Digital revolution: l’articolo su Lettera43 è firmato da Vittorio Massone

Scritto da vmofficeprnews il . Pubblicato in Aziende, Tecnologia

La rivoluzione digitale è una sfida che interesserà ogni settore: la partita è appena iniziata ed entrerà nel vivo solo nei prossimi 20 anni. Vittorio Massone, in un recente editoriale pubblicato su Lettera43, spiega la situazione attuale e i cambiamenti che l’industria italiana dovrà necessariamente apportare per rimanere competitiva.

Vittorio Massone

Vittorio Massone: la digital revolution è appena iniziata

Ci sentiamo ormai immersi in un mondo digitalizzato, fatto di tecnologia e innovazione. Vittorio Massone, che attualmente collabora con importanti società per favorire il processo di trasformazione digitale, affida alle pagine di Lettera43 la sua visione, affermando con decisione che, in realtà, non siamo che all’inizio della vera e propria rivoluzione. “Se qualcuno pensa oggi che il digitale abbia già apportato un grande cambiamento nelle nostre vite, rimarrà sorpreso di sapere che stiamo vivendo solamente l’inizio di una radicale trasformazione nel business e nella società”, scrive l’esperto. “I cambiamenti degli ultimi 20 anni di digital revolution avranno pieno impatto nei prossimi 20 e più, fino ad avere un’economia ed una società Ict driven in tutti i settori”. Finora, spiega Vittorio Massone, i cambiamenti più evidenti si sono verificati nelle aree consumer, ma si stanno già spostando anche negli ambiti operations, supply chain, nel business to business e business to government, settori invece più lenti ma che sono in grado di generare ripercussioni profonde in tutto il campo economico. Nell’articolo su Lettera43 viene sottolineato come tutti i settori verranno interessati dalla rivoluzione digitale, nessuno escluso: dai servizi finanziari ed assicurativi all’IT si passerà in seguito a quelli considerati più “maturi” come la logistica, l’agricoltura e l’industria. Per prepararsi concretamente ai cambiamenti le aziende devono prima di tutto adeguare il business model, per poi tenere conto della nuova concorrenza. “Il motto è “il tuo margine è la mia opportunità”. La lotta sarà per il controllo del cliente finale, degli asset strategici, delle competenze critiche e così via”.

Vittorio Massone: una riflessione sulla situazione italiana

Restare competitivi in questo nuovo mondo digitalizzato non sarà una sfida semplice da affrontare: “In relazione alla struttura dei costi, agli investimenti R&D ed in tecnologia, alla scala richiesta per acquisire e controllare competenze, brevetti, dati, accesso a materie prime, asset strategici, canali distributivi. Praticamente tutti i fattori strategici e competitivi del futuro”. Vittorio Massone spiega nel suo articolo che il cambiamento sarà fondamentale per rimanere attrattivi nel mercato dei capitali: la situazione in Italia non è facile. “Pochissime aziende italiane – nei settori non regolamentati – hanno oggi la scala per essere protagonisti nei prossimi 20 anni”. Per rimanere competitivi sarà fondamentale puntare sull’innovazione del prodotto e sul miglioramento della customer experience. Il cost-to-serve andrà al contempo ridotto. Anche i ruoli aziendali subiranno un deciso mutamento: l’attenzione sarà puntata sulle figure professionali a diretto contatto con il cliente e su quelle legate all’innovazione e alla tecnologia. Il ruolo del manager verrà stravolto, in quanto risulta ancora troppo rigido in un sistema che invece sarà basato sulla fluidità. Altro fattore determinante è il machine learning, che cambierà le modalità di considerazione dei vari talenti. ci sarà un diverso approccio verso il team-working, la divisione del lavoro, le modalità di compenso, la misurazione dei risultati. “Tutti i cambiamenti elencati finora”, scrive Vittorio Massone, “non potranno che mettere in discussione i modelli organizzativi aziendali tradizionali e verticalmente rigidi. I confini stessi dell’azienda verranno ridefiniti, con un processo di integrazione con l’ecosistema in cui l’azienda opera”.

Acronis invita le organizzazioni #CyberFit all’Acronis Global Cyber Summit 2020

Scritto da Esseci il . Pubblicato in Aziende, Tecnologia

 Acronis, leader globale della cyber protection, ha annunciato oggi l’avvio delle registrazioni per partecipare all’Acronis Global Cyber Summit 2020. Giunto alla seconda edizione, l’evento di rilevanza internazionale incentrato sulla cyber protection si svolgerà presso il Fontainebleau Miami Beach di Miami, in Florida, dal 19 al 21 ottobre 2020.

I 2000 partecipanti previsti – leader qualificati, CIO, service provider, rivenditori, distributori, sviluppatori, grandi aziende di tutto il mondo – approfondiranno le più recenti tendenze e opportunità della moderna cyber protection, la disciplina IT trasformativa che garantisce alle organizzazioni di diventare #CyberFit.

Durante la giornata inaugurale dell’evento, lunedì 19 ottobre, si terranno sessioni di formazione e di certificazione, per finire con la conferenza serale della cena di benvenuto. Il ricco programma delle due giornate successive prevede interventi di alto profilo, tavole rotonde, consulenze tra clienti e partner, incontri di approfondimento tecnico e rassegne sulle nuove tecnologie.

I partecipanti avranno modo di conoscere Acronis Cyber Protect, la soluzione di cyber protection più completa al mondo, in grado di rendere #CyberFit le infrastrutture IT. Il prodotto combina infatti protezione dei dati e protezione informatica e offre una sicurezza digitale a 360°, inclusiva di backup e recovery, difese da malware, gestione e sicurezza degli endpoint.

L’impegno di Acronis per la cyber protection

Eventi come l’Acronis Cyber Summit 2020 sono dedicati alla formazione dei service provider e dei professionisti in ambito IT. Acronis punta a mostrare loro come una solida strategia di cyber protection sia fonte di opportunità per le organizzazioni che vogliono diventare #CyberFit.

La rivoluzione della cyber protection è conseguente alla fine del backup tradizionale, che ha varie motivazioni. Le aziende producono ogni giorno una quantità crescente di dati, rendendo incompatibile l’idea dell’intervallo di backup con la natura always-on delle attività. I dati, le applicazioni e i sistemi organizzativi hanno un nuovo valore, che li rende obiettivi appetibili per gli hacker. Eseguire solo il backup di questi elementi non basta più: per proteggerli dagli attacchi occorre affiancare un sistema di sicurezza informatica integrata.

L’adozione di strategie e soluzioni che coniugano una collaudata protezione dei dati e una cybersecurity all’avanguardia permette di incorporare i cinque vettori della Cyber Protection, ovvero salvaguardia, accessibilità, privacy, autenticità e sicurezza (SAPAS) di dati, applicazioni e sistemi. Le aziende saranno così #CyberFit, ovvero pronte ad affrontare qualsiasi minaccia.

Considerata la natura del mondo digitale odierno, Serguei “SB” Beloussov, fondatore e CEO di Acronis, è profondamente convinto che la protezione informatica rappresenti un bisogno primario come il cibo, l’acqua e l’alloggio.

“Nel 2019 abbiamo innescato la rivoluzione nella cyber protection, dimostrando quanto sia importante integrare protezione dei dati e sicurezza digitale. La reazione è stata travolgente, in particolare dalla community Acronis. Oggi l’intero settore ha capito perché il backup – nel senso tradizionale del termine – non è più sufficiente”, ha affermato Beloussov. “Abbiamo lanciato l’Acronis Global Cyber Summit 2020, ma in attesa dell’evento continueremo a espandere il nostro ecosistema di soluzioni per la cyber protection e a trasformare le modalità aziendali di protezione di dati, applicazioni e sistemi”.

Un progresso condiviso

L’Acronis Global Cyber Summit 2020 prosegue sull’onda del successo dell’evento inaugurale dello scorso anno, che ha visto la partecipazione di relatori di rilevanza internazionale, tra cui Robert Herjavec, CEO di The Herjavec Group, Keren Elazari, Security Analyst e ricercatore presso la Tel Aviv University ed Eric O’Neill, ex agente di controspionaggio e antiterrorismo dell’FBI.

Facendo seguito alle richieste di chi ha partecipato all’evento dello scorso anno, il programma del 2020 promette esperienze di altissimo livello e interventi dei leader di settore e della variegata community di professionisti della sicurezza digitale.

“L’Acronis Global Cyber Summit del 2019 ha contribuito a stabilire un nuovo standard per gli eventi di canale dedicati ai partner”, ha dichiarato Erick Simpson, Chief Strategist di ErickSimpson.com. “L’ottima organizzazione, con relatori coinvolgenti e argomenti d’attualità, ha permesso di presentare in modo efficace la strategia lungimirante di Acronis, i suoi partner e vendor principali, spiegando ai partecipanti come accrescere la propria attività soddisfacendo le esigenze di cyber protection dei clienti con i prodotti e le soluzioni Acronis.”

“L’Acronis Global Cyber Summit è stato uno dei migliori eventi che abbiamo sponsorizzato nel 2019”, ha dichiarato James Murphy, vicepresidente vendite internazionali di DevTech. “Ubicazione, contenuti e partecipanti hanno soddisfatto appieno le aspettative di un evento di successo. Straordinarie anche le opportunità di fare rete e di instaurare nuove relazioni commerciali. Torneremo nel 2020!”

Per partecipare

Consigliamo a coloro che desiderano partecipare all’Acronis Global Cyber Summit 2020 di visitare la pagina di registrazione.

Nel sito web dell’evento sono disponibili alcune opportunità di sponsorizzazione. Gli sponsor avranno la possibilità di accedere anche ad altri eventi di settore e sulla protezione informatica che si terranno nel corso dell’anno.

Anno nuovo, sfida nuova: da Snom il gioco a premi per le aziende di canale

Scritto da Andrea Bianchi il . Pubblicato in Aziende, Giochi, Tecnologia

logo snomPer inaugurare il nuovo decennio con la giusta carica, lo specialista della telefonia VoIP Snom lancia alle aziende di canale una simpatica sfida. I partecipanti possono vincere interessanti premi.

Per poco meno di un mese, esattamente fino al 14 febbraio 2020 ore 11:00 del mattino, i partner Snom e le aziende di canale che registratesi al programma partner sul portale dedicato entro quella data / ora possono partecipare ad un entusiasmante “rally”, il gioco a premi con cui Snom festeggia l’inizio del nuovo anno.

Chi vuole assicurarsi uno degli allettanti premi deve rispondere correttamente a dieci domande su Snom e i suoi prodotti, cosa che non dovrebbe essere difficile per i partner esperti. L’estrazione dei vincitori avrà luogo venerdì 14 febbraio 2020 alle ore 11:00 via live stream dallo studio interno di Snom.

Snom Rally 2020

Premi attraenti

Qui di seguito l’elenco degli interessanti premi di cui i partecipanti possono beneficiare:

3 x iPad Pro di ultima generazione con 256 GB, WI-FI + rete mobile per un valore di oltre € 1200 a dispositivo

3 x M900 e M90 per un valore di poco inferiore a € 900 ciascuno.
M900 é la stazione base DECT multicella di ultima generazione di Snom. M90 é l’ultimo telefono IP DECT entrato nel portafoglio di terminali cordless del produttore. Un vero asso per la mobilità in azienda.

4 x cuffie DECT Snom A150 del valore di € 167 per unità
L’headset DECT probabilmente più piccolo e leggero della sua classe, lo Snom A150 è presente 4 volte nel calderone dei premi del rally – un motivo sufficiente per partecipare!

A due giorni dal lancio del rally sono già numerosi i partner che, rimessisi nella carreggiata del business quotidiano, hanno già inviato le proprie risposte. Per partecipare basta accedere alla pagina web: www.snom.com/en/snom-new-year-rally

Moustache Bikes cambia marcia con i telefoni IP Snom

Scritto da Andrea Bianchi il . Pubblicato in Aziende, Tecnologia

logo snomMoustache Bikes, noto produttore francese di biciclette elettriche, desiderava avvalersi di terminali IP pienamente compatibili con la nuova piattaforma per le comunicazioni e la collaborazione unificata firmata 3CX. L’azienda ha optato per i telefoni IP Snom non solo per la comprovata interoperabilità con la soluzione 3CX, ma anche per la ricca dotazione funzionale.

Azienda francese specializzata nella produzione di e-bikes, Moustache Bikes fu fondata 2011 da due giovani imprenditori, che ispirandosi alla forma del manubrio apprezzata anche per lo styling dei baffi, hanno deciso di dotare la società di una denominazione fuori dal comune. Situata nei Vosgi, Moustache Bikes conta un’organico di 100 persone, ha prodotto 25.000 biciclette nel solo 2018 e si é dotata negli anni di un catalogo prodotti di oltre 65 modelli di biciclette, dalle più moderne elettroasistite alle classiche mountain bikes per sterrati.

Abbiamo scelto i telefoni Snom per la massima versatilità e interoperabilità con 3CX“.

Nel corso del trasferimento in locali più grandi, sislocati in diversi edifici geograficamente distribuiti, l’azienda ha deciso di rinnovare il proprio impianto telefonico. Su consiglio del suo System Integrator di fiducia, Moustache Bikes adottato la soluzione UC di 3CX, centralino basato sullo standard SIP aperto. “Lato terminali abbiamo optato per i prodotti Snom perchè pienamente compatibili con il 3CX”, conferma Ludovic Vildermuth, IT Manager di Moustache Bikes.

Una delle officine di Moustache Bikes. © Vosges Matin 2019

3CX consente all’azienda di avvalersi di applicazioni compatibili con tutti i tipi di terminali e sistemi operativi: Mac, PC o fruizione tramite browser in modalità SaaS. Essendo i dipendenti dotati di iPhone, la compatibilità con la soluzione 3CX è completa e gli addetti beneficiano con la massima semplicità di tutte le funzioni di telefonia e collaborazione, tra cui anche la programmazione di conferenze audio o video, la creazione di gruppi di chiamata, ecc.

Snom alla base di un ambiente di lavoro agile

“Abbiamo scelto Snom dopo un periodo di valutazione durante il quale abbiamo testato altri terminali, palesatisi non all’altezza delle esigenze. Volevamo dotarci di telefoni IP che consentissero di beneficiare di funzionalità semplici come, ad esempio, una directory e una rubrica condivisa. Il periodo di validazione é durato quasi 6 mesi e alla fine è stato Snom a soddisfare tutti i nostri requisiti grazie alla sua piena compatibilità con il centralino 3CX. Il livello di prezzo equiparabile a soluzioni della concorrenza ha ulteriormente favorito la nostra scelta”, conferma Vildermuth.

In quanto all’architettura implementata, Moustache Bikes ha preferito installare la s0luzione 3CX on premise su server Debian virtualizzato. L’installazione on-premise é stata adottata non solo per mantenere il pieno controllo della soluzione e delle sue evoluzioni, ma anche per garantire la conformità al GDPR in termini di tutela dei dati. Per quanto riguarda i telefoni, la parte più interessante del deployment coinvolge circa una ventina i dipendenti che si avvalgono dei terminali IP Snom presso una sede frammentata in cui la mobilità tra uffici, officine e magazzini é essenziale. Con 20 telefoni IP cordless DECT Snom M65, cinque stazioni base DECT multicella Snom M700 e due terminali per conferenze telefoniche gli utenti dispongono di tutti gli strumenti necessari per svolgere le proprie mansioni in maniera ottimale: i terminali Snom contribuiscono ad un ambiente di lavoro estremamente agile, caratteristica fondamentale per un’azienda in rapida crescita e desiderosa di affermarsi in un mercato esigente che sta cambiando pelle per l’arrivo dell’elettricità e l’ingresso di nuovi attori.

Attirare l’attenzione del pubblico nelle fiere: l’uso del video

Scritto da Giorgia Rizzoli il . Pubblicato in Aziende, Tecnologia

Come attirare l’attenzione del pubblico durante un evento di settore?

Quando si prende parte ad una fiera, un evento di settore o un congresso bisogna sempre prevedere un modo per attirare l’attenzione del pubblico presente per trasformarlo in potenziali Clienti. La produzione video aziendali è un’ottima soluzione per ottenere attenzione e contemporaneamente veicolare il proprio messaggio. Ci sono degli accorgimenti, però, da ricordare per far si che il video sia il più efficace possibile:

Un’immagine vale più di mille parole…

…e in un tempo dove tutti sono sempre di corsa, questa frase è sempre più valida. Quindi, cosa c’è di meglio di un video per far passare un messaggio?
Immagini chiare e d’impatto sono la chiave per attirare l’attenzione di chi passa davanti al nostro stand e incuriosirlo sul nostro messaggio. Che si voglia presentare un prodotto o un brand, il video deve essere posizionato verso l’esterno dello stand, in un punto visibile così da coinvolgere più persone possibili.

L’uso dei sottotitoli

Se avete deciso di presenziare ad una fiera generalista o di settore con un vostro stand è bene ricordare che l’ambiente sarà molto rumoroso: la gente si muove, parla, si chiama… questo spesso comporta delle difficoltà anche solo a parlare con i nostri vicini, questo significa che il nostro video non sarà sentito. È importante, quindi, l’uso di sottotitoli ben visibili qualora fosse originariamente prevista una voce di accompagnamento. In questo modo il nostro video non solo attirerà l’attenzione dei visitatori dell’evento, ma sarà comunque fruibile e comprensibile nonostante il rumore.

Utilizzo del testo

Il video può essere usato per attirare l’attenzione, ma è anche un importante mezzo di comunicazione. Per questo è importante inserire a video testi chiari e di facile lettura attraverso l’uso di parole chiave.
Nel caso in cui sia necessario l’inserimento di concetti più complessi, è preferibile l’uso di elenchi puntati rispetto a lunghi testi. Questi aumenteranno notevolmente la facilità di lettura del vostro messaggio e risulteranno anche più di impatto visivamente.

Attenzione alla lingua

Molte fiere di settore sono di stampo internazionale e, quindi, si suppone che la lingua più utilizzata sia l’inglese. Ci sono casi, però, in cui fiere ed eventi hanno una lingua specifica di riferimento per gli ospiti che vi prenderanno parte. In questo caso è utile porre particolare attenzione a questo dettaglio e agire di conseguenza non solo per il materiale cartaceo presentato, ma anche per il video. Convertire il video in lingua, traducendo i testi presenti a schermo e utilizzando sottotitoli in lingua dimostra particolare attenzione da parte dell’azienda verso il suo pubblico e assicura maggiori possibilità di coinvolgimento per potenziali Clienti.

Utilizzare materiale d’accompagnamento

Il video è un mezzo molto potente per catturare l’attenzione del pubblico e per rimanere impresso nella memoria, ma può capitare che, benché il video rimanga impresso, il marchio si confonda con tutti i presenti all’evento. Per evitare che questo accada, assicurati di avere con te del materiale cartaceo di accompagnamento che riprenda la comunicazione del video, così da rimarcare nella mente dell’utente il vostro prodotto e brand anche quando sarà tornato a casa.

Uso dei video aziendali ad un congresso

In maniera molto simile, anche quando si è relatori ad un congresso, il video può aiutare a mantenere l’attenzione del pubblico sul messaggio che viene comunicato. Anche in questo caso è bene ricordare l’uso di numerose parole chiave ed elenchi puntati per rendere più facilmente fruibile il messaggio e se il congresso è di stampo internazionale è bene avvalersi dell’uso dei sottotitoli in lingua inglese: non ci sarà rumore durante la visione, ma non si può avere la certezza che tutti i presenti siano in grado di comprendere a pieno la lingua parlata dalla voce di accompagnamento del video. Avere sempre un occhio di riguardo per i fruitori è sempre ben apprezzato!

Acquista cartucce e toner nei negozi Prink, ti regaliamo 3 coupon Rakuten TV

Scritto da Massimo Tegon il . Pubblicato in Aziende, Tecnologia

I regali nei negozi Prink non sono ancora finiti: fino al 29 febbraio con l’acquisto di due prodotti da Prink riceverai in omaggio fino a tre coupon per vedere film in streaming su Rakuten TV, il famoso servizio di streaming visibile su smart TV, computer, smartphone e console.

film-streaming-omaggio-rakuten-tv-coupon-IMG-PR

Il Natale è passato, ma i regali nei negozi Prink non sono ancora finiti. Infatti fino al 29 febbraio da Prink con l’acquisto di due prodotti riceverai in omaggio fino a tre coupon per vedere film in streaming su Rakuten TV. Rakuten TV è il famoso servizio di contenuti video in streaming on demand, visibile su smart TV, computer, smartphone e console. Grazie ai coupon offerti da Prink potrai scoprire in modo gratuito i vantaggi e la comodità di questo servizio di streaming: i migliori film del momento saranno disponibili on demand su tutti i tuoi dispositivi, quando vuoi.

Come funziona la promozione Prink per i film streaming in omaggio su Rakuten? Ci sono tantissimi prodotti che aderiscono: cartucce inkjet originali e Prink, toner originali e Prink, rotoli a trasferimento termico originali e Prink, nastri originali e Prink per stampanti ad impatto, carta di qualsiasi tipologia, accessori, timbri e stampanti. Si riceve un coupon omaggio acquistando due prodotti di qualsiasi tipologia e valore tra questi appena elencati. I coupon diventano due se i due prodotti acquistati sono per la stessa stampante (esclusi carta, accessori, timbri e stampanti). Riceveranno tre coupon coloro i quali acquisteranno due prodotti Prink di qualsiasi tipologia e valore tra toner a marchio Prink, rotoli a trasferimento termico a marchio Prink e nastri a marchio Prink per stampanti ad impatto.

Utilizzare i coupon regalati da Prink è facilissimo: basterà collegarsi al sito indicato sul retro del coupon e cliccare sul bottone “Utilizza il tuo il coupon”. Dopo aver inserito il codice scritto sul coupon, il film sarà disponibile per la visione su tutti i dispositivi compatibili. Tutti i dettagli della promozione Prink per Rakuten sono disponibili sul nostro sito.

Fino al 29 febbraio c’è un motivo in più per acquistare cartucce e toner per stampanti nei negozi Prink! Da Prink ogni cliente trova una vasta selezione di prodotti per scegliere quello più adatto per le proprie esigenze di stampa: abbiamo cartucce e toner originali dei marchi più utilizzati, come HP, Epson e Canon. Per chi è più attento al risparmio ma vuole ottenere comunque una stampa di qualità, i nostri esperti consigliano cartucce e toner a marchio Prink: perfettamente compatibili e meno costose delle originali. Prezzi competitivi, vasta scelta di prodotti e coupon per film streaming in omaggio: cosa desiderare di più? Per acquistare Vai subito nel negozio Prink più vicino, sono oltre 600 in tutta Italia.

Fonte: marketinginformatico.it

Arrivare diretti al pubblico con una campagna di Digital Marketing e SEO a 360 gradi

Scritto da rgtreg il . Pubblicato in Aziende, Internet

Arrivare diretti al proprio pubblico e possibilmente farlo prima degli altri è l’obiettivo di qualunque azienda. In un mondo in cui all’incirca il 30% della popolazione effettua regolarmente acquisti online, è importante e forse vitale che il proprio brand occupi le prime posizioni tra le soluzioni alle richieste di ognuno. È proprio di questo che parliamo con il termine SEO. La SEO (Search Engine Optimization) definisce tutte le attività atte ad ottimizzare una pagina web e ad incentivarne il buon posizionamento nei motori di ricerca. Esso comprende una serie di attività finalizzate ad aumentare il numero di visite a un sito web, accrescerne la visibilità per generare traffico. Ma la SEO è solo un aspetto di una campagna di Digital Marketing completa ed efficace. Il marketing digitale include il Web Marketing ma anche l’Email Marketing, le App e il Social Media Marketing. Un’agenzia di Digital Marketing in cui operano SEO Specialists, professionisti dell’ottimizzazione sui motori di ricerca, tenta ogni giorno di scalare la SERP di Google con tecniche in parte consolidate, ma messe in discussione continuamente dagli aggiornamenti dell’algoritmo del motore di ricerca più utilizzato nel mondo. La SEO richiede un lavoro di continua sperimentazione e aggiornamento professionale, ma alla lunga offre alle aziende risultati entusiasmanti, se praticata da esperti capaci di fare di un piano di Search Engine Optimization un progetto mirato e su misura per ogni target che il cliente si pone.

Parola chiave: Search Engine Optimization

Come funziona il processo di Search Engine Optimization? Se poniamo questa domanda a Google, tecnicamente formuliamo una query, il motore di ricerca mostrerà tra i primi risultati quelle pagine che sono meglio posizionate per tali criteri di ricerca. Secondo le statistiche circa l’87% del traffico generato da una query proviene dai primi 10 risultati mostrati. L’adozione di tecniche SEO è quindi indispensabile ai fini di un buon posizionamento del sito sui motori di ricerca, per ottenere le prime posizioni su Google. Quando a tale scopo ci si rivolge ad un’agenzia di SEO specialists, la prima fase consiste nell’analizzare attentamente il progetto per capire le potenzialità del settore, gli eventuali competitors e trovare la parola magica che corrisponda alla domanda dei potenziali clienti. Le parole magiche per un buon posizionamento SEO si chiamano keywords e vanno selezionate con cura in base volume di ricerca, rilevanza e concorrenza. Di fatto una campagna SEO non è efficace tanto quando pone una pagina web tra i migliori risultati di una ricerca ma piuttosto quando la pone prima dei suoi diretti competitors.

Non solo SEO, ma anche Social Media Marketing per un mondo in evoluzione

Molte delle aziende che operano con evidenti risultati si affidano ad agenzie di Digital Marketing che curano per loro grafica, contenuti, Web Design e Email Marketing. Ad un buon SEO ovvero l’incremento del ranking nei risultati gratuiti sui motori di ricerca è possibile affiancare un’eventuale campagna Adwords: una campagna per posizionarsi nei risultati a pagamento di Google. Ma sta diventando sempre più importante, in una buona campagna di Digital Marketing, attuare sui Social Media più popolari e con maggiore interazione di utenti come Instagram e Facebook, una campagna social costante e monitorata. Non sottovalutare l’impatto dei social sul proprio brand ed affidarsi ad un team di esperti anche per questo aspetto è una scelta che soprattutto negli ultimi anni si sta rivelando molto azzeccata e redditizia. Avere una buona gestione di un piano editoriale di pubblicazione, è un aspetto chiave per generare engagement con i propri follower, in altre parole interazione tra produttore e consumatore. Programmare una campagna di Digital Marketing vuol dire allestire la vetrina di un negozio, renderla visibile ed attraente e grazie al SEO, esporre sotto una luce speciale proprio ciò di cui il cliente ha bisogno in quel preciso momento.

CES 2020: smart home tra i tech trends di Las Vegas

Scritto da HiTechNews il . Pubblicato in Aziende, Tecnologia

Il Consumer Electronic Show – CES, in scena dal 7 al 10 gennaio a Las Vegas, è il principale evento internazionale nell’ambito dell’elettronica di consumo. L’importante manifestazione fieristica americana, quest’anno, vede, soprattutto, protagoniste le tecnologie legate alle smart home, al 5G e IoT (Internet of Things), oltre a importanti novità legate al delicati temi riguardanti la privacy digitale.

YESLY, la smart home interamente made in Italy

Finder, alla prima partecipazione all’evento e unica realtà italiana presente con un proprio stand all’interno della categoria Smart Home presenta, al mondo, YESLY e Bliss, sistemi tecnologici interamente made in Italy che permettono a chiunque di vivere confortevolmente in casa propria.

Entrambe le soluzioni sono state create per rendere ogni abitazione smart in pochi semplici e passi.

YESLY è il sistema di comfort living che permette, infatti, di automatizzare il funzionamento di luci e tapparelle/tende elettriche e di comandare il tutto tramite smartphone o appositi pulsanti wireless oppure attraverso la propria voce (si integra infatti con gli assistenti vocali di Google e Amazon, che rendono possibile anche il controllo da remoto). Per farlo è sufficiente installare un relè multifunzione o un dimmer bluetooth e poi scegliere i vari dispositivi del sistema in base alle proprie esigenze, senza lavori di ristrutturazione invasiva.

Bliss è, invece, la gamma per la termoregolazione civile di Finder, composta da un termostato e un cronotermostato wifi, dal design minimal e dall’utilizzo intuitivo, per avere il clima desiderato in tutti gli ambienti di casa, in ogni momento della giornata.

Il Consumer Electronic Show rappresenta, oggi, un’importante occasione di visibilità e partecipazione per pensatori e pionieri della tecnologia provenienti da ogni parte del mondo e, per Finder, rappresenta l’opportunità per raccontare a un pubblico variegato le potenzialità del comfort living di YESLY e Bliss.

Per maggiori informazioni visita: 

yesly.life

blissclima.com

Trustpass Mangrovia: potenzialità derivanti dall’utilizzo della tecnologia blockchain

Scritto da 20TaskForceItaly il . Pubblicato in Aziende, Tecnologia

Trascorsa la fase transitoria di maturazione della tecnologia e di consolidamento dei modelli distribuiti, blockchain e DLTs stanno ora trasformando in modo sempre più radicale i processi di gestione dei dati in un numero crescente di settori industriali, garantendo via via benefici sempre più tangibili e misurabili alle numerose realtà che hanno deciso di applicare le logiche di tecnologia decentralizzata al proprio business.


Al pari di altri ambiti già ampiamente esplorati, anche il settore del ticketing sta dunque iniziando a sfruttare le enormi potenzialità derivanti dall’utilizzo della tecnologia blockchain, con l’obiettivo di offrire un rinnovato approccio gestionale in grado di dimostrare più efficienza, migliore usabilità, totale affidabilità ed ampia garanzia delle prestazioni.

Mangrovia Blockchain Solutions, tra le più consolidate e riconosciute realtà europee attive nella progettazione e sviluppo di soluzioni di tecnologia decentralizzata, su richiesta di alcuni importanti clienti attivi nel settore del ticketing, ha deciso nei mesi scorsi di approcciare il tema in maniera organica e integrata, con l’obiettivo di definire un modello di applicazione della blockchain all’attività di vendita di biglietti e di gestione di eventi in grado non solo di garantire coerenza rispetto alle dinamiche gestionali esistenti su ecosistemi complessi, ma anche – e soprattutto – di produrre innovazione sostanziale in termini di affidabilità del dato, efficientamento dei processi ed abilitazione di nuove funzionalità per i diversi soggetti attivi sulla filiera.

Da questo approfondito percorso di analisi, sviluppo ed integrazione è quindi nata TrustPass, la soluzione targata Mangrovia che adotta le tecnologie distribuite per abilitare ecosistemi di ticketing trasparenti ed affidabili, utili a prevenire aumenti di prezzo incontrollati e meccanismi fraudolenti sul mercato secondario, e a gestire così processi di emissione, vendita, distribuzione, scambio e validazione dei biglietti più rapidi, sicuri ed efficienti.

L’affidabilità delle informazioni gestite tramite TrustPass è infatti garantita dall’utilizzo della tecnologia blockchain, che assicura stabilità, protezione ed immutabilità dei dati, e abilita pertanto automazione dei processi e completa sicurezza su tutte le fasi operative. Ne deriva per l’organizzazione la possibilità di gestire biglietti digitalizzati evoluti (o smart tickets), utili a garantire elevata usabilità e notevole efficienza, tramite cui abilitare nuovi modelli di gestione e di distribuzione, e proteggere così organizzatori, rivenditori, promotori ed acquirenti dal rischio di frodi o di violazioni della privacy.

La soluzione TrustPass ad esempio rende certa l’autenticità dei biglietti acquistati, eliminando così il rischio di frodi e garantendo il rispetto dei prezzi di vendita impostati dall’organizzazione emittente, anche sugli acquisti realizzati tramite rivenditori e terze parti. Conseguentemente, permette di abilitare in modo semplice e sicuro il libero scambio tra gli utenti dei biglietti (mercato secondario) all’interno di un ambiente controllato (marketplace), senza impattare in termini operativi sull’ente organizzatore.

Inoltre è in grado di migliorare ed efficientare la fruizione dei servizi da parte degli utenti, abilitando nuove modalità di conservazione del tagliando (ad esempio tramite dispositivi di wearable IoT), semplificando l’accesso agli eventi grazie alla riduzione dei tempi per il controllo e la validazione del biglietto ed alla conseguente eliminazione dei salti di fila, o introducendo funzionalità semplificate ed automazioni affidabili rispetto alla gestione dei pagamenti, dei rimborsi, della scelta del posto e delle interazioni con l’organizzazione.

Il modello di gestione decentralizzata del ticket adottato da TrustPass offre però ulteriori benefici all’organizzazione, permettendo infatti di acquisire big data sull’intera filiera di ingaggio e di fruizione dell’utente e favorire così processi di profilazione più raffinati e efficienti nel pieno rispetto delle norme GDPR e in totale integrazione con i propri sistemi informativi, oppure facilitando la gestione di iniziative di comunicazione diretta e di campagne affiliate e di marketing diretto, sconti e coupons, tessere associative e carte fedeltà, offerte combinate e last-minute, guest-lists, pass a consumo e stagionali.

In definitiva con la soluzione TrustPass, l’italiana Mangrovia ha saputo realizzare un completo framework decentralizzato in grado di garantire non solo massima affidabilità e innovazione sostanziale al settore del ticketing management, ma al contempo totale integrazione ed interoperabilità rispetto ai modelli tecnologici e ai sistemi gestionali esistenti.

FonteMangrovia.solutions

Luigi Lusuriello: le persone al centro della rivoluzione digitale

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Aziende, Tecnologia

Sì alla rivoluzione digitale, ma tenendo bene a mente la centralità delle competenze umane a supporto delle macchine: è la riflessione di Luigi Lusuriello, Chief Digital Officer del Gruppo Eni. Il manager ha sottolineato questo concetto anche all’annuale incontro Airi.

Luigi Lusuriello

Apporto umano e intelligenza artificiale: la riflessione di Luigi Lusuriello

“Per trasformare il potenziale della trasformazione digitale in un beneficio per l’azienda dobbiamo mettere le persone al centro. Solo con le persone al centro effettivamente riusciamo a estrarre beneficio dalle tecnologie digitali”: è la riflessione di Luigi Lusuriello, Chief Digital Officer di Eni. in occasione dell’incontro annuale Airi (Associazione Italiana per la Ricerca Industriale, fondata nel 1974), il manager ha avuto l’opportunità di partecipare ai lavori e riflettere sul futuro della digitalizzazione all’interno delle aziende. Secondo Airi, l’Intelligenza Artificiale sarà un motore dell’innovazione in tutti i settori, non solo in quelli più legati alla tecnologia ma anche in quelli tradizionali. Non bisogna però dimenticare che per programmare ed utilizzare efficacemente un nuovo macchinario, servono le competenze umane. Questa idea è condivisa in toto da Luigi Lusuriello. È inoltre utile considerare l’importanza di dare continuità al programma Industria 4.0, in modo da non compromettere il processo di digital transformation già in atto.

Luigi Lusuriello: la carriera del manager di Eni

Genovese, Luigi Lusuriello si laurea in Ingegneria Meccanica presso l’Università della sua città d’origine. Il suo percorso professionale inizia nel 1986 in Agip S.p.A., dove entra come progettista di strutture onshore e offshore e nella Direzione Ingegneria. In seguito alla nomina a Construction Yard manager per la sede di Ravenna, la sua carriera si apre a livello internazionale con l’incarico di Platform Manager in Congo. Dal 1994 al 1998 è invece Manager – Production and Maintenance Technologies per la sede di Crema. In seguito opera come Project Manager, Production Manager e Capo Distretto di Ortona, ricoprendo quest’ultima carica anche in Val D’Agri. Dopo aver concluso il suo percorso formativo con il “The Oxford Advanced Management and Leadership Programme”, rientra in Italia come Vice President incaricato del coordinamento gestionale in Kazakhstan – Karachaganak. Nel 2011 è Senior Vice President Programma Iraq, mentre in seguito diventa Executive Vice President Operations nel Gruppo Eni. Attualmente Luigi Lusuriello è Chief Digital Officer, figura di riferimento per il processo di trasformazione digitale.