiendo tanti piccoli processi che hanno luogo in successione. L’avvio di un processo dipende dalla conclusione corretta del precedente, un
flusso stabilito esattamente nel codice di programmazione.Gli exploit sono programmati per modificare la sequenza originale in modo da dirottare il flusso dell’applicazione sul codice
manipolato. Ne consegue che non viene eseguito il normale codice dell’applicazione, bensì il codice dannoso infiltrato in precedenza.

4. Attivazione
Una volta attivato il malware può accedere alle funzioni del programma in cui è penetrato e a tutte le funzioni generalmente accessibili del sistema operativo. Quindi l’exploit raccoglie informazioni sul sistema e può scaricare ulteriori codici maligni da Internet.

5. Scaricamento del malware
A questo punto ransomware, trojan bancari o altri malware vengono scaricati sul computer.

Come arrivano gli exploit sul mio computer?

Gli exploit si diffondono prevalentemente in due modi. Nel primo caso si scaricano sul computer navigando, celati dagli altri contenuti della pagina web che si sta visitando. Nel secondo caso si celano nei documenti allegati alle e-mail, in chiavette USB, su hard disk esterni e simili.

Exploit “drive-by”

Lo scaricamento di exploit “drive-by” avviene “di passaggio” senza che l’utente se ne accorga. A tale scopo i cybercriminali manipolano direttamente i banner pubblicitari sulle pagine web o i server a cui sono collegati in modo piuttosto subdolo: tale trucco viene utilizzato anche su pagine affidabili. Basta un click sulla pubblicità per avviare il download in background. Il programma dannoso scaricato cerca quindi vulnerabilità nel browser o tra i plug-in.

L’infezione “drive-by” è quella più utilizzata per diffondere exploit kit. I kit consistono in una raccolta di exploit con obiettivi multipli. Molti kit presentano spesso strumenti per attaccare Flash, Silverlight, PDF Reader e browser web come Firefox e Internet Explorer.

Exploit nei file

Questa modalità di infezione è la più utilizzata per attaccare aziende. Gli exploit vengono diffusi sistematicamente attraverso PDF manipolati e allegati alle e-mail. Il file si presenta come una fattura o un’inserzione ma contiene exploit che dopo l’apertura sfruttano le vulnerabilità di Adobe Reader. Lo scopo di tali attacchi solitamente è lo spionaggio (APT).

Perché le applicazioni sono soggette a vulnerabilità?

Chi sviluppa software scrive righe su righe di codice in diversi linguaggi di programmazione. Spesso i programmatori si avvalgono di librerie di codici messe a disposizione da altri sviluppatori. Con la grande quantità di codici di programmazione e la crescente complessità delle applicazioni sfuggono immancabilmente degli errori.

Una volta venuti a conoscenza delle vulnerabilità insite nel codice delle proprie applicazioni, i produttori di software diffondono una versione “riparata” del programma (“Patch”), scaricabile dagli utenti che fanno uso del software.

Come mi difendo dagli exploit?

Per chiudere il maggior numero di falle possibili, al fine di ridurre quanto più possibile la superficie d’attacco, è consigliabile installare gli aggiornamenti del software per i programmi più importanti. È altresì essenziale dotarsi di una soluzione di sicurezza di nuova generazione in grado di riconoscere gli exploit zero-day, come le suite G DATA, una funzione che sopperisce al fatto che il più delle volte passano diverse settimane tra la scoperta della falla e il rilascio/ installazione di una patch sul dispositivo vulnerabile. Va da sé infatti che il periodo tra l’individuazione di una falla non nota al produttore da parte dei cybercriminali e la distribuzione di una patch sia ovviamente il più pericoloso.

G DATA Software AG

Fondata nel 1985 a Bochum, G DATA vanta una storia di oltre trent’anni nella lotta e prevenzione contro le minacce informatiche ed è uno dei principali fornitori al mondo di soluzioni per la sicurezza IT, insignite di numerosi riconoscimenti per la qualità della protezione fornita e l’intuitività d’uso.

G DATA produce e commercializza soluzioni di sicurezza totalmente aderenti alle normative europee sulla protezione dei dati. Il portafoglio prodotti G DATA comprende soluzioni di sicurezza per le imprese, dalle micro alle grandi aziende, e applicazioni rivolte all’utenza consumer. Le soluzioni di sicurezza di G DATA sono disponibili in oltre 90 Paesi di tutto il mondo.

Partner tecnico di Ducati Corse per la MotoGP, G DATA ha il compito di proteggere i sistemi IT di pista del team Ducati.

Ulteriori informazioni su G DATA e sulle soluzioni di sicurezza sono consultabili sul sito www.gdata.it