News contabilità, fatturazione, bilancio, fiscale, paghe GB – Settimana n. 36 anno 201

Scritto da GBsoftware S.p.A. il . Pubblicato in Economia, Informatica, Internet, Tecnologia

Help e utility a supporto dei clienti GB (02/09/19)

Per garantire un miglior svolgimento del lavoro, GBsoftware mette a disposizione dei propri clienti moltissimi mezzi che permettono di rendere più veloci ed agevoli le operazioni.

L’obiettivo è quello di supportare al meglio i propri clienti offrendo alternative valide ad ogni esigenza e difficoltà riscontrata sia a livello operativo che a livello normativo.

Con la news di oggi vediamo quali strumenti sono presenti all’interno del oftware GB a disposizione di tutti gli utenti: guida online, istruzioni ministeriali specifiche per quadro, PDF dichiarazioni anno precedente…

ISA 2019: rilevazione contabile Ulteriori componenti positivi (03/09/2019)

“Il mio cliente ha ottenuto un punteggio di affidabilità pari a 7,25 e vorrebbe migliorarlo al fine di ottenre i benefici premiali che prevede la normativa pr chi consegue un punteggio superiore a 8. Quali sono i passaggi da effettuare in GB?

La gestione che consente di migliorare il proprio profilo di affidabilità fiscale inizia nel software “il tuo ISA” e viene riletto nel modello di dichiarazione IRAP e nei Redditi, integrando il valore della produzione e il reddito con gli ulteriori dati.

Nella gestione è indicato il punteggio calcolato nel software ministeriale “il tuo ISA” ed è possibile riportare nei vari modelli gli ulteriori componenti positivi che si devono indicare al fine di migliorare il proprio profilo”

Paghe GBWeb: Modello 770 2019 (04/09/2019)

Il modello 770 2019 (anno imposta 2018) deve essere utilizzato dai sostitutivi d’imposta e dalle Amministrazioni dello Stato per comunicare i dati relativi alle ritenute operate sui dividendi, proventi da partecipazione, redditi di capitale, oppure operazioni di natura finanziaria e i versamenti effettuati.

Inoltre, deve essere compilato per comunicare i dati delle compensazioni operate, nonché per l’indicazione dei crediti d’imposta utilizzati e dei dati relativi alle somme liquidate a seguito di procedure di pignoramento presso terzi.

Con il software Paghe GB Web è disponibile una gestione specifica per elaborare i dati utili alla compilazione del modello 770: accedere da Paghe/Elaborazioni Annuali/Gestione; eseguire l’elaborazione dal menù Elaborazione 770.

Compilazione Quadro LM 2019 (05/09/2019)

“Ho acquisito nel 2019 un cliente che ha aderito al regime forfettario e devo quindi compilare il modello Redditi PF. Il contribuente ha avviato l’attività nel 2017 e rientra perciò nel regime forfettario Startup”.

“Non avendo in GB la contabilità degli anni precedenti, come viene gestita l’applicazione dell’imposta sostitutiva al 5% e che ricadute ha nel quadro LM?”

La parte fondamentale del percorso è impostare correttamente l’anagrafica ed inserire quindi il regime contabile 15 giorni- Regime forfettario per poi passare all’abilitazione dell’applicazione “Persone Fisiche 2018”.

Interessi mutui ipotecari per acquisto abitazione principale 2019: regole detrazione (06/09/2019)

Gli interessi passivi, gli oneri accessori e le quote di rivalutazione dipendenti da clausole di indicizzazione derivanti da mutui ipotecari destinati all’acquisto dell’abitazione principale possono essere portati in detrazione, fino ad un massimo di euro 4.000, nella misura del 19%.

Per abitazione principale si intende quella nella quale il contribuente e/o i suoi familiari risiedono abitualmente, come disciplina l’articolo 10, comma 3-bis del TUIR. Al contribuente acquirente ed intestatario del contratto di mutuo spetta la detrazione, anche se l’immobile è adibito ad abitazione principale di un suo familiare (coniuge, parenti entro il terzo grado ed affini entro il secondo grado)

La detrazione d’imposta spetta aglia cquirenti, anche della sola nuda proprietà, che siano contestualmente contraenti del mutuo ipotecario. Nel caso di più intestatari del mutuo, la detrazione è dovuta in proporzione alla propria quota.

Gli articoli completi sono disponibili sul sito del software completo per commercialisti e consulenti INTEGRATO GB.

GBsoftware S.p.A. è una software house nata dall’idea di un commercialista e dell’esperienza di uno studio attivo dal 1977. Siamo specializzati in software semplici per studi e imprese.

Telefonia mobile: Italia fra le più economiche d’Europa

Scritto da Andrea Polo il . Pubblicato in Aziende, Economia, Tecnologia

Nonostante gli ultimi rincari sui clienti con contratti già attivi, secondo l’analisi di Facile.it, in Italia nel corso dell’ultimo anno le tariffe di telefonia mobile sono diminuite del 20% e oggi un cliente che cambia operatore spende, in media, 12,50 euro al mese, potendo contare su un traffico dati di circa 45 GB; ma come se la cavano i nostri vicini europei? Per rispondere alla domanda, Facile.it ha analizzato le tariffe di telefonia mobile presenti in 12 Paesi europei, scoprendo che gli italiani sono tra i più fortunati.

L’analisi è stata realizzata confrontando le tariffe di telefonia mobile di fascia media proposte nel mese di giugno 2019 da un panel di siti di comparazione operanti in Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Gran Bretagna, Grecia, Irlanda, Norvegia, Olanda, Polonia, Spagna e, chiaramente, Italia. L’analisi ha preso in considerazione un mix di piani tariffari rappresentativi per ciascun Paese, calcolando un valore medio sia in termini di costi, sia di traffico dati, focalizzandosi sulla fascia intermedia dell’offerta, escludendo quindi le proposte entry level, quelle indirizzate a target specifici come gli anziani o i giovani, quelle mirate a stimolare la migrazione da un operatore ad un altro e le offerte categorizzabili come top di gamma.

Chi paga di meno

Tra i Paesi presi in esame, guardando al solo prezzo dei piani tariffari di fascia intermedia, emerge che sono pochi gli Stati che fanno meglio dell’Italia. Il più economico risulta essere la Polonia; qui, nella fascia tariffaria analizzata, si spendono in media 6 euro al mese, vale a dire 72 euro l’anno, il 52% in meno rispetto a noi. All’interno di questa fascia di spesa, i piani tariffari polacchi prevedono normalmente chiamate e SMS illimitati.

Tra gli Stati europei più economici dell’Italia si trova anche la Francia, dove, nella fascia analizzata, in media si spendono circa 9 euro al mese, per un totale di 107 euro l’anno. Anche i francesi, come i polacchi, in questa fascia di spesa possono contare su chiamate e SMS illimitati. Tutto ciò sommato, quindi, la bolletta italiana risulta più alta del 40% rispetto a quella francese.

Anche in Germania i prezzi risultano inferiori a quelli dell’Italia; i tedeschi con un piano tariffario intermedio spendono, mediamente, 11,60 euro al mese, per un totale di 140 euro l’anno, vale a dire il 6,7% in meno rispetto al Bel Paese. Anche in questo caso chiamate e SMS sono generalmente illimitati.

Chi paga di più

Guardando alle nazioni dove i costi sono più alti rispetto all’Italia emerge che, tra gli Stati analizzati, la Norvegia è la più cara; ad Oslo occorrono, in media, circa 28 euro al mese (340 euro l’anno), vale a dire il 126% in più rispetto a quanto spendono gli italiani.

Tariffe superiori alle nostre anche in Spagna e in Gran Bretagna, dove per un piano tariffario di fascia intermedia si spendono, rispettivamente, 17,40 euro al mese e poco meno di 15 euro al mese.

Costi elevati rispetto all’Italia anche in Grecia, dove chi sceglie un piano tariffario di fascia intermedia deve mettere in conto una spesa di circa 15,80 euro al mese, vale a dire 190 euro l’anno; per questa fascia di prezzo, però, i greci devono accontentarsi di chiamate limitate (in media 400 minuti) e pochi SMS (in media 100 anche se, in alcuni casi, sono addirittura esclusi).

Il traffico dati

Se si punta l’attenzione sui GB dati di traffico incluso nella fascia tariffaria presa in analisi, lo scenario cambia sensibilmente. Da questo punto di vista l’unico Paese che batte l’Italia è la Francia dove, per l’importo medio di spesa calcolato (9 euro), i clienti ottengono in media 50 GB di traffico dati al mese. Sul podio, ma dopo l’Italia, si posiziona l’Irlanda dove è possibile contare, sempre in media, su circa 22 GB di dati ogni mese.

Decisamente più limitato il traffico dati per gli utenti della Grecia, che devono accontentarsi di poco più di 3 GB ogni trenta giorni; va meglio, ma solo di poco, in Belgio (3,7 GB) e in Norvegia (4,2 GB).

Il costo virtuale per GB dati

Considerata l’elevata variabilità delle offerte analizzate, per uniformare il confronto, Facile.it ha calcolato il costo virtuale per GB di traffico dati incluso nei piani tariffari analizzati, valore ottenuto dividendo i GB medi per la tariffa mensile media. Anche in questo caso la graduatoria sorride all’Italia che, con un costo virtuale di 0,28 euro a GB, conquista il secondo posto. Fa meglio, ancora una volta, solo la Francia, dove il costo scende a 0,18 euro; al terzo posto si posiziona invece la Polonia, con un costo di 0,37 euro per GB.

Sul lato opposto della classifica, invece, si conferma come maglia nera la Norvegia, dove il costo virtuale per il traffico dati è pari a 6,76 euro a GB; seguono la Grecia, con un costo medio di 4,87 euro a GB e il Belgio, con 4,67 euro a GB.

Nella parte bassa della classifica si posiziona anche la Germania, con costo virtuale pari a 2,06 euro a GB; fanno meglio, ma solo di poco, Svezia e Olanda, dove il rapporto è pari a 2 euro a GB.

A metà classifica si trovano Spagna, Danimarca e Gran Bretagna, paesi dove il costo virtuale del traffico dati incluso nella fascia tariffaria analizzata scende sotto la soglia dei 2 euro, con importi compresi fra 1,10 e 1,25 euro a GB.

Avviare e realizzare rapidamente progetti per layout di fabbrica

Scritto da gtebart il . Pubblicato in Aziende, Economia, Industria, Tecnologia

Milano, Italia – 5 Settembre 2019: Per la realizzazione di un layout di fabbrica, molti project manager si affidano ancora al 2D. Ma c’è un software 3D che permette di realizzarli in entrambe le modalità.

Con il software 2D/3D, il layout 3D viene generato automaticamente da un disegno 2D. Ciò consente ai progettisti di ottenere due benefici: la semplicità e la velocità di creazione del 2D ed il vantaggio di una visone completa in 3D. Il pacchetto di avvio consente di realizzare rapidamente i vostri layout di fabbrica.

Uso efficiente dello spazio libero verticale
I vantaggi della progettazione 3D sono molteplici. Con linee di produzione tecnologicamente avanzate e complesse che usano gli spazi verticali in modo efficiente, il controllo delle interferenze e la visualizzazione di un layout di fabbrica diventano sempre più vitali: un approccio 3D rende più facile la comprensione di un progetto e permette di creare disegni di alta qualità, evitando errori costosi durante la costruzione. Per molti reparti di ingegneria tuttavia, questo appare come un grande salto.

Dimensioni indipendenti dal progetto e alte prestazioni
“I nostri ricercatori in Inghilterra, parlano con una miriade di costruttori che utilizzano software CAD 2D standard per creare i loro layout. La maggior parte di loro, consapevole dei vantaggi di un approccio 3D ha sperimentato i limiti imposti dagli strumenti per modellare prodotti 3D (non impianti). Molti sono rimasti sconcertati dai tempi di implementazione e dalla fatica fatta per realizzare progetti che si sono rivelati troppo costosi e complessi per le loro esigenze.”, spiega Mark Simpson esperto di ingegneria del software in CAD Schroer.

Una Partenza Rapida per creare un Layout di Fabbrica 3D
CAD Schroer è esperto nel facilitare il passaggio dal CAD 2D al 3D. Il suo software factory layout è facile da imparare anche per gli utenti che utilizzano solo il 2D, può importare disegni esistenti per creare le basi di una rapida visualizzazione 3D. Il pacchetto di avvio permette di migliorare ulteriormente la produttività.

“Siamo in grado di modellare una fabbrica esistente comprese le macchine”, continua Mark Simpson.” Oppure, a seconda delle vostre esigenze, possiamo inserire una nuova linea di processo negli spazi esistenti, controllare la qualità dei disegni 2D e dei modelli 3D forniti. Siamo in grado di fornire il modello 3D del ciclo di vita del prodotto al cliente per permettere di pianificare e visualizzare successive modifiche in 3D”. Il pacchetto di avvio per la progettazione industriale digitale con MPDS4 è un investimento intelligente per i futuri layout di fabbrica.

>> Pacchetto di avvio per progetti di fabbrica

Riguardo CAD Schroer

Specializzata nello sviluppo di software e nella fornitura di soluzioni d´ingegneria, CAD Schroer è un’azienda di calibro mondiale che aiuta ad aumentare la produttività e la competitività dei clienti specializzati nei settori della produzione e della progettazione di impianti, inclusi il settore automobilistico ed il suo indotto, il settore energetico ed i servizi pubblici. CAD Schroer ha uffici e filiali indipendenti in Europa e negli Stati Uniti.

Il ventaglio dei prodotti di CAD Schroer include soluzioni CAD 2D/3D, per l’impiantistica, per la progettazione di impianti e per la gestione dei dati. I clienti in più di 39 paesi si affidano a MEDUSA®, MPDS™, M4 ISO e M4 P&ID FX per avere un ambiente di progettazione integrato, efficiente e flessibile per tutte le fasi della progettazione dei prodotti e degli impianti, in modo tale da tagliare i costi e migliorare la qualità.

Il portfolio di prodotti e servizi di CAD Schroer comprende inoltre soluzioni AR e VR basate su dati CAD. CAD Schroer sviluppa insieme ai suoi clienti soluzioni AR/VR basate su dati CAD 3D già esistenti. I risultati sono applicazioni AR e VR coinvolgenti con le quali i prodotti possono essere presentati in modo chiaro e interattivo. Le applicazioni CAD Schroer vengono inoltre utilizzate anche per workshop e riunioni durante le fasi di pianificazione per visualizzare i dati in dettaglio. Le applicazioni AR/VR facilitano l’assistenza nelle fasi di manutenzione e permettono di aumentare la produttività.

CAD Schroer attribuisce una grande importanza alla stretta collaborazione con i propri clienti e supporta gli obiettivi della sua clientela mediante un ampio ventaglio di servizi di consulenza, formazione, sviluppo, supporto software e manutenzione.

Contatti
Marco Destefani
CAD Schroer GmbH
Fritz-Peters-Straße 11
47447 Moers
Germania

Sito web: www.cad-schroer.it
Email: marketing@cad-schroer.com

Telefono:

Italia: +39 02 49798666
Germania: +49 2841 9184 0
Svizzera: +41 43 495 32 92
Regno Unito: +44 1223 850 942
Francia: +33 141 94 51 40
USA: +1 866-SCHROER (866-724-7637)

Dai free-to-play al fenomeno Battle Royale: l’analisi di Giampaolo Sutto

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Giochi, Tecnologia

Il mercato del gaming si è evoluto rapidamente negli ultimi anni: le microtransazioni hanno sicuramente influenzato il lavoro degli sviluppatori, cosi come il fenomeno Battle Royale, sempre più amati dai giocatori di tutto il mondo. Ce ne parla Giampaolo Sutto.

Giampaolo Sutto

Giampaolo Sutto: dai free-to-play ad Apex Legends

Appassionato di videogames di lunga data, Giampaolo Sutto ha esaminato il fenomeno dei free-to-play e il boom dei Battle Royale sul suo blog dedicato al mercato videoludico. Da Candy Crush (1,5 miliardi di euro di guadagni nel 2018) a Pokemon Go (800 milioni), i giochi “gratuiti” che si avvalgono delle microtransizioni sono sempre di più e sono approdati ormai anche su pc e console, non solo su mobile. Secondo Giampaolo Sutto, le “microtransizioni sono un flusso lento ma costante che porta nelle casse degli sviluppatori una marea di guadagni. Gli utenti possono infatti acquistare dei contenuti unici per un prezzo irrisorio (qualche euro), come vestiti, armi, abilità o anche bonus”. Questo sistema porta gli sviluppatori a continuare a migliorare e arricchire i propri prodotti, innescando un circolo positivo. Le polemiche sopraggiungono quando queste piccole spese consentono di ottenere vantaggi evidenti nella competizione con altri utenti. Unito al fenomeno delle microtransizioni ci sono i Battle Royale, sdoganati in tutto il mondo dal fenomeno Fortnite e il più recente boom di Apex Legends.

Giampaolo Sutto: Apex Legends VS Fortnite

Come scrive Giampaolo Sutto sul suo blog, Apex Legends ha totalizzato oltre 50 milioni di giocatori in sole 4 settimane (mentre Fortnite ci aveva impiegato 4 mesi). C’è chi parla già di Anti-Fortnite: “Per la mia opinione personale”, spiega l’appassionato, “il successo di Apex è dovuto in realtà proprio a Fortnite, il quale ha fatto da vero e proprio apripista nel genere. Ovviamente, come molti hanno sottolineato, Apex Legends è la novità del momento, motivo per cui sarà visibile un temporaneo trasferimento della fanbase da un titolo all’altro”. Non bisogna dimenticare però le differenze che distanziano i due titoli: Fortnite punta sulla grafica cartoonesca, sulla terza persona, sul crafting. Apex Legends punta alla visuale in prima persona ed è più in stile Overwatch. Chi vincerà tra i due? Giampalo Sutto conclude il suo articolo concentrandosi ancora una volta sui cambiamenti che in futuro verranno apportati dagli sviluppatori e che potrebbero far pendere l’ago della bilancia da una parte o dall’altra.

Corrispettivi di luglio: oggi 2 settembre la scadenza per l’invio

Scritto da GBsoftware S.p.A. il . Pubblicato in Aziende, Economia, Informatica, Italia, Tecnologia

Il Decreto Crescita 34/2019 ha stabilito che, nel primo semestre di vigenza dell’obbligo di memorizzazione elettronica e trasmissione telematica dei corrispettivi, non saranno applicate le sanzioni previste in caso di ritardo nell’invio dei dati a condizione che la trasmissione telematica venga effettuata entro e non oltre il mese successivo a quello in cui viene effettuata l’operazione , fermi restando i termini di liquidazione dell’imposta sul valore aggiunto, riportati nell’articolo 12- quinques, DL n.34/2019. Il primo semestre di vigenza dell’obbligo di memorizzazione elettronica e trasmissione telematica decorre dal 1° luglio 2019 per i sogetti con un volume di affari superiore ai 400mila euro, dal 1° gennaio 2020 invece per tutti gli altri. Il termine delle operazioni di luglio quindi, era fissato da decreto per il 31 di agosto, tuttavia trattandosi di sabato e dato che il giorno successivo feriale, il termine ultimo per trasmettere i corrispettivi senza incorrere in sanzioni è slittato ad oggi, lunedì 2 settembre. Affinchè i soggetti possano adempiere all’obbligo di trasmissione telematica dei dati, come indicato anche dall’Agenzia delle Entrate nel provvedimento del luglio 2019, è possibile usufruire dei servizi online all’interno dell’area “Fatture e Corrispettivi” messi gratuitamente a disposizione dalla stessa Agenzia delle Entrate.
Il primo servizio, riguarda l’upload di un file contenente i dati dei corrispettivi complessivi di una intera giornata, distinti per aliquota IVA o con indicazione del regime di “ventilazione”, ovvero di un file compresso contenente i file dei dati dei corrispettivi delle singole giornate.
Il secondo servizio è semplicemente la compilazione dei dati dei corrispettivi giornalieri distinti per aliquota IVA o con indicazione di regime di “ventilazione”.
Un ulteriore via per la trasmissione dei dati dei corrispettivi giornalieri è rappresentata da un sistema di cooperazione applicativa su rete internet, con servizio esposto tramite modello “web service, fruibile attraverso protocollo HTTPS, il quale non è altro che un sistema di trasmissione dati tra terminali remoti basato su protocollo SFTP , secondo le regole contenute nelle specifiche tecniche allegate al presente provvedimento.

Gli articoli completi sono disponibili sul sito del software per lo studio commerciale INTEGRATO GB.

GBsoftware S.p.A. è una software house nata dall’idea di un commercialista e dell’esperienza di uno studio attivo dal 1977. Siamo specializzati in software semplici per studi e imprese.

Definito l’identikit del sofware gestionale

Scritto da bondweb il . Pubblicato in Aziende, Informatica, Tecnologia

Guida per orientarsi nel mercato alberghiero e della ristorazione

Millenium è una azienda specializzata, attiva sul 1999 che  propone le migliori soluzioni hardware e software per gestire al meglio le attività del settore turistico alberghiero e della ristorazione. Grazie alla sua pluriennale esperienza nel settore ha definito l’identikit del software gestionale ideale.

In un mercato altamente competitivo e ricco di offerte scoprire queli sono i vantaggi che le soluzioni gestionali apportano all’attività di impresa è un primo passo importante verso la scelta. Tra tutti la loro capacità di indirizzarla verso una sicura e rapida espansione all’interno del mercato di riferimento. Ci sono molti software in circolazione e scegliere non è semplice, ecco cosa un buon gestionale dovrebbe consentire di fare:

  • Gestire al meglio la situazione dei pagamenti. Controllare entrate ed uscite, mediante precisi documenti informatici.
  • Gestire le anagrafiche dei clienti e dei fornitori con veloci ed ottimizzati processi di comunicazione. Infatti una efficiente e rapido flusso informativo è fondamentale per consolidare i rapporti commerciali. I software gestionali Millenium sono un potente strumento a supporto delle azioni di marketing di successo.
  • Gestire le scadenze per essere puntali nei pagamenti, sia da fare che da ricevere.
  • Gestire il magazzino con facilità.
  • Analizzare fatturato gestendo automaticamente i registri contabili.
  • Gestire il lavoro con semplicità e precisione.
  • Gestire la comunicazione e la collaborazione tra reparti: produzione, commerciale e servizi post vendita.

Sono davvero molti i vantaggi offerti dai software gestionali che di solito sono pensati su misura al fine di raggiungere piena efficienza e successo commerciale.

Dopo aver elencato i vantaggi più importanti che possono offrire, vediamo le principali tipologie proposte:

  • Gestionale ristoranti con cui agevolare le operazioni interne alla struttura: presa ordini, gestione magazzino e dei listini.
  • Gestionale albergo e ogni altra struttura ricettiva con cui gestire in modo facile prenotazioni e servizi.

Queste sono le caratteristiche essenziali:

  • Document Management System crea, cataloga, ordina, scansiona, trasforma e invia documenti digitali, in sicurezza e proteggendo i dati
  • Business Intelligence raccoglie e organizza tutti i dati del database aziendale, garantendo l’accesso in qualsiasi momento per avere sempre chiaro il quadro generale sull’andamento economico dell’attività.
  • Funzione scambio dati, universale e senza errori. Le aziende devono possedere un sistema di scambio informazioni capace di condividere documenti e dati in modo univoco.
  • Sistema ERP, ovvero sistema capace di unire tra loro tutte le risorse aziendali: produzione, logistica, contabilità, reparto vendita e marketing con lo stesso servizio informatico. Per favorire una rapida comunicazione tra i reparti con semplicità, per raggiungere gli obiettivi economici.

Acronis presenta Acronis Cyber Services, una soluzione per le aziende che puntano a ottimizzare la protezione informatica

Scritto da Esseci il . Pubblicato in Aziende, Informatica

Acronis, leader globale della protezione informatica, ha annunciato oggi il lancio di Acronis Cyber Services, una soluzione per le aziende di ogni dimensione che semplifica l’accesso a servizi di valutazione dei rischi, aumento della consapevolezza e reattività alle emergenze, fino a oggi prerogativa esclusiva delle grandi aziende perché troppo complessi e costosi per quelle più piccole.

Acronis Cyber Services consente alle organizzazioni di rafforzare la propria protezione informatica con una combinazione di servizi destinati alla valutazione dei rischi di sicurezza e delle vulnerabilità, test di penetrazione, reattività alle emergenze e formazione alla consapevolezza personalizzata in base ai ruoli degli utenti.

“Considerata la costante evoluzione delle minacce informatiche, le aziende devono pianificare la propria sicurezza e la formazione del personale in modo proattivo. Tuttavia, una formazione incentrata sulle capacità di valutazione, sui migliori approcci e sulla consapevolezza è stata finora un’attività troppo costosa e complessa, alla portata solo delle grandi aziende. Con il lancio di Acronis Cyber Services, le soluzioni di protezione informatica di livello enterprise diventano più accessibili, e ogni azienda può affidarsi a una sicurezza digitale semplice, efficiente, sicura e oggi imprescindibile”, ha affermato Serguei SBBeloussov, fondatore e CEO di Acronis.

Integrando straordinari servizi di sicurezza informatica in una piattaforma con unico vendor, Acronis elimina le complessità che gravano su service provider e rivenditori, proponendo soluzioni che aiutano i clienti a ottimizzare le proprie difese, soddisfare i requisiti di conformità in termini di sicurezza dei dati, e garantire la propria #CyberFitness.

Tre servizi potenziati

In Acronis Cyber Services si combinano servizi ottimizzati forniti dai più capaci esperti in sicurezza informatica. Nello specifico, l’offerta propone:

Acronis Security Assessment Services, per mettere alla prova la sicurezza aziendale con test di penetrazione e scansione della vulnerabilità, consentendo alle organizzazioni di identificare i rischi che corrono i dati critici, comprendere come ridurre le problematiche di sicurezza complesse del mondo reale e prepararsi a implementare i criteri di sicurezza più adatti alle tecnologie, al personale e ai processi aziendali.

Acronis Security Awareness Training, una modalità di formazione grazie alla quale dipendenti e personale IT acquisiscono informazioni sugli approcci più innovativi in materia di sicurezza, mentre i dirigenti comprendono come riconoscere gli attacchi di phishing, in special modo quelli più recenti e personalizzati per colpire proprio il livello manageriale. Le organizzazioni che operano nel rispetto di conformità e direttive specifiche, come ad esempio il GDPR, possono inoltre trarre vantaggio da moduli di formazione incentrati sulla compliance normativa.

Acronis Incident Response Service, che consente di comporre un piano di livello enterprise, con termini e condizioni pre-negoziate in grado di ottimizzare la reattività in caso di violazione della sicurezza. Nel complesso, questi servizi migliorano la capacità dell’azienda di tornare prontamente operativa, mantenere la conformità ai requisiti normativi, raccogliere prove per eventuali richieste legali future e per gestire, se necessario, eventuali danni di reputazione.

La suite di servizi rafforza la capacità di Acronis di offrire una protezione informatica completa, rendendo disponibili i  cinque vettori della sicurezza informatica: salvaguardia, accessibilità, privacy, autenticità e sicurezza (SAPAS).

Grazie all’approccio completo e alle soluzioni semplici, sicure ed efficaci che lo compongono, Acronis aiuta i team IT aziendali a superare le molteplici sfide odierne, tra cui crescenti complessità, minacce alla sicurezza e costi.

Acronis Cyber Services consente ai service provider di inserire nella propria offerta servizi di prima qualità, tramite un unico contratto sottoscritto con un vendor di fiducia quale è Acronis, invece che con numerosi vendor diversi.

La nuova offerta consente anche l’ottimizzazione dei processi MSP. Aiutando i clienti aziendali a formare i propri dipendenti affinché prevengano le violazioni, ad esempio, un MSP riesce a ridurre il numero di ticket di assistenza da supportare, migliorando efficienza e redditività.

I service provider interessati ad aggiungere questi servizi al proprio portafoglio possono contattare il rappresentante Acronis di fiducia.

Per ulteriori informazioni, visitare Acronis Cyber Services.

Per una visuale più ampia della protezione informatica

Il lancio di Acronis Cyber Services è l’ultima mossa di Acronis verso una visione della protezione informatica che guarda al futuro, ovvero il focus dell’imminente Acronis Global Cyber Summit che si terrà a Miami.

L’evento, che avrà luogo dal 13 al 16 ottobre 2019, chiama a raccolta sviluppatori, vendor, rivenditori, service provider e professionisti IT enterprise che desiderano fare rete, imparare e condividere le proprie conoscenze sul futuro della protezione informatica.

Per saperne di più sull’evento e ottenere uno sconto early-bird fare clic qui.

Come Iniziare la Tua Migliore Campagna di Google Adwords Grant per Onlus

Scritto da rgtreg il . Pubblicato in Economia, Internet

Lavorare nel campo del No-Profit significa affrontare difficoltà giornaliere, questo perchè è estremamente difficile cercare di emergere tra la miriade di onlus in cerca, anche loro, di farsi conoscere ed attirare nuovi donatori e volontari. Tuttavia il mondo del marketing viene incontro a questo tipo di associazioni e mette a loro disposizione alcuni strumenti molto importanti per trovare donatori online. Gli strumenti a disposizione per farsi notare e ottenere un buon posizionamento (sinonimo di visibilità) sul web sono gli stessi che vengono utilizzati dalle aziende commerciali. Infatti la vera forza di queste strategie è che non vengono pensate in maniera particolare rispetto alle altre, ma sono le stesse che utilizzano le migliori aziende di successo. Lo strumento per antonomasia per promuovere la propria Onlus in modo completamente gratuito è senza dubbio Google Ad Grants. Il metodo è efficace soprattutto perché permette di farsi conoscere su internet proprio come una normale azienda commerciale e quindi avere risultati estremamente positivi. Molte aziende utilizzano Adwords come servizio per il posizionamento e dà infatti risultati estremamente convincenti. Tuttavia per organizzare una buona campagna di adwords non è semplice e servono conoscenze specifiche , per questo è sempre meglio affidarsi ad esperte agenzie di digital marketing che studino una campagna fatta bene e  che porti effettivamente risultati.

Google Adwords Grant: Ecco Come Trovare Donatori Online

Non ci credete? È proprio così: andiamo a vedere nel dettaglio come funziona questa strategia e come le aziende di digital marketing possono implementarla per una onlus. Ma come funziona questa risorsa? Google Ad Grants è un programma pubblicitario di Google Adwords nato appositamente con l’intento di sostenere le associazioni No-profit. Nella sostanza Google dà alla associazioni No-profit un budget di 10000 dollari al mese, credito che può essere investito in campagne PPC (Pay Per Click), ovvero il genere di inserzioni che si pagano soltanto nel caso in cui qualcuno clicchi nell-inserzione e apra effettivamente il link. Vi sono tuttavia alcune differenze con il normale servizio di Google  Adwords? La prima è certamente il costo delle keyword, infatti non si possono offrire più di 2 dollari per keyword. Un’altra riguarda la scelta delle keyword, infatti Google non mette a disposizione keyword eccessivamente richieste. Le inserzioni verranno posizionate sotto le inserzioni a pagamento di Google. Ovviamente lo scopo è No-profit, il che significa che non è possibile utilizzare Ad Grant per scopi commerciali. È assolutamente vietato infatti farne un utilizzo commerciale e quindi per esempio usarlo per la vendita diretta dei prodotti.

Le Strategie Vincenti Per Trovare Donatori Online

Altro elemento molto importante è la gestione dell’account. Infatti il budget deve essere costantemente speso e l’account utilizzato altrimenti dopo 30 giorni di inattività, Google lo metterà in pausa di default. Appare quindi chiaro come uno strumento del genere offre delle enoprmi opportunit’ in termini di crescita alle associazioni e alle organizzazioni che basano la loro rendita soltanto sui volontari e le donazioni. Oggi investire una parte del proprio budget non è più una scelta opzionale, tutti coloro che vogliono avere rilevanza online devono essere coscienti che investire in questi strumenti è ormai diventato fondamentale. L’equazione del successo online è piuttosto semplice ma deve essere studiata da appositi esperti per rendere i benefici desiderati. Migliore posizionamento = maggiore visibilità = + visitatori = + donazioni. Ovviamente una campagna di Adword va accompagnata ad un sito web chiaro e funzionale altrimenti si perde gran parte dell’efficacia. Se gli interessativ vedono il vostro annuncio e ci cliccano ma vengono riportati ad un sito web fatto male che potrebbe quasi apparire come farlocco, allora i 10000 dollari di budget saranno stati sprecati, perchè nessuno donerà senza la certezza che quei soldi vadano nelle mani giuste.

Acronis True Image 2020 automatizza i backup 3-2-1 come l’unica soluzione personale per la replica dei backup locali nel cloud

Scritto da Esseci il . Pubblicato in Aziende, Informatica

Acronis, leader mondiale nel campo della protezione informatica, ha rilasciato oggi Acronis True Image 2020, la nuova versione della sua premiata soluzione di protezione informatica personale. Nell’ambito dell’annuncio, l’azienda ha rivelato che la nuova versione consente agli utenti di replicare automaticamente i backup locali nel cloud, un’opzione che ne fa la prima soluzione personale capace di automatizzare la strategia di backup basata sulla regola del 3-2-1 universalmente consigliata dagli esperti di protezione dati.

Inoltre, la funzione di replica a doppia protezione è soltanto uno degli oltre 100 miglioramenti e delle nuove funzionalità integrati in Acronis True Image 2020 e progettati per migliorarne ulteriormente le prestazioni, il controllo e la sicurezza.

“Se pensiamo all’affidamento che facciamo oggigiorno sui dati, si può dire che i nostri beni digitali non sono mai stati così preziosi. Ma l’uso dei dati significa anche che oggi abbiamo a che fare con più dati e dispositivi di quanti ne siano mai esistiti. Proteggerli dal rischio crescente delle minacce informatiche presenta vari ostacoli, tra cui una maggiore preoccupazione in termini di complessità, sicurezza e costi”, ha dichiarato Serguei “SB” Beloussov, fondatore e CEO di Acronis. “Rendendo la protezione informatica completa semplice, efficiente e sicura, Acronis può aiutare le persone a fare in modo che tutti i loro dati siano protetti.”

La release è la più recente soluzione dell’azienda a dare vita alla sua visione di protezione informatica e fonde protezione dati tradizionale e sicurezza informatica in un’unica soluzione. Grazie all’approccio adottato, Acronis True Image 2020 è l’unica soluzione personale a rispondere a tutti i cinque vettori della sicurezza informatica, garantendo così la salvaguardia, accessibilità, privacy, autenticità e sicurezza dei dati (SAPAS).

Questo esclusivo approccio significa che Acronis True Image 2020 assicura una protezione informatica semplice, efficiente e protetta a utenti privati, prosumer e piccoli uffici.

Backup semplici e affidabili

Come innovatore riconosciuto nel settore, Acronis ha già registrato più volte il “primato” nelle soluzioni destinate a proteggere i dati degli utenti. Tali progressi includono l’essere stata la prima azienda a fornire backup dell’immagine completa ai privati e a garantire il primo backup capace di clonare un disco di sistema, sia Windows che Mac, quando esso è in uso. Inoltre, resta ancora l’unica soluzione di backup personale a includere una difesa anti-malware integrata alimentata dall’intelligenza artificiale, oltre alla certificazione e alla verifica dell’autenticità dei dati basata su blockchain. Abilitare la replica automatica dei backup locali nel cloud è l’ultima tappa nel cammino di innovazione dell’azienda.

Inoltre, Acronis True Image 2020 facilita agli utenti la protezione di dati, applicazioni e sistemi. Se da un lato laboratori indipendenti hanno già concluso che Acronis True Image è fino a 10 volte più veloce della concorrenza, la release 2020 si prepara a introdurre un nuovo formato di backup che assicura migliori prestazioni complessive, tra cui velocità di backup e ripristino ancora più rapide. Consente inoltre agli utenti di sfogliare i file nei backup del cloud ancora più rapidamente.

Un nuovo Tray Notifications Center fornisce agli utenti aggiornamenti iperrecenti sullo stato dei backup affinché possano risolvere rapidamente i problemi. Gli utenti ricevono inoltre le ultime notizie per migliorare la loro protezione informatica.

Grazie all’impegno dell’azienda volto a garantire la sicurezza dei dati con backup affidabili, leader del settore quali Tech Data raccomandano regolarmente ai loro clienti di affidarsi ad Acronis True Image.

“Di anno in anno, la richiesta di soluzioni di protezione informatica dei partner Tech Data aumenta esponenzialmente e Acronis è il marchio dalla crescita più rapida in questo segmento di mercato con oltre 1 petabyte di dati che sono finalmente CyberFit grazie alle loro soluzioni”, ha dichiarato Daniel Isidro, Commercial Product Manager, ESD, Tech Data. “Con Acronis True Image 2020, possiamo fornire una protezione informatica semplice, efficace e sicura ai nostri clienti prosumer e possiamo garantire loro tranquillità a prescindere dal fatto che i loro dati siano archiviati in locale o nel cloud. Osserviamo una crescita costante con la nostra piattaforma ESD Digital On-Demand e una crescita da un anno all’altro di più del 50%.”

Maggiore controllo

Oltre alla tecnologia migliorata alle spalle dei backup, Acronis True Image 2020 assicura che gli utenti possano mantenere i loro dati al sicuro ovunque essi siano. La nuova release consente agli utenti di selezionare su quale rete Wi-Fi consentire l’esecuzione dei backup, il che permette loro di evitare le connessioni a pagamento e le reti pubbliche non protette che possono mettere i loro dati a rischio.

Gli utenti desiderano anche garantire che i loro backup non interferiscano con l’uso normale dei computer, come quando un backup esaurisce la batteria del loro laptop mentre lo stanno utilizzando. Con Acronis True Image 2020, gli utenti controllano quando i backup sono in esecuzione mentre il laptop è in funzione alimentato a batteria. Possono evitare i backup quando l’alimentazione è completamente a batteria o stabilire un livello di alimentazione minimo affinché, se la batteria scende sotto una capacità del 40%, il backup non venga eseguito.

Maggiore sicurezza contro le minacce informatiche

Nel corso degli ultimi tre anni, Acronis True Image è stata l’unica soluzione di backup personale con una difesa anti-malware incorporata alimentata dall’intelligenza artificiale. La tecnologia integrata, chiamata Acronis Active Protection, blocca gli attacchi di ransomware e di cryptojacking in tempo reale, ripristinando automaticamente i file danneggiati.

Anziché analizzare i sistemi alla ricerca di firme del malware note, la tecnologia monitora il sistema nel tentativo di individuare comportamenti che segnalano attacchi. Grazie a questo approccio, la tecnologia risulta estremamente efficace nel rilevare e contrastare qualsiasi tipo di attacco, inclusi i ceppi di ransomware mai visti prima. E, di fatto, lo scorso anno ha bloccato oltre 400.000 attacchi di ransomware.

Benché chiaramente efficace, l’azienda ha potenziato questa difesa alimentata dall’intelligenza artificiale per il lancio di Acronis True Image 2020. La nuova versione include modelli avanzati di machine learning per rendere Acronis True Image 2020 ancora più efficace nel bloccare le minacce informatiche di tutti i tipi.

“La maggior parte dei privati comprende il valore e l’esigenza di eseguire il backup delle proprie informazioni digitali per evitare la perdita di dati. Molti sono tuttavia inconsapevoli della crescente portata e complessità degli attacchi dannosi come il ransomware. Acronis ha sviluppato un approccio completo alla protezione informatica che unisce le caratteristiche di sicurezza informatica e di backup in un’unica piattaforma integrata nel cloud per uso personale”, ha dichiarato Andrew Smith, Research Manager, Infrastructure Systems, Platforms and Technologies Group presso IDC. “Gli aggiornamenti di True Image consentiranno agli utenti di garantire che i loro backup siano automatici e sicuri mentre potenzieranno al contempo la capacità degli utenti di rilevare e prevenire altre minacce informatiche.”

Prezzi e disponibilità

Sono disponibili tre versioni di Acronis True Image:

  • Standard è una licenza perpetua progettata per i clienti che memorizzano i propri dati solo su unità locali. Non sono incluse funzioni di archiviazione o basate su cloud. Include il backup locale di un numero illimitato di dispositivi mobili. La tariffa base è di 49,99 € per un computer.
  • Advanced (l’opzione più popolare) è un abbonamento di un anno che include 250 GB di Acronis Cloud Storage e l’accesso a tutte le funzionalità cloud, compresi i backup locali e cloud di un numero illimitato di dispositivi mobili. La tariffa base è di 49,99 € all’anno per un computer.
  • Premium è un abbonamento di un anno che include funzionalità di certificazione dei dati e firma elettronica basate su blockchain e 1 TB di Acronis Cloud Storage. La tariffa base è di 99,99 € all’anno per un computer.

Tutte le versioni includono Acronis Active Protection, la difesa anti-malware alimentata da intelligenza artificiale, e coprono un numero illimitato di dispositivi mobili. I clienti abbonati possono acquistare uno storage cloud aggiuntivo a seconda delle necessità.

News e articoli fatturazione elettronica – Giugno e Luglio 2019

Scritto da GBsoftware S.p.A. il . Pubblicato in Aziende, Economia, Informatica

Console Web 2019: Sblocco dei pagamenti (12/06/2019)

Con un recente aggiornamento della Console Web è stata introdotta la possibilità di modificare il dettaglio dello stato del pagamento anche per i documenti già contabilizzati dal commercialista. In questo modo l’utente può inserire le informazioni sull’incasso di una fattura emessa o sul pagamento di una fattura ricevuta anche dopo che lo studio ha già contabilizzato i dati.

Così facendo si può tenere sotto controllo lo stato del pagamento/incasso dei propri documenti inviati e ricevuti in maniera più chiara e precisa, senza la necessità di dover tenere uno scadenzario esterno. Inoltre sono state introdotte nuove funzionalità per rendere maggiormente fruibile la Console Web.

Nella Console Web, cliccando sul pulsante “Dettaglio” si aprirà una maschera da dove sarà possibile indicare i dati relativi all’incasso (se ci troviamo nelle fatture elettroniche emesse) o del pagamento (se posizionati nelle fatture elettroniche ricevute) del singolo documento. Tale dato, quando confermato tramite un apposito check, sarà comunicato al commercialista il quale procederà alla contabilizzazione.

Fatture 2019: Calcolo IVA agevolata (14/06/2019)

Per i lavori di manutenzione svolti su immobili a prevalente destinazione abitativa privata è prevista un’aliquota IVA ridotta al 10%, secondo quanto stabilito dall’art. 7 c. 1 lett. B della legge 23 dicembre 1999.

Tale agevolazione tuttavia incontra delle eccezioni in presenza dei “beni significativi”, in quanto nel caso in cui l’importo di tali beni superi la metà del totale della fattura, l’IVA al 10% si applica solamente sulla differenza tra il valore complessivo dell’intervento e quello dei beni significativi.

In Fatture GB tramite un’apposita funzione è possibile applicare in maniera automatica il calcolo dell’IVA, inserendo solamente il valore complessivo della prestazione e il valore del bene significativo. Andiamo a vedere come fare.

Fatture Web 2019: report, grafici, entrate e uscite (26/06/2019)

In Fatture GB Web sono stati introdotti report e grafici che ci permettono di tenere sotto controllo diverse informazioni inerenti le entrate e le uscite della nostra attività, in base alle fatture emesse e ricevute tramite la Console Web.

Inoltre, sempre in combinazione con le informazioni presenti nella Console Web, è possibile monitorare i documenti che risultano da incassare e da pagare. Andiamo a vedere in questa news come operare.

I grafici della Dashboard sono disponibili all’accesso di Fatture GB Web. È comunque possibile richiamarli da ogni schermata facendo click sull’icona raffigurante una casetta posta in alto a sinistra.

Fatture 2019: Emissione fattura cointestata (04/07/2019)

In alcuni casi è prassi emettere un’unica fattura (o una parcella) per due o più soggetti, come ad esempio nel caso di lavori di ristrutturazione edilizia per un immobile intestato a diversi comproprietari.

Nel caso di una fattura “ordinaria” questa tipologia di documento non comporta particolari problemi, ma come si deve operare in caso di fattura elettronica visto che il tracciato XML prevede solo un intestatario?

Sebbene le immagini contenute in questa news facciano riferimento alla versione web del programma di fatturazione, si ricorda che la procedura illustrata è la medesima anche in Fatture GB (versione locale con archivi in SQL).

Console Web 2019: scarico automatico ricevute e operazioni multiple (10/07/2019)

Con un recente aggiornamento è stata introdotta una funzione per procedere allo scarico di ricevute e notifiche direttamente accedendo alla Console Web.

Inoltre, ora è possibile procedere con firma/invio delle fatture e scarico delle ricevute/notifiche in modalità multipla, senza essere costretti ad effettuare manualmente tali operazioni documento per documento.

Con questi aggiornamenti si è voluta migliorare la fruibilità della Console Web, in modo da poter eseguire con pochi click operazioni su più documenti.

Fatture 2019: Spese d’incasso e Righe calcolate (16/07/2019)

Nella news di oggi andiamo a vedere due funzionalità che possono risultare utili alla compilazione dei nostri documenti, soprattutto nel caso in cui dobbiamo inserire delle spese fisse oppure delle righe contenenti importi calcolati su una percentuale prestabilita.

Infatti tramite le Spese d’incasso possiamo andare a inserire con pochi click una spesa ad importo fisso, mentre la funzione Righe calcolate permette l’inserimento di una riga calcolata in percentuale su determinate righe del documento. È ovviamente possibile personalizzare liberamente tali voci.

Sebbene le immagini contenute in questa news facciano riferimento alla versione web del programma di fatturazione, si ricorda che la procedura illustrata è la medesima anche in Fatture GB (versione locale con archivi in SQL).

L’articolo che hai letto e molti altri sull’argomento sono disponibili presso il sito del software FATTURE GB, programma per gestire le fatture elettroniche sviluppato da GBsoftware S.p.A.

GBsoftware S.p.A. è una software house nata dall’idea di un commercialista e dell’esperienza di uno studio attivo dal 1977. Siamo specializzati in software semplici per studi e imprese.