Pulizia straordinaria dei fondali marini e delle spiagge di Tarquinia Lido

Scritto da Daniele79 il . Pubblicato in Ambiente

Il Comune di Tarquinia rinnova il suo impegno per la tutela ambientale. L’Amministrazione e il gruppo della Protezione Civile comunale, in collaborazione con l’associazione Scuba-Doo Divers Team, organizzano il “Clean up Day”.

Giovedì 25 aprile sommozzatori e volontari puliranno i fondali marini e le spiagge del Lido, tra la località Porticciolo e la foce del fiume Marta. L’appuntamento è fissato alle ore 9.00, al Camping Tuscia Tirrenica, e l’uscita in mare avverrà presso lo stabilimento Il Galeone.

«Vogliamo dare un segnale importante, in vista dell’imminente stagione balneare. – dichiarano il primo cittadino Mauro Mazzola e il vice sindaco Renato Bacciardi – Solo attraverso la collaborazione tra Istituzioni e popolazione è possibile ottenere risultati nella lotta all’inquinamento e alla tutela ambientale della nostra costa». «Il tratto di litorale interessato è molto ampio. – dichiara il coordinamento del gruppo della Protezione Civile comunale – I nove sub dell’associazione Scuba-Doo Divers Team opereranno a una profondità compresa tra i sei e i dieci metri, con l’ausilio di due nostri gommoni. I volontari saranno invece impegnati sulle spiagge. L’iniziativa ha anche l’obiettivo di sensibilizzare le persone ad avere un comportamento più rispettoso verso il mare, una risorsa ambientale ed economica fondamentale per il territorio. Invitiamo i cittadini a partecipare numerosi».

In caso di condizioni di meteo avverse, l’iniziativa si svolgerà mercoledì 1° maggio.

Per ogni informazione è possibile chiamare il numero di telefono 339/8231332.

Per qualsiasi utilizzo c’è la piccola grande pompa Volpitech 2!

Scritto da valeo il . Pubblicato in Ambiente

Sei amante del fai da te e ti diverti a verniciare, lucidare o trattare i tuoi mobili in legno, soprattutto in questi giorni in cui il sole lo permette? Desideri fare pulizia della tua automobile e hai bisogno di lucidare cerchioni e dettagli cromati che devono poter splendere? Devi distribuire derattizzanti o disinfettanti oppure devi trattare le tue piante con fertilizzanti o diserbanti? Tutti questi interventi possono essere risolti con un unico prodotto:

la pompa a precompressione VOLPITECH 2.

La pompa a precompressione VT2 è la pompa più piccola della Linea Industriale Volpitech, la linea di Volpi Originale interamente dedicata al lavoro industriale. Con il suo serbatoio da 2 litri, derivata direttamente dalle pompe per irrorazione in giardino e agricoltura, la pompa a precompressione VT2 è progettata per impieghi alternativi, a seconda del tipo di soluzione acquosa che viene utilizzata:

  • cura e manutenzione delle piante e delle colture (es. fertilizzante)
  • disinfestazione e disinfezione di ambienti civili e rurali (es. antiparassitari, agenti disinfettanti)
  • derattizzazione industriale o domestica
  • pulizia dei cerchioni delle autovetture o di piccole superfici cromate (es. detergente)
  • trattamento dei mobili in legno da esterno con prodotti specifici (es. impregnanti, vernici, lucidanti)

La pompa funziona a precompressione: sono sufficienti poche pompate per garantire il getto continuo della soluzione da irrorare. La pompa VT2 è munita di una valvola di scarico in grado di liberare l’eventuale pressione residua a fine lavoro. L’ugello in polipropilene è orientabile nelle diverse direzioni ed ha il getto regolabile in ampiezza per ogni tipo di nebulizzazione. Le guarnizioni sono in FPM (materiale di altissima qualità utilizzato per le applicazioni più gravose), le parti metalliche in acciaio inossidabile, il serbatoio in polietilene. Tutto ciò permette di raggiungere un’ottima resistenza chimica. Per questo la pompa VT2 è in grado di resistere a basse soluzioni di acido cloridrico, a benzina, gasolio, soda caustica, candeggina, detergenti, diserbanti, sgrassatori, disinfettanti industriali, disincrostanti, olii idraulici e combustibili, alcol etilico, acqua ragia.

Basta lavare accuratamente la VT2 e farla funzionare con acqua pulita per alcuni secondi dopo ogni utilizzo e sarà di nuovo pronta per qualsiasi intervento! Per tutti i dettagli visita la scheda-prodotto sul nostro sito.

Una piccola grande pompa ad utilizzo industriale è proprio quello che stai cercando? La pompa che cerchi è la Volpitech 2 di Volpi Originale!

Rinnovabili. Testa, il circolo vizioso di fotovoltaico e crisi economica

Scritto da mariastella il . Pubblicato in Ambiente, Comunicati Stampa

In una recente intervista rilasciata al settimanale ” Il Mondo”, Chicco Testa, presidente di Assoelettrica, in relazione ai dati diffusi da Terna sul bilancio elettrico del primo trimestre del 2013, ha affermato che “la situazione è allarmante”, confermando il segnale di pericolo lanciato dalla stessa Assoelettrica a febbraio.

I dati diffusi da Terna relativi al bilancio elettrico del primo mese del 2013 sono più che deludenti, sono allarmanti”, aveva dichiarato Assoelettrica, lanciando il primo segnale di pericolo in febbraio. Il mese successivo i toni si sono alzati ulteriormente: i dati provvisori su febbraio sono “catastrofici”.

Chicco TestaChicco Testa, presidente dell’Associazione nazionale che riunisce 120 imprese (90% dell’energia elettrica generata in Italia), fatica a vedere vie di uscita: “Siamo intrappolati in un circolo vizioso: gli oneri di sistema, che sono una quota fissa e indipendente dai consumi, pesano di più sulle bollette man mano che diminuiscono i kilowatt richiesti dal sistema. Le aziende energivore si difendono delocalizzando la produzione. Con il risultato che la domanda cala ulteriormente”.

Il nodo, insomma, sono gli incentivi alle rinnovabili. La discussa componente A3.

Non vogliamo fare la lotta al fotovoltaico, ma trovare soluzioni a una crisi che riguarda non solo l’industria termoelettrica ma anche lo stesso settore delle rinnovabili. L’imponente ciclo di investimenti, 30 miliardi di euro, negli impianti a gas e carbone seguito alla liberalizzazione del mercato si è sovrapposto a quello (50 miliardi) per gli impianti fotovoltaici. Cosi ora i due settori si cannibalizzano a vicenda.

Perché allora a chiudere sono le centrali termoelettriche?

È un paradosso, visto che producono energia a meno di 10 centesimi al kilowattora mentre quella di un impianto fotovoltaico, considerando gli incentivi, ne costa 40. Ma i produttori da fonte solare, grazie a quegli aiuti, possono venderla sulla Borsa elettrica a prezzo nullo. E in questo modo riducono sempre di più la quota contendibile del mercato elettrico.

Per questo chiedete che venga remunerata la capacità produttiva messa a disposizione del sistema, indipendentemente dall’utilizzo?

La scelta compete all’Aeeg: o si riconosce che la flessibilità garantita dai cicli combinati ha un valore, o li si chiude e si rischia che quando non c’è il sole manchi l’elettricità.

La stessa Aeeg di recente ha comunicato di aver rilevato un importante numero di casi di sospetta traslazione della Robin Hood Tax sui consumatori.

Quella tassa è stata introdotta dall’allora ministro Giulio Tremonti in modo iniquo, modificando in corsa le norme fiscali solo per alcune imprese. Per quanto riguarda la traslazione, desumerla dall’aumento del margine di contribuzione è impossibile, perché quel miglioramento può dipendere da un taglio dei costi. Comunque, che libero mercato è, se l’Authority interviene sui prezzi? A questo punto i nostri bilanci li scriva lei.

Fonte: Il Mondo

Progetto Artemisinina, Sanofi al centro della sfida mondiale contro la malaria

Scritto da IQandPartners il . Pubblicato in Salute, Scienze

Sanofi malaria, progetto artemisinina, parte dall`Italia una “rivoluzione” nel trattamento della malaria, la più diffusa malattia parassitaria al mondo e la seconda malattia infettiva per mortalità, dopo la tubercolosi. Presso il sito Sanofi di Garessio, uno degli stabilimenti farmaceutici più antichi d’Italia, è stata inaugurata una nuova linea per la produzione industriale dell’artemisinina per via semisintetica, la materia prima da cui derivano i principi attivi che compongono i farmaci antimalarici di combinazione (ACTs–Artemisinin-based Combination Therapies) indicati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità come terapie d’elezione per la cura della malaria.

Sanofi

Si tratta del risultato finale del “Progetto Artemisinina”, guidato dall’organizzazione no-profit OneWorld Health, programma di sviluppo dei farmaci di PATH, e sostenuto dalla Fondazione Bill & Melinda Gates, che ha visto in prima linea fin dal 2008 Sanofi come partner industriale.

Artemisinina semisintetica

Gli operatori del sito Sanofi di Garessio, uno dei sei stabilimenti produttivi del Gruppo Sanofi in Italia, sono riusciti, primi al mondo, a realizzare una sorta di “rivoluzione”: grazie alla foto ossidazione, processo che riproduce l’azione della luce solare, è stato possibile creare un impianto che consente l’accelerazione del processo di conversione dell’acido artemisinico – precursore dell’artemisinina ottenuto chimicamente – in artemisinina semisintetica. L’acido artemisinico è stato ottenuto per la prima volta dal team di Jay Keasling, Professore di Chimica e Ingegneria Biomolecolare presso l’Università della California, Berkeley, e co-fondatore di Amyris Inc., partner del progetto, che ha scoperto come l’impianto di una combinazione di geni della pianta di Artemisia annua e di un lievito in un batterio consentissero al batterio di produrre l’acido artemisinico che poteva poi essere convertito nella sostanza chiave delle ACTs.

Stabilimento Sanofi Garessio

A Garessio verrà prodotto almeno un terzo del fabbisogno annuale mondiale di Artemisinina. Questo consentirà di rispondere alla crescente domanda mondiale di antimalarici (mediamente vengono richiesti circa 300 milioni di trattamenti l’anno) e rendere più efficace la lotta alla malaria. Sanofi prevede infatti di produrre a Garessio 35 tonnellate di Artemisinina semisintetica nel 2013, per salire poi fino a 50-60 tonnellate l’anno nel 2014 e negli anni successivi.

La produzione su larga scala dell`artemisinina semisintetica permetterà di ottenerne una maggiore disponibilità per far fronte al continuo aumento della domanda di antimalarici: nel 2013 sarà possibile passare dagli attuali 80 milioni di trattamenti antimalarici l’anno a 120/130 milioni di trattamenti. Inoltre consentirà di assicurare la stabilità dei prezzi dei farmaci contro la malaria: attualmente il valore dell’artemisinina ottenuta per via naturale tramite estrazione dalla pianta di Artemisia annua varia, infatti, da 250 a 1000 dollari al chilo, con ripercussioni sul prodotto finito.

Il sito di Garessio è stato selezionato fra i 75 siti produttivi che fanno parte del network industriale del Gruppo Sanofi nel mondo. “Grazie all’impegno e al lavoro di squadra di tutti i collaboratori dello stabilimento è stato possibile predisporre l’impianto in soli otto mesi ed avviare cosi questa importante produzione” spiega Daniele Pellungrini, Direttore dello Stabilimento Sanofi.

“La produzione di Artemisinina semisintetica avviata nel sito produttivo di Garessio è un grande successo ottenuto dalla nostra azienda in Italia e conferma ancora una volta come Sanofi intenda puntare sul nostro Paese, in controtendenza rispetto a numerose aziende del settore” aggiunge Arturo Zanni, Amministratore Delegato di Sanofi in Italia.

I referenti di PATH – partner del “Progetto Artemisinina” con OneWorld Health, programma di sviluppo dei farmaci – hanno così commentato: “Portare su scala industriale innovazioni salvavita richiede diversi fattori, ma si basa quasi sempre su forti collaborazioni e un’elevata attenzione a quelle che sono le principali e più concrete necessità sul campo. Per questo motivo sono estremamente soddisfatto della partnership con Sanofi per la produzione su larga scala di artemisinina semisintetica, elemento chiave nel trattamento della malaria. Contribuire ad assicurare una fornitura costante e a prezzi calmierati di artemisinina di alta qualità è una componente essenziale degli sforzi di PATH per sconfiggere la malaria e far progredire un ideale di equità sul fronte della salute. Una vita senza malaria è una vita ricca di possibilità,” Steve Davis, Presidente e CEO, PATH.

“La forte collaborazione instaurata è stata fondamentale il successo di questo progetto. Sono orgogliosa della partnership instaurata con l’Università della California – Berkeley, Amyris, e Sanofi, che ci ha consentito di portare il progetto dal laboratorio allo sviluppo industriale. A partire dalla tecnologia che ha costituito il solido fondamento del progetto sino all’innovazione scientifica che ha consentito l’industrializzazione della produzione, è stata la forza della cooperazione tra diversi settori che ci ha portato a questo entusiasmante risultato,” Ponni Subbiah, Global Program Leader, Drug Development, PATH

La registrazione della inaugurazione della nuova linea produttiva di Artemisinina semisintetica presso lo stabilimento Sanofi a Garessio (CN) è disponibile al seguente link:
http://webeventservices.reg.meeting-stream.com/77505_sanofi

Sanofi – www.sanofi.com
Sanofi – www.sanofi.it

FONTE: Sanofi

Preservare il tuo impianto fotovoltaico: Pulizia e monitoraggio

Scritto da laltraenergia il . Pubblicato in Ambiente, Scienze

Sei già dotato di impianto fotovoltaico a sostegno della produzione di energia domestica? Allora, dovete sapere che la resa complessiva dell’impianto è condizionata anche dalla manutenzione a cui i pannelli sono sottoposti e dalla cura con cui si monitora le eventuali anomalie. Partiamo subito con una considerazione: non basta aver installato un impianto fotovoltaico sul tetto di casa o della tua azienda per garantirti il massimo rendimento.

Un impianto fotovoltaico produce in presenza di sole, certo, ma spesso potrebbe produrre più energia semplicemente con una regolare e preventiva manutenzione che ti garantisca l’efficienza ottimale della produzione. Alcuni semplici accorgimenti, se attuati nel tempo, aiutano a mantenere efficiente il tuo impianto fotovoltaico. La manutenzione ordinaria, come prima cosa. La pulizia, il controllo o l’assistenza tecnica, come seconda. Tutti questi aspetti, insieme, devono garantire la costante massima redditività dell’impianto, per fare in modo che questo divenga nel corso degli anni sempre più un investimento remunerativo. Infatti il costo dell’elettricità della rete nazionale tenderà ad aumentare considerevolmente. Col fotovoltaico si sta in qualche modo “al riparo” dai ripidi aumenti inflazionistici dell’energia.

Dunque, il fotovoltaico non richiede una costosa manutenzione e ha costi di funzionamento, e costi di gestione, molto bassi. Scopri nel dettaglio come proteggere il tuo impianto:

PRESERVARE IL TUO IMPIANTO FOTOVOLTAICO: PULIZIA E MONITORAGGIO

Partiti i lavori per il dearsenificatore di Tarquinia

Scritto da Daniele79 il . Pubblicato in Ambiente, Comunicati Stampa

Partita l’installazione del dearsenificatore alle botti comunali in via Clementina. Il sindaco Mauro Mazzola ha svolto un sopralluogo al cantiere, la mattina di venerdì 22 marzo. «Saremo tra i primi Comuni del Viterbese a uscire in modo definitivo dall’emergenza. – afferma il primo cittadino – In pochi mesi abbiamo fatto quello che la Regione Lazio, con l’ex presidente Remata Polverini, e la Provincia di Viterbo, con la società Talete, non hanno saputo fare, scaricando tutte le responsabilità sulle Amministrazioni Locali. L’investimento compiuto è ingente ed è nostra intenzione rivalerci nelle sedi opportune per rientrare della spesa». A regime, il dearsenificatore consentirà di ripristinare il normale approvvigionamento e di ridurre la captazione dai pozzi locali. Pozzi locali che in questi mesi hanno permesso di abbassare i limiti di concentrazione dell’arsenico sotto i 10 µg/l previsti dalla legge. Alle botti comunali in via Clementina, grazie a un accordo siglato con il Comune di Civitavecchia, sarà posizionato un secondo impianto di filtraggio sulla conduttura del Consorzio Medio Tirreno che rifornisce le località Farnesiana e Pantano. «Situazione diversa per Marina Velca, servita direttamente dalla rete della società Talete, la quale non passa dalle botti comunali. – conclude il sindaco Mazzola – Ci stiamo attivando per trovare le risorse necessarie a realizzare un terzo dearsenficatore più piccolo. Lunedì 25 marzo incontrerò i lottisti dei consorzi coinvolti, per fare il punto della situazione».

 

MARGHERITA HACK IN CONFERENZA A TREVISO ACCOMPAGNATA DALL’AVV. MARIATERESA NUGNES RISCUOTE GRANDE SUCCESSO – Agenzia Promoter

Scritto da PromoterArte il . Pubblicato in Comunicati Stampa, Cultura, Scienze

All’ Auditorium Pio X, a Treviso, un migliaio di persone hanno avuto il piacere di ascoltare la straordinaria astrofisica di fama mondiale Margherita Hack accompagnata per l’occasione dall’Avv. Mariateresa Nugnes durante la conferenza dal tema “Io credo. Riflessioni su Scienza ed Etica” tenutasi Venerdì 15 Marzo 2013, grazie all’organizzazione di Agenzia Promoter.

La nota professoressa ha creato un positivo dibattito con il pubblico, tra cui numerosi studenti che hanno rivolto domande interessanti e attinenti alle loro materie di studio, e ha tenuto una coinvolgente lectio magistralis affrontando temi di grande attualità.

In riferimento al concetto di ateismo e fede laica la Professoressa spiega “Da scienziata atea ritengo che, Scienza e Fede possono benissimo convivere. Lo scienziato credente adotterà il metodo scientifico per le sue ricerche e attribuirà la capacità del cervello umano di decifrare l’universo a questa misteriosa entità chiamata Dio, ispiratore della ragione e anche causa ultima del mondo. Il non credente, dal canto suo, prenderà atto del fatto che, la materia nelle sue forme più elementari abbia la capacità di aggregarsi e formare atomi e molecole, stelle e pianeti, ed esseri viventi. Ateo e credente possono anche dialogare a patto che, ambedue siano laici nel senso che, rispettino le credenze o le fedi dell’altro senza voler imporre le proprie“.

VENERDI’ 15 MARZO 2013 A TREVISO UNA SALA GREMITA ACCOGLIE MARGHERITA HACK IN CONFERENZA SUL TEMA “IO CREDO. RIFLESSIONI SU SCIENZA ED ETICA”

Scritto da PromoterArte il . Pubblicato in Comunicati Stampa, Cultura, Scienze

Venerdì 15 Marzo 2013 una sala gremita da centinaia di persone entusiaste, attente e partecipi ha accolto l’esimia scienziata Margherita Hack in conferenza sul tema “Io credo. Riflessioni su Scienza ed Etica”. L’evento si è svolto presso il rinomato Auditorium Pio X, a Treviso, con l’organizzazione di Agenzia Promoter.

La Hack, affiancata dall’agente Salvo Nugnes, ha tenuto una coinvolgente lectio magistralis affrontando temi di grande attualità e ha creato un positivo dibattito con il pubblico, tra cui numerosi studenti che, hanno rivolto domande davvero interessanti e attinenti alle loro materie di studio.

In riferimento al concetto di ateismo e fede laica la Professoressa spiega “Da scienziata atea ritengo che, Scienza e Fede possono benissimo convivere. Lo scienziato credente adotterà il metodo scientifico per le sue ricerche e attribuirà la capacità del cervello umano di decifrare l’universo a questa misteriosa entità chiamata Dio, ispiratore della ragione e anche causa ultima del mondo. Il non credente, dal canto suo, prenderà atto del fatto che, la materia nelle sue forme più elementari abbia la capacità di aggregarsi e formare atomi e molecole, stelle e pianeti, ed esseri viventi. Ateo e credente possono anche dialogare a patto che, ambedue siano laici nel senso che, rispettino le credenze o le fedi dell’altro senza voler imporre le proprie”.

La Hack sostiene che, tanti credono perchè ci sono molteplici cose che la Scienza non sa spiegare e forse non potrà mai farlo. La Scienza scopre il come, ma il perché rimane un mistero. Sia il credente sia il non credente, non possono dimostrare scientificamente l’esistenza o la non esistenza di Dio e quindi, non ci resta che, un atteggiamento laico.

ECOSOSTENIBILITÀ: SCOPRI QUALI SONO LE TUE ESIGENZE DOMESTICHE?

Scritto da laltraenergia il . Pubblicato in Ambiente, Scienze

Il mercato delle energie rinnovabili si sta diffondendo sempre di più nel nostro Paese e ci sono pochi e semplici motivi per la crescente diffusione in ambito residenziale di queste tecnologie:

  • le energie rinnovabili sono fonti alternative a energie inquinanti;
  • le energie rinnovabili convengono economicamente (consentono di risparmiare);
  • le energie rinnovabili sono un investimento, vi sono incentivi statali;
  • le energie rinnovabili sono il futuro.

Strumenti come pannelli fotovoltaici, pannelli termici, turbine eoliche e pompe di calore consentono di trasformare in energia elementi da sempre presenti sul nostro pianeta (luce solare, vento, ecc). Le rinnovabili si ricavano da fonti che permettono uno sviluppo sostenibile all’uomo, senza “scadenza di contratto” e, soprattutto, senza recare danni ambientali.

Tuttavia, prima di richiedere un preventivo e affidarsi a società specializzate del settore, è bene avere ben chiaro su cosa è necessario investire e quali siano le esigenze principali su cui vogliamo puntare. Prima di quantificare costi e prezzi prova a scoprire con pochi clic di cosa hai bisogno per rendere la tua casa più sostenibile…

http://www.laltraenergia.biz/configuratore/

Geotermia, pompe di calore, fotovoltaico solare e termico, ventilazione meccanica controllata: scopri qual è la combinazione che si addice di più alle tue esigenze domestiche!

Previsioni Meteo Weekend di Sabato 23 e Domenica 24 Febbraio

Scritto da tempodimeteo il . Pubblicato in Scienze

La previsione in breve

Lo scontro tra due diverse masse d’aria sta generando fenomeni di diversa natura, anche molto intensi, sul nostro territorio.
L’evoluzione è molto caotica e difficile da prevedere, ma stando ai dati attualmente disponibili il week end risulterà fortemente perturbato su tutta Italia con neve copiosa al nord e precipitazioni abbondanti su tutte le altre regioni.

cartina italia sabatocartina italia domenica

Sabato 23 Febbraio

NORD: Neve in pianura padana con accumuli vicini ai 10-15 cm. Particolarmente intense su pianura padana centrale e la fascia prealpina. Solo sul nord est e sulle regioni costiere adriatiche le precipitazioni non saranno nevose.

CENTRO: Tempo fortemente perturbato con piogge persistenti sulle regioni tirreniche, meno intense sulle regioni adriatiche ma con quota neve bassa e venti intensi dai quadranti occidentali e mari mossi o molto mossi.

SUD: Piogge e nubi si concentreranno in particolar modo su Campania, Sardegna e Calabria tirrenica. sulle restanti regioni spiccata variabilità ma senza fenomeni di rilievo. Temperature nella media del periodo con massime intorno ai 12 gradi. venti moderati da ovest con mare molto mosso.

Domenica 24 Febbraio

NORD: Un nuovo impulso perturbato porterà altra neve a nord anche se le nevicate risulteranno meno diffuse delle precedenti. L’aria delle nevicate sarà meno vasta e con minore estensione verso l’adriatico. Nevicate anche intense su alpi e area prealpina. Gli accumuli in alcune zone della pianura padana potrebbero raggiungere 15-20 cm ed oltre. Temperature intorno allo zero su tutta la pianura, molto freddo su Alpi e Appennino.

CENTRO: Tempo spiccatamente variabile con precipitazioni e temporali sul settore tirrenico e in Appennino. Sul versante adriatico si avranno nubi alternate a schiarite con possibilità di rovesci in mattinata. I venti si manterranno dai quadranti occidentali.

SUD: Tempo perturbato in mattinata con miglioramento da ora di pranzo. Nubi e pioggia per tutta la domenica solo sulla Sardegna e zone al confine tra Lazio e Campania. Vento e mare da ovest con possibili mareggiate sulle coste esposte.

Previsioni a cura di Meteo in Diretta: www.meteoindiretta.it