Bel canto ed incanto liberty a Sorrento

Scritto da Noi per Napoli il . Pubblicato in Arte, Cultura, Musica, Spettacolo, Teatro

Musica nella terra del Tasso

Postato il giugno 11, 2018

L’Associazione Culturale Noi per Napoli presenta per sabato 30 giugno 2018 alle h.20.00 un nuovo appuntamento di Luoghi Storici e Musica,questa volta,dopo i recenti successi della ” Passeggiata liberty “al Teatro Sancarluccio A Napoli, in tour a Sorrento,nella splendida cittadina delle sirene,meta turistica internazionale, sempre in veste “Liberty “,il Recital lirico Bel canto ed incanto liberty” in collaborazione e presso lo storico” Circolo Sorrentino 1874″, autentico ” salotto d’epoca” che farà da raffinata e naturale cornice alle interpretazioni da “Belle époque ” degli artisti dall’Associazione Culturale Noi per Napoli ed artisti del teatro San Carlo Olga De Maio soprano,Luca Lupoli tenore,accompagnati al pianoforte dalla pianista Natalyia Apolenskaja, in un ricco repertorio che va dalle romanze da Salotto,all’operetta, fino alla canzone classica napoletana da salotto, tutti in abiti d’epoca e con gli interventi storici e curiosità narrati dalla voce del giornalista Giuseppe Giorgio, nei panni anche lui di un cronista dell’epoca liberty.

Gli artisti e la loro musica faranno rivivere i bei momenti e le emozioni di un’epoca magica di fin de siecle, proprio nella città di Sorrento che alla fine dell’800 ed agli inizi del nuovo secolo già si collocava come meta del turismo aristocratico insieme con le prestigiose città turistiche italiane e straniere .
All’inizio del XX secolo, negli anni della Belle Epoque, Sorrento era già pronta a rivaleggiare, grazie al prestigio dei suoi due piu antichi alberghi e all’opera del sindaco Tramontano e come esempio citiamo un brano che fara’ parte del repertorio eseguito dagli artisti nel loro recital, Torna a Surriento ,celebre melodia che l’ allora presidente-sindaco,proprietario del Grand Hotel Tramontano,al cui nome è legato il mito della canzone, composta dai fratelli De Curtis nel 1894, il 15 settembre 1902, quando volle che venisse eseguita in omaggio ad un ospite importante della città e dell’albergo, l’onorevole Giuseppe Zanardelli, Presidente del Consiglio dei Ministri del Regno d’Italia,cominciò il suo successo in tutto il mondo.

Un evento davvero unico che vale la pena non perdere, per godersi una serata in compagnia della musica e del canto di un’altra d’epoca in un’ambientazione davvero eccezionale, quale quella dello Storico Circolo Sorrentino 1874″ nella splendida Piazza Tasso a Sorrento!

Vi invitiamo numerosi e vi raccomandiamo di prenotare dato il limitato numero di posti !

*info e prenotazioni Associazione Culturale Noi per Napoli tel 3394545044 /3277589936

Email noipernapoliart@gmail.com sito web http://www.noipernapoli.it

Circolo Sorrentino 1874 Piazza Tasso Sorrento tel 081 8781022

Contributo associativo 13€

Per prenotazioni online si può inviare una mail all’indirizzo indicato ed allegare il pagamento del contributo effettuato a mezzo bonifico bancario intestato ad

Associazione Culturale Noi per Napoli Banca Unicredit Agenzia Napoli Nicolardi IBAN IT92E0200803483000102972804

indicando come causale concerto 30 giugno Sorrento ed il cognome dei prenotati .

Tickets online https://billetto.it/e/bel-canto-ed-incanto-liberty-biglietti-294849

https://youtu.be/Q3bDaWS9Y90

Teatrando di Paglia 2018

Scritto da amilcarepompei il . Pubblicato in Cultura, Locale, Musica, Spettacolo, Teatro

La Mabò Band, storico trio di ClownMusicisti, in collaborazione con i Comuni di Monte San Giusto ( MC ) e Montegranaro ( FM ) organizza la PRIMA EDIZIONE del Festival “teatrando di paglia”.

Venerdi 13 Sabato 14 e domenica 15 Luglio, sulle colline che uniscono Monte San Giusto e Montegranaro si alterneranno Grandi Ospiti tra Canzoni,Poesie,Concerti e momenti conviviali.
Il festival del “BuonStareInsieme” inizierà ogni giorno con il cammino verso i luoghi degli spettacoli che potranno essere raggiunti a piedi con le “passeggiate spettacolo” o con servizio navetta gratuito.

Tra gli Ospiti grande attesa per il Concerto del cantautore Tony Bungaro che farà tappa al festival con il tour “MareDentro” accompagnato dai suoi eccellenti musicisti ( sabato 14 Luglio nel Grande Teatro delle Balle di Paglia) , la genialità e l’ironia di Max Paiella voce della trasmissione di radio2 “il Ruggito del Coniglio”( domenica 15 Luglio ) , l’emozionante concerto con il M.stro Francesco Di Rosa ( primo Oboe dell’orchestra Santa Cecilia di Roma ) al tramonto di sabato 14 Luglio ed una intensa performance del giovanissimo scrittore/poeta Gio Evan.

Nei tre giorni si alterneranno nei “luoghi della paglia” 23 diverse esibizioni artistiche con la partecipazione della Junior Orchestra d’archi del Conservatorio e della Junior Band.
Concerti dal tramonto fino a notte inoltrata e persino un evento all’alba di Domenica 15 Luglio.
Tra gli ospiti anche  l’Orkestroska National ( venerdì 13 ) ed il cantautore Lucio Matricardi ” ( domenica 15 )
Le Passeggiate per raggiungere i luoghi degli spettacoli verranno animate da due importanti Compagnie italiane di Teatro di Strada : Acqualtateatro di Venezia e Piccolo Nuovo Teatro di Bastia Umbra con varie incursioni a sorpresa anche degli artisti presenti nel programma.

Street Food, Castello di Paglia per i Bambini e degustazioni di eccellenti vini della zona faranno da cornice al Festival insieme alle Osservazioni Astronomiche guidate da Molisella Lattanzi dell’associazione Nemesis Planetarium.

Tutti i momenti di spettacolo e le passeggiate saranno guidate dall’ironia  e la verve del trio Mabò Band.

L’ingresso giornaliero è di 10€ – ragazzi fino a 13 anni Gratuito –

possibilità di abbonamento al costo di 20€ con l’acquisto del “Braccialetto Teatrando di Paglia 2018”

Per tutti i dettagli e le info :
www.facebook.it/teatrandodipaglia

Luoghi Storici e Musica nella terra del Tasso

Scritto da Noi per Napoli il . Pubblicato in Arte, Cultura, Musica, Turismo

L’Associazione Culturale Noi per Napoli presenta per sabato 30 giugno 2018 alle h.20.00 un nuovo appuntamento di Luoghi Storici e Musica,questa volta,dopo i recenti successi della ” Passeggiata liberty “al Teatro Sancarluccio A Napoli, in tour a Sorrento,nella splendida cittadina delle sirene,meta turistica internazionale, sempre in veste “Liberty “,il Recital lirico Bel canto ed incanto liberty” in collaborazione e presso lo storico” Circolo Sorrentino 1874″, autentico ” salotto d’epoca” che farà da raffinata e naturale cornice alle interpretazioni da “Belle époque ” degli artisti dall’Associazione Culturale Noi per Napoli ed artisti del teatro San Carlo Olga De Maio soprano,Luca Lupoli tenore,accompagnati al pianoforte dalla pianista Natalyia Apolenskaja, in un ricco repertorio che va dalle romanze da Salotto,all’operetta, fino alla canzone classica napoletana da salotto, tutti in abiti d’epoca e con gli interventi storici e curiosità narrati dalla voce del giornalista Giuseppe Giorgio, nei panni anche lui di un cronista dell’epoca liberty.

Gli artisti e la loro musica faranno rivivere i bei momenti e le emozioni di un’epoca magica di fin de siecle, proprio nella città di Sorrento che alla fine dell’800 ed agli inizi del nuovo secolo già si collocava come meta del turismo aristocratico insieme con le prestigiose città turistiche italiane e straniere .
All’inizio del XX secolo, negli anni della Belle Epoque, Sorrento era già pronta a rivaleggiare, grazie al prestigio dei suoi due piu antichi alberghi e all’opera del sindaco Tramontano e come esempio citiamo un brano che fara’ parte del repertorio eseguito dagli artisti nel loro recital, Torna a Surriento ,celebre melodia che l’ allora presidente-sindaco,proprietario del Grand Hotel Tramontano,al cui nome è legato il mito della canzone, composta dai fratelli De Curtis nel 1894, il 15 settembre 1902, quando volle che venisse eseguita in omaggio ad un ospite importante della città e dell’albergo, l’onorevole Giuseppe Zanardelli, Presidente del Consiglio dei Ministri del Regno d’Italia,cominciò il suo successo in tutto il mondo.

Un evento davvero unico che vale la pena non perdere, per godersi una serata in compagnia della musica e del canto di un’altra d’epoca in un’ambientazione davvero eccezionale, quale quella dello Storico Circolo Sorrentino 1874″ nella splendida Piazza Tasso a Sorrento!

Vi invitiamo numerosi e vi raccomandiamo di prenotare dato il limitato numero di posti !

*info e prenotazioni Associazione Culturale Noi per Napoli tel 3394545044 /3277589936

Email noipernapoliart@gmail.com sito web http://www.noipernapoli.it

Circolo Sorrentino 1874 Piazza Tasso Sorrento tel 081 8781022

Contributo associativo 13€

Per prenotazioni online si può inviare una mail all’indirizzo indicato ed allegare il pagamento del contributo effettuato a mezzo bonifico bancario intestato ad

Associazione Culturale Noi per Napoli Banca Unicredit Agenzia Napoli Nicolardi IBAN IT92E0200803483000102972804

indicando come causale concerto 30 giugno Sorrento ed il cognome dei prenotati.

Ruggero e la sua “Canzone in la”

Scritto da Giulio Berghella il . Pubblicato in Musica

in radio il “tormentone” estivo per sentirsi liberi 

Scrivere una canzone non è mai facile, scrivere una bella canzone ancor meno. “Canzone in la” descrive la continua lotta contro l’ispirazione, una bestia crudele che arriva inesorabile e ti mette continuamente alla prova. Essere artisti non significa necessariamente essere sempre pronti a contrastarla. Talvolta però riesci a fare pace con te stesso, a prendere l’ansia per le corna e a ballarci insieme. E scopri che basta un’atmosfera spensierata e una sonorità anni Ottanta per sentirti libero, per sentirti al mare. Scopri che basta semplicemente una “canzone in la”. 

Ruggero, al secolo Filippo Lazzari, nasce a Cremona il 3 gennaio 1993. Sin da piccolo dimostra una grande passione per la musica con un’ attitudine al canto. All’età di 12 anni frequenta un corso di chitarra classica, per poi abbandonare e dedicarsi personalmente allo studio dello strumento. In quegli anni inizia a comporre le sue primissime canzoni. A 19 anni, dopo aver conseguito il diploma di liceo scientifico si trasferisce a Firenze per frequentare l’università. Contestualmente approccia da autodidatta il pianoforte per poi prendere lezioni, qualche anno dopo, dal maestro Walter Savelli. Parallelamente agli studi universitari comincia a farsi notare esibendosi dal vivo in alcune feste private ed allo storico “Paszkowsky” di Firenze. Nel 2015 è la voce delle tappe toscane del tour del batterista internazionale Will Hunt, insieme alla band “Ossigeno”. Nel 2016 è ideatore e promotore dello spettacolo di beneficenza presso il teatro-cinema Sala Esse dal titolo “L‘isola che c’è”, che ha totalizzato il tutto esaurito. Contestualmente scrive e pubblica “Sassi turchini”, canzone che tratta il tema della disabilità. Da qualche anno anima molti locali della Versilia con il suo pianobar. Il 25 novembre 2017 fa uscire il suo primo singolo intitolato “Il mio giorno fantastico” ( https://youtu.be/sLqAbrbeJf4 ). Il 17 febbraio 2018 esce il suo secondo singolo, dal titolo “La mia bambina” (https://youtu.be/ORzJpgBHIgE).

Il nuovo singolo si intitola “CANZONE IN LA”: ha un sapore tipicamente estivo con sonorità anni Ottanta.

https://www.facebook.com/lagentemichiamaruggero/?ref=bookmarks
https://www.instagram.com/spesso_ruggero/

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play
promoradio@dcodcommunication.it
promostampa@dcodcommunication.it

Bel canto ed incanto liberty al Borgo di Chiaia

Scritto da Noi per Napoli il . Pubblicato in Arte, Cultura, Musica, Spettacolo

Il 2 giugno, nel giorno della Festa della Repubblica, il bel Borgo di Chiaiaha fatto di nuovo un viaggio nel tempo, ritornando a circa un secolo e mezzo indietro nel quartiere d’eccellenza del liberty napoletano tra gli edifici del Parco Margherita, Piazza Amedeo l’hotel Eden,Via dei Mille con il Mannajuolo ed il primo Palazzo liberty di Napoli Acquaviva Coppola, sede del gioiellino e prestigioso Teatro napoletano Sancarluccio, con l’Associazione culturale Noi per Napoli ed i suoi artisti- ideatori il soprano Olga De Maio ed il tenore Luca Lupoli nel secondo appuntamento del format Luoghi Storici e Musica passeggiata tra liberty e bel canto in collaborazione con Inscena Nuovo Teatro Sancarluccio.


La proposta prevede appunto una bellissima passeggiata guidata tra gli eleganti ed affascinanti Palazzi liberty ed il Recital lirico dei due artisti sopra menzionati al Teatro Sancarluccio, situato proprio nel Palazzo Acquaviva Coppola.

A Napoli è principalmente l’architettura a risentire della corrente che tra fine Ottocento ed inizi Novecento si sviluppò in Italia con il nome ” Floreale” o Liberty,dal nome di una storica azienda londinese,produttrice di articoli di arredamento in stile di arredamento, in Europa con il nome di Art Noveau in Francia, modernismo in Spagna, Jugendstil in Germania: quartieri di nuova urbanizzazione tra il 1900 ed il 1920 della città partenopea sulle colline del Vomero,Posillipo,Via Palizzi, Parco Margherita ed il Borgo di Chiaia si arricchiscono di ville,palazzetti,palazzi dove nei motivi ornamentali spiccano materiali quali ferro battuto,vetri,torri,pilastri,utilizzo di stucchi,motivi floreali,le forme curve del cemento.

L’itinerario della passeggiata guidata realizzata in questo appuntamento di Luoghi Storici e Musica ha visto dunque i visitatori ammirare queste affascinanti costruzioni ed architetture,testimoni della Napoli di un tempo in cui nascevano anche dei celebri capolavori musicali come À vucchella, Marechiare di grandi poeti e musicisti dal respiro non solo autoctono ma internazionale come Di Giacomo, Tosti, D’ Annunzio, oppure nei salotti aristocratici noveaux si ascoltava la celebre melodia di Leoncavallo La Mattinata e ed in quelli austriaci note di Tace il labbro o Tu che m’hai preso il cuor ed imperante sempre le note verdiane di Traviata con il Brindisi …

intreccio di mondi e panorami hanno fatto sognare chi ha partecipato a questo Evento in cui gli artisti Olga De Maio e Luca Lupoli,soprano e tenore, accompagnati al pianoforte da Nataliya Apolenskaja, con le preziose note e racconti di Giuseppe Giorgio, nei panni di un giornalista dall’epoca in abito d’epoca,hanno eseguito tutte queste melodie che ancora oggi piacciono a tutte le generazioni, in una cornice davvero graziosa che riproduceva un salotto proprio di fin de siecle!

Apprezzatissima la guida che collabora con L’Associazione Culturale Noi per Napoli Alessandro Ricciardi nelle sue precise ed esaurienti ” spiegazioni ” durante la passeggiata guidata.

Un evento che adesso si snoderà attraverso altre varie tappe
n via di definizione il Maschio Angioino per poi fare tappa in terra sorrentina, presto poi tutti gli aggiornamenti al riguardo.

Per tutti i programmi ed aggiornamenti vi consigliamo di seguirci sulla nostra pagina Facebook https://www.facebook.com/AssociazioneNoiPerNapoli/

http://www.noipernapoli.it

https://youtu.be/Q3bDaWS9Y90

“Plastica” la malata frenesia di un meccanismo cinico

Scritto da Giulio Berghella il . Pubblicato in Musica

Gli Ummo tornano in radio con un singolo che anticipa l’uscita del nuovo album 

Le nostre emozioni, i nostri corpi e le passioni  sono diventate di Plastica Riciclati in ogni momento per essere riutilizzati in maniera fredda e vuota. Calpestati e schiacciati come della Plastica al macero. Nessuno più è disposto a donarsi realmente, a combattere per l’unicità della nostra anima.
Veniamo presi e gettati via come nulla fosse, come Plastica. Ridotti a oggetti da depositare  in un cassonetto per il riciclo. E poi di nuovo, all’infinito.
La malata frenesia di un meccanismo cinico che “fotte” la nostra mente distruggendola a colpi di ansia. Ansia per qualsiasi cosa, ansia per essere diventati di Plastica.
Unica soluzione: dire basta a tutto, non credere più a nulla, resettare la nostra vita e iniziare davvero ad amare noi stessi. Ognuno è speciale a suo modo e se la persona al tuo fianco non lo comprende… fottitene e mandala via!

Gli Ummo si ripresentano con un brano forte e coinvolgente,  per aprire la strada ad un nuovo album  in arrivo pieno di sorprese.  Tanto rock e tanta maturità artistica e compositiva.

Gli UMMO nascono nel Dicembre del 2012. Il 25 dicembre 2014 pubblicano il primo album omonimo che ha dato inizio al Contact Tour  2015 che li ha visti protagonisti in piazze e live club italiani.
Grazie al successo dei primi due singoli “Destino” e “Malinconia”, nel Gennaio 2016 esce nelle radio il terzo singolo della band “Sindrome”, riscontrando subito critiche positive da parte del pubblico e degli addetti ai lavori e aggiudicandosi la vittoria in vari contest radiofonici nazionali.
Nel 2016 parte anche il Manicomio Tour. Inoltre il gruppo è stato scelto come band d’apertura ufficiale dei concerti del rocker italiano Pino Scotto con i Rocky Horror.
A Novembre del 2016 inizia una collaborazione artistica con il Direttore d’orchestra Maria Gabriella Ciaffarini e l’ensamble orchestrale Sinergie D’arte. I brani degli UMMO vengono rivisitati in chiave classica durante un’importante rassegna barocca (Barock). Questo esperimento ha dato vita ad un progetto più grande: 413.44 MHz Tour.
Nella rinomata rassegna musicale Estatica 2017 gli UMMO sono stati accompagnati da un’orchestra di musica classica di venti elementi e dal gran coro polifonico (Le Voci Del Borgo) per uno spettacolo sold out.
Il Manicomio Tour si protrae anche nella prima metà del 2017 con la ristampa del primo cd.
A Maggio del 2017 gli Ummo vengono selezionati per la finale della trentesima edizione di Sanremo Rock. A luglio 2017 esce nelle radio il quarto singolo della band: “Consumami”.
Videoclip del singolo in anteprima nazionale su TvSorrisi & Canzoni.
A settembre 2017 il gruppo entra nello Busker Studio a Reggio Emilia (Ligabue-Rio- Emma Marrone-Blastema-Cristiano De Andrè-Zucchero e molti altri) per registrare il loro nuovo album dalle sonorità rock più anni novanta ma senza rinnegare quella vena elettronica che li ha sempre caratterizzati.
Da gennaio 2018 inizia il Plastica Tour che vedrà la band ancora in giro per lo stivale nell’attesa dell’uscita del nuovo album

Sono pronti ad affrontare un tour europeo che toccherà Austria, Repubblica Ceca, Slovacchia e Ungheria nei prossimi mesi di Settembre/Ottobre.

https://www.facebook.com/ummoofficial
http://www.ummoband.com

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play
promoradio@dcodcommunication.it
promostampa@dcodcommunication.it

Teatrando di Paglia 2018

Scritto da amilcarepompei il . Pubblicato in Cultura, Musica, Spettacolo, Teatro

La Mabò Band, storico trio di ClownMusicisti, in collaborazione con i Comuni di Monte San Giusto ( MC ) e Montegranaro ( FM ) organizza la PRIMA EDIZIONE del Festival “teatrando di paglia”.

Venerdi 13 Sabato 14 e domenica 15 Luglio, sulle colline che uniscono Monte San Giusto e Montegranaro si alterneranno Grandi Ospiti tra Canzoni,Poesie,Concerti e momenti conviviali.
Il festival del “BuonStareInsieme” che inizierà ogni giorno con il cammino verso i luoghi degli spettacoli che potranno essere raggiunti a piedi con le “passeggiate spettacolo” o con servizio navetta gratuito.

Tra gli Ospiti grande attesa per il Concerto del Cantautore Tony Bungaro che farà tappa al festival con il suo tour “MareDentro” accompagnato dai suoi eccellenti musicisti ( sabato 14 Luglio nel Grande Teatro delle Balle di Paglia) , la genialità e l’ironia di Max Paiella voce della trasmissione di radio2 “il Ruggito del Coniglio”
( domenica 15 Luglio ) , l’emozionante concerto con il M.stro Francesco Di Rosa ( primo Oboe dell’orchestra Santa Cecilia di Roma ) al tramonto di sabato 14 Luglio ed una intensa performance del giovanissimo scrittore/poeta Gio Evan.

Nei tre giorni si alterneranno nei “luoghi della paglia” 23 diverse esibizioni artistiche con la partecipazione dell’Orchestra d’Archi del Conservatorio e della Junior Band.
Poi concerti con l’Orkestroska National ( venerdì 13 ) ed il cantautore Lucio Matricardi che insieme alla sua band presenterà l’album “Sogno Protetto” ( domenica 15 )

Street Food, Castello di Paglia per i Bambini e degustazioni di eccellenti vini della zona faranno da cornice al Festival insieme alle Osservazioni Astronomiche guidate da Molisella Lattanzi dell’associazione Nemesis Planetarium.

Tutti i momenti di spettacolo e le passeggiate saranno guidate dall’ironia  e la verve del trio Mabò Band.

L’ingresso giornaliero è di 10€ – ragazzi fino a 13 anni Gratuito –

possibilità di abbonamento al costo di 20€ con l’acquisto del “Braccialetto Teatrando di Paglia 2018”

Per tutti i dettagli e le info :
www.facebook.it/teatrandodipaglia

FRANCESS: “SUBMERGE” è il nuovo singolo dell’artista italo-giamaicana estratto dall’omonimo album

Scritto da Laura Ruggeri il . Pubblicato in Musica

L’oceano diventa metafora in un musica, in un trionfo melodico che combina a perfezione pop, blues e soul.

“Submerge” è il brano che dà il titolo all’album. L’atmosfera creata dall’arrangiamento ha guidato la scrittura del testo portando la cantante a riflettere su quella sensazione di impotenza che a volte si prova di fronte all’enormità della vita e che come un’onda ci sommerge.

«Ho raccontato l’esperienza di questo “dolce naufragar” descrivendo l’oceano prima come un re imponente e severo e poi come un accogliente ventre materno». Francess

Sul nuovo album:

«Fare musica è l’unico modo che conosco per esplorare e cercare di capire me stessa e il mondo. Sono circa otto anni che, seguita dalla squadra di Sonic Factory, cerco un’identità e il mio posto nel panorama musicale. Grazie a questa collaborazione ho avuto lo spazio, il tempo e il sostegno per crescere artisticamente e professionalmente. Ogni disco rappresenta una tappa di questo percorso: lo studio di registrazione e poi il palco sono i luoghi in cui mi viene data l’opportunità di raccontarlo». Francess

ETICHETTA: SONIC FACTORY

Radio date: 13 aprile 2018

Pubblicazione album: 4 maggio 2018

BIO

“… there’s a feeling that I get from you” : chi per la prima volta sente la voce di Francess, sarà indelebilmente segnato nel proprio subconscio musicale. Un effetto del genere non si può né progettare né creare. La venticinquenne Francess rapisce l’anima con disarmante semplicità. È un dono.

Fin dall’inizio Francess, nome d’arte di Francesca English, vive in un mondo multiculturale, un particolare che influenzerà la sua musica in modo sostanziale. Nata nel 1989 a New York, figlia di padre giamaicano e madre Italiana, ha sempre posto l’arte e la musica al centro della sua vita: “Mi sono avvicinata alla musica da piccola… con una chiara tendenza a tutto ciò che è jazz, blues, soul, o che comunque affondi le radici nella cultura afroamericana …. mia nonna mi cantava le ninna nanne gospel quindi non poteva essere altrimenti …”.

Non solo musica; la sua gioventù è temporaneamente legata ad altre forme d’arte: frequenta prima il liceo artistico, poi l’Accademia di Belle Arti, ed infine lavora presso lo studio di uno scultore. Sono i produttori Mauro Isetti ed Egidio Perduca di Sonic Factory che riescono a riportarla alla musica grazie ad una fortissima intesa reciproca ed un intenso feeling artistico.

In questi anni il team si è concentrato sulla scrittura di brani originali di respiro internazionale, con sonorità pop blues soul, nei quali la calda voce di Francess si unisce al “sound mainstream” degli arrangiamenti. Man mano che il lavoro produttivo dava i suoi frutti i brani venivano proposti riscontrando un notevole successo tra il pubblico e tra gli addetti ai lavori. Francess ha vinto nel 2012 il Canevel Music Lab prestigiosissimo concorso italiano dedicato alla musica di qualità. Il concorso, che ha visto più di 500 iscritti, si è concluso al Teatro Nuovo di Verona e la giuria di qualità ha decretato Francess vincitrice del premio con il brano “Notes and words”; il tutto in un contesto musicale ed artistico di altissimo livello. Media partner della manifestazione è stata Radio Rai Uno che ha programmato il brano sul primo canale radiofonico italiano.

In campo discografico la produzione ha iniziato a muoversi sul fronte internazionale instaurando importanti contatti con Germania e Stati Uniti.

Interessante anche il riscontro che l’artista ha avuto in territorio francese: i singoli “Notes and words” e “The other half of me” nell’anno 2013 sono stati programmati da oltre 70 emittenti radiofoniche.

Il 2013 si chiude con Francess protagonista nelle musiche del film “Beyond Love” di Silvio Alfonso Nacucchi essendo autrice delle sei canzoni della colonna sonora ed interprete di due di esse.

Il 2014 vede l’importante accordo con Alberto Margheriti di Smilax Publishing per il lancio del primo album. Il team di produzione Isetti & Perduca di Sonic Factory ha infatti lavorato su 10 canzoni che presentano Francess da angolazioni diverse, facendo in modo che la raffinatezza degli arrangiamenti non perda mai di vista la forza commerciale dei brani. Il titolo del disco è APNEA.

I testi sono stati scritti interamente dall’artista – una conferma che il talento di Francess si esprime in vari modi.

Al primo impatto la personalità di Francess appare tutt’altro che estroversa: schiva, riservata, tranquilla, finché non si trova davanti a un microfono: già dalla prima nota avviene una metamorfosi profonda. E’ affascinante

Nel 2016 esce il disco A BIT OF ITALIANO, una raccolta di brani della tradizione musicale italiana riarrangiati e tradotti in inglese. Il progetto è nato dall’orgoglio per la cultura italiana e la voglia di rendere omaggio ad alcuni dei nostri grandi artisti. Il disco contiene anche un inedito chiamato GOOD FELLA che unisce le due lingue e le due culture di Francess. Oltre ad essere un’importante tappa nel suo percorso di crescita artistica e professionale, questo progetto permette a lei e alla squadra Sonic Factory di iniziare un’importante collaborazione con l’orchestra del Teatro Carlo Felice di Genova. Con la regia di Paolo Micai, Francess, insieme all’orchestra, ha l’opportunità di girare il videoclip di Ma se ghe penso (M.Cappello) sul prestigioso palco del teatro. Grazie a questo bellissimo brano della cultura genovese, Francess conquista il pubblico ligure accompagnata dalla sua band e il quartetto d’archi del Carlo Felice in una serie di concerti estivi in cui la musica tradizionale e le sonorità moderne si incontrano sullo stesso palco.

Contatti e social

Facebook www.facebook.com/FrancessItalia/

Instagram www.instagram.com/francess_italia/

www.francess.eu

Sito Etichetta: www.sonicfactory.it

VERONIKA “NON CI SARÒ” è il nuovo singolo della cantautrice pop finalista di Area Sanremo 2018

Scritto da Laura Ruggeri il . Pubblicato in Musica

Dopo l’esperienza ligure arriva un brano caratterizzato da un sound electro-pop che mischia il classico all’elettronico.

Il pezzo, registrato allo studio Q dei Pooh a Milano con gli esperti Alberto Roveroni e Antonio Nappo, vanta la collaborazione di musicisti come Phil Mer, Lucio Enrico Fasino, Kenneth Bailey e Fulvio Sigurtá. Gli arrangiamenti di “Non ci sarò” sono di Phil Mer, uno dei più famosi batteristi italiani, figlio di Red Canzian.

Il testo, scritto da Veronika in collaborazione con l’autore romano Fabrizio Sparta, parla di una storia d’amore che, continuando nel tempo tra abitudine e ipocrisia, è poi svanita lasciando la cenere di un fuoco spento.

«Purtroppo spesso gli occhi non vedono, oppure non vogliono vedere, così ci si può perdere in una relazione che in realtà è già finita da tempo e si trascina a stento nella quotidianità. Noi donne spesso abbiamo un campanello d’allarme che ci viene in aiuto in queste situazioni, ma bisogna ascoltare sé stessi, fidarsi del proprio intuito, aprire gli occhi e prendere atto della realtà che stiamo vivendo, così si può magari migliorare e cambiare la vita in meglio. Ci sono però persone così attaccate alla propria quotidiana monotonia relazionale che non si accorgono della stessa e, un’ occhio esterno magari di un amico fidato, può essere d’aiuto per allargare la propria visione delle cose.» Veronika

Il videoclip porta l’occhio dentro luoghi esterni ed interni quasi come a voler creare un contrasto, tra passato e presente, tra ricordi e realtà. Il finale sottolinea il cambiamento e anche l’unica certezza del futuro.

Radio date: 27 aprile 2018

Autoproduzione

Bio

Veronica Di Lillo, in arte “Veronika”, è una cantautrice e cantante pop. Si esibisce dal vivo con diverse formazioni per eventi di qualsiasi genere, dalle convention alle sfilate, dagli eventi fieristici agli eventi privati.

Veronika ha cantato in Friuli, Veneto, Trentino, Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Lazio, Svizzera, Slovenia…

Insegna canto moderno (metodo Vocal Care) in diverse scuole di musica e attua progetti musicali per la scuola primaria e per la scuola dell’infanzia. Inizia a studiare canto a 9 anni, Jessica Da Re diventa la sua insegnante. A 15 anni comincia a scrivere testi di canzoni e nel 2009, grazie al suo brano “La stanza dei non so”, consegue la vincita di alcune lezioni con la vocal- coach Danila Satragno al concorso “Il tuo canto libero”.

Ha preso parte al tour per la promozione del libro “Non chiedermi come sto ma dimmi cosa c’è fuori”, raccolta di foto e testimonianze di giovani pazienti del C.R.O. di Aviano. Il concerto per l’inaugurazione dell’Area Giovani è stato presentato in un servizio in onda su Rai Uno.

Veronika ha conseguito attestato di merito alla BIMM di Londra. Si è laureata in canto popular al conservatorio di Cuneo. Ha cantato come ospite al Festival Show, in eventi di Radio Birikina, Casa Sanremo 2017-2018, Casinò Perla, Fiera di Verona, ha duettato con Dennis Fantina, i Sonohra ed ha registrato i cori per Amici di Maria de Filippi 2017.

“Non ci sarò” e “Meglio sola” sono due dei tre singoli composti da Veronika con arrangiamenti di Phil Mer. Ogni brano racconta un’esperienza personale vissuta, in cui il pubblico può rispecchiarsi e rivivere quella sensazione, quel momento, della propria vita. Su richiesta del Burlo di Trieste, ha interpretato “La vita è qui”, brano composto da Christian Rigano accompagnato da un videoclip su Youtube. Veronika dopo aver superato diverse selezioni, è arrivata tra i finalisti di Area Sanremo 2018.

Contatti e social

Facebook www.facebook.com/veronikadilillo/

Instagram www.instagram.com/veronika91/

Youtube www.youtube.com/channel/UCEsx14HmOwKhtm2fq32C0Nw

Itunes
itunes.apple.com/…/al…/non-ci-sarò-single/1365501908

Spotify
open.spotify.com/album/5n2dNns16KxUh7ZsyK3u7r…

Google Store:
play.google.com/store/music/album…
Amazon:

www.amazon.it/…/B07BS39BF9/ref=cm_sw_r_wa_awdb_c_e0…

HORUS BLACK: “THE MARCH OF HOPE” è il primo singolo estratto dall’album d’esordio “SIMPLY”

Scritto da Laura Ruggeri il . Pubblicato in Musica

Epiche atmosfere che richiamano il Bolero, annunciano un brano tramite il quale il giovanissimo cantautore genovese lancia un messaggio di speranza e di positività.

“The March of hope” è un pezzo dall’anima contrastante: nelle due strofe iniziali infatti la situazione appare tetra immersa nell’oscurità e nel buio, tutto però si risolve nel ritornello che recita “se ci proverai scoprirai che tutto ciò che ti serve è avere un po’ di speranza” traghettandoci verso una condizione emotiva più tranquilla e rasserenante.

Musicalmente il brano è ardito sia da un punto di vista armonico che di arrangiamento, ardore che raggiunge il suo massimo picco nei ritornelli aperti e carichi di vitalità.

L’idea di incidere un album (intitolato “Simply”) è sorta dopo 2 o 3 anni di scrittura dai quali sono stati tratti i brani più forti. Le influenze principali derivano da un ventennio storico-musicale che parte dalla seconda metà degli anni ’50 fino alla prima metà dei ’70, in particolare da cantanti e band come Elvis Presley, Jerry Lee Lewis, Tom Jones, i Rolling Stones, I Turtles, i Memphis Hornes, i Doors, i Led Zeppelin, i Queen (soprattutto del primo periodo). Vari stili (rock’n’roll, ballate, funk, rock psichedelico, influenze classiche) si fondono per dar luce ad un risultato del tutto contaminato e convincente.

ETICHETTA: SONIC FACTORY

Radio date: 13 aprile 2018

Pubblicazione album: 11 maggio 2018

BIO

Riccardo Sechi nasce a Genova l’8 maggio 1999 in una famiglia di musicisti: madre e padre violinisti e nonno trombettista, tutti e tre professionisti ed esercitanti la professione al teatro Carlo Felice di Genova. Fin da piccolo vive in mezzo alla musica e si avvicina piccolissimo al violino, strumento che abbandonerà per poi riprendere in seguito in alcuni periodi tra elementari e medie, ma senza avere mai intenti troppo seri. Sta di fatto che la sua prima esibizione dal vivo la fece proprio suonando il violino. Negli anni delle medie ascolta, influenzato da un compagno di classe, molta musica di Fabrizio De Andrè, ma l’incontro musicale determinate avverrà più tardi, tra la terza media e la prima superiore, quando a bordo della macchina di famiglia arriva un cd contenenti i maggiori successi di Elvis Presley. Da quel momento la passione per il genere aumenta sempre di più fino alla scoperta dei più grandi della musica, soprattutto nel genere del rock. Ovviamente ascoltare non basta, si deve anche suonare! Da autodidatta impara a suonare chitarra, pianoforte ed ukulele, dall’età di 15 anni si dedica allo studio del canto con impostazione classica ed inoltre, a partire dallo stesso periodo, inizia anche a comporre, affiancato specialmente dal padre, coautore di tutti i suoi brani. Dal 2015 inizia ad esibirsi dal vivo, riunendo intorno a se una band a partire dall’anno 2017. Il nome d’arte Horus deriva da un episodio singolare: suo nonno materno infatti, appassionato di antico Egitto, offrì un ingente somma in denaro affinché il pargolo venisse chiamato Horus anzi che Riccardo. Evidentemente le cose non sono andate così, ma in un modo o nell’altro Horus sarebbe stato presente! E’ proprio con questo nome, Horus Black, che nel 2018 viene pubblicato il suo primo album.

Contatti e social

Facebook www.facebook.com/Horus-308536582995583/

Instagram www.instagram.com/horus_black