La sindrome di Kessler: la cruda realtà quotidiana nel nuovo video La prossima infezione

Scritto da blob agency il . Pubblicato in Musica

Ad un anno dall’esordio la band romana si prepara all’uscita del secondo disco, anticipato dalla promozione del nuovo singolo-videoclip: uno spaccato crudo e diretto della macabra realtà che ci circonda.

Genere: indie rock / grunge / alternative rock / garage

Etichetta: Autoproduzione

Dopo l’anteprima esclusiva su Shiver Webzine, esce ufficialmente La prossima infezione, il nuovo video de La sindrome di Kessler.

La tematica affrontata nel video riguarda il rapporto umanità/disumanità, un gioco di specchi che serve a ricordarci come siamo e con chi abbiamo a che fare: noi stessi e i nostri simili, i contorti meccanismi sociali, gli input/obblighi offerti/imposti dalla modernità, la schiavitù tecnologica, spesso autoinflitta, orrori e meraviglie e tutto quanto possa far cadere in un vortice di disorientamento e annichilimento. Recinzioni e barriere da cui dobbiamo liberarci per ritrovare una più equilibrata dimensione umana, di cui, lentamente, pare ci stiamo dimenticando.

Così recita la canzone nel suo incipit: “Ed ora che hai scoperto che è tutta una finzione, ammirerai la posa di un’altra recinzione?”

Interpretato da Mark Zao – protagonista estremo e distorto che incarna la “folle voracità” del presente facendosi simbolo del rutilante mondo in cui viviamo – questo videoclip, crudo e diretto come solo la realtà sa essere, consolida ormai la collaborazione e l’amicizia con il regista Idio, siglando il terzo lavoro consecutivo con la band dal 2015.

La sindrome di Kessler è tornata dal vivo a Roma il 14 gennaio in una data split con la band capitolina La salamandra presso il locale Defrag.

Band:

Antonio Buomprisco: Voce-chitarra
Canio Giordano: Chitarra-voce
Sancio: Basso
Luca Mucciolo: Batteria

Credits

Regia, fotografia, montaggio: Idio
Sceneggiatura: Idio e Lsdk
Protagonista: Mark Zao

Contatti:

Mail: lsdkessler@gmail.com
Fb: La sindrome di kessler
YouTube: La sindrome di Kessler
www.facebook.com/BlobAgency
antipop.project@gmail.com

#Sanremo2017: Antonio Cospito ci parla di tutti gli eventi collaterali al Festival.

Scritto da Rete Cattolica il . Pubblicato in Musica, Opinioni / Editoriale, TV

Il Festival di Sanremo è accompagnato da una serie di eventi collaterali, coordinati dal Comune, che porteranno musica, incontri e intrattenimento in tutta la città. Manifestazioni a volte riservate agli addetti ai lavori, ma spesso aperte ai fan e ai curiosi che nei giorni della kermesse invaderanno il centro, dalla mattina a notte fonda.

Piazza Colombo. Ospita il palco principale su cui si esibiranno artisti di Area Sanremo e tanti cantanti locali, ogni pomeriggio dalle 17 alle 19,30 da martedì a sabato.

Piazza Eroi Sanremesi. Nell’angolo Siro Carli sarà ricavata la seconda location musicale fuori-Ariston, un palchetto «acoustic stage», da giovedì a sabato, con concerti previsti dalle 16 alle 18,30.

Piazza Bresca. È qui il terzo e ultimo palco musicale, dove si esibiranno tanti artisti e dove, tra l’altro, sarà realizzata una illuminazione particolare.

Palazzo Nota. Il museo civico cittadino, di recente inaugurato, ospita una mostra fotografica sul Festival, con tanti scatti delle passate edizioni.

Forte di Santa Tecla. Per la prima volta (è stato inaugurato lo scorso luglio dopo la prima tranche di restauri) anche il Forte sanremese diventa una location festivaliera. Ospiterà eventi e dirette curate da Radio 2, oltre alla mostra dedicata a Claudio Villa.

Porto Vecchio. A due passi dal centro, nella cornice sul mare, ci sarà il «villaggio radio», con tante postazioni di stazioni radiofoniche italiane che seguono il Festival e durante la settimana propongono interviste e musica.

Palafiori. Casa Sanremo che festeggia la sua decima edizione e per l’apertura, domenica 5 Febbraio 2017 alle 18, è attesa Elisabetta Gregoraci a tagliare il nastro.

Villa Ormond ospita due popolari trasmissioni Rai a Sanremo durante il Festival: il “Dopofestival” e “La Vita in diretta”.

Casinò. La casa da gioco è tornata ad essere centrale per il Festival. Ospita «Primafestival» dal 29 gennaio, la striscia quotidiana (dalle 20,30) che accompagna fino alla kermesse, e anche «Guardami Oltre» dedicata a progetti musicali e svolta in connubio con il Festival della canzone napoletana. Senza contare le serate dedicate agli addetti ai lavori, come il «Welcome party» di domenica 5 e la festa della Regione Liguria lunedì 6.

Convegni. Non solo divertimento: durante la settimana del Festival, Sanremo ospiterà due convegni legati alla musica. Mercoledì alla Federazione Operaia con l’associazione Stan Kenton si svolge il terzo convegno di studi «Barzizziani», cioè dedicati a Barzizza e alla riscoperta della canzone vintage, mentre giovedì a «Casa Sanremo» è in cartellone «Prospettive dell’industria musicale», curato dalla Siae.

——–

Area Stampa 360
www.areastampa360.com

Festival a Sanremo alla Milano Art Gallery: esposte le foto sulla Callas di Maria Pia Severi

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura, Fotografia, Musica

È ormai prossima l’apertura della mostra denominata “Festival dell’Arte” che si terrà proprio in concomitanza con la famosa kermesse canora del Festival della Canzone. L’organizzatore è Salvo Nugnes, manager della cultura e agente di noti personaggi e nomi di spicco. L’esposizione verrà allestita nella storica Galleria “Bonbonnière”, sede sanremese della Milano Art Gallery, situata in Corso degli Inglesi 3, adiacente al prestigioso Casinò e vicinissima al celebre Teatro Ariston. Il periodo espositivo è dal 10 al 24 febbraio 2017, con vernissage inaugurale fissato in data venerdì 10 febbraio alle ore 18.00. Nel selezionato gruppo degli artisti partecipanti ci sarà anche la modenese Maria Pia Severi, con un’inedita serie di fotografie artistiche, dedicate alla soprano Maria Callas, la Divina per antonomasia del canto lirico. La Severi è già stata presentata da Vittorio Sgarbi e da Alessandro Sallusti, Direttore de “Il Giornale” ed ha all’attivo mostre da Milano a Miami e da Spoleto alla Pro Biennale. L’Artista, che nel tempo ha sperimentato soggetti diversi e ambientazioni particolari, ha pensato di omaggiare simbolicamente la Callas e il suo ricordo indelebile, attraverso degli scatti d’autore di grande impatto e suggestione e ha dato una dimensione d’insieme fortemente rievocativa alle raffigurazioni. La Severi possiede una notevole fantasia creativa ed è riuscita a ricavarsi un proprio canale espressivo personalizzato, subito riconoscibile. Le immagini catturate dallo scatto d’autore, possiedono una propria identità qualificante e hanno delle caratteristiche costitutive e identificative di bellezza raffinata e ricercata, che non risulta mai semplicemente descrittiva e illustrativa, ma acquista una propria valenza sostanziale intrinseca davvero intensa e coinvolgente. Nell’occasione espositiva sarà dunque possibile apprezzarne l’estro e il talento, attraverso questa rivisitazione speciale della Callas, che ne esalta al meglio tutto il fascino ammaliante ed enigmatico.

#Sanremo2017: Antonio Cospito promuove il libro su “Maria De Filippi” e “Come Vivere la Disabilità”.

Scritto da Rete Cattolica il . Pubblicato in Libri, Musica, TV

In occasione del “Festival di Sanremo 2017” Antonio Cospito promuoverà il libro su “Maria De Filippi” e “Come Vivere la Disabilità – III Edizione”.

Antonio Cospito afferma: “Il Festival é una buona occasione per promuovere, per incontrare radio, Tv e Giornali, sicuramente rilascerò molte interviste”.

Il Dehoniano Orante Antonio Cospito é famoso in tutto il mondo, per aver scritto la prima canzone per Papa Francesco, numerosi libri cattolici, e il brano “La Disabilità”.
Inoltre, insieme al torinese Natale Maroglio, ha scritto un libro con la biografia completa di “Maria De Filippi” e di tutti i programmi televisivi prodotti con la “Fascino PGT”.

Entrambi i libri sono distribuiti su tutti i book store, (Amazon, La Feltrinelli, Mondadori, Google Play, iTunes, e tanti altri) e librerie.

Ogni ricavato sarà devoluto in beneficenza alle persone bisognose.

———–

Sito Web Ufficiale:
www.antoniocospito.eu

Antonio Cospito & Natale Maroglio in occasione del “Festival di Sanremo 2017”, promuoveranno il libro su Maria De Filippi.

Scritto da Rete Cattolica il . Pubblicato in Libri, Musica, TV

Antonio Cospito & Natale Maroglio autori di “Maria De Filippi – Biografia e Programmi Tv”, in occasione del “Festival di Sanremo 2017”, promuoveranno il libro appena uscito.

E’ un testo dove si trova la Biografia completa, e la descrizione di tutti i programmi Tv prodotti da Maria De Filippi con la sua società “Fascino PGT”.

Gli autori del libro “ESCLUSIVO” sono il Dehoniano Orante Antonio Cospito (www.antoniocospito.eu) già famoso in tutto il mondo per la prima canzone scritta per Papa Francesco, e il torinese Natale Maroglio (www.natalemaroglio.eu) già Ministro Straordinario della Comunione.

Maria De Filippi é la Produttrice dei seguenti Programmi Tv:

* Uomini e donne (Canale 5, dal 1996)
* C’è posta per te (Canale 5, dal 2000)
* Amici di Maria De Filippi (Canale 5, dal 2002)
* Volere o volare (Canale 5, 2004)
* Grandi domani (Italia 1, 2005)
* Uno due tre stalla (Canale 5, 2007)
* Il ballo delle debuttanti (Canale 5, 2008)
* Italia’s Got Talent (Canale 5, 2009-2013)
* The Winner Is (Canale 5, 2012)
* Coca Cola Summer Festival (Canale 5, dal 2013)
* Temptation Island (Canale 5, dal 2014)
* Tú sí que vales (Canale 5, dal 2014)
* Pequeños gigantes (Canale 5, dal 2016)
* Selfie – Le cose cambiano (Canale 5, 2016)
* House Party (Canale 5, 2016)

Si precisa che ogni ricavato del libro, sarà devoluto in beneficenza alle persone bisognose.

Distribuzione su tutti i Book Store del mondo e librerie. ( Amazon, Mondadori, La Feltrinelli, Itunes, Google Play, e tanti altri )

Link Correlato: amzn.to/2jMxTD5

Casa Sanremo 2017: Inaugurazione con Elisabetta Gregoraci e gli autori del libro su Maria De Filippi, Antonio Cospito & Natale Maroglio.

Scritto da Rete Cattolica il . Pubblicato in Libri, Musica, TV

Casa Sanremo 2017 presso il PalaFiori con Radio 105 e Radio Montecarlo, sarà il fulcro di tutti gli eventi durante il “Festival di Sanremo 2017”, condotto da Maria De Filippi e Carlo Conti.

Casa Sanremo Limoni Beauty Lounge l’hospitality del Festival della Canzone Italiana nata da un’idea di Vincenzo Russolillo e Mauro Marino e firmata Gruppo Eventi, ritorna al Palafiori dal 5 all’11 febbraio. Un’edizione speciale per festeggiare il decennale che per l’occasione si svolgerà in una doppia location: Palafiori e Villa Ormond.

Gli autori del libro “Maria De Filippi – Biografia e Programmi Tv”, saranno presenti all’inaugurazione di “Casa Sanremo 2017”.

Il taglio del nastro al Palafiori, è previsto domenica 5 febbraio 2017 alle 18.00 con la showgirl “Elisabetta Gregoraci”.

Il libro su Maria De Filippi, é distribuito su tutti i Book Store del mondo e librerie. ( Amazon, Mondadori, La Feltrinelli, Itunes, Google Play, e tanti altri )

E’ un testo dove si trova la Biografia completa, e la descrizione di tutti i programmi Tv prodotti da Maria De Filippi con la sua società “Fascino PGT”.

Gli autori del libro “ESCLUSIVO” sono il Dehoniano Orante Antonio Cospito (www.antoniocospito.eu) già famoso in tutto il mondo per la prima canzone scritta per Papa Francesco, e il torinese Natale Maroglio ( www.natalemaroglio.eu) già Ministro Straordinario della Comunione.

Maria De Filippi é la Produttrice dei seguenti Programmi Tv:

* Uomini e donne (Canale 5, dal 1996)
* C’è posta per te (Canale 5, dal 2000)
* Amici di Maria De Filippi (Canale 5, dal 2002)
* Volere o volare (Canale 5, 2004)
* Grandi domani (Italia 1, 2005)
* Uno due tre stalla (Canale 5, 2007)
* Il ballo delle debuttanti (Canale 5, 2008)
* Italia’s Got Talent (Canale 5, 2009-2013)
* The Winner Is (Canale 5, 2012)
* Coca Cola Summer Festival (Canale 5, dal 2013)
* Temptation Island (Canale 5, dal 2014)
* Tú sí que vales (Canale 5, dal 2014)
* Pequeños gigantes (Canale 5, dal 2016)
* Selfie – Le cose cambiano (Canale 5, 2016)
* House Party (Canale 5, 2016)

Si precisa che ogni ricavato del libro, sarà devoluto in beneficenza alle persone bisognose.

Dorem Ipsum! Il nuovo disco dei Maleizappa.

Scritto da blob agency il . Pubblicato in Musica

L’irriverente e dissacrante pop/rock band casertana sforna il secondo album dal titolo “Dorem Ipsum”: nove tracce che, sebbene restie alla catalogazione, spaziano gioiosamente dal rock al pop, dal folk al latin, dalla prog alla ballad melodica.

Genere: rock/pop/indie

Etichetta: Autoproduzione

Spotify https://open.spotify.com/album/4rNCDwaCs8mKUGvlTirzeY

Soundcloud https://soundcloud.com/maleizappa/sets/dorem-ipsum

A quattro anni dall’esordio I successi, non ancora successi i Maleizappa tornano sulle scene nazionali con Dorem Ipsum, secondo album in studio. La musica dei casertani è un mix apparentemente disordinato di generi e citazioni che confluisce in quello che loro amano definire un “findie rock dissacrante”. I testi apparentemente leggeri nascondono un fondo di realismo malinconico e “messaggi subliminali” intrisi di amare verità.

Definire il genere musicale dei Maleizappa è un’impresa ardua perché non ne hanno uno bensì molteplici: spaziano gioiosamente dal rock al pop, dal folk al latin, dalla prog alla ballad melodica..insomma, fanno quello che pare loro e lo fanno divertendosi e divertendo, dissacrando su vari fronti il mondo “ovattato e conformista” che è oggi il panorama musicale italiano.

Dorem Ipsum è un disco di nove tracce che riassume meglio di tante parole quello che sono i Maleizappa e la loro progressiva maturazione artistica. Un lavoro fresco dai sentori estivi che si gusta con gioia e soddisfazione, auto-prodotto dai cinque componenti e arricchito da collaborazioni eccellenti.

Alle registrazioni infatti hanno partecipato amichevolmente: Antonio Bocchino (Enzo Avitabile), Carmine Scialla (Calatia, Orchestra Popolare Casertana, Daniele Sepe, Ar meitheal, Eugenio Bennato, Blue Staff), Luca De Simone (Calatia, Orchestra Popolare Casertana, Daniele Sepe, Eugenio Bennato), Giuseppe Giroffi (Daniele Sepe, Enzo Avitabile, The Congos), Cecilia Scatola (Calatia, Amii Stewart, M’barka Ben Taleb, Adriano Guarino, Ciro Manna), Alessandro De Carolis (Peppe Barra, Daniele Sepe, Stefano Bollani, Eugenio Bennato, Ar meitheal), Sasà Piedepalumbo (Lina Sastri, Gino Paoli, Enrico Montesano, Sal da Vinci, Valentina Stella, Nino D’Angelo), Antonio Sacco, Fabio Renzullo (Foja), Roberto Vigliotti.

La copertina e la grafica del disco sono state realizzate utilizzando un’opera dell’artista marcianisano Mandarino, un bohémien dei giorni nostri che cerca di sopravvivere vendendo la sua arte per strada o arrangiandosi con piccoli lavoretti.

Gitano in gita al mondo https://www.youtube.com/watch?v=usIp0TAn6O4

Video Credits

Regia: Vittorio Iuliano

Soggetto: Maleizappa

Produzione: Maleizappa

Tracklist

  • Ragazzina
  • Cassettina da 90
  • Scienziati in America
  • Appartamento in centro
  • Introspettivo
  • Il mercato dell’organo
  • Gitano in gita al mondo
  • Canzonette
  • Mi meraviglio dell’aldilà

Apple http://tinyurl.com/jlktyfu
Amazon http://tinyurl.com/jcyprwj
Google Play http://tinyurl.com/gunz367

Press Kit Online http://www.maleizappa.it/press/maleizappa_presskit.zip

Tour

  • 09/03/2017 @ Unplugged Pub, Caserta
  • 15/02/2017 @ Birrificio La Diana, Siena
  • 19/01/2017 @ Diesis Live Pub, Caserta
  • 30/12/2016 @ Cerere e Bacco, Palma Campania (NA)
  • 17/12/2016 @ Club 33 Giri, Santa Maria Capua Vetere (CE)
  • 24/09/2016 @ Terra di Lavoro Birra Fest (Opening act Jovine), Casagiove (CE)
  • 03/09/2016 @ Ecosuoni 2016 (Opening act I Cani), Palma Campania (NA)
  • Leuciana Festival 2015 (Opening act Giovanni Lindo Ferretti) – Caserta
  • 16/12/2014 Anteprima album @ SMAV, Santa Maria a Vico (CE)

Rassegna Stampa

“I Maleizappa lanciano uno sguardo ferocemente ironico e dissacrante sull’Italia contemporanea, sulle sue usanze e tradizioni, nonché sui vizi e sulle ipocrisie che la caratterizzano.” Rockit – https://www.rockit.it/recensione/18273/maleizappa-i-successi-non-ancora-successi

“Fare musica “simpatica” non è affatto facile ed insomma, per chi fosse duro di comprendonio, i Maleizappa ci sanno fare, la sanno lunga e tra la tanta musica ascoltata, trita e ritrita, arriva, in questo inizio giugno una ventata di aria fresca, nobilmente altera ed altra.” Campania Rock – http://www.campaniarock.it/musica/recensioni/5222-i-successi-non-ancora-successi-dei-maleizappa.html

Biografia I Maleizappa nascono ufficialmente nel dicembre del 2004 e nel corso degli anni diventano una delle band più apprezzate e seguite della provincia casertana, e in seguito in gran parte della Campania; grazie anche alla partecipazione a diversi festival musicali come il Meeting del Mare del 2010 e 2012 – in cui aprono rispettivamente Elio e le Storie Tese e Mannarino. Le prime esibizioni creano scandalo e ripudio tra i musicisti campani, non abituati evidentemente ad accettare che cinque sconosciuti incapaci di intendere e volere, siano diventati nel giro di pochi mesi un fenomeno generazionale: insomma delle rockstarze. Cominciano ad esportare le proprie sonorità oltre i confini della Campania Felix, facendosi portavoce dei disagi, della rabbia e dell’allegria del popolo della “generazione x”. C’è chi li ama a tal punto da definirli: “la migliore cosa che questa terra poteva defecare” (ce n’è di gente strana in giro!). La musica dei Maleizappa è un miscuglio non ben definito di suoni, generi, citazioni, anagrammi e puzzle penta grammatici. Assistere ad una loro serata è come guardare una puntata di blob all’anfetamina. Vengono più volte censurati, epurati, tagliati e s-microfonati. Ciò nonostante i giovani li adorano: manco fossero delle pornostar. Ironici, cattivi e dissacranti. O se preferite, semplicemente: Maleizappa.

Contatti

www.facebook.com/maleizappa

www.maleizappa.it

www.soundcloud.com/maleizappa

Press Media Office

www.facebook.com/BlobAgency

www.blobagency.com

Musica tipica del Salento: il significato della pizzica

Scritto da Danilo De Luca il . Pubblicato in Locale, Musica, Turismo

In Salento la musica è un elemento prioritario di auto-definizione e di segmentazione dell’identità locale. La pensiola salentina sorge a sud della Puglia, in una dimensione che, da sempre, la cittadinanza locale ha percepito come distante dal resto del mondo, dai centri decisionali, dai giochi di potere. Una finibus terrae a cavallo tra due mondi, da una parte la cristianità, dall’altra l’esotismo orientale e in mezzo una terra che, per secoli, ha vissuto di agricoltura e fragilità sistemiche, invasioni e scontri, dialoghi e contaminazioni.

Fino a pochi decenni fa, l’economia locale verteva in massima parte sulla vita dei campi; le donne passavano gran parte delle ore di veglia piegate sulla schiena a raccogliere il tabacco, sottomesse all’uomo e a una logica fondata sul pudore, sulla repressione delle passioni, sul rispetto di una moralità imposta come codice comportamentale e non come figlia di una coscienza propria. La repressione del desiderio venne incanalata nel culto mitico della pizzica: le donne, morse dal ragno, entravano in contatto con lo spirito dell’aracnide, un adorcismo,  non un esorcismo, in cui la pizzicata e l’insetto si armonizzavano in un sentire comune che spingeva la prima ad assecondare i ritmi imposti dal veleno della taranta e a ballare per liberarsene. Ballando, la donna sfogava le frustrazioni di una vita di rinunce, spezzava le cristallizzazioni sociali, si liberava delle imposizioni sociali; e lo faceva senza che nessuno potesse condannarla, perché vittima del ragno.

La storia della pizzica

Oggi hotel, b&b e case vacanze nel Salento sono presi d’assalto da visitatori provenienti da ogni parte del mondo; in tantissimi si danno appuntamento a Melpignano per celebrare la Notte della Taranta, il festival di world music più importante d’Europa. Ma la pizzica possiede un retaggio ben più intenso, antico ed evocativo di ciò la sua estetizzazione mondana concede di comprendere. La storia della musica salentina si lega al culto dionisiaco della trasgressione, dell’assecondamento – e mai repressione – degli istinti. Un culto che vive sottopelle ancora oggi e che, nel corso dell’ampio processo di cristianizzazione della cultura locale, venne solo parzialmente riconfigurato, conservando un’identità grigia che, sebbene sia stata sottomessa sotto la figura di San Paolo, conserva quelle tipicità culturali proprie della prospettiva pagana, basata sul sensismo e sulla liberazione dei preconcetti moraleggianti. Quella logica che oggi è sostanza più pura della pizzica e che ne dà forma e colore. Oggi come secoli fa, nonostante il suo sdoganamento, la sua trasformazione in fenomeno di massa, la sua riduzione al rango di passionale divertimento.

“La Via della Felicità” e Gigi Miseferi in una serata memorabile !!!

Scritto da Sandro Matini il . Pubblicato in Musica, Religione, Spettacolo

Venerdì 16 dicembre alle ore 21 il famoso comico e attore Gigi Miseferi, accompagnato dalla sua Swing Band Larga, è stato protagonista di uno spettacolo organizzato in collaborazione con l’Associazione “La Via della Felicità”, all’insegna del divertimento, della musica e dei sani principi di aiuto e miglioramento dell’ambiente!

La storia nasce qualche mese fa quando l’associazione ha conosciuto il comico calabrese in occasione di uno dei tanti interventi volti al miglioramento ambientale del quartiere di Casalotti. Da mesi, infatti, decine di volontari operavano per risistemare una grande aiuola sita nel quartiere.

E’ stato infatti piacevole incontrarsi,  conoscersi,  condividere principi e la conseguente decisione di condividere progetti per migliorare ulteriormente la zona.

L’accogliente  auditorium della Chiesa di Scientology di Roma,  che per l’appunto si trova nel quartiere ed è già nota per il sostegno e la creazione di progetti di miglioramento sociale dell’area, ha accolto un pubblico che si è fatto piacevolmente coinvolgere  dalla simpatia dello Show Man e dall’abilità musicale della sua band avendo avuto  l’opportunita di ascoltare ottima musica, sorridere, ballare e contribuire ad un progetto sano.

Nell’arco della serata è stata presentata la campagna de “La Via della Felicità” mettendo l’attenzione soprattutto  sulla cura dell’ambiente come trattato in uno dei principi dell’omonimo testo scritto da L. Ron Hubbard.

Inoltre sono stati consegnati dei riconoscimenti ai volontari che si sono dedicati in maniera costante ai vari interventi che hanno permesso di restituire un nuovo e decoroso aspetto ad alcune aree urbane in evidente degrado.

Gigi è un maestro del divertimento e alla fine della serata questo è il suo commento:

“Bellissima e divertentissima serata ricca di energia, nell’accogliente  e attrezzato Auditorium Multimediale della “Chiesa di Scientology” di Roma. Grazie di cuore a tutta la simpaticissima ed interattiva platea! E dulcis in fundo, pubblico in piedi a fine spettacolo! Very, Very grazie!!!”